Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Leader a testa in giù


Mussolini_piazzale_Loreto.jpg
Straordinari italiani... cercano sempre un leader che decida per loro, ma se ne infischiano di ogni regola e quando le cose si mettono male la colpa è solo del leader che può finire a testa in giù o ad Hammamet.
"Il problema è l'immaturità delle persone che credono nell'uomo nuovo, che credono che il problema consista nel trovare "un uomo" come il Salvatore di religiosa memoria. Sevono invece regole e democrazia per creare un ambiente in cui le migliori menti possano operare insieme per il bene del Paese. L'insieme delle menti fa l'uomo perfetto. Questa banale verità è stata cancellata da stampa e tv. Ci mostrano ossessivamente le figure dei leader con i fedeli che li adorano e obbediscono. Ma è un modello del tutto falso. Gli italiani per carattere non obbediscono mai a niente e nessuno, al massimo fingono per interesse individuale. Senza il coinvolgimento di tutti lo stato va in malora, esattamente come sta accadendo in questa stupida era berlusconiana." Peter Amico

7 Set 2010, 23:03 | Scrivi | Commenti (29) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Non dimentichiamoci che i leader sono degli esseri umani: da bambini amabili e inetti, da giovani idealisti e presuntuosi, nella maturità sicuri di sé e trascinanti e poi da vecchi (molto prima se hanno fatto uso di coca) egoisti e rincoglioniti!

Peter Amico 19.11.10 08:46| 
 |
Rispondi al commento

Però succede di cercare il salvatore.Negli U.S.A., Obama.Che poi effettivamente non ha salvato un bel niente.Molte persone hanno dimostrato di credere in lui.magari il sistema americano è un po' più sano. cioè da noi sarebbe impossibile smuovere così il sistema politico.non ce la fa Balottelli a fare il calciatore! No ma seriamente, al di la della battuta. Ci sono politici di colore in Italia? Si è ovvio che ci sono, spero.Non per strumentalizzare il colore della pelle di una persona è che in Tv non li ho mai visti.Cioè non è che bisogna passare per forza in televisione, ma è quello il posto dove oggi si fa politica. sembra. chiusa parentesi.
è chiaro che il sistema che fa da contorno fa la differenza.
Perché imputare le persone come immature? E perché giudicare il popolo Italiano?
La questione è duplice: Se alla maggior parte delle persone va bene così, in democrazia, purtroppo bisogna accettare le cose come vanno. Anche di trovarsi Berlusconi al governo, e Bersani non sarebbe poi meglio.Però la seconda questione è che quì non si può decidere proprio un bel niente. e allora non la chiami immaturità ma la chiami mafia e diciamo che il Leader è una persona più ricca di altri che scende in politica perché effettivamente si hanno un sacco di vantaggi a fare i politici(e i voti se li compera).Neanche Milioni di firme raccolte da Grillo per una legge popolare, (quelle firme erano immaturità?!)figuriamoci voler cambiare sistema,in questo paese.corrotto.dove la gente non conta un cazzo.La presenza di un leader comunque non è patologica!ma fisiologica: all'interno di un gruppo di menti che lavorano per un obiettivo, inevitabilmente viene fuori un leader.Ciò diventa patologico se il sistema o il gruppo stesso di persone esalta certe figure.ma vale per tutti, per ogni professione:la mancanza di umiltà sarebbe patologica.Gesù comunque era umile!ma poi vogliamo sputare su Che Guevara?!Cioè I leader politici esistono.esistono anche le persone,poi si fa la rivoluzione volendo..

Pier Chiaraluce 08.09.10 20:17| 
 |
Rispondi al commento

Caro Peter, non solo concordo e sottoscrivo ogni tua parola, ma voglio anche dirti che ho detto le tue stessissime cose circa un mese fa nel più schifoso meetup dell'universo.
Ti/vi invito a leggere:

http://www.meetup.com/Gruppo-Meetup-del-Matese/messages/boards/thread/9620816

Gep Mart 08.09.10 14:24| 
 |
Rispondi al commento

Ma i carabinieri lo sanno che Cossiga è morto?

Francesco Cossiga è morto il 17 agosto scorso. Ma il servizio di vigilanza davanti alla sua residenza romana è rimasto. I militari stanno ancora lì! Tre turni al giorno, pattuglie che montano e smontano anche nel cuore della notte. Una Fiat Punto con due carabinieri a bordo staziona ancora giorno e notte, 24 ore su 24, davanti al civico 77 di via Ennio Quirino Visconti. Perchè? Ma non li hanno avvisati? Non sanno che il presidente è morto?


Ciao a tutti, mi sono appena iscritto.L'ho fatto perchè condivido gran parte del programma, così come condivido lo spirito che anima questo movimento. Nel tempo mi permetterò di partecipare, anche con osservazioni. Sono comunque dell'idea, a prescindere dai contenuti, che, ripeto, condivido, che sia necessario, almeno per quanto mi riguarda, spendere qualche energia in più sull'organizzazione del Movimento, perchè, almeno per me, mi sfuggono alcuni dettagli.
Grazie a tutti e buon lavoro!

massimo gabellone 08.09.10 13:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il coinvolgimento di tutti prevederebbe come minimo una forma moderna di comunismo o se preferiamo un nome diverso con concetti magari rimodernati.
Per me personalmente il comunismo è sempre stato un punto di partenza e mai da raggiungere.
Qualora le menti si sveglieranno forse apporteranno quelle che sono le modifiche necessarie ma soprattutto in linea con i tempi anche minimamente futuri.
Ma purtroppo,e questo bisogna ammetterlo,il comunismo è stato demonizzato a scapito di una revisione del fascismo.
Vedi un poco tu cosa si potrebbe cavare da persone di questo tipo.
Comunque sperare e lottare sempre è il mio motto.
Dal resto degli abitanti di questa penisola francamente non sono ancora riuscito a capire cosa ci si può aspettare ma soprattutto non sanno neppure loro cosa aspettarsi da se stessi.
Comunque un saluto.

blade runner 08.09.10 12:36| 
 |
Rispondi al commento

In teoria sono parole sante.
Però il problema è che a conti fatti va al governo chi riceve i voti dei cittadini.

Oggi al governo c'è Silvio Berlusconi.
Per scalzarlo serve qualcuno che prenda più voti di lui.

Al momento chi sono i candidati che possono prendere più voti di Berlusconi in Italia ?
Secondariamente quale/quali coalizione e partiti rappresentano ?
Non meno importante quale programma intendono portare avanti ?

Che "questo" modo di fare politica e di governare sia da cambiare completamente immagino siano daccordo almeno il 70% degli elettori se non di più.
Però tra il dire ed il fare c'è di mezzo il mare.

Le soluzioni possibili sono due:

1) Una modifica dall'interno del sistema usando i mezzi "democratici" con graduali ed opportune riforme. Con tempi di attuazione enormi ed il rischio di una terza repubblica se possibile anche peggiore delle prime due.

2) Una rivoluzione che stravolga completamente tutto e tutti con gli ovvii rischi che storicamente comporta (vedi Rivoluzione francese e Russa)

Insomma si può intervenite all'interno del sistema ? Se si con quale strategia e quanto tempo ?
E' ipotizzabile in alternativa una rivoluzione in un paese che di fatto è quanto più storicamente lontano da una sommossa esista al mondo ?

Concludendo basta con le utopie, pensiamo ai FATTI

aldo p., Milano Commentatore certificato 08.09.10 12:34| 
 |
Rispondi al commento

in pratica serve la mentalità Tedesca.

a volte (ritornano) Commentatore certificato 08.09.10 12:13| 
 |
Rispondi al commento

Compendiare in poche parole una giornata come l'8 settembre 1943 è molto difficile; a mio parere si può definire sia una giornata di svolta che una giornata di tragedia; atti di puro eroismo di pochi (purtroppo) si fusero con gli atti di vigliaccheria di altrettanti pochi (e purtroppo tutti con responsabilità di comando); il tutto con la cornice di un popolo reso apatico dalle sofferenze e dalle delusioni di una guerra sbagliata e ormai perduta. Sui Savoia concordo con Beppe, estendendo il giudizio a Badoglio e ai comandanti supremi delle forze armate. Il risultato fu l'occupazione tedesca e centinaia di migliaia di prigionieri fra i nostri militari. Come giustamente ricordato in un commento precedente, quel giorno nacque la Resistenza e cominciò la guerra civile. Ma si trattò sempre di un combattimento fra pochi; decine di migliaia di uomini e donne certo, dalla parte giusta e dalla parte sbagliata; ma sempre pochi, paragonati a 45 milioni di italiani. Il popolo si tenne quasi sempre a margine di tutto questo e non gli si può dare torto, a mio parere; quando mai qualcuno ha insegnato agli Italiani di pensare a qualcosa al di fuori dei problemi quotidiani? Il popolo si schiera solo quando è sicuro di non correre rischi; le migliaia di persone andate a vedere il cadavere di Mussolini, erano probabilmente le stesse delle adunate oceaniche e che pochi mesi prima lo avevano applaudito al Teatro Lirico. Ed oggi non è cambiato nulla, purtroppo. La maggioranza di noi italiani si entusiasma solo se si presenta il genio di turno che pensa a tutto lui; loro non vogliono pensare a niente, se non ai casi propri. La fierezza della propria identità nazionale, patrimonio imprescindibile di tutti gli altri popoli civili, noi purtroppo ancora ce la sognamo. Come disse un giornalista, mi pare Longanesi, nel bianco del tricolore dovremmo scrivere la frase "Tengo famiglia"

Marco Basile 08.09.10 11:36| 
 |
Rispondi al commento

Oggi ricorre una data storica, l'8 settembre...l'anniversario della firma dell'armistizio 1943....cosa accadde tutti lo sappiamo...un ometto Re d'italia, quando le cose stavano volgendo al peggio...dette il benservito al suo tirapiedi(Duce)..si parò il culo,(dopo che lui e la nobiltà italiana, voleva arricchirsi in tutti i modi...).
Sapeva benissimo che gli alleati, a guerra finita l'avrebbe chiamato,(insieme a Mussolini e i gerarchi fasciti)a rispondere dei loro misfatti, davanti ad un Tribunale di Guerra...e probabilmente l'avrebebro messo "il cappio al collo...."
Gli anglo amerciani e i Russi avevano già deciso che alla fine delle ostilità ci sarebbero stati i processi....celebre il processo di Norimberga e Tokio..anche in italia ci furono dei processi al regime...tuttavia come al solito i "furbetti" di casa Savoia seppero muoversi per tempo...purtroppo molti italiani (civili e militari)pagarono con la vità una decisone presa in fretta e furia..quindi come al solito italia docet.

roby f., Livorno Commentatore certificato 08.09.10 10:02| 
 |
Rispondi al commento

Splendido post bravo Peter, non avrei potuto esprimermi meglio.

Jan g., Gallarate Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 08.09.10 10:00| 
 |
Rispondi al commento

Ma sapete qualcosa di quell'uomo nella foto arrampicato sul cornicione che spinge i piedi dell'impiccato? Chi è?

maria rollo 08.09.10 08:48| 
 |
Rispondi al commento

Mi piace, quoto il tuo post

Ferdinando De Fenza 08.09.10 08:18| 
 |
Rispondi al commento

Un uomo può sempre essere un buon catalizzatore...

Lorenzo Arrighetti 08.09.10 02:37| 
 |
Rispondi al commento


I NEMICI PIU' FEROCI DELLA LIBERTA' SONO GLI SCHIAVI FELICI (marie von Ebner-Eschenbach)

Luigi(neaples) 08.09.10 02:09| 
 |
Rispondi al commento

Solo il lavoro collettivo degli uomini intelligenti può salvarci dalla decadenza in cui ci troviamo ma non basta: serve il risveglio spirituale che non è la chiesa cattolica ma di ogni individuo. Solo amando l'Italia possiamo sperare in un nuovo rinascimento.

ORLANDO MISTICO (), Roma Commentatore certificato 08.09.10 01:50| 
 |
Rispondi al commento

eheheheheh...Beppe

^_*

manuela bellandi Commentatore certificato 08.09.10 00:49| 
 |
Rispondi al commento

L'insieme delle menti fa l'uomo perfetto.... Bellissima frase...

Orko Rosso, Castelfranco Veneto Commentatore certificato 08.09.10 00:14| 
 |
Rispondi al commento

Io vedo solo un vecchio spezzone di documentario nel quale il dittatore Mussolini, qualche tempo dopo esser stato giustiziato, viene appeso a testa in giù alle strutture di una pompa di benzina in Piazzale Loreto assieme ad alcuni suoi complici perché la gente lo possa vedere senza farsi male e rimaner soffocata nella calca. Sarebbe stato un vero peccato che qualche innocente morisse solo per aver voluto vedere la carogna di chi per 20 anni aveva fatto del nostro Paese una dittatura.
Il tutto ci viene offerto da un tal Pistarino, che accompagna il filmato con un inno fascista (fra l'altro "Giovinezza" era in origine una canzone anarchica "sequestrata" dagli squadristi fascisti"). Su Youtube potete reperire, fornite da lui stesso, ampie informazioni su questo povero ometto.
Il titolo del filmato, tradotto in italiano è "Vergogna in piazza Loreto". Non so se gli fu dato dagli ignari Alleati o dal succitato. Fatto sta comunque che l'unica vergogna che io ricordo in piazzale Loreto è di poco tempo prima: l'assassinio di un gruppo di patrioti e di cittadini innocenti da parte dei repubblichini. I fucilati furono lasciati lì lunghe ore, nelle posizioni scomposte nelle quali erano caduti e in un lago di sangue, sorvegliati da alcuni giovanissimi scagnozzi della RSI ben armati e sghignazzanti contro una folla che non c'era.
I commenti che ho letto sono di persone che non sanno, non hanno letto e non hanno studiato. Il filmato e l'argomento che si vorrebbe trattare sono in netta contraddizione. Domani è l'8 settembre; spero che qualcuno si ricordi che allora ci fu chi fece la scelta giusta e diede origine alla Resistenza, e chi si pose al servizio del nazismo. In certi casi è giusto dire "Uomini e no". Morte ai dittatori e vergogna ai falsificatori della verità storica.

Franco Ricci 08.09.10 00:03| 
 |
Rispondi al commento

È un'amara verità quello che dici, Beppe: gli italiani vogliono un capro espiatorio, la vittima sacrificale; se non ce l'hanno da soli fan più danno. Questa purtroppo è la verità e qualcuno, prima o poi, dovrà sacrificarsi per la Nazione. Anche Gesù Cristo lo fece, a suo tempo, per la Palestina governata dai romani. Ricordi? Non lasciarti ingannare dal fatto che parlasse del Regno dei Cieli...

Giandomenico Ielpo, Lauria PZ Commentatore certificato 07.09.10 23:58| 
 |
Rispondi al commento

E son d'accordo.
Ma allora sospetterei anche di tutti quelli che danno sempre ragione a Beppe e non lo criticano mai nemmeno mezza volta :-)

Vittorio Bertola
Movimento 5 Stelle, Torino

Vittorio Bertola, Torino Commentatore certificato 07.09.10 23:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bravo, hai scritto un bel commento che contiene tanta verità.

Carmelo Di Stefano Commentatore certificato 07.09.10 23:19| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
OTTIMO COMMENTO,ALMENO NOI SIAMO UN GRUPPO DI PERSONE,UN INSIEME,SIAMO D'APPERTUTTO E VOGLIAMO IL CAMBIAMENTO,I NOSTRI POLITICI,COME GATTOPARDI,FARE DI TUTTO PERCHE' NON CAMBI NIENTE,NOI CAMBIEREMO IL NOSTRO PAESE NOI ITALIANI,NOI MOVIMENTO 5 STELLE,SOTTOLINEO NOI.
DA QUESTO NUOVO LEADER FINI,NON CI FACCIAMO ILLUDERE,I NUOVI,IL NUOVO,SONO I CITTADINI ITALIANI NELLE LORO ISTITUZIONI,NON I NUOVI LEADER DI PARTITI ORMAI ESTINTI, MORTI, INESISTENTI.
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 07.09.10 23:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori