Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Celiachia federalista


pasticcini_al_cocco.jpg
Le intolleranze alimentari sono un lusso che non tutti gli italiani si possono permettere. Dipende dove abiti. Il buono per i celiaci su base regionale è una grande conquista del federalismo.
"Ciao...io non so chi leggerà e quando questo mio piccolo sfogo ma vorrei far presente un problema italiano legato alla sanità: la CELIACHIA. Io sono celiaca, parlo per esperienza: siamo truffati. 22 euro al kg di pane, 7 euro un kg di farina, 3,50 euro 2 etti e mezzo di pasta...e bada bene. Non abbiamo scelta. Voglio una pizza? Sborso altri 7 euro e voilà...una margherita!! Siamo impazziti? Lo Stato ci dà dei buoni per comprare queste cose ma per l'importo dipende se siamo uomini, donne o bambini. E in che regione abitiamo. Senza parlare delle farmacie in cui facciamo 'la spesa' che alzano i prezzi a piacere....Non ho scelto di diventare celiaca ma scelgo di incazzarmi a dovere per ciò che vedo. Grazie per lo spazio che ho potuto utilizzare....". Cinzia

16 Ago 2010, 19:54 | Scrivi | Commenti (52) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

É vergognoso per i prezzi così alti, bisogna fare qualcosa

Salvatore bata 19.06.14 13:38| 
 |
Rispondi al commento

"Salve a tutti, sono un farmacista titolare, sono pienamente d'accordo con gli utenti riguardo i prezzi
abnormi dei prodotti senza glutine, ma vorrei fare un minimo di chiarezza.
Il prezzo di tali prodotti è fissato da un prontuario nazionale , alla
stessa stregua dei medicinali. Tale prezzo ovviamente non è imposto , ma lo
sconto che le ditte riservano alle farmacie di solito non supera il 25% che
considerando le montagne di prodotti che si è costretti a buttare per la
rapidissima deperibilità, il costo del personale (senza nulla togliere allo
scaffale, penso che un professionista sia sempre meglio), e le tasse che le
farmacie pagano fino all'ultimo € mentre le varie coop.......,non è altro
che un servizio che si mette a disposizione e di sicuro non è molto
remunerativo. Inoltre spesso le differenze tra marche e prodotti e
conseguentemente costi ci sono.Secondo le leggi vigenti il marchio della
spiga barrata ossia s/glutine si può mettere a patto che il tasso di
glutine sia inferiore ad quantitativo X, ciò non significa che sia
TOTALMENTE privo di glutine, pertanto prodotti certificati e garantiti
SENZA glutine ( e quindi inseriti nelle liste del ministero come
rimborsabili ) ovviamente hanno costi più elevati.Inoltre una cosa che mi
ha fatto riflettere è stata la denuncia seguita da condanna a carico " del
commesso"( sicuramente lui aveva tutto l'interesse a farlo???? ) di un
supermarket di Grosseto dove si facevano offerte sulla pasta s/ glutine ma
in realtà era pasta normalissima.Disponibile a qualasiasi confronto.a
presto
"

roberto romanis Commentatore certificato 22.04.12 15:22| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti, sono un farmacista titolare, (spero di non attirare le vostre ire ), sono pienamente d'accordo con gli utenti riguardo i prezzi abnormi dei prodotti senza glutine, ma vorrei fare un minimo di chiarezza. Il prezzo di tali prodotti è fissato da un prontuario nazionale , alla stessa stregua dei medicinali. Tale prezzo ovviamente non è imposto , ma lo sconto che le ditte riservano alle farmacie di solito non supera il 25% che considerando le montagne di prodotti che si è costretti a buttare per la rapidissima deperibilità, il costo del personale (senza nulla togliere allo scaffale, penso che un professionista sia sempre meglio), e le tasse che le farmacie pagano fino all'ultimo € mentre le varie coop.......,non è altro che un servizio che si mette a disposizione e di sicuro non è molto remunerativo. Inoltre spesso le differenze tra marche e prodotti e conseguentemente costi ci sono.Secondo le leggi vigenti il marchio della spiga barrata ossia s/glutine si può mettere a patto che il tasso di glutine sia inferiore ad quantitativo X, ciò non significa che sia TOTALMENTE privo di glutine, pertanto prodotti certificati e garantiti SENZA glutine ( e quindi inseriti nelle liste del ministero come rimborsabili ) ovviamente hanno costi più elevati.Inoltre una cosa che mi ha fatto riflettere è stata la denuncia seguita da condanna a carico " del commesso"( sicuramente lui aveva tutto l'interesse a farlo???? ) di un supermarket di Grosseto dove si facevano offerte sulla pasta s/ glutine ma in realtà era pasta normalissima.Disponibile a qualasiasi confronto.a presto

roberto romani 22.04.12 09:04| 
 |
Rispondi al commento

Cara Cinzia, ci vuole veramente tanto coraggio per riuscire a mandar giù i prodotti che vengono "pubblicizzati" dalle farmacie, a prezzi da "sceicchi"!! A volte mi viene talmente tanta rabbia che prenderei una mazza ferrata e la darei in testa a tutti quegli imbecilli che "giocano" con la salute altrui! Ogni tanto è necessario "alzare un po' la voce" per essere "ascoltati"!
Un caro saluto
Hari

hari atma 12.10.10 15:02| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Mio papà è celiaco da 5 anni, l'asl gli passa 96,00 €. Pasta e pane in farmacia costano parecchio.. Le farmacie si approfittano.. dovrebbero abbassare i prezzi.. E i politici cosa fanno...Nulla!

ELEANA LURAGHI, milano Commentatore certificato 28.09.10 15:51| 
 |
Rispondi al commento

Cara Cinzia sono un farmacista (ovviamente non titolare) e sono d'accordo con te nell'affermare che la gestione dei prodotti alimentari privi di glutine è alquanto anomala soprattutto per il fatto che a differenza di altri prodotti, quali i presidi per i diabetici, non hanno un prezzo regionale imposto per cui ognuno pratica il prezzo che meglio ritiene ed ecco perchè un chilo di pasta può anche costare 6 euro o più...il tutto dipende dal prezzo al pubblico che la farmacia stabilisce.Direi che si tratta di una speculazione ignobile e ingiustificata.

Salvatore Santoro 30.08.10 15:28| 
 |
Rispondi al commento

Ho 39 anni e sono celiaca dalla nascita.
I primi anni era una tragedia riuscire a nutrirsi perchè esisteva solo una specie di pasta e una pappetta tipo farina. Oggi c'è di tutto, ma le farmacie se ne approfittano (per non dire dei vari negozi nati apposta per celiaci). I prodotti salvavita sono solo pane e pasta, il resto se lo vuoi LO PAGHI E CARO. Nel Lazio la mia Usl mi dà 12 buoni da 99,00 euro per gli uomini 135 euro (mangiano di più, pare).
Impossibile invece a lavoro USUFRUIRE DI UN PASTO CELIACO, la legge del luglio 2005 parla di enti pubblici, tutti gli altri si attaccano!!

Imposibile anche trovare prodotti vegani o vegetariani per celiaci.

beatrice rendani 20.08.10 16:27| 
 |
Rispondi al commento

Ho scoperto di essere celiaco da 7 anni (ne ho 42) e devo dire che all'inizio e' stato un trauma. Oggi non vivo piu' il problema in maniera tragica ma sicuramente qualche problema rimane: Cinzia ha parlato del problema del costo dei cibi... le farmacie purtroppo fanno "cartello" e le istituzioni sembrano tollerare... il problema mi sembra purtroppo che lo faccia anche l'associazione celiachia.
Vivo nel Lazio e da un po' di tempo esiste una legge che liberalizza la vendita con ricetta anche nei supermercati (cosa importantissima che permetterebbe l'inizio di una vera concorrenza di mercato che inevitabilmente porterebbe all'abbassamento dei prezzi).
Purtroppo i supermercati spesso non lo sanno.
E poi credo che ci dovremmo chiedere perche', per esempio, i prodotti della maggior parte di aziende italiane in Germania costano di meno? E perche' la stessa pasta venduta in farmacia (Mulino di ferro, per esempio) al Todis costa la metà?
Nessuno se lo chiede?

Stefano Abbadessa Mercanti 18.08.10 12:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao, chiedo a te e a tutti quelli nella tua condizione... Vi siete mai chiesti se è naturale mangiare cereali per noi esseri umani ? .... Non lo è. Non ne abbiamo alcun bisogno nutrizionale. Veniamo dallo stesso ramo delle grandi scimmie, che sono quasi esclusivamente fruttariane. Da li prendono tutti i carboidrati che gli servono... Hai mai provato la dieta vegan crudista basata su tantissima frutta ? Non pagheresti piu' una lira per quelle (scusa) schifezze di prodotti finti che vi fanno pagare comunque troppo e che non vi fanno bene, e smetteresti di stare al gioco di chi ha capito come fare i soldi anche su di voi.... Piu' frutta, meno cereali, piu' salute, piu' soldi.. CIao...

Ba Bi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.08.10 20:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se vuoi conoscere la vera verità su questa immonda e demenziale società maschilista, antifemminista e patriarcale GUARDA I VIDEO DELLA DURA VERITA’…

---LA DURA VERITA’ 06… IL LAVORO; UN ASSASSINO SERIALE… guarda il video
http://www.youtube.com/watch?v=aIr1Wq0H7HQ
---LA DURA VERITA’ 05…IL MASCHIO… UN GRANDE BLUFF… guarda il video
http://www.youtube.com/watch?v=iUuJTOsYyAs
---LA DURA VERITA’ 04…LE SUPPOSTE IDEOLOGICHE... guarda il video
http://www.youtube.com/watch?v=YUncPdjILFc
---LA DURA VERITA’ 03…LA STUPIDITA' DEL MASCHIO...guarda il video
http://www.youtube.com/watch?v=EvAE5BboUpQ
---LA DURA VERITA’ 02…LE GUERRE? FATELE FRA DI VOI... guarda il video
http://www.youtube.com/watch?v=d9EPisD3AwI
---LA DURA VERITA’01…I FIGLI SONO DELLE DONNE... guarda il video
http://www.youtube.com/watch?v=FTulppNWgT0

movimento politico PARTITO DELLE DONNE Commentatore certificato 17.08.10 19:49| 
 |
Rispondi al commento

Non sono celiaco. Ma soffro di Insufficienza Renale Cronica. Debbo seguire una dieta APROTEICA. Ovvero niente pasta e pane etc. normali , ma prodotti senza proteine.Costano quanto quelli senza glutine di cui ai commenti che precedono. La Regione Lazio per motivi di bilancio ( evito i commenti) da questo anno 2010 non dà più né i prodotti gratuitamente tramite le ASL, come negli anni passati,né i buoni acquisto tramite le Farmacie... a meno che l'insufficienza renale cronica sia arrivata ai gradi più gravi 4 o 5.Ovvero ti aiutano a curarti, ma prima aspettano che tu sia molto grave. Poiché se la insufficienza si aggrava più rapidamente si deve ricorrere prima alla Dialisi a vita, che è particolarmente costosa per la comunità, e invasiva per i malati, non si capisce la logica del provvedimento. Chiedo ai lettori del Forum: chi può suggerirmi come rifornirmi dei circa 9-10 Kg. al mese di prodotti:pane, pasta, biscotti a prezzi più umani. Oggi spendo mediamente 180 Euro al mese. Grazie a tutti. Fabio Menghini

Fabio Menghini 17.08.10 18:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I malati sono le tipiche galline d'oro per gli speculatori di ogni genere.

sottounacattivastell@

Franca B. Commentatore certificato 17.08.10 16:47| 
 |
Rispondi al commento

mia sorella e mia cognata sono celiache rispettivamente in turchia ed in campania. essere celiachi in italia significa sostanzialmente ingrassare ancora di più le industrie alimentari e farmaceutiche.
in realtà con il grano di 40 anni fa nessuno stava male perchè eravamo tutti perfettamente adattati, ma poi i soliti americani sono venuti a romperci il cazzo con il loro super grano che ha più grani per spiga.
chissà cosa succederà nel prossimo futuro con gli ogm!

gaab rius Commentatore certificato 17.08.10 16:38| 
 |
Rispondi al commento

I cereali senza glutine , riso , mais , miglio,il grano saraceno , amaranto,quinoa .
Ci sono molte varianti al frumento che inoltre si dice che possa causare problemi di salute come anche le patate , vanno mangiate con parsimonia. Evitare la carne e lo zucchero molto dannosi , per il corpo la mente e la terra .

salvino roma (com) Commentatore certificato 17.08.10 16:15| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti, verrei portare all'attenzione il passo avanti che è stato fatto da qualche anno per gli allergici, ovvero adesso sulla maggior parte dei prodotti vengono indicati quasi tutti gli ingredienti e la possibile presenza di tracce/residui da lavorazioni precedenti (in particolare per frutta a guscio).Per tanti è un'ottima cosa ma non per tutti, e nel mio caso di allergia crociata (non posso mangiare frutta e verdura) diventa un problema anche comprare un salamino dato che il termine "spezie" utilizzato, racchiude dall'aglio al pepe alla noce moscata e molte altre, sarò pignolo ma dopo 13 anni devo fare affidamneto al naso per capire se posso o nn posso...è vero che sono andato vicino a shock "solo" 2-3 volte, ma quando assumo quei cibi se va bene gratto, si gonfia la lingua e la trachea per un pò e dopo tutto torna ok, ma capita che UN'oliva per sbaglio mi faccia coricare nel letto per mezza giornata col mal di stomaco, in + l'allergologa mi dice che le labbra gonfie nn sono gravi, ma nello stomaco potrebbero insorgere ulcere...fatto il quadro ora mi e vi chiedo: è una questione di inchiostro risparmiato sulle etichette? o è come sempre la sufficienza che la società mette nel fare, a discapito delle minoranze?o ancora, collegandosi al discorso di cinzia, finché nn ci si guadagna nn ne vale la pena?eppure i medici mi han detto che una forte % della mia allergia è dovuta all'inquinamento (di polveri sottili) degli ultimi 40-50 anni (ne ho 31), per cui nn dovrebbero essere loro (imprenditori/politici/inquinatori) a scusarsi e rimediare almeno in parte rendendoci la vita un pò meno complicata?..il discorso è molto complesso se si fa della filosofia, ma spero di aver spiegato il concetto e ringrazio per l'attenzione.

enrico buffa 17.08.10 13:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

che paese allo sbando....buoni solo di fare discussioni su pillole anticlericali e angoli cottura, dico o fico, ma le vere necessità nessuno le affronta !!!! colgo l'occasione per ringraziare tutte quelle brave persone che lavorano in questi giorni per aiutare chi ha bisogno, eroi nascosti troppo grandi per essere notati in qs itglia

capitan harlock 17.08.10 13:06| 
 |
Rispondi al commento

Che le farmacie aumentino a piacere i prezzi degli alimenti per diabetici è un'affermazione oltre che calunniosa, falsa.
Le farmacie applicano i prezzi di listino:se ci fosse qualche anomalia basta cambiare farmacia.
Purtroppo la sanità in Italia è regionale e non tutte le regioni hanno gli stessi standard.
In Lombardia la regione concede gratuitamente ai celiaci(maschi adulti) 140,00 euro di prodotti senza glutine al mese che, con l'esperienza che ho da anni, sono più che sufficienti a coprire il fabbisogno alimentare-calorico anche di giovani che fanno lavori pesanti.
Il discorso da fare sugli alimenti senza glutine è un altro: pur essendo prodotti ad alta tecnologia e quindi anche abbastanza cari(ma per i rivenditori i margini sono risicati), tutti contengono i grassi idrogenati che sono molto nocivi per la salute in generale,figuriamoci per chi ha già problemi come i celiaci.
Un farmacista

enzo orezzi 17.08.10 12:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A quanto pare quindi varia tutto da regione a regione, perchè leggo dei commenti veramente discordanti dalla situazione che vivo io in Toscana...rimborsi di 200€ mai visti..prezzi dei prodotti senza glutine al pari di quelli con mai visti..convenienza nell'acquisto in alimentari mai visti...

Luca B., Pisa Commentatore certificato 17.08.10 12:03| 
 |
Rispondi al commento

www.arnoldehret.it - ti può aiutare

Giacomo B. 17.08.10 10:21| 
 |
Rispondi al commento

Salve
holetto dei costi assurdi.
Io sono stati due volte in Etiopia per lavoro come volontario.
Lì si produce una farina, chiamata enjera, che è adatta ai celiaci.
Dal gusto un po acidulo è soffice e si usa per fare piadine, pane e molto probabilmente anche pasta.
Se vuole provo a vedere come fare per fargliela avere; non certo ai costi esorbitanti.
Se mi vuole contattare questa è la mia mail
studio_tecnico_rigon@libero.it
saluti
Nicola

rigon nicola luigi 17.08.10 10:05| 
 |
Rispondi al commento

In Emilia Romagna le donne hanno diritto ad una cifra mensile di EUR 100, non mi risulta che nessuna regione (per lo mento a statuto ordinario) abbia cifre verso i EUR 200 come qualcuno scrive.
E' comunque una grande conquista ed un merito per il ns Paese, ma resta il fatto che i prezzi dei prodotti senza glutine sono scandalosi. Pagare farine di riso e mais EUR 7 al kg è al limite del ridicolo, considerando che sono i cereali più economici .
Purtroppo però i celiaci non possono permettersi il lusso di boicottare questi prodotti perchè sono i soli che possono mangiare, a meno di rinunciare a pane, pasta, pizza e biscotti...

Silvia Dal Pane 17.08.10 09:40| 
 |
Rispondi al commento

Sono perfettamente d'accordo con te Cinzia, io non ho problemi di CELIACHIA, ma soffro (o meglio soffrivo) di colite ulcerosa. Dopo 13 anni di medicine e sofferenze ho avuto la fortuna di conoscere un medico nutrizionista che mi ha cambiato la vita introducendomi all'alimentazione pro Zona, la dieta di Barry Sears. Cosa c'entra con te? Be', sappi che molti celiaci la seguono, dato che hai la possibilità di mangiare in abbondanza e con molto gusto una gran quantità di cibi (nel tuo caso glutine escluso). Tra l'altro anch'io, per scelta personale, ormai lo limito tantissimo, dato che sto meglio senza. Per cui ottime carni magre, pesce, poche uova e formaggi e tanta frutta e verdura di stagione. Un bel bicchiere di vino e via!!! Ti assicuro che è fantastica e non avrai più bisogno di essere schiava di quei prodotti per celiaci. Imparerai il modo corretto per nutrirti (ti risulta che l'uomo mangiava la pasta o la pizza prima della scoperta e dello sfruttamento del grano qualche millennio prima di Cristo?). Inoltre saprai cosa mangiare ovunque andrai. Se vuoi maggiori informazioni, visita il sito dell'associazione di cui il mio medico, Aronne Romano, è presidente: www.gerona2005.org In bocca al lupo, un abbraccio, Leo. P.S.: ah, dimenticavo la cosa più importante. Io sono più di 6 mesi che non prendo più farmaci, ho ripreso a fare sport, ho perso 12 kg e non ho neanche il minimo accenno a disturbi gastro-intestinali. Sono rinato!!! Ciao.

Leonardo R., Roma Commentatore certificato 17.08.10 09:38| 
 |
Rispondi al commento

Cara Cinzia, ho letto con interesse il tuo post. Poi ho cercato in internet e ho trovato che esiste una legge nazionale
http://gazzette.comune.jesi.an.it/2001/154/4.htm
che contiene una tabella
http://gazzette.comune.jesi.an.it/2001/154/17.pdf
secondo la quale hai diritto a 190 Euro al mese di "buoni pasto " (270 Euro se tu fossi un uomo) per garantire il 35% dell'apporto calorico in carboidrati complessi naturalmente privi di glutine.
Fatti due conti, sono poco piu' di 6 Euro al giorno in media.
In internet si trovano vari "negozi" online che vendono prodotti senza glutine (questo e' il primo che ho trovato: http://www.bottegasenzaglutine.com), dove ad es. vari tipi di pane costano tra i 12 e i 15 Euro al kg. E' tanto, ma non tantissimo.
Certo e' un bel problema, e meglio sarebbe se lo stato controllasse direttamente i prezzi, invece di dare solamente sovvenzioni ai cittadini.
Ti prometto che comunque da domani prestero' attenzione ai prezzi dei prodotti senza glutine al supermercato.

Marco C. 17.08.10 01:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

scusa, ma dove credi di vivere? in italia?

filippo f. Commentatore certificato 17.08.10 01:34| 
 |
Rispondi al commento

Le correlazioni tra l'intolleranza al glutine e talune affezioni ginecologiche non sono, purtroppo, ancora oggi
patrimonio diagnostico contemplato dalle varie specialità. Eppure, un semplice
intervento sull'alimentazione può ridurre se non far scomparire
quadri patologici gravi e fastidiosi

Come è ormai noto, la malattia celiaca si associa a diverse patologie di svariati organi a causa del costante impegno immunologico indotto dalla presenza, pressoché continua, della gliatina nell'alimentazione giornaliera. Non sfugge a questa regola l'associazione tra le cervico-vaginiti e leucorree e l'intolleranza al glutine. Infatti, nella mia esperienza, ho riscontrato diversi casi documentati di vaginiti ricorrenti in giovani donne celiache nelle quali la celiachia non era stata diagnosticata e che, quindi, non seguivano una dieta appropriata. Nella storia ginecologica di queste donne si riscontravano fino a 5/6 ricadute di cervico-vaginiti batteriche e micotiche nel corso dell'anno, malgrado le più disparate terapie con antimicotici ed antibiotici somministrati per via locale e generale. Nonostante la regolare effettuazione di tamponi vaginali per l'individuazione dell'agente etiologico e, quindi, le terapie mirate, queste fastidiose e noiose leucorree da cervico-vaginiti aspecifiche non erano mai completamente regredite.

A queste forme infiammatorie, inoltre, erano spesso associate altre lesioni più serie e più gravi, come la presenza di vere e proprie ulcere della mucosa vaginale nonché lesioni di tipo erpetico.
Posso quindi affermare con certezza che senz'altro si riscontra un aumento di patologie ginecologiche in donne che spesso, purtroppo, sfuggono alla diagnosi della celiachia nonostante gli unici sintomi ascrivibili a questa patologia siano proprio quelli legati all'apparato ostetrico-ginecologico quali, ad esempio, la frequente poliabortività, l'amenorrea, i ritardi mestruali, le dismenorree...

http://www.disinformazione.it/celiachia.htm

Mr SPOCK, VG Commentatore certificato 17.08.10 00:04| 
 |
Rispondi al commento

Ciao mia moglie lavora in un supermercato e mi dice che i prezzi sono uguali nei prodotti per celiaci e non. E suggerisce di non andare in farmacia!!

Scortico stefano 16.08.10 23:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Cinzia, io Sono Orbo, e lo stato m' ha detto che non fa nulla.
Ma io so che un orbo e anche un Re e così mi sento.
E da re giudico quel miserabile che ha deturpato e svenduto questa ultima fetta di repubblica.
Napolitano vergogna disonorato.

Emanuele Cerri (), Patong Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.08.10 22:11| 
 |
Rispondi al commento

Nel lazio i maschi celiachi hanno un contributo di circa 120 euro al mese, le femmine meno di 100 euro al mese.
NO COMMENT.
(non ho neanche verificato se sia vero)

Gianluca L., Rieti Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.08.10 21:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao
anche io sono celiaco da 3 anni (ne ho 27).
E' vero, Cinzia ha ragione, sembra che essere celiaci in Italia sia un lusso scelto da noi!
Sono stato in Spagna più volte e la i prezzi sono identici a quelli dei cibi con glutine..come è giusto che sia..in fondo sono solo farine diverse, non lavorazioni o ricette particolari..
E' anche vero che l'Italia è l'unico paese che fornisce i buoni pasto (circa 134€ al mese) e che quindi aiuta gente come noi..
Nella sfortuna..la fortuna.
Meglio cmq noi in Italia che i poveri celiaci in Francia..ho girato tutta Parigi e nessun ristoratore/alimentari sapeva che cosa fosse..

Grazie Cinzia e grazie Beppe per aver messo in luce questo aspetto della nostra vita!
Luca

Luca Bernacchi 16.08.10 21:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


MORBO CELIACO

Il morbo celiaco, malattia ereditaria che colpisce prevalentemente i bambini (dai 6 mesi in su), è una disfunzione causata dall’intolleranza al glutine, una proteina presente nel frumento, nella segale e nell’orzo. L’ingerimento di glutine irrita il rivestimento intestinale, ostacolando l’assorbimento di molti elementi nutritivi tra i quali i grassi, le proteine, i carboidrati, le vitamine liposolubili, il ferro, il calcio, il magnesio, lo zinco e alcune vitamine liposolubili.
E’ stato scoperto che le persone affette da morbo celiaco hanno una grande carenza di vitamina B6. La carenza di questa vitamina causa diarrea, vomito, gas intestinali ed eczema. La malattia può essere provocata anche da infezioni intestinali o parassiti e stress psicologico. La carenza di proteine che si manifesta nelle persone che seguono diete dimagranti o fanno l’uso eccessivo di lassativi può alterare il tratto intestinale sino a rendere impossibile l’assorbimento del glutine. Tra le cause scatenanti si sospetta anche l’allergia al latte. Il morbo celiaco causa carenze di molte sostanze nutritive che devono essere reintegrate. Tra queste: il calcio, il complesso B e le vitamine A, C, D ed E. Il ferro, l’acido folico e la vitamina B12 possono essere usati per curare l’anemia che accompagna di solito la malattia.


PS: smettete di assumere medicine e assumete vitamine rinforzando il sistema immunitario e.... F U Case Farmaceutiche. ;-/

Uno dei tanti 16.08.10 21:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE
CINZIA HAI FATTO BENE HA SFOGARTI,LO STATO VI DEVE DARE I BUONI APPOSTA PER LA VOSTRA INTOLLERANZA,NON PER LA LORO INTOLLERANZA, CINZIA HAI IL MIO APPOGGIO
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 16.08.10 21:03| 
 |
Rispondi al commento

ciao sono celiaca anche io, quello che dici e'verissimo ma faccio presente che l'italia e' l'unico paese in cui lo stato da dei buoni per contribuire alla spesa dei prodotti senza glutine...

monica ruffini 16.08.10 20:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Purtroppo questa cricca politica è capace di gettare centinaia di milioni di euro per un vaccino più pericoloso che inutile, ma dei problemi quotidiani di chi, come lei, non può scegliere se ne frega.

gian burrasca 16.08.10 20:54| 
 |
Rispondi al commento

Non ti incazzare.Spera che un politico diventi come te ed avrai tutto gratis per legge.

maurizio m. Commentatore certificato 16.08.10 20:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori