Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La Eaton e la delocalizzazione degli italiani


operaio_Eaton.jpg
La multinazionale Eaton ha chiuso la sua fabbrica di Massa. Il motivo? Deelocalizzazione. L'Italia è quel Paese da cui si delocalizza sempre, ma dove non si localizza mai.Dovremo delocalizzare gli italiani.
"Questa mattina sfilavo per le via di Massa insieme a moltissime altre persone. Un corteo di disperati, lavoratori della EATON, immigrati, pensionati, cassaintegrati con scadenza a breve tempo. Pioveva e anche tanto. Un corteo lungo e composto, dignitoso, ma quasi rassegnato. La lunghissima fila era aperta dal vice sindaco e dal presidente della regione toscana Enrico Rossi,e dietro migliaia di operai che venivano anche da lontano. Abbiamo camminato fin sotto al palazzo della Provincia, pochi slogan, pochi fischi, poche parole. Pochi giorni prima i manganelli della polizia avevano dato sfogo sulle schiene di questi poveri disgraziati che esausti e stanchi di non avere risposte, avevano cercato di occupare l'autostrada per attirare un poco d'attenzione. Questo pezzo dell'Italia che sta subendo l'ennesimo sopruso ormai è stanco. Una donna anziana fasciata con una bandiera con su la scritta Unione Pensionati cantava con un megafono, canzoni del secolo scorso, dove si invocava l'unità, la lotta contro il padrone tiranno, la lotte di classe, la rivendicazione al lavoro. Ho chiesto ad un giovane universitario dagli occhi trasparenti perchè era lì... quali erano i motivi e cosa c'era che non andava... Mi ha guardato incredulo... ”Perchè?" mi ha risposto, "Stai facendo una battuta? Non è abbastanza chiaro?...QUI NON VA NULLA". Sara Paglini, Carrara

20 Nov 2010, 18:30 | Scrivi | Commenti (56) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Ecco dove finiscono i soldi dei risparmiatori. INSIDER TRADING: L'FBI FA TREMARE WALL STREET -
http://borsaforextradingfinanza.over-blo...
Wall Street trema. Le autorità federali americane stanno per annunciare le conclusioni, e le conseguenti incriminazioni, di una mega inchiesta per insider trading che ha richiesto tre anni di indagini…
NEL FRATTEMPO:
DALL'UE E DAL FMI SI' AD AIUTI ALL'IRLANDA: PRONTI 90 MILIARDI. PIANO SALVATAGGIO: I FONDI ANDRANNO ALLE BANCHE IN CRISI.ALLE BANCHE, NON ALLO STATO!
Che cosa taglieranno agli Irlandesi? A noi il fondo delle politiche sociali è stato decurtato da 930 a 275 milioni di euro, il fondo per la non autosufficienza da 400 milioni a zero, il fondo del 5 mille da 400 a 100 milioni e, tra finanziaria e manovra correttiva, vengono tagliati 18 miliardi a regioni e enti locali.Come se la passeranno adesso gli Irlandesi e i Greci?Tutti più magri, snelli come silhouettes; ed anche più eleganti. Fra poco a chi tocca? Wall Street trema? Poveri banchieri, che pena!

Claudia - Ts 22.11.10 10:59| 
 |
Rispondi al commento

é singolare che i nostri politici ,i signori della confindustria e finanche qualche sindacato dica che per il bene del l'Italia bisogna fare sacrifici, persino il presidente Napolitano invita alla responsabilità congiunta di tutte le forze sociali ,specialmente in questi difficili tempi per il nostro paese. Ebbene? che fanno i nostri imprenditori (non tutti, per fortuna esistono ancora industriali onesti)per aiutare l'Italia? Delocalizzano guardandosi però bene di cancellare il marchio made in Italy anche se producono all'estero,il governo dovrebbe impedire almeno questo.Questa gente pur di guadagnare un euro in più è disposta ad affossare il proprio paese alla faccia dell'etica(magari eludono anche le tasse).Credo che pur di guadagnare finiranno con l'evolversi delle situazioni sociali che loro non riusciranno a fermare a produrre nella foresta amazzonica ricercando qualche popolo non conosciuto e pagandolo con collanine colorate, STRON.. disonesti.

Domenico Mani 22.11.10 05:29| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo, o Grillo Beppe, la DELOCALIZZAZIONE è una doppia vigliaccheria, per chi pensa solo al profitto, gente che si crede più intelligente, solo perchè va a sfruttare altri lavoratori di paesi più poveri, e noi " Gente normale, o i cretini se vogliamo " che acquistiamo questa merce estera col prezzo italiano.Da quando è iniziata questo metodo di guadagno superfluo " di portare il lavoro fuori dall'italia e rintrodurlo a prezzo elevato " col consenso e benestare dei Governi, son rimasti molti cittadini senza lavoro, e per giunta con i prezzi elevati. Io mi chiedo: è giusto non comprare più questa merce italiana importata?
E' giusto di pretendere che chi fa produzione all'estero, il prezzo di mercato deve essere pari al paese d'origine? E se si continua liberamente ad esportare lavoro italiano all'estero gli italiani dove andranno a lavorare?
Domanda: Le Aziende che chiudono, che vanno altrove, non è possibile che i lavoratori anziche fare scioperi, o pregare Governo e Ministri di intervenire; " spesso vediamo quanto fanno questi interventi " si riprendono l'Azienda e la mandano avanti da soli? E'un reato! E non è un reato anche mettere in mezzo alla strada intere famiglie, solo per fare più profitti? Siamo 20 milioni di lavoratori in Italia, e 17 milioni di pensionati, basta un pochino di solidarietà e comprare da Aziende autogestite. I signori Sindacati che stanno a fare? Dove l'avete portata la vostra intelligenza: " tutta all'inseguimento di una poltrona da parlamentare? "
Uno sciopero generale costa decine di miliardi di euro. Fate uno sciopero di solidarietà. puntellate queste Aziende vogliose di chiudere. Sfruttiamo la professionalità di chi lavora, non bruciamola inutilmente lasciandoli com le mani in mano. Diamo un esempio a queste Aziende e multinazionali che possiamo fare anche a meno di loro se vogliono andar via.
E vediamo anche questo PARLAMENTO di CAPITALISTI, BANCHIERI e DATORI DI LAVORO Come si comportano. Con amore e democrazia Peter Pan

Vito Volpicella, bari Commentatore certificato 22.11.10 03:43| 
 |
Rispondi al commento

Le palle sono ormai gonfie come un pallone aereostatico.
Volete capire che DA MOLTO TEMPO non ci sono investimenti esteri in Italia perchè:
a) corruzzione ai massimi livelli
b) criminalità organizzata
c) leggi criminali che non tutelano gli onesti tipo DEPENALIZZAZIONE DEL FALSO IN BILANCIO
d) Giustizia CHE NON SI VUOLE CHE FUNZIONI!!!
Ma chi è quel pazzo che verrebbe ad investire in Italia quando anche dovesse lavorare con la Pubblica Amministrazione che è la più lenta a pagare?
Come si può fare una seria programmazione / pianificazione in queste condizioni?
Chiedete ai sindacati, magari al puffo della uil o agli altri due perchè non ci si batte per questi motivi ma vi fanno fare uno sciopero al venerdi pomeriggio?

Rocco Papaleo 21.11.10 23:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Purtroppo non c'è modo
di uscire da questa situazione.
I differenziali di costi del lavoro tra noi
ed i paesi meno sviluppati è troppo alta.
Altre imprese delocalizzeranno, molte altre.
Il capitalismo è una brutta bestia,
un animale rapace
che non guarda in faccia a nessuno.
I disagi ci sono anche in altri paesi,
ma in Italia, è molto peggio, per via dei problemi che, a detta di tutti,
ci affliggono ormai da molti anni.
Pressione fiscale alta,
mancanza di infrastrutture,
inefficienza della pubblica amministrazione, questi sono i difetti che generalmente
vengono imputati al nostro paese,
ed in parte ciò è vero,
ma nessuno o quasi cita mai
il problema strutturale
che veramente mina alla base la nostra economia:
Il bassissimo valore aggiunto
che caratterizza mediamente
le nostre produzioni.
Il basso valore aggiunto è caratteristico
dei prodotti a bassa qualità,
ed a bassa tecnologia,
come sono infatti la maggioranza
dei prodotti italiani, purtroppo.
L'unica strategia vincente sarebbe
quella di una riqualificazione
della nostra economia, supportata
da un robusto aumento
dei stanziamenti per la ricerca.
Avremmo inoltre bisogno della crescita
di una vera classe imprenditoriale,
e di un aumento della dimensione media
delle nostre imprese.
Per troppo tempo si è esaltata l'importanza
e la validità delle piccole imprese;
questi sono i risultati.
In generale comunque
dobbiamo capire che oggi
se non si rimane sempre all'avanguardia per quanto riguarda
qualità ,ricerca, innovazione tecnologica,
non si và da nessuna parte.

Luigi D., Ancona Commentatore certificato 21.11.10 22:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La manifestazione PACIFICA appena descritta ha ottenuto il risultato che sidesiderava? Cioè ha ottenuto la visibilità che si meritava? Sì? Bene. Quella precedente con manganellate e botte varie ha avuto maggiore visibilità? Si? Ha ottenuto maggiori risultati di quella PACIFICA? No? Allora era proprio necessario provocare le manganellate e le botte varie?

Volatile pn 21.11.10 20:58| 
 |
Rispondi al commento

Concordo in pieno con Emiliano, se è vero che dare la pensione agli anziani è stata una conquista importate,col tempo si è esagerato, che senso ha dare 2000 3000 euro di reddito a uno che non lavora, quando molti lavoratori per 1000 euro si devono fare un mazzo tanto!!!

FABER C., RIMINI Commentatore certificato 21.11.10 19:38| 
 |
Rispondi al commento

Nel sodalizzare con i miei concittadini vorrei precisare se è giusto che per meri interessi aziendali soivvenzioni statali e persone che rinunciano a quei diritti da noi tanto lottati e difesi e per i quali forse anche loro hanno ottenuto molto vedi i polacchi, portiamo la il nostro sapere e la ns professionalita che ha pochi eguali nel mondo. difendiamo il ns made in italy o Wolchy, avete mai sentito di un made in poland (con la loro arroganza decidono anche nel linguaggio...Dobbiamo riscattarci e difendere e non piu trasmettere a questi popooli le ns tecnologie e conoscenze. Voglio il marmo quello allora lo lavoriamo qua e non comprate piu PANDA cosi si ingrassa polacchi e marchionne

mario mosti 21.11.10 18:22| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto su Repubblica stamane che a sinistra c'e' una novita'(!?!??), ovvero che i vari frammenti di sinistra si ricongiungono in uno solo.

Roba da lettino dello strizza cervelli.

Se prima eravamo soli a cantar la mimpapo'ed ora siamo in due a cantar la mimpapo' e cosi' via....
e poi sicuramente ricominceranno daccapo.

Da due gatti a quattro ed ora a sei.

E tutto questo tempo da separati, in cui non hanno concluso un pene di segugio alsaziano?

Appoggio esterno a Vendola. Insomma un sotterfugio
per riacquistare quella credibilita'che avevano persa insieme ai consensi ed all'abbandono completo della classe operaia e dei meno abbienti.
Comunque derivazione diretta del successo di Nicky.

"Damose da fa se no qui sparimo proprio!"

Per me hanno smarrito e non da ora il significato della parola "sinistra", a parte il PD che piu' che un partito e' un'inciucio (comunque sempre meglio di niente), che si sta facendo "sorpassare"
a destra da FINI!!!

Ionesco una commedia del genere non l'avrebbe saputa concepire meglio.

Usciti dalla porta cercano di rientrare dalla finestra - ma se la legge elettorale non cambia?

Intanto la classe lavoratrice tutta, impiegati e operai, ed anche molti artigiani e loro collaboratori restano ancora orfani di quel grande partito di sinistra che l'Italia si meriterebbe per riprendersi il posto che gli spetta, smussato da estremismi di maniera e oramai sorpassati, ripeto anche dalla destra
finiana.

Facciamola finita con la paura della parola "sinistra", con la quale il marpione di Arcore ci ha campato finora.

Sinistra significa "il sociale" e basta.

Schieramento parlamentare geometrico dell'emiciclo
dove risiedono o dovrebbero risiedere coloro eletti dal popolo per difendere i diritti dei lavoratori che sono l'ossatura portante dell'economia del paese. Senza di loro Della Valle
le scarpette se le cuce da solo e ne esporta 5 all'anno.

Se l'Italia vuole recuperare dopo il morfeismo
berlusconiano deve far star bene loro e le loro famiglie.

Frank A. 21.11.10 17:58| 
 |
Rispondi al commento

In verita' vi dico che in Italia andrebbe per ora delocalizzato solo er governaccio tutto, nel deserto del Gobi.

Frank A. 21.11.10 17:27| 
 |
Rispondi al commento

Ancora le solite storie
si certo le aziende chiudono e delocalizzano
..be fanno bene ..lo farei anche io se fossi un imprenditore
ragazzi un azienda paga 100 per un lavoratore in italia e il lavoratore prende 40 ,
nell'ordine
25 contributi a carico azienda
25 inps a carico del lavoratore
10 tasse sul reddito lavoratore

risulatto 40 per il lavoratore

che fare ??
qualsiasi governo dall'estremo destra all 'estrema sinistra che mi tagli le pensioni io lo voterei
volgio dire : io metterei un tetto massimo alle pensioni : 800 euro al mese per tutti
abbassando cosi' il costo del lavoro di almeno 20 punti

i pensionati con 800 euro possono vivere , perche' cazzo io ci vivo e devo pagargi anche l'affitto !!

e' chiaro che se non sei stato un tossico un giocatore accanito nell'arco di una vita lavorativa sicuramente sei riuscito a farti una casa pertanto _ abbassiamo le pensioni

abbassiamo il costo del lavoro e vedrete che gli imprenditori si stanno in italia invece di andare in romania and so on..

semplice

p.s. sono un impiegato non un imprenditore

emiliano amicuzi 21.11.10 17:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la situazione di massa è vissuta ancora più tragicamente dalla popolazione perché sono moltissimi anni che la città è governata dalla sinistra e....... se anche la sinistra non sa fare la sinistra ........

eppure li votano, e i consensi aumentano proporzionalmente ai disagi.

bruno bassi 21.11.10 13:16| 
 |
Rispondi al commento

la situazione di massa è vissuta ancora più tragicamente dalla popolazionie perché sono moltissimi anni che la città è governata dalla sinistra e se anche la sinistra non sa fare la sinistra ........

eppure li votano, e i consensi aumentno proporzionalmente ai disagi.

bruno bassi 21.11.10 13:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Basterebbero semplici regole:

Per fregiarsi del marchio "made in italy" il prodotto deve essere realizzato al 100% in Italia.

Le aziende che delocalizzano all'estero non possono più vendere in Italia.

Vuoi vendere in Italia? produci in Italia!

a volte (ritornano) Commentatore certificato 21.11.10 12:11| 
 |
Rispondi al commento

Chiediamoci perchè siamo agli ultimi posti x investimenti esteri???
mancanza di infrastrutture, tassazione sulle imprese a livelli esorbitanti. A tutto questo hanno concorso sia la destra, in cui secondo me si annidano molti corrotti che fanno lievitare il costo delle infrastrutture, sia la sinistra che ha contribuito ad aumentare la spese pubblica. Ultimamente ho sentito un discorso di Bersani che paragonava gli asili nido Emiliani a quelli Calabresi, proponendo un aumento degli asili in Calabria, ma dico se è vero che in Calabria molte madri sono dissocupate che senso ha spendere per degli asilo nido??? stessa cosa per il terzo maestro nelle elementari, che si giustifica col tempo pieno e le donne che lavorano, ma se queste ultime non lavorano, non sarebbe stato piu' saggio destinare fondi alla costruzione di infrastrutture per far girare l'economia???

FABER C., RIMINI Commentatore certificato 21.11.10 08:14| 
 |
Rispondi al commento

La questione è sempre la stessa anche se nessuno ha il coraggio di affrontarla. Se perdo il posto di lavoro perchè le aziende delocalizzano in un altro paese,(in questo caso in Polonia) perchè poi devo dare un lavoro alla gente che viene da quel paese? E se non lo faccio sono razzista xenofobo come è stato detto negli ultimi 20 anni? La gente che viene da questi paesi e giustifica la sua presenza dicendo che non hanno altre alternative non è che ti prende per i fondelli?
Quante aziende delocalizzano grazie alle opportunità createsi con i soldi che noi ,come Italia, diamo ai paesi esteri per il loro sviluppo? (quanti miliardi si è beccata la Polonia in fondi europei?)

Nerio Cappelli 21.11.10 01:47| 
 |
Rispondi al commento

Il costo del lavoro resta,la variabile chiave dell'economia.E il tasso di rendimento resta l'obiettivo principale.Per preservarlo e farlo crescere,i salari continuano ad aumentare meno velocemente della produttività.
Se la Globalizzazione non sarà messa di nuovo in discussione,la garanzia della redditività del capitale non potrà passare attraverso una socializzazione mondiale delle perdite,mancando uno Stato mondiale.
Passerà dunque per la riduzione del costo del lavoro,cioè per la delocalizzazione,lo smantellamento della protezione sociale e la sostituzione accelerata di alcuni servizi con dei prodotti industriali,al fine di ridurre il costo della riproduzione della forza lavoro.In altre parole per l'automazione dei servizi per il tempo libero,la salute e l'istruzione.
ESATTAMENTE QUELLO CHE STA SUCCEDENDO OGGI.

P.S.
Caro vecchio Marx,quanto avevi ragione.
http://zarcoweb.blogspot.com/2010/10/morire-di-delocalizzazione.html#links

Lovigio II (na) 21.11.10 01:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Da Pistoia sono venuto per manifestare tutta la sola haimè solidarietà per quei lavoratori.In mezzo a quella gente non c'era ne rabbia ne sgomento ,ma ho visto solo tanto, tanto vuoto e silenzio. La situazione è pesante e insostenibile .Alla gente iniziano a mancare le basi essenziali per la sovravvivenza.

enrico bonzi 21.11.10 00:49| 
 |
Rispondi al commento

Grazie del passaggio.
A buon rendere.
Alex

Alex Scantalmassi Commentatore certificato 21.11.10 00:41| 
 |
Rispondi al commento

non capisco... piacerebbe ragionare insieme per capire

l'altra sera (io già sapevo e ho postato tante volte) Fabio Fazio ha elencato un MARE DI MERDA DI PARTITINI... quelli più "misti" sono di sinistra!

... allora dov'è la fregatura?

il popolo ha rinunciato a seguire queste scissioni
in tanti rigagnoli ed ha accentrato il voto verso
un partito ANTI-LAVORATORI ... IL PD che è stato

IMMOBILE ! o DORMIENTE come "morfeo" !

- questo è il peccato "veniale", quello MORTALE è stato di SPINGERE LA LEGA NORD costituita da veri
trogloditi e ladroni patentati che hanno deviato
il concetto SOCIALE del rapporto tra lavoratori e
imprese ! Additando lo "straniero" , non solo quello extracomunitario come "responsabile della
mancanza di lavoro" .

Un "gioco al massacro" che ha causato il vero default italiano e che spingono le aziende a delocalizzare SENZA CONTROLLO DA UN GOVERNO FORTE!

ESITO FINALE:
-fabbriche che vanno via
-stranieri in patria "affamati" di più
-condizioni da schiavi per italiani e stranieri
-mercato in collasso causa mancanza potere d'acquisto

futuro:
- fabbriche che falliranno anche fuori d'Italia
per mancanza di mercato
- stranieri e italiani sempre più incazzati
- RIVOLUZIONE SOCIALE in ITALIA e nei paesi che credono di essere della cuccagna , oggi !

NE VEDREMO DELLE BELLE!
si salvi chi puo'
grazie - italioti supercoglioni !

Lenintonio D (ilich), Roma Commentatore certificato 20.11.10 22:36| 
 |
Rispondi al commento

http://www.youtube.com/watch?v=fG5HWd5nkFQ&feature=related

Vi siete mai chiesti com'è possibile che i nostri nonni con uno stipendio da normalissimo dipendente,a 20 anni,potessero mantenere tutta la famiglia e pagare un mutuo? E poi a mandare figli all'università?
Mentre oggi,una coppia di lavoratori dipendenti riesce a malapena a pagare l'affitto?
Molte di queste risposte sono in questa conferenza tenuta al MIT nel 1995 da N.Chomsky.
Introduzione di David Barsamian
Già in quell'anno,erano ben chiari i motivi del declino del potere d'acquisto dei salari dei lavoratori dipendenti.
Declino che continua ancora oggi.

Il fatto è che,siamo una società guidata dagli imprenditori che significa che i diritti umani sono subordinati al travolgente e imperativo bisogno di profitti per gli investitori,e che le decisioni sono nelle mani di irresponsabili tirannie private;che significa che anche se esistono istituzioni democratiche formali,hanno un significato marginale.
Il governo infatti è “l’ombra proiettata dagli imprenditori sulla società”così che le modifiche all’ombra,non modificano ciò che la proietta.
Noam Chomsky

Lovigio II (na) Commentatore certificato 20.11.10 21:44| 
 |
Rispondi al commento

http://laverabestia.org/play.php?vid=1791

"Lo scopo delle Corporation (MULTINAZIONALI)è massimizzare i profitti e le quote di mercato, e per far questo devono agire sul target della popolazione, che va trasformata in una massa di irrazionali consumatori di beni di cui non hanno bisogno.
Vanno sviluppati i cosiddetti 'desideri creati', quindi devi creare dei desideri, devi imporre alla gente la filosofia della futilità, devi farla concentrare sulle cose piu' insignificanti della vita, come gli articoli alla moda (Auto,Vestiti,Elettrodomestici,ecc)
L'ideale è avere individui completamente dissociati gli uni dagli altri, la cui concezione di se stessi, il proprio valore è solo: 'quanti desideri creati posso soddisfare?'"
(Noam Chomsky)

Lovigio II (na) Commentatore certificato 20.11.10 21:39| 
 |
Rispondi al commento

Uno dei tanti tristi casi in cui bande di criminali incravattati compiono il lavoro sporco per riempire ancor più le tasche dei loro "datori di lavoro": un manipolo di "persone" che detengono in regime di monopolio i pacchetti di maggioranza della produzione, e proliferazione con speculazioni, di carta colorata che noi chiamiamo soldi, che ci sta rendendo ogni giorno più pezzenti come esseri umani.

Roberto Vian 20.11.10 21:36| 
 |
Rispondi al commento

IMPARATE TUTTI DA QUELLA DONNA ANZIANA CHE CANTAVA CANZONI DEL SECOLO SCORSO SUL DIRITTO AL LAVORO E SULLA NECESSITA' DI LOTTE UNITARIE.

LAURA S. 20.11.10 21:26| 
 |
Rispondi al commento

La teoria di Marx riacquista interamente il suo significato nel quadro della globalizzazione di oggi,che lui aveva previsto.Assistiamo all'esplosione del capitalismo,al rovesciamento delle società tradizionali,alla crescita dell'individualismo,alla pauperizzazione assoluta di un terzo del mondo,alla concentrazione del capitale,alla decolonizzazione,alla mercificazione,allo sviluppo della precarietà,al feticismo delle merci,alla creazione di ricchezza da parte della sola industria,alla proliferazionedell'industria finanziaria,che punta a premunirsi contro i rischi della precarietà.Tutto questo,Marx l'aveva previsto.Il costo del lavoro resta,come lui aveva indicato,la variabile chiave dell'economia.E il tasso di rendimento resta l'obiettivo principale.Per preservarlo e farlo crescere,i salari continuano ad aumentare meno velocemente della produttività,e lo Stato continua a farsi carico di una parte crescente delle spese sociali e della ricerca.
Domani-se la Globalizzazione non sarà messa di nuovo in discussione-la garanzia della redditività del capitale non potrà passare attraverso una socializzazione mondiale delle perdite,mancando uno Stato mondiale.Passerà dunque per la riduzione del costo del lavoro,cioè per la delocalizzazione,lo smantellamento della protezione sociale e la sostituzione accelerata di alcuni servizi con dei prodotti industriali,al fine di ridurre il costo della riproduzione della forza lavoro.In altre parole per l'automazione dei servizi per il tempo libero,la salute e l'istruzione.Se in questo modo l'uomo diventa merce,alla fine come tale verrà clonato,nonostante gli illusori argini giuridici che qualche paese si sforza di ergere.
Quando avremo così esaurito la mercificazione dei rapporti sociali e utilizzato tutte le sue risorse,il capitalismo,se non avrà distrutto l'umanità,potrebbe aprire le porte ad un socialismo mondiale.
Per dirlo altrimenti,il mercato potrebbe lasciare il posto alla fraternità.

Lovigio II (na) Commentatore certificato 20.11.10 21:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Prova inserimento.

"Una multinazionale è più vicina al totalitarismo di qualunque altra istitu­zione umana."

-Noam Chomsky-

http://www.youtube.com/watch?v=fG5HWd5nkFQ&feature=related

Lovigio II (na) Commentatore certificato 20.11.10 21:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

RIPRENDIAMOCI IL MADE IN ITALY.Se gli imprenditori e le società vogliono marchiare i loro prodotti con il Made in Italy DEVONO fabbricarlo IN ITALIA e non all'estero dove sfruttano gli operai pagandoli la metà e dove pagano meno tasse.Chiediamo una legge che obblighi che OBBLIGHI chi vuole usare il Made in Italy a produrlo in Italia,con fabbriche in Italia (e non solo le sedi amministrative in Italia).Vedrete come ci sarebbe il lavoro.Se i prodotti vengono fatti all'estero non sono Made in Italy.Il Made in Italy E'NOSTRO.Sudato dai NOSTRI PADRI.RIPRENDIAMOCELO.Passate parola.

nikein laos 20.11.10 20:40| 
 |
Rispondi al commento

io credo che ormai i "cortei" non servano più a niente... i ricchi sempre più ricchi i poveri sempre più poveri.
il problema è che non ci incazziamo... ci hanno addormentati davanti alla televisione... bisognerebbe delocalizzare i delocalizzatori in un qualche modo, farei vivere loro nell'incertezza del domani e con 750 euro al mese.

serena porru 20.11.10 20:13| 
 |
Rispondi al commento

"Quì non và nulla!"
Sintesi perfetta, di un paese impazzito.
Un popolo di idioti che si credono furbi,
che votano in base alle mode,
che protestano solo
quando la realtà
li tocca direttamente,
che se ne fregano gli uni degli altri.
Senza memoria,
senza morale,
senza coscienza,
senza valori,
anche questi operai,
anch'io.

Luigi D., Ancona Commentatore certificato 20.11.10 19:52| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE
EATON DELOCALIZZA,ED INTANTO MUORE LENTAMENTE LA NOSTRA INDUSTRIA,E NESSUNA FA' NIENTE
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 20.11.10 19:43| 
 |
Rispondi al commento

Il link indicato è errato, quello giusto è:
http://www.facebook.com/group.php?gid=68264075585


"Pochi giorni prima i manganelli della polizia avevano dato sfogo sulle schiene di questi poveri disgraziati che esausti e stanchi di non avere risposte, avevano cercato di occupare l'autostrada per attirare un poco d'attenzione."

VERGOGNA!!!!!!!!!!!!!!!!!!

antonio d., carrara Commentatore certificato 20.11.10 19:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Grazie SAra.....

DI QUESTO SPACCATO DI vera realta' e disperazione
italiana...

Non delle favole di merda....del regime....

Tinazzi

tinazzi ., Albano Laziale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 20.11.10 19:10| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ed infatti con questa invasione straniera in atto, verranno ben presto "delocalizzati" anche gli italiani.
Sostituiti da altre popolazioni da tutto il mondo che li stanno sostituendo: asiatici, africani, arabi, etc
E tutto ciò con l'avallo ebete dei buonisti (cattolici e sinistra) e col sorriso cinico dei capitalisti sfruttatori che questa invasione hanno voluto provocato e da cui dipende la loro ricchezza.
Chi è di sinistra e antirazzista ma CONTRO questa invasione straniera che sta portando alla scomparsa del popolo italiano, e contro questo imperante buonismo che definisce vigliaccamente razzista chi si difende da un'invasione, per favore si iscriva a questo Gruppo:
http://www.facebook.com/group.php?gid=6826407558




Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori