Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Antersasc


Puez_Odle.jpg
Il primo passo per la distruzione dei parchi sono sempre le strade. Dicono che siano necessarie per i collegamenti. Poi arrivano i ristoranti per l'alimentazione. Quindi gli alberghi per il pernottamento. Infine i campi da golf e le piste da sci per il divertimento. Segue l'immancabile raddoppio delle strade per il traffico aumentato con i Suv da alta montagna.
"Ciao Beppe, mi permetto disturbarti per una causa che mi sta molto a cuore. In Alto Adige, in Val Badia, si sta commettendo un delitto contro la natura. Nel comune di San Martino in Badia, località Longiarù, c'è la valle di Antersasc. Un posto stupendo, uno dei più caratteristici delle Dolomiti, elette patrimonio naturale dall'UNESCO; Antersasc è una valle chiusa all'interno del PARCO NATURALE Puez-Odle. La natura è intatta sia come vegetazione che come fauna e l'unico intervento visibile dell'uomo è una malga decadente che serve da riparo a delle pecore. Il problema è che si sta costruendo una STRADA. Forestale, è vero, ma pur sempre una strada al posto di un sentiero percorso occasionalmente dai locali e dai turisti che amano DAVVERO le Dolomiti. La SCUSA è creare un miglior collegamento tra la malga e le località più a valle. La PAURA è che dopo qualche anno la malga venga abbattuta e ricostruita per farne un ristorante o qualcosa del genere. Questo è già accaduto in zona. I locali hanno già apposto striscioni, segnalato la cosa alle rappresentanze politiche della zona e il 28 agosto faranno una manifestazione." Alberta Z. (Bologna)

18 Ago 2010, 22:47 | Scrivi | Commenti (21) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

http://maps.google.it/maps?f=q&source=s_q&hl=it&geocode=&q=rondonia&sll=-19.321511,-56.634521&sspn=2.363653,3.532104&ie=UTF8&hq=&hnear=Rond%C3%B4nia,+Brasile&ll=-10.957371,-61.951904&spn=2.459034,3.532104&t=h&z=8

Il Brasile lo dimostra enormemente, le strade costruite negli ultimi decenni hanno creato questi orrori a "lisca di pesce" che stanno distruggendo i nostri polmoni complementari, li stanno vivisezionando, perchè il plancton produce 1/10 in meno rispetto alle foreste, le foreste stanno sparendo, se respiriamo ancora ossigeno, ed ancora è abbondante c'è una spiegazione semplice, si chiama effetto tampone, gli oceani ci stanno sequestrando il carbonio come spugne, ma appena saranno saturi, con quali polmoni verdi si potrà riconvertire il ciclo? La natura non ce li ha dispensati, gli unici sono alla mercè del degrado tra deforestazione e antropizzazione, sono sempre le strade le prime ad imbastirlo

Ludovico A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 18.09.10 17:45| 
 |
Rispondi al commento

Io sono nato in montagna, ci vivo in montagna, lavoro nell'ambiente e sono stato in Val Badia.
Se volete andare in montagna, andateci a piedi, tanto dove servono i servizi sono gia arrivati, quanto sarà alto il prezzo delle comodità di questa razza di essere umano.
Usate le gambe un po tutti che vi si ossigena il cervello!

Andrea Della Pietra 19.08.10 21:03| 
 |
Rispondi al commento

Per rispetto della montagna e della natura e dei suoi abitanti , non ci vengo non verro per sporcare per usare e per andare.Il video molto interessante la risoluzione, sembra un video turistico tipo quello di B. .

salvino roma (com) Commentatore certificato 19.08.10 19:03| 
 |
Rispondi al commento

Prima votate le persone sbagliate e poi chiedete aiuto a beppe. Fate pace con il cervello é meglio.

alex t., barcelona Commentatore certificato 19.08.10 15:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IO ho radici lontane nate in alta montagna..e me le sento mie..difatti faccio trekking minimo 1 volta a settimana. Spesso e volentieri raccolgo anche qualche segno purtroppo della meleducazione e del non rispetto di chi ci va, ma e'un lavoro che da' soddisfazione.
Il mare ormai e' una fogna a cielo aperto, la pianura sta diventando una pattumiera di cemento. Cerchiamo almeno di difendere la montagna visto che lo e' ancora in gran parte incontaminata. Soprattutto vietando qualsiasi tipo di costruzione al di sopra di una certa altitudine (diciamo 1200 mt) al limite ritrutturando o ricostruendo vecchie abitazioni ma mantenendone la cubatura (per fortuna in molte zone gia'si fa)

Una cosa bella che mi e' capitato di vedere molti giovani che stanno riprendendo a fare i margari (parlo del piemonte), cioe' rendersi diponibili per tot mesi d'estate a stare in alpeggio con le mandrie di bovini/caprini

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 19.08.10 15:18| 
 |
Rispondi al commento

Se volete le montagne ed i boschi COME VOLETE TUTTI VOI, ci vogliono pure le strade per mantenerli, volete il rifugio in fondo alla strada... eccovelo! Se teniamo la montagna così com'è non la visitate neanche; questo è il turismo e di questo vive la nostra gente che deve scendere ai soliti compromessi.

Salute a tutti
Paolo Agordino

Paolo Bellenzier 19.08.10 13:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E la cosa più bella è che se sulla mappa delle piste ciclabili, c'è scritto di non frenare bruscamente per evitare l'erosione del terreno... Già, la montagna la stanno devastando le biciclette...

Paolo . Commentatore certificato 19.08.10 11:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono tornato da quel posto non + di 20 giorni fa e posso dire che ho avuto la percezione che si stia esagerando nel concedere licenze edilizie sia per le nuove costruzioni che per gli ampliamenti di quelle esistenti, difatti in questo periodo che è tutto un fermento di cantieri per via del bel tempo, anche per strada trovi ponti allargati, tornanti smussati e ogni altra opera. Riflettevo sui Ladini e la loro storia e mi pare di capire che non stanno tenendo molto fede a ciò che ha permesso alla loro cultura di perpetrarsi genuina nel tempo.

Fabio Del Ferraro 19.08.10 11:10| 
 |
Rispondi al commento

Tranquillo: avverrà quanto di più deprecabile possa accadere. Ovvero la deturpazione di questa splendida valle per i soliti interessi in campo, di gente senza scrupoli e sensibilità verso la Natura, sempre più vessata dall' uomo selvaggio e moderno al tempo stesso. E poi, non si dimentichi in quale nazione siamo...:perché il problema , nasce proprio da questo aspetto geografico. Dove solo i prepotenti, hanno il diritto di distruggere,cementificare , inquinare.E le persone più o meno corrette, oneste (come si suol dire)la prenderanno nel ...c...o!!

Ireneo G., Fermo Commentatore certificato 19.08.10 10:23| 
 |
Rispondi al commento

e quasi sempre dietro, ogni operazione scellerata contro la bellezza della natura, non c'è il solito PIEDIELLINOPIDUISTA, ma il PIDDIMENOELLINOMAFIOSO.

ODIO LA SINISTRA!

Tonj Coccjo 19.08.10 07:52| 
 |
Rispondi al commento

http://www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=144168

L'Italia 23a nella classifica generale, dietro a quasi tutti i paesi europei, perfino declassata per la qualità del cibo. Unica nota di merito? Medaglia di bronzo ex-aequo per la Sanità. Forse perché una delle ultime cose rimaste pubbliche? In ogni caso, non si preoccupino i nostri dirigenti: sono sulla buona strada per distruggere anche quella, Formigoni è un esempio da seguire!!!

paolo falchini 19.08.10 00:16| 
 |
Rispondi al commento

Mettono le mani avanti in attesa della definitiva approvazione del "federalismo demaniale".
Come in moltissimi altri casi, le amministrazioni locali useranno il pretesto della mancanza di fondi nelle casse comunali per svendere il territorio, magari a multinazionali straniere.
Probabilmente la Lega è appoggiata occultamente da fondi svizzeri che non vedono l'ora di mettere le mani sulle nostre bellezze naturali.
Svegliamoci.

alberto arnoldi 19.08.10 00:09| 
 |
Rispondi al commento

costruire una strada in tale contesti sifnifica uccidere fare una carneficina delle dolomiti, anche se la malga, cui si fa riferimento nella lettera, non potrebbe essere trasformata in un rifugio per i turisti che la raggiugerebbero a piedi tramite il sentiero? una cosa più logica e a suo modo redittizia , no?

angelo c., castrezzato Commentatore certificato 18.08.10 23:40| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
C'E' UNA SOLA COSA CHE DOBBIAMO FARE PER SALVARE I PATRIMONI,I NOSTRI PATRIMONI NATURALI,RIBELLARCI ALLE AMMINISTRAZIONI CHE DISTRUGGONO IL TERRITORIO,IO VORREI FARE LA MIA PARTE MA SONO BLOCCATO DALLE LEGGI VERGOGNA,RIBELLATEVI E DENUNCIATELI,MA MUOVETEVI IN TRENTINO PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 18.08.10 23:25| 
 |
Rispondi al commento

Mobilitazione! Stanno distruggendo come forsennati ma dobbiamo resistere e ottenere vittorie; è questa la politica del popolo non il voto. Organizzate manifestazioni di protesta e ci saremo!!!

sandro petrini 18.08.10 23:21| 
 |
Rispondi al commento

Grazie per la pubblicazione!

Ulteriori informazioni direttamente su Facebook:
http://www.facebook.com/pages/Salvun-Antersasc-Salviamo-Antersasc-Retten-wir-Antersasc/121000857947788?ref=ts




Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori