Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La disoccupazione esoterica


disoccupato_in_affitto.jpg
Per Banca d''Italia il livello di disoccupazione è più alto di quello che afferma il Governo. Draghi 11%, Tremorti 8,5%. Draghi include anche gli scoraggiati, un calcolo che il blog fa da anni e che ora è approdato anche in via Nazionale. Rimane il fatto che sia Draghi che Tremorti sono ottimisti, esoterici, metafisici, ultraterreni. La disoccupazione è infatti ben più alta e viaggia verso il 20%. Non è necessario calcolarla, la si percepisce, è un fenomeno che tocca ormai ogni famiglia. E, tra poco, si aggiungeranno centinaia di migliaia di cassintegrati in scadenza. Non c'è un euro nelle casse dello Stato e il debito pubblico è arrivato a 1.843 miliardi di euro e punta ai 1.900 quest'anno e ai 2.000 per fine 2011. I risparmi privati sono sempre più associati nella mente di Tremorti al debito pubblico. Sapete già come andrà a finire. O default o povertà e emigrazione o entrambi.

16 Ott 2010, 21:47 | Scrivi | Commenti (64) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

A proposito di disoccupazione, vorrei fare presente il caso mio ma credo anche di molti altri
disoccupati over 50, io ho 56 anni sono alla seconda disoccupazione in tre anni e per tutti sono troppo giovane per la pensione e troppo vecchio per lavorare.
Di questo problema non se ne parla assolutamente mai, sembra che sia un problema da non affrontare perchè non c'è, è vero che i giovani non trovano lavoro, ma noi cosa facciamo con una famiglia e senza un lavoro??
Mi piacerebbe che qualcuno lo affrontasse questo dilemma sociale, ma non con un "ci dispiace" ma con qualche soluzione e affrontandolo alla radice.
La nostra esperienza ormai non fa più comodo a nessuno e le aziende fanno finta di non vederci.
Grazie sulle eventuali risposte.

Riva Paolo, Piana Crixia Commentatore certificato 11.02.11 12:52| 
 |
Rispondi al commento

Caro beppe,
ho 34 anni sono laureato e vivo ancora a casa. Ho una borsa lavoro della durata di quattro mesi a carico della comunità montana.
Per quanto mi riguarda il posto fisso non mi attrae perchè penso sia ripetitivo.
Non invidio la situazione degli altri paesi in Europa.

Gabriele Raimondo 21.10.10 17:02| 
 |
Rispondi al commento

bisogna essere positivi e trovare
alternative
come quel progetto che vogliono aprire un ashram in Ibiza senza l aiuto di fondi statali ma solo
solo con l aiuto di ogni persona.

www.ibizadonationforanashraminibiza.co.uk

lo Stato non ti aiuta piu`, la gente a
fianco ancora si

rossano delvecchio 20.10.10 23:30| 
 |
Rispondi al commento

MA SE TREMONTI PUNTA AL NOSTRO CONTO CORRENTE DOVE SI DEVONO METTERE O MEGLIO NASCONDERE QUESTI 3 SOLDI RISPARMIATI A FATICA ?CHISSA SE QUALCUNO MI RISPONDERA' MAI?

LISA BERNI, ROMA Commentatore certificato 19.10.10 19:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Pure io per la strada vedo sempre macchine su macchine e una sfilza interminabili di motorini. I SUV ci sono eccome. Ininterrotto, dal Lunedì alla Domenica. Se fossero con i soldi contati, ci penserebbero due volte a prendere l'auto o la moto per qualunque viaggio, che può essere benissimo fatto con i mezzi pubblici. Io, per motivi oggettivi, la macchina non me la posso permettere nè un motorino, ho la tessera abbonamento annuale dell'ATAC e uso solo quella.

Marco D. 18.10.10 14:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ecco un esempio classico
di presa per il culo:
Il governo dice: La disoccupazione è al 9%!!
La banca d'italia dice: No è all'11%!!
Hei....! sveglia...!!!
Stanno dicendo la stessa cosa!
Che cazzo cambiano
due punti percentuali in più o in meno!!!
E' solo la solita
politica dell'annuncio,
Vai da uno che ha perso il lavoro e digli;
Dai su, in fondo
la percentuale di disoccupazione
è solo al 9%.
il minimo che ti puoi aspettare
è un gancio al mento.
Giustamente!
A chi servono queste percentuali?
Ma solo ai politici, naturalmente!
Per tenerci buoni o impaurirci,
a seconda delle circostanze.
Non abbiamo nessun bisogno
di queste rilevazioni statistiche,
incontrollabili,
inaffidabili,
ed infine totalmente inutili.
La nostra percezione della realtà
è molto più precisa
di qualsiasi dato ufficiale.
Noi "sappiamo" che un sacco di gente
ha perso il lavoro,
amici, parenti, mogli, mariti, fidanzati, semplici conoscenti.
Che cazzo ce ne frega a noi
se queste persone,
a cui spesso vogliamo bene,
rientrano nel 9% piuttosto che nell'11.
E' solo la solita presa per il culo!
Che andassero a fanculo,
il governo e la banca d'italia.

Luigi D., Ancona Commentatore certificato 17.10.10 23:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

i miei genitori non avevano compreso l'associazione debito pubblico risparmi... le gente "comune" non capisce, o peggio finge di non capire.

Io on tengo soldi in banca.... i miei mi ripetono spesso di pensare ad un conto corrente.... loro non capiscono e pretendono di aver ragione nell'ignoranza.

purtroppo 3morti ormai è ovunque..... io gliele ripeto sovente le verità e adesso a forza di rifiutarsi di ascoltarle, nonostante non solo io gliele ripeta, ma gliele spieghi in termini economici da scuola materna, loro sono scaduti i miei genitori sono entrambi scaduti nella PAZZIA.

DIFATTI FUGGIRE DALLA REALTà CONDUCE ALLA PAZZIA.

ebbene? sono contento per loro. purtroppo questa è una società di malati terminanti.


mio padre oggi ha detto per l'ennesima volta la frase quello s'è fatto i soldi"....

io ho atteso del tempo e poi ho esclamato: quanto sono ignoranti le persone che pronunciano sempre la parola soldi, perchè non hanno altro termine di paragone per valutare la persona umana...

GRILLO NOI SIAMO I MALATI E TI DIRò DI PIù, QUELLI CHE SI SENTONO ESSERE SANI, VIVONO TRA NOI.

Sono dispiaciuto solo di una cosa: questo incubo chiamato "vita" dovrò subirlo fino a quando non creperò... e non intendo dargliela VINTA PRESTO!

Morris Fleed (goblin) Commentatore certificato 17.10.10 19:30| 
 |
Rispondi al commento

Il debito pubblico è di 1830 miliardi di euro e naviga verso i 1900 miliardi?
Già,ma intando nessuno si sogna di mettere in discussione i costi enormi della politica (vedi ad esempio i lauti stipendi dei parlamentari,le loro pensioni dopo due anni e mezzo,i loro privilegi,i cosiddetti rimborsi elettorali,ecc..),i finanziamenti all'editoria per i giornali che ben pochi leggono,il denaro pubblico versato ogni anno al Vaticano,gli stratosferici stipendi dei boiardi di stato e non,con relative astronomiche liquidazioni,le spaventose spese militari e via di questo passo.
La verità è che nel nostro paese viviamo in uno stato di perenne e diffusa immoralità e finchè ciò continuuerà ad imperversare non ci sarà speranza di aggredire l'irrefrenabile debito pubblico.

Beppe C. Commentatore certificato 17.10.10 17:42| 
 |
Rispondi al commento

Tra pochissimo non ci sarà più lavoro neanche in nero e questi ancora sono alle percentuali.
Oggi ci sono i macchinari robotizzati, l’informatica, la delocalizzazione all’estero, l’importazione semplice dovuta all’euro fortissimo, l’immigrazione, l’emigrazione sarà impossibile perché sono tutti nelle stesse condizioni etc..
Io stesso, quando avevo ditta che produceva elementi in vetro brevettati, ho iniziato e portato a termine produzione e pubblicizzazione da solo. L’ho fatto nei tempi previsti e budget previsto. Anzi, ho fatto molto di più di quello che era stato programmato. E con una buona capacità produttiva. Da solo ed in quattro anni ho fatto almeno 12 lavori (però lavorando dalle sedici alle diciotto ore al giorno tutti i giorni).
Semplificando, in pratica su sessanta milioni di italiani (se fossero tutti in età di lavoro) ne basterebbero ed avanzerebbero dieci, incluso il serbatoio di disoccupati per un emergenza del “sistema”.
Su 60 milioni di italiani, 50 milioni sono in più. Bastano 10 milioni di italiani. Considerato anche un serbatoio di disoccupati.
Con le macchine e la globalizzazione anche i ricchi sono diventati inutili. Uno vale l’altro. Quello che importa è il “cuore” che manca
Vieni a vedere: http://www.marcocalvanella.it/approfondimento/perch-non-credo-nella-bontà-della-classe-dominante-e-perch-la-disoccupazione-aumenterà-enormemente.asp

Marco Calvanella 17.10.10 16:55| 
 |
Rispondi al commento

La banca d'Italia considera disoccupati i cassaintegrati....l' ISTAT no

Giorgio De Prosperis 17.10.10 16:28| 
 |
Rispondi al commento

Scusate ma sono l'unico che ha notato che se noi perdiamo il lavoro e dobbiamo emigrare la richiesta di migliaia di immigrati che vengono in Italia(spesso provenienti da quei paesi in cui il lavoro è delocalizzato)pretendono un lavoro diventa una presa in giro? Oppure Padoa Schiopp(i)a aveva ragione definendo gli Italiani Bamboccioni che non si vogliono sporcare le mani?

Nerio Cappelli 17.10.10 16:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dobbiamo smetterla di ragionare in termini di occupazione e disoccupazione. Occorre iniziare a pensare alla QUALITA' dell'occupazione, che non significa solo posto fisso, ma anche lavoro realmente utile, ecosostenibile, necessario, ben remunerato. Perchè se lavoriamo tutti solo per produrre aria fritta ed economia del superfluo, tanto vale che torniamo a coltivare le campagne.

Paolo Marani (marantz), Cesena Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.10.10 16:06| 
 |
Rispondi al commento

Sembra la 'Storia di Luigi delle Bicocche' (Caparezza, vedete su Youtube)... a proposito, qualcuno ha visto Enrico Lucci sulle Iene che intervistava i ricchi, come hanno subito l'impatto della crisi quest'estate? (tipo ordinare al Billionaire bottiglie di Champagne a 900 euro l'una, per dire, e nemmeno bersele). Ecco, chi ha visto quel servizio ha il sacrosanto diritto di dire due paroline al ns. governicchio e ai lestofanti che protegge a spada tratta! Cmq Grillo a mio avviso sbaglia a tirare nel mucchio, visto che ieri l'IdV è stata al solito coerente, mentre al solito il Pd ha fatto il quaraqquaqqua, infatti dovrebbe chiamarsi PQ3. Certe battaglie sono credibili se si portano avanti con affidabilità, ma non se le fai un giorno sì e 10 no.

S.m. 17.10.10 15:52| 
 |
Rispondi al commento

Cassaintegrati, disoccupati, e poi quando cerchi un buco per pronotare in una pizzeria trovi tutto esaurito, oppure ti guardi in giro e vedi sfrecciare SUV, macchine alla moda ecc ecc...

chi me lo spiega questo ?

anna T 17.10.10 15:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tremonti è l'uomo anti globalizzazione cioè non è allineato come Draghi e Marcegaglia ai poteri forti europei ovvero ai cerchi sovrastrutturali.. è solo allineato dell'asse Berlusca-Lega.. In parole povere della gente non ne frega niente a nessuno

Paola F. Commentatore certificato 17.10.10 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Arrestate B.

Carlo Carli - Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.10.10 14:01| 
 |
Rispondi al commento

.... EVASORI DI TASSE GUARDATE REPORT STASE ......

LA BANCA D'ITALIA STA A GUARDARE INVECE DI AGIRE

Jonni Caseri, bottanuco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.10.10 13:13| 
 |
Rispondi al commento

All'origine di tutto (o quasi), c'è l'oligopolio radiotelevisivo.
Inutile e utopistico pensare che il Sistema ponga rimedio o equità a questo.
Ma la soluzione c'è.
E' semplice ma non so se tutti siano in grado di metterla veramente in pratica.
Basta semplicemente staccare l'antenna dal televisore e dalla radio e non connetterla più finchè non cambieranno le cose.

Pier Capponi 17.10.10 12:32| 
 |
Rispondi al commento

Leghisti ecco come avete ridotto l'italia con la collaborazione del nano, e della P2 (1816) e con la vostra e piena approvazione di leggi inique e mafiose perchè voi in verità siete la mafia presente al nord.
http://www.adnkronos.com/IGN/Regioni/Lombardia/Milano-pugile-resta-in-carcere-con-laccusa-di-omicidio-aggravato-da-futili-motivi_800985643.html
http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/10_ottobre_16/maricica-lunedi-autopsia-1703965716648.shtml
http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/10_ottobre_12/tassista-picchiato-caccia-complici-1703935976096.shtml?fr=box_primopiano
http://ilcentro.gelocal.it/chieti/cronaca/2010/10/15/news/pescara-ripreso-perche-fa-la-pipi-per-strada-manda-ragazza-in-ospedale-con-una-testata-2527550

Ed ecco come vi guadagnate i voti con l'inganno.
La lega nord è di fatto un partito MAFIOSO che spesso fa rima con pericoloso, è il suo nome di "battesimo" basta controllare cosa fanno oggi cosa facevano ieri e cosa hanno fatto sin dalla nascita, il tutto si traduce in MAFIA basta conoscere la vita del fondatore i suoi collaboratori non sono da meno (vedi come zaia tappezzando i segnali stradali del nord con la sua bella faccia senza pagare un euro di multa ha voluto una campagna elettorale all'insegna della legalità.
Per gli allocchi babbei nordisti padani ecco come vi guadagnate i voti razza di disgraziati mafiosi allo stato puro del termine, voi non siete meglio delle cosche mafiose del sud, voi siete di fatto molto peggio e siete responsabili di aver distrutto una nazione in 20 anni di governo.
Vi è rimasta una sola speranza, che i babbei padani non aprano gli occhi altrimenti per voi sarà la fine prima della fine.

Questa notizia è segno che non tutto è perduto una giornata di festa che fa ben sperare quando la verità viene messa nero su bianco.
http://torino.repubblica.it/cronaca/2010/10/15/news/bossi_in_piemonte_si_mette_male_nel_riconteggio_la_bresso_avanti-8070399/

Pietro T. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.10.10 12:06| 
 |
Rispondi al commento

siccome l'informazione spara balle politiche e giudiziarie a raffica, e ne abbiamo la prova provata di come agiscono tutti i giorni, sono al massimo livello della scorrettezza, della fandonia e della propagana(non le chiamo favole quelle che propinano perche' rispetto troppo le favole per mischiarle al loro modo di fare), sembra logico supporre (purtroppo) che sparino menzogne a mano bassa anche sul versante economico e questa non e' una cosa bella, l'incasinamento aumenta ogni giorno di piu' che questi signori (e mi riferisco a quelli che attualmente ci stanno governando, dal momento che non accetto la formula del "sono tutti uguali", i distruttori hanno un nome e cognome ben preciso e portano avanti politiche ben precise, a cominciare dalla "finanza creativa" fino alle politiche neocon) sono al governo e li si lascia fare.

francesco pace (francesco pace 51), bologna Commentatore certificato 17.10.10 11:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

::
::
::


Libertà di pensiero!

Dagli autori di aNakedView, il primo PODCAST scaricabile gratis!

Andate su:

http://www.anakedview.com/a_naked_podcast_1_sulla_pubblicita.html


Guardate la realtà, senza fregature.

::
::
::

Naked View Commentatore certificato 17.10.10 11:49| 
 |
Rispondi al commento

Il nostro stato ormai non ci può offrire più niente ci dobbiamo svegliare mandare a quel paese questi partitoni inutili e prendere noi in mano il nostro futuro

salvatore l., caltanissetta Commentatore certificato 17.10.10 10:55| 
 |
Rispondi al commento

Ormai il 3morti & C. raccontanto di tutto, qui nella città dove abito, c'è una marea di operai in cassa integrazione, ivi compreso mio figlo che lavora nel settore dell'automotive...Talvolta mi chiedo come possano dire che la produzione in italia è aumentata...ma è segno che c'è molta occupazione in nero...altrimenti non si spiega..comunque c'è da dire che chi si trova in cassa integrazione, risulta occupato.....ehh furbi.
Io ho la cartina di torna sole, basta che guardi dal terrazzo la Banchina del porto industriale e vedo i container e le navi in movimento..poco o nulla...
Poi dobbiamo notare come i media in particolare la TV, si concentra su determinate notizie in modo "scentifico" da poter distogliere l'attenzione dai problemi sociali..conosciamo tutti la potenza del messaggio "ripetitivo"...
Ovviamente i dati economici parlano in modo diverso, le proteste che si stanno accendendo in francia, grecia,Spagna... sono scarsamente approfondite...l'america poi non viene menzionata...nemmeno di sfioro.
In realtà stanno parlando di un programma di governo che si basa sul nulla, poichè qualsiasi intervento Pubblico in termini d'investimenti in opere Pubbliche, finirebbe per aumentare il debito P. con effetti devastanti sui conti.
La crisi poi ha messo in discussione l'entrate per la previdenza sociale...in pratica la Ragioneria dello stato,sta dicendo che le cose non vanno....
Lo sanno e stanno zitti...non mi meraviglierei se tra qualche mese si paventasse l'ipotesi di andare in pensione a 70 anni....come già pronosticato da Beppe & C. qualche mese fa..ora l'ipotesi si fa più concreta.
Caro beppe, per svegliare questi ultrasessantenni, non occorre non farli votare..basta aspettare che inizino a tagliarli le pensioni...e ci siamo vicini ..vicini...
Non c'è alternativa Sciopero Nazionale ad oltranza insieme agli altri paesi europei.....

roby f., Livorno Commentatore certificato 17.10.10 10:51| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe,il problema e'che i posti di lavoro persi non verranno rimpiazzati ne ora ne mai,quindi avremo pensioni,servizi sociali e sanitari,miseri perche' ci saranno meno entrate fiscali nelle casse dello stato sicure ogni mese, da parte dei lavoratori dipendenti.per quanto riguarda i risparmi,meno ne hai meglio e'oppure li nascondi sotto il pavimento di casa,perche'con questi 'creativi,dell'economia non so come andra'a finire.

cristian rozzoni Commentatore certificato 17.10.10 09:54| 
 |
Rispondi al commento

e se invece questo debito pubblico che da anni ci opprime cominciassimo a pagarlo?
il differenziale con quanto richiesto dall'unione europea , spalmato sulla cittadinanza, fa 2 mila euro a testa.
lo si paghi in maniera progressiva con il reddito: quelli senza nulla non paghino, quelli che hanno poco paghino un poco , i milionari come grillo e tremonti versino milioni, i miliardari alla berlusconi versino il loro buon miliardo.
invece di cancellare scuole, ospedali e di far mancare risorse alle energie pulite.... mettiamo le mani in tasca a chi i soldi li ha.

giuseppe c 17.10.10 09:46| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bellissima la marcia della Fiom ieri, sono contento meglio di niente.

Ma come di solito mi guardo in torno grazie a la tv satellitare.

Nostri cuggini francesi 5 giorni di movilizzazione operaia e studiantesca per i tagli a la spessa nella educazione

E perche Il facho sarkozy vuole aumentare la età pensionistica di due anni , quà hanno aumentato il doppio senza dolori.

Eduardo Dumas ( edu latino), milan Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.10.10 09:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusate ma dove pensate di emigrare??

miryam barbierato 17.10.10 09:27| 
 |
Rispondi al commento

basta vedere i mercati rionali 15 anni fa finito il mercato rimaneva per strada tutto di più finchò veniva la nettezza urbana

adesso prima che arriveno c'è un essercito di pensionati e disoccupati.

governo di ultra destra, merda o cioccolato ma continuano a votarlo, e vendono cioccolato ma è altra cosa.....putroppo

Eduardo Dumas ( edu latino), milan Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.10.10 09:23| 
 |
Rispondi al commento

MA VA LA' , che siamo tutti bravi a parlare nei blog ma poi alla fine non facciamo niente. Bisogna imparare dai francesi che per 2 anni di posticipo pensione hanno bloccato un paese. Sono dispiaciuto per questa situazione , questo paese dopo 15 anni di berlusconi mi fa schifo. mi fa schifo anche fini. tutti mi fanno schifo. quando vedo le interviste alla tv vedo schifosi che si negano alle domande e siamo noi e TUTTI I GIORNALISTI PAGATI che glielo permettiamo.

UNA DOMANDA: ci si puo' aprire un conto estero, tipo in Francia?

matteo t. 17.10.10 09:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La situazione, checchè se ne di dica, è gravissima, e questa manica di incapaci sembra impegnata solamente a salvare le chiappe di quell'immane stronzo e di occupare in qualche ben remunerato incarico mariti, mogli, fidanzati e parentume vario: anche i berluscònidi più fedeli stanno sospettando una brusca ed ingloriosa caduta: persino Bondi chiede "più democrazia interna"..... E' la fine...

harry haller Commentatore certificato 17.10.10 08:49| 
 |
Rispondi al commento

perche' non parli delle folli spese militari per Afganistan,iraq, ecc, ecc, ma da dove escono?Perche' non ne parli?

aldo abbazia 17.10.10 08:48| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, visto che i risparmi degli italiani fanno gola al ns ministro, promuovi l'apertura di c/c di risparmio online presso serie banche estere. Tante buone banche, tipo l'ING, lo fà.

Sono italiano andato anni fà in Olanda a studiare e lavorare. Ora vivo in Francia, ma ho lasciato il c/c in Olanda. Non lo tocco. Avendo una piccola somma di risparmio ho il bank manager personale (si ha con 25000 euro) che chiamo x consigli o piccole informazioni. Gestisco il conto online. Se mi scade il bancomat, invio un email e mi viene spedito gratuitamente in Francia. Mi inviano ogni 2 mesi (gratuitamente) l'estrattto conto. Il c/c mi costa 20euro l'anno.

Col cavolo che porto i miei risparmi in Italia!!!!

Alessandro S. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.10.10 08:34| 
 |
Rispondi al commento

Uno stato diventa ricco in due maniere:
-con il commercio internazionale
-invadendo un altro stato per fregargli le risorse

ci sarebbe poi la terza via: il lavoro.
Già, ma ciò ha bisogno che qualcuno "paghi" il lavoratore, altrimenti chi lavorerebbe?
Da ciò la politica schiavista per "risparmiare" sul lavoro.

L'Italia dovrebbe essere fondata sul lavoro, però da qualche tempo i lavoratori a basso costo (fondamentalmente gli immigrati) sono osteggiati e presi per i fondelli da chi preferisce di avere "schiavi tutti suoi" cioè i lavoratori dipendenti.

Poi ci sono le mafie.
Anche queste "amano" avere "schiavi tutti suoi", cioè controllare col pizzo, con la droga e le armi le economie di intere regioni.
In fondo basta fare accordi con i politici corrotti o con le aziende del nord, salvo poi impadronirsene, grazie al fatto che le aziende rischiano sul mercato, le mafie molto meno perchè prendono il coltello dalla arte del manico nel momento stesso in cui controllano le economie locali possono così accumulare fortune immense con rischi "medi".

E lo stato?
Per le mafie non è un problema: basta fare cartello tra loro e ottenere il controllo politico come è accaduto prima nelle regioni e oggi nell'intero paese.

Il risultato è un allargamento a macchia d'olio delle schiavitù.
Uno lavora e ne ha cento sopra di se a sfruttare il suo frutto, da cui il bene prodotto ha tendenza a ridursi.
Lo stesso accadde nei paesi comunisti!
Non cambia se lo sfruttato è un mugiko o un italiano, se il governo si colora di blu o di rosso!

Oggi la Cina, strapiena di schiavi, ha sia commercio internazionale che potere finanziario mondiale.
Dal nulla, se lo è conquistato, mentre l'occidente si è suicidato comprando dai cinesi e "mollando" la tecnologia per inseguire il dio denaro, vivendo sugli agi consentiti dalla sua storia di invasioni e guerre contro popoli ricchi di risorse ma più deboli!

La finanza pare oggi un videogioco. Finchè non ti portano il conto!

rosario v. Commentatore certificato 17.10.10 08:06| 
 |
Rispondi al commento

Io sono disoccupato da circa 10 mesi, ho fatto si qualche lavoro saltuario ma sinceramente non ho trovato granchè. La cosa più bella che ho fatto è girare con luca merloni un docuementario che documenta la situazione italiana in 9 città ringarzio Beppe grillo di vare messo il nostro documentario. Forse le idee possono salvarci in questa marasma? il problema che noi italiani cerchiamo sempre delle iniziative solitarie e non riusciamo a fare massa critica. Grazie Beppe.Pietro Mereu

pietro m., Lanusei Commentatore certificato 17.10.10 02:19| 
 |
Rispondi al commento

non è vero beppe,che tocca tutte le famiglie.
se fosse vero ci sarebbe la rivoluzione,perchè come
penso tu sai le cose cambiano solo quando vengono
colpiti i signori e le caste.quà invece sono solo i
più deboli a essere colpiti dalla crisi,e i deboli
non contano niente.
ps.sono operaio da 33 anni.

giorgio p., san vittore olona Commentatore certificato 17.10.10 00:56| 
 |
Rispondi al commento

Marx ha svelato che la schiavitù nel mondo moderno è una schiavitù economica, non politica: gli operai, chi lavora nei call-centers, ecc, sono "schiavi del salario", soggetti all'estorsione di "pluslavoro". La nostra non è l'epoca della libertà - come ripete pomposamente la tradizione liberale, da Smith a Popper - ma è semmai una nuova fase della lunga "preistoria" dell'umanità, all'insegna della schiavitù: se ci si spinge sotto l'epidermide della realtà, si scopre che la libertà formale convive con l'asservimento materiale-economico di chi è costretto, proprio perché formalmente libero, a vendersi quotidianamente per potersi mantenere in vita come schiavo del capitale (dagli operai ai lavoratori dei call-centers, ecc.).

http://blognew.aruba.it/blog.filosofico.net/11_Tesi_su_Marx_23837.shtml

Lovigio (na) Commentatore certificato 17.10.10 00:42| 
 |
Rispondi al commento

Ma... a me sembra che tutte queste parole che si fanno nei vari blog hanno l'unica, e devo dire, importante utilità di informare (ci indicano chi si deve prendere a schiaffi), ma al fine di risolvere non danno il risultato sperato, almeno questa è la mia impressione ad oggi.
Come quasi sempre la situazione inizierà a smuoversi quando aimè inizieranno a volare gli "schiaffoni"; D'altronde conoscete altro linguaggio comprensibile agli stronzi? io no!

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.10.10 23:42| 
 |
Rispondi al commento

Forse nel post Beppe hai volutamente o bonariamente non incluso un elemento da non sottovalutare e cioè un forte incremento di casse zincate che come destinatari di sicuro hanno Roma come città

Gennaro Giugliano, Napoli Commentatore certificato 16.10.10 23:41| 
 |
Rispondi al commento

Ma... a me sembra che tutte queste parole che si fanno nei vari blog hanno l'unica, e devo dire, importante utilità di informare, ma al fine di risolvere non danno il risultato sperato, almeno questa è la mia impressione ad oggi.
Come quasi sempre la situazione inizierà a smuoversi quando aimè inizieranno a volare gli "schiaffoni"; D'altronde conoscete altro linguaggio comprensibile agli stronzi? io no! Credo ci siamo quasi... questione di organizzazione...

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.10.10 23:39| 
 |
Rispondi al commento

MINCHIA BEPPE!! QUALCOSA DI POSITIVO ALL'ORIZZONTE SI VEDE O NO?

sergio sottini 16.10.10 23:03| 
 |
Rispondi al commento

ragazzi non vorrei sembrare pessimista, ma allo stato attuale nessuno investe e investirà piu sull'italia.. tutti gli investitori sia italiani che esteri stanno aspettando il default, per venire a fare shopping.. si comprerà a prezzi bassissimi. La cosa interessante, che se continuamo cosi,arriverà molto presto questo momento.

mettiamoci il cuore in pace..

purtroppo da proprietario di una Piccola impresa posso solo dire che:
- Lavoro poco;
- Tasse alle stelle;
- Pagamenti tutti superiori a 120gg, altrimenti non si lavora neanche quel poco. Relativo obbligo di lavorare con gli anticipi fattura e lasciare anche li soldi alle banche..

Diciamo grazie allo stato che permette queste cose, e diciamo grazie alle industrie che fanno quello che gli pare. Tanto loro prendono i nostri soldi, sotto forma di incentivi ed aiuti, e giustamente li investono in altri stati.. chiamali scemi.. e poi ovviamente chiudono gli stabilimenti italiani.

Fantastico. in questo lasciatemelo dire ma questa fra ci sta a pennello:

"preparate le valigie, che andiamo a Berlino!"

e.l 16.10.10 23:00| 
 |
Rispondi al commento

Già, la cassa integrazione. Tempo fà ad anno zero (splendida trasmissione)c'era un parlamentare di maggioranza che diceva che tutto sommato non và così male perchè per fronteggiare la crisi sono intervenuti gli ammortizzatori sociali, cioè la cassa integrazione. Si è dimenticato di dire nella sua enfasi delirante, che la cassa integrazione non è la pensione anticipata, ma un breve aiuto economico a livello di miseria e con scadenza ben precisa, e che una volta terminata si torna nella disperazione più totale. Certo la parola disperazione è ben scolpita nella testa del lavoratore prima cassaintegrato e poi nuovo disoccupato, e non certo nella testa del pingue parlamentare già proteso a fantasticare l'ennesimo viaggio in Polinesia.

g.n. 16.10.10 22:44| 
 |
Rispondi al commento

"Non c'è un Euro nelle casse dello Stato"...

B-A-L-L-E!!!!!

Non c'è un Euro PER FARE QUELLO CHE SERVE, vorrete dire! Però i soldi per mantenere i privilegi di Caste e Cricche varie CI SONO ECCOME!!!!!!!

Pierangelo Tendas, Tempio Pausania (OT) Commentatore certificato 16.10.10 22:23| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 12)
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
INROSIBILMENTE VERSO LA CATASTROFE,PRIMA PERO' FACCIO L'APPRENDIMENTO RAPIDO E POI ME LA DO' A GAMBE,PERCHE' SARA' DEFAULT
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 16.10.10 22:11| 
 |
Rispondi al commento

...o perchè nò: GUERRA CIVILE!!!

Non sarebbe nè da disprezzare, nè da scartare un bello spargimento di sangue e ristabilire un pò di ordine in questo schifoso paese governato da mafiosi, stronzi, eoterici, puttane e buffoni!

Renzo Coscia 16.10.10 21:59| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori