Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Processo Rasman: condanna in appello


Rasman_appello.jpg
Confermata la condanna in appello per gli agenti coinvolti nella morte di Riccardo Rasman. Gli stessi che hanno querelato Daniele Martinelli per il suo servizio. Il colpevole è sempre il giornalista.
"La notizia è giunta in serata: Mauro Miraz, Maurizio Mis e Giuseppe De Biasi, i tre agenti condannati in primo grado a 6 mesi di reclusione con la condizionale per eccesso di colpa nell’omicidio di Riccardo Rasman, hanno avuto la stessa condanna in appello. Confermata anche l’assoluzione per Francesca Gatti. Il collegio di giudici del tribunale di Trieste presieduto da Morelli con Solinas e Ciriotto a latere, hanno letto la sentenza poco prima delle 18. I tre agenti sono gli stessi che mi hanno querelato per "lesa onorabilità" relativa al testo del mio servizio pubblicato nel gennaio del 2009 sul blog di Beppe Grillo." Lalla M., Arezzo

2 Lug 2010, 16:48 | Scrivi | Commenti (10) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Tags: commento, Daniele Martinelli, Lalla M., Riccardo Rasman, Trieste

Commenti

 

Non hanno ucciso Riccardo per 2 petardi, le cose stanno diversamente è vero , hanno fatto tutto tutto dietro le spalle il biglietto di biglietto di minaccia di morte scritto da un avvocato spiega tutto. Nessuno tocca quel biglietto perchè sanno che dietro si cela il comune di s. dorligo e l'ezit e i dottori del csm di domio , tutto per schiacciare la famiglia per non pagare alla famiglia il dovuto per fare la strada urbanistica sul terreno del Rasman ai Rasman non si paga 10 anni di causa falsa la giudice Fanelli con loro nel dire che l' avvocato aveva il terreno intercluso, invece aveva 3 strade , tutto per portare via , porta via ma lascia RICCARDO vivo invece no si schiaccia e si usa il potere, daccordi con i dottori perchè si porta via non si aiuta si usurpa gli averi dei cittadini .

giuliana r., trieste Commentatore certificato 03.08.11 11:30| 
 |
Rispondi al commento

Riccardo non ha buttato i petardi non ha ferito nessuno la sig.Romina Pollanz come si nota sul giornale Piccolo il giorno dopo il suo orecchio STAVA BENE , se la vede sul terazzino del vicino arzilla.Riccardo ha solo rifiutato di aprire la porta l'unica colpa meritevole di morte.Dov'è il SINDACO Dipiazza di Trieste il7/7/2010 al Telegiornale Regionale ha detto che Trieste è sua ,non ci ha dato mai risposta alle nostre lettere ne ha accettato di parlare con noi è rimasto in questi anni come tutti gli altri a GUARDARE ,VERGOGNA di Trieste uccidere un figlio che non ha fatto niente.......!!!!!!!!Hanno accontentato le persone FANATICHE. MAMMA DI RICCARDO

giulianarasman 07.07.10 17:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lesa onorabilità di cosa? Questi criminali devono spiegarmi dove sta l'onore di una persona che uccide un'altra mentre è sotto la sua custodia!
Ormai l'onore manco si sa dove sta: qui in italia gli eroi sono mangano e i mercenari in Iraq!

Ivan V., Racconigi Commentatore certificato 07.07.10 12:04| 
 |
Rispondi al commento

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Stiamo tornando indietro, vanificano le battaglie dei lavoratori e ci derubano dei nostri diritti. Schiavi, di nuovo.

Perché ci distraggono con programmi stupidi? Perché vogliono distruggere la scuola? Perché nel mondo la ricchezza prodotta è aumentata per anni e noi siamo sempre più poveri e precari?

Scopri chi sono, scopri il perché

www.anakedview.com/noi_vi_amiamo.html


Per vedere la realtà, senza fregature, visitate il sito:

http://www.anakedview.com/

Troverete articoli di psicologia, comunicazione politica, riflessioni sulla società e molto altro...

Buona Lettura

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


VOGLIO I TEST ANTIDROGA ALL' OSPEDALE PUBBLICO DI TUTTI I POLIZIOTTI E CARABINIERI ! SUBITO !

alessandro a., milan Commentatore certificato 02.07.10 22:45| 
 |
Rispondi al commento

“Cinque anni di carcere per il caso Palumbo. Questa la richiesta del Pubblico Ministero nei confronti di due Agenti di Polizia Penitenziaria
Pubblicato il 19/giu/2010

Terminata la requisitoria ieri, il Giudice Cantiello ha chiesto cinque anni per Raffaele Goffredo e Dino Attanasio, agenti della Polizia Penitenziaria ritenuti responsabili di omicidio preterintenzionale per la morte del giovane Domenico Palumbo. Il 25 giugno la sentenza.

Il pubblico ministero Antonella Cantiello ha concluso ieri la sua requisitoria chiedendo una condanna a cinque anni di reclusione ciascuno con le attenuanti generiche per i due agenti di polizia penitenziaria Raffaele Goffredo e Dino Attanasio. Il pm ha ravvisato a loro carico il reato di cui all’articolo 586 del codice penale vale a dire morte come conseguenza del reato di violenza privata avendo fatto quindi istanza alla seconda sezione della Corte di Assise del tribunale di Santa Maria Capua Vetere (presidente Maria Alaia, giudice a latere Orazio Rossi), di derubricazione del reato di omicidio preterintenzionale del giovane Domenico Palumbo originario di Capua (morto all’esterno della scuola di polizia penitenziaria di Aversa il 31 ottobre del 2004). Lo stesso titolare dell’accusa ha invece chiesto l’assoluzione per Raffaele Papa, altro agente penitenziario, per non commesso il fatto e atti alla Procura per violenza privata nei confronti di Giuseppe Diomaiuta, assistente di polizia penitenziaria, che non è stato imputato nel processo ma che secondo il pm avrebbe partecipato alla vicenda delittuosa trattenendo Palumbo. All’udienza del 25 giugno prossimo sono invece in programma le arringhe dell’avvocato di parte civile Raffaele Mascia che rappresenta i familiari del giovane e dei difensori Federico Simoncelli, Bartolomeo Mariniello e Giuseppe Zampoli, che precederanno la sentenza della seconda sezione della Corte di Assise.
L’episodio contestato avviene all’esterno della scuola di polizia penitenziaria di Aversa.

Renzo Coscia 02.07.10 21:40| 
 |
Rispondi al commento

se la polizia non fa pulizia, allora siamo già uno stato di polizia senza pulizia

gaab rius Commentatore certificato 02.07.10 21:21| 
 |
Rispondi al commento

il link al video è broken, dice che è "privato"
?¿?

Joseph Seu (josta), Torino Commentatore certificato 02.07.10 19:44| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
CHISSA' CHE I QUERELANTI CI RIMANGANO PER L'ETERNITA' IN PRIGIONE PER IL CASO RASMAN E CI MARCISCANO PER L'ETERNITA',ALTRO CHE SEI MESI!!!!!!!
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 02.07.10 19:29| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori