Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Debito a quota 1838 miliardi


Castelli_e_il_debito.jpg
> Nel video Castelli imputa il debito pubblico, la rovina delle future generazioni, alla Prima Repubblica. Un lapsus. Il debito è stato creato da Craxi, ma fatto esplodere dai governi Berlusconi (con la Lega al governo...).

Un debito pubblico in continuo aumento si traduce in tagli alla spesa, dalla scuola, alla sanità, alla sicurezza. Più debito, meno servizi, meno Stato sociale. E' una spirale alla fine della quale le nostre tasse (in calo) serviranno solo a pagare gli interessi sul debito. Ma se lo Stato (ci dicono) diminuisce sempre di più le sue uscite e il debito aumenta comunque al ritmo di 15 miliardi di euro al mese dove sta il trucco?
"Gente,Ieri sera al tg: a luglio il debito pubblico è salito a 1.838 miliardi di euro....ma come? A giugno era diminuito..da 1824 a 1812...(secondo tremortis grazie alle entrate derivate dal turismo) e nel giro di di un mese è risalito di 22 miliardi?....mi sa che dobbiamo regalargli un pallottoliere......ehhh...Ormai caro Beppe, siamo su una canoa trascinata dalle correnti del fiume..e ci stiamo avvicinando paurosamente alla cascata ...". roby f., Livorno

15 Set 2010, 18:55 | Scrivi | Commenti (48) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

#
TheClockwork01
1 minuto fa

Ricordatevi sempre di un attore della 1^repubblica, che ancora c'è ma spesso passa inosservato: Cirino Pomicino....capogruppo alla camera per DC-PSI, scrive tuttora per il Giornale e Libero (come sono stupito) con lo pseudonimo di 'Geronimo'...

E' CONDANNATO IN VIA DEFINITIVA, per finanziamento illecito e mafiosità varie legate al terremoto dell'irpinia. Collaborava attivamente assieme al Poggiolini aiutandolo a riempire di soldi i pouf di casa sua.

E' stipendiato da NOI, in pensione pure!!
:-O

L'amore è amore e dove poteva scrivere o bazzicare il povero Cirino....??

Matteo B. 5* 21.09.10 16:28| 
 |
Rispondi al commento

Non si può certo eliminare il debito pubblico, è una caratteristica di tutti i paesi sia ricchi che poveri, ma si possono ridurre gli effetti devastanti riducendo la spesa pubblica sul lato lavori pubblici: comuni, province, regioni, continuano a spendere miliardi di euro che vengono trasferiti alle imprese (inefficienti) attraverso lavori che molto spesso servono a poco o a nulla e pagano solo cricche e sprechi. Faccio un es. il comune dove abito (Rocca Priora)è in dissesto finanziario per questo fa aumentare i costi dei serviziche che eroga, (ad es. la spazzatura dell'85%) e nonostante questo il comune ha deliberato di accollarsi il 20% di finanziamenti che arriveranno (per l'80%) dalla regione per fare cosa? Udite, udite: 550.000,00 euro (non 50.000,00) per il manto d'erba di un campo di calcio di 3a ctg, ben 650.000,00 per coprire!? un altro campetto di calcio a ridosso dello stadio, forse perchè non prendano la pioggia i giocatori, altri 500.000,00 per il recupero del centro storico, ma non lavori solo studi e quanto devono studiare questi? Sono rimasto allibito vedendo queste cifre, pensavo di essermi sbagliato, cioè più di un milione di euro per fare tre stronzate. Per questo si dovrebbero porre dei limiti di spesa alle Regioni, ai Comuni,(le provincie devono essere abolite) e soprattutto i finanziamenti devono essere in rapporto con le tasse pagate, se nella regione c'è tanta evasione fiscale non si possono erogare continui finanziamenti, da dove provengono?

GIANCARLO SARTORETTO, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.09.10 09:16| 
 |
Rispondi al commento

Tutto vero, le banche sono il braccio armato.
Il problema è che sono apparentemente molto armati.
La soluzione è ancora quella di tornare alle origini.
Personalmente sono pieno di debiti ma non ne faccio dei nuovi e man mano che li pago ( perchè i debiti vanno sempre e comunque pagati ) chiudo i conti correnti dell' azienda.
Voglio tornare a mettere i soldi nel materasso e fare completamente a meno di loro.
Nella stessa ottica non si acquistano prodotti pubblicizzati e non si acquistano prodotti che sono frutto di speculazione ( leggi licenziamenti di operai italiani e trasferimento degli impianti all' estero ) ecc ecc.

Andrea Samorì (:-)), Faenza Commentatore certificato 17.09.10 08:51| 
 |
Rispondi al commento

Il debito pubblico è scoppiato nel salvataggio del banco di napoli , tutta una storia da seguire e scoprire ma molto nascosta .... tanti tanti anni fa era uscita tutta la storia su un giornale dedicato agli insegnati che non ricordo piu il nome . avevano documentato tutto con anche la denuncia che si era preso un ispettore della Banca d'Italia . Cmq se ricordo erano gli anni '70 e il buco appianato era sui 30.000 mld di L una cifra enorme e tutta trasferita in bot , quelli che facevano guadagnare tantissimo in interessi , pagati poi con le tasse .

tino p. Commentatore certificato 17.09.10 08:14| 
 |
Rispondi al commento

Quando si parla di "debito", l'italiano medio intende che c'è qualcuno che deve soldi a qualcun altro. Bene! Chi è "QUALCUNO" lo abbiamo capito... siamo NOI! Per "Noi" intendo "gli abitanti di tutti i paesi del pianeta TERRA... perchè come ben abbiamo capito non c'è un paese della Terra che non abbia un debito pubblico. Ora rimane da scoprire solo chi è "QUALCUN ALTRO"?
Insomma...
Se tutti hanno un debito con "qualcun altro", questo "qualcun altro" dev'essere moooolto ma mooolto ricco! Chi è? chi è? Possibile che a nessuno interessi sapere chi è Qualcun altro? E quando si parla di ricchezza non stiamo forse parlando di coloro che teoricamente "custodiscono" i patrimoni di tutti noi? Le banche?
E' alle banche che dobbiamo dei soldi???
E cosa fanno le banche per "meritarsi" questi CREDITI??? eh? cosa??? ah! Stampano denaro e ce lo prestano!... cosaa??? Stampano denaro e ce lo prestano??!??!?... ma allora cosa ne dite di fare quello che suggeriva quel saggio e buon ex-amico di Grillo, il prof. Giacinto Auriti? che ne dite?
Facciamo stampare i "NOSTRI" soldi da una tipografia... e paghiamola come va pagata una tipografia! 30 cent. per ogni banconota stampata!! e non come facciamo con la BCE alla quale paghiamo 500 e. + interessi una banconota da 500 e.!!! ma siamo matti???? Una qualunque tipografia attrezzata ci stampa la banconota da 500 e. facendocela pagare 30 cent. ma noi "preferiamo" pagarla 500 e. + interessi alla congrega delle banke?!!??? ma allora capisco perchè una volta "qualcuno" a capo di questo blog diceva che i politici sono i camerieri delle banke! Sbagliava solo in una cosa! nel chiamare politici questi omuncoli invertebrati e collusi che andrebbero chiamati col termine più dispregiativo del 3° millennio: "PARTITICI!"
bleaaaakkk!!! @_@

franco Muzzi 17.09.10 02:18| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

In realtà si avvicina il momento in cui tutti questi soldi saranno 'bruciati', o perlomeno ridotti del 50, 60%..
In pratica un giorno comparirà in TV un signore che dirà: possiedi titoli dello stato italiano?
Bene: vedi quanto c'è scritto, dividi per due, cancella la vecchia cifra, riscrivi la nuova cifra...

Josef Dzugashvili (stalin) Commentatore certificato 16.09.10 19:55| 
 |
Rispondi al commento

Il debito pubblico della prima repubblica coincise con l'intensa attività produttiva degli anni 60-70-80. Tale spinta poteva comunque giustificare l'elevato indebitamento. Lo "scarica barile Castelli" si giustifica attaccandosi alla penosa condotta dei politici di allora trascurando ciò che di buono era stato fatto come le politiche economiche di lungo termine che hanno posto le basi dello stato sociale. Castelli non menziona il contesto storico di quel periodo e tutti i traguardi raggiunti in materia di diritto del lavoro, sanità pubblica, gli investimenti nella scuola e nella cultura in generale, il supporto della politica nei piani industriali d'interesse nazionale. Tempi in cui i referendum popolari venivano rispettati, basti pensare al nucleare e all'aborto. Dov'era Castelli quando, con la crisi economica degli anni novanta, gli industriali hanno cominciato a delocalizzare la produzione nei paesi emergenti, preferendo spostare le unità produttive nei paesi a basso costo?
Oggi il pil nazionale è sostenuto dai consumi. E' impensable che tale strategia duri a lungo quando le notizie della chiusura degli stabilimenti produttivi sono all'ordine del giorno e con una disoccuazione reale che sarà intorno al 20% della forza lavoro, drogata dalle leggi introdotte sul precariato, il nero e la cassa integrazione. Come possono gli irresponsabili Castelli a co. pensare di arginare il debito pubblico attuale, una voragine ben maggiore rispetto agli anni d'oro. Berlusconi ha aumentato l'età pensionabile, distrutto la previdenza sociale insieme alla sinistra, tagliato i fondi a destra e a manca nel tentativo di non aumentare la pressione fiscale, che è comunque aumentata, svenduto i beni demaniali dello stato, privatizzato l'acqua in molte regioni, sostenuto la mafia edilizia, strangolato l'università e istituito il numero chiuso in tutte le facoltà, condannato l'Alitalia e altre realtà statali svendendole ai privati, impoverito la scuola pubblica, attentato la costit

Francesco Piccolo 16.09.10 19:01| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Fin dalla nascita le grandi banche agghindate di denominazioni nazionali non sono state che società di speculatori privati che si affiancavano ai governi... (Karl Marx, Il Capitale, 1885)

Ed io aggiungo,oggi i Banchieri,"sovrastano" i Politici.
I Politici,e la Politica,è asservita al potere economico,e di conseguenza dei Banchieri,e di conseguenza,il debito,è il mezzo per tenerci in pugno.

Fred.Astaire 16.09.10 17:42| 
 |
Rispondi al commento

E così, il debito italiano continua a salire: Debito pubblico record a luglio, dice
Bankitalia: "Toccati i 1.838 miliardi".
Ho proprio l'impressione (certezza sarebbe più appropriato) di vivere in un paese fatto di cricche e di bande bassotti che hanno portato la "politica del rubare" all stato di machiavellica perfezione.
Si manda avanti il paese a furia di indebitamento, di altissima tassazione per dipendenti e datori di lavoro,di sottrazione e decurtazione degli investimenti in scuola, industria, ricerca, sanità: l'elenco sarebbe infinito. Il tutto, per dirottare un fiume di denaro pubblico nelle volute direzioni e portare avanti l'assalto alla diligenza della cosa pubblica, arbitrariamente e scaltramente inventando appalti miliardari di non sempre palese necessità, con le solite ricadute di regalie e contributi in contanti ai politicanti accondiscendenti per ville, appartamenti in centri storici, mega yachts, baldorie e potere. Se questa non è MAFIA allo stato puro, non saprei come altro definire questa "politica" del saccheggio delle casse pubbliche e dei risparmi degli italiani.

Vince M 16.09.10 17:40| 
 |
Rispondi al commento

I POLITICI,NON SONO ALTRO CHE I CAMERIERI DEI BANCHIERI!
(EZRA POUND)

Fred.Astaire 16.09.10 17:38| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi. Per la precisione io mi ero preso la briga di analizzare l'evoluzione del nostro debito pubblico ( http://ttbinda.wordpress.com/2010/06/24/debito-pubblico/ tutti i dati forniti dalla banca d'italia). Non è tutta colpa di Crassi. E' colpa di tutti. Poi è vero che senza una seria lotta di evasione fiscale non lo recupereremo mai. Taglieranno tutto, salame e pistolino compresi, ma senza tagliare gli sprechi.
Castelli è un bigolo, tanto che nemmeno nella Lecco dove è nato l'hanno voluto come sindaco. Bossi un pagliaccio (sempre più simile a una creatura di King però).
Il problema è che quando questa gente con tanto di codazzo di mentecatti vanno in giro a inquinare l'aria con i peti che gli escono dalla bocca dovremmo essere noi ad aggiungere quello ch manca alla puzza dei loro denti marci. Altro che fumogeni, striscioni e bandiere. Tutti con la mano alla bocca. Gli ci vogliono i pernacchi per questi cialtroni!
A Woodstock 5 stelle si deve perdere 10 minuti per spiegare alla folla come si fa seriamente un pernacchio. Se serve qui ci sono due maestri che ce lo spiegano http://ttbinda.wordpress.com/2010/09/06/o-pernacchio/ .
T. Binda - Lecco

tiziano binda, lecco Commentatore certificato 16.09.10 17:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' tutto ok. "I risparmi delle famiglie hanno retto"
hihihi.

Alessio Onofri, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.09.10 17:00| 
 |
Rispondi al commento

qualcuno spieghi a Castelli cos'è il debito pubblico perchè ci girano intorno e nessuno dice agli italiani la verità.Non diminuirà mai il debito pubblico che l'Italia ha nei confronti della Banca d'Italia (che in pochi sanno che è una spa, privata dunque)perchè la banca presta soldi allo stato attuando quello che notoriamente si chiama signoraggio bancario

Antonio Dipalo, Padova Commentatore certificato 16.09.10 16:45| 
 |
Rispondi al commento

Infatti quelli che votano lega e non capiscono altro che "...a morte i rom" e non sanno di preciso cosa significa federalismo non capiscono quanto costi e quanto faccia alzare il debito! E non pensiamo solo al rapporto debito pil. In quanto in futuro il pil non sarà più l'elemento fondamentale per capire se uno stato è sano o meno! Quanti di noi vorrebbero lavorare quanto operai cinesi e vivere in Cina con un pil a due cifre ....ogni considerazione è ovvia!

Filippo D. 16.09.10 16:06| 
 |
Rispondi al commento

Siamo nelle mani di branchi di fallocefali


.

Marco Folli, Bologna Commentatore certificato 16.09.10 14:51| 
 |
Rispondi al commento

Visto che Castelli imputa che il debito pubblico è la nostra rovina, allora dovremmo muoverci.
Io propongo di non pagare piu tasse e di dare nome e cognome ai responsabili che ci stanno indebitando nelle aule dei TRIBUNALI.

Achille Penna 16.09.10 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Il celebroleso è tra i politici più ascoltati e seguiti al nord.L'ignoranza dilaga al nord (basta vedere chi viene votato spesso uno della lega), la leganord purtroppo dilaga al nord, MOLTO, MOLTO spesso le tre cose coincidono.Domandarsi cosa potrebbero fare di lavoro senza la politica i parlamentari leghisti no vero?
La verità e che la lega più degli altri partiti è scesa in politica per far soldi!
Un caloroso ringraziamento a questo partito lo dobbiamo fare visto che se ci avviciniamo al default è proprio e sopratutto grazie alla lega per aver detto a parole cose che mai si sono realizzate con i fatti.
Un esempio su tutti di vita virtuosa da paraculo vissuta per la politica.
Umberto Bossi da Cassago Magnago, provincia di Varese. Una vita da film. Ha fatto tre feste di laurea senza essersi mai laureato. Alla prima moglie racconta di essere un dottore, si finge medico dell’ospedale Del Ponte di Varese. La storia va avanti per mesi. Quando lei scopre che è tutto inventato chiede il divorzio. Qualche anno dopo l’Umberto porta anche la madre all’università di Pavia per la consacrazione ma non la fa assistere alla cerimonia: è la solita balla, lui ormai c’è abituato. All’Università per qualche anno c’era stato. Pochi esami, parecchi guai ma anche l’incontro che aveva cambiato la sua vita: quello con la politica.La Lega lombarda, i primi assessori comunali eletti in Veneto e Lombardia.Bossi cavalca Mani pulite e l’insoddisfazione del profondo Nord. Non sarà laureato ma è scaltro l’Umberto. Lavora sull’immaginario collettivo, capisce prima di tutti che l’immigrazione sposta una marea di voti che la gente ha una paura fottuta. Poi c’è il folklore: Pontida, miss Padania, la Lega che ce l’ha duro, Roma ladrona, i comizi in canottiera. La Prima repubblica crolla, nel Paese regna la confusione, il momento è propizio. Bossi alza il tiro. Annuncia la secessione, crea il Parlamento del Nord, progetta di avanzare “città per città con le baionette” è così via...

Pietro T. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.09.10 13:55| 
 |
Rispondi al commento

non è esattamente così,non navighiamo in un fiume,ma semplicemente in un mare di merda......verso la catastrofe con ottimismo.

gigi boi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.09.10 13:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Incomincia a "scricchiolare" anche l'europa...Sarkosy...risponde alla politica dell'accademia del parlamento europeo in modo brusco...l'episodio dei rom, per me è soltanto un pretesto....che nasconde un malessere più profondo..che si chiama:Euro.....il governo francese è costretto a metter mano ad una riforma delle pensioni...che sarà mal "digerita dai Francesi" e lui è consapevole che i francesi, sono rivoluzionari per eccellenza....figuriamoci se staranno zitti e boni...."come noi peori italiani"..sarà uno scontro duro....e lui ne uscirà perdente...ma tutta la politica europea ne uscira perdente...
Ogni giorno che passa gli europei dei ceti medio bassi, arrancano per arrivare alla fine del mese..per poi scoprire che in tutti questi anni...il parlamento europeo ha sovranità limitata...allorà che cazzo ci stanno a fare?...nulla..."in questa europa s'arricchisce solo chi è già ricco"..."l'unità di una Comunità si costruisce su altri valori e non sul valore della moneta"....in realtà Sarkosy nel suo messaggio lancia tra le righe un avvertimento...Voi la e noi qui ha confrontarci con i problemi....e prima o poi...i nodi vengano al pettine....

roby f., Livorno Commentatore certificato 16.09.10 13:38| 
 |
Rispondi al commento

Voglio farvi ragionare su due cifre.
Il debito pubblico è di 1838 mld.
Le entrate tributarie sono 210 mld.
Questo vuol dire che se tagliassimo tutte le spese (la sanità, l'istruzione, la giustizia, le pensioni, tutti i ministeri, tutti i dipendenti pubblici, eccetera) ma tutti i cittadini continuassero a pagare le tasse malgrado l'anarchia, ci vorrebbero quasi 9 anni per ripianare il debito pubblico, senza contare gli interessi maturandi.

Ormai la situazione è talmente grave che una manovra da qualche decina di mld non serve praticamente a niente.
Siamo fritti.

Qualche speranza è legata al Movimento 5 Stelle. L'alternativa è l'emigrazione. (o il fallimento).

Carlo B., Vicenza Commentatore certificato 16.09.10 13:26| 
 |
Rispondi al commento

Sindaco di Lecco, perfetto.

Alberto Gramaccini 16.09.10 12:14| 
 |
Rispondi al commento

castelli è l'esponente leghista che meglio rappresenta tutte le anime della Lega perché castelli è un gran coglione che è stato capace di non farsi eleggere sindaco di Lecco nonostante il suo partito da quelle parti sia la maggioranza.

Carlo Carli - Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.09.10 11:56| 
 |
Rispondi al commento

AMICI, VOLETE DAVVERO CAMBIARE IL SISTEMA? ALLORA DOVETE DARMI UNA MANO A CONTRASTARE LA MALAGIUSTIZIA ... FORZA, DIMOSTRIAMO CHE ANCHE STANDO SEDUTI DAVANTI AD UN COMPUTER POSSIAMO FARE QUALCOSA DI MOLTO UTILE ! CONDIVIDETE, FIRMATE E CONVINCETE TUTTI I VOSTRI AMICI A FIRMARE QUESTA IMPORTANTE PETIZIONE ... QUESTA E' L'UNICA ARMA, CHE ATTUALMENTE ABBIAMO A DISPOSIZIONE !!!

http://www.petizionionline.it/petizione/responsabilita-penale-dei-magistrati-/2057

Se avete domande o suggerimenti, questo è il mio profilo su Facebook:

http://www.facebook.com/photo.php?pid=548335&id=1793654864&ref=fbx_album#!/profile.php?id=1793654864

"IL MONDO NON E' MINACCIATO DALLA GENTE CHE FA DEL MALE, MA DALLA TROPPA GENTE CHE OSSERVA SENZA FARE NULLA!" [ALBERT EINSTEIN]

Otello Martini 16.09.10 11:27| 
 |
Rispondi al commento

Qual è commento si puo fare difronte a un debito pubblico di queste dimensioni??

Soltanto uno.. RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA SOVRANITà MONETARIA !! Come cittadino sono stufo di avere denaro in prestito da privati per pagare beni e sevizi sociali pubblici.

luca panero 16.09.10 10:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per me 1800 miliardi sono troppi e impossibili da recuperare. E' un pò come se in un bilancio familiare io guadagnassi 2.000 euro al mese ma avessi 2 milioni di euro di debiti verso terzi. Ma quando finirò mai di pagarli? L'alternativa dello stato Italiano al fallimento sarà sicuramente una cura da cavallo come la Grecia lunga almeno una trentina d'anni. Però il momento di dare il grande annuncio non è ancora arrivato, sennò addio governo.

g.n. 16.09.10 10:00| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe tutti i partiti di opposizione se non scendono in piazza sara' la fine della nostra italia,dopo questo mercato acquisto di berlusca la situazione economica e politica del nostro paese cadra'in un degrado inarrestable,anche perche' sopraggiungera' nel 2011 la vera crisi,che portera'disordini sociali.basta con le notizie scandalose,e'politiche e' giunta lora di organizzare una contestazione vera,gli italiani sono stufi di essere governati da gente che cura eslusivamente i loro interessi,trascurando di conseguenza le esigenze naturali del popolo sovrano.ITALIANIII...

alvaro napoli 16.09.10 08:30| 
 |
Rispondi al commento

Spesso, su questo Blog, puntiamo il dito indice sui leghisti,io ho sempre sostenuto che puntare il dito verso il leghista in modo critico è ostracista è sbagliato.....qualcuno si domandera cma bob simpatizza per la Lega...?bella domanda!...la risposta è questa:...La lega negli anni '90 ha avuto il coraggio, di scendere in piazza è protestare, contro un oligarchia di partiti e di potere che ci trattava e ci tratta da sudditi! intenti solo a rastrellare denari per evitare di far sprofondare l'italia nel debito pubblico..(ebbe il coraggio, ma non la forza!).
Oggi purtroppo abbiamo una Lega "addomesticata" e noi con questo movimento(che ci piaccia o no) stiamo riproponendo molti argomenti affrontati all'epoca dai leghisti.
Probabilmente noi e loro abbiamo qualche punto in comune..(almeno quando parliamo di uno stato che si prende il 70% di tasse..)di cui"purtroppo"una buona fetta se ne va in spese per la politica..(si parla di qualche punto di Pirl si amici di Pirl!)
Rivolgmaoci a questo elettorato chiedendoli: ma voi siete d'accordo a mantnere ques'andazzo? fatto di pletore di politici e partiti e iperburocrazia,enti,auto blu..? no perchè qui le spese invece di diminuire aumentano...e ho l'impressione che aumenteranno...forse non lo sanno, ma sulla canoa ci sono anche loro...sarebbe opportuno che iniziassero a remare contro corrente anche loro...

roby f., Livorno Commentatore certificato 16.09.10 08:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

QUANTO MANCA AL BOTTO?

gianni f. Commentatore certificato 16.09.10 08:04| 
 |
Rispondi al commento

UN GRAN CIARLATANO... MENTACATTO... IL NULLA IN TESTA CHE SI RIFLETTE NELLA SUA VUOTA E SENZA FORMA PERSONA, CHE GLI CONFERISCE UNA PERSONALITA INESISTENTE CARATTERIZZATA DA UNA STUPIDITà E BANALITà PRATICAMENTE INEGUAGLIABILI !

mattia t., roma Commentatore certificato 16.09.10 01:11| 
 |
Rispondi al commento

Personalmente ritengo che uno dei terreni principali della lotta di classe in Italia sia stata (e sia) la politica fiscale. Chi abbia vinto su questo terreno dovrebbe essere chiaro, se pensiamo che nel 2008 l’80% del reddito dichiarato in Italia e l’85% delle tasse pagate proviene da lavoratori dipendenti e pensionati.
V.Giacchè.

http://www.youtube.com/watch?v=fG5HWd5nkFQ
LOTTA DI CLASSE

Freddy. K. 16.09.10 00:14| 
 |
Rispondi al commento

ci sono dei municipi di sinistra che inpiena crisi stanno aprendo mutui per fare delle opere pubbliche inutili e costose.

il comune di massacarrara per esempio che non è messo molto bene ma che cerca in ongi modo di trovar da fare qualcosa di insensato e costoso ogni giorno che passa.

MA di tutte le leggi a MERDA che ha saputo fare il nano una per impedire ai municipi di esporsi con le banche per un periodo superiore a quello del mandato di sindaco e giunta non potevano farlo?

oppure un freno con una apposito parere vincolante alla corte dei conti prima di fare debiti a piu non posso?


solo balle e 1 milione di posti di lavoro alla tomtom!

viva italia 16.09.10 00:09| 
 |
Rispondi al commento

quando ho visto sto video sentivo puzza di m....... w la sagra dei porci

giovanni miceli 15.09.10 23:34| 
 |
Rispondi al commento

Debito di quà,debito di là.
Ma quando la finiremo,di seguire la scia prodotta dal mostro "capitalismo"?
Il nostro debito,è iniziato nell'immediato dopoguerra(piano Marshall)fino da ingrossarsi per i motivi che sappiamo.
Il problema ,non è il debito,ma è...costruire una società alternativa a quella in cui siamo immersi.
Schiavi della Globalizzazione,dove andremo?
altro che debito.
Una società in cui il denaro non ha nessun senso,e le banche con il vile denaro spariscono,non ci sarà,nè mai si parlerà di...debito.
Sviluppo sostenibile per tutti,ecco di cosa si deve parlare,perchè se il popolo prende coscienza di questo,si manderà a fare in culo il debito,e i Banchieri.

http://www.youtube.com/watch?v=AS6aubKqBfo
"Lo scopo delle corporation è massimizzare i profitti e le quote di mercato, e per far questo devono agire sul target della popolazione, che va trasformata in una massa di irrazionali consumatori di beni di cui non hanno bisogno. Vanno sviluppati i cosiddetti 'desideri creati', quindi devi creare dei desideri, devi imporre alla gente la filosofia della futilità, devi farla concentrare sulle cose piu' insignificanti della vita, come gli articoli alla moda (Auto,Vestiti,Elettrodomestici,ecc) L'ideale è avere individui completamente dissociati gli uni dagli altri, la cui concezione di se stessi, il proprio valore è solo: 'quanti desideri creati posso soddisfare?'"
(Noam Chomsky)

A.Gramsci 15.09.10 22:57| 
 |
Rispondi al commento

La bella favola di Corchiano
C'era una volta una tranquilla comunita' di 4.000 abitanti. Un giorno arrivo' Bengasi Battisti, il suo carisma conquisto' tutti e fu subito eletto sindaco e amministratore.
Da quel giorno nulla fu piu' uguale.
I vigili ricevettero l'ordine di girare in bicicletta per inquinare meno mentre gli scuolabus vennero alimentati con biodiesel prodotto dall'olio di frittura usato.
La nuova moneta coniata dall'amministrazione e chiamata Ecoeuro, permetteva al popolo di acquistare prodotti sfusi e a km zero, risparmiando tempo, denaro e rifiuti.
La raccolta porta a porta della spazzatura fece balzare la percentuale di raccolta differenziata e riciclo all'85%.
1.500 famiglie adottarono una compostiera domestica mentre il Comune ne creo' una piu' grande per il resto della cittadinanza. Il compost ricavato alimentava gli orti urbani.
La fontanella pubblica che erogava l'acqua del sindaco permise di risparmiare 200.000 bottigliette in plastica all'anno.
Venne fondata la “Banca del racconto”, un specie di circolo di lettori che teneva in vita la narrativa locale.
Il Comune si doto' di uffici per promuove le energie rinnovabili e di un nuovo regolamento edilizio che premiava l'efficienza energetica e il basso impatto ambientale.
La leggenda narra che questo posto dove tutti vivono felici, contenti ed ecologici esista ancora, provincia di Viterbo, seconda stella a destra.
(Fonte: marcoboschini.it)

Uno dei tanti 15.09.10 22:36| 
 |
Rispondi al commento

il debito pubblico:
da quanto ho capito prendiamo soldi a prestito da una banca centrale Privata!!!
Bene se ci fossero dei Presidenti di Stato con gli "zebedei", manderebbero la banca privata a....azzerando il debito pubblico, che com'è ora è solo un enorme credito per pochi soliti banchieri privati.
E fonderebbero una banca centrale statale europea.
Ma probabilmente non si può fare in quanto in tali ricchezze , sguazzano in molti.

enrico ratto 15.09.10 22:19| 
 |
Rispondi al commento

Le elezioni fatte in italia con questa legge elettorale, e con i media controllati dalla P2 sono illegittime e lo sappiamo tutti. Queste persone non rappresentano il popolo italiano, e non possono farci pagare il buco economico. Il debito l'hanno fatto loro, e se lo pagheranno loro!!!

Marco Morbelli 15.09.10 22:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non ce l'aveva con i "perseguitatori" permettendosi di correggere gli altri?
A lavurare, con gli strumenti antichi, nelle campagne della Padanìa o sugli argini del Po.

Alberto Gramaccini 15.09.10 21:34| 
 |
Rispondi al commento

così poco !!!!!!! non vorrei essere troppo masochista ma meriteremmo la fine dell'Argentina

ROSANNA Z., bulgarograsso Commentatore certificato 15.09.10 21:08| 
 |
Rispondi al commento

Questo documento andato in onda il 12/09/10 su Rai 3 si chiama Presa Diretta (che tradotto vuol dire presa diretta nel c.lo da parte della lega di bossoli) il titolo di quella serata memorabile è "evasioni", consiglio di guardarlo a tutti in particolare gli affezionados leghisti che di solito quando vanno a votare si mettono le solite fette di salame negli occhi così si sentono più sicuri, ben sapendo che il salame è cosa più pregiata del cervello.

Nella trasmissione viene spiegato molto bene e nei dettagli come questo partito ha intenzione di portare il federalismo a livello nazionale, vi garantisco che è un modo innovativo per regolarizzare la pressione fiscale a livello delocalizzato, a proposito mi sfugge ancora dove sia finita quella mano leghista che nel video si vede mentre stà guidando una escort ma non si vede la targa mah valli a capire sti leghisti.
Stà di fatto comunque che nel veneto, nota regione leghista del celudurismo, hanno già il federalismo fiscale e i frutti si vedono eccome.
Buona visione a tutti leghisti compresi.

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-478647a6-da3c-4e12-bc9b-cc85ca40a2c1.html

Pietro T. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 15.09.10 21:05| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
18383 MILIARDI? BENE DI PIU' E DIPIU' ANCORA?
MERITIAMO DI SPROFONDARE NEL DEBITO GRAZIE AI PARTITI,LO MERITIAMO
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 15.09.10 19:20| 
 |
Rispondi al commento

castelli... aahahahahahaah!!!

Giorgio Cigolotti Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 15.09.10 19:15| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori