Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il massacro dei cervi in Veneto


cervo_parco_Cansiglio.jpg
I cervi in Veneto danno fastidio, ce ne sono troppi. Quando uno si avvicina alle montagne è un fiorire di cervi da tutte le parti che disturbano i veneti e i turisti. Per questo verranno abbattuti 1000 cervi nel parco del Gran Cansiglio tra Belluno e Treviso. La città di Cervinara in provincia di Avellino ha chiesto di accogliere i cervi per ripopolare le montagne irpine. Deciderà l'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA), ente sottoposto al Ministero dell’Ambiente.
"Un'altra devastazione contro la natura. Evidentemente la lezione della alluvione, ai veneti, non è bastata. Stanno per abbattere 1000 cervi. Ma andate a caccia della vostra materia grigia e sparategli, ammesso che riusciate a trovarla. Pace e Bene." Luca Popper, Milano

Invia una mail all'ISPRA per salvare i cervi.

19 Nov 2010, 18:08 | Scrivi | Commenti (66) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

La vera violenza è immettere (o lasciare che prolifichino a dismisura) sul territorio animali alloctoni, che trovandosi in competione con animali autocnoni ne causano la inesorabile ma silenziosa scomparsa. Quanti si sono accorti della quasi scomparsa del nostro scoiattolo rosso a favore dello scoiattolo nero originario del Canada quanti parlano dell' invasione di cornacchie grigie e gazze che fanno scempio di nidiacei di pennuti e non solo, E le nutrie? Originarie anche queste del Nord Amaerica,il famoso castorino , animale da pelliccia economica tanto in voga negli anni 70/80, sono un gastigo per il territorio e per la fauna. Amare la natura non è proteggere tutto e tutti indiscriminatamente, ripristinare equilibri che si sono consolidati da millenni fare scelte anche difficili e impopolari.Questa è la strada.

Alessandro Paoli 28.11.10 12:14| 
 |
Rispondi al commento

E' ecologia..se l'ambiente in questione non riesce a supportare il carico bisogna ridimensionare la popolazione dei cervi, modi per farlo ce ne sono diversi, il meno dispendioso e' sicuramente l'abbattimento della plusvalenza

Franz 23.11.10 23:41| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti, a proposito vorrei proporvi un brevissimo ragionamento sulla questione dei cervi.
Quello che sta succedendo sarebbe bello che capitase in tanti altri luoghi, ancora sufficentemente adatti e selvatici, della nostra Italia, e cioè che la Natura risponda con forza e che tanti altri animali possano istintivamente riprendersi quegli spazi che erano loro da sempre, prede e predatori insieme. Una ricolonizzazione naturale.
Questo comporterebbe un forte adattamento sopratutto nell'uomo che condividendo con gli animali questi luoghi ne farebbe parte proprio in favore della Natura, e con essa esistere e lavorare per mantenerla tale.
Lo ammetto, non mi piace la caccia, mi piacerebbe che i "cacciatori" fossero dei controllori professionisti della salute degli animali, in collaborazione con guardie forestali ancora più preparate al servizio della collettività, e che con ragioni di buon senso abbattano quelli malati o sofferenti e, se e dopo prese in considerazione le possibilità anche di spostarli, arrivare anche ad una riduzione di numero dove ancora non si sia stabilito un equilibrio naturale.
Dipende da noi uomini il destino della Natura, quella che sta intorno a noi è quella che dobbiamo controllare e lasciare naturale, e lottare per non farla andare in rovina.
La Natura è la casa dell'uomo.
Grazie ciao

Ciro Paolo Bonato Commentatore certificato 23.11.10 22:03| 
 |
Rispondi al commento

I cervi, quanso sono troppi, sono la catastrofe del bosco. Inoltre un numero eccessivo limita quello dei caprioli e, dunque, contrasta la biodiversità.
L'ISPRA è un istituto serissimo e se darà la sua approvazione possiamo essere certi che è sacrosanta.
Se Cervinara, in provincia di Avellino, vuole i cervi del Cansiglio, non deve fare altro che pagarsi la cattura, l'inscatolamento dei capi catturati, il trasporto in loco, lo smaltimento come rifiuto speciale di quelli morti di stress, la costruzione di recinti di ambientamento, l'arruolamento di sufficienti guardiacaccia che evitino l'attività di bracconaggio a carico dei nuovi venuti.
Per contro, tutti coloro che si oppongono all'abbattimento dei cervi in sovrappiù, facciano il piacere di fornire generalità, indirizzo e codice fiscale per poter addebitare a loro tutti i danni al patrimonio forestale derivanti dall'eccesso di cervi.

Marco Buzziolo 22.11.10 18:26| 
 |
Rispondi al commento

Abito a 30km dall'altipiano del Cansiglio, e vi vado spesso da appassionato di fotografia naturalistica.
I cervi del Cansiglio non sono una specie endemica ... almeno non storicamente.
Vent'anni fa, quand'ero ragazzo cervi in Cansiglio ce n'erano solo una ventina in un recinto del Museo Ecologico gestito dalla guardie Forestali e io li ho visti in visita guidata con la scuola.

Questi cervi sono fuggiti in quel periodo dal recinto in un anno di nevicate abbondanti ( e forse a causa di qualche rete poco resistente ) e si sono riprodotti al punto che oggi la popolazione dei cervi è di qualche migliaio di esemplari.
Purtroppo, non ci sono predatori naturali e ora sono estremamente numerosi ( da fotografo e genitore lo apprezzo, è più facile riprenderli e mostrarli ai figli ).

Io non so quale sia il sistema migliore per evitare una crescita esagerata di questa popolazione ( causata dall'uomo che vorrebbe rimediare con metodi che probabilmente causerebbero solo altri danni ) ma da anni si aspetta che arrivi il lupo (ormai abbastanza vicino) e qualche altro predatore naturale ... ma questo non si può pilotare e non si sa quanto bisognerà aspettare.

Il problema esiste e la soluzione non è semplice ... e qualunque sia non accontenterà tutti ma solo una parte ( per semplificare: o i cacciatori o gli ambientalisti ).

Sono contrario alle forme di inciviltà, di intolleranza e di limitazione della libertà personale, tuttavia, anche in questo blog (meglio nei commenti in questo blog) leggo fra le tante voci costruttive, di buon senso e buona volontà anche quelle che manifestano solo arroganza, acidità e prepotenza ( per non usare altri termini ): quindi non stupiamoci delle decisioni che vengono prese in altre sedi, come "uomini" apparteniamo a diverse "specie" con valori e pensieri diversi ... potremmo però cercare di incontrarci se non nelle idee dove è giusto e positivo differenziarsi, almeno nel modo di esprimerle ... da CIVILI: cominciamo da qui magari.

Luigi 22.11.10 10:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve, leggo da tempo il blog di Beppe Grillo, scrivo per la prima volta ... Io abito in città, ma scusate, non mi si può dire che non posso comprendere la questione.
Amo andare nella Natura ma non lo faccio molto spesso, ho paura dei cacciatori che come sappiamo sparano addosso anche alla gente, poi comunque vado dove mi è possibile, di certo non utilizzo l'automobile, dipende da quanta strada ho voglia di fare a piedi, ripeto non uso l'auto, vi giuro che ho visto delle persone fare dei percorsi in montagna con la macchina, inquinando quindi, è una cosa veramente assurda, fuori da ogni logica e qui rispondo anche a chi dice che gli animali possono provocare incidenti stradali, ma non sono loro ad essere nel posto sbagliato. Vediamo veramente di non ammazzare degli esseri viventi perchè danno noia a qualche persona intollerante, che crede che il Pianeta sia solo degli umani e delle automobili.
Poi che ci sia bisogno di pianificare la situazione lo capisco, solo non stupiamoci se questi animali hanno fame, soprattutto non pensiamo di risolvere abbattendoli.
Giusto oggi leggevo che in Liguria saranno installati speciali dissuasori ottici ai bordi delle carreggiate di alcune strade provinciali, il sistema sarebbe già stato collaudato all’estero con buoni risultati.
Saluti ...

Emilia Olivieri, Genova Commentatore certificato 21.11.10 18:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per l'Ambiente, è dimostrato, 1 solo veneto è più dannoso di 1000 cervi.
Per l'Ambiente basta 1 turista a fare lo stesso danno di 1000 veneti.
Dunque se fate due conti sul serio vedrete che per l'Ambiente sarebbe meglio
togliere un milione di veneti o un miliardo di turisti.

Paolo Galante 21.11.10 18:47| 
 |
Rispondi al commento

Eh si,costerebbe troppo la cattura e il trasporto degli animali in un altra zona...meglio sprecare questi soldi per un ora di volo di un aereo da caccia impiegato nelle nostre famose "MISSIONI DI PACE"

simone g., Trieste Commentatore certificato 21.11.10 15:10| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Popper, vogliamo parlare della materia grigia dei milanesi che sfruttano gli immigrati per fare i lavori per l'expo? Il lambro è in veneto o in lombardia?
Di panni sporchi sono piene tutte le case! E tu per una giusta causa non puoi generalizzare come fanno quelli della lega e dire che "l'alluvione non è bastata ai veneti".
Ti dovresti vergognare di dire cose simili!
E poi il tuo nome è tutto un programma...

Luca Miotti 21.11.10 13:58| 
 |
Rispondi al commento

Abito in un paese alle falde del Cansiglio; sì è vero i cervi , da pochi esemplari iniziali, si sono moltiplicati in modo esponenziale, senza alcun freno, non essendovi predatori naturali nei territori .
Dunque appare plausibile che se la natura non può farlo, siia l'uonmo a ristabilire un migliore equilibrio con l'ambiente. Certo, i cervi in "eccedenza" potrebbero essere trasferiti in altri parchi, anche se i costi economici dell'operazione potrebbero essere molto elevati.
In conclusione non mi pare si possa gridare al massacro o sollevare inutili polveroni .

luis 21.11.10 07:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ATTENZIONE ALLE FALSE BATTAGLIE E AL BUONISMO,CHI VUOL FAR CREDERE DI AMARE "MOLTO" GLI ANIMALI IN GENERE NON AMA GLI UOMINI;E LO DICE UNA CHE GLI ANIMALI LI AMA E S'INDIGNA QUADO ARRIVA LA STAGIONE DELLA CACCIA.NON SI DOVREBBE GIUDICARE UN PROBLEMA PRIMA DI AVERLO ANALIZZATO.SALUTI.

lilli r. Commentatore certificato 21.11.10 05:20| 
 |
Rispondi al commento

Sono ambientalista e spererei che per i cervi si trovasse un'altra soluzione che non sia quella della morte. Sono veneta, iscritta al blog di Grillo da quando ero ancora in fasce. La uso un pò come credenziale perchè vedo lanciare critiche al "popolo veneto" come avessimo tutti le facce dei leghisti xenofobi. Sono veneta e non padana, sono anni luce lontana da quegli idioti campanilisti che pensano di risolvere i loro problemi chiudendosi tra i confini padani. Credo nel rispetto dell'altro, di qualunque fede e religione, razza .... e trovo ingiusto che alcune persone in questo blog dia giudizi negativi agli abitanti di questo territorio generalizzando esattamente come fanno i leghisti verso tutti quelli che stanno al di là del Po!!! Attenzione, state facendo il loro gioco. Qui c'è tanta gente che non la pensano come loro!! E tanti non si sentono per niente rappresentati da loro. Per cui invece di dividerci, che loro godono, cerchiamo di unirci. Baci a tutti gli amici del Sud!!

cinzia zamboni 20.11.10 23:04| 
 
  • Currently 3.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

A Zaia e compagni bisognerebbe sparargli in bocca ogni volta che parla perchè poi fa il contrario.
Paroni a casa nostra... adesso sta espropriando mezzo Veneto per fare autostrade... tante autostrade e i vari politici leghisti... anche loro... seguono il capo: Sti kankari

silkvana De 20.11.10 23:02| 
 |
Rispondi al commento

Per favore amici veneti intervenite e scrivete che voi NON LA PENSATE COME GLI IDIOTI CHE HANNO FATTO QUESTA PROPOSTA. Sono sicuro che la stragrande maggioranza di voi la pensa così - e mettiamo fine alla polemica!

Marco P. Commentatore certificato 20.11.10 21:47| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Egregio Luca Popper, i veneti la ringraziano per aver loro consentito di dedicarle una sonora pernacchia!!

Volatile pn 20.11.10 20:48| 
 |
Rispondi al commento

Ieri ho letto da qualche parte che il comandante del corpo di polizia municipale di non so quale paese ha dichiarato che è l'alluvione del Veneto è colpa delle volpi.
Perchè scavano le tane e gli argini cedono: e con questa "giustificazione" ha detto apertamente che si devono uccidere.
Che schifo.....

GIUSEPPE F. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 20.11.10 17:09| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chi dice che non bisogna ridimensionare il numero dei cervi evidentemente abita in città e probabilmente non ha minimamente idea neanche di quale problema si affronti.
La soluzione migliore sarebbe quella di spostarne una parte in un luogo in cui non ci sono come proposto sopra: altrimenti la soluzione unica è l'abbattimento. Io sono una di quelle persone che non ama la caccia e ama la natura frequentando molto la montagna e sa che il problema va affrontato. In una certa superfice di territorio non possono vivere animali in un numero infinito, finirebbero per uscire dall'area selvatica e avvicinarsi alle zone antropizzate provocando danni e incidenti stradali. Avete poi mai visto come riducono il bosco i cervi d'inverno? Se la neve è alta e non riescono a trovare il cibo a terra iniziano ad abbassarsi di quota verso i centri abitati, oppure cominciano a mangiare la corteccia degli alberi devastando ettari di bosco: le piante, come gli abeti, una volta scorticati rischiano di morire provocando un grave danno. Senza contare il rischio di contagio di malattie.
Per fare un esempio, due anni fa, in provicia di Belluno una malattia chiamata rogna sarcoptica ha decimato la popolazione di stambecchi e di camosci (gli animali muoiono letteralmente scorticandosi sui massi cercando di liberarsi dagli acari che li assalgono). L'estendersi della malattia è stato anche incentivato dal numero elevato di animali rispetto al territorio disponibile, per cui si sono contagiati facilmente. Molti probabilmente non saranno d'accordo con me ma una caccia di selezione controllata che abbatta gli animali più deboli va fatta per il bene della specie (altra cosa è la caccia fatta da bracconieri senza scrupoli che uccidono magari femmine gravide).
Alcune associazioni di cacciatori due inverni fa hanno addirittura pagato l'elicottero per portare fieno per sfamare gli animali che altrimenti sarebbero di sicuro morti
Prima di parlare a vanvera bisogna conoscere tutti gli aspetti del problema

Dario Franceschini 20.11.10 16:32| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

se i cervi sono davvero troppi si possono narcotizzare e trasportare da un'altra parte ma questo costa, così invece fanno felici gli assassini-cacciatori e li fanno sparare.
Semmai c'è una sola specie sul globo terrestre in grado di rappresentare un vero e proprio pericolo per la vita del pianeta e per l'ecosistema: l'uomo!!! che con la sua autopresunzione delirante sta devastando tutto e non rispetta nulla....

Bruno Cinque (b5), Trieste Commentatore certificato 20.11.10 16:26| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

....evidentemente al "popolo" veneto è arrivata la ritorsione preventiva della natura prima di commettere quest'enorme CAZZATA !!!!!!!!

Isidoro De Rosa, Arzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 20.11.10 15:45| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.youtube.com/watch?v=Kge1AqrSbek


GUARDATE E DIFFONDETE !!!

mattia t., roma Commentatore certificato 20.11.10 15:02| 
 |
Rispondi al commento

SI MERITEREBBERO CHE ROMA LADRONA NON VERSASSE UN EURO PER LA RICOSTRUZIONE. TANTO LORO SONO BRAVI LABORIOSI E RICCHI E NON HANNO BISOGNO DEL "TERUN": QUINDI BONIFICHINO LE LORO CITTA' IMMERSE NEL FANGO CON I LORO SPORCHI DENARI.

riccardo ivani, savona Commentatore certificato 20.11.10 14:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono pienamente d'accordo con chi scrive che non dobbiamo farci problemi a riequilibrare l'ecosistema quando una specie lo altera o diventa troppo numerosa...

...con l'uomo quando si comincia?

Stefano S. 20.11.10 14:18| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Scusate se approfitto dello spazio sul bolg ma riguarda un tema caro a tutti i frequentatori. Grazie


Se anche tu pensi che l’'unica strada sostenibile in materia di energia sia quella del risparmio, dall'’efficienza energetica e dello sviluppo coerente delle fonti rinnovabili e pulite, allora sei il benvenuto

Domenica 21 Novembre
a Vimercate(MB) in Piazza Roma
dalle 14.30 alle 18.30

presso lo stand del WWF Vimercatese, dove stiamo raccogliendo le firme per una proposta di legge di iniziativa popolare in favore delle energie rinnovabili.

Ti aspettiamo!

http://www.wwfvimercatese.it/

Cerca le piazze vicino alla città dove si raccolgono le firme.
http://www.oltreilnucleare.it/

Davide B. Commentatore certificato 20.11.10 13:00| 
 |
Rispondi al commento

Che strano, leggi qua cose sul blog e poi vado a vedere con occhi la situazione e non mi pare la stessa.

Chiedi a onesti agricoltori (non i grandi produttori, quelli piccoli, quelli da un paio di campi per arrotondare) e mi dicono il contrario.

Chiedi agli abitanti che vivono in quei luoghi e ti fanno vedere la ricevuta della carrozzeria per aver tirato sotto (e fatto un incidente che poteva essere grave) uno di questi animali.

Poi vai tu per strada e te ne passano due e uno si schianta quasi contro la portiera (avevo il finestrino aperto e me lo sono visto a mezzo metro dalla faccia in corsa) e l'altro, in anticipo sul compagno, ti schiva il muso dell'auto per una spanna nelle urla della mia ragazza che mi avverte del fatto (mentre io ero distratto dal compare sul lato sinistro) e che quindi mi permette di sterzare (che se c'era uno nell'altro senso di marcia potevamo fare un frontale).

Ma tra fare un incidente o vedere devastato il proprio campo (biologico, coltivato con fatica, senza la speranza di guadagnarci) è sempre più importante IL CERVO...

La prossima volta che faccio il botto in macchina a chi devo mandare la ricevuta?

Francesco Bizzini 20.11.10 12:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Concordo con quanto scritto da Matteo Barattieri, l'articolo crea confusione e segue la dilagante moda dell'anticaccia sempre e comunque. Un Parco naturale non deve proteggere solo gli animali, ma l'ecosistema nel suo insieme (compresi boschi, fiumi, laghi, specie vegetali e perchè no, le attività umane tipiche del luogo). L'Italia è uno dei paesi con la più alta densità umana e ,pertanto, le aree naturalisticamente integre sono poche e ridotte. Una popolazione di cervi che ecceda così fortemente la capacità portante di un ecosistema è capace di avere effetti devastanti sui boschi che occupa. Mangiano infatti gli apici vegetativi degli alberi (grazie ai quali questi si sviluppano in altezza); ciò comporta che il bosco evolverà in uno costituito da alberi vecchi e da una serie di giovani "bonsai", continuamente consumate. Ciò comporta che il bosco ,che il Parco ha il dovere di proteggere, verrebbe completamente rovinato.
Senza parlare degli incidenti stradali (ma tanto la perdita di vite umane sarebbe un giusto tributo alla causa e magari spingerà i montanari ad andarsene da casa loro (o dei cervi?)) e danni all'agricoltura (ma anche gli agricoltori hanno invaso i territori dei cervi, che vadano a vivere e fare il loro lavoro a Milano!).
Ridicola poi l'idea di portarli a Cervinara: bella trovata pubblicitaria (qualcuno ricorda i caprioli piemontesi che si volevano portare in Calabria dove esiste una sottospecie endemica italiana?) e assoluto abominio conservazionistico. Innanzitutto i cervi non sono cagnolini e catturarli è difficile, costoso, e la sopravvivenza degli animali durante il trasporto in camion o affini è quantomeno dubbia (mai sentito parlare di stress?).E quando anche l'ecosistema avellinese non sarà in grado di sostenerli? Dove li porteremo?
Concludendo l'ISPRA è un organo tecnico ed estremamente rigoroso: se gli abbatimenti non sono SCIENTIFICAMENTE giustificati rigetterà la richiesta.

Mattia Bessone 20.11.10 12:25| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Ho capito: NON SONO PREOCCUPANTI I MAFIOSI IN PARLAMENTO, MA I CERVI DEL VENETO....

Annalisa Cammelli 20.11.10 11:33| 
 |
Rispondi al commento

Comunque impossibile mandare una mail all'Ispra,ho provato in diversi modi,ma mi ritorna sempre il messaggio di impossibilità di invio.Come mai?

marina mastrilli 20.11.10 09:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Premessa: sono totalmente contro la caccia praticata per divertimento e come passatempo. La concepisco solo come mezzo per controllare squilibri ecologici, seguendo regole e metodi scientifici.
Ci sono situazioni in cui gli abbattimenti sono necessari per prevenire, appunto, gli squilibri di cui sopra. Ci vorrebbero i nemici naturali che controllino le popolazioni di cervi, cinghiali...ecc.... ovvero lupi, linci e compagnia. Mancando, per il momento questi, siamo obbligati ad intervenire con abbattimenti.

Spostare i cervi da altre parti non ha molto senso. Introdurre specie o esemplari in un ecosistema è un processo complesso e delicato. Non è come spostare dei mobili.
Ritengo che questo articolo crei molta confusione. In questi ambiti puntare sulla pura emotività non ha senso. I cervi in eccesso non disturbano solo i turisti. Causano soprattutto gravi problemi ai boschi.

Matteo Barattieri 20.11.10 06:08| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io sono bellunese, abito a 10 km dal Bosco del Cansiglio.
Non amo la caccia, anzi!
Però il Cansiglio (come altre zone spettacolari ed emozianti nel Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi) è devastato dal gran numero di cervi, ce ne sono veramente troppi!
Il piano di contenimento sottoscritto tra i vari enti competenti lo scorso ottobre stabilisce infatti che i cervi in Cansiglio non possano superare le 1.500 unità, così da garantire all’ecosistema un equilibrio. Per questo nelle settimane scorse si era parlato di abbattere oltre mille cervi.
Ora, se Cervignano li vuole, va benissimo caspiterina! Solo non oso pensare il costo della cattura e del trasporto di 1000 bestioni come lo sono i cervi fino in Campania...

Francesco De Gol 19.11.10 23:03| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

A proposito di alcuni commenti che ho letto.
Se come asserite bisogna controllare il numero dei cervi in veneto,bè seguendo il vostro pensiero,potrei dire che ci sono al mondo troppi esseri umani,che facciamo GLI ABBATTIAMO?
asta siempre

maurizio zupin 19.11.10 21:22| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

I cacciatori sono persone spregevoli (se non cacciano per sopravivenza)della stessa pasta di chi per proprio svago tiene animali in casa (vedi papagallini che in natura fanno migliaia di chilometri e tutti gli altri ,compresi i cani di taglia grande in appartamentini di 40 metri e poi per non sporcare sterilizzano).
Proporrei di aprire la caccia a le sopracitate persone,ai cacciatori sparare con le loro doppiette,ai proprietari di animali sterilizzati e quant'altro di tagliarli le palle , così almeno sapranno cosa si prova,e ti credo che poi rimani fedele al padrone,non ti resta altro.
asta siempre

maurizio zupin 19.11.10 21:16| 
 |
Rispondi al commento

w Cervinara

Luca Luca 19.11.10 20:45| 
 |
Rispondi al commento

purtroppo non ci rimane che godere quando sentiamo notizie di cacciatori abbattuti "da fuoco amico".
Spero possa succedere a più veneti possibile, ma solo a quelli che imbracciano il fucile, così come i piemontesi, lombardi ecc.
Ogni cacciatore abbattuto è una goduria

Alessandro I. Commentatore certificato 19.11.10 20:17| 
 |
Rispondi al commento

Scusate, non riesco ad aprire il link per visualizzare l'indirizzo a cui mandare l'e-mail. Potete aiutarmi? Grazie

Rossana Orsi 19.11.10 19:33| 
 |
Rispondi al commento

Siamo noi essere umani ad aver invasi il loro territorio...

Mario ., Francoforte sul Meno Commentatore certificato 19.11.10 19:16| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE
PERCHE' NON PROMUOVIAMO UNA CACCIA QUI IN VENETO A QUELLI CHE HANNO PROMOSSO LA CACCIA AI CERVI,ZAIA IN TESTA!!!!!
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 19.11.10 19:12| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Pierangelo!! Senza un fattore che autoregoli l'equilibrio, l'ecosistema è destinato destabilizzarsi e crollare.
Il cervo non ha predatori se non l'uomo, quindi non c'è nessun controllo sulla popolazione che possa selezionare la specie limitando l'impatto nell'ambiente in cui vive.
Lo spostamento di un animale in un altro sistema che non prevede la sua esistenza crea più danni che benefici, perchè si innesca una competizione con gli altri animali endemici, modificando in modo irreversibile l'equilibrio del sistema stesso.
Questi scherzetti poi si pagano cari..

Damiano Fant 19.11.10 19:06| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Vedo che il baco del "no alla caccia", del fare da scudi umani a Bambi costi quel che costi, non ve lo siete ancora tolto e probabilmente non ve lo toglierete mai... speriamo che subiate una cocente sconfitta e che la cosa vi serva di lezione... dove li volete mettere? Dove li volete spostare? Dove non sono endemici? Come quando proposero di inserire i lupi quì in Sardegna? Se una specie viene introdotta in un'area dove non è endemica, o da cui manca da troppo tempo, fa soltanto danni. Il ripopolamento di una specie minacciata, o si fa nelle SUE zone e PER TEMPO, oppure non si fa. E quando una specie in una data zona è in sovrannumero, non ci sono santi: va ridotta.

Pierangelo Tendas, Tempio Pausania (OT) Commentatore certificato 19.11.10 18:44| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Aspettate un momento prima di buttare la croce addosso.
Prima di tutto: non c'e' persona che possa amare la Natura piu' di quanto la ami io.
Abito negli Appennini, in provincia di Bologna, dove i cervi, i daini e i cinghiali sono ormai diventati un FLAGELLO. Sono centinaia, migliaia e aumentano di parecchie decine anno dopo anno, distruggono tutto, mangiano tutto, fieno, raccolti interi. Aumentano perche' non hanno gli antagonisti naturali che ne tengono costante il numero.
Non si contano piu' gli incidenti stradali che causano, soprattutto d'inverno quando il ghiaccio, la neve e la fame li spinge verso i centri abitati a branchi numerosi, oppure d'autunno quando sono in amore e sono letteralmente rincoglioniti al punto da non vedere dove vanno.
Natura si, RISPETTO anche, ma coesistenza pure.
Da noi c'e' un Parco, il Parco dei Laghi, e il numero degli ungulati in eccesso e' stato calcolato in 3000 esemplari che pero' nessuno tocchera'. Il Parco e' diventato troppo piccolo per tutti e gia' se ne vedono alle propaggini di Bologna.
Non so cosa stiano facendo in Veneto, ma prima di partire a testa bassa, pensateci e informatevi.
E' solo il mio parere.

R.T. 19.11.10 18:20| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione


Se la prendono con i cervi solo perchè hanno pure loro le corna....

Cornuti !

Capisc'a me

*Antonio Cataldi. (capisc'a me) Commentatore certificato 19.11.10 18:18| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori