Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Per chi suona la campana di Telecom?


Galateri_Gabriele.jpg
La campana di Telecom suona sempre per gli stessi. Per i licenziati, i cassintegrati e i piccoli azionisti che hanno perso quasi tutto. Una campana a martello che preannuncia 3700 licenziamenti entro giugno 2011, per un totale di 7000 entro il 2012. La Telecom è in agonia con un titolo da prefisso telefonico e un debito di 34 miliardi di euro. L'unica opzione per salvare l'occupazione rimasta è venderla a Telefonica o a un'altra grande compagnia internazionale. Chi ha distrutto la più importante azienda italiana nel campo dell’innovazione costruita con le tasse di generazioni di italiani? A questa domanda dovrebbe rispondere un processo pubblico con al banco imputati politici (come Massimo D'Alema che la vendette a debito ai "capitani coraggiosi"), finanzieri e imprenditori con le pezze al culo e le barche a Portofino. Un nuovo processo di Norimberga a chi ha assassinato l'economia italiana. Se non si potrà fare nelle aule dei tribunali lo farò qui, su questo blog con testimoni, fatti e denunce. Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

12 Lug 2010, 17:10 | Scrivi | Commenti (42) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Sono stato un piccolo azionista TIM,azioni poi trasferiti in Telecom italia.Gia con questa operazione i titoli sono stati falcidiati e il resto e' stato fatto successivamente dalla borsa.Ho svenduto i titoli dopo anni di paziente attesa,rimettendoci quasi tutto.Sono contento di essermi liberato di quelle azioni e mi guardero' bene dall'acquistare qualunque cosa dove in qualche modo c'e' il sig Tronchetti Provera (neanche una scheda telefonica).

Aldo La Gamma 19.07.10 11:24| 
 |
Rispondi al commento

Neppure gli azionisti di Telecom (tanti sono o erano anche dipendenti) hanno goduto, perché la Telecom ha imitato i bond argentini: buon dividendo, ma contemporaneo azzeramento del capitale (manca pochissimo).

Gli unici a fare affari in questo paese sono i soliti noti: politici, malavita e gli "imprenditori all'italiana", ossia le maglie della catena che sta strozzandoci.

antonella g. Commentatore certificato 14.07.10 15:46| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei sapere quanti di questi futuri licenziati (cosa che non auguro a nessuno) hanno votato per Berlusconni e C. ed ora si trovano con il rischio di andare a spasso, spero che sia per loro un insegnamento che quando si vota si adoperi il cervello e non la simpatia per uno che ride sempre, certo lui ride perchè gli affari gli vanno bene mentre i lavoratori se lo prendono nel "sacco".

albert 13.07.10 19:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Suggerisco ai dipendenti telecom licenziati di non andare sui tetti a protestare, ma di "OCCUPARE" le barchette di d'alema o di tronchetti e se non ci sono perché salpate di insediarsi a protestare nelle ville o case di questi due bastardi.

Mirka Za 13.07.10 16:53| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno Sig. Grillo, per la prima volta scrivo in questo sito; ne sento la necessità!! Sono un dipendente di Telecom Italia, forse uno dei famosi 3700 esuberi, o di quei 2500 circa che seguiranno...
Nella mia ignoranza ci sono cose che non riesco a capire, forse qualcuno potrà spiegarmele...
Vengo al dunque... Com'è possibile che un'Azienda che l'anno scorso ha avuto un utile di circa 1,6 Miliardi di Euro ricorra al licenziamento, perchè di questo si tratta, di oltre 6000 persone? Di questi soldi i 2/3 sono stati versati agli azionisti, un'altra buona parte sono andati in premi ai vari Manager e il poco che resta per sanare il debito di 34 miliardi di Euro che abbiamo ereditato da quei simpaticoni di Colaninno e Tronchetti. In questa situazione Telecom che fa? Tira fuori dal cilindro un Piano Industriale che prevede "unicamente" tagli di personale (ovviamente non Manager...) ed esternalizzazioni!!! Bravi!!! Come al solito le porcate fatte da certi signori (che hanno fatto i soldoni alle spalle di un'azienda che era sempre stata in attivo!!) le pagheranno quei poveracci che sono ai livelli più bassi della piramide. Funziona così anche negli altri Paesi?? Non so!
So però che ormai da tempo mi VERGOGNO di questo paese e delle classi politiche e manageriali che ne fanno parte.
Cordiali Saluti, e speriamo che me la cavo perchè alla mia età un altro lavoro non lo trovo di sicuro...

Emilio Campeggi 13.07.10 16:52| 
 |
Rispondi al commento

Esatto Beppe,
non è possibile che un'azienda che grazie a internet, telefonini e nuove tecnologie ha decuplicato le sue potenzialità di lavoro e affari sia in crisi e parli di LICENZIAMENTI!!!

Come dici tu, qui ci vuole un processo per i responsabili di questo ennesimo disastro della malapolitica.
Altro che segreti di Stato!

Nicola Nicolini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 13.07.10 16:45| 
 |
Rispondi al commento

Bene, ora sono registrato.
Ciao a tutti, seguo beppe grillo da molto tempo e naturalmente i post...molto utili, ma purtroppo letti da ancora troppa poca gente
Se tutti sapessero certe cose non credo in Italia esisterebbe ancora il nostro GOVERNO-MAFIA
è una vergogna, trattati peggio degli schiavi e presi in giro come degli idioti.
Ma lo siamo veramente, idioti, ad accettare tutto questo ?
Di nuovo ciao a tutti, e non lasciamoci trattare come dei lobotomizzati...

Fabiano Ulrich 13.07.10 15:15| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
ti penso sempre più spesso con affetto e con gratitudine.
Se non ci fossi tu come ci potremmo muovere in questa palude buia e pericolosa che sta diventando il nostro paese?
Ti sono grato perchè ora, alla tua età (e per me sei giovane!), potresti stare tranquillo e spensierato, invece urli e saltelli per destare i dormiglioni.
Sono molto fiducioso per il futuro dell'umanità, anche se per svegliarci ci vorranno sonori ceffoni!
Grazie e che Dio benedica le persone come te!

spirito della valle 13.07.10 13:04| 
 |
Rispondi al commento

L'ignoranza dilaga al nord (basta vedere chi viene votato), la leganord purtroppo dilaga al nord, spesso le due cose coincidono.Domandarsi cosa potrebbero fare di lavoro senza la politica i parlamentari leghisti no vero?
La verità e che la lega più degli altri partiti è scesa in politica per fare soldi!http://www.repubblica.it/2006/a/sezioni/economia/banche35/fioraniaipm/fioraniaipm.html
Un esempio su tutti:Umberto Bossi da Cassago Magnago, provincia di Varese. Una vita da film. Ha fatto tre feste di laurea senza essersi mai laureato. Alla prima moglie racconta di essere un dottore, si finge medico dell’ospedale Del Ponte di Varese. La storia va avanti per mesi. Quando lei scopre che è tutto inventato chiede il divorzio. Qualche anno dopo l’Umberto porta anche la madre all’università di Pavia per la consacrazione ma non la fa assistere alla cerimonia: è la solita balla, lui ormai c’è abituato. All’Università per qualche anno c’era stato. Pochi esami, parecchi guai ma anche l’incontro che aveva cambiato la sua vita: quello con la politica.La Lega lombarda, i primi assessori comunali eletti in Veneto e Lombardia.Bossi cavalca Mani pulite e l’insoddisfazione del profondo Nord. Non sarà laureato ma è scaltro l’Umberto. Lavora sull’immaginario collettivo, capisce prima di tutti che l’immigrazione sposta una marea di voti che la gente ha una paura fottuta. Poi c’è il folklore: Pontida, miss Padania, la Lega che ce l’ha duro, Roma ladrona, i comizi in canottiera. La Prima repubblica crolla, nel Paese regna la confusione, il momento è propizio. Bossi alza il tiro. Annuncia la secessione, crea il Parlamento del Nord, progetta di avanzare “città per città con le baionette”. L’Umberto corre spedito in bilico sul precipizio. La magistratura potrebbe muoversi da un momento all’altro. C’è chi accusa i leghisti di eversione, razzismo, banda armata, colpo di Stato: roba da ergastolo.BOSSI QUELLO CHE DIFENDE LA FAMIGLIA TRADIONALE ANDANDO A LETTO CON UNA SHOWGIRL Luisa Corna.

Pietro T. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 13.07.10 12:57| 
 |
Rispondi al commento

Debito pubblico record a maggio: tocca i 1.827,1 miliardi di euro, aumentando di 15 miliardi rispetto al mese precedente. Dalla fine del 2009 il valore del debito italiano è salito di 65,8 miliardi, segnando un incremento del 3,7%. E' quanto riporta il supplemento Finanza Pubblica al bollettino statistico della Banca d'Italia. Ad aprile il debito si era attestato a 1.812,8 miliardi segnando già un incremento rispetto ai 1.797,7 miliardi del mese precedente, mentre a maggio 2009 il era di 1.753,335 miliardi di euro.

Sempre a maggio il gettito fiscale è salito dello 0,7%. Si riduce quindi la flessione che nei primi 4 mesi era stata dell'1,8%: con quest'ultimo dato la contrazione diventa dell'1,3%. A maggio, al netto del gettito incassato ma non contabilizzato, gli incassi contabilizzati ammontano a 28.239 milioni contro i 28.035 dello stesso mese del 2009.

giuseppe gagliardo 13.07.10 12:49| 
 |
Rispondi al commento

Fai bene Beppe è ora che La Malapolitica, La Malafinanza, ripaghi gli italiani dei denari estorti e rubati, le campagne per la privatizzazione che avrebbero dovuto garantire il miglior funzionemento di certe aziende erano manipolazione delle menti e del mercato da parte di questi signori padroni della stampa, che oltre a prendersi le aziende a quattro spiccioli non hanno incrementato nessun servizio di QUALITA' se non la qualità di smembrarle arricchirsi ed immiserire il paese, mandando a casa i lavoratori, perchè i profitti si fanno sempre e solo sulla loro pelle visto che non hanno un'idea decente di vera economia e gestione delle aziende questi "imprenditori con le pezze al culo" dovranno rendere conto a tutti sara anche il caso nel prossimo futuro di studiare una legge che argini o debelli completamente il fenomeno, che alla morte definitiva del berlusconismo, venga messa immediatamente in atto come una legge, che si riappropri di pensioni dei politici, immotivate ed immeritate. Ha da passà la nottata, ma potrà concludersi, solo con atti concreti che colpisca gli abusi di potere, della politica e di questi fantocci di imprenditori, non basta la denuncia? Vorrei leggere, proposte serie da chi se ne intende di leggi, per far assaggiare in anticipo quello a cui andranno incontro a questi "signori delle caste del nulla" solo allora avrà senso gridare: Loro non si arenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure. Il resto a mio parere è solo aria fritta. Il movimento potrà fregiarsi, di proporre anche leggi, che ristabiliscano l'equità sociale e la dignità dei lavoratori?

Janek N., Gallarate Commentatore certificato 13.07.10 11:52| 
 |
Rispondi al commento

e purtroppo il peggio deve ancora arrivare...
http://unbeinger.wordpress.com

Unbeinger A. Commentatore certificato 13.07.10 11:24| 
 |
Rispondi al commento

Scrivo per proporvi (a beppe e ai lettori) di "adottare" il sito che ho creato e mantengo aggiornato da qualche tempo e che potrebbe essere "rivoluzionario".
Potrebbe essere utile anche per individuare chi debba stare "alla sbarra del processo".
Si tratta di un sito stile wikipedia COLLABORATIVO dedicato al profilo dei personaggi pubblici o di rilevanza pubblica (amministratori, dirigenti, manager, politici) e alla composizione dei raggruppamenti di persone (societa', amministrazioni, ministeri, aziende, partiti, associazioni) stile mappa del potere ma con la possibilita' di allargare la creazione della conoscenza oltre alle spa quotate in borsa e stile openpolis senza la limitazione ai politici eletti.
se intuite la portata del progetto vi chiedo di innanzi tutto guardare il sito (http://gruppiepersone.megabyet.net/gipe/index.php/Gruppi_e_Persone) (è un po' lento e occorre flash, per navigare cliccare sulle figure e per aprire i link sulle frecce rosse) e poi di proporlo anche come piattaforma di condivisione delle informazioni sia per i meetup che per le liste. le informazioni raccolte localmente diverranno a disposizione di tutti e il fatto di avere il patrocinio di beppe grillo una garanzia di non soccombere al primo attacco legale.
da non ultimo, la possibilita' di essere usato come archivio di competenze ed incarichi per i candidati e gli eletti anche delle liste civiche.
Gabriele B.

ps:
* esempio gruppo: http://gruppiepersone.megabyet.net/gipe/index.php/Categoria:Comune_di_Padova_-_2009
* esempio persone: http://gruppiepersone.megabyet.net/gipe/index.php/Claudio_Piron

gnaffetto gnaffo 13.07.10 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Vi raccomando questo video

http://www.youtube.com/watch?v=OYY2EtXdsUQ

un caro saluto

mauro mezzini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 13.07.10 10:55| 
 |
Rispondi al commento

Mettiamoci d'accordo: quanti siamo e quante azioni dovrebbe comperare ciascuno di noi per incidere nel CDA attraverso un rappresentante unico? E' fattibile la cosa?

Claudia - Ts 13.07.10 10:26| 
 |
Rispondi al commento

Mi è appena arrivata questa e-mail....sono sicura che vi interessa....

....Ieri mi ha telefonato l'impiegata di una società di recupero crediti,per conto di Sky. Mi dice che risulto morosa dal mese di settembre del 2009.Mi chiede come mai. Le dico che dal 4 aprile dello scorso anno ho lasciato la mia casa e non vi ho più fatto ritorno. Causa terremoto.Il decoder sky giace schiacciato sotto il peso di una parete crollata.Ammutolisce.Quindi si scusa e mi dice che farà presente quanto le ho detto a chi di dovere. Poi, premurosa, mi chiede se ora, dopo un anno, è tutto a posto.Mi dice di amare la mia città, ha avuto la fortuna di visitarla un paio di anni fa. Ne è rimasta affascinata.Ricorda in particolare una scalinata
in selci che scendeva dal Duomo verso la basilica di Collemaggio.E mi sale il groppo alla gola. Le dico che abitavo proprio lì. Leiammutolisce di nuovo. Poi mi invita a raccontarle cosa è la mia città oggi.Ed io lo faccio.Le racconto del centro militarizzato. Le racconto che non posso andare a
casa mia quando voglio. Le racconto che, però, i ladri ci vanno indisturbati.Le racconto dei palazzi lasciati lì a morire. Le racconto dei soldi che non ci sono, per ricostruire. E che non ci sono neanche per aiutare noi a sopravvivere. Le racconto che, dal primo luglio, torneremo a pagare le tasse ed i contributi, anche se non lavoriamo. Le racconto che pagheremo l'i.c.i.
ed i mutui sulle case distrutte. E ripartiranno regolarmente i pagamenti dei prestiti. Anche per chi non ha più nulla. Che, a luglio, un terremotato con uno stipendio lordo di 2.000 euro vedrà in busta paga 734 euro di retribuzione netta. Che non solo torneremo a pagare le tasse, ma restituiremo subito tutte quelle non pagate dal 6 aprile. Che lo stato non versa ai cittadini senza casa,che si gestiscono da soli,ben ventisettemila, neanche quel piccolo
contributo di 200 euro mensili che dovrebbe aiutarli a pagare un affitto.
(segue)

Ida C 13.07.10 09:54| 
 |
Rispondi al commento

Di questa compagnia bisognerebbe fare la cronistoria di tutti i personaggi + o - celebri e di tutti i passaggi relativi a rateizzi, di finanza creativa o oleogrammi finanziari fatti al fine di lucrare il + possibile.
Oggi a vedere lo stato patrimoniale, i numeri, vien da dire che non sia stato venduto solo tutto il vendibile, ma si sia pagato per vendere!
Un pò quello che pretendevano i capitani coraggiosi di fare in un tempo passato (ventennio) in cui si dichiaravano disposti a comperare a condizione che gli venisse data una buona dote.
La solita finanza creativa!

Giorgio ZANUTTA, carlino Commentatore certificato 12.07.10 23:51| 
 |
Rispondi al commento

CARISSIMO BEPPE, i guai per i lavoratori telefonici sono iniziati con le MALEDETTE PRIVATIZZAZIONI come tu saprai bene. E' stato un GRAVISSIMO ERRORE PRIVATIZZARE aziende pubbliche con il pretesto dell'assenteismo (bastava moralizzare)come Ferrovie, Poste ed appunto la "Azienda di Stato per i Servizi Telefonici". Azienda floridissima, dai bilanci sempre attivi. SONO TESTIMONE! CI LAVORAVO. Azienda ricca con un patrimonio immobiliare enorme, passato poi alla nascente TELECOM. Faceva gola agli AFFARISTI privati. E' stato un affare smisurato per gli azionisti Telecom, gli stessi che oggi ricorrono a licenziamenti, casse integrazioni, contratti a tempo determinato etc. Ma è storia complessa e lunga, CARO BEPPE, pertanto nel caso volessi approfondire potrai contattarmi alla mia e-mail
Abbraccio affettuoso.

Salvatore Cuozzo 12.07.10 23:32| 
 |
Rispondi al commento

Anche per il "caso" TELECOM avevo proposto una "classaction" contro amministratori e manager che hanno ottenuto stipendi astronomici ed ingiustificati anche quando l'azienda riportava debiti milionari!
TUTTI COLORO CHE HANNO RICOPERTO INCARICHI AMMINISTRATIVI DI RESPONSABILITA', LAUTAMENTE E VERGOGNOSAMENTE, COMUNQUE E SEMPRE, RETRIBUITI,
DEVONO INDENNIZZARE DIPENDENTI CHE HANNO PERSO O PERDERANNO IL LAVORO E AZIONISTI NON SPECULATORI!!
QUESTO DOVRA' AVVENIRE IN OGNI AZIENDA, PORTATA ALLA "ROVINA" DA GESTORI INCOMPETENTI E POLITICIZZATI CHE SONO SERVITI SOLTANTO A "SISTEMARE" CON UN BUON IMPIEGO, AMICI E "PROTETTI/E" DEI LORO "PADRINI" POLITIC..ant..I !!
AZIENDE FLORIDE, SONO STATE "SPOLPATE" DA GESTIONI "ALLEGRE" IN MANO A (IR)RESPONSABILI
CHE HANNO PENSATO SOLTANTO A RIMPINGUARSI LE TASCHE CON STIPENDI E "STOCKOPTIONS", ANCHE IN FASI RECESSIVE: SE HANNO "PRESO" PRIMA, ORA..............RESTITUISCANO E CONTRIBUISCANO AL RISANAMENTO DELLE "GALLINE", DALLE UOVA D'ORO, SOLO PER CHI LE HA "GESTITE"(!?), AFFOSSATE, DIREI IO !!

nicola conocchiella 12.07.10 22:11| 
 |
Rispondi al commento

Sono perfettamente d'accordo, non bisogna mai stancarsi di contrastare queste brave persone che manipolano le nostre sorti a loro uso e consumo con arroganza e sfacciataggine, usando l'economia del Paese come se appartenesse a loro, sapendo bene che gli errori commessi in campo di strategia economica, finiscono sempre per pagarli i soliti noti; i lavoratori. Mentre "comunque vadano le cose" lor signori hanno sempre le spalle coperte.

Giovanna Sorrentino 12.07.10 21:49| 
 |
Rispondi al commento

Non illudetevi: l'Italia è perduta.

Abbiamo Dio solo sa quanti morti eccellenti, suicidi per orgoglio, gente che ha donato la propria vita per vedere una nuova alba illuminare questo girone dantesco... si contano a centinaia, noti e meno noti...

Ma non cambia nulla... anzi, per ognuno di loro morto ammazzato, ne spuntano almeno altri cento pronti a cannibalizzare i loro stessi concittadini.

Non c'è più nulla da fare.

Tranne sperare che il Berlusca riesca ad appioppare il nuovo nucleare all'italiana a qualche stramaledetto mafioso, in modo tale che alla prima economia cosruttiva una luce nuova, finalmente, c'illumini d'immenso.

Alberto M., Castelvetrano Commentatore certificato 12.07.10 21:18| 
 |
Rispondi al commento

bravo Beppe. il processo facciamolo qui! in questo modo i posteri avranno tutti gli elementi per giudicare ciò che è accaduto. se a questi ominicchi non possiamo togliere il maltolto quando sono in vita, possiamo togliergli gli onori della memoria quando saranno morti.

Enrico P. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.07.10 21:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE
QUELLI DELLA TELECOM SONO COMPLETAMENTE AFLLITI, ANCHE ADL PUNTO DI VISTA OCCUPAZIONALE, LA TELECOM E' SEMPLICEMENTE FALLITA,ANCHE GRAZIE A "IO NON SONO TV" D'ALEMA
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 12.07.10 21:11| 
 |
Rispondi al commento

in una parola il futuro e'(incetivare il cambio di abitudini)

giuseppe gagliardo 12.07.10 21:04| 
 |
Rispondi al commento

Non sono pessimista nè ho perso le speranze anche perchè non ne ho. Ma dobbiamo metterci tranquilli. In lussuose camere d'albergo, una manciata di persone decide quel che vuole nel nostro mondo cosiddetto progredito e non ci sarà nessuno che potrà farci niente. E' scritto nel DNA di questo pianeta. L'umanità serve a ricchi, potenti e religiosi a rafforzare il loro potere. Io vedo "l'interista" o se preferite "il gommista" che vive tranquillo, rilascia interviste da grande pensatore d'industria..quelli che stanno male siamo noi. Di pagare, il nostro amico non ci pensa nemmeno e gli do perfettamente ragione: lui sa benissimo come vanno a finire queste cose e non da oggi.

Miky Rosselli 12.07.10 20:05| 
 |
Rispondi al commento

maledetti!! andassero in carcere ladri!

giuseppe f., roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.07.10 19:54| 
 |
Rispondi al commento

Sono ansioso di leggerti. Non solo su telecom ma anche enel chimica e acciaio. Visto che in italia non è rimasta neanche una grande impresa ci sarà un colpevole o no?

luigi s., gorga Commentatore certificato 12.07.10 19:39| 
 |
Rispondi al commento

HO BISOGNO DI CAPIRE ED HO BISOGNO CHE QUALCUNO ME LO SPIEGHI.
Questi e tanti altri blog simili contribuiscono sicuramente ad accendere ed a tener sveglie le coscienze e lo spirito di tantissimi Italiani. Tutti i giorni centinaia se non migliaia di post viaggiano su internet, pieni di sdegno e di rabbia. Si analizzano e si commentano fatti indegni di una società civile quale riteniamo di essere. Tutto questo sta avvenendo da parecchio tempo. I blog commentano gli atti di una classe politica indegna e totalmente incapace a gestire la cosa pubblica, ma bravissima ed ingegnosa nello spolpare quotidianamente questo disastrato paese. La classe politica continua a fare quanto sopra alla faccia dei blog, dei post, di cosa pensa di loro una buona parte degli Italiani. Sembra di partecipare al gioco dell'oca senza però il traguardo finale. Certo, da questo blog è nato un movimento politico che ha piazzato alcune brave persone in qualche amministrazione locale alle ultime elezioni. Ma in maniera estremamente onesta e sincera, quanti di voi credono che suddetto movimento riesca a vincere una qualche elezione politica in tempi ragionevoli, in modo da riuscire a salvare quanto ancora è rimasto in piedi? Quante legislature servono? E quanto rimarrà da salvare per allora? Allora, io ho bisogno di capire se le coscienze civili che alimentano questo ed altri blog simili, hanno come obiettivo quello di continuare a commentare all'infinito il quotidiano ed indegno spettacolo che ci offre la classe dirigente tutta di questo paese, senza per'altro cambiare di una virgola la situazione, oppure l'obiettivo è quello di riuscire a fare qualcosa di concreto per salvare il salvabile. Io ho bisogno di capire questo. Perchè ho bisogno di capire se esiste ancora la speranza che qualcosa o qualcuno riesca a coagulare la rabbia e la frustrazione delle persone che sono stufe di assistere all'attuale scempio quotidiano ed a salvare un qualche futuro per i miei figli e le future generazioni grazie


bravo Beppe...
e poi c'è anche gente che ha il coraggio di criticarti.... poveretti.

Paolo R., Padova Commentatore certificato 12.07.10 19:05| 
 |
Rispondi al commento

se ci sarà una nuova Norimberga voglio essere il boia..

Franca B. Commentatore certificato 12.07.10 19:01| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe, già ho la bile al massimo per conto mio, poi a leggere certe cose non ti dico....trabocca!
questi carrozzoni mal gestiti, usati solo per rubare stipdendi d'oro, e le ditte piccole e medie, quelle che producono davvero la ricchezza e fanno crescere il decantato pil, lasciate morire dopo lunga e dolorosa agonia. io ho una ditta di piccole dimensioni, che ormai conta i giorni. ho sempre lavorato in condizioni di totale trasparenza, perchè lavorando per cooperative se non fatturavo fino al centesimo non mi pagavano; ho sempre pagato tasse, contributi, inail, cassa edile, ecc ecc., senza mai uno sgravio o un aiuto da nessuna parte. purtroppo, il sistema delle cooperative (ti avevo già scritto perchè mi sarebbe piaciuto che approfondissi la cosa) è fatto così: a quelle piccole che hanno solo un presidente e qualche prestanome per "regolarità" , per lavorare bisogna pagare la tangente, ovviamente richiesta e calcolata dal presidente, pena minaccia di vedersi contestati i lavori e la giustizia si sa com'è lunga. poi ci sono le cooperative grosse, che hanno vari organi sociali, e allora qua non si può parlare di tangente, ma se vuoi lavorare devi "prendere o lasciare", o ti accontenti di rientrare - se va bene - delle spese, o loro trovano qualcun altro.è vero, non me l'ha ordinato il dottore di prendere questi appalti, ma quando è iniziato il giro vizioso avevo bisogno di lavorare, poi avevo bisogno di prendere i lavori per finire di pagare i debiti dell'appalto precedente. potevo anche fallire tanto era una srl, ma per senso morale e onestà verso i nostri dipendenti, i dipendenti di tutto l'indotto e tutte le altre ditte fornitrici non me la sono sentita. anche perchè c'era nel frattempo famiglie che, per la casa in cooperativa, avevano disdetto l'affitto o avevano addirittura venduto quella dove abitavano, per cui avrei messo in difficoltà anche loro.
ORA LA MIA DITTA ASPETTA LA MORTE.
MORTE PER ONESTA'.

pila scarica 12.07.10 19:00| 
 |
Rispondi al commento

Questi figuri - che descrivono ovvietà ovvie con il loro latino rum - che lucrano come parassiti su dipendenti, contribuenti e clienti dovrebbero essere spazzati via da uno tsunami culturale prima che giuridico.
Detto questo in Italia non esistono società private sopra i 100 dipendenti perché direttamente o indirettamente vengono mantenute allo stato e dunque dal contribuente, come vi chiederete? ecco:
Direttamente
1) Ricevere denaro per ricerca mai effettuata.
2) Ricevere denaro per formare personale che invece si fa lavorare.
3) Ricevere denaro per ristrutturare o edificare senza mai farlo.
Etc.etc.
Indirettamente:
Praticamente tette le società private vivono di appalti ( più dell’80 %) statali parastatali, spessissimo senza neppure fare nessun lavoro ma semplicemente sono parete della filiera parassitario/mafiosa.
Oltre a questo spesso sono parte di monopoli, cartelli che costringendo gli utenti ai loro servizi anche se costosissimi e pessimi.
Questo la Marcegaglia non lo dice mai! Lei sa solo dire che chi guadagna (perché lui si che se li guadagna!) 1000/1200 euro al mese deve fare sacrifici e deve capire.
A me questa gente fa schifo!

Matteo D. 12.07.10 18:02| 
 |
Rispondi al commento

imola 11/07/2010
BEPPE SEI IMMENSO, QUELLO CHE DICI DEVI FARLO, SPUTTANARLI TUTTI I GIORNI,GLI INDUSTRIALI DEL CAZZO, I POLITICI DA W.C. I CARDINALI DEL DIAVOLO, NOI TI FAREMO DA MOLTEPLICI.
SALUTI GGIUSEPPE

GIUSEPPE TONNINI, IMOLA Commentatore certificato 12.07.10 18:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Giustzia. In Italia è ormai una parola desueta.Aspettiamo un comico per fare chiarezza e davanti al comico mi tolgo il cappello. Ladroni di Stato, arriverà la vostra ora

rollo maria 12.07.10 18:01| 
 |
Rispondi al commento

QUELLO CHE STA ACCADENDO IN ITALIA OGGI, E’ GIA ACCADUTO IN FRANCIA NEANCHE TANTO TEMPO FA. TANTI SACRIFICI E TASSE SCONSIDERATE A CHI PRODUCE RICCHEZZA,… SACRIFICI AGLI ARTIGIANI, INDUSTRIALI OPERAI IMPIEGATI ECC.
AI NOBILI FESTE E DIVERTIMENTI e TUTTO GRATIS.
A CHI PRODUCE E LAVORA, TASSE FINO AL 73.50 % ED E’ UNA VERGOGNA SE PENSIAMO CHE NON ABBIAMO I SERVIZI ESSENZIALI ALMENO COME I PAESI DELL’EUROPA DEL NORD….
I POLITICI TUTTI, DAI SINDACI….. AL PRESIDENTE DELLA RESPUBBLICA, NESSUNA RINUNCIA, TUTTO GRATIS E TUTTI CON LE SCORTE E LE AUTO BLUE CORAZZATE……MA DI CHI HANNO PAURA? DEL POPOLO……
MA SE PAGHIAMO E BASTA, PAGHIAMO E TESTA BASSA MA CHE PAURE AVETE….????
....LA RIVOLUZIONE FRANCESE PERO’ DOPO LA TESTA BASSA, HA SISTEMATO I NOBILI.
ORA IN ITALIA, BISOGNA SISTEMARE, AL PIU’ PRESTO, E NELLA STESSA MANIERA CHE I FRANCESI SI SONO LIBERATI DEI NOBILI: POLITICANTI, BANCHIERI, SINDACALISTI, DIRIGENTI PUBBLICI TIPO POGGIOLINI, ECC. ECC. NON DOBBIAMO PERDERE TEMPO.
VIVE ORMAI DI POLITICA, PERCIO’ DEL NOSTRO REDDITO DEL NOSTRO SUDORE DEL SANGUE DEI NOSTRI FIGLI, PIU’ DEL 22% DELLA POPOLAZIONE ITALIANA.
QUANDO I NOSTRI POLITICI AFFAMANO IL POPOLO, GLI INDUSTRIALI, GLI ARTIGIANI ECC. ECC. PER SALVARE LE BANCHE, ED I CITTADINI INVECE PERDONO LE LORO CASE, LE LORO AZIENDE, IL LAVORO E L’ONORE, PER GLI SPORCHI GIOCHI DEI BANCHIERI EBREI, DEI POLITICI CORROTTI, DEI FUNZIONARI DELLO STATO CHE SI ARRICHISCONO TROPPO……..E’ GIUNTA L’ORA……
LA STORIA CI DARA’ RAGIONE……
GHIGLIOTTINE IN TUTTE LE PIAZZE, GHIGLIOTTINE IN TUTTE LE VIE, GHIGLIOTTINE AL LAVORO….
WWWW. LE GHIGLIOTTINE, WWWW IL POPOLO FRANCESE, WWWW LA RIVOLUZIONE FASCISTA, WWW LA RIVOLUZIONE CUBANA, WWW LA RIVOLUZIONE RUSSA, WWW LA RIVOLUZIONE CINESE……ECC. ECC.

PRESTA NOME, firenze Commentatore certificato 12.07.10 17:52| 
 |
Rispondi al commento

E fosse solo questo!
E le intercettazioni?
Azienda di stato:pagata con il denaro dei cittadini svenduta ad un capitalista della Pirelli!
Al tronchetto dell'amore non gli avrei fatto fare neppure i preservativi!
Maiale lui e tutti i suoi sodali!!

oreste mori, la spezia Commentatore certificato 12.07.10 17:46| 
 |
Rispondi al commento

gente da portare in tribunale,i porci dovranno essere processati .... spero vivamente,possa arrivare un giorno, in cui tutti i porci che hanno rubato paghino le malefatte ... con sequestri e galere ..... per i politici non ci sarà pace di sicuro !!!..... ecco la nuova italia!!!! .... sta per nascere.......

luccon renato 12.07.10 17:25| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori