Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'Italia ha legalizzato la morte sul lavoro


quando_un_operaio_muore.jpg
Giuseppe Cecere, Antonio Di Matteo, Vincenzo Musso sono morti dentro a una cisterna, come tanti prima di loro. Non sono morti bianche, infortuni sul lavoro, disgrazie, ma omicidi. Le multinazionali da noi possono risparmiare sulla sicurezza. Ieri la Thyssen Krupp a Torino, oggi la multinazionale olandese DSM S.p.A. a Capua. L'Italia ha legalizzato la morte sul lavoro.
"Capua, morti 3 operai per le esalazionidi gas da una cisterna.---- Alla faccia di quella specie di ministro dell'economia che l'altro giorno parlava del fatto che la sicurezza sul lavoro è troppo costosa per le aziende. Lo vada dire ai parenti dei tre operai che tra l'altro pagano le tasse per il suo lauto stipendio. Tremorti vaffanculo." Carlo Carli

11 Set 2010, 23:10 | Scrivi | Commenti (31) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Tremorti vaffanculo !!!!!

silkvana De 13.09.10 17:33| 
 |
Rispondi al commento

Tremonti a Roma, Tremorti a Capua. La 626 è un lusso, dice il primo. Lusso ddecché? rispondono i secondi ...

paolo andreoli 13.09.10 12:07| 
 |
Rispondi al commento

A quando la richiesta di danni da parte dell'azienda agli eredi dei lavoratori ?

aldo p., Milano Commentatore certificato 13.09.10 09:49| 
 |
Rispondi al commento

Napolitano si indigna sempre, ma non fa mai nomi e cognomi.
Diverso sarebbe, e più credibile, se denunciasse pubblicamente nome cognome, o ragione sociale dell'impresa che ha causato l'incidente non osservando le norme di sicurezza.
D'altra parte il nostro ministro dell'economia ha detto che le norme previste dalla legge 626(sicurezza sul lavoro) sono un lusso che non possiamo più permetterci, quindi tutto quadra alla fine.

Luigi D., Ancona Commentatore certificato 12.09.10 21:44| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Oggi sul Corriere c'era scritto che Napolitano è indignato.

Lo Fe 12.09.10 20:00| 
 |
Rispondi al commento

Pronti attenti via..come al solito ci sono i commenti delle persone che rappresentano le istituzione..i soliti messaggi di condoglianze...bla...bla...nessuna "bandiera tricolore sulle bare", nessun funerale di Stato, un pò di pensione alle vedove e forse qualche migliaio di euro alla famiglia"danni morali"....Io vorrei capire se per i n/s politici ci sono morti sul lavoro di serie A e di serie B...
La verità è che non ci sono controlli adeguati o sono scarsi..è mai possibile che ogni anno si debba contare qualche centinaio di morti sul lavoro...ma la magistartura dove?.....ma non è possibile costituire un dipartimento come DDA...e facciamo controlli a tappetto,impiegando l'esercito e le forze dell'ordine.....poi chi non rispetta le regole o chi assume in nero si confisca l'azienda...ci vuole tanto?
Perchè, nel 2009 ci sono stati 1200 morti sul lavoro,e non c'è un inchiesta parlamentare...eppure per la mafia c'è un dipartimento speciale anticrimine.!
SE applicassimo alcune snazioni Penali e Civili, come il sequestro e confisca dell'azienda probabilmente le cose cambierebbero...

roby f., Livorno Commentatore certificato 12.09.10 19:55| 
 |
Rispondi al commento

Se vuoi conoscere la vera verità su questa immonda e demenziale società maschilista, antifemminista e patriarcale responsabile di tutti gli scempi e le distruzioni umane e planetarie GUARDA I VIDEO DELLA DURA VERITA’…
Le favole e le menzogne si raccontano ai bambini…chi vuole crescere guarda i video della DURA VERITA’…

---LA DURA VERITA’ 7…UN CONSIGLIO AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO SILVIO BERLUSCONI… guarda il nuovo video…
http://www.youtube.com/watch?v=3vZ14ucqh68
---LA DURA VERITA’ 06… IL LAVORO; UN ASSASSINO SERIALE… guarda il video
http://www.youtube.com/watch?v=aIr1Wq0H7HQ
---LA DURA VERITA’ 05…IL MASCHIO… UN GRANDE BLUFF… guarda il video
http://www.youtube.com/watch?v=iUuJTOsYyAs
---LA DURA VERITA’ 04…LE SUPPOSTE IDEOLOGICHE... guarda il video
http://www.youtube.com/watch?v=YUncPdjILFc
---LA DURA VERITA’ 03…LA STUPIDITA' DEL MASCHIO...guarda il video
http://www.youtube.com/watch?v=EvAE5BboUpQ
---LA DURA VERITA’ 02…LE GUERRE? FATELE FRA DI VOI... guarda il video
http://www.youtube.com/watch?v=d9EPisD3AwI
---LA DURA VERITA’01…I FIGLI SONO DELLE DONNE... guarda il video
http://www.youtube.com/watch?v=FTulppNWgT0

movimento politico PARTITO DELLE DONNE Commentatore certificato 12.09.10 18:58| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe ora di fare un network in cui gli operai e tutti i dipendenti di tutte le aziende abbiano la possibilità di dire la loro versione di come si lavora nell'azienda di appartenenza: sicurezza, relazioni umane, metodo di lavoro, contatti con aziende più o meno serie, monte straordinari, retribuzioni e rispetto delle clausole contrattuali.
Di modo che la gente possa sapere quali sono le aziende che operano bene e quelle che non lo fanno, al fine di indirizzare gli acquisti di prodotti che meritino i soldi che il loro prodotto vale.
Attraverso l'acquisto noi tutti insieme decidiamo chi rimane a galla e chi no.
Se vogliamo una classe imprenditoriale degna del nome che porta, dobbiamo iniziare ad essere noi ad indirizzare la giusta rotta, e vedremo che con il tempo sia confindustria che il governo saranno costretti a venirci dietro.
Questo millennio ci ha dato la fortuna di avere i network vediamo di utilizzarli per informare la gente in modo costruttivo anche dal punto di vista dell'acquisto.
Grazie per l'attenzione.
Ciao

gabriele manfredini 12.09.10 18:35| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo noi operai siamo diventati il materiale più economico per le aziende, fuori uno vi è l' agenzia del lavoro a tempo che ne fornisce 1000 a poco prezzo e a 0 formazione.
ecco come risparmiano i grandi imprenditori Italiani nel 21° secolo.......

renato talpo 12.09.10 17:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Capua, la figlia di una vittima "Erano trattati come schiavi"

Davanti all'azienda di Dsm la rabbia dei parenti dei tre operai morti ieri mattina si sente tutta.
Urla la figlia di Giuseppe Cecere, uno dei tre operai morti ieri nello stabilimento Dsm di Capua, nel Casertano. Parole di disperazione, di chi si sente abbandonato. "Li comandavate come schiavi - dice la figlia del 52enne - . E' da ieri che siamo qui e nessuno si è degnato di dire ci dispiace".

"Devono parlare i testimoni", dice la cognata di Giuseppe Cecere. Cecere è proprio di Capua e la sua abitazione si trova esattamente di fronte allo stabilimento dove è morto. La cognata aggiunge: "I testimoni devono far giustizia, ci devono dire come sono andate le cose". E poi un dettaglio che rende ancora più tragico quanto avvenuto: "Giuseppe, li dentro, aveva tanta paura di morire".

Il giorno dopo la morte di Giuseppe Cecere, Antonio Di Matteo e Vincenzo Musso alla Dsm di Capua, i dipendenti dell'azienda non hanno alcuna voglia di parlare. Le vittime lavoravano per una ditta esterna di Afragola e sono stati investiti dalle esalazioni. Stavano lavorando in ore di straordinario e sono stati investiti dai fumi tossici provenienti dal silos, probabilmente dovuti ad un processo di fermentazione che si è innescato quando l'hanno aperto.

Se a qualcuno si prova a chiedere se all'interno della Dsm siano rispettate le norme relative alla sicurezza, in tanti, tutti, rispondono con il silenzio. "Non vogliamo parlare", la prima risposta, poi qualcuno aggiunge anche "ci hanno detto di non parlare".

Questa mattina davanti ai cancelli dell'azienda del Casertano si è presentato anche un ex dipendente che ha lavorato qui per 40 anni. Giuseppe D'Este lo dice senza se e senza ma: "I lavoratori delle ditte esterne qui sono considerati di serie B, un pò come una merce". Ma c'è anche chi, tra i dipendenti ci tiene a precisare: "Qui la sicurezza è il fiore all'occhiello, quanto è successo è stato solo un brutto incidente".

Lenintonio Desani, SPQR Commentatore certificato 12.09.10 15:53| 
 |
Rispondi al commento

tremonti...TREMORTI...

Carolina G., Bacoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.09.10 15:38| 
 |
Rispondi al commento

e per marchionne...prrrrrrrrrrrrrr legalizzatore di schiavitù!

Carolina G., Bacoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.09.10 15:35| 
 |
Rispondi al commento

mi associo: VAFFANCULO!!!!!!!!

Carolina G., Bacoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.09.10 15:31| 
 |
Rispondi al commento

Questa mattina ero in piazza Castello a Torino. Alcuni addetti smontavano strutture e spostavano tubi di ferro, grate, ecc... rigorosamente senza caschetto... non ho capito se le scarpe erano anti infortunistiche. Ma come si fa ad andare avanti così? Ricordo anche un primo maggio raccontato a Report(credo) dove i tecnici lavoravano in nero per costruire il palco e le strutture per la manifestazione. E i sindacati poi devono difendere la sicurezza sul lavoro. Ma per favore...

angelo c., Torino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.09.10 15:30| 
 |
Rispondi al commento

tremonti..

che il seme della tua stirpe venga cancellato dalla terra.

è inutile (tutto), Roma Commentatore certificato 12.09.10 15:05| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

I mandanti dell'omiciodi dei 3 operai di Capua sono ancora loro due: SACCONI eTREMONTI! Quelli che adesso fanno gli ipocriti sulla sicurezza e fino a ieri dicevano di rivedere la L.626.

SACCONI: è inutile che ti atteggi a moderato, tanto lo sappiamo che sei un lurido eversivo camuffato da bracco morto. E già che ci sei, ricordati disganciare i soldi che tu e la tua consorte ci avete sgraffignato con quella fornitura inutile di vaccino per un'influenza "A" inestistente...PARACULO!

PER FAVORE, VOTATE NUMEROSI QUESTO COMMENTO!

Renzo Coscia 12.09.10 14:20| 
 |
Rispondi al commento

Finchè i politici non proveranno sulla propria pelle, in maniera diretta o indiretta magari attraverso un proprio familiare, cosa significhi perdere il lavoro, perdere la vita sul lavoro, perdere la vita in una delle loro insulse guerre mascherate da missioni di pace, perdere la vita per malasanità e quanto altro viene pagato a caro prezzo sempre dalla gente comune non faranno mai niente per mettere a posto le cose e far funzionare a dovere le leggi....

caterina elle 12.09.10 14:10| 
 |
Rispondi al commento

non mi fraintendete. Non volevo discolpare la ditta .. è ovvio che se non si fanno i controlli preventivi poi va tutto in malora. Volevo dire che anche da parte "nostra" alle volte si pecca di superficialità, senza nulla togliere alle delinquenziali procedure che utilizzano le ditte per risparmiare sulla sicurezza. Chi fa certe cose deve essere messo in galera .

giusto Verona Commentatore certificato 12.09.10 14:03| 
 |
Rispondi al commento

Condivido il post e aggiungo:

Una cosa sono le morti dovute a disattenzioni o eventi imprevedibili, altra cosa è morire dentro una cisterna, qui le responsabilità sono così evidenti e palesi della mancanza assoluta di controlli di "abitabilità" delle cisterne con strumenti appositi che analizzano l'aria e le percentuali di sostanze nocive in essa contenute, in pratica questi serbatoi vanno bonificati prima di accedervi.

Il ministro Tremorti deve chiedere scusa a tutti i lavoratori per le sue parole sulla legge 626, una legge costata morti e anni di lotte e sacrifici.

Un richiamo su questo tema va fatto a Bonanni, aspettiamo la sua indignazione sulle parole del ministro almeno pari a quella per il fumogeno di Torino.

sandro s. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.09.10 13:47| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

E pensare che ancora non esiste una legge sull'eutanasia!!!

Uno dei tanti 12.09.10 13:02| 
 |
Rispondi al commento

Dillo a marchionne che sta rivoluzionando le attività di lavoro dipendente.

Morris Fleed (goblin) Commentatore certificato 12.09.10 12:44| 
 |
Rispondi al commento

E' vero troppi morti sul lavoro... ma quanti lavoratori usano le dotazioni di sicurezza?? ho visto operai su ponteggi a 20 metri passare dalle paserelle al volo senza uno straccio di imbrago di sicurezza, senza casco, ho visto operai navali che spostano lamiere d'acciaio con i piedi rotti ma senza le scarpe con il dorso in acciaio... pesano ma nn ti amputano le dita..... I politici fanno schifo.. corrotti, cocainomani, prostitute a go go, intrallazzati... ma spesso è errore umano sul lavoro, disattenzione, poca sicurezza. il sistema deve cambiare ma se non cambiano le persone non può cambiare il sistema. Il controllo, soprattutto. manca essenzialmente il controllo e meno si controlla più si riduce la possibilità di vedere un paese normale. Si può obiettare su tutto ma se ognuno di noi facesse la sua parte le cose cambierebbero. Troppe persone però non sono disposte e rinunciare a qualcosa di proprio, a guardarsi la partita in tv pagando o a perdere un po' del proprio tempo per una causa civile e popolare, Rimboccarsi le maniche e agire oltrechè protestare via web

giusto Verona Commentatore certificato 12.09.10 11:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

l'Italia ha i costi più alti d'europa per vivere e i redditi più bassi...è un mistero la sopravvivenza italiana oppure un dramma tenuto nascosto? Quando scoppierà il bubbone?
Come fa una famiglia a vivere solo pensando ai costi degli affitti??
mistero...per lo meno per me!

Paolo B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.09.10 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Si si ieri ho letto delle morti e sono rimasta annutolita. Dovremmo vergognarci TUTTI perchè nessuno fa niente, è gia successo tante altre volte, troppe volte, e dopo il primo momento di commemorazioni passa tutto. Nessuno fa niente, io per prima che sto qui a scrivere e mi sento impotente.Votero ilM5 stelle la prossima volta.Spero sia un atto giusto e rivoluzionario

maria rollo 12.09.10 10:56| 
 |
Rispondi al commento

è una mattanza , tra bambini che muoiono al momento della nascita ,operai morti e portati in tribunale ,gente travolta dal fango e sindaci ammazati ,siamo solo alla sopravivvenza solitaria ,più gente muore meglio è per i politici italiani ,questo non può essere che odio.altrimenti datemi una spiegazione voi x favore.

panino A. 12.09.10 10:03| 
 |
Rispondi al commento

L'Italia, culla del diritto, ha ormai legalizzato TUTTO !

Falso in bilancio, rapporti con la mafia, prostituzione d'alto bordo, compravendita di politici, rapporti "speciali" con i dittatori in giro per il mondo, le associazioni a delinquere lo saranno se approvano le leggi che limitano le azioni dei magistrati , ..

Chi fa carriera oggi ha spesso un curriculum più da Duca Conte fantozziano (truffe, ricatti, rapporti con la mafia..) che non da manager cresciuto tecnicamente all'interno di un'azienda.

Dei morti, che siano sul lavoro o nei campi libici, a chi se la spassa a Roma non gliene frega assolutamente niente.

Ci vorrebbe un intervento dall'alto a mo' di Sodoma e Gomorra, o dal basso a mo' di "mandiamoli a casa".

rosario v. Commentatore certificato 12.09.10 08:32| 
 |
Rispondi al commento

si potrebbe parlare molto di questo problema sul lavoro,in special modo in questo settore dove si e' consumato l'ennesimo omicidio di questi 3 operai stretti anche loro dalla morsa della speculazione imprenditoriale.Ieri su radio radicale ho ascoltato un commento di bonanni dove proclamava l'ggressione da lui subita dai ragazzi contestatori spettatori di un mondo politico che ha dimenticato i problemi reali del paese.bonanni non ha certamente l'incubo della fine del mese,lui pensa alla politica di tremorti,che pensa esclusivamente alla salute dei banchieri,finanzionandoli a suon di miliardi di euro.. Il sindacato e' morto molti anni fa, quello vero che difendeva i diritti dell'operaio non esiste piu',e' una dura realta'il lavoratore oramai non viene rappresentato da nessun in special modo dal nostro governo,che pensa esclusivamente hai propi interessi personali,trascurando la vita del lavoratore ossessionato dalla paura di perdere il propio posto di lavoro.il nostro amato bertinotti,che fine ha fatto!!..lui ha completato l'opera..dopo aver accettato l'incarico,nel governo prodi di occupare la poltrona di presidente della camera,e quindi cari signori,diciamola tutta,il sindacato e' schierato con coloro che hanno voluto le privatizzazioni,arricchendosi con i soldi pubblici,violando i diritti del cittadino,costringendolo al degrado mentale,e fisico,travolgendo in primis l'informazione oscurando la verita'del nostro paese...

alvaro napoli 12.09.10 08:29| 
 |
Rispondi al commento

Questi film, quasi censurati.
Vi spiegano l' origine del perchè della morte dei nostri simili.

"Cancro le cure proibite"
"Inventori di Malattie"

Emanuele Cerri (), Patong Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.09.10 07:09| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
MUOINO TRE LAVORATORI,CON LE LEGGI CHE CI SONO NEL NOSTRO PAESE SE NE FREGHERANNO E CONTINUERANNO A FREGARSENE PER SEMPRE,ANCHE DEL MULTINAZIONALI,AGGIUNGO,LEGGI CHE FANNO SOLO PENA
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 11.09.10 23:55| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori