Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il "Made in Italy" globalizzato


Noam_Chomsky.jpg
Quante aziende italiane hanno delocalizzato la produzione all'estero in nome della globalizzazione e continuano a vendere con il marchio "Made in Italy"? Il "Made in Italy" non è di proprietà delle aziende, ma del nostro Paese. Chi lo usa deve produrre in Italia. Se emigra utilizzi per i vestiti, le auto, i caschi per le moto, le caffettiere, i marchi "Made in China" o "Made in Romania" e vediamo chi comprerà i suoi prodotti. La delocalizzazione ha regalato profitti giganteschi alla Confindustria e la disoccupazione agli italiani. In alcuni casi questo è avvenuto, come per la Romania, attraverso incentivi alle aziende provenienti dai contributi versati dall'Italia alla UE, i famosi "fondi europei". Ci siamo pagati la delocalizzazione con le nostre tasse... Aziende create da generazioni di tecnici, operai, ingegneri, designer italiani non si possono spostare come un pacco postale in un qualunque luogo della Terra perché "costa meno". In posti dove spesso non esistono controlli, garanzie, leggi, norme di tutela ambientale. E' necessaria subito, per bloccare l'emorragia, una legge che tolga il diritto dell'uso del "Made in Italy" alle aziende che non ne hanno diritto. Oltre al danno della disoccupazione non possiamo subire anche la beffa del marchio abusivo. Nel blog verrà pubblicata in futuro la lista con i nomi delle aziende "Made in Italy" delocalizzate. Inviate le vostre segnalazioni.

26 Nov 2010, 23:30 | Scrivi | Commenti (100) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

non ho trovato nessuna lista di queste aziende che delocalizzano, e per di più mettono finta etichetta made in italy, potetet darmi indicazioni?

marco f., genova Commentatore certificato 02.12.11 03:12| 
 |
Rispondi al commento

Vivo in Australia da qualche mese e molti prodotti hanno il marchio AUSBUY, ovvero fatto in Australia e di proprietà di aziende australiane. Gli aussie cercano il più possibile di comprare prodotti con questo marchio. Loro hanno capito come funziona il discorso... E noi?

Edoardo Bartoletti 02.12.10 13:04| 
 |
Rispondi al commento

complimenti! vedo che si cancellano i commenti scomodi...


Basta poca cognizione della storia, quindi dovrebbe essere palese alla massa, che le guerre di colonizzazione oggi si combattono con le armi raffinate ed incruente dell’economia. Il territorio si conquista prima impoverendolo poi schiavizzando il nemico.
Per questo motivo è sempre più necessario per la nostra sopravvivenza spendere consapevolmente, cioè conoscere una lista di imprese corrette sulle quali investire il nostro consumo quotidiano.
Le sedi di una fabbrica sono dati verificabili nel Registro Imprese, mentre l’Ispettorato del Lavoro potrebbe rendere noti i nomi delle imprese che non violano le norme sui lavoratori. Infine, con una verifica anche al Ministero delle Finanze sul pagamento delle tasse, finalmente si potrebbe avere un elenco pubblico di imprese oneste. Del resto l’Amministrazione Pubblica dovrebbe esistere per assicurare il capillare rispetto delle normative (cioè sia i diritti che i doveri) a partire dalla Costituzione. Utilizziamo bene le ultime Leggi e gli ultimi strumenti che sono rimasti a favore del cittadino.
Ma, le associazioni dei consumatori cosa fanno?

Rosanti P. 28.11.10 11:43| 
 |
Rispondi al commento

Caro beppe, io lavoro per una multinazionale americana che produce, ovviamente, qua in italia ed anche in tutto il resto del mondo.
Quando aprite una bottiglia di Coca Cola da 1.5 o 2 litri girate il tappo e guardateci dentro: troverete il nome dell'azienda per cui lavoro. e non e' la Coca-Cola... Questo vi fara' pensare che la colonizzazione globale puo' avvenire soprattutto da cio' che mangiamo e beviamo.O SIAMO CIO' CHE MANGIAMO, O LO DIVENTEREMO!
FORSE UN GIORNO CAPIREMO CHE GLI AMERICANI HANNO UN'ARMA DI COLONIZZAZIONE DI MASSA PIU'POTENTE DI QUALSIASI ALTRA: LA COCA-COLA!
quindi potrei concludere con un inalienabile principio: DELOCALIZZARE PER COLONIZZARE! "Dubitate, gente, dubitate..."

Alberto Simeoni 28.11.10 03:11| 
 |
Rispondi al commento

Sono un operaio di un'azienda di calzature. Facciamo tutto in ditta, vero made in Italy QUELLO CHE ANCORA TIRA.
I proprietari investono in ricerca per avere prodotti sempre innovativi DA POTER VENDERE. ALTRO CHE INTERVENTI DEL GOVERNO CHE INVECE SPILLA UN MARE DI DENARO A NOI OPERAI ED ALLA DITTA. ABBIAMO LA VISITA QUASI ANNUALE DI FINANZA O DELL' ISPETTORATO DEL LAVORO( FORSE E' PROPRIO VERO CHE SONO RIMASTE POCHE AZIENDE IN ITALIA).

marco 27.11.10 21:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ottima idea.In altri paesi (leggi Australia) la certificazione MADE IN AUSTRALIA è motivo di orgoglio per le aziende e per gli australiani.Il BOICOTTAGGIO può fare più di ogni altra cosa.

Andrea Pelli 27.11.10 20:38| 
 |
Rispondi al commento

Scappate dalle città! Bisogna riorganizzarsi, il lavoro dipendente nelle fabbriche per produrre beni di consumo è una fregatura! Torniamo a coltivare i campi, uniamoci in nuclei di sopravvivenza, che poi senza essere sfruttati da chi vorrebbe arricchirsi sulla nostra pelle, diventerebbe vita piena di dignità,senza inutili prodotti da consumare e gettare, come se fossimo tante scimmie ammaestrate. Coltiviamo il nostro cibo ed aiutiamoci a vicenda. Preferisco lavorare tutto il giorno per coltivare il mio cibo, farmi la legna, produre da sola il sapone e cucirmi i vestiti NECESSARI, piuttosto che essere umiliata tutti i giorni da chi mi dà un calcio nel culo quando non gli servo più. Io non sono più disposta a vendermi. Non compro più, non voglio un lavoro dipendente,e non pago lo stipendio a Dell'Utri & Company. Piuttosto la fame.

tiziana brizzaldi 27.11.10 20:22| 
 |
Rispondi al commento

al posto di made in Italy basterebbe che ci fosse la certificazione etica che il prodotto è stato fatto rispettando i diritti dei lavoratori..

Paola F. Commentatore certificato 27.11.10 19:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie di esistere a Beppe e a tutti voi che scrivete.
Sono anni che cerco una lista delle imprese produttici in Italia perché ogni volta che faccio acquisti non voglio creare povertà nel mio Paese.
Ricordo che se la politica è in mano all'economia, l'economia la facciamo anche noi con i nostri quotidiani consumi ... cambiamoli subito!
Vi segnalo : http://www.fabricaethica.it

Rosanti P. 27.11.10 19:18| 
 |
Rispondi al commento

http://www.beppegrillo.it/2010/02/il_dodo_e_il_ma/index.html

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 27.11.10 18:00| 
 |
Rispondi al commento

Altra azienda italiana che produce in cina ma vende in Italia,(materiale per la pulizia anche a marchio COOP), a chiuso o venduto stabilimenti in Italia con esuberi e cassa integrazione per i dipendenti.
Il propietario è pure cavagliere del lavoro!!!

ORLANDI S.P.A.
Gallarate (VA)

red.rollers 27.11.10 17:10| 
 |
Rispondi al commento

Lo stesso sta accadendo per le lingue e i dialetti. Riporto alcune citazioni da M. K. Gandhi:

«Solo noi, popolo educato all'inglese, non riusciamo a valutare la grande perdita che questo fattore ha provocato. [...] L'educazione attraverso il mezzo di una lingua estranea spezza l'armonia che dovrebbe esistere. Coloro che infrangono tale rapporto sono nemici del popolo, anche se mossi dalle più oneste motivazioni. Offrirsi come vittime volontarie di questo sistema educativo non è meno ignobile che tradire il nostron dovere verso le nostre madri» 'L'educazione', (1962), pp. 12-3.

«E' mia ponderata opinione che l'educazione all'inglese, nella maniera in cui è stata impartita, ha svirilizzato gli indiani educati all'inglese [...] e ci ha trasformati in imitatori [...] Nessun paese può diventare una nazione, se produce una razza di imitatori» 'Giovane India', 27 aprile 1921, p. 130.

«L'nglese oggi viene studiato per via del suo valore commerciale e del suo cosiddetto valore politico. [...] Centinaia di giovani credono che senza una conoscenza dell'inglese, la libertà per l'India sia praticamente impossibile. Tale cancro ha roso la società al punto che, in molti casi, il solo significato di educazione è quello di conoscenza dell'inglese. Tutti questi, per me, sono segnali della nostra schiavitù e degredazione. Non sopporto che i dialetti vengano schiacciati e lasciati languire come è accaduto» 'Giovane India', 1 giugno 1921, p. 177.

«L'obbligo dell'inglese [...] ha reso l'educazione innecessariamente costosa. Se si insisterà ancora con questo sistema, la nazione correrà il rischio di restare depredata della propria anima. Prima l'India si libererà dell'ipnotica malia del mezzo straniero, meglio sarà per lei e per il suo popolo» 'Giovane India', 5 luglio 1928, p. 224.

«Il mezzo straniero ha reso i nostri bambini praticamente stranieri nella propria terra. E' la più grande tragedia del sistema esistente. Il mezzo straniero ha impedito lo sviluppo dei nostri vernacoli»

Fabio Aprea, Roma Commentatore certificato 27.11.10 17:05| 
 |
Rispondi al commento

anch' io avrei potuto produrre in Romania, la banca mi finanziava anche più di che volevo
non fidandomi del buffo (debito) e visti i tempi...
m' è andata bene
m' è rimasto il campionario fattomi affittando un terzo d' officina per sei quintali di ferro in mobili da giardino, a Campina (Cimpina), 5 anni fa

dal chianti 27.11.10 16:56| 
 |
Rispondi al commento

La Globalizzazione, la Privatizzazione, La Comunita' Europea senza una Costituzione Vigente sono tutte emerite fregature per confermare il dominio dei potenti su poveracci, e siccome i cittadini non influiscono piu' di tanto,nemmeno sulla politica hanno una sola via da seguire: "SUBIRE SEMPRE E COMUNQUE"

AL - 2012 27.11.10 16:41| 
 |
Rispondi al commento

Ottima iniziativa!!

concordo con Tinazzi e con chi dice che questo post dovrebbe avere più risalto

Se si scrive Made in Italy
dev'essere made in Italy!

altrimenti si dovrebbe obbligare il produttore a cambiare l'etichetta in:

Made da un Italiano
che poi però ha delocalizzato all'estero...

Paola Bassi Commentatore certificato 27.11.10 16:29| 
 |
Rispondi al commento

Come non essere d'accordo con questo post?
Giusto, giustissimo,
togliere la dicitura "made in Italy"
se si delocalizza,
anzi, secondo me,
si dovrebbe anche proibire
di vendere in Italia,
quei prodotti allo stesso prezzo
di quando erano fabbricati qui.
Non è giusto che tutti i vantaggi
della delocalizzazione vadano ai profitti,
e nulla ai consumatori.
Inoltre, chi delocalizza deve perdere immediatamente la cittadinanza italiana,
e la possibilità di godere di qualsiasi vantaggio che la legislazione italiana possa accordare
alla sua impresa.
Insomma chi se ne vuole andare se ne vada,
ma che se ne vada davvero,
nel bene e nel male.

Luigi D., Ancona Commentatore certificato 27.11.10 16:14| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
ECCO TE NE FORNISCO DUE DI AZIENDE ,CHE HANNO DELOCALIZZATO ALL'ESTERO,LA TECNICA E LA SALOMON,PER FARTI DUE ESEMPI QUI DEL NORD EST ITALIA,COMUNQUE HAI RAGIONE BEPPE :"IMPRENDITORI CON LE PEZZE AL C...O" E SE VOGLIONO METTERE MADE IN ITALY,METTANO PRIMA MADE IN CHINA O ROMANIA

ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 27.11.10 16:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


UN MEGA POST

Perchè minipost? questo post dovrebbe occupare
tutto il blog e tutte le prime pagine dei
giornali o anno zero ...

Perchè qui' si spiega IL NON LAVORO , DELOCALIZZAZIONE , DEINDUSTRIALIZZAZIIONE E MANCANZA DI SVILUPPO.

Facciamo prima A FARE L'ELENCO DEI VERI FABBRICANTI MADE IN ITALY , perchè gran parte delle imprese / imprenditori DI CONFINDUSTRIA LAVORANO IN CINA .

i coglioni CHE FABBRICANO IN ITALIA ,COME MONACI TIBETANI SVOLGONO UN RUOLO SOCIALE A BASSO MARGINE E PROFITTO SENZA ALCUNA PROTEZIONE.

ECCO I TRUCCHI DEL COMMERCIANTE ITALIANO DI MERDA CHE ETICHETTA MADE IN ITALY PRODOTTI CINESI , COREANI , RUMENI ECC E CHE HA SOSTITUITO IL PICCOLO IMPRENDITORE / ARTIGIANO ITALIANO:

a ) metto sopra le casse o cantainer davanti COMPONENTI in caso di controllo alla dogana e sotto o dietro PRODOTTI CINESI O MADE RPC , stessa cosa. Dopo aver sdoganato METTO MADE IN ITALY , BANDIERA ITALIANA E ESPORTO O VENDO NAZIONALMENTE , CAMBIANDO IMBALLO O GIA' CON IMBALLO NEUTRO METTO MADE IN ITALY , falsificando il certificato d'origine .

b ) importo da singapore invece che da shangai per non avere sui documenti il MADE IN CINA O RPC ; etichetto made in italy , brucio gli imballi cinesi e metto quelli italiani.

c) Vendo il prodotto cinese con TINAZZI spa ITALY , NON MADE IN ITALY ; LA LEGGE ME LO CONSENTE E PRENDO PER IL CULO TUTTI

d) dinostro falsamente che faccio una trasformazione del prodotto cinese importato mettendoci sopra un 30% di ore lavoro ( con modifiche ridicole e balle ) e la legge mi consente di scrivere MADE IN ITALY

Non solo cinesi , ma GLI ITALIOTI COMMERCIANTI DI MERDA stanno distruggendo il paese e pure il nostro vero esport made in italy con la connivenza UE,cancro a loro favore .

Solo un riconoscimento del ruolo , status DI VERO FABBRICANTE CON SGRAVI FISCALI , INCENTIVI , BONUS PUO' SALVARE LA NOSTRA ECONOMIA.

MADE IN ITALY VERO -DEBLOBALIZZAZIONE-LOTTA AL CAPITALE FINANZIARIO : QUI' SI GIOCA IL NOSTRO FUTURO .

Tinazzi

tinazzi ., Albano Laziale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 27.11.10 15:48| 
 |
Rispondi al commento

Concordo al 100%, non pensavo si potesse arrivare a tanto anche perchè recentemente da Coin ho visto giacconi della Luca d'Altieri o piumini della Gas con indicazione "made in China" e con prezzi non certo popolari, quindi nel limite del possibile andrebbe boicottato abbigliamento o scarpe che recano solo il marchio di ditte Italiane ma sono fabbricate in altri paesi.

Cesare F., bergamo Commentatore certificato 27.11.10 15:43| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, sono d'accordo che se un prodotto sia fabbricato in un determinato luogo debba essere chiaramente riportato sulle etichette, ma quello che non condivido è: perché i prodotti che non sono italiani devono essere considerati per forza di qualità inferiore?

Penso che se una cosa è di qualità lo è a prescindere dalle coordinate geografiche.

Detto questo, vai avanti così Beppe!


Bisognerebbe chiederlo a quella moltitudine di deficenti che ogni giorno guardano i telegiornali o leggono i giornali manipolati, e che poi vanno a votare, come purtroppo sappiamo...Buone, a tutti

Fabrizio Onnis 27.11.10 15:06| 
 |
Rispondi al commento

questa lista delle aziende la vogliamo nella pagina principale del blog beppe!un bel link grande!

e al più presto!
io della de longhi per esempio, non ho più comperato niente dalla chiusure dei 2 stabilimenti a treviso.anche se era conveniente, un rigetto totale.

bogotto simone 27.11.10 14:04| 
 |
Rispondi al commento

Questo è il risultato della globalizzazione e del libero mercato. Essi tolgono diritti e dignità a coloro che l'avevano e sfrutta coloro che non l'avranno mai, in mezzo quelli che ci speculano. Il falso Made in Italy ne è uno degli strumenti. Questo è un tema rilevante che dovrebbe essere portato in evidenza da questo blog in maniera sistematica e trovare consenso quotidiano e continuo. Il lavoro e l'ingegno, sia di chi investe, sia di chi offre la sua prestazione in Italia deve essere tutelato, dicendo semplicemente la verità sull'origine del prodotto realizzato. Sarà il cittadino ( nella Ue i soggetti di diritto sono i consumatori e lo diventi solo se acquisti!! ) che deciderà se o cosa acquistare e a quale prezzo.

Ferdinando S., Roma Commentatore certificato 27.11.10 13:46| 
 |
Rispondi al commento

RISO SCOTTI, fabbrica a Vladeni, Romania con coltivazioni a Dolj, Olt, Braila e Ialomita sempre Romania. Produzione dicono, destinata al consumo locale...ma chi ci crede?
LACTITALIA, dalla Sardegna alla Romania, nei pressi di Timisoara, prevalentemente export.
Parmalat, PANGRAM Resita che e' produttrice di pasta, e’ controllata dalla ditta italiana Foodco SPA, MARTELLI EUROPE SRL (Gruppo Martelli Lavorazioni Tessili spa), Italsofa Romania, del Gruppo NATUZZI, possiede un importante stabilimento produttivo nella città di Baia Mare, ove si realizzano divani destinati all’esportazione. Pert ogni lavoratore rumeno assunto da una fabbrica italiana uno exlavoratore italiano piange e si dispera.

Tomaso Mainardi 27.11.10 13:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gazzetta del Mezzogiorno… Sabato 27 nov. 2010… Esteri… ALTOLA’ CINESE, QUEL TERRITORIO E’ NOSTRO… dopo il bombardamento della Corea del nord, e dopo l’annuncio americano di manovre militari nel mar giallo, la Cina fa sapere che in quel mare è suo e che considera queste manovre UNA SCONSIDERATA PROVOCAZIONE CHE SPINGERA’ LA REGIONE VERSO UNA NUOVA GUERRA...
Poiché le guerre sono state inventate dai maschi e rappresentano uno scellerato e depravato PRODOTTO TUTTO MASCHILE invito a guardare

---LE SUPPOSTE IDEOLOGICHE… GUARDA IL VIDEO
http://www.youtube.com/watch?v=YUncPdjILFc

---IL MASCHIO UN GRANDE BLUFF.. guarda il video
http://www.youtube.com/watch?v=iUuJTOsYyAs

movimento femminista Commentatore certificato 27.11.10 13:22| 
 |
Rispondi al commento

Ciao mi chiamo Guido, io penso che il problema principale sia sempre lo stesso: non il fatto che le aziende vadano all'estero a produrre, per poi marcare i prodotti col made in Italy!!

Il vero problema è che al governo italiano sono presenti le stesse persone;" o surrogate delle stesse", che gestiscono a loro piacimento e comodo i nostri fili... come fossimo marionette.
Ogni anno non fanno che aumentare o inventare nuove tasse, raccontandoci nuove soluzioni per risollevare l'economia; ma alle nostre spalle.... anzi, col nostro consenso; perché, ora mai... una volta eletti, non c'è più nulla da fare; gestiscono a LORO piacimento e COMODO, questo portafoglio.
Bella fatica!!! Perchè non fanno il contrario? Perchè non si pongono un limite a rischio? Una volta eletti, grazie a tutte le iniziative da loro proposte, perchè non mettono in ballo quella sedia/garanzia su cui siedono? Perchè anzi che fare dispendiose propagande elettorali x essere votati, non propongono grazie proprio a quelle cifre di dare un possibile risultato? Se questo non venisse raggiunto, non sarebbero più i nostri di soldi ad essere persi, ma i loro.!!! Scommetto che già da li molte persone si lamenterebbero meno di un fallimento.
Da una parte sono d'accordo sull'ingiustizia nel dare il made in Italy a prodotti fabbricati all'estero; e anche nel dare disagi a tutte quelle persone che hanno contribuito a far si che il "made in Italy" non sia solo un marchio ma anche una garanzia.

Dall'altra parte però, vedo questi imprenditori, che in tutti questi anni, dove sono stati abituati dai nostri "governanti", si trovano davanti ad una realtà di crisi internazionale, che li porta come nel mondo animale, a prendere delle decisioni. Come l'animale, che nel tempo attua delle modifiche genetiche e fisiche, l'imprenditore italiano fa lo stesso. senza pietà, con un'unico scopo: continuare ad essere/fare, quello che i nostri inamovibili "governanti" gli hanno permesso.

guido ghidoni 27.11.10 13:09| 
 |
Rispondi al commento

Gruppo FILANTO - FILIGRANA (Calzature)
dal Salento all'Albania

LAMERICA non è più qui ma lì!!!!

Paolo Madaro 27.11.10 13:07| 
 |
Rispondi al commento

Il blog potrebbe organizzare un bel boicottaggio di tutte le ditte che pur avendo delocalizzato all'estero continuano ad usare il marchio Made In Italy.
Magari fornirci pure degli indirizzi a cui potremmo spedire mails in cui spieghiamo ai managers non solo che li stiamo boicottando ma anche il perchè e pure promettergli che ricomincieremo a comprare i loro prodotti quando ritorneranno in Italia...

Lucio Domizio (enobarbo) Commentatore certificato 27.11.10 12:47| 
 |
Rispondi al commento

Il problema del Made in Italy e un punto dolente da troppo tempo, vorrei inoltre ricordare che anche capi che si confezionano in Italia non sono fatti da mano d'opera Italiana bensì da cinesi.

Non è una questione di razzismo ma spesso mi chiedo:

Questi qui, dove spendono i soldi guadagnati in Italia? Li depositano in Cina o nelle nostre banche? Fanno girare la nostra economia o la loro? a Milano ho visto la prima Bank of China, il che la dice lunga su come ci stiano rivoltando come un calzino a favore loro.

Faccio la stilista da 10 anni e conosco numerose aziende che affidano la loro produzione ai cinesi qui in Italia, poi usano il made in Italy. La domanda è veramente Made in Italy o no?

Non sono un'economista quindi non posso fare altro che farmi domande e sperare che qualcuno più esperto di me mi dia una risposta.

Ho visto personalmente giacche di CORNELIANI arrivare dalla Cina ma sinceramente non ricordo se all'interno portava la dicitura made in Italy.

Spero che ci sia qualcuno che risponda alle mie domande. Mi auguro che questo commento non vada perso. Troppe volte ho sentito dire cavolate sul made in Italy da persone che non vivono la realtà manifatturiera Italiana.


Sono d'accordo sul fatto che non si debba permettere di marcare col Made in Italy le merci prodotte fuori dall'Italia, ma l'idea che mi frulla per la testa, al fine di porre fine allo scandalo delle "delocalizzazioni", è la seguente:
ognuno è libero di delocalizzarsi, ma occorre non permettere che anche un solo spillo delle fabbriche da delocalizzare esca dall'Italia. In fin dei conti le fabbriche nate in Italia sono nate con il concorso dei soldi degli Italiani ed hanno prosperato col lavoro degli Italiani.
Gli industriali possono senz'altro delocalizzarsi, ma giusto con la camicia che hanno addosso e vedremo quanti saranno a farlo!

Carlo Dellarole 27.11.10 12:34| 
 |
Rispondi al commento

La Dernier Natìf produce in Italia con il marchio made in italy ed è al 100% realmente Italiana, sia nella lavorazione sia nei lavoranti che nel designe dal 1928 ecc.
Non ha mai delocalizzato e tanto meno chiesto aiuti di stato o altro, perciò esistono ancora (seppur poche) aziende che vanno tutelate, altrimenti se le perdiamo tutte diventaremo una succursale della Cina, che di fatto ha già acquistato e sta ancora acquistando gran parte dei nostri debiti.


Moreno Corelli Commentatore certificato 27.11.10 12:28| 
 |
Rispondi al commento

Ho detto la stessa cosa in un commento pubblicato da Beppe come Post tempo fa!

Il MARCHIO "Made In Italy" deve essere registrato e autorizzato...chi lo vuole deve dimostrare che produce ijn Italia...e deve anche PAGARE per poterlo usare.

Massimiliano P., Bologna Commentatore certificato 27.11.10 12:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sono perfettamente daccordo,la marcegalia quando fa finta di indignarsi, lo dovrebbe fare anche nei confronti dei suoi colleghi, che allegramente chiudono aziende nel bel paese, lasciando alla fame tanti poveri cristi che non anno nessuna colpa tranne quella di abitare in un paese di m.....e vano ad arricchirsi altrove tutta questa illegalità è permessa perchè il bel paese è il paese della illegalità, uno con più è disonesto più è bravo, il pesce puzza sempre dalla testa, visto c he la testa è in decomposizione!!!!!quando questi riportano i loro prodotti made in itali bisognerebbe applicare loro dei dazi al 10.000 x 100, in un paese serio, da noi....

remo caretti 27.11.10 12:06| 
 |
Rispondi al commento

ci sono almeno 4 cose che sono state proposte come oro e si sono rivelate merda.

il nano col bipolarismo
l'euro con l'eurolandia allargata ad est
l'immigrazione con permessi e cittadinanze facili
l'abolizione del protezionismo autarchico

poi ce ne sono di altre però queste sono state talmente imposte attraverso i media che chi si opponeva veniva trattato come una merda dalla massa di polli alevati a suon di ideologismi.

ora però tutti i nodi vengono al pettine

bruno bassi 27.11.10 11:41| 
 |
Rispondi al commento

i nostri nonni hanno affermato il made in italy nel mondo - i nostri padri lo stanno sputtanando nel mondo - ora sta a noi sapere che cosa caxxo vogliamo farne con questo MADE IN ITALY di certo se continuiamo cosi tra qualche anno ci possiamo pulire il culo con quasto marchio

zhebù__di più 27.11.10 11:39| 
 |
Rispondi al commento

MIVAR

UN' AZIENDA CHE È STATA SEMPRE CONTRO LA GLOBALIZZAZIONE E CHE ORA SOFFRE DELLO STRAPOTERE ASIATICO E DELL IGNORANZA POLITICA ITALIANA.

AIUTIAMO LE NS VERE AZIENDE ITALIANE CHE SONO QUI E CI RESTANO DANDO PANE QUOTIDIANO ALLE FAMIGLIE ITALIANE.

Ale Me (ale64), Trecate Commentatore certificato 27.11.10 11:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

DE LONGHI

Ale Me (ale64), Trecate Commentatore certificato 27.11.10 11:22| 
 |
Rispondi al commento

OMSA

Ale Me (ale64), Trecate Commentatore certificato 27.11.10 11:21| 
 |
Rispondi al commento

FIAT

Ale Me (ale64), Trecate Commentatore certificato 27.11.10 11:20| 
 |
Rispondi al commento

BIALETTI

Ale Me (ale64), Trecate Commentatore certificato 27.11.10 11:19| 
 |
Rispondi al commento

la piu bella sul governo che tocca tutti noi e quella del patentino per installare il router di internet
QUESTI DEMENTI CHE NON SANNO NEPPURE COSE INTERNET....ANDREBBERO TUTTI .....
OGGI MI SENTO MOLTO LEGITTIMATO A

BOICOTTARE LO STATO
BOICOTTARE TUTTE LE FESTE DELLO STATO
SPECIE QUELLA DEL 150 ANNO DI ITALIA
BRUCIARE LE SCHEDE ELETTORALI
MA DATO CHE IN ITALIA CI SONO GLI ITALIOTTI
L UNICA MIA SODDISFAZIONE SARA QUELLA DI POTERE STRACCIARE LA SCHEDA ELETTORALE IN FACCIA AL MESSO COMUNALE QUANDO MI PORTERA LA NUOVA SCHEDA PER LE PROSSIME FUTURE ELEZIONI...

stefano b., rovato Commentatore certificato 27.11.10 11:02| 
 |
Rispondi al commento

ve ne siete accorti ora?????sono 20 anni che va avanti questa truffa....io ho perso l 80% del lavoro 10 anni fa e nessuno ne parlava di queste situazioni ...si diceva che la globalizzazione era un bene x l'umanità...è un bene solo x che ha il potere di fare che caxxo gli pare...solo che 10 anni fa non andava di moda stare dalla parte dei no global..il made in italy andrebbe tolto a chiunque produca anche solo il 10% al estero...mentre adesso è esattamente il contrario...

maurizio 27.11.10 10:53| 
 |
Rispondi al commento

-Dove eravate quando quei ragazzi prendevano mazzate dai terroristi del governo?
-Cosa avete Fatto quando quei ragazzi venivano etichettati Sovversivi dalla stampa del governo?
-Come avete contrastato la politica dei globalizzatori?

Facile chiedere aiuto Ora avendo tenuto vigliaccamente il proprio culo al caldo e sicuro a casa e magari criticando Proprio il Movimento vero?

Vaffanculo!

Ale Me (ale64), Trecate Commentatore certificato 27.11.10 10:39| 
 |
Rispondi al commento

In Alto Adige un' azienda che ha completamente delocalizzato( c'è solo la logistica a Mantova e il marketing e direzione a Bolzano) è la Thun ( oggettistica, acchiappapolvere a forma di angeli, animaletti ecc). Le vernici però sono spedite in cina e provengono da una ditta locale e per questo si fregiano del Made in Italy.

Teresa Fortini 27.11.10 10:36| 
 |
Rispondi al commento

questo post e questo argomento meritano la ribalta del post principale, in home page.
Qui ci stanno TOGLIENDO il futuro. Nostro e dei nostri figli.
E non è la crisi a togliercelo, ma l'AVIDITA' di certi imprenditori, con la collusione dei politici.
Ragazzi, ma ci rendiamo conto che a questi personaggi manca la lungimiranza???? non riescono a vedere le conseguenze delle loro azioni!

Paolo R., Padova Commentatore certificato 27.11.10 10:35| 
 |
Rispondi al commento

Segnalo questa legge:

http://www.governo.it/GovernoInforma/Dossier/legge_made_italy/LEGGE_55_Made_Italy.pdf

e questo comunicato:

http://www.governo.it/GovernoInforma/Dossier/legge_made_italy/MadeIn_Brochure.pdf

rolla lorenzo 27.11.10 10:29| 
 |
Rispondi al commento

i cinesi sono riusciti a contraffare anche il marchio (CE comunita europea,con C E cina export)attenzione alle luci natalizie!che si trasformano in disgrazie OK; quando vengono sequestrate dalla guardia di finanza molte di queste merci vengono triturate e portate in discariche,quando finiscono nelle mani di chi le compra si rischia da l'avvelenamento alle ustioni o danni che si creano nel tempo.siamo in guerra diceva Grillo qualche tempo fa (e ce'poco da ridere)

gagliardo giuseppe 27.11.10 10:27| 
 |
Rispondi al commento

Questo grazie ai nostri politici, noi gli diamo il voto e loro ci danno la disoccupazione...Se cotinua cosi anche se scriveranno "made in italy" non venderanno comunque perchè la gente stà perdendo il lavoro e non ha più soldi per comprare. Vedi il caso della FIAT, fa le macchine in Polonia, licenzia gli operai degli stabilimenti italiani e poi pretende che gli italiani (disoccupati) comprino la Panda o la 500 (fatte in Polonia).

paolo s 27.11.10 09:52| 
 |
Rispondi al commento

riguardo al tema bisogna fare chiarezza
su alcuni altri argomenti importanti (avere bene chiare le cose)
quante volte per PURO INTERESSE DICIAMO SI A DELLE VERE STRONZATE PSEUDOFILOSOFICHE......

cosa pensate per risolvere la fame del mondo....
DARE PRESERVATIVI(VENDERE...NDR)AI PAESI PIU POVERI
EQUAZIONE... -figli + cibo per tutti
tutti d accordo....
RISPOSTA e una gigantesca bugia
AL MONDO C E CIBO PER PIU DI 10 MILIARDI DI PERSONE....
solo gli u.s.a producono 7 volte il loro necessario....
ma allora perche???
SEMPLICE C E LA PRECISA INTENZIONE DI ARRICCHIRSI OLTRE L IMMAGINARIO
OLTRE LA STESSA DURATA DELLA VITA
es..
una banca investe 100 per guadagnare 200...
(ma il mercato e quello che e.....)
invece di 200 ne guadagna 150.... e in perdita di 50??????
no ha SOLO GUADAGNATO SOLO 50 DEL SUO PREVISTO PROFITTO....
quale la sua SOLUZIONE AL PROBLEMA .....
DIMOSTRANDO LA SUA GRANDE ABILITA FINANZIARIA
taglia ...taglia .. taglia i rami secchi(SECONDO LUI)
quei rami secchi che gli hanno dato quella sicurezza di guadagnare quei 50 % di profitto
e si rivolge verso altri ....rami piu economici
(ricordate il tema del preservativo
di prima????)
equazione
-operai italiani qualificati + cinesi rumeni indiani.... senza diritti senza sicurezza del lavoro (che costa ....)
uguale +profitto
(quel 200 % previsto da quella banca)
ma questa non e abilita finanziaria e UN CRIMINE A NORMA DI LEGGE.... E LA LEGALIZZIONE DELLA SCHIVITU a norma di legge)
lo tolleriamo finche sono (pensiamo) gli altri a subirne....
MA ADESSO SCOPRIAMO CHE LE VITTIME SIAMO NOI
le nostre ex industrie italiane....
CHE BEN VENGA LA LISTA DELLE FABBRICHE LOCALIZZATE
E CHE SIA DA SCARICARE IN PDF
LE STAMPEREMO UNA COPIA DA PORTARSI DIETRO OGNI VOLTA CHE .."DOBBIAMO" COMPERARE QUALCHE COSA IN NEGOZIO per potere dire al commesso rifiuto quella marca SCHIAVISTA E SFRUTTATRICE
senza di noi loro non possono esistere...noi invece...

stefano b., rovato Commentatore certificato 27.11.10 09:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Ronnie Ansaldo,
va bene non conviene più lavorare in Italia,
hai ragione.
E' meglio colonizzare i Paesi poveri, sfruttare quelle persone che non compreranno mai i prodotti delle ns. aziende perché troppo poveri.

Noi italiani, smetteremo di lavorare perché a meno di così ci vai te a lavorare,e poi perché in Italia non ci sarà più una fabbrica aperta. Quindi
non avremo i soldi per comprare come 10 anni fa,
i prodotti di queste aziende che delocalizzano.
Secondo me alla fine il mercato andrà in tilt, perché non bisogna essere economisti per capire che il giochino durerà poco.
Pochi ricchi, poca classe media che produce e molta classe media che non produce (statali, impiegati,ecc.) quanto resisterà ancora il sistema?
O cambia subito qualcosa, oppure sarà un problema per tutti.

Filippo Franchini (filipfonky) Commentatore certificato 27.11.10 08:48| 
 |
Rispondi al commento

Beppe non bisogna perdersi d'animo ci viene richiesto di fare qualcosa. I nostri strumenti sono i referendum (che abrogano leggi) e le leggi popolari... Non una ma 10 100 1000 raccolta di firme vanno fatte... li sommergeremo... non sapranno più dove mettere gli scatoloni. L'errore è fermarsi adesso.. Scadono le firme che abbiamo portato? Ci procureremo di rinnovarle tutte e aggiungeremo anche la proposta della legge Made in Italy.
Le tue provocazioni danno frutto, in politica copiano (il virus si diffonde) le tue idee, guarda Renzi... Questo frutto è positivo... Bisogna continuare ANCHE su questo fronte Beppe...

Paola F. Commentatore certificato 27.11.10 08:47| 
 |
Rispondi al commento

Che fine hanno fatto i NO-Global?

In televisione non se ne vede più uno.

Forse perché avevano ed hanno ragione?

Sono un'artigiana toscana nel settore della moda, e
purtroppo ho visto piano, piano finire il lavoro, senza che nessuno, sindacati,noi stessi artigiani
c/terzisti,operai, dicesse qualcosa.

Oltretutto, con questa storia della delocalizzazione, chi è rimasto a lavorare in Italia per le griffes, viene strozzato nei prezzi, con il ricatto, altrimenti qui non conviene piu,etc......ed io mi sono trovata, per potere pagare le spese, (non ce la faccio lo stesso) a lavorare 15,16,17 ore al giorno.
Domanda: "Ma non è che siamo diventati un Paese del terzo mondo ?


La Cina da tempo mantiene artificialmente basso il valore dello yuan: questo lo sanno tutti e infatti tutti protestano. Uno yuan basso fa costare di più le importazioni dall’estero, ma contemporaneamente favorisce le esportazioni cinesi. I prezzi dei prodotti cinesi battono i nostri anche per questo e i nostri mercati ne sono invasi.

ok x la globalizzazione ma con regole uguali x tutti e cambi monetari alla pari;
altrimenti non partecipi alla globalizzazione e
quello che produci lo vendi nel tuo paese;

aldo bianchi 27.11.10 06:43| 
 |
Rispondi al commento

Thun

Spacciati come made in Italy e fabbricati a Thangshan in Cina

C'e' anche un gruppo su Facebook

Andrea G. 27.11.10 05:45| 
 |
Rispondi al commento

D'accordissimo, solo chi produce in Italia può indicare sulle etichette Made in Italy. Consumatori osservate bene dove la merce viene realmente prodotta, non solo l'etichetta; essa non è veritiera. Fanno pagare prezzi italiani, a prodotti che di italiano non hanno nulla.

Ferdinando S., Roma Commentatore certificato 27.11.10 05:12| 
 |
Rispondi al commento

ma avete idea che vuol dire avere una azienda che produce in italia con personale italiano?

vuol dire essere fuori mercato! fallimento, bancarotta. Ecco cosa vuol dire.

dovrebbero prima cambiare la testa dei nostri "operai e impiegati" che la dovrebbero piantare di accamapre sempre diritti e mai doveri. poi bisognerebbe darsi una regolata con i contributi. il costo del lavoro in italia e' uno tra i piu' alti.

ma allo stato delle cose attuali un matto terrebbe ancora un azienda in italia!

Ronnie Ansaldo Commentatore certificato 27.11.10 05:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

QUESTA E' DAVVERO UNA LOTTA IMPORTANTE... si potrebbe fare un codice tipo ricarica telefono, che uno gratta e invia tipo sms o via mail, e ti rispondono con un messaggio che autentifica il made in Italy, certificato e garantito dal Governo Italiano, che sia obbbliagatorio su tutti i prodotti davvero made in Italy... e chi non produce in Italia con prodotti italiani non può averlo... dall'abbigliamento al cibo, fino alle auto

marco carrer 27.11.10 03:32| 
 |
Rispondi al commento

Guardate dietro un iPhone signori: designed in California, assembled in China. Stipendio medio di un ingegnere Apple in California: 200mila USD, stipendio medio dell'assemblatore cinese 2mila USD. Rischio di delocalizzazione per I centri di design Apple in California: zero. Rischio di delocalizzazione per chi assembla prodotti in Italia (e pretende uno stipendio pari a 10 volte quello di un assemblatore cinese): 100%.
Invece di piangere per la delocalizzazione che e' inevitabile (tranne per I Servizi protetti da barriere linguistiche, come ad esempio il servizio di intrattenimento di un comico - ecco perche Grillo non teme la concorrenza Cinese o Indiana, beato lui) cercate di far si che I vostri figli diventino designer in questo nuovo mondo e non assemblatori. Oppure iscriveteli a Scuola di comico italiana

Marco Arosti 27.11.10 01:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho recentemente visto su rainews24 una intervista al presidente della repubblica di Ecuador, Rafael Correa, in cui con lucidità impressionante venivano analizzati gli effetti disastrosi della globalizzazione sull' umanità. Il senso del suo messaggio era il seguente: "SONO LE SOCIETA' E GLI STATI NAZIONALI CHE DEVONO DOMINARE I MERCATI, NON I MERCATI A DOMINARE LE SOCIETA'. IL MERCATO E' FATTO PER SODDISFARE I BISOGNI DEGLI UOMINI, NON VICEVERSA !!". Credo sia un messaggio di incredibile importanza. Invertire questo nesso è la nuova sfida per l'umanità.

Giovanni Mazzei 27.11.10 01:10| 
 |
Rispondi al commento

SACROSANTO.

riccardo ivani, savona Commentatore certificato 27.11.10 00:53| 
 |
Rispondi al commento

Il costo del lavoro è la variabile chiave dell'economia.
Il tasso di rendimento(profitto) è l'obiettivo principale.
Da questi due dati,si concepisce perchè si delocalizza.
E' il ...Capitalismo signori.

P.S.
http://www.youtube.com/watch?v=fG5HWd5nkFQ&feature=related
Noam Chomsky (lotta di classe)

Lovigio II (na) Commentatore certificato 27.11.10 00:49| 
 |
Rispondi al commento

le fabbriche cinesi di prato piene di poveri cinesi clandestini e usati come schiavi, come le cataloghiamo?? Dovrebbe essere Made in Italy.
La scorsa stagione una puntata di Report sul distretto dei divani mise in luce due marchi famosi, Divani&Dicani e Chateax d'ax che si servono di questi terzisti cinesi IN ITALIA per farsi produrre i divani alla metà del prezzo delle botteghe italiane. Questo grazie ai lavoratori che sfruttano per 12 ore al giorno assunte con contratti part time e fatte lavorare anche la domenica.
Ecco, a me questo tipo made in italy FA SCHIFO.

Alessandro I. Commentatore certificato 27.11.10 00:46| 
 |
Rispondi al commento

L' idea è buona, dai. Se nessuno comincia, non si va avanti.
A Report avevano parlato di un' azienda di divani gestita, da due donne, che produceva tutto da sè in Italia e con manodopera italiana, senza trucchi.
Come faccio a trovarla?

Andrea Lanteri Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 27.11.10 00:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E'vero i prodotti made in Italy sono costosi, ma spesso li acquistiamo pensando che siano davvero fatti in Italia e quindi qualitativamente validi, invece non lo sono per niente (vedi i casi Bialetti, Geox, Hogan,ecc.).
Bisogna creare un sito (tipo nuclearbanks.org) che ci indichi con esattezza i marchi e le ditte che hanno decolonizzato e quelli che nonostante ciò utilizzano ancora impropriamente il "Made in Italy". Almeno sapendolo, potremmo scegliere di non acquistare più questi prodotti.

Patrizio Di Maio 27.11.10 00:36| 
 |
Rispondi al commento

fatemi e fatevi un favore.

quando entrate in un negozio di abbigliamento o una boutique (intanto fa lo stesso), controllate i cartellini di magliette, maglioni, jeans ecc. e provate ad acquistare un prodotto made in italy, specialmente di noti e blasonati marchi di moda.

mi sa che uscirete a mani vuote.

ivan m. Commentatore certificato 27.11.10 00:09| 
 |
Rispondi al commento

Il nostro made in italy oggi lo fanno solo i cinesi di prato.

Paolo Piconi Piconi paolo (m.a.d.r.e.i.t.a.l.i.a.n.a.), Roma Commentatore certificato 27.11.10 00:06| 
 |
Rispondi al commento

Giusto che sia cosi , almeno impariamo noi e loro.

salvino roma (com) Commentatore certificato 27.11.10 00:04| 
 |
Rispondi al commento

penso che in tanti compreranno lo stesso,la legge
poi non la faranno mai,visto che ormai la poltica
è in mano all'economia.

giorgio p., san vittore olona Commentatore certificato 26.11.10 23:46| 
 |
Rispondi al commento

se è prodotto all'estero da una ditta che ha anche una sede in italia non può scrivere made in italy perché se lo fa l'avvocatura dello stato potrebbe fargli causa e anche le aziende che producono in italia per concorrenza sleale e per truffa aggravata e continuata.

Secondo me non occorrono neppure nuove leggi ma è sufficiente la buona volontà della magistratura dietro la denunzia di quelche sindacato o di qualche ditta che realmente produce tutto in italia.

bruno bassi 26.11.10 23:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori