Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il calcio di rigore della Polizia


Brescia_polizia.jpg
Non fai in tempo a chiedere che non venga usato dalla Polizia il manganello contro i dimostranti a Brescia che ti prendono subito in parola. Dal manganello si è passati allo stivale. E' nato un nuovo sport: il calcio di rigore contro il manifestante a terra. Vince chi gli frattura più costole.
"Si potrebbe conoscere il nome dell'eroico poliziotto che, sprezzante del fatto che era protetto da altri 5 colleghi, prendeva a calci in testa un manifestante a terra in quel di Brescia?? Peccato non identificarlo, sarebbe simpatico solo trovarsi a tu per tu ad armi pari, vero, vigliacco ?? Chissa' cosa ne pensa il ns. ministro(?)dell'interno." erio f.

15 Nov 2010, 15:56 | Scrivi | Commenti (46) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Unificazione e razionalizzazione delle Forze di Polizia. Oggi esistono polizia,carabinieri,guardia di finanza,corpo forestale,polizia penitenziaria,vigili urbani locali ecc...uno spreco di risorse enorme in considerazione che ogni corpo necessita di una "propria struttura organizzativa" e risponde ad esclusive logiche di corpo. La tanto "proclamata" parola Coordinamento tra i corpi è rimasta solo sulla carta. Le varie strutture sono pressochè autonome e spesso si trovano a disperdere energie e denaro per seguire le medesime indagini ed obiettivi. Tutto questo ad uso "esclusivo" di qualche poltrona e relativo potere che ne consegue. Oggi, a quasi 20 anni dalla cauta del muro di Berlino, tutto questo non è più possibile.

bruno c., Roma Commentatore certificato 13.01.13 09:33| 
 |
Rispondi al commento

MI PIACE CREDERE CHE NON TUTTI I POLIZIOTTI SIANO DELINQUENTI E CHE CE NE SIANO TANTI ONESTI CHE LAVORANO PER LA COLLETTIVITA' E QUINDI ANCHE PER NOI.. In definitiva che si tratti solo di mele marce...
Ma allora perché vengono coperti da colleghi e magistrati? Ho le prove di ciò che dico: è successo anche a me!
Fanno così tanta paura ai suddetti colleghi e magistrati? Non credo proprio. Ne deduco che i colleghi e i magisytrati che li proteggono sono COMPLICI. Ergo l'elenco degli onesti si restringe sempre più... Dove sono i tutori dell'ordine dei quali sembra che noi cittadini abbiamo bisogno perché siamo incapaci di difenderci da soli dai delinquenti? Tornano subito, sono andati a massacrare i manifestanti... Lei nel frattempo fornisca i documenti e non faccia lo spiritoso altrimenti le facciamo passare un guaio: lei non ci piace, nasconde qualcosa...
SI', SONO DROGATO, FINOCCHIO E COMUNISTA...

Gianluca Papi 18.11.10 07:54| 
 |
Rispondi al commento

Ma a qualcuno viene mai in mente che i poliziotti non vengono mai difesi, e fanno il loro lavoro con sprezzo del pericolo ogni giorno?
Persone che non guadagnano, messi alla berlina per qualsiasi cosa, per guadagnare le prime pagine dei giornali e allo stesso tempo per esaltare una manica di manifestanti, spesso violenti, intolleranti e alla ricerca della rissa? O non avete mai visto una manifestazione a cui hanno partecipato black block o giovani dei centri sociali?? meditate gente meditate

Alessandra Rivelli 16.11.10 20:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La selezione per le forze di polizia la si faceva solo ai tempi di Scelba e fino agli anni '70 (sopratutto contro i comunisti). Oggi si passa sopra, anche, alle regole piu' elementari, come: i violenti, qualche colluso e anche qualche esaltato. E poi da quale pulpito deve venire una predica credibile? Quando ministri, capi di polizia, prefetti caricano di significati negativi e violenti qualsiasi iniziativa intrapresa dai lavoratori per difendere i propri diritti dagli attacchi, quelli si, violenti e subdoli di alcune categorie padronali - vedi la manifestazione della FIOM- ed anche di cosiddetti ministri alla Sacconi che teorizzano, a priori, la violenza da parte dei manifestanti.
Per tornare ai ragazzi della polizia: bisogna vadere qule filosofia anima i loro istrittori.
Da alcuni atteggiamenti, come quello descritto dal post, si dovrebbe desumere che gli istruttori,instillano odio solo nei confronti dei lavoratori e dei meno abbienti: Napoli, Rosarno, Brescia, G8 di Genova ecc. ecc. docet.
La violenza peggiore, viene provocata dalle istituzioni, quando queste non sono attente ai bisogni sacrosanti della gente onesta e umile, ma si fanno carico delle richieste delle lobbyes e dei potenti., vedi SCUDO FISCALE!

PIETRO DENISI 16.11.10 19:35| 
 |
Rispondi al commento

Complimenti all'eroica azione delle forze dell'ordine e alle istituzioni che le guidano gestendo in maniera impeccabile operazioni di cosí alto profilo. Ditemi la vostra: http://www.occhiopidocchio.info/societa-politica-italia/tu-che-faresti/
Saludos da Madrid

Occhio Pidocchio 16.11.10 18:21| 
 |
Rispondi al commento

sono d'accorso, quelli non sono tutori dell'ordine
sono delinquenti in divisa che infangano il buon nome di tanti poliziotti, carabinieri, che hanno
un alto senso dello Stato.
Lo Stato dovrebbe chiedere a questi delinquenti in divisa i danni morali e penali,per aver infangato
le istituzioni.
Un appello anche ai tanti delle forze dell'ordine, che sono persone serie, denunciate i vs.colleghi,
o la fiducia nei vs, confronti da parte dei cittadini sarà sempre meno.

enrico ratto 16.11.10 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Mio Caro Grillo, la seguo e la stimo da parecchi anni ed è per questo che mi duole osservare in lei tanto scontato e per di più pericoloso etichettare e ghettizzare. Chi le scrive fa parte di un corpo di polizia e non condivide per prima certi atteggiamenti di certi suoi colleghi. Per prima ammette che spesso chi indossa una divisa si sente dotato di super poteri di cui abusa gettando nel fango chi come lui non è. Ma "la polizia" non è un blocco granitico, bensì un insieme di persone con differenti modi di operare e di pensare. Sparare a zero su un' identità quale quella delle forze dell'ordine significa a mio modesto avviso generare un odio infondato verso persone che nulla hanno a che fare con coloro che mal rivestono il proprio ruolo e diffondere la dilagante idea che è di molto meglio essere delinquente che poliziotto. Mi sembra un pò stupido, un pò tanto... Ho potuto osservare con i miei occhi sia l'ignoranza e la violenza di alcuni colleghi, sia purtroppo il crescere di giovani che come ideali hanno solo: ANARCHIA, A MORTE I POLIZIOTTI, CHI SE NE FREGA DEL RISPETTO. Dico allora, un personaggio seguito come lei potrebbe far capire che a sbagliare è il poliziotto, non la polizia... E c'è un pò di differenza!

Alessandra Gestro 16.11.10 14:06| 
 |
Rispondi al commento

Personalmente ho cominciato a conoscere gli eroici gesti della polizia, delle Istituzioni, della magistratura, dei media all'età di 17 anni nell'anno 1972 presso la questura ed il carcere di Bolzano. Arrestato con l'accusa di detenzione di LSD, PESTATO in questura, pubblicato sul quotidiano Alto Adige il mio nome/cognome e foto con aumentata l'età a 19. Sbattuto in carcere -CELLA D'ISOLAMENTO - per quasi due mesi in una struttura che non ha mai avuto una sezione per minorenni. Dopo le analisi emerge il fatto che erano semplici MEDICINALI. Assolto perchè il fatto non sussiste. Appena uscito, dopo alcuni giorni sbattuto ancora a forza nel reparto agitati presso l'allora Ospedale Psichiatrico di Pergine (TN)-(poi chiuso dalla legge Basaglia sui manicomi) con l'accusa che potevo comunque essere un pericoloso consumatore di droghe allucinogene, pertanto sottoposto a trattamento con psicofarmaci per altri 2 mesi circa. Dopo tempo sono andato al carcere di Bolzano per avere il certificato di detenzione ma con un loro doc. dichiarano che non risulto essere mai stato in quella struttura carceraria. Per 35 anni nei miei dati C.E.D. di polizia risulto pluri-pregiudicato per detenzione stupefacenti, nonostante il fatto non sussiste! Nel 2010 il MINISTRO INTERNI mi da ragione e modificano i dati correttamente, ma ora 4 avvocati a Roma che seguono la pratica civile, sembra che ora non ho più DIRITTO a nessun risarcimento.
SIMPATICO VERO ???
MALEDETTI BASTARDI DI MERDA.
PAGHERETE CARO - PAGHERETE TUTTO!
A FUOCO IL SISTEMA GIUDIZIARIO. FUOCO AI TRIBUNALI - FUOCO ALLE QUESTURE - FUOCO AL PARLAMENTO. INSURREZIONE AD OLTRANZA!!
Questo è l'effetto della nostra giustizia: odio e disprezzo totale. Mi prendo la responsabilità di quanto detto: ammazzarli tutti questi infami.
Sono loro, questi bastardi, a dimostrare il contrario di quanto qui detto!
Con documenti alla mano.
CHIARO??
Entreremo in guerra civile a breve se andiamo avanti di questo passo!
MORENO - AREALIBERA.
Area anarchica!

MORENO F., FALERIA (VT) Commentatore certificato 16.11.10 12:39| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Concordo!!!

Paola Andiloro 16.11.10 12:03| 
 |
Rispondi al commento

Sono andato a vedere i membri iscritti al PDL Perugia (ho scelto la mia città). Ho fatto un indagine statistica e ho notato che ci sono molti rappresentanti delle forze dell'ordine che si identificano nel DUCE e hanno una pagina facebook come quella del signore che vi allego ora:

Pier Paolo Cardinali

Io proporrei di denunciare queste persone per inneggiamento al fascismo e al Duce. Sempre che questo sia un reato!! In ogni modo voglio farvi conoscere che gente c'è. Credo che 1 poliziotto su 5 sia così.

Marco Pagliacci 16.11.10 11:36| 
 |
Rispondi al commento

E' d'accordo.
Come tanti, per ora troppi italiani
che rimangono convinti di restare sempre dalla parte "giusta" dello stivale...

leonardo tamberi 16.11.10 10:29| 
 |
Rispondi al commento

cosa volete che pensi il ministro dell'interno? penserà come al solito, tutto lecito e regolare ... piuttosto di trovarsi a tu per tu con il poliziotto , ad armi pari come scrivi, sarebbe bello trovarsi a tu per tu con il ministro, anche a mani nude

paolo fini 16.11.10 10:29| 
 |
Rispondi al commento

Quando un vicequestore si macchia di un abuso di potere e dimostra l'incompetenza espressa da Emanuele Ricifari, il quale si è reso responsabile Lui, che avrebbe dovuto risolverlo il problema, degli scontri tra i manifestanti e la Polizia, ordinando la carica contro un gruppo di cittadini pacifici che semplicemente esprimevano le loro idee, ecco allora viene spontaneo chiedersi se quel poliziotto, non si sentisse legittimato, coperto da un alone di commistione complice che lo ha indotto a pensare che tanto, dare sfogo alla propria rabbia contro un manifestante che già il suo capo avrebbe prsumibilmente classificato 'feccia', non sarebbe poi stato così grave... Al più, avrà pensato, mi becco un richiamo pubblico e un sorrisetto-encomio in privato... Per questo l'abuso di potere va sanzionato severamente e per questo Sig.Ricifari, Lei è responsabile quanto e più di quel poliziotto e francamente è vergognoso per me che sono cittadina Bresciana, pensare che le mie tasse servono a pagare il Suo stipendio e che Lei usurpa quel posto ancora oggi e non sia stato rimosso. Auspico che lo sia quanto prima e che ci sia qualcuno che rimetta ordine davvero in questo mondo alla rovescia dove chi dovrebbe placare gli animi urla in faccia ai giornalisti 'Levatevi dai coglioni' (cito testualmente il Sig.Ricifari) e carica i cittadini inermi, e chi dovrebbe essere al loro servizio, vigliaccamente li colpisce quando sono a terra. Sono stomacata dall'arroganza delle forze dell'ordine, ma non sorpresa, se è vero che a casa mia si sono presentati i Carabinieri alle 10 di sera per identificarmi a causa di uno striscione esposto su un balcone. A furia di tollerare abusi di potere essi dall'alto si propagano verso il basso come una cascata inarrestabile... Caso Ruby docet...

Paola Z., Castel Mella Commentatore certificato 16.11.10 10:19| 
 |
Rispondi al commento

siamo sempre alle solite...
si va a manifestare con la margherita tra i capelli mentre i Cani del regime ti aspettano al varco con fucili e randelli

finchè i manifestanti nn si organizzeranno con proprie squadre anti-aggresione sarà sempre la solita solfa... feriti e morti di qua e sghignazzate di la...


Ale Me (ale64), Trecate Commentatore certificato 16.11.10 07:58| 
 |
Rispondi al commento

Avessero il NUMERO DI RICONOSCIMENTO sul casco si potrebbe risalire all'identità di quel pazzo violento, fargli pagare i danni di tasca sua e, infine, licenziarlo in tronco per manifesta incapacità !

..èccheccazzo, non se ne può proprio più...

Gianmaria Valente (cu chulaìnn) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.11.10 06:19| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non ho guardato il video perché ormai sono stufo e non voglio vomitare prima di andare a letto.
Volevo solo dire a tutti i poliziotti (tutti !!! e non mi fate il solito discorso di "c'é chi..." tutti !!! e se c´é qualche "c'é chi" ,bé, dimettiti e dillo davanti al mondo il perché ti sei dimesso...e non mi parlate di ideali perché questa gente non sa cosa siano) che ci sono delle soluzioni contro l'eiaculazione precoce.
Informatevi, cosí potrete finalmente soddisfare a letto una donna, farla godere e finalmente smettere di sfogarvi in questo modo.
Buonanotte frustrati !!!!

Valentin lopez 16.11.10 00:46| 
 |
Rispondi al commento

frustrati...e poveri ecco una sintesi.

roberto m. Commentatore certificato 15.11.10 23:22| 
 |
Rispondi al commento

dovrebbetro vergognarsi d portare una divisa che dovrebbe aiutare i cittadini!! VERGOGNA.

Dettori Francesco 15.11.10 22:32| 
 |
Rispondi al commento

Scimmie colle armi...

Le madri coll' oro al dito.
Quello che fa schiavi.

Emanuele Cerri (), Patong Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 15.11.10 22:03| 
 |
Rispondi al commento

Bah!!!

??????????????

Paolo Piconi Piconi paolo (m.a.d.r.e.i.t.a.l.i.a.n.a.), Roma Commentatore certificato 15.11.10 21:05| 
 |
Rispondi al commento

questi atti sono vergognosi

marco buzzi 15.11.10 21:01| 
 |
Rispondi al commento

@ Roberto marlei.
Mi sa che glielo fanno il test,
e se superano il quoziente d'intelligenza
di uno scimpanzè, non li arruolano!

Luigi D., Ancona Commentatore certificato 15.11.10 20:34| 
 |
Rispondi al commento

caro poliziotto calciatore..
sei proprio una merda!
a sti soggetti dovrebbero torgliergli la divisa subito.. o perlomeno fargli un test psicoattitudinale prima di fargli fare questo lavoro. ci sono tanti bravbi poliziotti, ma basta un tonto del genere per far cadere tutta la categoria.
se aveva una pistola che faceva? una strage?

roberto marlei 15.11.10 19:52| 
 |
Rispondi al commento

Io mi chiedo, quanto guadagna al mese quel poliziotto? ci arriva a mille euro?

Questo introduce alla vera domanda. Chi difende quel poliziotto con tanto accanimento?
Che sistema difende?

L'altro giorno ho visto in TV la direttrice del manifesto annunciare in diretta i suoi guadagni:
2000 euro al mese (ed è il direttore). 'Quindi noi siamo poveri'.

La cosa ha provocato le risate trattenute di tutti gli ospiti, i quali essendo ospiti di una trasmissione politica erano tutti, politici, giornalisti o altri 'grandi uomini', i cui livelli minimi di guadagno vanno dalle 20 alle 40 volte quelli del direttore del Manifesto.
(40.000 -- 80.000 euro/mese). Per un direttore di giornale a diffusione nazionale, dire di guadagnare 2000 euro al mese è vergognoso....

I cittadini, nuovi schiavi del sistema-economico, che lavorano dalla mattina alla sera senza riuscire ad arrivare alla terza settimana del
mese, e che sperano TUTTI in cuor loro in una rivoluzione, affidano le loro speranze a questi politici televisivi che del sistema economico sono i massimi beneficiari (e quindi ci si immagini che voglia hanno di abbatterlo..).

Conclusione: quanto guadagna quel poliziotto?
Meno della cifra che la direttrice del manifesto si vergogna a confessare di fronte ai suoi colleghi. Quindi: vale la pena di accanirsi su un poveraccio a terra?
Non sarebbe più sobrio fare si il proprio mestiere ma senza eccessi di zelo, uno zelo che questo sistema non merita in alcun modo?

Josef Dzugashvili (stalin) Commentatore certificato 15.11.10 19:18| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

QUEL POVERO MANIFESTANTE A TERRA AVEVA APPENA LANCIATO BOTTIGLIETTE DI URINA, BOMBE CARTA E PIETRE CONTRO LA POLIZIA, PROVATELO A FARLO NEI PAESI CHE VOI CHIAMATE DEMOCRATICI, VEDETE COSA VI SUCCEDE. INOLTRE CONTINUO A CHIEDERE QUANTI SONO I PAESI EUROPEI ED IN QUALI è STAMPIGLIATO IL NUMERO DI MATRICOLA NEI CASCHI.
GRAZIE

Roberto Nicoletti, Roma Commentatore certificato 15.11.10 18:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ha fatto bene! quell'eroico poliziotto ..sicuramente quello straccione era un provocatore comunista difensore dei negri ...che ci rubano il lavoro e ci trombano le donne...mio eroe ti voglio conoscere ..
per stringerti forte ma forte forte a me ..ma cosi forte che più forte non si può ....

roberto rainò 15.11.10 17:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Che vergogna! I poliziotti che non denunciano queste violenze e quelli che addirittura li proteggono, sono la vera causa dell'odio che la popolazione nutre verso di essi. Cari poliziotti se volete recuperare l'onore alzatevi in piedi e difendete la divisa che portate denunciando questi luridi vermi perché se non lo fate, il disprezzo che nutriamo nei vostri confronti, aumenterà fino a farvi vergognare di indossare queste divise.

Maria Pia Caporuscio, Roma Commentatore certificato 15.11.10 17:32| 
 |
Rispondi al commento

L'dentifazione degli appartenenti ai corpi inpiegati a difesa dell'ordine pubblico durante le manifestazioni e' realta' nei paesi democratici. In Germania sul casco di ogni poliziotto e' stampigliata una sigla che puo' essere utilizzata dai tribunali in caso di abusi. Sempre in Germania la Corte Costituzionale ha sancito la liceita' oltre al diritto di dimostrare contro il trasposto e stoccaggio delle scorie nucleari , durante le ultime dimostrazioni erano presenti sul campo una 50a di avvocati per patrocinare da subito tutti i manifestanti fermati. In Gran Bretagna dopo la morte di un passante , il Poliziotto " sovraeccitato " che senza motivo lo aveva colpito e' oggi disoccupato . Nella difesa dei diritti costituzionali il nostro paese e' in graduatoria con molte nazioni africane

Lucio Turolla 15.11.10 17:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Queste sono le persone che dovreppero proteggerci dai delinquenti? Fanno schifo in altri paesi europei civili sarebbero arrestati e perderebbero il lavoro. In Italia probabilmente gli daranno un premio. Invece dovrebbero essere giustiziate pubblicamente. insieme a molti politici anzi moltissimi. Ci state rovinando e vo vi state arricchendo fate schifo.

Antonio merlino 15.11.10 16:20| 
 |
Rispondi al commento

come al solito questo blog è uno dei pochi siti di informazione a trattare l'argomento senza giri di parole.
le cariche di brescia e il calcio di rigore sono un nonnulla rispetto alle torture di bolzaneto ed il g8 ma ci fanno capire che i torturatori e picchiatori sono sempre li', disponibili alla rieducazione e somministrazione dell' olio di ricino, preferibilmente solo a gli italiani, pare infatti che i tifosi serbi preferiscano lo sliwowitz all'olio di ricino....

fabio t. Commentatore certificato 15.11.10 16:13| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
DAI MANGANELLI AGLI SCARPONI,LA FANTASIA DI CERTO NON MANCA CONTRO I MANIFRESTANTI
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 15.11.10 16:11| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori