Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il disabile invisibile


disabile_Milano.jpg
Quando vedo una macchina parcheggiata su uno scivolo per i disabili divento una belva, ma quasi sempre mi accorgo di essere il solo.
"Mi sono recato a Copenhagen per un periodo...mi ha colpito la presenza di persone con handicap motori un po' ovunque per le strade... a Milano non le vedo quasi mai. All'inizio ho pensato che forse in Danimarca il problema per non so quali motivi fosse più diffuso che da noi, ma dopo aver riflettuto un attimo ho capito che da noi i disabili non sono certo di meno, ma non hanno nessuna possibilità di circolare, e vivono dentro gli appartamenti come dei canarini in gabbia." Filippo B, Monza

5 Ago 2010, 22:50 | Scrivi | Commenti (37) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Di scandali con i posti dei disabili ce ne sono di peggiori, sottaciuti chissà perchè!
Il Sig. Silvestro Romano, titolare del locale Turi & Tano in Via Lazio 17, diventato personaggio pubblico con "Vigilopoli", è in realtà accusato di aver divelto un palo di un posto dei disabili e cancellato col catrame le strisce per collocare i suoi tavolini. Diversi residenti e negozianti di Via Lazio dichiarano di avero visto nel luglio 2010 porre in atto tale vandalico gesto.
Questo Signore, in assenza di provvedimento espresso da parte dell'Amministrazione, collocò tavoli, sedie ed ombrelloni sopra un posto disabili, sopra posti auto e sopra lo stallo per la sosta ciclomotori. Ed ha pure denunciato tutti i vigili che lo hanno multato!

giunco fabbro 27.07.12 02:29| 
 |
Rispondi al commento


FERRAGOSTO

Ferragosto,una festività tipicamente Italiana,una giornata dedicata alla classica gita fuori porta,mare,montagna,città d’arte,ogni posto è buono,pur di evadere la solita quotidianietà. Poter viaggiare, divertirsi,visitare musei,dovrebbe poter essere,un diritto di tutti,in realtà lo è,ma non è la verità ! Ad impedirlo ci sono le “barriere architettoniche”,siamo nel 2010,abbiamo visitato la luna,marte,la scienza e praticamente diventata fantascienza,eppure,esistono ancora gli ostacoli che impediscono ai diveramente abili,di poter vivere liberamente la propria vita,naturalmente questo è a dir poco vergognoso ! Persone,si,ho detto persone ! A cui viene negata la vita!! La maggior parte delle nostre bellissime città Italiane,sono strapiene di barriere architettoniche,senza voler mensionare i piccoli paesi di provincia,dove l’accessibilità rimane un sogno lontano !! Oggi 15 Agosto 2010 ,quanti saranno gli Italiani felici e contenti di stare al mare,o di godersi il fresco della montagna,o di poter dedicare una giornata alla cultura,visitando gli interessantissimi Musei Italiani ! Chiediamoci però,quanti Italiani diversamente abili,stanno in casa tipo arresti domiciliari semplicemente perché i nostri cari e stimati politici e politicanti,invece di pensare a rendere accessibile il nostro paese,pensano solo ed escusivamente ai lori stipendi e alle loro carriere !!!! Il prossimo 15 Agosto,quando vi accingerete a partire,vi prego,pensate a noi per un solo istante !

Roberto Diiorio Coord.Prov.Movimento Italiano Disabili

Roberto Diiorio 15.08.10 11:16| 
 |
Rispondi al commento

SONO CINZIA DA 8 ANNI SONO INVALIDA E DA 3 ANNI SONO IN PENSIONE PERCHE' MI HANNO LICENZIATO CHE ERO IN MALATTIA.DI PENSIONE PRENDO €460,00 CIRCA AL MESE(IN QUESTI SOLDI SONO COMPRESI €10,21 DETTI ASSEGNO FAMIGLIARE PER IL FIGLIO A CARICO).SONO GENITORE UNICO(RAGAZZA MADRE)DI UN RAGAZZO DI 14 ANNI.PER MIA FORTUNA NON SONO SOPRA AD UNA CARROZZELLA MA....TUTTO QUESTO PER DIRE CHE A VOLTE NON SONO I GRADINI A FARTI STARE A CASA MA LA VERGOGNA.POTRA' SEMBRARE BANALE,MA COME MI VESTO?E SE MI VIENE VOGLIA DI UN CAFFE' POI COME ARRIVO ALLA FINE DEL MESE?E POI SI PARLA DI PARI OPPORTUNITA'.GRAZIE PER LO SPAZIO.

CINZIA VACCARI 12.08.10 01:37| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo è vero. Ma quel che è peggio è che nessuno, dico nessuno, dei benpensanti c.d. cristiani (a cominciare dal clero) si preoccupa di portare un pò di sollievo a chi vive la propria vita guardando fuori dalla finestra. E pensare che ci sono tante associazioni che riuniscono cristiani di tutte le età intorno ai valori della solidarietà pronunciata ma non praticata. Perchè i ragazzi delle vaire ACR non vanno in queste case a suonare le loro belle chitarre invece di limitarsi ad ostentare le proprie doti musicali all'interno delle chiese e solo per la durata di una funzione religiosa ? Senza parlare di certa parte del clero con orari da impiegato, che ti richiedono di morire entro gli "orari d'ufficio".Anche a loro lo straordinario, forse, non viene pagato.

maria gabriella de napoli 11.08.10 11:39| 
 |
Rispondi al commento

è vergognoso che un disabile non abbia l'opportunità di vivere dignitosamente la propia vita ed è altrettanto vergognoso che non ci si preoccupi affatto di questi problemi.
al contrario persone molto facoltose,pur non avendo handicap riescono ad ottenere quei foglietti arancioni con il simbolo della carrozzina per poter parcheggiare i loro macchinoni di lusso d'avanti all'entrata del centro commerciale........
che schifo

Antonio Dipalo, Padova Commentatore certificato 10.08.10 16:36| 
 |
Rispondi al commento

mio padre e' un disabile ma e' diventato molto difficile farlo uscire abbiamo dovuto ordinare una rampa amovibile per gli scalini del portone a carico dei miei genitori,poi per finire c'e' stato qualche condomino che ha suggerito a mia madre di non uscire piu' per i problemi che da..............a me sembra che la menomazione di mio padre dia molto fastidio al condominio isabella

isabella albanese 09.08.10 23:01| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti sono per "cosi dire"disabile da 14 anni,scrivo per cosi dire perchè la mia menomazione (amputazione di gamba al terzo medio distale cioè sotto il ginocchio)"ho inserito il termine medico tecnico corretto cosi se qualche signore della commissione medica legge forse riesce a capire;è niente confronto a gravità fisiche più gravi e serie ed all'impossibilità di muoversi e vivere autonomamente.
Scrivo questa cosa perchè tante persone che come me sicuramente hanno avuto l'esperienza di andare davanti a una comissione medica, si sono trovati davanti dei giudici, non dei medici.
Queste persone le paghiamo noi e possono decidere se puoi vivere bene o male, c'è un punteggio per ogni disabilità e loro decidono in base a quel cazzo di punteggio.
Le commissioni mediche di accertamento si basano su un decreto legge del 1992 che vorrei invitarvi a leggere.
Questo è il link (http://www.handylex.org)
Io come molti disbili non pretendo un pacco di soldi ma almeno la possibilità di svolgere un lavoro ma non c'è neanche quello.
Sbattimenti per iscriversi alle liste speciali dove,ci sono più disoccupati delle liste normali.
Quando ti presenti in commissione medica per l'accertamento dell'invalidità ti raccomandano di portargli gli ultimi referti madici; io oramai come tanti non ho un referto,ma bensi un'enciclopedia medica e comunque non la guardano nemmeno.
Una volta mi sono permesso di fare una domanda a questi signori-la risposta è stata "le arriverà il verbale a casa,noi non possiamo dirle niente".
Scusate lo sfogo ma veramente viviamo in un paese vergognoso.
un saluto a tutti.
Claudio

claudio fadda Commentatore certificato 09.08.10 01:09| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti sono per "cosi dire"disabile da 14 anni,scrivo per cosi dire perchè la mia menomazione (amputazione di gamba al terzo medio distale cioè sotto il ginocchio)"ho inserito il termine medico tecnico corretto cosi se qualche signore della commissione medica legge forse riesce a capire;è niente confronto a gravità fisiche più gravi e serie ed all'impossibilità di muoversi e vivere autonomamente.
Scrivo questa cosa perchè tante persone che come me sicuramente hanno avuto l'esperienza di andare davanti a una comissione medica, si sono trovati davanti dei giudici, non dei medici.
Queste persone le paghiamo noi e possono decidere se puoi vivere bene o male, c'è un punteggio per ogni disabilità e loro decidono in base a quel cazzo di punteggio.
Le commissioni mediche di accertamento si basano su un decreto legge del 1992 che vorrei invitarvi a leggere.
Questo è il link (http://www.handylex.org)
Io come molti disbili non pretendo un pacco di soldi ma almeno la possibilità di svolgere un lavoro ma non c'è neanche quello.
Sbattimenti per iscriversi alle liste speciali dove,ci sono più disoccupati delle liste normali.
Quando ti presenti in commissione medica per l'accertamento dell'invalidità ti raccomandano di portargli gli ultimi referti madici; io oramai come tanti non ho un referto,ma bensi un'enciclopedia medica e comunque non la guardano nemmeno.
Una volta mi sono permesso di fare una domanda a questi signori-la risposta è stata "le arriverà il verbale a casa,noi non possiamo dirle niente".
Scusate lo sfogo ma veramente viviamo in un paese vergognoso.
un saluto a tutti.
Claudio

claudio fadda Commentatore certificato 09.08.10 01:09| 
 |
Rispondi al commento

Salve, io sono un disabile in carrozzina (sclerosi multipla) non vi dico i "numeri" quando "esco" con la carrozina elettrica (soglie, gradini, scivoli occupati, scivoli inesistenti, marciapiedi stile "camel trophy" ecc) ... il fatto è che non ho nemmeno l'accompagnatore (e dove lo trovo con 450 euro al mese?) ... a volte mi vergogno d'essere italiano.

Stefano Matteini 06.08.10 23:30| 
 |
Rispondi al commento

La questione è prima di tutto culturale. In Danimarca è da decenni che c'è una vera politica per dare uguali diritti e dignità ai cittadini disabili perchè alla base c'è una vera e forte concezione di cittadinanza (con tutti gli annessi diritti e doveri) che purtroppo da noi è, per essere ottimisti, largamente minoritaria.
Da questo punto di vista la Rete si sta rivelando un grande strumento, non solo per dare visibilità a queste questioni (tutt'altro che marginali), ma anche per costruire sensibilità e partecipazione, sale di una convivenza (si spera) sempre più civile e rispettosa della diversità e dei bisogni di tutti.

Domenico Tosello 06.08.10 18:31| 
 |
Rispondi al commento

autisti che cazzo non sapete svitare due bulloni da oggi svitiamo sti cazzo di bulloni

giovanni miceli 06.08.10 15:59| 
 |
Rispondi al commento

Ciao, mi chiamo Cesare e sono il fratello di un ragazzo di 38 anni che dalla nascita vive in carrozzina. Sono arrivato al punto di essere orgoglioso delle persone come mio fratello, che sono di gran lunga migliori di quelle che non hanno quel tipo di problema. Sono veramente schifato e non so più come descrivere queste inutili, quanto indifferenti persone che mi girano e gli girano intorno, non solo mettendoci i bastoni fra le "ruote", ma anche facendoci sentire ancora + soli di quanto non siamo di già. Il male non si augura a nessuno, ma l'italiano in generale dovrebbe passare dalla loro parte per capire come e cosa si deve fare per vivere ogni giorno. Un augurio a tutti i diversamente abili di non mollare mai.

Cesare Scali 06.08.10 15:38| 
 |
Rispondi al commento

Viviamo a Barcellona dove il 100% degli autobus ha la rampa che permette a mia moglie e a tutti i disabili di girare liberamente sui mezzi pubblici.
Nella mia città, Genova, purtroppo mancano persino molte rampe per scendere dal marciapiede, chiaramente uscire di casa diventa molto più difficile.
Ciao.

Homo Sapiens, Genova Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.08.10 14:29| 
 |
Rispondi al commento

Sono stato al mare nel complesso di Riva del Sole a Castiglione della Pescaia (GR): incredibile vedere quanti bambini e adulti disabili, down o con gravi malformazioni ci fossero, rispetto alla normalità delle spiagge italiane.
La cosa mi ha colpito parecchio, anche perchè il tutto era visto con una normalità "anormale". Poi mi sono dato una risposta: la struttura è stata costruita ed è tuttora gestita dai sindacati svedesi...
Altro che cinque stelle... DIECI!!!

isidoro spannaverde 06.08.10 12:20| 
 |
Rispondi al commento

A Messina è successo l'incredibile: una disabile è bloccata in casa perchè qualcuno ha denunciato la pedana... abusiva!! http://www.youtube.com/watch?v=EVsCRUxxfdM
Fate girare!


i problemi dell'italia sono altri... ma quando lo capirete??

guerra alle intercettazioni, stampa di regime, digitale terrestre... i successi del nostro nano

filippo f. Commentatore certificato 06.08.10 12:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questo è uno, dei tanti, indici di come l'italiano sia un popolo di merda....
Speriamo di sprofondare presto!!

enrico m. Commentatore certificato 06.08.10 12:01| 
 |
Rispondi al commento

Stessa cosa in Inghilterra, inizialmente sembra che ci siano più invalidi, poi capisci che in realtà possono solo circolare di più (e anche trovare lavoro in tv alla BBC).

fa mes 06.08.10 11:40| 
 |
Rispondi al commento

Anche io quando sono andato in Olanda... la prima impressione che ho avuto che ci fossero in quei posti gravissimi problemi alla popolazione, perche' c'erano disabili ovunque.... poi apri gli occhi e ti rendi conto... che la' i disabili possono fare le stesse cose di chi puo' stare in piedi... da noi... no....

savino basta 06.08.10 11:32| 
 |
Rispondi al commento

sono disabile e lotto tutti i giorni (perchè a casa non ci sto!) con automobili parcheggiate su gli scivoli, nei parcheggi riservati, sui marciapiedi,... per non parlare di scalini per arrivare ai marciapiedi, nelle cabine telefoniche, ai bancomat, nei negozi!
la mia impressione è che noi disabili "diamo fastidio" o meglio, mettiamo in imbarazzo, mettiamo le persone "abili" di fronte alla vita con tutte le incognite e gli indovinelli!. mi ricorda quando le persone con sindrome di down si tenevano in casa o si diceva che tizio era morto per una brutta malattia invece di dire cancro; a proposito q.uno mi dice se esiste una malattia bella?

mariangela macera 06.08.10 11:20| 
 |
Rispondi al commento

Questi politici e partiti pensano solo alle loro seggioline e basta..da destra al centro a sinistra....sono solo e soltanto una banda.....é triste, solo chi c'incappa si rende conto del calvario che è costretto a percorrere....tra uffici,riconoscimenti, ecc.....oppure ricorsi legali per farsi riconoscere l'invalidità.
Non parliamo poi del superamento delle barriere architettoniche.....attraverso ausili, spesso dai costi elevati, tali da costringere il diversamente abile in una sorta di "arresti domiciliari"...qualche Regione da dei contributi..ma sono vere lotterie...
Ci vorrebbe proprio una spazio dedicato a questi problemi, tale consentire un'approfondimento del problema.
Non parliamo poi del lavoro per le categorie protette...quando vieni colpito da una malattia, sei tagliato fuori dal mondo del lavoro....non sono gli eventuali €250,00 a restituirti la dignità e un reddito..........
Ma quello che è peggio è che c'è molta indifferenza e menefreghismo....se non puoi salire le scale,non hai un reditto anche minimo...chi se ne frega....peggio per te....!
Figuriamoci se rinunciano ai rimborsi elettorali per finanziare la ricerca, l'inserimento occupazionale, il potenziamento degli ausili..il sostegno al reditto...il bello è che la gente continua a votare chi li fa il c....e basta...

roby f., Livorno Commentatore certificato 06.08.10 08:57| 
 |
Rispondi al commento

Ecco appunto, cominciate a non metterci i canarini (o qualunque altro animale) in gabbia e vedrete che smetterete di farlo anche con i disabili

Ferdinando De Fenza 06.08.10 08:22| 
 |
Rispondi al commento

PENSO A QUELLA RAMPA PER INVALIDI...NOI VORREMO TANTO ESSERCI ARRIVATI A QUEL PROBLEMA....
Mio padre da sei anni e' afflitto da PSP(PARALISI SOVRANUCLEARE PROGRESSIVA),malattia meno conosciuta della SLA ma dagli effetti se possibile ancora piu' devastanti,,,,una di quelle malattie che praticamente non esistono,una di quelle malattie che fanno si che tu debba correre per tre anni tra uffici,visite mediche e quantaltro solo per ottenere una maledetta pensione d'invalidita'.
poi l'ottieni e pensi...ok ora finalmente siamo a posto,tutto sara' piu' facile... e invece.....e invece ci vogliono 8 mesi per ottenere una carrozzina adatta alle sue necessita'...prima devi fare la domanda,poi trovarti i codici.dopo 15 giorni di corse interminabili ti trovi finalmente davanti allo sportello felice....eccoci siamo qui..tutto a posto....e invece no manca sempre qualcosa,un timbro,un foglio verde,blu,bianco...altre corse naturalmente con l'invalido al tuo fianco,a comprovare che non e' una truffa...vuoi solo una maledetta carrozzina c..zo!!!finalmente riesci a ottenerla...una magnifica carrozzina nera fiammante riemersa da qualche magazzino impolverato che a stento reggerebbe un bambino con una gamba rotta...
per farla breve 8 mesi ....quando finalmente dopo due carrozzine,un seggiolone polifunzionale e circa 250 ore perse a correre tra medici e uffici abbiamo quella giusta..ricoverano mio padre e da allora praticamente non si alza dal letto...ci fossimo arrivati a quella maledetta rampa.
grazie per l'attenzione.

Daniele Manissero, fossano Commentatore certificato 06.08.10 05:19| 
 |
Rispondi al commento

Sapete quanto valgono i disabili in Italia? 270 euro al mese di pensione per un disabile totale al 100%, alcuni poi sono più fortunati (si fa per dire) perchè prendono anche l'accompagnamento di circa 450 euro al mese.
Ditemi voi come si deve fare per tirare avanti, come pagare l'assistente (badante), le terapie private, le visite specialistiche, mangiare, vestire, i sfizi, i genitori non vivono in eterno e con la crisi che c'è in questo periodo già non si riesce a campare con spese normali.
Vogliamo parlare della quasi totale mancanza di luoghi di svago adatti a queste persone? Di luoghi ad esempio centri diurni o comunque di terapia per i maggiorenni che usciti dalla scuola si ritrovano chiusi in casa e dimenticati dalla sanità, sembra che dai 18 anni in poi un disabile non abbia più diritto alle terapie del servizio sanitario nazionale.
La gente è maleducata per le strade? dipende dall'educazione che lo Stato e le famiglie danno, molti genitori ancora oggi allontanano i propri figli dagli amichetti invalidi come se avessero la rogna, lo Stato non sensibilizza la popolazione, non fa leggi che realmente difendano i diritti degli invalidi.
Per le case popolari la legge prevede che una quota di quelle disponibili sia riservata agli invalidi e a particolari situazioni e categorie, se poi sei un disabile o ne hai uno in casa ti danno 2 punticini per la graduatoria generale e il "listino" non lo considerano mai, se vai a fare casino ti dicono 2000 scuse e si appellano a cavilli legali per non sfavorire gli amici e gli amici degli amici a cui devono andare le case.
Quanto vale un disabile in Italia ? Vale zero


Sottoscrivo riguardo alla situazione disabili in italia.
Io sono venuto a vivere in Canada quattro anni fa e all'inizio credevo ci fossero molti piu' disabili in proporzione che nel belpaese...ora capisco che li vedo in giro perche' hanno la possibilta' di circolare.

alessandro morelli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 05.08.10 23:59| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
LA DIFFERENZA E'CHE IN DANIMARCA I DISABILI LI VEDONO E SE NE PRENDONO CURA,NOI IN ITALIA CEOD E POI CASA,MA MI CHIEDO IO,MA ESISTE SOLO LA CASA O C'E' ALTRO,OLTRE LA CASA?

ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 05.08.10 23:42| 
 |
Rispondi al commento

Io di solito le prendo a calci, le macchine parcheggiate dove non dovrebbero. Ma, appunto, mi succede solo in Italia (e so che non dovrei).

Marco Venturini Autieri, Londra Commentatore certificato 05.08.10 23:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori