Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Ospedali tossici nocivi


Formigoni_Como.jpg
La Lombardia Tossica Nociva fa un passo avanti. Gli ospedali costruiti direttamente sui rifiuti tossici. Più costi per l'assistenza ai malati di tumore e meno costi per lo smaltimento delle sostanze che causano i tumori. Un'equazione economica perfetta. Il nuovo ospedale di Como del costo di 260 milioni di euro è per Formigoni, il presidente illegittimo della Regione Lombardia arrivato al quarto mandato: "Il più moderno dei dieci che stiamo costruendo in Lombardia”. L'ospedale è costruito su discariche di bentonite e amianto, secondo le rivelazioni di alcuni ex dipendenti di un'azienda finita nell'inchiesta contro la 'ndrangheta in Lombardia che ha portato a più di 300 arresti.
"C'è un altro caso molto "strano" nella "perfetta Lombardia" che potrebbe dare delle grosse "sorprese".... è quello del nuovo Ospedale di Como dove c'è il sospetto che sotto, prima di costruire, i soliti "specialisti" del rifiuto tossico vi abbiano seppellito delle meraviglie...." Stefano Pilone

31 Lug 2010, 21:37 | Scrivi | Commenti (17) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

sono una calabrese che per certi aspetti e' fiera di esserlo,per i posti che dio ci ha donato e per tante famiglie oneste come la mia che ancora non fanno le valigie,ma leggendo questi blog ,mi chiedo andare dove?appena sposati ci siamo trasferiti a como (mio marito faceva l'infermiere al sant'anna)bello tutto era bello,l'arrivo dei figli ci fanno tornare giu'.qua le cose vanno male,politica locale,regionale,e ,per finire lo stato,ma almeno leggendo questi blog vedo che tutto il mondo e' paese,si costruiscono ospedali per nascondere le loro malefatte,e si mangiano i nostri soldi a......ecc.CHE AMAREZZA!!!proprio in questo periodo si stava pensando un possibile ritorno al nord,si forse ai miei figli offrira' qualcosa in piu'....ma sara'vero?no perche' c'e' anche da dire che ci' sono i duri ha ragione il nostro amico bisogna andare in svizzera,dobbiamo lasciare in pasto alle bestie qusti posti,CHE AMAREZZA!chissa' cosa pensa oggi dio per il suo operato finito cosi',ma poi vorrei una vostra opinione:ma voi pensate che se lui sapeva tutto cio' si sarebbe fatto crocifiggere per noi?grazie amici

francesca pecoraro 03.08.10 16:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sto acoltando l'album "terremoto" - Litfiba 1993...è molto attuale.

giovanni c. Commentatore certificato 01.08.10 18:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LA SALO' DEI PRIMARI
Avete capito perché mantengono Formigoni oltre i limiti dell'incarico di governatore? Andrà così finché non si costruiranno tutti gli ospedali progettati. Adesso capite quanto sono potenti le lobbies medico ospedaliere che se qualcuno gli fa comodo possono farlo rimanere al governo quanto vogliono; possono tutto, sono loro che decidono, loro che governano con la dittatura ospedaliera e al di sopra della costituzione. Tanto potentemente paramafiose da seppellire definitivamente preziose testimonianze storiche archeologiche con una bella colata per mostruose prigioni ingovernabili e incontrollabili dove si possono vedere panorami da dentro a fuori ma non osservare da fuori a dentro.

sandro petrini 01.08.10 18:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

formigoioni il vero malato 6 tu!!

giovanni miceli 01.08.10 17:24| 
 |
Rispondi al commento

Sono di Como. Il nuovo ospedale Sant'Anna è stato costruito sopra la vecchia Como golasecchiana (età del ferro), un insediamento costituito da agglomerati di villaggi che si estendeva per vari chilometri, che nel 700 a. C. contava 5000 abitanti e un'area di influenza da Bergamo al Ticino. L'area in questione, un vasto prato di molti ettari apparteneva ad un ex sindaco di Como (forzaitaliota)e non valeva molto in quanto sogggetto a vincoli ambientali e appunto archeologici. Lunga è stata la discussione politica per costruire il nuovo ospedale, molti puntavano ristrutturare l'esistente( anche se fatiscente nella struttura principale, ma ristrutturato in alcune parti da pochi anni)o a trovare una posizione diversa da dove è stata ricostruita. Quindi si è deciso: scegliamo l'area attuale così i terreni agricoli sottoposti a vincolo ambinetale acquisiscono valore e arricchiamo un esponente di partito. Inoltre il veccho ospedale lo mettimao in vendita per demolirlo e farci appartamenti (anche se non è ancora stato deciso, è attualemnte in discusisone) Ho saputo però che i terreni alle spalle del vecchio ospedalesono di porprietà di Edilmord di Paolo Berlusconi, che punterebbe all'acquisto anche dell'area dismessa. Quindi in questa torta dove ci hanno mangiato tutti non poteva mancare la criminalità organizzata....sigh...sono sconsolato, mi sa che emigro in Svizzera veramente...

Donato G., Como Commentatore certificato 01.08.10 14:28| 
 |
Rispondi al commento

Se riescono a scampare o non cronicizzarsi con le schifezze e tutte le nefandezze ospedaliere (più l'ospedale è moderno più è dotato di scudo anti-trasparenza, e più sfuggono i controlli, anche perché gira intorno a chi vi ci specula e non ai degenti) a maggior ragione dovrebbero scampare anche alle esalazioni dei rifiuti tossici seppelliti sotto l'ospedale stesso.

Formigoni è cattolico e gli ospedali sono
invenzione dei cattolici. Gli ospedali sono
la sintesi di corruzioni, faide, omicidi e
tutto ciò che si può immaginare di aberrante
e speculativo ai danni dei malcapitati che
ci si ritrovano dentro. Se i degenti in
ospedali si sentono a casa loro ritornaci
anche tu....Pentiti! Pentiti!

sandro petrini 01.08.10 12:58| 
 |
Rispondi al commento

Eppure secondo qualcuno l'aspettativa di vita è
aumentata !!!!!!!!
E se questi i rifiuti tossici se li schiaffassero
in culo ????????????????

basilio grabotti 01.08.10 11:52| 
 |
Rispondi al commento

"La Sicilia del nord"

Alessandro F. Commentatore certificato 01.08.10 10:59| 
 |
Rispondi al commento

voi rossi antileghisti, antinordisti, antiberlusconiani ,mi sembrate malati: andate a farvi curare, possibilmente in un'ospedale del sud.

Angela Orsini Commentatore certificato 01.08.10 09:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non ci sarà mai alcuna rivoluzione finchè in itaglia domineranno nani e ballerini, attrici ed attori, veline e cantanti, culi e tette e calcio, calcio, calcio, calcio, calcio, calcio ed ancora calcio ogni maledetto giorno che Iddio accende sulla terra

nataniele mannaia 01.08.10 08:07| 
 |
Rispondi al commento

Lo dico e lo ripeto anche per i leghisti di m.che navigano su questo blog.
Il celebroleso è tra i politici più ascoltati e seguiti al nord.L'ignoranza dilaga al nord (basta vedere chi viene votato), la leganord purtroppo dilaga al nord, MOLTO spesso le tre cose coincidono.Domandarsi cosa potrebbero fare di lavoro senza la politica i parlamentari leghisti no vero?
La verità e che la lega più degli altri partiti è scesa in politica per far soldi!http://www.repubblica.it/2006/a/sezioni/economia/banche35/fioraniaipm/fioraniaipm.html
Un esempio su tutti:Umberto Bossi da Cassago Magnago, provincia di Varese. Una vita da film. Ha fatto tre feste di laurea senza essersi mai laureato. Alla prima moglie racconta di essere un dottore, si finge medico dell’ospedale Del Ponte di Varese. La storia va avanti per mesi. Quando lei scopre che è tutto inventato chiede il divorzio. Qualche anno dopo l’Umberto porta anche la madre all’università di Pavia per la consacrazione ma non la fa assistere alla cerimonia: è la solita balla, lui ormai c’è abituato. All’Università per qualche anno c’era stato. Pochi esami, parecchi guai ma anche l’incontro che aveva cambiato la sua vita: quello con la politica.La Lega lombarda, i primi assessori comunali eletti in Veneto e Lombardia.Bossi cavalca Mani pulite e l’insoddisfazione del profondo Nord. Non sarà laureato ma è scaltro l’Umberto. Lavora sull’immaginario collettivo, capisce prima di tutti che l’immigrazione sposta una marea di voti che la gente ha una paura fottuta. Poi c’è il folklore: Pontida, miss Padania, la Lega che ce l’ha duro, Roma ladrona, i comizi in canottiera. La Prima repubblica crolla, nel Paese regna la confusione, il momento è propizio. Bossi alza il tiro. Annuncia la secessione, crea il Parlamento del Nord, progetta di avanzare “città per città con le baionette” è così via...
LEGHISTI INVIDIA LA MIA? NO SOLTANTO NON VOGLIO ESSERE RAPPRESENTATO DA GENTE COME VOI. CHIARO ?
PS:SECADEILGOVERNO PRONTA LATORTA PERFESTEGGIARE

Pietro T. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 31.07.10 23:48| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
ALLA FACCIA DELLA SALUTE,ANCHE GLI OSPEDALI TOSSICI NON CI FACCIAMO MANCARE, E POI CHISSA' PERCHE' TANTI MUOIONO L'OSPEDALE,DOPO GLI ERRORI MEDICI,SEMPLICE IL MALAFFARE DEI NOSTRI DIPENDENTI
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 31.07.10 23:39| 
 |
Rispondi al commento

eh eh...
il nano il bavaglio all'informazione e ai magistrati lo vuole subito, perché altrimenti scoppia la rivoluzione!

Paolo R., Padova Commentatore certificato 31.07.10 22:03| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori