Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

PIG del Terzo Mondo


WC_treno_Roma.jpg
L'Italia fa parte dei PIGS, ma anche del Terzo Mondo. Un record!
"Sono stato in vacanza in Spagna e ho notato alcune cose: TRENI: sono salito su un locale, era come un nostro intercity, ma meglio: aria condizionata, poggiatesta e treno pulito. Ho preso dei regionali ed erano come le nostre frecce rosse, ogni 4 sedili uno schermo tv sul soffitto che proiettava un film, un addetto che passava a dare le cuffie a chi non le aveva (ogni bracciolo aveva l'ingresso cuffie per sentire il film o musica su altri canali). Per ultimo ho preso un interregionale, mi sono potuto collegare con il mio portatile in wi-fi e corrente. In tutti i treni era presente una guardia non armata atta a far rispettare la legge (in collegamento con la stazione di polizia) ed il controllore che passava a controllare il biglietto e si segnava su una tabellina i posti già controllati, per evitare di saltare qualcuno, questo vuol dire che passava più volte. Stazioni pulitissime, bagni pure. STRADE: in autostrada nessuna buca, solo qualche cantiere (con persone che ci lavoravano). In città stessa cosa, strade perfette, nessun rattoppo, se fanno una buca, poi riasfaltano una striscia più grande. Una sera saranno state le 24, mi sono fermato vicino a delle persone che lavoravano in una buca ed ho chiesto se era urgente, mi hanno guardato come un deficente e risposto: no, ma così lavoriamo meglio e non diamo fastidio agli utenti, per domani avremo finito. Ll'autostrada è quasi sempre gratis, perché? E' già stata pagata con le tasse perchè la dovremmo ripagare? POLIZIA: c'è un solo numero per le emergenze, un solo corpo di polizia, ma soprattutto la polizia è nelle strade. Sono ovunque, anche da soli e la cosa strana è che passeggiano, parlano con la gente, rispondo ad informazioni stradali. Sono integrati. INTERNET: hotel ed ostelli hanno tutti la connessione wi-fi, non bisogna neanche chiedere è come l'acqua. Ma ci sono anche Comuni che coprono le piazze pubbliche, quindi tu arrivi, accendi il portatile e navighi. Certo la connessione non ti permette di scaricare, ma basta per leggere la mail. PULIZIA: ci sono spazzini che passano di notte a pulire i marciapiedi e colleghi che lavorano di giorno. PREZZI: costa tutto meno e tutti i servizi sono migliori. Perché la Spagna è nei PIGS con noi? Perchè non siamo ancora falliti? Tutti i soldi che vengono rubati in bustarelle e corruzione dove finiscono? E se non ci fossero tutto sarebbe come in Spagna? Siamo nel Terzo Mondo e non lo sappiamo vero?" Antonio S.

29 Ago 2010, 19:08 | Scrivi | Commenti (73) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Se i treni sono sporchi e fanno schifo sarà forse che qualcuno li ha sporcati?
Gli italiani sono spesso dei gran maleducati e sanno solo lamentarsi...
Prova a fare all'estero come fanno molti passeggeri in italia, ovvero a mettere i piedi sui sedili, ad inciderli, ecc. ... e poi vedi quello che ti succede!
C'è il cestino pieno? All'estero tengono i rifiuti in borsa e li scaricano altrove, in Italia li buttano a terra... e quelli che arrivano dopo trovano una discarica...

Volete i treni puliti?
Allora cambiate mentalità agli italiani zozzoni (la maggioranza), oppure si assumono schiere di spazzini aumentando il costo del biglietto...
In Germania la DieBahn ha treni pulitissimi ma il prezzo del biglietto è il doppio del nostro a parità di chilometri...

Giorgio P. Commentatore certificato 02.09.10 22:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anch'io ho l'abitudine di fare le vacanze all'estero, e ogni anno il rientro è sempre amaro. Sono stato a Barcellona, Dublino, Praga e Amsterdam e tutte queste città (dico tutte) in un modo o nell'altro mi hanno fatto pensare di lasciare l'Italia. Tralasciano il discorso mezzi pubblici (Barcellona ha 8 metro, Praga "solo" 3, Dublino ha un'efficentissima rete di autobus, Amsterdam la puoi girare anche in bici :)), la sensazione generale è di essere in paesi più civili del nostro (anch'io in Spagna ho visto solo cantieri "funzionanti"). Al ritorno a Fiumicino mi è capitato una volta di aspettare le mie valigie per un'ora, un'altra di condividere l'UNICO nastro funzionante con altri SEI voli. Poi prendi il trenino per tornare a Roma e ti scontri di nuovo con la sporcizia e i disservizi tipicamente italiani. Che tristezza...

Max Pirro 31.08.10 11:15| 
 |
Rispondi al commento

Sono stato alcuni giorni a Barcellona e nella costa azzurra e devo confermare che i mezzi pubblici spagnol che ho preso erano invidiabili: puliti e climatizzati con gente civile a bordo e con un serrato controllo dell'autista su biglietti e relativa timbratura.
In Francia invece sono pazzi per le autostrade che devi pagare ogni 300m ma ti offrono dei servizi impensabili con aree di sosta che possono realmente diventare meta di scampagnate domenicali e che sono servite e fornite di tutto, bagni pubblici (puliti) e giochi per bambini compresi.
Le spiagge francesi poi sono l'apoteosi, anche in zone rinomate le spiagge sono libere per la maggior parte e fornite sempre di docce e servizi igienici pubblici.
Noi invece andiamo verso la privatizzazione di quel poco che è rimasto libero delle nostre spiagge senza ricevere peraltro un corrispondente servizio adeguato.

Massimo De Rosa 31.08.10 10:25| 
 |
Rispondi al commento

Vi ricordate l'attentato a Madrid del 2004? Al di là della drammaticità dell'evento, avete notato che razza di treni avevano nella stazione della capitale? Oh, dico, erano tutti moderni! Ma pensate se l'avessero fatto a Roma, che roba! All'epoca, ma anche adesso, la percentuale di scassoni era incredibile, treni sporchi anche solo a vederli (dicamo che sono 'classici'), una stazione per il resto trasformata (Roma Termini) e non da adesso, in una specie di ipermercato, con 200 e più negozi e ATTENZIONE, la sala d'attesa notturna CHIUSA da anni, tante volte i barboni ci trovassero rifugio. I barboni li hanno mandati a Roma-Tiburtina, che è un posto che fa paura anche solo a nominarlo (e fa proprio ribrezzo a starci, cosa che ti tocca fare se pigli certe coincidenze). A Termini non c'é un posto dove, da che mondo è mondo, i clienti-polli di Trenitalia che perdono un treno possano aspettare la notte. Dico: a Napoli, che è Napoli, nel 2001 c'era una saletta d'attesa tutta la notte aperta, a Termini dovete vedere: la gente dorme a decine sul binario uno (o fanno finta di dormire). Non solo: ma già che ci sono, hanno messo anche i BAGNI A PAGAMENTO, tante volte non si capisse quali siano i pensieri dei nostri 'ferrovieri' (sic): quelli di fare affari spennando i clienti-polli, per poi dirci che abbiamo le ferrovie più lurid-- err sicure del mondo.

S.m. 31.08.10 00:16| 
 |
Rispondi al commento

ormai vivo da 3 anni in spagna e penso che occorra fare alcune precisazioni. occorre distinguere tra amministrazione pubblica e privati. La prima nettamente piu sviluppata ed efficiente che la nostra ( anche se nel sud tipo marbella ci sono stati tanti casi di corruzione e devawstazione paesaggistica in nome della speculazione edilizia ma questo nessuno lo dice, con tanti politici implicati.) Dal punto di vista privato e della livera impresa penso che la spagna sia ancora 15-20 anni dietro all'italia. Per motivi di lavoro ho dovuto acquistare dei macchinari industriali. Le macchine italiana rispetto alle spagnole avevano due grandi difetti ( a detta del commerciale spagnolo) 1) erano troppo buone ed avanzate 2) vendute ad un prezzo troppo concorrenzial. Quindi deduco che non tutto nel nostro paese e' da buttare. Altro aspetto risaputo da chi ci vive e' che ce ne vuole per far lavorare uno spagnolo. Il lavoro nazionale e' passarselo al bar. Se c'e un desempleo del 20 % e' dovuto anche al sistema di assistenza sociale: basta lavorare alcuni mesi e si ha diritto ad un sussidio di disoccupazione. le persone preferiscono ricevere il sussidio che accettare lavori da 600 € al mese come mi dicono amici avviene in italia. Per i treni, concordo con l'amico di terrassa, provate a prendere quelli di cercanias. La differenza fino ad ora qua l'hanno fatta le banche che avevano i rubinetti aperti con il credito (ora non piu) ed una economia basata esclusivamente sull'edilizia. Fermato il mattone ecco che si e' fermata la locomotiva spagnola che ricordo tanti professori universitari additavano come esempio.

alberto orsi 30.08.10 19:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

anch'io ho viaggiato parecchio: quest'anno sono stata negli ex-paesi dell'est (Repubblica ceca, Polonia): i servizi sono notevolmente migliori dei nostri, non parliamo dei trasporti urbani, puliti, puntuali come un orologio svizzero.
Ovviamente la Germania è all'avanguardia (fotovoltaico e pale eoliche in ogni dove), in Francia anche paesi piccoli hanno un liceo.
Dell'Italia che dire: basta guardare il TGMinzolini per pensare di essere nel paese della cuccagna, ma non è esattamente così...

lucia signorino 30.08.10 17:42| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti i lettori,mi chiamo Alberto e sono un ragazzo di 17 anni, potrà sembrare strano che un ragazzo della mia eta' pensi e legga un articolo del genere e che lo commenti. Porto la mia piccola testimonianza, io sto svolgendo studi scientifici e quindi inesorabilmente dovrò con mia grande delusione abbandonare la mia città Roma e il bel paese per tutti i motivi che noi conosciamo,ma il punto e' che da due anni consecutivamente mi reco in agosto a studiare l'inglese a derry o londonderry in Irlanda del nord,una cittadina di 120000 persone e mi rendo sempre più conto che stiamo nell'eta della pietra rispetto a loro e che hanno un' educazione ed un rispetto che noi non abbiamo,li per Andare al bancomat ci si mette in fila indiana, non sparsi per la zona antistante lo sportello o se ci si ferma al semaforo ci si ferma prima della linea non sopra o dopo e se la di supera si torna indietro e sei hai bisogno di aiuto ti aiutano e la gente e' cordialissima. Per non parlare della pulizia delle strade e della città e dell'ottimo servizio di trasporto pubblico. Ed una delle cose che più ho notato e' il fatto che ogni cosa che può creare turismo e' sviluppa ed incentivata all'ennesima potenza. Durante questi viaggi mi sono reso conto che li si pensa molto di più alla comunità, allo stato , a farlo funzionare al meglio e quindi vale molto meno il discorso "se posso ti frego" e la famiglia conta, ma non hanno quel senso "la mia famiglia conta più della tua". In pratica noi come punto fondamentale della società abbiamo la famiglia (attenzione dico in generale come cultura radicata nei secoli), loro hanno lo stato come centro nevralgico della società.
Altro piccolo aspetto da notare e' che li per prendere l'autobus paghi il biglietto all'autista col cavolo che sali senza pagare o senza fare il biglietto. E come diceva quel ragazzo che ha lavorato in Irlanda parliamo di uno stato che e' più giovane del nostro e funziona meglio del nostro e che conta molto meno del nostro

Alberto Valentini 30.08.10 17:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Orbene, ordunque, cioè e comunque, perché in questo disgraziato Paese sudeuropeo l'Euro che è stato valutato 1936,27 lire di fatto ha il valore d'aquisto di 1000? Perché il popolaccio italiota, assecondato dal governaccio ladro, ha seguito la sua indole truffaldina e pusillanime della libera coniugazione del verbo più amato e usato.

Alberto Gramaccini 30.08.10 17:07| 
 |
Rispondi al commento

ma noi non siamo nei PIGS,i PIGS sono Portogallo,Irlanda,Grecia e Spagna per il fatto di avere un deficit di bilancio che spera il 10%....e la Spagna ha una disoccupazione al 20%,di cui quella giovanile al 40%

Roberto A 30.08.10 17:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OPS....
come si fa a votare questo commento qua sopra?

:)

sara paglini, carrara Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 30.08.10 16:48| 
 |
Rispondi al commento

Mi devo unire al coro di stupite lodi ai servizi trovati e provati fuori dall’Italia. Ho lavorato in Irlanda per qualche tempo e al rientro in Italia mi sembrava di essere retrocessa di qualche decennio. E parlo di Irlanda, isoletta europea ritenuta la cenerentola d’Europa… Emigrero’ portando la mia pensione in qualche Paese piu’ degno.

alberto c., monza Commentatore certificato 30.08.10 14:56| 
 |
Rispondi al commento

Confermiamo tutti e siamo tutti testimoni del fatto che basta girare l'angolo e si sta meglio che da noi. Ma intanto cosa facciamo per migliorarci? Com'è che tutti ci lamntiamo e poi alle elezioni vincono sempre gli stessi? Ma chi li ha votati se tutti ci lamentiamo? Abbiamo un grosso potere noi...il ns voto. Se alle prossime elezioni non ci sentiamo rappresentati da nessuno, semplice...non voto. Forse qualcosa cambierà?

Mike Eufrate 30.08.10 14:56| 
 |
Rispondi al commento

che il nostro paese si sia impantanato è un fatto che solo la propaganda può tentare di nascondere. Però non tutto il paese condivide lo stesso grado di arretratezza. Penso alle Marche ad esempio: regione dove le aziende hanno attecchito, ma che resta rurale in quanto a diffusione della popolazione sul territorio. con servizi pubblici che funzionano e una sanità che attrae pazienti da fuori regione. case a prezzi accettabili e la possibilità di vivere da cittadini e non da alienati. per questi motivi ho rifiutato di trasferirimi a milano e per gli stessi lascerò roma tra pochi mesi. e all'ombra dei pini del conero anche londra è un bel ricordo, di certo non un rimpianto.

Dino Barti 30.08.10 14:50| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
nel 1938 (70 ANNI FA) un treno per fare la tratta Bologna Firenze impiegava 52 minuti? OGGI, invece, con un Eurostar ci vogliono 59 minuti (7 in più); e con un rapido 88 minuti (37 in più). Vuoi provare con un'altra tratta? Ecco qua: Milano - Varese. Nel 1938 bastavano 46 minuti, OGGI sull'orario delle FS sono previste 2 soluzioni: 53 minuti (7 in più) oppure un'ora e 18 minuti (32 minuti in più).
E' chiaro: é aumentato il traffico; ma sono aumentate anche le tecnologie e le potenze dei motori. E sono AUMENTATI i compensi milionari dei dirigenti e/o manager!

Marco Calì

www.sapienza-finanziaria.com/


Mia cugina si trasferì, molto tempo fa, negli USA...lo sapete cosa mi ha detto:...in italia ritorno solo in vacanza....
Ma basta vedere tutta la pantomima del Cavaliere con il Colonnello...mohamed...l'ha invitato per vedere se compra i titoli di stato italiano....altrimenti fra 2-3 mesi andiamo in default.......altro che cazzatte....

roby f., Livorno Commentatore certificato 30.08.10 13:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Purtroppo devo dare ragione all'articolo. Sono tre anni che vivo a Barcellona e mi trovo benissimo, ho anche comprato casa.
Quando mi sono trasferito da Roma ho notato una differenza abissale: i mezzi pubblici funzionano, quindi la gente li prende al posto di prendere la macchina, il chè ha come conseguenza che il traffico è praticamente a zero. Car sharing da 3 euro all'ora inclusa la benzina, con macchine sempre disponibili. Risultato: sempre più gente non compra un'auto e la città è nettamente più vivibile

Tommaso Villani 30.08.10 13:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La risposta alla domanda è molto semplice:
siamo un popolo senza dignità di popolo e una nazione senza orgoglio di Nazione. In altre parole siamo "se posso ti fotto".

Roland Eagle () Commentatore certificato 30.08.10 12:44| 
 |
Rispondi al commento

Ho la maledetta abitudine di fare le vacanze all'estero e quando rientro soffro sempre la stessa sindrome, mi deprime tornare a vivere in una città come Roma, poi alla puzza, lo sporco e alla barbarie piano piano mi ci riabituo e tutto torna come prima. Che tristezza

Maurizio P. 30.08.10 12:28| 
 |
Rispondi al commento

Io ci vado spesso in Spagna e confermo. Posso aggiungere anche che, a differenza dell'Italia, quando arrivi in un aeroporto spagnolo per arrivare in città c'è un servizio ottimo e non ti rubano dai 9 ai 15 euro. A Madrid c'è la metro e con 2Euro in mezz'ora sei in centro (questo anche a Oporto in Portogallo, metro in aeroporto). In italia cito due casi Roma e Milano. A Roma sono dei ladri, ci vogliono 15 euro sola andata per fiumicino (30 minuti di trenino); per Malpensa ce ne vogliono 9-11, orio al serio 12 a/r se acquisti on-line.

Giovanni Adamo 30.08.10 11:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

forse dovremmo come le nazionali di calcio con gli allenatori, assumere un premier straniero insieme a qualche ministro straniero e qualche parlamentare...direi i 2/3, stranieri!!! Ci può salvare solo l'Europa e le sue leggi!!!

Filippo D. 30.08.10 10:40| 
 |
Rispondi al commento

Torno oggi dalla Finlandia..bhe un'altro mondo....treni, strade servizi eccellenti...nessuna pecca..da noi treni con zecche e topi, sulle strade si aprono voragini....in finlandia la gente si ferma se ti vede in difficoltà..da noi se hai un attacco epilettico in strada dicono che sei un drogato....In Finlandia a 29 anni hanno 2-3 figli...da noi a 29 anni sei un bamboccione senza lavoro e senza casa....in finlandia il presidente della repubblica è una donna di 64 anni al secondo mandato....
da noi il presidente del consiglio ne ha 74
fra 28 gg e il presidente della repubblica 85 da due mesi....in finlandia hanno babbo natle..noi Bruno Vespa....quando saremo come l'ORO....

leonardo zingaretti 30.08.10 10:39| 
 |
Rispondi al commento

Ero in Spagna a febbraio di quest'anno, confermo tutto quello che dice questo articolo aggiungo una puntualità dei mezzi pubblici eccellente. Al rientro in Italia una grande amarezza, tristezza per quello che siamo diventati. Un paese che è immobile da 20 anni su tutto e senza manutenzione adesso sta cadendo a pezzi, con un'ignoranza di molte persone che non lascia speranze.

Simone Gironi 30.08.10 10:31| 
 |
Rispondi al commento

Vivo in Spagna (Alicante) da 5 mesi e purtroppo devo confermare tutto. Sono un'infermiera e devo aggiungere che anche dal punto di vista sanitario sono avanti anni luce. Sono venuta qua per imparare come gestivano i pazienti cronici sul territorio con l'idea di tornare a Roma e cercare di fare qualcosa. Un paio di mesi fa sono tornata nell'università in cui mi sono laureata per proporre il progetto e tutto sembra impossibile, tutto è fermo, immobile, e anche quando si sente aria di cambiamento, si chiude la finestra, e ci si fuma sopra...
Risultato? Resto ad Alicante un altro anno...

Francesca Abate 30.08.10 10:24| 
 |
Rispondi al commento

mi viene in mente solo una parola o meglio un nome che evoca benissimo la nostra situazione: TITANIC.

Stiamo affondando, ma non ce l'hanno detto.

Gianfranco B. Commentatore certificato 30.08.10 09:56| 
 |
Rispondi al commento

Invito a leggere il breve estratto del libro "Voglia di cambiare" relativo alle migliori soluzioni adottate in Europa, in questo caso, sul turismo, quelle francesi e appunto spagnole.... http://giannigirotto.wordpress.com/2010/07/12/indispensabili-%e2%80%93-voglia-di-cambiare-turismo/

Pietro Pattini Commentatore certificato 30.08.10 09:29| 
 |
Rispondi al commento

Confermo pienamente quello che riporta l'autore del post.
Sono anni che vado in Spagna e quando mi sento dire da italiani che lì si sta peggio, mi incazzo...
Purtroppo con la disinformazione che abbiamo, le persone credono che noi non siamo poi messi così male.
La verità è che ci siamo abituati a non avere servizi,trasporti,rispetto,ecc....
Ci stiamo abituando(forse più corretto rassegnando) a questo standard di vita che non rispetta nemmeno lontanamente la media dei paesi europei.
Ignoranti di quello che accade intorno...ma ottimisti!

gianni f. Commentatore certificato 30.08.10 09:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

mi chiedo chi è il turista che sceglie l'italia x le vacanze ? anche bramby se ne và in costa azzurra a fare le sue!!!!! .....mi hanno aumentato i pedaggi x andare a lavorare !!!!carogne !!!!!!

capitan harlock 30.08.10 07:44| 
 |
Rispondi al commento

Sono in parziale disaccordo: IL TERZO MONDO CI SORPASSA!
Sono un abituale "ebayer" e con frequenza sempre maggiore mi imbatto in venditori stranieri che dichiarano a chiare lettere di spedire in tutto il mondo (TUTTO IL MONDO!!) esclusa l'ITALIA...
Alcuni specificano pure che è a causa delle Poste Italiane e del numero impressionante di pacchi non arrivati a destinazione.
Non siamo accomunati ad altri paesi, viene proprio specificato "spedizioni in tutto il mondo eccetto l'Italia".
Trovo che il giudizio dato da cittadini del mondo che non sono coinvolti politicamente e non hanno alcun motivo per spalleggiare l'una o l'altra posizione, sia implacabile ed incontrovertibile.
Complimenti alle Poste che mantengono alto il vessillo dell'italianità!

Michela Poma 30.08.10 07:43| 
 |
Rispondi al commento

Sono stato anche io in Spagna, Barcellona precisamente....concordo in pieno su tutto....Treni veloci..puntualissimi, strade pulite...polizia efficiente e integrata...wi fi ovunque...ogni volta che chiedevano: Italiano?? Avevano uno sguardo strano...come di compassione quasi....bah...saro paranoico oppure no?

Marco 30.08.10 03:19| 
 |
Rispondi al commento

Se penso al mio primo viaggio in Spagna risalente a circa 30 anni fa, ricordo chiaramente una Spagna già davanti alla nostra povera Italia.
Purtroppo confermo che siamo con la me.da al collo, e non so proprio quale santo potrà o vorrà più aiutarci.
Spero solo che tutti quelli che ci hanno ridotto così facciano una fine "degna", loro e tutte le loro generazioni a venire....

Jerry Spera, Molfetta Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 30.08.10 02:22| 
 |
Rispondi al commento

CHE QUI IN ITALIA ERAVAMO NEL TERZO MONDO ME NE ERO GIA' ACCORTA 30 ANNI FA. MA FINO A QUESTO PUNTO... BASTA SALIRE SUI TRENI ITALIANI E TI ACCORGI SUBITO DI ESSERE IMMERSO IN UNA FOGNA A CIELO CHIUSO. PER NON PARLARE DI TUTTO IL RESTO.
PAGHIAMO GIA' CON LE TASSE I TRASPORTI E TUTTI I VARI "SERVIZI DI STATO" MA, A DIFFERENZA DEGLI ALTRI PAESI, RIPAGHIAMO UNA SECONDA VOLTA (O ANCHE TERZA) LE STESSE COSE GIA' PAGATE CON LE TASSE...
QUANDO FACCIAMO PARAGONI CON I PAESI DEL TERZO MONDO DOVREMMO CHIEDERE SCUSA: LORO NON SONO CADUTI COSI' IN BASSO E HANNO MOLTA PIU' DIGNITA'.

Ferrandina S. Commentatore certificato 30.08.10 00:10| 
 |
Rispondi al commento

io sono appena tornata dalla Spagna. Sono stata nella Catalogna che ad essere sincera ho trovato molto pulita e ben amministrata ma sicuramente può migliorare.
Se vuoi avere un confronto molto più dritto e diretto con quello che avviene negli altri paesi e quello che avviene in Italia ti consiglio di visitare Paesi come la GErmania e la Svizzera giusto per non andare troppo lontano. rimarrai sbalordito e poi altro che terzo mondo!!!!!!!!!!!!!!!
ti accorgerai che l'Italia purtroppo è rimasta ferma al medioevo!!!!!!!

spataro valentina 30.08.10 00:10| 
 |
Rispondi al commento

confermo tutto da Pamplona, non Madrid, Barcellona o Valencia. Ci vivo dal 2001. Quando arrivai, con la puzza sotto il naso e la sensazione di declassamento (anche perche' gli spagnoli mi guardavano dal basso in alto), ci misi meno di loro a rendermi conto che la Spagna (tutta la Spagna) era gia' clamorosamente superiore all'Italia. Adesso pero' lo sanno anche loro. E non mi guardano piu' dal basso in alto, ne' dall'alto in basso, perche' ormai mi considerano dei loro e si sono resi conto che non ero matto quando decisi di emigrare cola'.

www.thinkitthrice.blogspot.com

maurizio bendandi 30.08.10 00:04| 
 |
Rispondi al commento

E che sulla rambla di Barcellona ti mettono in tasca la droga lo dici? No, eh?

Raffaello Camoriano 30.08.10 00:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sempre nel 1992, sulla superstrada Torremolinos -Malaga, c'era colonna. Subito pensavo ad un incidente poi ho capito che erano lavori in corso. Ho notato che anche in Spagna usavano i coni per vietare il cambio di corsia.
Però li mettevano solo dove c'era la linea tratteggiata perchè sulla linea continua non servivano.
Anche da noi vero?

A N. Commentatore certificato 30.08.10 00:01| 
 |
Rispondi al commento

Per chi pensa che moderne siano solo Madrid e Barcellona.
Segnatevi l'itinerario più corto tra Torremolinos e Siviglia: è una strada statale che valica delle montagne relativamente basse (con una piccola deviazione si arriva anche a Ronda). Nel 1992, su questa strada, ogni km - km e mezzo massimo, era stata costruita una terza corsia, alternata tra i due sensi di marcia, che ti permetteva di sorpassare camion e veicoli lenti anche sui tornanti. Provate a trovarvi davanti un trattore mentre salite alla moderna Cortina d'Ampezzo.....

A N. Commentatore certificato 29.08.10 23:55| 
 |
Rispondi al commento

Sono stato ( e ci tornerò) in Spagna di recente, e confermo molte cose di quelle espresse nel post. Di altre non so perchè non ho preso il treno ma posso immaginare
Le stesse cose si possono dire di altri paesi europei ed anche asiatici, soprattutto a proposito di internet negli hotel e negli aereoporti.
In compenso abbiamo il calciomercato e vuoi mettere?? . . . . . per il resto nel nostro paese siamo solo chiacchiere e distintivo

marcello marcello 29.08.10 23:37| 
 |
Rispondi al commento

Io arrivo da Lampedusa,decantata come isola senza rivali per la bellezza del mare,dell'isola in generale,ecc..ho trovato una semi discarica a cielo aperto ed in parte sommerso.Raccolta differenziata non esiste,in cambio ho trovato frigoriferi,boiler,batterie,ed una bombola del gas(uso domestico)nei pressi dei cassonetti.Rifiuti solidi urbani sparsi quà e là lungo le tre strade principali dell'isola;nell'isola pedonaledi via Roma ci sono due forse tre bidoncini per la raccolta dei rifiuti da passeggio;calcinacci staccati da un balcone non raccolti dal marciapiede a due passi dal comune.In mare di acque e fondali integri solo la spiaggia dell'isola dei conigli in quanto presidiata dai volontari di Legambiente!!Grazie ragazzi l'anno prossimo vi darò il 5x1000!!Investimenti stranieri sull'isola Zero(dato non certo),presenza di stranieri poca:ho visto 4 francesi 2 tedeschi e 2 inglesi!non è una barzelletta!!ma la cosa più grave è l'abitudine all'immondizia!!Cala Spugna piccola insenatura zona sud est, deliziosa vista dall'alto,metto la maschera e scopro una discarica sott'acqua!c'era di tutto!C'era un padre(sicuramente Siculo)con 2 figli che facevano tranquillamente il bagno.Che dispiacere!!Ho le prove fotografiche di quello che dico!!Non ci torno più..l'anno scorso sono stato in spagna,ibiza,altra mentalità.Superiore!!

andrea c., varese Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 29.08.10 23:36| 
 |
Rispondi al commento

Caro Antonio, siamo nei pigs ma non dovremmo nemmeno esserci, se ci fosse un tribunale fallimentare per nazioni lì dovremmo essere! Siamo già falliti solo che non ce lo dicono, stanno raspando il fondo del barile per il loro schifo futuro fatto di pensioni dorate!
Si deve fare un passo indietro in Italia...lo stato non deve regalare le concessioni e non controllare ma qui controllori sono i controllati e viceversa...ma che paese siamo dove i vigili sono costretti a fare multe e girano con la pistola....l'altro giorno ho chiesto a un vigile che mi stava (giustamente multando) se sapeva quanti colpi di pistola sono stati sparati dai vigili (a Genova) negli ultimi anni e, ovviamente, non gli risultava nessuno. Probabilmente non sanno nemmeno usarla perchè costa andare a fare gli aggiornamenti. Hanno la pistola per ricevere l'indennità di 30 euro al mese lorde. Che paese!! Diamogli sti 30 euro e risparmiamo sulle pistole!! etc...etc....

Filippo D. 29.08.10 23:00| 
 |
Rispondi al commento

...siamo sempre a tessere elogi di qualsiasi paese,certo, la Spagna ha fatto passi da gigante nelle ultime decadi,ma onestamente mi sembra eccessivo paragonare le ferrovie o le autostrade Iberiche alle nostre;l'autostrada Madrid-Barcellona è sicuramente paragonabile alla nostra Salerno-Reggio Calabria solo un po peggio,i servizi di ristorazione sui loro InterCity equivalgono praticamente a quelle dei nostri Vu-Cumpra di trenta anni fa;Madrid e Barcellona sono due città bellissime che hanno scoperto una vocazione turistica sopita da decenni di torpore politico. L'Italia è stato il centro del mondo per circa due Millenni,la nostra nazione spesso viene identificata come il Belpaese,siamo tuttora i più ricchi del mondo,dovremmo solo smetterla di voler campare di rendita,rimboccarci le maniche ,dare un bel calcio nel culo a tutti quelli che hanno fatto politica negli ultimi trenta anni precipitando l'Italia ai margini delle comunità che contano e che tracciano la Via del progresso,della solidarietà e della Libertà.

autorino ciro 29.08.10 22:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sebbene la Spagna effettivamente negli ultimi anni abbia fatto dei passi da gigante, mi sembra un pò esagerata questa descrizione.

La Spagna non è un eden.

Prova a andare nei paesini di periferia e ti accorgi che sono + arretrati di certe zone del sud Italia.

Se rimani corcoscritto a Madrid o qualche altra grossa città può essere realistico ma comunque non paragonabile con l'Italia.

Madrid è una città nuova e relativamente facile e poco costosa da costruire.

L'Italia è TUTTA fisicamente vecchia. Prova a fare una metropolitana a Roma senza trovare reperti storici ogni 100 metri.

In Italia tutto costa purtroppo di più per questi motivi ed a ciò si aggiunge la mano dei malavitosi e magna magna.

Ma quanto a malavitosi e corrotti la Spagna non scherza di certo.

Comunque a mio avviso si tratta solo di mentalità.
I ragazzi dei licei sono vestiti tutti uguali con una sorta di divisa.
Qui già all'asilo vestono Armani perchè bisogna distinguerli.
Dalla distinzione alla libertà di gettare cartacce in terra o spaccare lampioni per divertimento ci vuole poco.

Mino Pluto 29.08.10 21:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Domande da fare ai residenti.

è inutile (tutto), Roma Commentatore certificato 29.08.10 21:08| 
 |
Rispondi al commento

La Spagna era già cosi DIECI ANNI fa.

Carlo Carli - Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 29.08.10 20:34| 
 |
Rispondi al commento

E intanto anche nel ricco nord est la crisi non si attenua:
«A qualche azienda staccheremo la spina»
Cassa integrazione record, la Regione (veneto)svolta: «Non si può accontentare tutti, selezioneremo»
...
Se ci si ferma ai numeri, infatti, si rischia l'ecatombe: 756 aziende hanno formalizzato quest'anno (e siamo ad agosto) il loro stato di crisi, contro le 591 dell'intero 2009; la cassa integrazione, invece, ha segnato un più 152% per un totale ad agosto di 90 milioni di ore (le stime sono della Cgil), di cui 14 milioni soltanto a luglio. L'anno scorso, in dodici mesi, si fermarono ad 81 milioni.

http://corrieredelveneto.corriere.it/veneto/notizie/economia/2010/28-agosto-2010/a-qualche-azienda-staccheremo-spina-1703654768035.shtml

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 29.08.10 20:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Confermo.

Alberto M., Sanlucar de Barrameda Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 29.08.10 19:56| 
 |
Rispondi al commento

Negli anni '80 la Spagna rispetto a noi era il terzo mondo, ora 30 anni dopo, siamo noi il terzo mondo rispetto alla Spagna; se c'è qualcuno che pensa che TUTTE le forze politiche che si sono alternate negli ultimi 40 anni non siano responsabili di questo, è un povero pazzo.

Paolo Cicerone, ★★★★★ Commentatore certificato 29.08.10 19:43| 
 |
Rispondi al commento

E poi che non sei stato in Svizzera, Germania, Belgio, Olanda, Norvegia, ecc... se no, non ti chiederesti se siamo o no nel terzo mondo: ne saresti certo!!!!
Ringraziamo tutti, da destra a sinistra!

fabio rossi 29.08.10 19:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusatemi, ma questa Spagna che voi descrivete non è la Spagna che io soffro ogni giorno.
Treni ? (provate a usare la RENFE nella Catalogna) pulizia (è molto megliorabile) , autostrade gratuite ? (Non nella catalogna)
Lavorare nelle strade 24 ore ? Mai visto dopo le 18.

Saluti,
Enric Pujol
Terrassa - Catalogna

Enric Pujol 29.08.10 19:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

adesso è chiaro il motivo della visita di gheddafi in italia: ci sta preparando la strada per farci entrare nell'UNIONE MAGREBINA!

gaab rius Commentatore certificato 29.08.10 19:37| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
ANTONIO S,LA TUA CONSIDERAZIONE E' REALE(OLTRE TUTTO OTTIMO POST), CI DICONO CHE VA' TUTTO BENE CHE QUESTO E CHE QUELLO (SPESSO MI CHIEDO SE NON MI COMPREREI UNA CASA IN SPAGNA,ANCH'IO),MA IN REALTA' SIAMO MESSI PEGGIO,ANZI GRAVEMENTE PEGGIO DI ALTRI PAESI EUROPEI,E IL BRUTTO CHE NON CE NE RENDIAMO CONTO
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 29.08.10 19:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vero, siamo nel terzo mondo, sconsolatamente, desolatamente, clamorosamente, ma purtroppo è così.
Ma siamo ottimisti, quando precipiteremo potremmo fare come quello che cadde dal ventesimo piano e cadendo arrivato all'altezza del primo piano pensava : fino a qui non mi sono fatto nulla di male!

nicola rindi, prato Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 29.08.10 19:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori