Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

2735 euro al secondo di debito pubblico


Grillo_Woodstock_5_Stelle.jpg
foto di Canta e Ely

Se il numero di dipendenti pubblici diminuisce a decine di migliaia perché il debito pubblico e le tasse aumentano con la velocità delle cascate del Niagara?
"Questo debito a 13 cifre (valore riferito al 31 luglio 2010) equivale a circa 30.724 euro per ogni italiano, inclusi neonati e ultracentenari, ovvero 80.327 euro per ogni occupato. Tra gennaio e luglio 2010 il debito pubblico è aumentato di 50.100.143.820 euro, più di 7 miliardi al mese, 236 milioni al giorno, quasi 10 milioni di euro all’ora, 164.112 euro al minuto. Ogni secondo, questo debito immenso è cresciuto di 2.735 euro, più di quanto guadagni una famiglia media in un mese (Istituto Bruno Leoni). Un grazie di cuore a tutti i socialisti, di sinistra e di destra, che hanno prodotto questo straordinario risultato." giuseppe gagliardo

30 Ott 2010, 17:43 | Scrivi | Commenti (37) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Errata corrige:

non sono 300.000 €, ma bensì 300.000 milioni €, senza contare scorte e auto blu...

roby f., Livorno Commentatore certificato 02.11.10 19:55| 
 |
Rispondi al commento

Noi ormai siamo attaccati su tutti i fronti,debito pubblico,tariffe luce,acqua,gas, spazzatura...nessuno ferma questa spirale, i Sindacati "cazzeggiano" dopo le vicende di pomigliano si sono "eclissati", non danno segni di vita....
In condizioni normali e in un paese "normale" le associazioni di categoria sarebbero scese in piazza...ma tutto tace.....
Guardate l'ultimo video di Benetazzo...e guardate la faccia del politico che tenta in ogni modo di evitare di rispondere alla sua domanda...300.000 € l'anno di vitalizi per i parlamentari....e la gente non arriva alla fine del mese...in 500 hanno detto no alla proposta dell'idv,per abolire il vitalizio.
Ormai controllano tutto e l'informazione è manipolata....Vanno cacciati tutti...Lavoratori date disdetta dal Sindacato....vedrete come muoveranno il culo dalle sedie....poi un'appello anche per chi non vota...unite al movimento per cacciare gli "abusi"....siamo la maggioranza assoluta....

roby f., Livorno Commentatore certificato 02.11.10 19:49| 
 |
Rispondi al commento

Strano! Io pensavo che fosse colpa di Berlusconi!!

Volatile pn 02.11.10 16:33| 
 |
Rispondi al commento

Una volta, parlando con un senatore della mia zona, mi sentii dire da costui, che stavamo ancora pagando GLI INTERESSI del debito pubblico. Quindi, non abbiamo (il colloquio, è di 2-3 anni fa)neppure iniziato a pagare il debito vero e proprio.
Può avere un avvenire, il nostro Paese, con una situazione catastrofica come questa?
Meno male che ci sta il Calcio: con questo sport, possiamo risolvere tutti i problemi d' Italia.
Questa , mi sembra come una spirale: si allarga sempre di più. Poveri noi e poveri quelli che verranno dopo di noi, i quali si troveranno sul groppo, questo mega-galattico debito, senza averne colpa.

Ireneo G., Fermo Commentatore certificato 02.11.10 15:35| 
 |
Rispondi al commento

Celentano "il grande ", con la canzone svalutescion, aveva dato qualche dritta , peccato che non l'hanno ascoltato !!!!

paolo di tarso 02.11.10 11:58| 
 |
Rispondi al commento

Il debito aumenta ogni anno
solo per gli interessi
di circa 80 miliardi di euro.
L'anno successivo naturalmente
aumentano anche gli interessi,
che a loro volta fanno aumentare il debito,
che a sua volta fa aumentare gli interessi
in un vortice che si auto-alimenta,
e che è impossibile da controllare.
Per provare a tenerlo sotto controllo,
non a diminuirlo, badate,
sarebbe necessaria ogni anno
una manovra di entità superiore agli interessi, il che è chiaramente,
non c'è bisogno di spiegarlo,
impossibile.
Altro che tagli di personale!
Bisogna dire la verità:
Il debito pubblico,
tutti i debiti pubblici,
sono inestinguibili,
e chiunque sostenga il contrario,
o mente, o non sà
di che cosa sta parlando.

Luigi D., Ancona Commentatore certificato 01.11.10 20:32| 
 |
Rispondi al commento

e tutti i principali telegiornali dedicano in ogni edizione di tutti i giorni almeno 3 minuti al calcio....
di debito pubblico si parla 1 o 2 volte al mese escluse crisi particolari.... e la chiamano informazione!

stefano p 01.11.10 15:00| 
 |
Rispondi al commento

il debito pubblico è una altra faccia del capitalismo. Un debito che non si potrà mai onorare occorre azzerarlo. Come? Semplice la Banca d'Italia passa alle dipendenze dello stato basta con la autonomia e con le chiacchiere che fanno. Il loro compito e stampare moneta e basta.
Questa riforma o la politica o la fa la storia. Ma quando la fa la storia i morti sono tanti

giorgio s. Commentatore certificato 01.11.10 01:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Spesso su questo Blog ho ripetuto che bisogna informare e formare la gente..solo così potremmo tentare di cambiare le cose.
Purtroppo occorre tempo e rischiamo di vederci scoppiare la bomba fra le mani, senza avere il tempo di gettarla via.
Quello che noto è una "Calma" che temo preceda la "tempesta".....aspettando i dati della trimestrale di cassa...
Comunque stiamo in campana....

roby f., Livorno Commentatore certificato 31.10.10 19:43| 
 |
Rispondi al commento

Il debito pubblico aumenta sempre di più, nonostante tutto gli Italiani continuano a dare fiducia ad una politica priva di speranza inutile goffa autolesionista. E' incredibile come il popolo rimane cieco e sordo davanti ad uno spettacolo così poco edificante. Ribelliamoci, mandiamoli a casa altrimenti perderemo quella speranza per un mondo migliore attuale e futuro per noi e in particolare per i nostri figli.

augusto b., Capena Commentatore certificato 31.10.10 19:25| 
 |
Rispondi al commento

SIGNOR GRILLO, FACCIA QUALCOSA DI CONCRETO PER NON FAR FALLIRE L'ITALIA; SI CANDIDI, E NOI LE DAREMO IL NOSTRO AIUTO.
BASTA CON LE PAROLE.

Vincenzo Gonnella 31.10.10 16:17| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Default o bunga bunga?
Default!
Ma prima un po' di bunga bunga!

Alessandro C. Commentatore certificato 31.10.10 12:11| 
 |
Rispondi al commento

un grazie di cuore all'unico ITALIANO vero che racconta la verità di questo paese dove nessuno gli crede.

grazie BEPPE

Jonni Caseri, bottanuco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 31.10.10 10:11| 
 |
Rispondi al commento

Adesso sono alla ricerca di soldi per il rinfinanziamento delle missioni militari, la scuola privata e forse qualcosa rimarra per l'università...voci dicono 10 mld, €....
Il problema del debito è fa ricercare nel costante sperpero di denari pubblici, come le 600.000 auto blu,costi della politica,la frammentazione di Comuni,Le Provincie,le forze di Polizia(non abbiamo un numero unico per l'emergenze)la pletora d'enti che vanno dalle authority, consorzi di bonifica,le municipalizzate..insomma la lista è lunga, troppo lunga....I dipendenti sono solo l'ultima ruota del carro..
Tutto è fuori controllo, ormai siamo solo sudditi ipertartassati,servi sciocchi,non passa giorno che arrivi una bolletta dai costi sempre più esosi,l'authority stanno lì solo per certificare gli aumenti..pagate da noi...
Guardate la Barzelletta della spazzatura...la raccolta differenziata non parte..eppure dissero (dopo la prima emergenza che i Comuni inadempienti) sarebbero stati commissariati.
Ormai solo un Crack può far capire agli italiani in che mani siamo..
Ci sono due strade o li cacciamo tutti una volta per tutti(reset generale)oppure ne pagheremo le conseguenze....
Beppe fondiamo un "Parlamento" alternativo da nord a sud, passando per il centro..distribuiamo tessere elettorali elettroniche con "liste elettorali autonome) e poi votiamo i nostri rappresentanti..

roby f., Livorno Commentatore certificato 31.10.10 09:28| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Una possibile spiegazione dell aumento dei costi e della diminuzione dei dipendenti è questa: si è avuto il blocco del turn-over, ovvero se un dipendente pubblico va in pensione, non viene sostituito da nuovi assunti. Il problema però è che ci sono enti in cui c'è effettivamente un esubero di personale, vedi regione sicilia, mentre ci sono enti che hanno carenza, quindi se si blocca il turnover, è probabile che per continuare a offrire un dato servizio, bisogna ricorrere a ditte / consulenti esterni, che magari costano il doppio. Insomma alla fine il problema è sempre lo stesso: i soliti raccomandati da politici corrotti e clietelari continuano a percepire lo stipendio e fare guasi niente, pero' sono intoccabili, mentre la maggioranza dei dipendenti pubblici deve pagare il pegno a questo sistema di corruzione.
La soluzione sta nei confronti fra gli enti, mediamente un ente per offrire un dato servizio utilizza 10 dipendenti, una altro ente ne potrà utilizzare 12, non 20, 8 dovrebbero andare a casa.

FABER C., RIMINI Commentatore certificato 31.10.10 06:58| 
 |
Rispondi al commento

E' fondamentale secondo me che gli eletti del movimento 5 stelle facciano chiarezza sui conti degli enti in cui sono eletti, tipo analizzare per una regione, quando costa un dato servizio per ogni abitante,magari facendo un paragone sullo stesso dato delle altre regioni, se disponibile, dove ci sono sprechi tipo in consulenze; ecc ecc questo secondo me sarebbe un bel servizio al paese.
grazie

FABER C., RIMINI Commentatore certificato 31.10.10 06:46| 
 |
Rispondi al commento

Un popolo che non si indebita fa rabbia agli usurai. (Ezra Pound)

La banca trae beneficio dall'interesse su tutta la moneta che crea dal
nulla. (W. Paterson, fondatore nel 1694 della Banca d'Inghilterra, la prima Banca
Centrale al mondo)

Pochissimi capiranno il sistema, e quelli che lo capiranno saranno occupati
a far soldi. Il pubblico probabilmente non capirà che é contro il suo
interesse. (Lord Rotschild, 1861)

E' un bene che il popolo non comprenda il funzionamento del nostro sistema
bancario e monetario, perchè se accadesse credo che scoppierebbe una
rivoluzione prima di domani mattina. (J. Henry Ford)

Oggi il nome «democrazia» è rimasto alle usurocrazie, o alle daneistocrazie, se preferite una parola accademicamente corretta, ma forse meno comprensibile, che significa: dominio dei prestatori di denaro. ( Ezra Pound - 1933)

Il denaro non rappresenta altro che una nuova forma di schiavitù impersonale, al posto dell'antica schiavitù personale. (Lev Tolstoj)

Chiunque controlli la massa monetaria in qualsiasi paese è il padrone assoluto dell'intera industria e del commercio. (James A. Garfield, Presidente degli Stati Uniti d'America)

Lovigio (na) Commentatore certificato 31.10.10 02:44| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

2/di/2
Come quello greco, che adesso si trova stretto fra il rischio del collasso economico del Paese e la diminuzione di reddito per poter far fronte alla crisi, anche noi come tutti gli altri popoli d’Europa, potremo trovarci fra breve nelle strette dell’identico “ricatto”. Si sta prospettando in questi giorni un “aiuto” alla Grecia che più eloquente di così non potrebbe essere. Si organizza alla svelta, passando sopra ai Trattati così solennemente firmati, quali quello di Maastricht e quello di Lisbona, che non prevedono nulla del genere, un Fondo Monetario Europeo, ossia un Fondo formato dai soldi di tutti noi, che presterà alla Grecia la somma indispensabile per salvarla dal fallimento garantendosi sul rientro del prestito, non soltanto con il controllo delle drastiche misure economiche già programmate dal Governo Greco, ma – è qui che si rivela il vero scopo della manovra – con il sequestro dei beni demaniali del Paese.

Non ultimo si consideri quest’altro aspetto. La Goldman Sachs, che è una delle banche proprietarie della Federal Reserve e quindi anche fra i padroni effettivi del dollaro americano, ha partecipato con fortissima determinazione alla creazione dell’euro e dell’unione europea, investendovi moltissimo sia economicamente che politicamente. Che senso ha generare qualcosa che poi programmaticamente verrà distrutto? Forse, nella ventilata sostituzione dell’euro con la nuova moneta mondiale (ancora senza nome) è leggibile l’intento di impossessarsi definitivamente dell’Europa. Sarebbe superfluo aggiungere che più che di un incubo si tratta di delirio di onnipotenza, ma dalla deriva imprevedibile per gli stessi responsabili di questo imminente disastro.

http://wwwlandru.blogspot.com/2010/10/il-piu-grande-crimine.html#links

Lovigio (na) Commentatore certificato 31.10.10 02:31| 
 |
Rispondi al commento

1/di/2
di Raffaello Volpe
Appare chiaro adesso quale fosse il vero scopo perseguito nel promuovere l’unificazione degli Stati europei,e che naturalmente ci è stato sempre tenuto nascosto:indebolire le economie delle singole Nazioni,rimuovendo le difese delle stesse.Averne soppresso le monete di emissione,per esempio,ha permesso di eliminarne sia l’identità che l’idea stessa di “confine” necessaria alla sopravvivenza del gruppo anche sotto l’aspetto economico.
Ma chi ha portato sull’orlo del collasso finanziario i nostri vicini greci?
Diamo un’ occhiata ai fatti.Goldman Sachs e Jp Morgan Chasel,le due più grandi banche sopravvissute fortunosamente alla crisi del 2008 (o meglio, sopravvissute in quanto troppo grandi perché l’America potesse lasciarle fallire)hanno non solo garantito prestiti,con i ben noti “derivati spazzatura” alla Grecia per anni,non solo hanno contribuito con i governi greci ad occultare i dati economici e quindi anche il debito crescente,ma hanno addirittura speculato sul debito greco aggravandolo.Esattamente come se si trattasse di un’azienda qualsiasi,all’improvviso abbiamo scoperto che la Nazione greca è in realtà a due passi dal fallimento.Quello che resta difficile da comprendere è quanta complicità vi sia fra i governanti greci e le superbanche coinvolte,nonché impunite,per quello che possiamo considerare un reato gravissimo,una truffa sbalorditiva,ma mai dichiarata e tanto meno perseguita come tale:la distruzione dell’economia di una Nazione.Per quale motivo George Papandreou,l’attuale Primo Ministro,ha affidato proprio a Petros Christodoulou la gestione del debito nazionale,avendo quest’ultimo avuto un passato nelle due stesse banche che hanno portato la Grecia al collasso? Tutto ciò non è solo il segno di una resa;a pensar male qualcuno direbbe che esisterebbe una complicità ben programmata fra governanti e proprietari di banche,dove le vittime predestinate sono sempre le persone,in questo caso i Popoli.
(continua)

Lovigio (na) Commentatore certificato 31.10.10 02:31| 
 |
Rispondi al commento

guardatevi qualche video su youtube che parla di signoraggio bancario.

almeno cosi' si capirà un po' meglio da cosa deriva tutto questo debito pubblico.

anzichè dire stupidate sul legame debito pubblico --> dipendenti pubblici

ivan m. Commentatore certificato 30.10.10 23:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Azz guadagnano? bene i R0th-sc? h1ld? !!

Illumi Fulminato 30.10.10 21:05| 
 |
Rispondi al commento

I socialisti, Craxi in primis, hanno le loro belle colpe ma da 16 lunghi anni non ci sono più sostituiti dal nano. Per me la causa prima del deficit, oltre la corruzione e appropriazioni indebite, è nell'istituto delle regioni e province, enti assolutamente inutili che ci costano l'ira di Dio.
20 parlamenti regionali con "onorevoli" ministri, governatori, diecine di migliaia di auto blù...
Ma a che serve tutto questo il una nazione piccola come l'italia con 60 milioni di abitanti, Stato e comuni non bastavano ?


Pace e bene

Augusto

augusto g., roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 30.10.10 21:04| 
 |
Rispondi al commento

La situazione del paese è talmente grave e compromessa che bisognerà intervenire con efficacia in tutti i settori della vita civile di questo paese, con soluzioni che possono e devono esse solo accettate e con altre che bisogna prelevare dalla gente comune di questo paese, che potrebbe avere delle idee e soluzioni che gli attuali esperti non hanno.
Colombo scoprì l'America andando contro la scienza dell'epoca, Copernico diceva che la terra girava intorno al sole e non viceversa, sempre contro il parere della scienza dell'epoca, ma anche più recentemente c'è stato uno che diceva di voler portare un computer su ogni scrivania e molti lo deridevano, Continuare quindi a presentare gli esperti di fama mondiali sarà un risentire di cose che già sappiamo.
Ci sarà da affrontare la situazione con forza anche facendo e attuando proposte impopolari, ci sarà da dire che un paese come il nostro non può tenersi 3,6 milioni di dipendenti pubblici quando ne servirebbero meno della metà, pensateci un attimo. Quando in tutte le aziende private del mondo è entrata l'informatica è uscito parte del personale. Nella pubblica amministrazione non è cosi, è entrata l'informatica e anche altro personale perché? Si stanno riempiendo le autostrade e le città italiane di autovelox e tutor, ma intanto polizia stradale, carabinieri e altri lamentano carenza di personale. Personale per fare cosa?. So che si tratterà di scelte impopolari ma continuare a "curare un tumore con l'aspirina" significherà condannare questo paese al declino e alla sua dissoluzione, questo per chiunque vinca.

esposito g. Commentatore certificato 30.10.10 20:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

abbiamo un'arma molto potente da usare che consiste nel non sottoscrivere più titoli di stato.
Nell'arco di 2/3 mesi il sistema dovrebbe collassare (non appena le banche non riuscissero a piazzare i titoli abitualmente da loro sottoscritti in asta), naturalmente chi è titolare di questi titoli(garantiti dallo stato "quindi ancora da noi"!!!) perderà i suoi + o - sudati risparmi.
Se si continua come niente fosse questo avverrà comunque ed il debito sarà ancora maggiore dei 1800 miliardi di oggi (ca 100 MLD in più p.a.).

PS - non sono compresi in questo importo i debiti comunali(BOC), regionali o di altre pubbliche amministrazioni(che la lega "in tempi meno sospetti" aveva indicato in un importo almeno pari a quello del debito statale), nonché quello derivante dai contratti in derivati che nessuno è ad oggi in grado di determinare.

Cesare F., bergamo Commentatore certificato 30.10.10 20:05| 
 |
Rispondi al commento

Ma come cazzo è ?
Non ci mandano in pensione perché dobbiamo risanare
il debito pubblico.e il debito pubblico aumenta
perché ci sono troppi dipendenti pubblici !!!!!!
E il debito pubblico della Francia ????
Però la riforma pensioni l'hannp fatta pure loro !!!

basilio grabotti 30.10.10 19:39| 
 |
Rispondi al commento


Parliamo un pò di debito pubblico.
Dunque, del debito sappiamo una cosa sicura:
Aumenta ogni anno.
Adesso parliamo un pò dei dipendenti pubblici:
Anche di loro sappiamo una cosa sicura:
Diminuiscono ogni anno.
Credo che si possa essere tutti d'accordo
su queste due affermazioni,
visto che sono certificate
da documenti ufficiali.
Bene, ora mettiamole in relazione
l'una con l'altra.
Forse qualcuno noterà una leggerissima contraddizione fra questi due dati.
Sembra quasi che
la diminuizione degli statali
faccia aumentare il debito.
Ora io mi chiedo:
quale tipo di contabilità
fa aumentare i costi
quando c'è un risparmio di spesa?
E' presto detto:
La contabilità dri corrotti!!

Luigi D., Ancona Commentatore certificato 30.10.10 18:45| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
2.735 EURO,UN RECORD,GRAZIE EX SOCIALISTI,GRAZIE,CHISSA' CHE I BISONTI VE LA FACCIANO PAGARE CARA E SENZA TREGUA

P.S:PREPARATE GLI ELICOTTERI PARTITI VENDUTI A NONNO PSICONANO BERLUSCONI
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 30.10.10 18:23| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori