Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Gay senza tutela


Argentina_unione_gay.jpg
In questi giorni l'Argentina è stata la prima nazione del Sud America a riconoscere le unioni omosessuali.In Europa solo due nazioni non prevedono ancora alcuna tutela per le coppie gay: la Grecia e l'Italia. Propongo un gemellaggio della vergogna.
"Caro Beppe, qualche settimana fa ho inviato una email a arcigay chiedendo "aiuto", non mi hanno ancora risposto: "Sono cittadino italiano e il 28 luglio scorso mi sono sposato in Spagna con il mio compagno, cittadino brasiliano. Sul vostro sito ho trovato sempre tutte le risposte ai tanti quesiti a riguardo, e per questo vi ringrazio. Tra la varia documentazione richiesta per la regolarizzazione del mio compagno qui in Spagna, mi viene richiesto di registrare il matrimonio nel mio comune di residenza, ma naturalmente il mio matrimonio non è riconosciuto. Ho contattato il consolato italiano a Barcellona ma non ho avuto risposta, e al telefono nessuno risponde. Possibile che l'italia riesce anche vivendo qui a limitare la mia libertà? Cosa devo fare?"" Roberto D.

17 Ago 2010, 19:51 | Scrivi | Commenti (80) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

ma perchè se Grillo è favorevole al matrimonio gay, non lo avete inserito nel programma di governo?

Christian Dalenz Commentatore certificato 29.03.13 23:05| 
 |
Rispondi al commento

...ma porcoddio, da alcuni commenti che leggo noto che molti simpatizzanti M5stelle sono al livello dei lettori del...Giornale di Sallusti...malimortaccivostri trogloditi.

Kevin a., roma Commentatore certificato 23.02.13 22:54| 
 |
Rispondi al commento

Una cosa è certa umani l'omosessualità esiste non si può far finta che chi è omosessuale sia diverso. L'omosessuale è sempre esistito e non essendosi estinto nonostante le persecuzione significa che è conseguenza di un equilibrio che si può solo comprendere e parlo di un equilibrio naturale non degenerato e siccome un omosessuale è un ESSERE umano perseguitato ha tutto il diritto di chiedere rispetto e pari diritti e chi non lo capisce è un povero umano terrorizzato che non sa dove sta infatti la differenza è sempre tra idioti convinti male è vittime convinte bene. Meditate lasciate vivere lasciate che sia la natura a decidere non sostituitevi ad essa specie se siete cerebro lesi.

Milly Di Ragionieri 01.02.13 08:57| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti, io il prossimo anno ho intenzione di sposare il mio compagno. Andrò in Svezia, suo paese natale, per poterlo fare e coronare il nostro sogno di vita assieme. Ci sarebbero molte cose da dire e da spiegare... Vorrei solo sapere, come neo iscritto, quale è la posizione del movimento in merito perchè letti certi commenti mi sono soggiunti 2 pensieri: cambiare cittadinanza e togliere la mia iscrizione... Aiutatemi a non farlo...

Luigi

Luigi Ghelfi Zoboli (luigi gz), ghelfi@gmail.com Commentatore certificato 25.05.12 19:58| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembrano commenti senza senso e per di più pretestuosi.
Chi dice che non si parla di diritti in questo movimento è stolto o in malafede.
Agli stolti indico la via per Damasco e a quelli in malafede, rispondo: SIETE ORFANI DI CAPEZZONE.
Altre cose non ce ne sono.....solo bla, bla, bla.
Voglio vedere quanta di questa gente che chiacchiera al vento sarà presente (di persona) al prossimo gay parade a Roma e si bacerà in pubblico.
p.s. sono aperte le iscrizioni all'evento.

roberto spaccatrosi 11.05.11 14:59| 
 |
Rispondi al commento

Quello che mi rattrista è sentire frasi che discriminano un altro essere umano e non per quello che fa ma per quello che è. A tutti coloro che hanno dimostrato "fastidio" a voler (e per umanità dover) concedere uguali diritti ad altre persone vorrei spiegare loro che questo è razzismo e dovreste vergognarvi. "La natura ha deciso", "la coppia naturale è uomo-donna"e allo stesso tempo parlate di distinzione tra uomo e bestie grazie al raziocinio. Infatti, è proprio in base a questa distinzione e al raziocinio che l'uomo/donna ha la possibilità di scegliere cosa fare o essere. Senza che qualche idrocefalo rimasto bestia possa dare ordini ad altri su cosa essere. VAFFANCULO, siete deleteri all'umanità. p.s.
A titolo di cronaca sono padre e quindi etero e quindi "legalmente" sposato e quel ragazzo che ha aperto questa discussione non ha i miei stessi diritti. Se fosse nelle mie facoltà, li avrebbe già.

Marco D., Ariccia Commentatore certificato 10.05.11 23:54| 
 |
Rispondi al commento

Continuo a non capire però perchè non c'è scritto nulla sul programma che accenni alle coppie gay..nel senso: visto che il programma è così ben dettagliato, quale sarebbe quello in proposito alle coppie gay? perchè così sembra inesistente. Secondo me è fondamentale la cosa.Serve assolutamente una descrizione del programma in proposito.

emanuela de siati 09.05.11 23:13| 
 |
Rispondi al commento

Io dico che l'omosessualità è uno schifo! Pretendere che in Italia venga ammesso il matrimonio tra omosessuali è vergogna schifo e scandalo!!! Se proprio si vogliono sposare gli omosessuali se ne andassero in altri paesi dove lo permettono e (per favore) ci restassero per tutta la vita, QUESTE SCHIFEZZE IN ITALIA NON LE ACCETTO, NON SONO PER ACCETTARLE E NON LE ACCETTERO' MAI!

IL MOV.5 STELLE è IL MIO PREFERITO IN ASSOLUTO MA SE SCOPRO CHE BEPPE GRILLO O ALTRI DEL M5S SONO A FAVORE DEGLI OMOSESSUALI, IO COL M5S ... HO CHIUSO!

svb67 09.05.11 12:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Essere omosessuali ,non dipende dalla propria volontà. L'omosessualità è una forma sessuale che emerge nello sviluppo della persona". È semplicistico ridurre la sessualità umana ad "un mondo bipolare, assolutamente contrapposto": il maschile e il femminile. "La mascolinità e la femminilità pure non esistono. Esistono persone che, all'interno della loro predominante forma maschile o femminile conservano anche elementi e contenuti del tipo opposto". Dimenticare questo aspetto della bisessualità umana,ci porta a "posizioni semplificate e tranquillizzanti che inducono a condannare come "contra naturam" gli omosessuali". Né si può dire che l'eterosessualità, "per essere maggioritaria, sia corretta e l'omosessualità, per essere minoritaria, deviata e quindi, eticamente riprovevole". "Il fatto stesso dell'omosessualità, non proverebbe ipso facto che sia immorale, ma solo diversa. E se l'agere sequitur esse (l'agire segue l'essere) l'omosessuale agirebbe bene assecondando personalmente le esigenze della sua natura, senza che nessuno possa obbligarlo a che, contra naturam, si comporti eterosessualmente".
"Nell'ipotesi che l'omosessualità sia naturale, io mi rifiuto di ammettere che Dio l'abbia voluta stabilire come una tendenza (pulsione e atti concreti inclusi) perversa e sono incline ad ammettere che la sessualità umana, biofisicamente parlando, non è solo eterosessuale ma anche omosessuale".
Quanto alla posizione della Chiesa al riguardo, "il male è stato che la Chiesa si è aggrappata all'interpretazione data a partire dalla patristica e dalla scolastica sanzionandole come veicolo obbligatorio per la trasmissione del messaggio biblico". "Quando si deve affermare una verità come patrimonio della rivelazione cristiana, spesso si confonde il contenuto essenziale di questa rivelazione con la formula contingente che della medesima si è fatta in una data epoca e si tratta indebitamente di presentarla e conservarla come definitiva.

pasquale miletta 30.10.10 17:46| 
 |
Rispondi al commento

Non mi danno fastidio i gay, mi da spesso fastidio il loro modo di agire, di porsi di fronte all'opinione pubblica. Ma dico, io faccio manifestazioni perché sono etero? no!! e allora non rompete le balle con i vostri gay-pride e compagnia.
Diventa una auto-ghettizzazione; sembra vogliate dire: siamo diversi, e te lo sputiamo in faccia! ma chi ti chiede niente!!
Sarei anche d'accordo con un riconoscimento leale della coppia gay, ad esmepio per quanto riguarda l'eredità o la tassazione del nucleo pseudo-familiare.
Cio' che pero' non accettero' mai sarà la libertà di adozione, in quanto una coppia gay, sia essa maschile o femminile, fa per forza crescere un bambino in modo "scentrato", in quanto mancherà sempre il riferimento di una delle due figure, sia essa quella paterna o quella materna.
Si possono spiegare tante cose, sperare che i figli adottati siano "aperti" mentalmente e disposti a vivere una tale differenza, ma sarà pur sempre una situazione anormale, e per quanto amore una coppia gay possa dare, a mio avviso rimarrà sempre una scissione tra il "normale e naturale" ed una coppia mono-sesso che cresce un bimbo.

Davide Boccardo, nizza Commentatore certificato 23.08.10 15:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

le discriminazioni sono alla base del progresso

non discriminare=REGRESSO

viva italia 22.08.10 13:41| 
 |
Rispondi al commento

Discriminazioni Sessuali=Discriminazioni Razziali...Punto e basta.

Siamo un paese povero di cultura e arretrato mentalmente.

Che schifo.


gianni f. Commentatore certificato 19.08.10 11:58| 
 |
Rispondi al commento

ma se vivi li' rimani li',ma perche' non lo sapevi prima di sposarti che qui in italia non è valido il matrimonio fra gay, e se stai cosi' bene in spagna continua a restarci.e forse non sai che la risposta non puo' dartela il console ,in un momento difficile che cè in italia dovremmo occuparci di questo? con gente alle soglie della fame dovremmo pensare a risolvere il problema di matrimoni gay. e allora raccogli le firme e fai fare un referendum popolare e cosi' risolvi il problema.


... be a questo punto... unisci interessi e convenienza... lo prendi nel c..o e basta.

esposito g. Commentatore certificato 18.08.10 18:12| 
 |
Rispondi al commento

In Italia non sono ricosciute le coppie omosessuali perchè i nostri politici hanno bisogno dei preti per fare il palo, mentre loro rubano e commettono illegalità di ogni tipo. I preti cattolici d'altra parte da sempre preferisco il potere, che deriva loro dalla comunella coi potenti, ad una morale senza ipocrisie e dalla parte della gente. Tanto il cattolico medio il Vangelo non lo conosce mica? Io per esempio (che non sono cattolico ma il Vangelo l'ho letto per intero) non ricordo un solo passo contro l'omossessualità (forse qualche vaga allusione in San Paolo ma nient'altro) e comunque (di questo sono certo) non ce n'è nessuno contro l'amore! Universalmente inteso. Dell'ipocrisia Gesù invece parlava spesso, molto spesso...forse perchè sapeva che anche la sua chiesa sarebbe stata piena di sepolcri imbiancati con cura!

Sauro Tavarnesi 18.08.10 17:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' vero che sicuramente, date le visibili difficoltà di comprensione di parte della popolazione, nel campo dei diritti civili è sempre necessario molto pragmatismo. Specialmente per cio' che riguarda la tutela dei diritti delle persone omosessuali e delle minoranze. Prima ho affermato che la nostra costituzione sarebbe compatibile addirittura per il matrimonio ma personalmente sono dell'idea di introdurre la circostanza aggravante del reato a sfondo omofobico e poi una qualche forma di riconoscimento degli effetti civili alle unioni di questo tipo. In una società come la nostra tutto il resto di cui si parla è un più. Sarebbe comunque una soluzione minima ma lodevole per un paese da sempre provinciale e poco liberale. Ricordo che proprio perchè tutte le persone sono uguali di fronte alla legge senza distinzione di CONDIZIONI PERSONALI, allora le unioni tra persone dello stesso hanno diritto ad una qualche forma di riconoscimento civile. Non credo che il luminare Elio possa aiutare la discussione.

Stefano C. 18.08.10 16:57| 
 |
Rispondi al commento

l'amore è uno solo e consiste nel desiderio che l'altro esista pienamente. è universale, naturale.
il matrimonio è una cosa diversa, è una istituzione sociale, a volte conseguente all'amore.
forse il problema è che molti vogliono mischiare le due cose, alzare il tono della discussione e nella confusione far passare idee che altrimenti non sarebbero ammissibili.
spero che il blog e il m5s si adoperi per fare le opportune distinzioni e chiarire la questione in gioco per favorire la comprensione, in tutti i sensi.

gaab rius Commentatore certificato 18.08.10 15:02| 
 |
Rispondi al commento

sono felice di vedere che finalmente si parli di questo argomento sul blog di beppe :-)

A chi parla ancora di natura ricordo che scientificamente la natura è tutto ciò che esiste. Non esistono cose innaturali, esistono invece cose immorali e la questione diventa differente. Chi parla di natura in questi termini vuole in realtà dire Dio.
Uno stato libero pone dei limiti solo quando si calpestano i diritti altrui, non vedo come il matrimonio omosessuale limiterebbe i diritti degli altri, invece è chiarissimo come il divieto di matrimonio per una minoranza sia lesivo dei diritti delle persone. Il resto è pregiudizio, si può curare conoscendo la realtà di cui si parla prima di giudicare, e ricordando che un paese libero è tale se ciascuno di noi evita di imporre la propria morale e il proprio dio agli altri.

A chi dice che ci sono cose più importanti, ricordo che quando ci si batte per la libertà di una minoranza in realtà ci si batte per la libertà di tutti. Non mi salterebbe mai in mente di dire a un celiaco di non lamentarsi perché ci sono problemi più importanti tipo i miei.

stefano p 18.08.10 14:59| 
 |
Rispondi al commento

d'accordo per il diritto naturale ma non é forse vero che tutti i cittadini sono UGUALI DI FRONTE ALLA LEGGE? e allora se han voglia di prenderlo in quel posto (e scusate la volgarità) non sono forse liberi di farlo? come dicevano Elio e le Storie Tese "vivo come voi, soffro come voi, grido come voi, lo prendo in kulo come voi, ma amo più di voi, omosessualità"

Jonathan B., novara Commentatore certificato 18.08.10 14:50| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei anche sottolineare che la "società di diritto naturale" citata nel testo costituzionale ha significato sideralmente diverso da quello espresso da certi signori qui dentro. tutti sanno che le opinioni interpretative dei singoli sulla legge rimangono OPINIONI. Per societä di diritto naturale si intende quella costruzione solo fatta dai giuristi per intendere una ipotetica società antecedente l'avvento dello stato di diritto. società che nei fatti non è mai esistita. Quindi non centrano nulla congetture come " secondo natura o innaturale-naturale". anche perchè nella società di diritto naturale gli uomini vivono seguendo le loro regole e non quelle naturali. certamente non vivrebbero sugli alberi per essere naturali.

Stefano C. 18.08.10 12:17| 
 |
Rispondi al commento

Per chiunque volesse schiarirsi le idee sul significato di famiglia come società di diritto naturale si puo' leggere la bellissima sentenza della corte costituzionale, n° 108 del 2010. I telegiornali si sono limitati a dire che la corte costituzionale ha dichiarato inammissibili questi ricorsi, ma all'interno della sentenza la corte è andata ben oltre ed ha dichiarato che il legislatore puo' spingersi nell'ammettere anche i matrimoni civili tra persone dello stesso sesso. Si è dichiarato quindi in maniera giurisprudenziale e non dottrinale la piena legittimità dei matrimoni e delle unioni di questo tipo. E' solo il legislatore che deve muoversi e fare la legge. Chi non è d'accordo tenti di trovare i mezzi per un disperato quanto impossibile cambio della costituzione. Inoltre, per chi ficca il naso negli affari personali degli altri con congetture sull'innaturalità del rapporto come criterio per il non riconoscimento giuridico della relazione, posso invitare a guardare fuori dalla finestra e rendersi conto che dal parto fino ad oggi l'essere umano vive essenzialmente scostato dallo stato di natura, libero da ogni legge naturale. Per non parlare dei continui, storici tentativi di liberarsi dal gioco delle leggi di natura. E' un problema di secondo piano? vero, certamente per chi non vive il problema di prima persona. Se è vero che è un problema semplice e di secondo piano basterebbe una leggetta..anche solo un articolo di interpretazione autentica delle norme del codice civile...e via!

Stefano C. 18.08.10 12:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Parlate di senso naturale... io sinceramente non so qual'è la definizione migliore si SENSO NATURALE delle cose e vi invidio per la vs. certezza interiore.

mi pongo uan domanda da credente..

In parole semplici, un Padre/una Madre affettuoso/a che crea per amore, un essere perfetto, come le stesse definizioni dogmatiche affermano, per cui ci si chiede: come ha potuto sbagliarsi con il 10% delle sue creature umane (essendo sicuri di quella percentuale)?

stefano s., reggio emilia Commentatore certificato 18.08.10 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Se siamo animali evoluti.. pensi sia peggio che vi siano due persone di ugal sesso che si amano o avere in giro persone che uccidono il prossimo???

E' singolare questa EVOLUZIONE..

stefano s., reggio emilia Commentatore certificato 18.08.10 11:37| 
 |
Rispondi al commento

come si può sostenere che una famiglia formata da omosessuali non sia naturale? allora è sovranaturale? sarà vero che se vieni morso da un omosessuale durante le notti di luna piena lo diventi pure tu? secondo me due omosessuali che vivono assieme da anni e si amano e condividono gioie dolori e sacrifici costituiscono una famiglia che come dice la costituzione è una società naturale.poi dice che è fondata sul matrimonio. a me sembra che il matrimonio sia dunque un diritto sancito dalla costituzione.mi sbaglio tanto?

luigi n 18.08.10 10:50| 
 |
Rispondi al commento

Qui non è questione di essere bigotti, leghisti o cattolici! Qui è questione di natura e di scelta di vita! Tu sei libero di amare chi vuoi... ma non puoi andare contro natura!! E non venitemi a raccontare dell'omosessualità nel regno animale: noi dovremmo essere "animali evoluti" e non bestie!! Tu vuoi amare una persona dello stesso sesso? Sei liberissimo di farlo!! Ma dal punto di vista giuridico, secondo me, è corretto che ci siano dei paletti!!Sopratutto quando ci sono di mezzo dei figli, poi, non ne parliamo!! I Preti pedofili?? Assolutamente da condannare! Ma il problema non è la Chiesa e i preti... il problema è la Giustizia ITALIANA!! Conosco gente che ha ucciso persone con l'auto perchè erano ubriachi e drogati e si sono beccati SOLO 3 ANNI AI DOMICILIARI!!! E non erano preti!!! E quindi?? Come la mettiamo???

Giorgio P. 18.08.10 10:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io non condivido di buttare il passaporto italiano.. non dobbiamo scappare all'estero, dobbiamo cercare di cambiare le cose qui nella nostra nazione, solo così potremo fare qualcosa di utile. Incominciamo col buttare fuori dal parlamento certi politici omofobi e razzisti!!

L'AMORE E' TUTTO SANO, DITELO AL VATICANO!!


Ciao

se il problema è la registrazione nel tuo comune di residenza, allora spostala. Mi spiego. Se hai un lavoro in Spagna con tanto di NIE, allora dopo un anno per la Spagna tu sei già residente spagnolo e non dovrebbero richiedere alcuna registrazione in Italia. Inoltre, essendo emigrando fuori dall'Italia in modo permanente, hai sia il diritto che il dovere di iscriverti all'AIRE, cioè l'anagrafe italiani residenti all'estero. Nel momento in cui lo fai, sei cancellato dalle liste del tuo comune e per la documentazione (tipo passaporto, stato civile etc) fai affidamento al consolato di Barcellona.

marco barchiesi 18.08.10 09:00| 
 |
Rispondi al commento

scusami, ma credo che il tuo sia l'ultimo dei problemi di questo paese...proprio ieri ci scriveva un'amica celiaca...e la discriminazione alimentare è ben più grave dei vosti dico e balle varie, per non parlare di persone che hanno ben altri problemi !!!!!

capitan harlock 18.08.10 09:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma purtroppo non solo i Gay sono cittadini di serie B, ci sono molti altri "poveracci" alle prese con il riconoscimento di maggiori tutele..Diversamente abili, disoccupati ,pensionati, sfrattati,le stesse famiglie etero sono spesso scarsamente assistite, indubbiamente anche i gay rientrano nella classifica degli svantaggiati.
Per conto mio sono favorevole al riconoscimento delle coppie gay legate da vincoli affettivi, quindi l'unione civile.
Detto questo, ritengo questo penso che non deva essere una concessione regale,ma piuttosto un diritto costituzionale.
Quindi appena sostituiremo questa classe dirigente e politica, fra i tanti decreti che faremo, ce ne sarà uno che riconscerà anche i v/s diritti...

roby f., Livorno Commentatore certificato 18.08.10 08:30| 
 |
Rispondi al commento

L'italia e gli italiani sono cio' che sono, il livello spesso e' disarmante e la causa purtroppo non e' solo la chiesa ma la mentalita' da pecore che ci distingue...voglio essere ottimista, qualcosa cambiera' anche qui prima o poi, dobbiamo crederci... un bacio e in bocca al lupo.
Simona

Simona Canziani 18.08.10 08:25| 
 |
Rispondi al commento

Io non capisco perchè " certa gente" odiano i Gai, più gai ci sono, più figa per noi.

W i gai. ciao

Emanuele Capo Commentatore certificato 18.08.10 07:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La stessa cosa e' successa qui in Canada. Ho sposato il mio compagno (canadese) e ho avuto la Permanent Residence come membro di una famiglia (praticamente tutti i diritti e i doveri di una cittadinanza tranne il voto) .Ho provato a contattare le ambasciate e i consolati italiani...ma esistono? Manco una risposta automatica....L'anno prossimo faro' richiesta della cittadinanza e il passaporto italiano lo butto.Non c'e' altro da fare, ai nostri comuni non accettano le registrazioni dei documenti di matrimonio.Quindi mi sa che per ora devi solo cambiare cittadinanza.
Per quelli che straparlano contro i matrimoni gay...ma che vi si toglie? Con frasi come quelle che scrivete avete perso anche la dignita'...e allora?

margrant mario 18.08.10 04:58| 
 |
Rispondi al commento

caro roberto d. informati bene perche' hanno cambiato la legge in spagna pero' non tutti si sono adeguati.non e' piu' necessario iscrivere nel paese d'origine il matrimonio.fai una ricerca nei vari comuni e vedrai che ho ragione.ho vissuto in spagna 12 anni e mi sono sposato con una extracomunitaria e sono italiano.per quanto riguarda il consolato italiano lascia perdere che perdi il senno dietro di loro.esperienza personale.davvero.contattare con loro e' impossibile.io preferifo andare in italia a rinnovvare il passaporto ecc.era meno dispendioso in tempo e denaro. buona fortuna.

g s 18.08.10 03:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SU RAGAZZI,
ANCHE PER VOI NON PUO' PIOVERE PER SEMPRE !!!

PS. HO CAPITO CHE ANCHE QUI SCRIVONO QUELLI DELLA LEGA...

Andrea Cesarini, Galway Irlanda Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 18.08.10 02:19| 
 |
Rispondi al commento

purtroppo non c'é nulla da fare in questo paese di bigotti... i preti possono "toccare" i bambini ma i gay non possono sposarsi... forza e coraggio

Jonathan B., novara Commentatore certificato 18.08.10 02:15| 
 |
Rispondi al commento

qui nn è questione di chiesa o non chiesa.
IO NON SONO CREDENTE E NON RITENGO GIUSTO RICONOSCERE I MATRIMONI GAY NE TANTOMENO LE COPPIE DI FATTO.

il sito di grillo non difende la costituzione e la costituzione dice chiaramante all'articolo 29 che la "Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio".
ebbene a casa mia le unioni naturali sono quelle uomo-donna. la natura per la riproduzione ha creato uomo donna.
è il ciclo della vita.nasci,vivi, muori,ma per far ciò devi venire da un uomo e da una donna.

se sei omossessuale, ok, nessun problema, ma non puoi chiedere una parità che la natura stessa non predispone.

Luca Montarani (vandamme84), San Martino in Campo Perugia Commentatore certificato 18.08.10 01:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

qui nn è questione di chiesa o non chiesa.
IO NON SONO CREDENTE E NON RITENGO GIUSTO RICONOSCERE I MATRIMONI GAY NE TANTOMENO LE COPPIE DI FATTO.

il sito di grillo non difende la costituzione e la costituzione dice chiaramante all'articolo 29 che la "Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio".
ebbene a casa mia le unioni naturali sono quelle uomo-donna. la natura per la riproduzione ha creato uomo donna.
è il ciclo della vita.nasci,vivi, muori,ma per far ciò devi venire da un uomo e da una donna.

se sei omossessuale, ok, nessun problema, ma non puoi chiedere una parità che la natura stessa non predispone.

Luca Montarani (vandamme84), San Martino in Campo Perugia Commentatore certificato 18.08.10 01:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

TUTTO MOLTO SEMPLICE I GAY SONO PERSONE MALATE CHE VANNO CURATE SE LO VOGLIONO OVVIAMENTE!

Pietro T. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 18.08.10 01:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anche in Messico, la Suprema Corte di Giustizia ha appena confermato la costituzionalitá del diritto al matrimonio per 2 persone dello stesso sesso e il diritto a farsi una famiglia attraverso una adozione

Mandiamo via la chiesa!!!

andrea cerami 18.08.10 00:21| 
 |
Rispondi al commento

Se il Matrimonio è di fatto un fallimento.
Perchè inseguire un diritto che è la seconda causa di morte e o violenza nel pianeta.
I cattolici in testa seguiti dai mussulmani.


Cambia residenza semplicemnte. Cosa te ne fai di quella italiana?
Con sincera partecipazione e tanti auguri.

Alessandra M. 17.08.10 23:11| 
 |
Rispondi al commento

Cosa devi fare?
semplice: prendi la cittadinanza spagnola e strappa il passaporto italiano...se tanto mi da tanto è il minimo che tu possa fare per liberarti.

Moreno Acampora Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.08.10 22:28| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
SAREI D'ACCORDO ANCH'IO DI CHIEDERE IL GEMELLAGGIO,MA CREDO CHE SIA OPPORTUNO PER TUTTI CHE QUESTO REGIME FINISCA ASSIEME A QUESTI PAZZI
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 17.08.10 21:03| 
 |
Rispondi al commento

Da affezionato lettore del blog di Beppe, sono molto contento che anche qui si parli qualche volta dei diritti civili lgbtq. Diritti compatibili con la nostra costituzione che pretendono effettiva tutela giuridica.

Stefano C. 17.08.10 21:03| 
 |
Rispondi al commento

Chiedi asilo politico.
A rigor di logica te lo dovrebbero concedere.

p.s. Y ¡felicidades!

Ⓐrzân 17.08.10 20:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Rinuncia alla cittadinanza italiana e prendi quella spagnola. Oltretutto ci guadagni nel cambio!

LeninMaoMarxStalinCastro Erano5stronzissimi (emangiavanomerdainabbondanza) Commentatore certificato 17.08.10 20:40| 
 |
Rispondi al commento

Roberto,

il consiglio che mi sento di darti é,

per quanto possibile,

di cancellare il tuo/nostro paese dalla memoria,

in quanto ogni volta che avrai bisogno di

qualsiasi cosa,

ti ricorderai sempre di non essere un"normalissimo"

emigrato come tanti altri...

Ma ti potresti sentire,ogni volta,come una sorta

di esiliato forzato(come il sottoscritto),

condannato ad amare il proprio paese per cause

di forza maggiore,

e ad odiarlo per quanto incapace di qualsiasi

passo avanti...

Uno schiaffo morale perpetuo.

Un saluto da Vienna

Donato

Donato S., Vienna Commentatore certificato 17.08.10 20:11| 
 |
Rispondi al commento

Fai rinuncia della cittadinanza italiana e tieni solo quella spagnola (o richiedila se il caso), per quanto nella bagna è comunque una nazione migliore della nostra sotto molti punti di vista.

giovanni g 17.08.10 20:05| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori