Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Balas de goma a Barcelona


Nicola_Tanno.jpg

"Caro Beppe,
4 mesi fa sono stato sparato dalla polizia catalana con un proiettile di gomma e ho perso la vista all'occhio destro. Inoltre ho avuto un ematoma celebrale (per fortuna senza ulteriori conseguenze), fratture multiple e ho una placca di titanio al posto di un osso. Vivo a Barcelona e l'11 luglio scorso sono andato a vedere la festa dei tifosi spagnoli per la vittoria del Mondiale di calcio e riprendere qualche immagine per il mio blog. Tutto stava andando benissimo, la gente era felice, persone di tutte le età festeggiavano pacificamente. Dopo un'ora, in Plaça Espanya, i Mossos d'Esquadra hanno sgomberato la piazza senza alcuna ragione e centinaia di persone si sono trovate a correre all'impazzata. Mi sono allontanato dalla piazza a 300 metri da essa. Per mezz'ora sono rimasto sotto un portico e tutto sembrava tornato alla tranquillità. Mi sono avvicinato ad un bar pieno di persone, con tavolini esterni e gente che consumava tranquilla cose da bere. Non ci sono mai arrivato a quel bar: un Mosso mi ha sparato senza alcuna ragione e per tre settimane sono stato ricoverato all'Hospital Clinic di Barcelona. La mia famiglia ha sofferto tantissimo per quello che è successo e la cosa peggiore è la difficoltà nel fare giustizia. Ho conosciuto altri 3 ragazzi che hanno perso un occhio per la stessa ragione e in tutti i casi non si è trovato il responsabile. Nel mio caso, invece, ci sono due giudici che litigano per NON occuparsi del mio caso. La stampa spagnola ha dato risalto al mio caso (scrivi "nicola tanno" su Google) mentre NESSUN quotidiano italiano ha parlato della mia storia. Ho mandato comunicati a tutti i quotidiani più volte e NESSUNO mi ha risposto. Rainews prima mi ha contattato e poi si è dimenticato di me. Ora qui a Barcelona ci stiamo organizzando per fare qualcosa, per lanciare un'associazione contro le "balas de goma", un'arma pericolosissima che qualcuno ha proposto di usare in Italia. In Spagna in 20 anni 23 persone hanno perso un occhio. Ti prego, aiutami a far conoscere questa storia: non è solo una vicenda personale me è una storia di violenza, repressione, abuso e mancata giustizia. Il mio occhio nessuno me lo ridarà e ai miei genitori nessuno ridarà la tranquillità perduta ma forse non tutto è perso se la gente aprirà gli occhi sul problema della violenza della polizia. Un saluto." Nicola
Il blog di Nicola Tanno

21 Nov 2010, 20:02 | Scrivi | Commenti (59) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Sicuramente dispiace per quello che è successo a Nicola, ma non vedo perchè le televisioni o i giornali italiani devono occuparsi di un problema nato a Barcellona, in Spagna. La cosa che è peggio è che il tanto acclamato modello spagnolo è peggio di quello italiano! E di questo non si parla...

Gianluca Pagano 30.03.11 10:14| 
 |
Rispondi al commento

Nicola, mi spiace tantissimo per il tuo occhio, forza e coraggio.
Per un fatto così meriterebbe farne fuori qualcuno a caso in mezzo alla strada.

real time 26.11.10 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti,

Le pallottole di gomma qui in Italia non si usano. Infatti per ammazzare Gabbo DJ Spaccarotella ha usato il 9mm Parabellum. Idem per Giuliani e tanti altri. I pastori sardi gli occhi li perdono con i fumogeni sparati ad altezza d'uomo.
Magari, alle volte, ci fosse l'uso delle pallottole di gomma. E' assurdo che Placanica non avesse qualche tipo di arma non letale, invece gli hanno dato solo pallottole vere.

Ma le armi non letali sono anch'esse pericolose.

A parte che non ho capito come Nicola si è rotto anche le ossa, ha forse subito anche una carica, un pestaggio? Di sicuro non è stata una pallottola di gomma.

Detto questo, chiaramente, se è difficile da noi capire quale poliziotto ha fatto cosa con i manganelli, con i proiettili è virtualmente impossibile, specie quelli di gomma.

E non c'é solo questo: un'altra arma stronza sono le bombolette spray, come quelle al peperoncino. Chi dice che non possano essere usate offensivamente, piuttosto che difensivamente? Potrebbero accecare qualcuno se si esagera. Una bomboletta di profumo è un'arma deterrente allo stesso modo o quasi, se la spruzzi in faccia a qualcuno. Anzi, con un accendino diventa anche un lanciafiamme.

E poi ci sono i TASER, quel cazzo di pistole pungoli elettrici. Sulla carta è una buona idea, ma in Canada, nel pacifico Canada, diverse persone sono morte per il loro uso. E chissà in Cina!

Detto tutto questo, la pula dovrebbe essere meglio controllata, e sopratutto non agli ordini di politici criminali e incapaci.

Qualche giorno fa c'era un post sulla polizia che ha quasi 300 messaggi. Il punto è agli sbirri dovrebbero far capire che le maniere cattive si usano con i cattivi, mi pare che ci piglino anche gusto a fare quel che fanno. E' così in tutto il mondo: Nicola parla di 23 occhi, ma fino a 35 anni fa la Spagna era quella di Franco, che ammazzò 180.000 oppositori!!, per lo più per mano della pula. Per non parlare del Bloody Sunday. La ns civiltà è fragile.

S.m. 23.11.10 18:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qui non si tratta di abolire tutte le armi del mondo (anche se come principio lo condivido)ma di capire quali armi sono letali. I proiettili di gomma da portare in piazza per sefare gli animi sono letali. Non a casa in Italia non si usano e non a caso la Lega ha proposto di usarle contro i tifosi violenti.
Alla base di tutto c'è un principio: la polzia non deve reprimere neinte ma deve garantire la sicurezza dei cittadini. Cosa vuolm dire? Che la polzia deve sempre fare meno danno di coloro che stanno commettendo un ipotetico reato. Uno dice: e ma quello bruciava un cassonetto. Ma mettiamo che siano 2000 cassonetti, valgono più di un occhio o di una mandibola? Questo è il ragionamento da fare altrimenti si cade nell'idea che alla polziia tutto può essere concesso nel nome della sicurezza e invece deve essere proprio il contrario!! Regole regole regole!! E limiti! Anche perchè quando si dà un'arma pericolosa a qualcuno in un momento di tensione ci sono buone possibilità di utilizzarla. Ripeto: in Spagna in 20 anni 23 occhi. Dobbiamo aspettare il morto?


Secondo me un motivo alla carica della polizia ci sarà stato.
Però l'uso di armi in una manifestazione di festeggiamento è proprio eccessiva.


Purtroppo non dobbiamo confondere strumenti necessari con imbecilli fuori controllo. Aboliamo le armi da tutto il mondo e saremo più felici? Non ci credo. Come sono vicino alla sofferenza di Nicola.
Nunzia

Annunci Lavoro 23.11.10 10:00| 
 |
Rispondi al commento

Ridicoli sono coloro che si concentrano sull'inutilità della presenza o meno di una benda.....ma come vi permettete...non capite proprio nulla del contenuto della storia raccontata da Nicola? Se volete fare i saccenti studiate almeno l'italiano...perchè non ci CHIEDIAMO PERCHè I GIORNALI NON PARLANO DI QUANTO ACCADUTO A NICOLA MENTRE PREFERISCONO PARLARE DELLA "BIRRA E CALIPPO" O DEI TESTICOLI PIU' GROSSI PER UN INSETTO (Repubblica.it)? Chiediamoci dove sono, per esempio, i giornali che si sono eretti a paladini della libertà d'informazione come Repubblica, Manifesto e Liberazione? Troppo occupati a far la guerra di mozioni?

simone cp 23.11.10 00:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://ilsole24h.blogspot.com/2010/10/la-forza-di-polizia-di-stoccarda.html

(...recluta e protegge i nazisti?)

morning star 22.11.10 22:38| 
 |
Rispondi al commento

La storia di Nicola è vera e purtroppo tragica. Ma bisogna sottolineare che è successo in Spagna e non in Itala dove i proiettili di gomma non sono utilizzati. Il poco risalto della stampa italiana purtroppo è dovuto al fatto che tutto è successo in Spagna. E' questo Stato ora che deve riconoscere il proprio errore e punire i colpevoli ma ne dubito. L'Italia ha punito chi ha sbagliato al G8, chi ha sparato a Sandri, sta punendo per il caso Cucchi e Aldrovandi, farò lo stesso la Spagna?? Mi dispiace ma non ci credo. W l'Italia, Forza Nicola.

Michele 22.11.10 20:33| 
 |
Rispondi al commento

Sono una "sopravvissuta" del G8 di Genova 2001, a te tutta la mia solidarietà e un forte abbraccio. Non si capisce perché, una volta messa la divisa, il libero arbitrio di una persona scompare... io le botte le ho prese per aver chiesto a un poliziotto di aiutare un ragazzino che avevo visto accasciato sul marciapiede con la faccia sanguinante..... che scema....Oggi non lo sono più.

Simona D'Auria 22.11.10 15:09| 
 |
Rispondi al commento

invece io una volta io sono stato inculato
(si puo' dire, no?)
pero' la seconda almeno non mi inculano piu'...

fra casso 22.11.10 14:19| 
 |
Rispondi al commento

"sono stato sparato" si puó dire. La tua attenzione per le cose importanti è meravigliosa.

nicola tanno 22.11.10 12:48| 
 |
Rispondi al commento

ma si dice "sono stato sparato" ? o e' dialetto?

pistola reale, sioux city, iowa Commentatore certificato 22.11.10 11:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Articolo completo
http://www.peacelink.it/disarmo/a/2249.html

"Il punto chiave è il controllo politico di questa tecnologia, che sta
non solo diventando più potente (proliferazione verticale), ma si sta
anche diffondendo rapidamente tra le forze di sicurezza di parecchi
paesi (proliferazione orizzontale). Se i legislatori vogliono evitare
che queste tecnologie vengano utilizzate per violare i diritti umani,
dovranno adottare codici di condotta e idonei meccanismi di
applicazione. Forse un giorno avremo una legislazione seria con pene
detentive per i venditori di tecnologie della repressione. Nel
frattempo, non ci dovrebbero essere illusioni circa gli obiettivi di
queste tecnologie del controllo politico: siamo noi."

Paola Natale 22.11.10 11:23| 
 |
Rispondi al commento

Non so come potete dubbitare della veracità dei fatti successi a Nicola.
Ecco la notizia data da TV3, la televisione catalana:

http://www.youtube.com/watch?v=tozCLLXRHCI

¡Ánimo Nicola y suerte! ¡Un abrazo!

Laura Garcia Lorés, Barcellona Commentatore certificato 22.11.10 11:01| 
 |
Rispondi al commento


Non so come potete dubbitare della veracità dei fatti successi a Nicola.
Ecco la notizia data da TV·, la televisione catalana.

http://www.youtube.com/watch?v=tozCLLXRHCI

Laura Garciala 22.11.10 10:55| 
 |
Rispondi al commento

Nicola mi spiace tantissimo per quello che ti è successo, grazie a te siamo venuti a conoscienza di un'altro abuso sul popolo,
non è una consolazione ma anche qui in Italia ci sono tante cattiverie contro chi protesta per i propri diritti, spero che questa tua denuncia
faccia aprire gli occhi, queste cose non devono più succedere!
ciao Audrey

Audrey Zappa, milano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.11.10 09:23| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Nicola.... CB è con te!!!

Nino Carpenito 22.11.10 09:10| 
 |
Rispondi al commento

nicola tanna tutta la mia solidarita purtroppo ci tanti imbecilli

gennaro buda 22.11.10 04:06| 
 |
Rispondi al commento

Ma siete proprio degli imbecilli! Ma come vi viene in mente solo di pensare che quest'uomo sia un impostore? La benda applicata con photoshop!!! Ma non vi vergognate? Comunque Nicola hai tutta la mia solidarietà e il mio affetto, e non badare a questi complottisti da accatto. Spero tu venga quantomeno risarcito, dato che non credo possibile che l'identità del celerino venga alla luce.
Con affetto.

dario p. 22.11.10 03:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A chi pare strano che in Spagna si picchi senza motivo, confermo che anch'io anni fa sono stato vittima di un pestaggio, a Madrid, da parte di questi squadroni che non hanno nulla di umano. E poi si critica l'Italia...

diego agostini 22.11.10 01:05| 
 |
Rispondi al commento

Ringrazio di cuore Beppe Grillo e il suo staff. Grazie anche a color che mi hanno inviato un messaggio di solidarietà.
Se qualcun altro vuole una foto del mio occhio devastato così da essere sicuro...La benda non aveva alcun senso, non sempre c'è "qualcosa dietro"

nicola tanno 22.11.10 01:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

i nuovi clan del 90 sotto il nome d'azienda
i soldi sporchi riciclati dalle banche di Berna
la politica assassina che soffoca i cittadini
e ruba dallo stipendio per finanziare i partiti
i loro vizi esauditi col sangue degli operai
e i soldi delle pensioni che non bastano mai
20.000 euro al mese per ogni parlamentare
e 8000 euro all'anno per la fascia popolare
l'onorevole a puttane, l'ha detto il telegiornale
bamba pura di Colombia per l'alto parlamentare
tra i banchi di tribunale c'è chi ha rubato per fame
una vita di lavoro e 5 bocche da sfamare
ma la legge della Bella Italia valuta il prefisso
che davanti al nome è presidente o ministro
e non conta il reato, il verdetto è fisso,
non va dentro Barabba, sconta il povero Cristo

gianni teggia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.11.10 00:16| 
 |
Rispondi al commento

copia e incolla:


http://www.youtube.com/watch?v=OTbU5jc8CPg&feature=related

gianni teggia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.11.10 23:39| 
 |
Rispondi al commento

non paga mai la polizia e il ministro
paga solo il povero cristo...

gianni teggia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.11.10 23:37| 
 |
Rispondi al commento

ascoltate questa canzone e poi capite qualcosa sulla polizia italiana....

copia e incolla nella barra indirizzi:

http://www.youtube.com/watch?v=_ELf3LVjlv4

gianni teggia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.11.10 23:21| 
 |
Rispondi al commento

è proprio vero che "le divise" pensano di essere

AL DI SOPRA DELLA LEGGE invece che dare l'esempio.

Non capisco xkè nè in italia nè nel resto d'europa

essi non abbiano il numero di RICONOSCIMENTO come

negli USA: Sarebbe un PRIMO PASSO necessario

giorgio m. Commentatore certificato 21.11.10 22:28| 
 |
Rispondi al commento

gente da evitare a tutti i costi!

Paolo Bianchini 21.11.10 22:24| 
 |
Rispondi al commento

senza motivo mi pare strano!

forse il motivo c'era ma è stato tenuto segreto e forse c'è stato qualche scambio/errore di persona.....

però se errore c'è stato senza malafede credo che il minimo che lo stato spagnolo possa fare sia quello che si fa quando non si può riparare il danno cioè un risarcimento molto sostanzioso ....che poi alla finfine per uno stato grande come la spagna si tratterebbe di meno di un centesimo per ogni cittadino spagnolo.

E comunque dovrebbe intervenire l'unione europea e fare una bella multa alla spagna che questa UE ha solo dato fastidi e non benefici perciò sarebbe anche ora che facesse vedere qualcosa di buono!

bruno bassi 21.11.10 22:22| 
 |
Rispondi al commento

non si smentiscono mai

white b. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.11.10 22:12| 
 |
Rispondi al commento

in effetti la benda nera ha destato qualche perplessità anche a me, tuttavia la polizia resta quella che manganella i cittadini quando protestano contro i funzionari che dovrebbero essere a servizio ed invece abusano dei poteri...

quindi la polizia si è posta fuori dallo stato.

Morris Fleed (goblin) Commentatore certificato 21.11.10 22:07| 
 |
Rispondi al commento

Non si smentiscono mai, mi spiace molto...

Giorgio Cigolotti Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.11.10 21:58| 
 |
Rispondi al commento

Ciao,
attenzione attenzione, io sono mezzo di genova e mezzo di barcellona (papà e mamma) e vivo in entrambi i posti...crisi o non crisi la spagna, anche per essere l'ultima democrazia arrivata nella prima europa, è particolarmente interessante per lo stato d'animo, la serietà, el cachondeo tipico di una cultura che rispetta le sue differenze.

so bene che le forze del ordine, i mossos sono dei playmobil, hanno ordini leggermente piu violenti ultimamente dai politici...ma,

mai come in Italia però...

quindi Nicola, perfetta la tua denuncia in merito alle pallottole di gomma, ma fai capire che il DUENDE che c'e' nella penisola iberica è 1000 volte piu' interessante dell'italia, paese culturalmente in degrado antropologico.

mi spiace davvero tanto, cerca giustizia,
la mia grande amica ha uno studio di avvocati della madonna, se vuoi vi metto in contatto.

incontriamoci? ciao nicolas

nicolas stoppa 21.11.10 21:46| 
 |
Rispondi al commento

Scusate, sono convinto che la storia sia vera, ma ho un dubbio sulla foto.

La benda nera da pirata pare aggiunta via photoshop, mentre il bendaggio bianco sottostante pare autentico.
In ogni caso la foto è sgranata e a bassa risoluzione...

Cos'è, la benda nera è più teatrale e fa più audience?

Putiferio 21.11.10 21:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Nico.
Benvenuto nel mondo degli orbi.
Si dice che se sei orbo sei un RE.
Se sei orbo ci vedi meglio.
Ho 42 anni e ne avevo 4 quando un fucile in mano a dei tredicenni mi sparava così per gioco.
Dopo l' accanimento terapeutico, di famiglia stato, eccetera eccetera.
Pensavo di avere diritto a 4 soldi, invece mi dissero che per un punto azzo!!!
Insomma vedere che chi prende danaro dell' imps con gambe rotte e giocano il calcio, e ,,,

Si diventa ribelli.
Io ad esempio ho smesso col calcio ventanni fa, poi ho sempre cancellato la scheda, serve se sai che ci sono ladri candidati, poi la brava gente arriverà se tanti cancelliamo.
Poi mi sono sbatezzato. Dio non è una proprietà privata di farabutti che vendono i preservativi e sponsorizzano la prostituzione, ho smesso coll' auto e colle assicurazioni della e sulla vita...

P. S. se ti servono consigli per protesi oculari ti consiglio "Dal Passo" A reggio emilia."
Ora vivo nel Siam perchè qui si muore meglio, e perchè il presidente della repubblica Mi haRubato, rubato il mio denaro.
E' disonorato ma se lo becco da solo.
Rinunciare a lsuperfluo.
Niente tonno o pelati ma comunque scatolette.
Perchè se le compri e guardi il pallone, e rimani battezzato, poi ti sparano, perchè le armi devono essere vendute, e anche i dottori vogliono lavorare.
Io ripudio lo stato questo.
Viva via i confini.


Emanuele Cerri (), Patong Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.11.10 21:28| 
 |
Rispondi al commento

Siamo con te! spero che non succederanno altre storie del genere.

Alex D. Commentatore certificato 21.11.10 20:55| 
 |
Rispondi al commento

Spagna e Italia non si smentiscono mai. La repressione in questi due Paesi è da sempre la forza dei corrotti.
Suscita rabbia ciò che è accaduto a Nicola.
Sono felice che Gli hai dato spazio sul Tuo blog. La Sua denuncia è importante per impedire che simili atrocità possano ripetersi in Spagna, e fare in modo che non venga adottato come sistema contro i Nostri giovani.
Un caro saluto a Nicola.

Francy274 21.11.10 20:52| 
 |
Rispondi al commento

polizia = Camorra

non fatevi ingannare dagli arresti e dalle scenette: i boss in carcere stanno più comodi sono pagati dai soliti fessi, e continuano ad avere i loro domini.

le catture DEI LATITANTI sono solo SCENETTE PER ALLETTARE IL POPOLO DEI BEOTI.

La polizia serve solo ad una cosa: a MANGANELLARE IL POPOLO QUANDO CONTESTA I CORROTTI AL POTERE.

Morris Fleed (goblin) Commentatore certificato 21.11.10 20:26| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
SPARANO PROIETTILI DI GOMMA CHE UCCIDONO,IN SPAGNA E GLI VOGLIONO USARE ANCHE IN ITALIA,FACCIAMOLI BANDIRE PER SEMPRE,NON SOLO IN SPAGNA ED IN ITALIA,MA IN TUTTA EUROPA,CHE NON CI SIANO ALTRE VITTIME,COME LE LE VENTITRE IN SPAGNA E NATURALMENTE NICOLA TANNO (CHE HA FATTO BENISSIMO A SCRIVERE NEL BLOG)
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 21.11.10 20:25| 
 |
Rispondi al commento

Caro Nicola,
non conoscevo la storia
e non sapevo dell'esistenza di questi "Mossos"
in un paese che per certi versi ammiriamo come la Spagna, a maggior ragione Barcellona e la Catalogna.
Mi dispiace e ti esprimo solidarietà!
Ho letto il post sul tuo blog e i commenti,
devi essere un ragazzo speciale..

Io credo che il MINIMO sia di farla conoscere
affinché NON SI RIPETANO altri eventi del genere
e ti sia riconosciuto il dovuto INDENNIZZO!!
Facci sapere.
Un caro saluto!

Paola Bassi Commentatore certificato 21.11.10 20:23| 
 |
Rispondi al commento

I poliziotti italiani non si accontentano della gomma...preferiscono sparare addosso direttamente i lacrimogeni con gas di cui non si conoscono le conseguenze sulla salute.

manuela bellandi Commentatore certificato 21.11.10 20:15| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori