Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Cemento e inondazioni in Liguria


cop_inondazioni-mini.jpg

Liguria distrutta dal cemento con l'acqua che esce dalla case.
"Sono Ferruccio Sansa, inviato del Fatto Quotidiano: le esondazioni sono un male con cui in Liguria siamo abituati a convivere da decenni, sono il frutto più evidente della cementificazione della nostra terra dopo gli anni 50/60 e il disboscamento, gli incendi, tutte e tre insieme queste cause hanno portato a conseguenze devastanti, se volete vedere quali sono gli effetti del cemento e degli incendi venite a vedere in Liguria cosa succede quando piove, la bellezza della nostra Regione è proprio questa, che abbiamo il mare vicinissimo alle montagne, però quando piove forte i crinali sono ricoperti di cemento e non c’è più vegetazione per i troppi incendi, il risultato è immediato: l’acqua dall’alto delle colline arriva al mare in pochissimi minuti con una forza terrificante. Questo è il frutto del fatto che non si è cercato in nessun modo di arrivare a una pianificazione urbanistica intelligente, si sono ricoperti di cemento i crinali, si sono costruiti nuovi quartieri senza pensare alla pulitura e a incanalare i rivi e i torrenti, allo stesso modo quando gli incendi devastanti come quelli del 2009 hanno scorticato letteralmente la roccia delle colline, non si è poi fatto più nulla per cercare di fare sì che la vegetazione ritornasse sulle colline. Purtroppo c’è un problema come succede in tutta Italia, costruire porta consensi elettorali, mentre la manutenzione dei rivi è una cosa che sta in silenzio, che non si vede e che non porta consenso elettorale. Un rappresentante del centro-sinistra disse: "Mi raccomando non puntiamo tanto sulla bonifica del territorio, sulla pulizia dei rivi perché quella non la vede nessuno, meglio piuttosto puntare su grandi opere, su opere che tutti vedono". Però poi i risultati di questo tipo di politica miope e ottusa arrivano quando ci sono le piogge fortissime come oggi. E' necessario assolutamente investire sul futuro, è possibile ripulire i rivi, è possibile spostare le costruzioni cresciute in questi anni in Liguria, ma anche nelle regioni vicine, in Toscana, lungo l’alveo dei fiumi e dei laghi perché altrimenti sarà assolutamente ipocrita poi quando ci saranno le tragedie, piangere per quello che succede!". Ferruccio Sansa

4 Ott 2010, 17:40 | Scrivi | Commenti (46) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Ormai è assodato!
berlusconi porta sfiga!

Luigi D., Ancona Commentatore certificato 07.10.10 20:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

GENTE NOI SI DISCUTE...E IL GIUDIZIO FINALE E' SEMPRE LO STESSO, SIAMO IN MANO AD UNA CLASSE POLITICA E PARTITOCRATICA CHE E' SOLO CAPACE DI INVENTARE POLTRONE...PER GLI AMICI, PARENTI E CONOSCENTI,INTANTO LE PROVINCIE INCASSANO LA TASSA SUI CONSORZI DI BONIFICA...ANDATE A CONTROLLARE,COME SPENDANO I SOLDI....UFFICI, SEGRETARIE,USCERI...LA SEDE DEL COSORZIO DELLA PROVINCIA DI LIVORNO HA SPESO, 200,000 € PER FARE L'ELEZIONI DEL GLI ORGANI DI RAPPRESENTANZA...POI HANNO ASSUNTO 12 TRA IMPIEGATI E FUNZIONARI ......PER COSA FARE?..QUELLO CHE POTEVA FARE UN INGEGNERE E UN GEOLOGO....FERMO RSTANDO L'UFFICIO FIUME E FOSSI....E NOI SI PAGA...ANDATE SUL SITO...
iNTANTO OGGI C'è STATA LA SAGRA IN QUEL DI ROMA, TRA POLENTA E CODE ALLA VACCINARA....ROBA DA GATTATE NER MUSO....PERò L'ARIA DI ROMA FA BENE AI LEGHISTI...BELL'ACCOZZO ER VINELLO DEI COLLI CON LA POLENTA...ANVEDI CHE C'è UMBERTINO...FESTEGGIA ALLA SAGRA DER VINO..APPRESSO CI STA PURE ALEMMANO,CO' 'ER FIASCO IN MANO...ANDOMOSE A DIVERTì......NANNì..NANNì...BEPPE FACCI UNA BELLA CANZONCINA.....

roby f., Livorno Commentatore certificato 06.10.10 13:18| 
 |
Rispondi al commento

tra vent'anni parleremo delle stesse cose questo è sicuro spero tanto che nel 2012 arrivi morfeo cosi la facciamo finita per sempre

giorgio s. Commentatore certificato 05.10.10 23:59| 
 |
Rispondi al commento

Il problema è che quando crollano le colline e le montagne per le troppe acque e trascinano a valle tutto quello che trovano non è mai colpa di nessuno. Sono fattori naturali, dicono, e quindi arriva la protezione civile, ripulisce un pò quà e un pò là e tutto finisce nel dimenticatoio. Ma non sarà un pò colpa dei comuni che autorizzano le cementificazioni selvagge che producono i disastri che vediamo? E poi è strano che ci sia così tanta gente che ha voglia di bruciare boschi di casa loro e che non si becchi mai nessuno. Senza alberi è ovvio che tutto rotola a valle più velocemente. E i comuni cosa fanno per frenare tutto questo? Pensano a organizzare una sagra diversa tutte le settimane con tanto di banda musicale e di pennacchi, dimenticandosi della conservazione della natura circostante ma badando unicamente a conservarsi la redditizia poltrona politica.

g.n. 05.10.10 22:55| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Tranquilli ora arriva Bertolaso!!!


Lui è sempre presente con la sua grande opera di PREVENZIONE!!!

Peccato che arrivi sempre dopo e solo per stimare i danni.

I TG ci mostrano una Italia sotto il fango, acqua e relative vittime come se fossimo nei paesi asiatici.

E il Governo? parla del ponte di Messina...

Mandiamoli tutti a casa!

sandro s. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 05.10.10 19:10| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

L' indifferenza di uno stato e' la reazione dell' indifferenza del suo popolo

umberto d 05.10.10 18:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A Parma presto quattro nuovi centri commerciali.
Il cemento è il biglietto da visita con cui le organizzazioni criminali si presentano al nord. Una rapida rilettura di Gomorra di Roberto Saviano potrà spiegare il perchè del proliferare di tanti mega centri a fronte di una domanda abbastanza esigua in considerazione dei centri già esistenti.

http://consumi-parma.blogautore.repubblica.it/2010/10/05/nuovi-centri-commerciali-rivoluzione-in-arrivo/

Manu P. 05.10.10 17:44| 
 |
Rispondi al commento

La Natura insegna ma non impara.
Chi le fa danno prepari la bara.

Alberto Gramaccini 05.10.10 17:13| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Caro Sansa, la leggo sempre sul " decimonono " specialmente sull'evasione dei giochi nazionali.
Su questo post, mi sovviene intervenire per alcune precisazioni. Sono un vecchietto nato nella val Bisagno, mi ricordo della prima alluvione nel 1956, avevo 10 anni, il Bisagno tracimò, si allagò tutta Genova a partire da Borgo Incrociati. Eppure la Valbisagno era spoglia, non vi erano quartieri, la vallata era tutta verde, eppure quella alluvione fece parecchi morti.

bruno de ba 05.10.10 16:46| 
 |
Rispondi al commento

Mi dispiace veramente tanto per le persone che sono state colpite dagli eventi metereologici ,
penso con tanta rabbia a chi aveva il compito di sorvegliare il territorio ,

MA TENETE SE MPRE A MENTE CHE :

IL PIANETA SI DIFENDE DA SOLO !

Siate INTELLIGENTI , e non fatevi TELEIPNOTIZZARE .

M D 05.10.10 16:21| 
 |
Rispondi al commento

oggi a Prato son morte 3 signore per annegamento in un sottopasso allagato, se memoria non mi inganna mai c'erano stati sti morti a Prato e dintorni, il sottopasso si allagava tutte le volte che pioveva forte adesso forse si interverrà per fare qualcosa; anche il sottopasso della tangenziale il primo dei 4 costruiti non regge si allaga ogni volta piove più forte, aspetteranno il morto anche li?

Saluti

Massimo Risaliti, Prato Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 05.10.10 15:47| 
 |
Rispondi al commento

pienamente d'accordo ...

silvana m. Commentatore certificato 05.10.10 14:46| 
 |
Rispondi al commento

TE LA DO IO COPENHAGEN -25

In effetti, Riguardo al problema delle esondazioni occorre aggiungere anche il parametro "colata" in quanto da questa perturbazione non ci attendevano una così tale grave conseguenza.
Ricordiamo un più grave disastro nella Val di Fiemme negli anni settanta a causa del disboscamento che provocò un gigantesco smottamento di fango che sommerse diversi paesi con decine di morti, centinaia di feriti.
Ricordiamo Genova nel 2001 dove coloro che si ribellarono alla globalizzazione del G8 vennero a ritrovarsi contro gran parte degli stessi cittadini genovesi. Questo è il frutto della globalizzazione, avete fatto pestare a sangue i no-global?! ed ora nuotateci sopra.

sandro petrini 05.10.10 14:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...e non tralascierei la costruzione di porti (come il VTE) a Voltri e il nuovo porticciolo di Sestri Ponente che impediscono ai torrenti di sfogare le loro acque in mare
. Soprattutto quando il mare ingrossa si verifica la congiuntura negativa cioè il mare che spinge e le acque spinte dei fiumi che non trovano sbocco!

Filippo D. 05.10.10 14:02| 
 |
Rispondi al commento

In effetti la cinica affermazione della rappresentante del partito MM (magna magna)è surrettizia. Si potrebbe fare anche pubblicità elettorale sbandierando ad ogno pie' sospinto "LA GRANDE OPERA DI BONIFICA DEL BACINO IDROGEOLOGICO CON FORTI RICADUTE SULLA SICUREZZA ECC ECC". Basterebbe indirizzare le interviste in quel senso si troverebbero alla fine i giornalisti sbandieratori che danno una mano. Purtroppo per la manutenzione non si possono mica impegnare quantità di denaro paragonabili a quelle per le grandi opere, e quindi mazzette tangenti e assimilati diminuiscono in proporzione. Per cui è meglio costruire e poi chi se ne fotte, anzi lavoriamo per la Protezione Civile e quindi altre mazzette tangenti ecc. Il morto poi ci sta bene perché aumenta la commozione generale al momento opportuno e dà modo ai "salvatori(incassatori)" di presentarsi sulla scena e raccogliere consensi maggiori. L'Aquila docet.Siamo condannati e lo saremo fino a quando i giovani non manderanno a quel paese la gerontocrazia imperante.

girotondo th 05.10.10 13:22| 
 |
Rispondi al commento

siamo "assueffatti" dalla Politica Italiana, gli ammonistratori locali coniano slogan come: BOMBA D'Aqcua...ora il piu' gettonato, come se quAlache nemico oscuro, ci la nciasse i gavettoni........
ALLORA FACCIO UN PASSO INDIETRO E CHIEDIAMOCI: PERCHE' LE PROVINCIE HANNO RISPOLVERATO UNA LEGGE DEL FASCIO CHE ISTITUIVA I CONSORSI DI BONIFICA?PER LA TUTELA DAL RISCHIO IDROGEOLOGICO...I CITTADINI PROPRIETARI DI CASE PAGANO UNA TASSA SUGL'IMMOBILI DI PROPRIETA'....MA CHI LA FA LA MANUTENZIONE?...BOOO'IN COMPESNO ORGANIZZANO L'ENTE CON SEDE E IMPIEGATI....CON TANTO DI ELEZIONE DEL CONSIGLIO D'AMMINISTRAZIONE...SPENDENDO QULCHE CENTINAIO DI MILA D'EURI SOLO PER ELEZIONI......POI PRENDIAMO I SOTTOPASSI, OPERE ESEGUITE PER ALLAGARSI PUNTUALMENTE AD OGNI SCROSCIO D'ACQUA E QUALCUNO CI AFFOGA..CHI SONO I GENII CHE HANNO APPROVATO I LAVORI? DOVE SONO I SINDACI..? PERCHè NESSUNO CONTESTA IL DIFETTO DI QUESTE OPERE...COME DICE BEPPE, QUESTO E' L'EFFETTO MA NON LA CAUSA DOVUTA ALLA GENTE CHE OCCUPA LE POLTRONE E BASTA....

roby f., Livorno Commentatore certificato 05.10.10 13:06| 
 |
Rispondi al commento

---LA DURA VERITA' 09: SIAMO TUTTI IN VENDITA... guarda il nuovo video
http://www.youtube.com/watch?v=fGHzp57WPaIVERITA’…
---LA DURA VERITA' 8...LA SCONQUASSATA E SINISTRATA SINISTRA ITALIANA... guarda il video…
http://www.youtube.com/watch?v=N_j0SOWAj8g
---LA DURA VERITA’ 7…UN CONSIGLIO AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO SILVIO BERLUSCONI… guarda il nuovo video…
http://www.youtube.com/watch?v=3vZ14ucqh68
---LA DURA VERITA’ 06… IL LAVORO; UN ASSASSINO SERIALE… guarda il video
http://www.youtube.com/watch?v=aIr1Wq0H7HQ
---LA DURA VERITA’ 05…IL MASCHIO… UN GRANDE BLUFF… guarda il video
http://www.youtube.com/watch?v=iUuJTOsYyAs
---LA DURA VERITA’ 04…LE SUPPOSTE IDEOLOGICHE... guarda il video
http://www.youtube.com/watch?v=YUncPdjILFc
---LA DURA VERITA’ 03…LA STUPIDITA' DEL MASCHIO...guarda il video
http://www.youtube.com/watch?v=EvAE5BboUpQ
---LA DURA VERITA’ 02…LE GUERRE? FATELE FRA DI VOI... guarda il video
http://www.youtube.com/watch?v=d9EPisD3AwI
---LA DURA VERITA’01…I FIGLI SONO DELLE DONNE... guarda il video
http://www.youtube.com/watch?v=FTulppNWgT0

movimento femminile Commentatore certificato 05.10.10 12:17| 
 |
Rispondi al commento

Voi della lega continuate a fare porcate in parlamento, e non solo in quel posto, noncontenti avete ingannato i vostri elettori, resi oltretutto ignoranti dalla vostra azione politica P2.
Pure io continuo.
Il celebroleso è tra i politici più ascoltati e seguiti al nord.L'ignoranza dilaga al nord (basta vedere chi viene votato), la leganord purtroppo dilaga al nord, MOLTO spesso le tre cose coincidono.Domandarsi cosa potrebbero fare di lavoro senza la politica i parlamentari leghisti no vero?
La verità e che la lega più degli altri partiti è scesa in politica per far soldi!
http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/10/05/prima-provarono-a-mettersi-in-proprio-a-creare/67868/
Origini della lega:
Umberto Bossi da Cassago Magnago, provincia di Varese. Una vita da film. Ha fatto tre feste di laurea senza essersi mai laureato. Alla prima moglie racconta di essere un dottore, si finge medico dell’ospedale Del Ponte di Varese. La storia va avanti per mesi. Quando lei scopre che è tutto inventato chiede il divorzio. Qualche anno dopo l’Umberto porta anche la madre all’università di Pavia per la consacrazione ma non la fa assistere alla cerimonia: è la solita balla, lui ormai c’è abituato. All’Università per qualche anno c’era stato. Pochi esami, parecchi guai ma anche l’incontro che aveva cambiato la sua vita: quello con la politica.La Lega lombarda, i primi assessori comunali eletti in Veneto e Lombardia.Bossi cavalca Mani pulite e l’insoddisfazione del profondo Nord. Non sarà laureato ma è scaltro l’Umberto. Lavora sull’immaginario collettivo, capisce prima di tutti che l’immigrazione sposta una marea di voti che la gente ha una paura fottuta. Poi c’è il folklore: Pontida, miss Padania, la Lega che ce l’ha duro, Roma ladrona, i comizi in canottiera. La Prima repubblica crolla, nel Paese regna la confusione, il momento è propizio. Bossi alza il tiro. Annuncia la secessione, crea il Parlamento del Nord, progetta di avanzare “città per città con le baionette” è così via...

Pietro T. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 05.10.10 11:23| 
 |
Rispondi al commento

La natura fa il suo corso, non guarda in faccia a nessuno

Sabina M 05.10.10 10:06| 
 |
Rispondi al commento

AAA DA LEGGERE

POLITICA E GIUSTIZIA
Dai pizzini al blog di Cosa nostra
i messaggi che preoccupano Schifani
Su internet i "segnali" di Nino Mandalà, già dirigente di Forza Italia, al presidente del Senato, di cui era socio nella "Sicula brokers". Il 25 settembre parlava sul suo sito della "ingratitudine incassata dalle anime belle"
di ATTILIO BOLZONI

http://www.repubblica.it/politica/2010/10/05/news/messaggi_cosa_nostra-7725576/?rss

Uno dei tanti 05.10.10 09:44| 
 |
Rispondi al commento

Mi dispiace ripetermi, ma la soluzione esiste e non costa molto(forse è questo il problema):

http://www.ecoblog.it/post/2447/vetiver-contro-il-dissesto-idrogeologico

http://www.vetiver.it/

...e non solo, se fate una ricerca scoprirete quante cose è possibile farci, dagli oli in cosmesi, compost, combustibile per stufe, ecc.... ecc....

Uno dei tanti 05.10.10 09:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Leggo le parole strampalate di Blue open eyes.

A Genova e in Liguria esistono m.u. attivi sul territorio dal 2005
(poi dalle regionali 2009 sono spuntati anche i guastatori a sottrarre con raggiri i m.u. altrui, m.u. 20, o a inventarne nuovi di facciata).
A Genova come m.u. storico stiamo seguendo attivamente come possibile per le nostre risorse umane moltissime vicende:
affianchiamo i Comitati No GRONDA contro una nuova autostrada in città e attualmente in presidio permanente
Affianchiamo i Comitati Contro il Gassificatore /inceneritore, e il nostro m.u. sta promuovendo il Referendum
Affianchiamo la battaglia per la tutela del Parco Acquasola, abbiamo portato la vicenda all'assemblea Nazionale Stop Consumo di Territorio a Sarzana
Abbiamo stoppato speculazioni edilizie a Sampierdarena
E molto altro....
aspettiamo comunque rinforzi di volenterosi per fare ancora di più

giacomo grappiolo, genova Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 05.10.10 08:00| 
 |
Rispondi al commento

caro sansa, non ho ancora letto il tuo libro, ma parecchi voyage en italie, il confronto e' terrificante, mi viene voglia solo di piangere per come hanno ridotto il bel paese

roby c Commentatore certificato 05.10.10 07:52| 
 |
Rispondi al commento

ciao beppe grillo,20 anni fà i miei comprarono una casa in sicilia e la pagarono 40 milioni di lire,doveva essere un resindent strada privata sbarra automatica e strade nuove e supermercati situati vicino alloccorrenza.1 anno dopo la ditta falli e il rogito andò in fumo.Noi paghiamo le bollette luce e tutto il seguito.Adesso 20 anni dopo c'è una ditta che a preso l'appalto tramite tribunale e ci a riproposto le stesse cose di prima ,strade illuminazione e cose varie.il punto è che ci hanno chiesto 10 mila euro a vano(stanza)le nostre sono 4,quindi sono 40mila euro,se non accettiamo non sò cosa ci succede.Non sappiamo cosa fare,se rifidarci o forse perderemo la casa ,i risparmi dei miei,aspetto una tua risposta o un consiglio,ciao e grazie

andrea tucci., milano Commentatore certificato 05.10.10 01:37| 
 |
Rispondi al commento

La Liguria.. è già da molti anni che l'hanno rovinata, primo fra tutti i problemi: preferire i cantieri navali, le barche e di conseguenza i veleni in mare e nell'aria.. a madre Natura.
Adesso è troppo tardi per buttare tutto giù.

La Liguria ma anche tutte le altre regioni italiane stavano meglio prima, quando le cose meccaniche e di cemento erano meno ingombranti (...)

Solyxs Solyss 05.10.10 00:52| 
 |
Rispondi al commento

Non solo costruire porta consensi e fare la manutenzione no, ma se per assurdo fosse dimostrabile che dove si è fatta la manutenzione questa è servita veramente a evitare disastri, ebbene lì succederebbe (come dovrebbe sempre succedere) che quando piove, piove e basta, per cui non se ne accorgerebbe nessuno, e non ci sarebbero meriti per questo.
Invece il consenso si basa sia sulla costruzione prima che sulla ricostruzione dopo, per cui io dico che c'è qualcosa che non va nel sistema, e sono anche convinto che non c'è modo di porvi rimedio (ci sarebbe ma credo si possa definire utopia, se fossimo tutti partecipi e informati il consenso si formerebbe sulla effettiva buona amministrazione della cosa pubblica).
L'unica cosa che realisticamente possiamo fare è quella di informarci il più possibile in modo, per esempio, di non acquistare case dove potrebbe venire giù una frana, o un'alluvione, certo mi rendo conto che è un "si salvi chi può", ma io sono molto disilluso circa le reali possibilità di smantellare un sistema di potere che risale almeno all'impero romano, se non a prima.

Jonny Dio 04.10.10 23:50| 
 |
Rispondi al commento

a Genova hanno fatto più danni i socialisti o gli architetti di grido che la guerra. Guardatevi intorno, a Genova le porcate sono tutte del dopoguerra. Biscioni, lavatrici, madrididio, quartoalte, tutte schifezze che tanto ricordano il bellissimo film di Rosi 'le mani sulla città'. ricordo bene il 23 ottobre 1970, dopo 40 anni siamo ancora nella merda. O siamo scemi o in malafede, non c'è scampo.

renato medini 04.10.10 23:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE
DISTRUGGIAMO LA NATURA L'AMBIENTE E LA NATURA CHIEDE POI IL CONTO,ANCHE PER CEMENTIFICARE SENZA LOGICA
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 04.10.10 22:46| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Prima di pulire i rivi, bisognerebbe ripulire i Comuni, le Province, le Regioni e l'Italia tutta da quei cialtroni che l'hanno ridotta così...
A Milano non stiamo certo tanto meglio, è bastato un temporale più intenso del solito per allagare due stazioni della metropolitana linea 3, rimaste poi chiuse per un paio di settimane.
Ora sta piovendo di brutto, a Milano. Voglio vedere domattina che situazione si presenta...

Roberto Chiappa, Milano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.10.10 22:27| 
 |
Rispondi al commento

Fabbricando case ospedali casermoni e monasteri
fabbricando case ci si sente più veloci e più leggeri
fabbricando scuole dai un tuo contributo personale all'istruzione
fabbricando scuole sub-appalti e corruzione bustarelle da un milione
fabbricando case popolari biservizi secondo il piano regolatore
fabbricando case ci si sente vuoti dentro il cuore
ci si sente vuoti dentro il cuore
ma dopo vai dal confessore e ti fai esorcizzare
spendi per opere assistenziali
per sciagure nazionali e ti guadagni l'aldilà
e puoi morire in odore di santità
fabbricando case
fabbricando case ospedali casermoni e monasteri
fabbricando case ci si sente più veloci e più leggeri
fabbricando case assicuri un avvenire ai tuoi figli con amore
fabbricando case col sorriso e col buonumore
col sorriso e col buonumore
ma dopo vai dal confessore e ti fai esorcizzare
spendi per opere assistenziali
per sciagure nazionali e ti guadagni l'aldilà
e puoi morire in odore di santità
fabbricando case

viva italia 04.10.10 22:22| 
 |
Rispondi al commento

è inutile piangere come i coccodrilli!

tutti vogliono abusare della natura per arricchirsi in uesta società fatta di regole-follie contro natura ma poi la natura si ribella e i coccodrilli piangono.

viva italia 04.10.10 22:19| 
 |
Rispondi al commento

Io sto leggendo "La colata" che parla appunto di questo. Molto interessante.

Enrico u. 04.10.10 21:17| 
 |
Rispondi al commento

Ma il non leader, non è ligure?
Che non ci vive pure lui in quella regione?
Si accorge a tragedia avvenuta di quel che gli accade sotto gli occhi?
Ha mai provato, o fatto provare, direttamente nella propria regione cosa significano le grandi parole che fanno da cornice ai sui spettacoli, al mega concerto dibattito di Cesena?
Non esiste un meet-up che abbia voce in quella regione? Anche solo a livello di INFORMAZIONE.
Quelli della TAV in Piemonte stanno facendo da mesi una serrata battaglia per difendere il loro territorio. Idem a Vicenza e nelle regioni dove il ponte aggancia le proprie fondamenta.

Tutti impegnati a parlare. A fare filosofia.
Ma a fare?

blu open eyes 04.10.10 20:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutta, tutta la mia stima, una montagna alberata di stima, a Ferruccio Sansa che ho incontrato a Woodstock, persona straordinaria, e ai pochi come lui che ancora svolgono un ruolo coraggioso di informazione e denuncia.

La natura giustamente si ribella. Qui piove e fa caldo e il mare ribolle, le palme ondeggiano e sembra di stare ai tropici durnate un uragano.
Cambiamo rotta prima che sia troppo tardi!

milena d., savona Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.10.10 20:49| 
 |
Rispondi al commento

Siamo vicini con vera partecipazione in questo momento di dolore che affligge le famiglie della Liguria.

Gli Italiani sono accomunati da Profondo dolore e Sgomento per ciò che accade in Liguria.

Bisogna vedere come sia potuto accadere che non siano state attivate indispensabili norme, che erano state tradotte in legge e chiedersi anche come non siano scattati i necessari controlli.

Nessuno in questi casi dovrebbe chiudere gli occhi. Né chi vende, né chi acquista un immobile. Ma al di là delle responsabilità, bisogna decidere cosa è possibile fare, affinché tutto ciò non accada mai più. E questo si può fare non con profezie o impossibili previsioni degli alluvioni ma rendendo sicuri gli edifici.

alessandro a., milan Commentatore certificato 04.10.10 20:44| 
 |
Rispondi al commento

Giornali on line di Savona che testimoniano la situazione:

http://www.savonaeponente.com/2010/10/04/varazze-situazione-drammatica-per-la-pioggia/

http://www.savonaeponente.com/2010/10/04/alluvione-a-varazze-le-foto/

http://www.uominiliberi.eu/index.php?option=com_content&view=article&id=1574:varazze&catid=1:ultime&Itemid=56

Proprio con Sansa a Cesena abbiamo preso accordi per fare un'incontro a Varazze per parlare della cementificazione esasperata di questa parte di riviera. Direi ora più che mai messa in evidenza.
C'è da chiedersi come mai ogni fine estate quando arrivano gli ormai immancabili monsoni, qui in liguria ci ritroviamo sempre con un'alluvione da qualche parte. Se non è a ponente è a levante, ma da qualche parte c'è sempre, non manca mai, da 18 anni a 'sta parte ....

Andrea T. 04.10.10 20:04| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori