Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Una capanna sul Monte Rosa


capanna-Rosa.jpg
Lino Guzzella, professore alla Swiss Federal Institute of Technology ha spiegato a Cesena il valore dell'energia e ha dimostrato come ha realizzato una capanna autosufficiente per l'energia ed ecosostenibile sul Monte Rosa. Il tutto in pochi mesi. Se è possibile sulle vette è possibile ovunque. Non perdetevi il video.

Lino Guzzella.
L'energia è vita (espandi.jpg espandi | comprimi.jpg comprimi)
Credo che non devo convincere nessuno che abbiamo un problema di energia che il futuro non può essere fossile, che dobbiamo trovare delle nuove soluzioni, la soluzione che vedo e che credo tanti altri vedono come unica è l’intelligenza, dobbiamo sostituire carburante con intelligenza ragazzi!

Una capanna sul Monte Rosa (espandi.jpg espandi | comprimi.jpg comprimi)
Qua vedete, si mette un piccolo pino quando si arriva alla massima quota, un segno che la capanna è quasi finita, ma non del tutto, tanta elettronica, tanta informatica, tanti sensori, è molto importante che capiate che questo è il futuro, dobbiamo diventare più intelligenti e questo ci aiuta con dei sistemi tecnici a esserlo,

23 Ott 2010, 18:54 | Scrivi | Commenti (27) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Nel mondo solo pochi Paesi sono in grado di essere autosufficienti dal
punto
di vista Energetico. Molti
chiedono Energia agli Stati loro confinanti. L'Italia di oggi è in una situazione
di gravissima
non-autosofficienza. Consiglio a tutti di visionare la mappa mondiale
dell'autosufficienza energetica che trovate a questo link (
http://www.ilmioeden.it/e-se-domani-non-avessimo-piu-energia/ )nella quale
si vede chiaramente la situazione di tutti i paesi del mondo.
A presto,
Roberto Stanzani

Roberto Stanzani 10.11.13 19:15| 
 |
Rispondi al commento

Sono appena tornata dallo spettacolo di Beppe a Firenze e vorrei condividere con tutti questa esperienza.

Di recente sono stata a Vienna e ho soggiornato in un albergo che apparentemente non ha niente di diverso da altri se non per un piccolo ma fondamentale particolare:

e' un hotel ad EMISSIONI ZERO!,

grazie allo sfruttamento di pompe di calore, impianti fotovoltaici, pannelli solari e turbine eoliche. E non si tratta di una struttura nuova, bensì ristrutturata.

Fatevi un giro sul sito e se passate da quelle parti, fermatevi a dare un'occhiata

http://www.hotelstadthalle.at/it

Chiara da Firenze

chiara biotti Commentatore certificato 13.11.10 02:16| 
 |
Rispondi al commento

Una capanna sul monte rosa!
AH AH AH AH AHAHAHA....!
Dai, dai continuiamo con queste cazzate,
mentre L'Italia e gli italiani stanno attraversando uno dei periodi più brutti della loro gia poco simpatica storia.
Noi costruiamo le capanne sul monte rosa,
molto utili, per 60 milioni di italiani,
con gli stipendi più bassi d'europa.
Si, si buttiamo giù tutti i condomini e
costruiamo tante piccole villette, per quante sono le famiglie italiane,
"con tanta elettronia, e tanti sensori"
con il giardinetto pure.
Che ci vuole in fondo?
Nel mondo dei sogni tutto è permesso.
minzolini in confronto, è un dilettante.
Quando Beppe si fissa con queste puttanate irrealizabili, non riesco proprio a seguirlo.



Luigi D., Ancona Commentatore certificato 25.10.10 16:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fatemi capire!
Chi potrebbe usufruire di abitazioni del genere?
Solo i ricchi naturalmente!
O forse pensate di abolire i condomini,
e che tutti gli italiani si possano permettere
una villetta mono- bifamiliare,
con giardinetto incorporato?
Ma chi volete prendere per il culo?
Ma in che mondo vivete?
Ma vi rendete conto che sono tutte cazzate?
Una cosa è costruire una capanna, un'altra è dotare tutti gli italiani di case del genere.
Ma occupiamoci di cose serie per favore!
Quando Beppe parla di queste puttanate, non riesco proprio a seguirlo.
Una capanna sul monte rosa!
Ma per favore!

Luigi D., Ancona Commentatore certificato 25.10.10 16:23| 
 |
Rispondi al commento

Ti stai sbagliando Beppe!!!

Perche per i nostri governanti il nostro futuro e'

Gogol! (noto scrittore russo)

Massimiliano P., Bologna Commentatore certificato 24.10.10 19:26| 
 |
Rispondi al commento

e' molto bello ma non dimenticiamoci che il mondo e ' nelle mani dei petrolieri doit

giacomo r. Commentatore certificato 24.10.10 18:19| 
 |
Rispondi al commento

QUANTI ALBERI ABBATTUTI PER FARE LA CAPANA?

scobt doo Commentatore certificato 24.10.10 16:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il problema di questo (giusto) approccio al problema dell'energia è che non è minimamente compatibile con il concetto di città intesa come luogo dove ammassare quante più persone possibili nel minimo spazio.
Questo modo di procedere è oramai dimostrato dai fatti che non porta alcun significativo vantaggio economico agli abitanti della città.
Semmai il vantaggio è tutto per gli speculatori che preferiscono che le città siano organizzate in questo modo.
Ma se nella maggior parte dei luoghi terrestri è, teoricamente, possibile invertire la tendenza, qui in Italia siamo oramai costretti a "vivere" in questo modo.

Vincenzo Femia 24.10.10 11:53| 
 |
Rispondi al commento

Il problema piu' grosso nei rifugi d'alta quota non e' tanto la produzionedi energia (il sole c'e' dappertutto e basta costruire vicino a corsi d'acqua per averne tramite dinamo e simili) quanto di conservarne nei momenti di fabbisogno (nuvolo, notte o secca del torrente).
Un progetto partito da poco in un rifugio CAI "ai caduti dell'adamello" punta a sfruttare appunto l’energia del fotovoltaico, quindi l’energia del sole, per produrre idrogeno che viene immagazzinato, allo stato gassoso e poi opportunamente “restituito” al rifugio a seconda dei suoi bisogni energetici.

Perche' l'idrogeno?
“Quando produciamo corrente elettrica con i pannelli fotovoltaici essa viene accumulata in batterie al piombo, presenti anche in questo rifugio. Sono pesantissime – oltre 40 quintali – e immagazzinano circa 130 chilowattora. Bisogna portarle su, e poi una volta terminato il loro utilizzo smaltirle. L’idea del progetto invece è: con il surplus di energia dell’impianto produco idrogeno, che è facile da immagazzinare e la cui produzione non è inquinante. Il tutto avviene utilizzando, oltre all’energia solare, l’acqua: con un elettrolizzatore collegato all’impianto fotovoltaico si separa l’idrogeno dall’ossigeno; quindi l’idrogeno viene immagazzinato in bombole; per utilizzarlo usiamo la cella a combustibile, una tecnologia sviluppata al tempo delle missioni Apollo per l’esplorazione dello spazio. L’acqua che utilizziamo, alla fine del ciclo, viene restituita, calda. Con questo sistema, nell’arco di soli sei mesi, possiamo produrre e immagazzinare fino a 2.000 chilowattora di energia; usando il gasolio, dovrei bruciarne 1.000 litri, senza contare quanto inquinerei. Il rifugio, peraltro, consuma dai 40 ai 60 chilowattora al giorno“.

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 24.10.10 09:45| 
 |
Rispondi al commento

** COMMENTO DI SERVIZIO **

E' ARRIVATO PROPRIO IL MOMENTO DI MIXARE IL VOLUME DELLA SIGLA CON IL FILMATO INTERNO!!!!

SONO 2 ANNI CHE LO SCRIVIAMO TUTTI

Marco Denun 24.10.10 09:40| 
 |
Rispondi al commento

L’esempio più significativo, però, è a mio avviso quello offerto da Caterina Boschetti nella sua relazione, in rappresentanza della delegazione italiana, tenuta durante l’incontro annuale della FECRIS a Londra nell’Aprile 2010.
“…L’Italia ha da poco affrontato, a livello mediatico, anche due grandi episodi che hanno portato l’opinione pubblica a occuparsi di sette. Mi riferisco all’arresto a Bari del leader del gruppo Arkeon, Vito Carlo Moccia, che nel nostro paese aveva migliaia di adepti, si ipotizza ben 10 mila persone: nel 2006 per la prima volta la televisione italiana ne diede notizia, a seguito delle testimonianze di fuoriusciti, ma solo recentemente si è provveduto all’arresto. I reati commessi sono tristemente noti: associazione a delinquere, truffa, esercizio abusivo della professione medica, violenza privata, maltrattamenti e abusi su minori. Il tutto per soldi, tanti soldi, potere e manipolazione della mente per perseguire scopi criminali.
Lorita Tinelli, presidente del Cesap Italia, ha combattuto con questo gruppo una battaglia legale estenuante ma ne è uscita, fortunatamente, vincitrice…”.
http://griess.st1.at/gsk/fecris/london/Boschetti%20IT.htm
http://griess.st1.at/gsk/fecris/

Caterina Boschetti, che si è presentata anche in quella circostanza come giornalista e scrittrice, è stata nel 2007 l’autrice del “Libro nero delle sette in Italia”, è associata FAVIS ed è stata sentita, se non erro, anche in Commissione in Parlamento. Quindi non è certo una sprovveduta.
Ha conosciuto bene questo settore e certo non le sono sfuggite le lotte anche tra le associazioni anti-sette e le sue ricadute.
Ora una giornalista che, in un incontro a livello internazionale, fornisce informazioni del tutto false e tendenziose come - l’arresto di Vito Moccia - e - Lorita Tinelli, presidente del Cesap Italia, ha combattuto con questo gruppo una battaglia legale estenuante ma ne è uscita, fortunatamente, vincitrice – fa pensare più al comportamento di un’adepta assai esaltata,

Serenella Balestrazzi 23.10.10 22:24| 
 |
Rispondi al commento

Questa persona ha tentato il suicidio proprio dopo aver ricevuto l’avviso di Garanzia dalla Procura di Bari. Dopo che il suo nome era stato scritto su tutti i giornali affiancato a infamanti e false accuse.
Questa è la vera questione. Che chiaramente viene attentamente taciuta.

A proposito di dis-informazione, credo sia utile citare anche un articolo del gennaio 2010 di Maria Pia Gardini:
“…Nella setta denominata ARKEON attualmente sotto processo a Bari, e che contava migliaia di adepti, tra i vari capi di accusa troviamo anche il” maltrattamento dei minori”bambini che hanno probabilmente assistito a riti anche sessuali che di certo hanno segnato la loro infanzia in modo indelebile…”.
http://www.ilcolleinforma.com/2010/01/i-bambini-nelle-sette/

Ora a questa aberrante e strumentale accusa di violenze su minori, ho già risposto anche in un altro mio post:
“E’ informato correttamente, il Professor Francesco Bruno, su quale cavillo vertano i due fatti contestati come reato di violenza su minore, nel caso arkeon? E cioè che due ragazzi adolescenti avrebbero assistito uno, ad una lite tra i due genitori separati, l’altro, ad un racconto da parte della propria madre durante un seminario?”.
http://pietrobono.blogspot.com/2010/05/arkeon-unattivita-finalizzata-alla.html

Fa però riflettere come queste persone diano, con una disinvoltura agghiacciante, versioni di cose che proprio non conoscono. Mettendo a repentaglio tante famiglie.
http://pietrobono.blogspot.com/2010/03/vicenda-arkeon-parole-come-proiettili.html

L’esempio più significativo, però, è a mio avviso quello offerto da Caterina Boschetti nella sua relazione, in rappresentanza della delegazione italiana, tenuta durante l’incontro annuale della FECRIS a Londra nell’Aprile 2010.

Serenella Balestrazzi 23.10.10 22:23| 
 |
Rispondi al commento

significato: sembrerebbe più un odioso e barbaro ricatto.
Ma anche di questo, vorrei parlare più avanti.

Ciò che invece oggi vorrei fare è provare a osservare ciò che è accaduto in questi ultimi mesi, riguardo alla vicenda arkeon e dintorni.

Provo a partire dalla fine, cioè da questi ultimi giorni.
Il 13 ottobre infatti doveva svolgersi l’udienza del processo di Bari. Udienza che è stata rinviata dal Tribunale al Febbraio 2011.
Personalmente sono più che rammaricato per questi rinvii che rendono ancora più penosa questa estenuante attesa. Credo che tante e tante famiglie non vedano l’ora di poter finalmente avere voce in questa vicenda, e di dire anche la loro di verità. E non solo i soliti tre o quattro che vediamo nei siti e nelle trasmissioni.
E trovo particolarmente squallido il tentativo scomposto di Francesco De Martino in un suo articolo, di far passare le centinaia di famiglie che da anni stanno aspettando silenziosamente per poter testimoniare in aula la verità, come strumento per farla franca:
“…Ciò anche in considerazione del lungo elenco presentato dalla difesa degli imputati, probabilmente allo scopo di allungare a dismisura i tempi processuali, sperando, appunto, nella prescrizione per evitare ulteriori accertamenti dibattimentali o condanne…”.
http://www.quotidianodibari.it/cronaca/1596-slitta-ancora-il-processo-alla-psicosetta-.html

E anche in questo caso non si può non osservare che anche De Martino più che come un giornalista, pare proprio comportarsi come un bravo e solerte “adepto”.
E sono due.
E che dire poi del tentativo, patetico, di De Martino di commuovere i suoi lettori con “…una testimonianza di chi ha provato il metodo ‘Arkeon’…”?
I suoi lettori, se conoscessero l’intera verità non credo che si commuoverebbero tanto. Sarebbero forse invece inorriditi da come la realtà può essere stravolta e strumentalizzata.
http://pietrobono.blogspot.com/2009/05/arkeon-e-la-verita-16-5-2009.html

Serenella Balestrazzi 23.10.10 22:21| 
 |
Rispondi al commento

Il metodo arkeon e altri metodi 22-10-2010


venerdì 22 ottobre 2010

Oggi vorrei provare a ragionare un po’ sui “metodi”.

Un fatto, a mio avviso assai importante per chi segue questa vicenda, è stato a mio avviso quello che ha segnato l’udienza del 23 giugno 2010 del processo contro gli 11 indagati di arkeon dove “…Gli avvocati hanno richiesto in quali seminari si sono svolti gli abusi, datosi che nell’ordinanza del PM non sono state indicate date precise. Il PM ha controbattuto a tali eccezioni affermando che egli contesta l’intero metodo Arkeon che era, sempre secondo il PM, pedissequamente applicato da diversi maestri in tutti i seminari…”.
http://www.mondoraro.org/2010/06/24/arkeon-proseguono-i-guai-per-moccia-ed-i-%E2%80%9Csoci%E2%80%9D-della-psico-setta/

Quindi il processo, sostiene in buona sostanza il PM Francesco Bretone di Bari, è al “metodo arkeon”.
E su questo nei prossimi giorni avrò certo qualcosa da dire.
Ciò che quì desidero solamente aggiungere per chiarire bene è che la notizia data da Gianni Leone, che sembra comportarsi più da adepto che da giornalista, della richiesta di rinvio a giudizio dei 46, è, per il momento, totalmente falsa e infondata.

Intanto poi che si parla del Dott. Bretone di Bari, credo che sia doveroso da parte mia chiarire il motivo del mio digiuno e del mio “silenzio” di questi ultimi mesi.
Ho digiunato da metà aprile a metà maggio 2010.
Questa mia scelta di riflessione e di protesta silenziosa è strettamente legato alla proposta che il PM Francesco Bretone avrebbe fatto a un avvocato dei 46 indagati per “calunnia”.
http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/bari/notizie/cronaca/2010/26-marzo-2010/diffamarono-testimoni-47-indagatisotto-accusa-adepti-arkeon--1602722905630.shtml

Quando sono venuto a conoscenza di questa proposta, sono stato molto, molto male.
Perché questo genere di proposte si fanno di solito ai mafiosi.
Fatte a famiglie per bene, questo genere di proposte, prendonoa mio avviso, tutt’altro significato:

Serenella Balestrazzi 23.10.10 22:20| 
 |
Rispondi al commento

esposito g.
iscritto al blog dal 17/03/07
Caro Beppe spero (inutilmente) che tu possa leggere questo mio post.
Ti seguo da anni a ti ho sempre apprezzato per le tue campagne ecologiche, ho visto tutti i video e seguito tutti i tuoi interventi sul tema e mi aspettavo e lo spero ancora che il nostro possa diventare un movimento verde.
Come è possibile che anche tu non ti renda conto che l'ecologia la green economy, sia NELLA SOSTANZA, l'unica vera soluzione ai problemi del nostro paese, come è possibile non capire che potremo essere la grande centrale solare d'Europa, come è possibile rinunciare a essere i più grandi produttori di idrogeno con l'acqua si perde a mare e il sole gratis. Idrogeno che potremo un giorno vendere ai paesi arabi quando gli finirà il petrolio, come è possibile che nessuno pensi ad un uso combinato di forze presenti in natura (forza di gravità, dall'alto verso il basso e il principio di Archimede, dal basso verso l'alto) per generare un modo perpetuo quindi energia. Caro Beppe capisco che alla nostra età uno debba anche ridimensionare i suoi propositi... ma Beppe continua a farci sognare UN MONDO MIGLIORE e tu continua a pensare in grande.
Solo i Grandi sono rimasti nella storia.
Chi vuoi che tra 100 anni si ricordi di Beppe Grillo e dei suoi blog dei casalesi di cosentino ecc.

esposito g. Commentatore certificato 23.10.10 21:00| 
 |
Rispondi al commento

beppe una domanda.... ok il solare e' ottimo... ma come potrei fare io che sono emigrato in un posto dove e' buio per sei mesi di seguito all'anno ?


CIAO BEPPE
L'UNICA COSA SENSATA,OLTRE CHE USARE LATESTA E' ADOPERARE LE ENERGIE IL MEGLIO POSSIBILE IN FUTURO,PERCHE' SARA' L'UNICA RISORSA
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 23.10.10 19:21| 
 |
Rispondi al commento

Ciao ragazzi. Sto studiando all'EPFL di Losanna,qualche tempo fa Andrea Desplazes ha tenuto una conferenza su questo progetto fantastico frutto del lavoro di un'equipe formata da professori,ingegneri ma soprattutto studenti!si perché la creatura è stata partorita all'interno dell'università,dove la tecnologia avanzatissima è legata al meglio delle menti più fresche,cioè gli studenti.Un altro esempio di questo tipo di collaborazione ha partorito il padiglione ALICE, un osservatorio in alta quota,in legno, progettato,costruito e collaudato da studenti,smontabile,in legno.Fantastico!un po di fondi(ma neanche tanti)anche da privati certo,ma queste collaborazioni sono già realtà!anche in italia ci sono,troppo poche e con troppo pochi fondi,spero mal spesi dai professori che "fanno ricerca",si un bel c***o!se li tengono!raramente coinvolgono a pieno i loro studenti,per paura che gli venga rubata la visibilità.
In Italia con i fondi che ci sono si potrebbero fare tanti laboratori sul monte rosa, invece si preferisce spenderli per l'auto con l'autista di un rettore. Un vernissage per il libro spesso inutile di uno studio già vecchio!Ma i nuovi ci sono in ogni università!Quando gli assistenti verranno pagati per quello che fanno(non gratis per dieci anni nella speranza di fottere il posto al prof di turno),quando i fondi per le ricerche verranno spesi seriamente,bene, allora la piu grande riforma sarà gia stata fatta,e senza un euro in piu si viaggerà a pieno regime, non in prima come adesso,il motore c'è,è buono,ma non basta se il pilota se la fa addosso per paura di superare un autoarticolato(barone)!!ciao e scusate per lo sfogo tirato a caso!
nico

Nicola A. 23.10.10 19:17| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori