Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il corpo nel peccato


anoressia.jpg
Per fare la modella bisogna pesare 35/40 chili. Per indossare un capo firmato bisogna diventare anoressiche.
"Leggo di una ventisettenne di Cecina, nel livornese, che malata da tempo di anoressia si è tolta la vita assumendo cento pasticche del farmaco prescritto contro il suo male. Uccidersi usando la propria cura come arma, come in un rifiuto estremo di un'esistenza non accettata. E' forse banale citare l'incidenza di un'immagine vincente del corpo che ne esalta l'insana magrezza, poiché i disturbi dell'alimentazione hanno radici ben più profonde e ramificate. Tuttavia, questo dramma di provincia mi ha richiamato alla mente il recente dibattito sulle “taglie forti” oscurate alle ultime sfilate milanesi, facendomelo sentire effimero e malizioso. L'icona di curva morbida per Jean Paul Gaultier è una modella truccata in modo esagerato e che veste calze a rete su cosce da lottatore di sumo, mentre per Mirò è una taglia 50 che cade su una ragazza pesante 80 chili. Che scopo ha affiancare a filiformi taglie 38 la semi-obesità di una 52, se non quello di continuare a giocare sul corpo umano come un baro fa con le tre carte, mescolando le figure affinché non si scopra un trucco teso esclusivamente ad oscurare ciò che a tutti fa più paura. Mi riferisco alla normalità, la quale non offre ribalta ai grandi marchi e, cosa ben più grave, ci lascia insoddisfatti come individui. Non sarà certo una panacea, ma quando le passerelle saranno solcate anche da qualche fisico normopeso, a mio avviso avremmo compiuto un bel passo in avanti." Marco L.

5 Ott 2010, 17:58 | Scrivi | Commenti (30) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Per chi come noi cerca di fare informazione sulla nutrizione sentire queste storie ci dà ancora più forza a fare del nostro meglio.
Lasciamo stare le sfilate di moda. a milano ne ho viste a centinaia di modelle...
troppo alte, troppo magre e che come diceva il mio amico siciliano:
"Simo' nun fanno sangue!!!!"

simone pepe 26.11.10 10:56| 
 |
Rispondi al commento

La settimana della moda di Milano di questo Settembre ha ancora sbattuto in passerella mucchi di ossa.

http://www.fashionblabla.it/beata-ignoranza/fuori-i-nomi.html

E il forforoso Karl Lagerfeld ancora che difende l'eccessiva magrezza:

http://www.fashionblabla.it/beata-ignoranza/karl-lagerfeld-e-il-nostro-dito-medio.html

Elena Torresani 08.10.10 09:50| 
 |
Rispondi al commento

altro che emancipazione, sempre alla mercè del giudizio umano che non perdona, non solo maschile, ma anche femminile, quest'ultimo ancora più doloroso, perchè si conosce e si condivide tutta la premessa che il "dover essere belle e sempre giovani" comporta.
Grazie Marco per il tuo articolo.

Mirna Liguori 06.10.10 16:11| 
 |
Rispondi al commento

La moda è un fenomeno altamente deleterio, almeno come è stata intesa negli ultimi 30 anni.
La moda a ben vedere è un fenomeno incomprensibile.
La moda è un fenomeno innaturale.
La moda è un bisogno indotto artificialmente per mezzo dei media.
Se nei tg non si parlasse più di stilisti, di sfilate e di modelle in pochi mesi nessuno penserebbe più a questo sciocco fenomeno, e le ragazzine crescerebbero senza questo assurdo modello.
L'umanità non ha nessun bisogno della moda.
Certo dei modelli di riferimento sono sempre esistiti, ma non era certo una banda di parassiti raccomandati ad imporli.
Perchè questo sono la maggior parte degli stilisti: Parassiti e raccomandati, e senza l'appoggio di qualche politico che assicura un passaggio entusiastico nei principali tg la maggior parte di questi sedicenti artisti della moda sarebbe costretta ad andare a lavorare.

Luigi D., Ancona Commentatore certificato 06.10.10 15:56| 
 |
Rispondi al commento

Leggendo le parole del mio omonimo non posso che trovare conforto nel rendermi conto che quella di ripensare il sistema moda è una necessità diffusa!
Nel mio piccolo lavoro per una azienda (di cui non farò il nome per correttezza verso il blog e verso i suoi utenti)che da anni lotta per far capire alle Società della filiera del T/A, che fino ad ora hanno prodotto capi che non rispecchiano la reale conformazione dell'uomo. L'industria della moda ha prodotto in serie per un uomo che in serie non nasce!Esiste una teoria che finalmente inizia a prendere piede anche se la fashion industry trema al solo pensiero di far sapere che viene impiegata per la produzione, si chiama "Teoria delle Conformazioni".Nasce dall'analisi statistica delle conformazioni umane ed individua 8 famiglie morfologiche per la donna 6 per l'uomo(tra cui l'obeso e l'extraobeso)..ed analizza anche il problema della diffusissima obesità infantile(quasi 1su3),l'applicazione pratica è la realizzazione di manichini antropometrici "veri" per modellisti in maniera da produrre capi che possano realmente vestire gli individui,non pensati solo per chi fisicamente ricorda le stereotipate figure che fluttuano come foglie sulle passerelle di mezzo mondo!La cosa ridicola è che questa teoria esiste dal 1978!Non facciamo altro che lottare per diffondere questo tipo di cultura,il problema è che se in primis non interessa alle persone,cambiare il sistema e l'approccio diviene praticamente impossibile.Si parla tanto di consum-attore al posto di consumatore,ma la realtà è che forti investimenti in mktg e comunicazione ancora possono controllare l'individuo modificando le lenti con cui guarda al reale...fino a che l'uomo non si renderà conto che non ha senso inseguire una bieca immagine stilizzata che non lo rappresenta e non farà sentire la propria voce il sistema moda non farà nulla per correggere apertamente il tiro.Sell in, sell out,budget di mktg e roi sono le uniche parole che si illuminano sul display di questoPC

Marco Rossi 06.10.10 15:53| 
 |
Rispondi al commento

Bellissimo pezzo, complimenti. Molto acuto.

Infatti, si rivendica come "giustizia" il fatto che esistano sfilate per taglie forti. Ma dopotutto, al di la' di problemi fisici e psicologici, se una persona e' grassa o magra un po' di responsabilita' ce l'ha.

Ma altre caratteristiche, la statura per esempio?
Perche' le modelle sono tutte molto alte, e non esistono sfilate di "tap model"? ;-)

Mica e' colpa di noi piccoline se siamo piccoline. Perche' non c'e' una moda per noi?

Infatti il concetto e' proprio quello esposto, la normalita' e' assente.

milena d., savona Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.10.10 13:32| 
 |
Rispondi al commento

...dal diario di una donna...
vorrei non essere qui, in questa storia così triste, senza vita, così poco importante...e allora vomito, vomito questa lunga angoscia che mi porto dentro, questo cordone mai spezzato, questo buco nero che ho nella pancia...cos'è? chi è?...non so...un respiro...soffocato, un brivido, un desiderio...una luce...è il vuoto...vuoto che creo ogni volta che spingo le dita in gola...sempre più giù...fino a toccare l'abisso...e che mi fa sentire viva, pulita...e pronta a morire ogni volta.

Manuela Pace 06.10.10 12:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Pare sia dimostrato che lo stress da dieta produce il cortisolo, un ormone non proprio benefico per la salute.E se puntassimo, invece, su altre doti? Magari sulla simpatia, sul sorriso, etc. Ma avete visto quanto sono brutti gli stilisti?Alcuni sono proprio inguardabili: restino pure dietro le quinte.

Claudia - Ts 06.10.10 10:48| 
 |
Rispondi al commento

Chapeau!! Ciao

Stefania B. Commentatore certificato 06.10.10 10:33| 
 |
Rispondi al commento

perche' un cittadino deve sbattersi e perdere tempo del suo lavoro (a volte non ci riesce) contro LE CARTELLE PAZZE DI EQUITALIA?

ippolita zecca, genova Commentatore certificato 06.10.10 09:27| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Marco.
Purtroppo la normalità non "offre ribalta" mai, non solo ai grandi marchi della moda.
Il business è lo stesso dappertutto: il risultato è che ci stanno ammazzando con il cemento, l'inquinamento e la moda. Con la moda, essendo un bene voluttuario, diciamo, uno è libero di seguirla oppure no. Uno/una consapevole. Per una mente in formazione come quella dei giovani il rischio che la moda la subiscano, esiste. Ci sono fragilità che la moda cavalca e maschera attraverso il mito della magrezza. E' vero che l'anoressia è una patologia mentale che va curata, subito altrimenti diventa troppo tardi, ma la moda alimenta la patologia.
Per non parlare delle donne vestite come prostitute sul ciglio della strada.

Minima moralia 06.10.10 08:11| 
 |
Rispondi al commento

E’ una cosa che ho notato spesso e con rabbia. Sono d’accordo con chi scrive che la moda è fatta da un gruppo di gay esauriti che vogliono vedere i loro stracci appesi a delle grucce ambulanti con sopra la faccia di una depressa affamata, e il bello è che noi donne proprio non lo capiamo! Quegli stessi abiti addosso ad una taglia 44 per 1 metro e 65, seppur ventenne e di fascino, fanno schifo perché concepiti per esser vuoti. Maschi, padri, mariti, amanti, amici, non dimenticate mai di dire alle donne che amate che volete vederle belle e felici, il che significa sazie!
Valeria, Monza

Valeria Tedde 06.10.10 04:29| 
 |
Rispondi al commento

ci vorrebbe una lista di chi usa le anoressiche (agenzie e stilisti) e denunciarli, che so, come istigatori al suicidio. trovare un cavillo legale per fermarli e casomai anche fargli rimangiare il male che stanno facendo.
sono dei rovinapersone.
che ambiente di merda che deve essere quello della moda.

francesco pace (francesco pace 51), bologna Commentatore certificato 06.10.10 03:53| 
 |
Rispondi al commento

piu' che stilisti mi sembrano dei pazzi. andrebbero fermati e resi innocui, rovinano tante ragazze.

francesco pace (francesco pace 51), bologna Commentatore certificato 06.10.10 03:49| 
 |
Rispondi al commento

a parte che le normopese sono molto carine.

francesco pace (francesco pace 51), bologna Commentatore certificato 06.10.10 03:41| 
 |
Rispondi al commento

ma ragazzi le donne di oggi sono malate, devono essere per forza magre se no non li guardano più nessuno, è una malattia che si diffonde sempre più perchè il mondo è cambiayo, una volta il bisogno primario era mangiare, adesso tutte che fanno schifo x via del puttanesimo che si diffonde sempre più

sergio como, castellammare del golfo Commentatore certificato 06.10.10 02:16| 
 |
Rispondi al commento

Ok, primo passo, eliminare lo spirito emulativo...
ma smettiamo di considerare l'anoressia come
frutto delle mode, dei canoni filiformi rappresentati dalle manequin nelle sfilate.
I disturbi alimentari hanno spesso radici profonde
nell'inconscio. Sono malattie che nascondono chissà
quali disagi, incomunicabilità, insicurezze e talvolta chissà quali violenze.

Luciano Panza 06.10.10 00:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

....allora ci meritiamo questo e altro....

enrico m. Commentatore certificato 05.10.10 23:22| 
 |
Rispondi al commento

Se ancora non abbiamo capito che la "moda" è
in mano a omosessuali dui cui non gliene frega un cazzo se la donna e bella con un certo abbigliamento ..gli interessa solo vendere quelle cagate che producono!!

enrico m. Commentatore certificato 05.10.10 23:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

RAGAZZINE MANGIATE!

Solo a FASSINO è permesso dimagrire fino alla morte, magari insieme alla di lui consorte SERAFINI, cosi mollano finalmente i 50.000 sacchi che ci sgraffignano ogni mese per non fare un cazzo in parlamento.

Renzo Coscia 05.10.10 22:10| 
 |
Rispondi al commento

vorrei sapere come poter parlare con Beppe, o con qualcuno che possa darmi indicazioni su come dare una mano se fosse possibile!!!!grazie!

EMANUELE C., BOSA Commentatore certificato 05.10.10 20:13| 
 |
Rispondi al commento

veramente vergognoso!!!!!vorrei sapere come poter parlare con Beppe se fosse possibile!!!!per fare qualcosa di utile grazie!

EMANUELE C., BOSA Commentatore certificato 05.10.10 20:10| 
 |
Rispondi al commento

Bellissima lettera, bravo!

simonetta chines 05.10.10 19:52| 
 |
Rispondi al commento

---LA DURA VERITA' 09: SIAMO TUTTI IN VENDITA... guarda il nuovo video
http://www.youtube.com/watch?v=fGHzp57WPaIVERITA’…
---LA DURA VERITA' 8...LA SCONQUASSATA E SINISTRATA SINISTRA ITALIANA... guarda il video…
http://www.youtube.com/watch?v=N_j0SOWAj8g
---LA DURA VERITA’ 7…UN CONSIGLIO AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO SILVIO BERLUSCONI… guarda il nuovo video…
http://www.youtube.com/watch?v=3vZ14ucqh68
---LA DURA VERITA’ 06… IL LAVORO; UN ASSASSINO SERIALE… guarda il video
http://www.youtube.com/watch?v=aIr1Wq0H7HQ
---LA DURA VERITA’ 05…IL MASCHIO… UN GRANDE BLUFF… guarda il video
http://www.youtube.com/watch?v=iUuJTOsYyAs
---LA DURA VERITA’ 04…LE SUPPOSTE IDEOLOGICHE... guarda il video
http://www.youtube.com/watch?v=YUncPdjILFc
---LA DURA VERITA’ 03…LA STUPIDITA' DEL MASCHIO...guarda il video
http://www.youtube.com/watch?v=EvAE5BboUpQ
---LA DURA VERITA’ 02…LE GUERRE? FATELE FRA DI VOI... guarda il video
http://www.youtube.com/watch?v=d9EPisD3AwI
---LA DURA VERITA’01…I FIGLI SONO DELLE DONNE... guarda il video
http://www.youtube.com/watch?v=FTulppNWgT0

movimento femminile Commentatore certificato 05.10.10 19:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

davvero mi dovranno spiegare che c'entra una taglia 36 o una 38 su un metro e ottanta d'altezza con le donne che acquisteranno questi vestiti.Gli stilisti non possono continuare a dire che le ragazze sono così di costituzione perchè è palese che non mangino quasi niente.Sarà forse il risparmio sulle stoffe o sarà, dicono, che un bel vestito su una bella donna distrae, si guarda la donna, le sue curve e non il vestito, non ci si immedesima in un corpo bello, meglio uno orribile, magari rende felici noi che guardiamo.Io certo alle top invidio solo lo stipendio, la loro vita è un inferno.

Alessandra Scaringi 05.10.10 18:23| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
HANNO COMMERCIALIZZATO/MERCIFICATO ANCHE IL CORPO DELLE DONNE QUESTI SONO I RISULTATI,ANCHE LA 27 ENNE DI CECINA SI POTEVA SALVARE,MA IL "WC" DELLA TV,NON HA DATO LIMITE ALLA STUPIDITA' UMANA
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 05.10.10 18:17| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori