Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Fiat1 e Fiat2


Fiat_Mirafiori.jpg
L'economia moderna è semplice. Alla portata di chiunque. Problemi con la tua azienda? La dividi in due: una "bad" e una "good". Ti tieni la "good" e lasci la "bad". Elementare!
"Fiat, l'assemblea approva la scissione. Elkann: "Nasceranno due aziende forti", "Non abbiamo paura del futuro, vogliamo costruirlo", "Orgoglioso di queste due realtà". Marchionne: "Inizia un nuovo capitolo della storia dell'azienda".
Auto, continua calo del mercato in Europa. Ad agosto immatricolazioni Fiat -23,8%.
Premetto che non sono un economista, quindi, per fortuna mia, non capisco un cazzo di aziende, borsa e dividendi, ma se io leggo Fiat -23.8%, da ignorante quale sono, potrei capire che la Fiat ha perso quasi un quarto delle immatricolazioni. Se poi leggo che sia il presidente che un alto dirigente sono pure contenti, mi preoccupo un poco. Hanno trovato il modo di farci rimettere gli altri in qualche oscuro modo? Dividendo l'azienda in due, avranno due sovvenzioni statali anzichè una? Pagheranno metà delle tasse, sempre ammesso che le abbiano mai pagate? Si dimezzeranno lo stipendio o lo raddoppieranno? Voi fate come volete, io compero Peugeot! Tanto per dar da lavorare ad un serbo, allora preferisco ad un francese!". il Mandi

16 Set 2010, 19:15 | Scrivi | Commenti (65) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

ciao beppe io ti stimo e condivido in pieno tutto cio' che dici, ed ho votato anche per il movimento alle regionali, ma che compri una peugeot questo non lo devi dire, dobbiamo sostenere il prodotto italiano,la peugeot non penso che economicamente , burocraticamente e politicamente, sia meglio della fiat, e poi ben venga il lavoro per i serbi se pero' prima noi abbiamo la pancia piena!!!

luciano di biase 02.10.10 13:23| 
 |
Rispondi al commento

E' vero molti non lo sanno ma la Fiat distribuisce motori enon solo, si occupa dell'elettronica(gruppo magneti marelli e altri componenti)...
Poi dipende dalle valutazioni che si fanno in termini di qualità..e qui si apre un dibattito che riguarda anche materiali impiegati,controllo di qualità,..ecc.
Io sono dell'opinione che Fiat e' mediocre, anche perchè l'italia è un paese industriale che trasforma...e non avendo materie prime...come siderite ecc..bisogna che l'acquisti sul mercato mondiale...un'altro punto dolente e il costo del lavoro(tra i più alti d'europa e l'alto costo energtico per la produzione)..
Questo non ci rende competitivi nel settore auto medio basso...un pò megli va per il settore commerciale IVECO..legegro medio e pesante...
Tant'è che Fiat qualche hanno fa abbandò il settore sportivo dei Rally...Categoria(WRC)onde evitare figurette....poi c'è rientrato con la la Grande Punto ABART....
Concludo dicendo che chi s'accontenta gode...

roby f., Livorno Commentatore certificato 18.09.10 15:06| 
 |
Rispondi al commento

La SUBARU nota marca di auto giapponese, ha come emblema della casa delle stelle,simbolo della costellazione di ORIONE...(le più brillanti tra le costellzioni)conosciute proprio con il nome di Subaru...conosciute molto bene in oriente..
Forse bisognerebbe ricordalli che a Oriente, oltre alla Subaru,c'è anche una grande massa di uomini che lavoro e produce...(anche macchine)...pensare di confrontarsi con questa massa di manodopera a basso costo...rimettendo in discussione gli accordi Sindacalia a discapito dei lavoratori, sarebbe sciocco e inutile....loro l'azienda la possa continuare a dividere...ma fino a quando?

roby f., Livorno Commentatore certificato 18.09.10 09:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

vorrei mettere subito ..l accento su
di un tema che deve essere subito chiarito e definito in prima causa

comperare un auto dalla francia o un auto da parte
di una ditta italiana che fabbrica in serbia e molto diverso
dove la differenza che si compra la qualita francese al prezzo francese
mantre la fiat vende un prodotto ...made in italy prodotta in serbia (qualita inferiore) al prezzo italiano
prezzo gia superiore rispetto al prodotto della serbia

la stessa cosa di comperare il made in italy fatto in cina invece di comperare il made in china direttamente al prezzo cinese....
ECCO LA DIFFERENZA
senza contare chi licenzia in italia per produrre al estero lo fa per unico fine il risparmio economico
e non mi sembra da intelligenti comperare di chi non ci considera degni di lavorare per lui
ne degni per il lavoro ne DEGNI PER COMPERARE DA LORO....

stefano b., rovato Commentatore certificato 17.09.10 17:12| 
 |
Rispondi al commento

Ma infatti. Ha ragione Marco Verdiani. Perché noi dovremmo comprare le Fiat (costruite in Serbia, probabilmente a costi ridotti e di scarsa qualità) quando i padroni girano con le Limousine o le Mercedes??

Antonio Lasarre 17.09.10 16:25| 
 |
Rispondi al commento

quando ho comprato la macchina nuova, ho comprato Quattroruote per fare un quadro comparativo e riscontrato su internet, considerando le seguenti voci:
-scelta fra 5 porte o familiare
-paragoni sulla scenta
-cilindrata più piccola
-consumo inferiore di carburante
-portabagaglio con volume maggiore
-costo totale inferiore con simili opzional
-maggiore larghezza e lunghezza interna per stare comodi
-minore lunghezza da parafango all'altro per il parcheggio

paolo c. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.09.10 15:45| 
 |
Rispondi al commento

Caro Mandi, forse sarebbe meglio voler più bene ai Nostri Operai, non importa comprare una Fiat fatta in Serbia o in un'altro paese ma comprarla fatta in Italia credo di si.
Basta vedere i nostri padroni che girano con auto blu Mercedes Audi o quant'altro basta che sia di moda pagate da noi, a loro non frega nulla dei lavoratori e lo dimostrano non solo con l'auto, ma credo che noi ci dobbiamo un po pensare.
Un salutone a tutti.

Marco Verdiani 17.09.10 14:08| 
 |
Rispondi al commento

Non è così.

Caro Beppe quando scrivi un articolo (lo dico con la massima stima), se ad esempio di economia fallo insieme ad un esperto di economia. Altrimenti fai solo un gran favore a chi ha il potere. Il massimalismo, come l'approssimazione non fa bene a nessuno.
Tra i tuoi collaboratori prendi qualche laureato in economia, fisica, ingenerai, ecc; è pieno di venticinquenni che per 1200 euro sarebbero felici di lavorare per lavorare per te. Ragazzi però abituati a fare i conti su un pezzo di carta e conti tornino. Provaci? Vedi che esce fuori.
Scusa ma se ti devi curare la tosse, vai da un medico o da un architetto? Giusto no?

1) La Fiat auto è stata acquisita tout court due anni fa dalla amministrazione Obana (lo stato americano) che ha finanziato con una valanga di denaro la ristrutturazione la Chrysler. Una cosa è di chi ci mette i soldi, lo sa anche un bambino.
La Fiat nell'accordo metteva il management (di medio livello, Marchionne è nell'ambito internazionale considerato appunto un mediocre e pagato di conseguenza (4,780,000 euro per un CEO sono una miseria) oggi lo stipendi di un Valletta lo prende il cuoco Abramovic (probabilmente di più). E' una bestemmi ma è così!

2) Marchionne dunque è essenzialmente un dipendente della amministrazione USA che gli detta le linee guida, lui le esegue. Per quello è pagato.

3) Marchionne non è un padrone.

3) Marchionne ha fallito molti obbiettivi, l'affaire Opel, le join venture con BMW e Mitsubishi e molti altri. Gli rimane l'accordo con Ford per Ka e 500 e per i furgoni con Peugeot. Ma è troppo, troppo poco.

4) lo scorporo certifica uno status quo i mezzi industriali agli Agnelli, le auto agli americani. Questi ultimi spingeranno il canadese per nuove alleanze altrimenti lo licenzieranno. C'è bisogno di sostituire tutta una generazione di auto e non si hanno i denari per farlo.
Se non fosse per una questione di immagine in Italia già avrebbero chiuso tutto. Lo faranno lentamente.
Alleati? Indiani o cinesi

luca A. 17.09.10 13:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

O compro WW. Almeno un' apprendista prende 1800 euri e dopo lo assumono se lui vuole e dopo guadagna 2200 euri. Conclusione la Polo costa quanto la Punto. Allora, faccio star bene l' operaio WW, piuttosto che far star male un Serbo o uno di Termini Imerese che perde il posto per far ridere Marchionne e la famiglia Agnelli.

Cristiano Pretoriano 17.09.10 13:32| 
 |
Rispondi al commento

Qualunque sano di mente che avesse dei soldi da investire in attività lecite potendo scegliere andrebbe dappertutto ma non in italia. Sfido chiunque a dire il contrario. L'italia è lo stato perfetto per gli illeciti, uno stato dove ha 4 regioni controllate completamente dalla mafia, una burocrazia assurda, giustizia assente, leggi ridicole infrastrutture che tra qualche anno saranno completamente da rifare e che gia adesso sono comunque insufficienti e obsolete, nel frattempo sono finite le risorse. L'italia è con i condoni,gli scudi fiscali, gli indulti le depenalizzazioni ecc. un paradiso fiscale è inutile cercare altre definizioni. L'italia è il percorso obbligato per tutti i traffici illeciti.
P.S. la regione Sicilia oggi ha pubblicato un bando di concorso per 4500 precari statali per renderli di ruolo, ricordo per i più distratti che i dipendenti della regione sicilia costano ai siciliani 330 euro procapite mentre quelli della regione lombardia per fare un confronto 20 euro.
Mi piacerebbe che quelli che si indignano per la lega si indignassero anche per questo perchè se la lega aumenta gli elettori è anche per questo e i moralisti a senso unico non mi sono mai piaciuti.

Andrea . Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.09.10 12:39| 
 |
Rispondi al commento

Ho una fiat merdupla a metano, spero di utilizarla il meno possibile e che si crei un immenso car-sharing, ancora meglio horse-sharing a 5 stelle.

Alessandro Nizzoli 17.09.10 12:37| 
 |
Rispondi al commento

Si sono daccordo sul fatto di non comprare piu fiat... Primo motivo sono auto di scarsa qualita sia gli interni che motore e carrozeeria... costassero poco..uno dice va beh.. costa poco non posso pretendere il mondo... ma no! Costano anche uguale se non di piu delle sue concorrenti!! Poi non dimentichiamo lo spot che fiat faceva qualche mese fa.. ricordate... il papa col bambino in braccio .. che gli dice compra italiano, che sfami il papa e il bambino!! Spot prontamente tolto dopo l' annuncio di traferire Pomegliano... ma dai!!!
Poi mi spiegate come fa un azienda che ha guadagnato miliardi e miliardi in circa 150 di attivita per qualche anno di crisi a chiudere?? Semplice... non è in crisi... se per l anno 2010 stimo di guadagnare 100 e poi invece guadagno 80... ho perso il 20%... Si ma rispetto alle mie stime...in realta ho guadagnato sempre 80... quindi per il 2011 stimo di riprendermi e guadagnare 120... ma rimango sempre a 80... ecco ho perso il 40%... ma in realta ho sempre guadagnato... allora per recuperare sposto la produzione in un paese dove gli operai vengono sfruttati non hanno garanzie e sono alla fame... un posto dove posso prenderli per il collo da quanto sono messi male!! Ecco che l' anno dopo riesco a raggiungere le mie stime...
Questo fa la fiat.. ma anche tante altre marche di auto... con la differenza che le altre marche non sono state salvate ennesime volte dallo stato... fate voi!

daniele l., modena Commentatore certificato 17.09.10 12:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'ultima frase mi sembra un po' infelice... "Tanto per dar da lavorare ad un serbo, allora preferisco ad un francese!": perchè dovrebbe essere meglio dare lavoro ad un francese piuttosto che ad un serbo?
Spero sia da intendere nel senso che è preferibile premiare un'azienda che mantiene la propria produzione all'interno dello stato che la ospita, piuttosto che una che la porta dove i diritti dei lavoratori sono meno tutelati, ma scritta così com'è scritta è un po' fastidiosa, ovviamente per quanto mi riguarda.

Andrea Zanoni 17.09.10 11:38| 
 |
Rispondi al commento

A quanto ne so la Fiat produce a:

Mirafiori (punto, grande punto, punto evo, Idea, Multipla, Alfa Romeo MiTo, Lancia Musa),
Cassino (croma,bravo, delta, giulietta),
Pomigliano d'arco (147, 159, GT),
Melfi (G. punto, ypsilon),
Val di Sangro (ducato, jumper, boxer),
Termini imerese (ypsilon)

all'estero
Tofas (Palio, Albea, Doblò, Linea, Fiorino)
Polonia(500, panda, Ka)
Brasile (gamma brasiliana, uno, palio, stilo ecc)

Non so dove produca le auto la Peugeot, ma avra' anche lei stabilimenti e in Francia e all'estero... quindi non capisco il punto dell'intervento.

Sam Simon 17.09.10 11:34| 
 |
Rispondi al commento

stavo vedendo un servizio sulla bruni alla rtsi, e notavo come in francia e germania tutte le vetture di stato fossero di marche locali....provate a vedere nei vari tg se vedete i ns numerosi politici con cosa viaggiano..tutte tedesche!!!!!...le auto.....le zoccole tutte italiane..buongustai!!

ps:mi hanno aumentato i pedaggi !!!!

CAPITAN HARLOCK 17.09.10 11:07| 
 |
Rispondi al commento

neppure io capisco molto di economia
MA QUI C'E QUALCUNO CHE BARA
........
COSA DICE LA PIU ELEMENTARE LEGGE DI ECONOMIA
se un prodotto ha una forte domanda contro una minore risorsa questa aumenta di valore

MA ALLORA COME MAI QUI IN ITALIA
ABBIAMO I PREZZI ALTI ANCHE DI FRONTE
UNA MINORE RICHIESTA????
POCHI CHE SONO QUELLI CHE SI PERMETTONO DI COMPERARE UNA CASA ..EPPURE
LE CASE COSTANO MOLTO DI PIU DI QUALCHE ANNO FA????
le automobili costano sempre di piu eppure il mercato e crollato rispetto a qualche anno fa
..........ma che .... di imprenditori che abbiamo???
possibile che il master non gli permetta di ragionare un pochino
l auto costa di piu per un semplice motivo a una serie di gadget inutili che costano
inutilmente sul uso del auto
io preferisco un airbag in piu invece di un lettore di dvd sul auto....(se lo voglio me lo faccio installare dopo)
es. i cerchi in lega .......ho richiesto le ruote classiche ...(la ruota deve girare su se stessa non stare li ferma a farsi ammirare
(ho risparmiato circa 800 euro con le ruote normali)
la mia car e una piccola ......
poco richiesta per FARSI NOTARE
ma con i pregi che funziona per anni senza grandi spese
non ha nessun gadget
ma ... funziona e basta
questa non e economia
QUESTA E UNA PSEUDO ECONOMIA
esempio
l euro
chi ha voluto l euro straqnamente un banchiere (prodi primo azionista della banca intesa(quella dei bond argentini))
con l euro prima un prodotto valeva 1000
lire oggi un euro (il doppio)
stranamente le paghe sono rimaste convertitte in base alla lira (la meta del valore)
per conto mio non comperero piu prodotti
di PRODUTTORI ITALIANI
CHE SONO ANDATI AL ESTERO
CONDIVIDOL ULTIMA PARTE DEL POST ...
MEGLIO UN FRANCESE(MADE IN FRANCE)
DI UN SERBO (MADE IN ITALY)
che si faccia una lista QUI SUL BLOB
di prodotti da non comperare piu'
E POI VEDIAMO DOVE ARRIVA L ARROGANZA DEL PADRONE E DEL POTERE ...

stefano b., rovato Commentatore certificato 17.09.10 10:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caro Marchionne se vuoi vendere di piu le tue auto mi devi spiegare perche quando entro in un tuo concessionario il prezzo finale del veicolo è enormemente di piu di altre auto concorrenti della stessa classe e ti chiederei di fare attenzione a quei furboni che sono nei concessionari.
n.b. la pubblicita della panda a 7500 e falsa
p.s. sei in ritardo auto eletriche

speriamo che lo leggi e mediti


Riposto il commento scomparso nei gorghi della rete: posso concordare sulla tesi che fiat abbia un ottimo reparto ricerche e sviluppo, ma poi sul piano concreto i prodotti sono scadenti a dire poco nei particolari. particolari che poi sono quelli che contano: elettronica Marelli, reggispinta della frizione in plastica, avantreni mal calcolati rispetto al peso del motore, motori dei tergicristalli che se nevica si bruciano e non vengono cambiati in garanzia perchè "ha nevicato e si sono sforzati". il nuovo fiorino a metano, un gioiellino (sic) non può montare il gancio di traino perchè il pianale è "indebolito dalla collocazione delle bombole", e via di questo passo. In realtà la risposta è già nei post precedenti: si spacca in due la società, si lascia alla deriva il complesso che perde, si tiene la sostanza e si lascia andare in malora quello che più non serve. poco importa che dietro ci siano operai e famiglie che ovviamente andranno sul lastrico a carico dello stato. con questa etica non si va da nessuna parte, con questa etica si fa quello che gli Agnelli e i loro sodali hanno sempre fatto negli ultimi 60 anni: i soldi a noi e le perdite allo stato. ma la gente ha mangiato la foglia ed ovviamente ci si lamenta che non si comprino automobili italiane.veramente il mercato dell'automobile è crollato perchè non ci sno soldi, e se i comuni e le regioni si decidessero finalmente a rendere sostenibile e competitivo il trasporto pubblico, il mercato dell'auto tenderebbe a calare non del 25% ma del 50%. ecco il motivo per cui giriamo su autobus scassati, con orari assurdi, "residuati della guerra del 15-.18", perchè il gettito delle tasse di possesso e delle accise sui carburanti è necessario alla sopravvivenza dello stato. tutto va ben madama la marchesa, ma sino a quando? la gente è stufa.

paolo b., spilamberto Commentatore certificato 17.09.10 10:22| 
 |
Rispondi al commento

Non sono daccordo sul serbo e sul francese... però sono daccordo sul fatto che non bisognerà più comperare fiat!

No More Fiat

leonardo l. Commentatore certificato 17.09.10 09:03| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me il loro piano diabolico è questo: stanno portando negli Stati Uniti la parte buona e lasciano qui in Italia quella marcia perché sanno che il default è alle porte.

Antonio Lasarre 17.09.10 07:50| 
 |
Rispondi al commento

Chi non si intende di economia non capisce affatto la storia.
(Ezra Pound)
http://www.youtube.com/watch?v=jcqLjwkhlh8

In Veritas 17.09.10 01:04| 
 |
Rispondi al commento

FIAT: OPERAI MELFI, PAURA VIVERE IN ITALIA, CI SIA GIUSTIZIA

(ANSA) - ROMA, 16 SET - «Non siamo parassiti. Vogliamo lavorare. Vogliamo giustizia», ma «ormai abbiamo paura di vivere in Italia. Paura perchè una sentenza del tribunale non viene rispettata integralmente. Siamo preoccupati». Lo affermano i tre operai dello stabilimento Fiat-Sata di Melfi, Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli, licenziati dall'azienda e reintegrati dal giudice del lavoro ma non riammessi alla catena di montaggio, concludendo a Roma, davanti al Ministero della Giustizia, la loro 'marcia per il lavorò. «Chiediamo che ci venga detto come si renda applicativa una sentenza qui in Italia», afferma Lamorte. «Una sentenza - aggiunge - non si può fermare davanti ai cancelli della Fiat. Per noi è chiara: ha condannato Fiat e assolto noi. Non credo che l'azienda possa esimersi dall'applicarla. Ho letto da qualche parte che a Marchionne lo statuto dei lavoratori sta come la Costituzione a Berlusconi... è veramente drammatico». È in atto «un attacco contro i lavoratori e la democrazia senza precedenti», aggiunge Barozzino. «Noi vogliamo lavorare e chiediamo a voce alta se in Italia la legge è uguale per tutti». «Vogliamo tornare al più presto a lavorare», rimarca Pignatelli, sottolineando di essere «un pò stupito da tutta questa attenzione nei nostri confronti. Evidentemente siamo un pò il simbolo di quello che sta avvenendo nel Paese, ma ci fa piacere perchè vogliamo che prevalga la verità. Tra i lavoratori abbiamo trovato tanta solidarietà e tanta forza».

http://www.controlacrisi.org/joomla/index.php?option=com_content&view=article&id=8362&catid=36&Itemid=68

manuela bellandi Commentatore certificato 17.09.10 00:42| 
 |
Rispondi al commento

Se gli Italiani comprassero più fiat probabilmente avrebbero lasciato in Italia qualche fabbrica in più , vai in po in Francia e guarda quante macchine non francesi vedi , o in germania e guarda quante macchine non tedesche vedi , solo noi italiani pensiamo che le macchine straniere siano migliori , e poi le fiat negli ultimi anni hanno raggiunto livelli qualitativi di eccellenza , guardate la toyota che ha fatto delle auto con i freni difettosi e hanno dovuto fare una campagnia di richiamo di proporzioni mai viste perchè la gente si schiantava. Andate a vedere su youtube i dirigenti toyota USA che chiedono scusa agli Americani per i morti causati dalle loro auto difettose. Ma ve la ricordate la prima Mercedes classe A che si capottava in curva , e le hanno dovute richiamare tutte per modificare le sospensioni. E quello che ha scritto "io compro solo Volvo" , ma lo sai che con i soldi per una volvo ne compri tre fiat. Io ho un carissimo amico ing. che lavora alla fiat al centro ricerche di torino dove progettano i nuovi modelli , e con lui lavorano moltissimi giovani ingegneri italiani che credono in questa azienda italiana. I modelli a metano che ha solo fiat sono le auto più ecologiche al momento in circolazione , e visto che l' italia è tutta metanizzata , con le auto a metano si eliminerebbero tutte queste autobotti che intasano le nostre strade , infatti un distributore di metano si allaccia alla rete e non ha bisogno di rifornirsi. Invece di inventarsi sta stronzata degli euro 4 , euro 5 che inquinano tanto quanto le auto degli anni '70 , anzi di più perche hanno messo al posto del piombo (ve la ricordate la benzina rossa) il benzene che è ancora più cancerogeno , avrebbero dovuto incentivare il rinnovo del parco macchine verso auto a metano che sono realmente meno inquinanti e più economiche(un pieno di metano costa 1/3 di un pieno di benzina). La realtà è che abbiamo una economia che ruota intorno al petrolio e manca la volontà politica di cambiare. Meditate

luca daneri 17.09.10 00:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

salve
concordo su tutto !
un po' di garbo pero'?????
non so cosa centra il favorire un serbo o un francese ,,la mia ragazza e' serba, vive qui da otto anni parla un italiano perfetto paga le tasse lavorative e universitarie da sempre e come quasi tutti gli italiani ma anche gli stranieri ha uno stipendio da fame !!! non capisco per un cittadino informato e progressista come lei sig mandi, dove sia la sostanziale differenza fra un serbo e un francese se non una differenza tecnico geografica di passaporto e appartenenza o no alla comunita' eruropea !!!
le responsabilita' dello smembramento della grande industria italiana sono propio e solo di quelli che ha elencato lei !!!!
saluti
tesi massimiliano
firenze

tesi massimiliano 16.09.10 23:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Belìn!!! Maurone ne "Il Commento"!!!

Chapeau!!!! ;-)))

Mak 89 Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.09.10 23:27| 
 |
Rispondi al commento

le aziende che tu chiami bad negli anni 2000 hanno mantenuto e dato linfa a fiat auto per poter sopravvivere ,iveco e fiat trattori e new holland non sono proprio bad.
per chi non compra fiat....come farebbe a fare il figo con una punto o una 147, vuoi mettere come ci si sente seduti su di un bmw o su di un audi da 50000 mila euro o meglio ancora su di un suv che porta 18 chili di bambino all'asilo

guido d. Commentatore certificato 16.09.10 23:17| 
 |
Rispondi al commento

Lavoro x un gruppo che ha anche la fiat fra i suoi clienti, e anche se personalmente non penso di comprare fiat, eviterei di dare aria a post come questo: molta gente mangia ancora con fiat, e con loro i loro figli.
Tutti fenomeni con il culo degli altri......

Piergiacomo P., Bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.09.10 22:37| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

io bmw che queste porkate non le fa

giuseppe f., roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.09.10 21:58| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
SEPPUKU,HARAKIRI FIAT,BAD E GOOD, E LA GOOD A CHI MAGNA' DI PIU E LA BAD AI POVERI'!!!!!!!.
L'ECONOMIA MODERNA E' SOLO UN SUICIDIO DI MASSA
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 16.09.10 21:46| 
 |
Rispondi al commento

infatti, io per le stesse identiche considerazioni (facile fare gli imprenditori con i soldi dei contribuenti, e quando questi son finiti, si trasloca all'estero e si licenziano i dipendenti, facendo pure i bulli in TV...) mi sono rifiutato di comprare FIAT (e marchi connessi).
Compro Volvo.
Purtroppo mi dispiace per i dipendenti:
alla fine sono sempre loro a rimetterci.

Paolo R., Padova Commentatore certificato 16.09.10 21:28| 
 |
Rispondi al commento

Non me la prendo con chi ha scritto il commento (certo se uno non sa niente di economia aziendale, farebbe meglio a non parlarne...) ma con chi lo pubblica!!! Non c'è una cosa giusta in quel commento e soprattutto non c'entra nulla con Fiat l'incipit sulla bad e sulla good company.

Andate a studiare prima di fare gli esperti di finanza ed economia oppure, se non vi va di studiare, state zitti che di disinformazione in giro ce ne è già abbastanza.

ing roger 16.09.10 21:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anch'io non compro più Fiat, a maggior ragione se non è prodotta da operai italiani nel pieno dei loro diritti di lavoratori! Se il guadagno deve andare solo ai padroni, io dico BASTA

lucia signorino 16.09.10 20:53| 
 |
Rispondi al commento

ciao..


e fai bene a dare i soldi al francese.. per lo meno lui tanto quanto la peugeot sono stranieri, e se le auto vengono prodotte pure in polonia non importa perchè sempre estero è.

invece con la FIAT pago un'auto made in serbia che costa come il made in italy..

il made in serbia lo pagheremo sicuramente noi italiani state tranquilli, ed intanto i nostri operai andranno prima in cassa integrazione (sempre a carico degli italiani) e poi saranno a spasso..

io ho una fiat comperata dieci anni fa circa e se dovrò cambiare cambierò pure la marca..
la prenderò estera devo decidere se honda o toyota.

sarebbe anche ora che i lapo lopo lepo lipo e company, andassero all'estero assieme ai loro debiti una volta per tutte, ci guadagneremo pure in salute.. ed invece, per quanto le cose vadano male, sono semnpre qui: COME MAI?


raffaele rossi 16.09.10 20:51| 
 |
Rispondi al commento

La fiat e' na schifezza ma era a vita mia.

elia rizzuti 16.09.10 20:47| 
 |
Rispondi al commento

IO NON COMPRO NEANCHE QUELLA. SOLO AUTOMOBILI PRIMA DEL 1994.

elia rizzuti 16.09.10 20:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve. Io sono un vostro sostenitore accanito.Vivo a Catania, da oggi mi sono unito all'esercito di cassa integrati. Io prima lavoravo in un negozio all'aeroporto interno alle partenze.La nostra azienda ha chiuso perche non riusciva a sostenere i costi dell'affitto imposti dalla societa' SAC gestita da funzionari prettamente di natura politica MAFIOSI. L'affitto si aggirava sui 800 mila euro all'anno, in poche parole, un'estosione autorizzata. Hanno preferito mandare le persone a casa che abbassare l'affitto, per dare a mangiare a tanta gente che vive del nostro sudore.
In attesa di vostra gradita risposta mando Cordiali Saluti

Francesco Scollo 16.09.10 20:18| 
 |
Rispondi al commento

Tolto il fatto che Peugeot ha catene di montaggio anche in Polonia, visto che anche a loro costa meno produrre la che in Francia, una frase come meglio dar da mangiare ad un Francese che a un Serbo ti far star meglio? Fra l´altro noto che nelle "regolette" per poter postare un commento su questo Blog c´é scritto che non sono consentiti commenti razzisti o sessisti...bhe direi allora che bisognerebbe moderare anche i post e non solo i commenti.

Stefano Graziano 16.09.10 20:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho comprato solo UNA macchina italiana, un'Alfa, quando acora era Alfa Romeo (e non FIAT).
Per il resto, SOLO straniere.
Per me possono andare a ramengo.

Marco Geoblog 16.09.10 20:08| 
 |
Rispondi al commento

sinceramente l'unica cosa sensata che hai scritto e' che non capisci di aziende e finanza..... Marchionne ed Elkann non hanno affatto detto di essere contenti del calo delle immatricolazioni ma della approvazione dello spin off delle attivita' auto dalla conglomerata. cio' detto e' evidente che fiat paga le tasse ( nella misura di legge ) e che non sta ricevendo sussidi statali ( che quando sono vigenti vengono destinati a tutti i marchi e versati a fronte di incentivi alla vendita che i produttori anticipano ). la contentezza deriva dal fatto che scorporando attivita' non paragonabili si rende piu' facile ai mercati riconoscere i corretti moltiplicatori e si accresce la possibilita' di alleanze. banalmente nei prossimi mesi le azioni fiat ed exor cresceranno di valore. indipendentemente dalla contrazione delle immatricolazioni ( che oggi hanno causato una perdita di discreto valore in borsa ).

alessandro bonafede 16.09.10 20:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

si infatti chi ci capisce è bravo ,il loro tornaconto è sicuro ,bisognerebbe vedere poi il resto .

panino A. 16.09.10 19:51| 
 |
Rispondi al commento

Cala il mercato delle auto in generale: dato che affermi di non capirci un cazzo, consentimi di darti una spiegazione. Significa semplicemente che
in Europa si comprano meno auto dell'anno scorso.
Probabilmente la gente si tiene la propria auto per più tempo prima di cambiarla. Questo fatto sarebbe di per se positivo, ma in un sistema economico capitalista diventa una tragedia: le aziende automobilistiche vanno in crisi, e di seguito il loro indotto, etc. etc. col seguito di aumento della disoccupazione etc etc..

Forse non ti è chiaro come è possibile che un fatto positivo diventi negativo?
Infatti non è possibile, a meno che non ci sia qualcosa di sbagliato nel modo di produzione.

Josef Dzugashvili (stalin) Commentatore certificato 16.09.10 19:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori