Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Caccia al jogger


caccia_in_Lombardia.jpg
Per correre in un bosco bisogna farsi precedere da un mezzo in movimento con allarme sonoro. Un'autoambulanza ad esempio, che può essere utile anche nel caso si venga impallinati.
"Caro Beppe, mi permetto di segnalarti l'assurda situazione che si vive in Italia per la caccia. Corro da 25 anni, e amo farlo nei boschi, in montagna, al mare e in campagna, lo faccio per 12 mesi all'anno, ma ti confesso che quando apre la caccia ho paura. E il 19 settembre aprirà la caccia. Finora mi è andata bene, ma fino a quando potrà essere così? Dove si pratica la caccia, e cioè appena lontano dalle grandi città, ma poi nemmeno così lontano, i cacciatori fanno quello che vogliono, incluso essere prepotenti. Spesso, a seguito di mie lamentele rivolte a gruppi di cacciatori che, fucili imbracciati, miravano alle ombre, sono stato insultato e minacciato di morte, ed io ero armato solo delle mie scarpe da running. Due giorni fa, perlustrando la periferia di Cantù, verso nord, alla ricerca di nuovi sentieri per allenarsi, mi sono imbattuto in un "roccolo" con postazione metallica in piena efficenza. Questo posto è raggiungibile facilmente da chiunque voglia farsi una passeggiata in mezzo alla natura. Ma l'elenco è purtroppo interminabile. Non aggiungo altro. Se vorrai scrivere un articolo, lo farò girare all'infinito... Grazie e buona corsa a tutti." Daniele P.

24 Ago 2010, 17:21 | Scrivi | Commenti (70) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

C'è più dignità nella vita-e nella morte-di un animale d'allevamento o in quella di uno vissuto libero? Nella vita/morte di un uno da allevamento intensivo in gabbie o di uno ruspante in una fattoria in mezzo al verde?

E' meglio lasciare in sovrannumero nei boschi specie infestanti(es.cinghiali)o dargli la caccia sostituendoci ai loro predatori naturali(es.lupi)la cui scomparsa NOI con distruz.habitat e bracconaggio abbiamo causato?

Gli ecologisti/animalisti della domenica possono difendere gli animali e mangiarli? Oppure devono starsene zitti?

E il cacciatore"sportivo"della domenica può paragonarsi alla fierezza dei predatori naturali,o anche solo all'ingegno di un indio amazzonico che caccia non col fucile ma con arco e frecce costruiti da lui?Oppure deve starsene zitto?

Nell'attesa di trovare risposta a queste e altre domande,e dopo aver visto nella mia vita animali uccisi in tutti i modi,non solo in video(vedi infanzia con nonni contadini che accoppavano conigli, galline oche persino agnelli davanti ai miei occhi)in età adulta ho preso la decisione di diventare vegetariana.

La sono ormai da dieci anni, sto benissimo, non sono integralista ma cerco di migliorarmi sempre+.

Anche se il mondo non è ancora pronto a un'economia vegetariana o semi-vegetariana(non lo è ANCORA)

Anche se alcune specie come il maiale esistono solo perchè mangiamo carne(meglio molti meno ma usati come compagnia o cercatartufi)

Diventare cacciatori/allevatori ha fatto parte milioni di anni fa dell'evoluzione umana, ridurre/sostituire il consumo di carne(che in termini d economia,ecologia,salute,&personalmente anche morali ci costa tantissimo)ne fa parte adesso.

O almeno scegliere carne"biologica"-es.polli allevati a terra,evitare i cuccioli(es.agnelli),pretendere leggi a tutela di vita e trasporto degli animali(ad oggi solo al momento della morte hanno diritto di non soffrire) e aderire a comitati contro la caccia e a difesa del territorio, grazie del link Beppe!

Silvia B. 26.08.10 10:20| 
 |
Rispondi al commento

In un tempo ormai remoto, si cacciava per vivere, per sopravvivere. Da anni , la caccia, più che uno sport , è diventato un massacro di animali , di rovina dell' ambiente...Sono pochi, i veri cacciatori, che rispettano la natura e non scaricano la loro aggressività contro animali, spesso indifesi (i cinghiali, non so se posso definirli tali ma hanno il diritto di vivere come tutti gli altri , nel loro ambiente) .Ci sono cacciatori che paiono molto simili ai soldati in Afghanistan, per come sono attrezzati. Ma, a quanto pare, nella 'nostra' Nazione, tutto quello che non è corretto, è diventato legge.Se questo, è un modo di esercitare la democrazia, dite Voi...ciao.

Ireneo G., Fermo Commentatore certificato 25.08.10 20:05| 
 |
Rispondi al commento

i migliori psichiatri e psicologi del mondo confermano che i cacciatori (tutti) sono dei potenziali assassini e hanno dei seri disturbi mentali..
io ne conosco un pò di questi rambo-poveracci e posso dire che "il cacciatore medio" é una persona molto pericolosa, vigliacca, il classico padre-padrone violento sia con le mogli che con i figli, prepotenti e un sacco ignoranti..
spero che la caccia venga abolita il prima possibile.

daniele filipponi 25.08.10 19:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma ca ***** ti salta in testa di svelare questo magnifico posto? Adesso ci faranno sicuramente un'autostrada a due metri o un village.

Antonio Lasarre 25.08.10 18:31| 
 |
Rispondi al commento

sono stata molto molto male per questi esseri di merda che nn sanno cosa sia la natura, e la bellezza della libertà!!
E sappiate che io nn mi chiuderò in una squallida topaia, e voglio vedere tutti gli animali liberi, perché noi siamo nati liberi!!
Voglio che tutti possano essere liberi,io che preferisco sempre il mare della Liguria a una squallida piscina, sia pure bellissima, come quella di Susa!! ( Lo so che non c'entra niente, ma se ci pensate, un po' c'entra!! w la natura!!)
Voglio gridare contro questo squallido mondo che gli animali bisogna lasciarli liberi di vivere, e di correre, e non massacrarli a colpi di fucilate!!
Grazie, Beppe, avevo bisogno di un po' di sfogo!!

Ilaria Arri 25.08.10 17:16| 
 |
Rispondi al commento

la legge 157/92 art 21 sancisce che è "vietato l'esercizio venatorio [...] nelle zone comprese nel raggio di 100 metri da immobili, fabbricati e stabili adibiti ad abitazione o a posto di lavoro e a distanza inferiore a 150 metri da vie di comunicazione [...]; sparare da distanza inferiore a 150 metri [...] in direzione di immobili, fabbricati [...] vie di comunicazione"

questo significa che il cacciatore DEVE avere uno spazio minimo di 250 METRI da case o strade (150 per poter sparare + 100 alle spalle) ipotizzando che, mirando ad una preda in fuga, NON spari ruotandosi a 360 gradi. Essendo realisti, la distanza deve quindi essere di ALMENO 300 metri da case o strade, e non si sposti di un metro, sltrimenti le distanze non sussistono più.
Se con google earth scegliete una zona in campagna e misurate lo spazio libero a più di 250 o 300 metri da case e strade (a seconda si volglia essere fedeli alla lettera o realisti) vedrete che resterebbe ben poco di territorio "cacciabile". Sappiamo bene che la campagna italiana non è il Texas!
Il problema è che il numero di tessere per i cacciatori è proporzionale alle aree in cui la caccia è consentita...
Purtroppo le province aprono alla caccia MOLTI più territori di quanto CONSENTIREBBE la legge, perchè NON tengono conto delle distanze di sicurezza il cui rispetto è deputato ai cacciatori stessi!
Ovviamente io abito in una valle tra le colline di Asti in cui non sussistono le distanze minime imposte dalla legge e ho avuto modo di fare un bel book fotografico ai cacciatori a 20 metri da casa!!
Metto a disposizione di Beppe Grillo le foto offro ulteriori approfondimenti.
Apriamo pure una bella campagna, anche europea, per il rispetto della SICUREZZA innanzi tutto, più che contro la caccia in sè, la quale mi vede ovviamente contrario anche per motivi animalisti.

ruggero c 25.08.10 16:56| 
 |
Rispondi al commento

Confermo che anche nella mia zona, i responsabili del parco dell'adamello e i guardiacaccia o responsabili di vario grado sono praticamente tutti cacciatori, la caccia al cervo e altri grossi animali in alta valle non è assolutamente controllata.
I controllori sono gli stessi che vengono controllati da se stessi a voi ogni conclusione

Marco B., Sonico BS Commentatore certificato 25.08.10 15:35| 
 |
Rispondi al commento

I cacciatori sono persone serie. Non parlano, sparano. Quindi, è necessario essere altrettanto seri e credibili, cioè impallinare i cacciatori. Attaccare, insomma, altrimenti si fa brutta figura.

Fausto Vittorio Chierchini 25.08.10 15:23| 
 |
Rispondi al commento

Uno sport distingue chi lo pratica per il coraggio. Ma in ogni ambito vi è l'eccezione che conferma la regola e la caccia è lo "sport" dei vigliacchi. Se i cacciatori sono politicamente forti lo devono alle potenti lobbies e multinazionali delle armi (e cartucce) che li sostengono. Nelle chiese è vietato l'ingresso agli animali...i cacciatori sono invece i benvenuti, anche con tanto di benedizione prima della caccia.

sandro petrini 25.08.10 15:23| 
 |
Rispondi al commento

"Il parroco impallinato sarebbe stato impallinato anche se la caccia era
abolita: è stato un bracconiere a centrarlo.
X il resto la caccia ha delle regole scritte e altre dettate dall'etica.
Come spesso succede in Italia, nel paese dove tutto si sistema a tarallucci
e vino, le regole non vengono rispettate, le persone che devono vigilare
non vigilano e l'etica x alcuni è una sosteanza contenuta in certi
alimenti.
Molte persone di una certa età dovrebbero sostenere un esame più severo di
quello x il rinnovo della patente. Per chi non lo sapesse l'abilitazione al
porto d'armi viene effettuato dallo stesso medico e con le stesse modalità
del rinnovo patente di guida.
I guardiacaccia si dice siano i primi bracconieri e a sentirli parlare
credo che un pizzico di verità ci sia. Quando chi deve controllare è il
primo a violare le regole il gioco è fatto.
Se poi pensate che molti cacciatori rischiano una condanna penale x la
detenzione di un registratore da richiamo e prestano mille attenzioni a non
lasciare l'auto in divieto di sosta 5 minuti x paura di una semplice multa
da qualche decina di €...beh questo dovrebbe far riflettere
sull'intelligenza di alcune persone che si aggirano nei boschi con un arma
da fuoco.
A TUTTI QUELLI CHE VOGLIONO ABOLIRE LA CACCIA xchè non è uno sport ed è da
vigliacchi:
ok non è sport ma passione che si ha dentro e come tutte le passioni se ben
coltivate non recano danno, anzi. Poi mi piacerebbe che prima di dar contro
alla caccia facciate le stesse rimostranze contro coloro che hanno
cementizzato l'ITALIA, contro le fabbriche che scaricano di tutto nei
nostri fiumi(i pesci, anche loro sono animali), contro l'agricoltore che
invece di recintare la propria zona preferisce eliminare colui che arreca
danno(tassi istrici volpi lepri caprioli), chi lascia vagabondare i cani
nei boschi che SPESSO abbattono i caprioli.
E quando si trovano delle trappole tipiche dei bracconieri PRIMA si
distruggono POI si chiama la fores

roberto malpassi 25.08.10 14:48| 
 |
Rispondi al commento

Avendo tu sporto denuncia presso il Comando Carabinieri tutto le intimidazioni e fastidi continui a tuo danno da parte dei cacciatori non fanno che denigrare l'Arma che se n'è fatta carico. Questo dimostra quanto i cacciatori siano delinquenti organizzati che possono sbeffeggiare le forza dell'ordine impunemente.

sandro petrini 25.08.10 14:41| 
 |
Rispondi al commento

ciao anch'io sono pescatore, ma al contrario di te non sono favorevole alla caccia. Alla base di questo c'è la semplice ragione che non sopporto l'idea di poter essere impallinato dal primo stronzo che passa, magari proprio sulla mia proprietà.

Enrico Zanetti, Verona Commentatore certificato 25.08.10 14:29| 
 |
Rispondi al commento

pietro celotti sei solo un primitivo

pirluigi v., guaynabo pr Commentatore certificato 25.08.10 13:45| 
 |
Rispondi al commento

Anni fa un ragazzo "cacciatore" sparava verso casa mia da una distanza di 85 metri, misura effettuata dai carabinieri (la regola ne chiede almeno 150!) e si comportava come Rambo: si metteva di schiena contro un albero, poi, improvvisamente si gettava a terra sparando contro non si sa cosa perchè dietro un albero e di schiena non è che si veda granchè. I pallini arrivavano sulla mia abitazione e giungevano anche in strada dove dei bambini gridavano basta sparare. Chiamai i carabinieri mentre il cacciatore andava a nascondere il fucile dietro a delle pietre e gli uccelli, uccisi nelle ore precedenti (TUTTI UCCELLI PROTETTI!)dentro la buca delle lettere della propria abitazione.
E' stato chiamato a rispondere dei reati, io non sono stato chiamato a testimoniare, e non so come sia andata a finire, so solamente che il padre è venuto alle 11 di sera, in una notte di nebbia, a minacciarmi accompagnato dalla moglie e, naturalmente, avvisando del "mio" misfatto tutti gli amici cacciatori che, da quel giorno, passano vicino alla mia abitazione (non solamente alla mia perchè è inserita in un quartiere e non è isolata) e sparano colpi in aria.
Un altro episodio è il seguente:
un gruppo di cacciatori ha comprato dei fagiani d'allevamento, ha portato la gabbia nel campo dietro casa mia, si sono disposti in cerchio ed a turno lanciavano verso l'alto questi poveri animali con le zampe legate. Immediatamente uccisi da una decina di doppiette che sparavano simultaneamente. "Spero che la caccia duri tutto l'anno così ogni giorno che passa sentiremo che i cacciatori si sono sparati fra di loro!".
In questo momento sto pensando al povere prete che ci ha rimesso la vita.
Tutto il centro destra fa a gara per allungare il periodo della caccia ed a diminuire il numero di specie protette; il pdellino Orsi ne è la prova.

Elle. Esse. 25.08.10 13:18| 
 |
Rispondi al commento

italiani!!!!
votate LEGA!!!
continuate a votare LEGA!!!!
tutti si lamentano del cainano e del bossoli, ma qualcuno li avrà pur votati?!
mi domando come faccia un cattolico a votare LEGA.
E' un mistero.
O forse la risposta sta nel bassissimo livello culturale medio dell'italiano medio.

Paolo R., Padova Commentatore certificato 25.08.10 11:42| 
 |
Rispondi al commento

anche io corro spesso in boschi e campagne e quando apre la caccia c'è da aver paura. Dire che i runners sono nel posto sbagliato è un'assurdità, io vado a correre e faccio uno sport che non comporta danni per nessuno, chi caccia ammazza bestie in maniera gratuita e inutile. Certo, questa è la mia opinione, l'opinione di uno a cui la caccia non piace. Non sono però per l'abolizione, andrebbe regolamentata e sorvegliata ondevitare incidenti stupidi ma molto pericolosi.

Paolo M. 25.08.10 11:25| 
 |
Rispondi al commento

raccogliamo le firme per l'abolizione della caccia !! , come ti vietano di bere quando sei al volante come possono permetterti di sparare dove e quando vuoi ? ( che si creino delle aree esclusivamente per i cacciatori)

Gabriele Motteran 25.08.10 11:13| 
 |
Rispondi al commento

sono un impiegato della provincia di bari con l'obbi della campagna, durante la raccolta delle olive che coincide con l'apertura della caccia, mentre mi trovo con la scala sugli alberi sento i pallini delle cartuciie dei fucili da caccia che mi passano da vicino, per fargli capire che non sono un uccello grido e bestemmio "vaffanculoooo". questo è un altro esempio della libertà solo apparente che asiste oggi in italia, non si è liberi di lavorare in santa pace nemmeno nella propria proprietà

michele monno 25.08.10 10:28| 
 |
Rispondi al commento

visto che ai cacciatori non si può eliminare il bisogno fondamentale dello sparo, proporrei di sperimentare un nuovo tipo di caccia.

Anzichè sparare a degli animali che hanno la fuga come unica difesa, potrebbero provare a cacciarsi tra di loro: il migliore torna a casa la sera, gli altri rimangono nel bosco e pazienza se è andata male.

alberto como 25.08.10 09:56| 
 |
Rispondi al commento

O prode cacciator
se proprio tanto ci tieni
ad un uccello sparare
perche' non cominci dal tuo ?
Lo so che non fa rima..ma rende l'idea

gianni f., varallo s. Commentatore certificato 25.08.10 08:30| 
 |
Rispondi al commento

Come al solito si spara a zero sulla caccia, coi soliti luoghi comuni che il cacciatore è cattivo..crudele... ecc... ma io dico ..ragazzi nel periodo di caccia con tutti i posti hc eci sono per andare a correre dovete proprio andare nei boschi...?? Non lamentatevi se avete paura..per forza... siete voi nel posto sbagliato non i cacciatori!! Al di la che uno sia favorevole o meno alla caccia.. dal momento che adesso esiste questa possibilità è ovvio che è pericoloso andare nei boschi a correre .. o a accolgliere funghi senza un giubotto ad alta visibilità... volete un consiglio spassionato...?? Se ci tenete a non finire sul giornale come "impallinato per errore " è meglio cambiare aria e fare le proprie battaglie contro la caccia da un altra parte.. e poi dai un po di rispetto anche per chi non la pensa come voi.. non è cosi difficile!! Anche chi raccolgi funghi uccide quelle "povere piantine" o chi corre calpesta la tenera erbetta dei boschi e magari uccide anche qualche scarafaggio.. non vi incazzereste anche voi se mentre fate queste cose un fan sfegatato del WWF venisse li a farvi la predica su 2quanto siete crudeli a uccidere formiche e strappare i poveri funghi?

daniele l., modena Commentatore certificato 25.08.10 08:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io e la mia famiglia abbiamo la tradizione/abitudine di andare a raccogliere le castagne nei boschi alla fine di ottobre,e spesso ci siamo imbattuti in " branchi " di cacciatori.Per evitare di essere impallinati dal fuoco amico, ci dobbiamo mettere i giubbotti ad alta visibilità, tenere sempre pronto un fischietto e parlare ad alta voce! Una volta, abbiamo visto un povero cinghiale morto (e con il naso che ancora gocciolava sangue) sul pick-up di uno di loro: le mie bambine, nonostante siano passati tre anni, si ricordano quella scena orrenda! Inoltre, i cacciatori, sono ritenuti i principali razziatori degli orti e dei frutteti non sorvegliati o recintati... Altro che uccelli ,cerbiatti e cinghiali!

Clelia B., Mezzani Commentatore certificato 25.08.10 08:02| 
 |
Rispondi al commento

Basta con questa merda di caccia... E' pericolosa fa schifo.. Basta

Igor Igor 25.08.10 05:19| 
 |
Rispondi al commento

pochi individui possono ritenersi dei giusti nei confronti della natura: quanto inquiniamo, quanta insetticida, quanta indifferenza dei canili, degli allevamenti intensivi, dei mattatoi, di tutti gli animali uccisi per la strada, maltrattati ecc.
forse san francesco d'assisi potrebbe.

credo che la caccia sia pericolosa: regolamentare e controllare chi la pratica è indispensabile;
chi fa l'arrogante con un fucile in mano merita di non fare mai centro.
e chi crede che la caccia sia uguale alla pesca si sbaglia perchè dovrebbe usare una lenza con tanti ami quanti i pallini di una cartuccia, oppure il cacciatore potrebbe usare arco e freccie o magari una fionda o una cerbottana, forse alora si che la caccia sarebbe paragonabile alla pesca sportiva.

sono figlio di cacciatore e amo pescare la mia famiglia preferisce mangiare quello che abbiamo catturato rispetto a qualche galletto di rosticeriao o trota di allevamento.

pochi individui possono ritenersi dei giusti nei confronti della natura: quanto inquiniamo, quanta insetticida, quanta indifferenza dei canili, degli allevamenti intensivi, dei mattatoi, di tutti gli animali uccisi per la strada, maltrattati ecc.
forse san francesco d'assisi potrebbe

francesco miele 25.08.10 04:17| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera a tutti,

Sono un pescatore di 23 anni e sono favorevole alla caccia.

Come in tutti i campi (lavoro, scuola, sport) ci sono persone non rispettose delle leggi e della buona morale, non per questo dobbiamo bloccare tutto.

Dobbiamo scovare questi individui e denunciarli alle autorità competenti.

Nella mia piccola informazione (è questa che conta per agire e migliorare e non IL FATTO GIORNALIERO per lamentarci e rimanere uguali)ritengo che la caccia e la pesca siano fondamentali (se tutelate da leggi che vengano rispettate)per l'equilibrio naturale di specie e vegetazione.

Vi ringrazio per la Vs. cortese attenzione, porgo cordiali saluti.

Luca I 25.08.10 01:33| 
 |
Rispondi al commento

La caccia su proprietà privata è già proibita da una legge Europea, peccato che in bananilandia non è stata ancora recepita.

http://www.no-alla-caccia.org/lacacciafolliaumana/cacciaeproprietaprivata/index.html

Nel codice europeo dei diritti dell’uomo si legge:

“Ogni persona ha il diritto di godersi la sua proprietà in pace.”

Vogliono andare a caccia? Lo facciano a casa loro, nel loro giardino, non su proprietà private altrui.
Spesso oltre a fare danni RUBANO frutta, ortaggi, e animali dei proprietari dove esercitano la caccia.

Pino Otto 25.08.10 01:10| 
 |
Rispondi al commento

Proposta di legge, una volta al mese i cacciatori diventano prede e i non cacciatori (runner, ciclisti ecc.) li inseguono con dei randelli, se sopravvivono possono cacciare un'altro mese :-)

Vittorio G 25.08.10 00:10| 
 |
Rispondi al commento

anch'io ho lo stesso problema con la monten bike sui sentieri lungo il fiume o nelle stradine di campagna c'è il pericolo di essere impallinati finora mi è andata bene hanno sparato in aria e una pioggia di pallini saldi mi è piovuta adosso tutto questo a tezze sul brenta invece sull'altipiano di asiago mi hanno intimato di girare sulle strade asfaltate se non volevo prendermi una palla sulla testa.....così ho cambiato a bicicletta spererei che la potente associazione dei cacciatori mi rimborsassero la spesa almeno in parte. mario schiavon via antonibon 3 bassano del grappa

mario schiavon Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 24.08.10 23:15| 
 |
Rispondi al commento

La caccia la stragrande maggioranza degli italiani non la vuole.Cio' per svariatissimi motivi.E' pericolosa.In campagna si rischia di essere ammazzati.E' diseducativa perche' non e' concepibile permettere una strage di uccelli.Infatti ogni cacciatore puo' abbattere un numero assurdo di ad esempio anatre.E' dannosa all'ambiente ed alla agricoltura.Allora diciamo facciamo un referendum che abolisca la caccia se i favorevoli alla caccia non dovessero superare il dieci per cento .Se al contrario i favorevoli raggiungessero il dieci virgola uno per cento le cose rimarrebbero come sono.Mi sembra ragionavole.Un nove e novantanove per per cento non ci potra' imporre la caccia.

francesco saldutti (frazzx), napoli Commentatore certificato 24.08.10 22:42| 
 |
Rispondi al commento

Il parroco impallinato sarebbe stato impallinato anche se la caccia era abolita: è stato un bracconiere a centrarlo.
X il resto la caccia ha delle regole scritte e altre dettate dall'etica. Come spesso succede in Italia, nel paese dove tutto si sistema a tarallucci e vino, le regole non vengono rispettate, le persone che devono vigilare non vigilano e l'etica x alcuni è una sosteanza contenuta in certi alimenti.
Molte persone di una certa età dovrebbero sostenere un esame più severo di quello x il rinnovo della patente. Per chi non lo sapesse l'abilitazione al porto d'armi viene effettuato dallo stesso medico e con le stesse modalità del rinnovo patente di guida.
I guardiacaccia si dice siano i primi bracconieri e a sentirli parlare credo che un pizzico di verità ci sia. Quando chi deve controllare è il primo a violare le regole il gioco è fatto.
Se poi pensate che molti cacciatori rischiano una condanna penale x la detenzione di un registratore da richiamo e prestano mille attenzioni a non lasciare l'auto in divieto di sosta 5 minuti x paura di una semplice multa da qualche decina di €...beh questo dovrebbe far riflettere sull'intelligenza di alcune persone che si aggirano nei boschi con un arma da fuoco.
A TUTTI QUELLI CHE VOGLIONO ABOLIRE LA CACCIA xchè non è uno sport ed è da vigliacchi:
ok non è sport ma passione che si ha dentro e come tutte le passioni se ben coltivate non recano danno, anzi. Poi mi piacerebbe che prima di dar contro alla caccia facciate le stesse rimostranze contro coloro che hanno cementizzato l'ITALIA, contro le fabbriche che scaricano di tutto nei nostri fiumi(i pesci, anche loro sono animali), contro l'agricoltore che invece di recintare la propria zona preferisce eliminare colui che arreca danno(tassi istrici volpi lepri caprioli), chi lascia vagabondare i cani nei boschi che SPESSO abbattono i caprioli.
E quando si trovano delle trappole tipiche dei bracconieri PRIMA si distruggono POI si chiama la forestale.

roberto malpassi 24.08.10 22:39| 
 |
Rispondi al commento

Salve sono solidale con il runner, oltre perchè pratico questo sport bellissimo, ma avendo un altra passione la M.T.B. ed percorrendo percorsi sterrati mi capita la stessa cosa che capita al RUNNER . Lo posso capire benissimo , spero che abboliranno la caccia, o, quanto meno limitare a periodi cortissimi.

Sabino Di Giacomo 24.08.10 22:09| 
 |
Rispondi al commento

tutto vero, io ho un terreno vicino ad un bosco, e coi cacciatori non ho un gran rapporto, specialmente con quelli della domenica, che vanno in campagna per farsi notare e poi si fanno di birra e vino, e giù alla prima ombra che passa, al primo fruscìo, peccato non ci sono controlli, nè etilometri e relative multe.
Perchè se è pericoloso guidare e bere, peggio imbracciare un fucile carico..
Mirco

MIRCO TARLONI 24.08.10 22:06| 
 |
Rispondi al commento

..............é difficile trovare così tante persone poco intelligenti e che non capiscono niente di caccia...........ma adesso le ho trovate!!!!!!!!!!!!!!!!
non si può giudicare la caccia senza conoscerla..........e non tutti i cacciatori sono uguali!!!!!!!!
io ho più paura di girare x i centri storici delle città che per i boschi, e sicuramente è più pericoloso andare in autostrada con l'automobile che passeggiare per i nostri monti.
tutti noi abbiamo le nostre passioni, e tutte sono diverse.............cerchiamo di rispettarle e di rispettare le regole (anche di educazione)

pietro

pietro celotti 24.08.10 22:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

inviterei soltanto a non fare di tutta l'erba un fascio..... vorrei solo sottolineare che esiste una sostanziale differenza tra un vero cacciatore e qualche maleducato bracconiere........
ci sarebbe tanto da dire in proposito, mi limito solo a questo piccolo commento
graie

giacomo a 24.08.10 21:46| 
 |
Rispondi al commento

Mi domando, che si mangiano quando hanno ammazzato un povero uccellino?
Un sacco di lavoro per spennarli, sono solo
ossicine che gli possono restare di traverso(magari?) e poi imbottito di piombo che e'
un metallo toxico, ma dimmi un po' che cazzo ti mangi?
....Ma comprati un pollo! che costa tanto quanto quel colpo che spari!

Elio T. 24.08.10 21:21| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe e ciao a tutti. Le multinazionali della caccia armi, attrezzature, vestiario sono molto influenti politicamente al pari quasi di assicurazioni, banche ecc. Fino a quando i bambocci politici non applicheranno restrizioni alle leggi, non dico tutti ma l'80% dei cacciatori ignoranti e barbari avranno vita facile. Per di più qualche politico imbecille vuole aprire la caccia tutto l'anno. Spero nell'educazione delle nuove generazioni è l'unica arma che abbiamo per far chiudere questa disciplina. Parlo da figlio di un cacciatore appassionato nella giusta maniera e conoscitore di tanti fanatici cacciatori.

Giovanni Clemente 24.08.10 20:28| 
 |
Rispondi al commento

Stimato Beppe

Quando si potra` vietare totalmente la caccia in Italia con un`altro eventuale referendum?

pirluigi v., guaynabo pr Commentatore certificato 24.08.10 20:19| 
 |
Rispondi al commento

O cacciatore, perchè all'uccel tiri quando a tè l'uccel non tira!!!!!

Ezio Pezzè 24.08.10 20:17| 
 |
Rispondi al commento

I CACCIATORI SONO MERDE FUMANTI.

CHARLES BUKOWSKI

HANCK BUKOW (hanck17) Commentatore certificato 24.08.10 20:09| 
 |
Rispondi al commento

La cosa migliore sarebbe che si sparassero un colpo in testa. questi omuncoli impotenti che si sentono forti con un arma in mano e che uccidono divertendosi andrebbero fermati!

Ronnie Ansaldo Commentatore certificato 24.08.10 19:56| 
 |
Rispondi al commento

i caccaitori sono gente di cui diffidare, perchè che fa questo agli uccelli, prima o poi finirà col farlo alle persone

Massimo esposito 24.08.10 19:55| 
 |
Rispondi al commento

Da due anni ho cambiato casa...quando è periodo di caccia, poichè mi trovo a circa 80-100 metri da un bosco (tra l'altro area protetta che si trova nel parco del Lura nel Comasco)...mi vibrano le finestre di casa a causa degli spari. Inoltre ho paura per il mio gatto...
Dove vivevo prima invece ero vicino cas ad alcuni cacciatori, che allevavano gli uccelli in uno sgabbuzino per poi liberarli e sparagli(cose strane della vita). Inoltre avevano tre cani da caccia che tenevano sempre chiusi, spesso maltrattati e che erano per di più rumorosi. Mi hanno causato un mezzo esaurimento nervoso dovuto alle notti insonni (e anche alle continue litigate)...ma quand'è che l'aboliscono questo "sport"???.
A mio parere la caccia deve essere consentita solo ed esclusivamente per tenere a bada animali pericolosi tipo cinghiali quando sono in sovrannumero e pericolosi....

Donato G., Como Commentatore certificato 24.08.10 19:52| 
 |
Rispondi al commento

http://www.youtube.com/watch?v=-GE8MMT2YGs&feature=related


Articolo 31 - Gente che spera

è inutile (tutto), Roma Commentatore certificato 24.08.10 19:37| 
 |
Rispondi al commento

Quando avevo 12 anni circa, io e due cugini siamo stati colpiti da un cacciatore! Fortunatamente eravamo a circa 150 metri di distanza e appena abbiamo sentito lo sparo ci siamo riparati la testa con le mani ed è passato tutto con qualche livido alle braccia.
Il problema è che i cacciatori sparano a tutto quello che si muove e di tanto in tanto si sparano pure tra di loro.

Antonio Moro, Cassola Commentatore certificato 24.08.10 19:23| 
 |
Rispondi al commento

Voglio fare un "roccolo" per lo psiconano.E uno più grande per i suoi compari.

gianantonio d., vicenza Commentatore certificato 24.08.10 19:19| 
 |
Rispondi al commento

Mi piacciono i fucili per via della loro forma, ma non ho mai sparato, ho paura delle armi da fuoco.
Mi piace andare a caccia per catturare gli uccelli con la mia macchina fotografica.
A volte partecipo al softair per poi discutere della mia "morte" in pizzeria con gli amici.

Chiamate pazzo, ma l'unico motivo per cui concepisco la caccia, (intesa con l'uccisione del bestia) è per sopravvivenza e non per sport.

Puoi chiamare la morte in ogni modo, ma non sport.

Stefano GAsperetti 24.08.10 19:13| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
UN PRETE DI LONGARONE,DON FRANCESCO CASSOL, IN RITIRO SPIRITUALE E' STATO UCCISO DA UN CACCIATORE IN PUGLIA CHE LO HA SCAMBIATO PER UN CINGHIALE,NON VORREI IMMAGINARE COSA POSSONO SCAMBIARE CHI FA' JOGGING,PER COSA LO POSSO SCAMBIARE,MA NUTRO SERI DUBBI SULL'INTELLIGENZA DEGLI STESSI CACCIATORI
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 24.08.10 19:00| 
 |
Rispondi al commento

I CACCIATORI SONO DELLE MERDE !!!

W il Jogging .

Carlo Carli - Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 24.08.10 18:42| 
 |
Rispondi al commento

Mi spiace ragazzi,ma ho dovuto interrompere la mia visione di quel video a 10 secondi quanti sono bastati per provare il mio disgusto assoluto..aprire la caccia non è una pessima idea,ma ai caciatori!!!Muniti di giubotto antiproiettili,m16 con torcia integrata e occhiali infrarossi in modalità notturna...

Caruso Daniele, Genova Commentatore certificato 24.08.10 18:35| 
 |
Rispondi al commento

i cacciatori sono persone pericolose , io li ho visti spararsi addosso per una preda cotesa ...il fatto è che non vengono controllati da nessuno ...magari mezzi ciechi vanno in giro a sparare, dai da una persona ad un cinghiale la differenza è tanta!!!

Panino A. 24.08.10 18:33| 
 |
Rispondi al commento

né di sinistra né di destra: semplicemente avanti!

Letizia Magni 24.08.10 18:16| 
 |
Rispondi al commento

Chiudere la caccia!

mario l., bari Commentatore certificato 24.08.10 18:11| 
 |
Rispondi al commento

La caccia è lo specchio della nostra società xenofoba: devono prendersela con tutti, e pestare chi non la pensa come loro. Uccellini compresi.

Tiziana S., Milano Commentatore certificato 24.08.10 18:06| 
 |
Rispondi al commento

anche sostare per la notte, a quanto pare, può essere fatale! Basti vedere che fine ha fatto il povero parroco del mio paese, impallinato perché scambiato per un cinghiale.

Gabriele L. 24.08.10 18:00| 
 |
Rispondi al commento

Siamo in itaglia, la soluzione è semplice.
Se capiti in uno di questi posti frequentati da cacciatori, trova le loro macchine, buca tutte le gomme e vedrai che difficilmente torneranno in quelle zone.

Dario Lampa 24.08.10 17:51| 
 |
Rispondi al commento

Facendo il geometra se mi trovo nei campi a misurare mi cago sotto pure io... E io che amo la natura mi da pure fastidio questo pseudo sport, non è uno sport, se diamo i fucili anche agli animali è uno sport, nello sport si gareggia contro un avversario con pari opportunità, qui non vedo come possano difendersi gli animali... ogni discorso è inutile, sarebbe da prendere anche noi un fucile e andare a caccia, sì a caccia di cacciatori, tho guarda un magnifico esemplare di Sapiens Strozus... PHAM...

Massimo Rui 24.08.10 17:48| 
 |
Rispondi al commento

Di quanto siano pericolosi e sconsiderati i cacciatori ne abbiamo svariate prove, l'ultima delle quali è l'uccisione del scaerdote nella Murgia. Ma vi pare possibile morire con una fucilata nell'addome per il semplice fatto di aver scelto di dormire in un sacco a pelo? Non ci sono parole, purtroppo quella dei cacciatori è una lobby potentissima ed inattaccabile.

Enrico Piazzano 24.08.10 17:43| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori