Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Suicidio alla menta


aspirante_suicida.jpg
Se volete suicidarvi usate acqua alla menta o alla fragola. In caso contrario si rischia l'arresto (anche postumo).
"Oggi l'ultima notizia che fa trasalire quel poco di Uomo che alberga nelle mie viscere: hanno deciso che dal 2016 non basteranno più 40 anni di contributi per andare in pensione, togliersi dai coglioni e dare spazio ai giovani. A Gela un uomo ha minacciato di suicidarsi bruciandosi perchè era stato licenziato, sapete cosa hanno fatto le forze dell'ordine (?) lo hanno minacciato di denuncia per detenzione di arma impropria (benzina). Per fortuna di quel poveraccio si trattava di 5 litri di bevanda alla menta, bluffava!" francesco r

1 Lug 2010, 18:27 | Scrivi | Commenti (15) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

ho disdetto la telecom ,ma mi hanno addebitato 40 euro per la cessazione oltretutto nella bolletta di maggio ho pagato 2 mesi anticipati .Cosa devo fare?grazie

rosangela firmo 23.07.10 22:18| 
 |
Rispondi al commento

CONSUMI
Tariffe biorarie, un'occasione
ma l'insidia è dietro l'angolo
Più convenienti la sera, la notte e i festivi, più alte nel corso della giornata, permettono di pagare l'elettricità consumata al suo giusto valore. Ma il vero risparmio dipende da alcuni fattori. Bisogna capire bene il meccanismo


CHISSÀ CHI FOTTONO QUESTA VOLTA CON LE TARIFFE BI-ORARIE, I PRIMI CHE MI SOVVENGONO SONO I PENSIONATI, ANZIANI IN GENERE E I CARDIOPATICI, COSTRETTI A CASA PER VIA DELLE TEMPERATURE A GUARDARE LA TV CON IL CONDIZIONATORE ACCESO E POI...... INDOVINATE UN PÒ?

A VOI CHE VE NE SEMBRA, DICONO CHE LO FANNO PER NOI, HANNO GIÀ FATTO ANNUNCI SU RIBASSI IN BOLLETTA, MA IN REALTÀ AUMENTERANNO E DI PARECCHIO!!

Uno dei tanti 02.07.10 16:01| 
 |
Rispondi al commento

anni fa fece scalpore la esternazione di alcuni ricercatori scientifici
di volere ricreare hitler da uno dei suoi
resti (ing. genetica)
supponiamo che lo avessero ricreato
come sarebbe il nuovo hitler oggi???
DI SICURO NON IL DITTATORE DI IERI
MA SEREBBE UN UOMO MOLTO DIVERSO
LO STESSO SE AVESSERO RICREATO ...BEETHOVEN
WOYTILA MOZART STALIN
e perche sarebbero molto diversi
perche non vivrebbero la storia del tempo
in cui hanno vissuto gli originali
noi diamo la colpa a loro per nascondere le NOSTRE COLPE
LA GERMANIA DI WEIMAR ERA MOLTO SIMILE ALLA NOSTRA ITALIA DEL BERLUSCA -PRODINO-BERLUSCA2
la corruzione era dilagante
il favoritismo verso i ricchi era un dovere della politica
i scioperi dei operai erano molto contrastati dall polizia amica dei padroni
a peggiorare le cose c'erano molti agenti provocatori inviati dalla russia di stalin
per movimentare le masse gia agitate in germania
poi improvvisamente si erge dalla massa un personaggio ...che la stessa politica e la polizia del tempo qualifico come innocuo e facilmente manovrabile
QUEL UOMO SI CHIAMAVA ADOLF HITLER
era a capo di partito
dei lavoratori tedeschi nsdap
un partitino che parlava di idde stranpalate
di
una nuova razza + forte
del abbattimento della vecchia casta politica
di una nuova germania unita e unica e
che dava la colpe dei mali della germania agli ebrei e agli amici dei ebrei
quel partitino sarebbe stato poi il NAZISMO CHE OGGI CONOSCIAMO

la mia domanda e' chi ha creato hitler???
era hitler PERCHE era hitler
o e' quella societa che ha creato hitler???
quei tedeschi che per quieto vivere hanno lasciato che si creasse hitler
DICO QUESTO PERCHE E ESATTAMENTE QUELLO CHE STIAMO PER FARE NOI OGGI
CHE HA DA PERDERE UN DISUCCUPATO ITALIANO (COME QUEL TEDESCO DISUCCUPATO CHE VOTO HITLER NEL 1933
)
TUTTE LE SOCIETA CHE RINUNCIANO A VOLER ESSERE ...LIBERE
SI SUICIDANO

stefano b., rovato Commentatore certificato 02.07.10 10:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Odg Lombardia tutela chi praticherà disobbedienza civile

L'ordine offre tutela ai giornalisti che si vedranno costretti a non rispettare la legge bavaglio sulle intercettazioni per informare i cittadini.

[ZEUS News - www.zeusnews.com - 01-07-2010]

NON HANNO VOLUTO ASCOLTARCI AL VDAY ... ED ORA?

Uno dei tanti 01.07.10 21:57| 
 |
Rispondi al commento

io do un consiglio ai capitalisti che considerano il lavoro una merce... do un consiglio ai parlamentari che maturano il diritto alla pensione dopo soli due anni.... un altro consiglio agli evasori fiscali che dichiarano 10000 euro e girano con un SUV da 100000....un consiglio ai mafiosi, ai massoni "deviati" alla chiesa e alle sue diramazioni da opus dei ai ciellini ....
fate molta attenzione ai "buoni" e agli ingenui... a quelli che si alzano tutti i giorni per andare a fare lavori umili per pochi soldi...
fate molta attenzione perchè così come è semplice la loro vita,sarà semplice anche la loro vendetta quando vedranno di non avere vie d'uscita.

Riccardo P., San Lazzaro di Savena Commentatore certificato 01.07.10 21:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il RE FUSO
Pensioni, dal 2016 più contributi, ma Sacconi smentisce
giovedì 1 luglio 2010 19:57
ROMA (Reuters) - Dal 2016 non basteranno più 40 anni di contributi per andare in pensione indipendentemente dall'età.

La novità, prevista da un emendamento del relatore Antonio Azzollini alla manovra correttiva, ha suscitato le critiche dei sindacati e soprattutto della Cgil, che parla di "una misura illegittima e illogica", ma è stata in serata smentita dal ministro al Welfare Maurizio Sacconi che l'ha definito effetto di un "refuso".

Tutto nasce da un emendamento del relatore alla manovra che lega da gennaio 2016 l'adeguamento dell'età pensionabile alle aspettative di vita. La misura riguarda tutte le forme di pensione: vecchiaia, anzianità, settore pubblico e privato, pensioni sociali e soprattutto il "requisito contributivo di 40 anni".

Landru Forever Commentatore certificato 01.07.10 20:30| 
 |
Rispondi al commento

Questa balla che l'aspettativa di vita sia aumentata mi fa letteralmente girare i coglioni! Come si fa a mettere insieme operai, avvocati, manovali, impiegati, parlamentari...registi! Avete visto quanto vivono mediamente i registi? Allora perchè non prendiamo come riferimento quest'ultimi e ce ne andiamo tutti in pensione a 90 anni? Come si fa a paragonare l'aspettativa di vita di un operaio che lavora in fabbrica con quella bella e fiscalmente evasiva di un dentista? Allora che ben vengano le statistiche che servano a modulare l'età pensionabile con quella di vita, ma che siano divise per categorie e tipologia di lavoro. Ad esempio, quanti di voi conoscono un ex operaio della gomma che ha più di 80 anni? Vogliamo fare un paragone con un ufficiale in pensione, con un gioielliere o con un funzionario della pubblica amministrazione? Andate a vedere quanti sono quelli che hanno riconosciuto il lavoro come usurante...di solito sono i sopravvissuti ai colleghi già morti. E se fate un lavoro umile e dipendente, guardatevi intorno e riflettete su quanti dei vostri ex colleghi si stiano ancora godendo la pensione.
Buonasera.

Manuele Bertis 01.07.10 20:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

allora lo hanno deninciato per procurato allaerme

noon si scappa..a meno che non lo fanno ministro

Massimiliano P., Bologna Commentatore certificato 01.07.10 19:45| 
 |
Rispondi al commento

Credo che sia giusto e doveroso aumentare il numero degli anni di contribuzione per aver diritto alla pensione.
Ma per quelli che sono andati (Immoralmente) in pensione con 19 anni di contributi, non sarebbe giusto Toglierla? e non sarebbe anche giusto farli restituire almeno una parte dei soldi fin qui percepiti?

Stefano Parretti 01.07.10 19:03| 
 |
Rispondi al commento

Allora, mettiamo le cose in chiaro: ho solo 23 anni, studente universitario, e non mi piace certo il fatto che probabilmente non andrò mai in pensione, però, c'è un però.......il nostro attuale sistema pensionistico(checchè se ne dica ci sono paesi che se la passano peggio e il sistema nel suo complesso non è male), che non sto qui a spiegare(prendete un libro di scienza delle finanze e leggetevi la parte che riguarda i trasferimenti etc etc o informatevi) prevede che il percepimento della pensione e la data dalla quale si può percepire siano commisurati all'aspettativa di vita...lungi dal voler giustificare questo governo, però, devo dore le cose come stanno: se uno vive di più deve prendere la pensione dopo, o la prende prima ma più bassa.....lo so che questo porta ad un meno elevato ricambio generazionale(in realtà si tratta di pochi anni, ma è lo stesso) ma dare la pensione prima, con un'aspettativa di vita che aumenta(dati Istat, non pizze e fichi) significa far percepire la pensione per più tempo, con un ulteriore depauperamenteo delle casse dello stso(che già stanno messe bene), quindi l'aumento dell'età pensionabile è inattaccabile sotto ogni punto di vista: o ci si lamenta del deficit e si aumenta l'età pensionabile, o si ci lamenta dell'aumento dell'età pensionabile(con buona pace del deficit che aumenta), non ci sono alternative. Solo prima di scrivere un post, su un blog a così ampia diffusione come quello di Beppe(che seguo e condivido per un 90% delle cose) informatevi. Sennò lasciate fare a chi è più informato di voi. Buon lavoro.

Stefano_M 01.07.10 18:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE
SIAMO UN CIVITA' DI NONNI ARROGANTI CHE NON SANNO DOVE CAVOLO SONO GIRATI,ED ANCHE LEVARSI DALLE P...E E' DIVENTATO UN OPTIONAL,GRAZIE AL MERCATO DEL LAVORO!!!!!!!
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 01.07.10 18:31| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori