Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Israele liberi gli Shministim


Shministim.jpg
"Caro Beppe, puoi sostenere quest'iniziativa con un banner nel tuo blog? Anche Voi amici blogger. Fatela girare, compilatela e sostenetela. Sono studenti israeliani che si rifiutano d fare i due anni di leva OBBLIGATORIA (uomini e donne) per una DITTATURA MILITARE che occupa al di fuori di ogni legge la terra di Palestina, ed invitano ad inviare il loro messaggio di sdegno al ministro della Difesa Ehud Barak. Questa la traduzione della mail precompilata da inviare al ministro:
"Appoggio gli Shministim e il loro diritto di opporsi pacificamente al servizio militare. Mi appello per la liberazione di quegli adolescenti che sono stati incarcerati per il loro rifiuto di principio a servire un esercito che occupa i territori palestinesi. La detenzione di questi obiettori di coscienza è una violazione dei loro diritti umani e contraria al diritto internazionale. Sono ispirati a questi studenti le loro controparti in Palestina, la cui resistenza non violenta all'occupazione indica la via per una pace giusta e la sicurezza per tutti i popoli della regione. Essi sono la nostra migliore speranza per il futuro. Vi esorto ad ascoltare loro, e non punirli."
Questo il link: http://december18th.org/. Grazie a tutti. All'iniziativa partecipa Omer Goldman, figlia dell' ex vice-capo del Mossad (nel video)." ⓁⓄⓇⒹ ⓄⒻ Ⓦ, White House

7 Nov 2010, 23:18 | Scrivi | Commenti (43) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

io, invece, sento alcuni che fanno finta di non aver capito che questa è un'iniziativa nata da ragazzi israeliani che vivono in israele.

ⓁⓄⓇⒹ ⓄⒻ Ⓦ, White House Commentatore certificato 11.11.10 14:24| 
 |
Rispondi al commento

Sento alcuni, accusare israele
e difendere i palestinesi.
Altri difendono israele
e accusano i palestinesi.
Io francamente li invidio,
tutti, di entrambe le fazioni.
Piacerebbe anche a me
avere delle certezze così totali.
Non le ho, purtroppo,
e penso che la situazione in medio oriente
si sia lasciata marcire così a lungo
da non poter ormai distinguere
da che parte sta il torto o la ragione.
Troppi morti, da entrambe le parti, hanno reso
la situazione, virtualmente irrisolvibile.
Tutti prendono posizione, ma nessuno ha una soluzione che possa mettere fine a questa carneficina.

Luigi D., Ancona Commentatore certificato 11.11.10 11:04| 
 |
Rispondi al commento

Certo opponiamoci a quest'obbligo dittatoriale insulso e ancora una volta diamo addosso a Israele, a questi neonazisti di israeliani che se la pigliano con i poveri e indifesi palestinesi.
Ma come mai in nessun blog si fa una petizione , non si facciano manifestazioni, non si abbia il coraggio di andare in un paese democratico come la Palestina e protestare contro i bambini palestinesi avviati ad addestramenti per diventare futuri kamikaze da Hamas, ragazzini a cui viene insegnata la cultura dell'odio per il sionista, a cui vengono date armi in mano, che sparano liberamente in aria durante le manifestazioni e che lanciano sassi contro altri ragazzi solo perchè han una divisa e una stella di David sul petto?
Forse perchè i poveri e indifesi palestinesi non lo permetterebbero mai? forse perchè se manifesti contro Israele ti becchi un'ammonizione e se lo fai la al massimo un espulsione mentre se fai le stesse cose in palestina, la liberale palestina ti becchi una scarica di kalasnikov?!
Se un italiano attacca un ebreo è 1 nazifascista antisemita, se un ebreo attacca un palestinese è un nazifascista antisemita....sarebbe ora di fare pace col cervello per certa gente!

riccardo DAmico 11.11.10 10:04| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente anche Grillo si accorge del problema Israele ?

Maurizio Donatini 09.11.10 09:21| 
 |
Rispondi al commento

Ebrei e italiani vanno molto daccordo perchè sono MAFIOSAMENTE molto simili.... a parte la religione e le questioni razziali, sono praticamente identici.

Ecco perché in Ialia i fascisti sono stati più cattivi con i partigiani che con gli ebrei.

Altro fecero i tedeschi.

bruno bassi 08.11.10 21:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Finalmente sento parlare anche in questo blog di Palestina. Io credo che Beppe sia molto prudente perché sa che in Italia i mass-media sono tutti o quasi schieratissimi pro-Israele, per cui basta una mezza frase e subito cade il mondo (ricordate quando fece la famosa battuta sui socialisti ladri). Purtroppo è una cosa trasversale, tanto che per trovare posizioni filo-palestinesi bisogna andare all'estrema sinistra e all'estrema destra (gli estremi si toccano!), tutti gli altri, dico TUTTI, tacciono colpevolmente. L'unico intellettuale che ha parlato apertamente contro Israele e la sua posizione di oppressore (certificata da oltre 70 risoluzioni ONU in poco più di 60 anni, Noam Chonsky lo chiama 'fascismo esteriore', sei democratico dentro i confini e fascista fuori), qui in Italia, mi risulta essere Massimo Fini. E sappiamo benissimo che non è lui il più coccolato dalla TV. E come dimenticare l'attacco veemente di Israele persino contro Annozero durante la guerra (massacro) del 2008-09? Se avessero potuto, gli avrebbero tirato anche delle bombe sullo studio! Tanto Frattini era in vacanza, lui che ne sapeva!

S.m. 08.11.10 20:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

c'è un qualcosa nell'ebraismo che lo porta a metteresi da millenni contro tutto e tutti senza via di uscita.

Evidentemente come religione di pace è altamente imperfetta e non lo dico io ma i fatti!

bruno bassi 08.11.10 17:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho firmato.
Anche io credo che nessuno abbia il diritto di costringere un uomo o una donna ad impugnare un'arma contro la sua volontà.

Mario Bruscella 08.11.10 17:24| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,

purtroppo come spesso succede, e come ho già sottolineato in alcuni post precedenti, la cattiva informazione è il peggiore dei mali, perchè riesce a manipolare le masse, senza dare la conoscenza necessaria per farsi un'opinione oggettiva. Credo anche io, come chiunque sano di mente che la guerra sia da condannare e che la pace sia auspicabile, ovunque e sempre. Ciò non toglie che però la guerra esiste (purtroppo), è un dato di fatto e bisogna farci i conti. In Israele il servizio di leva è obbligatorio, perchè senza un esercito che sia pronto ed addestrato a difendere il proprio paese, in questo momento Israele sarebbe scomparso dalle cartine geografiche (come auspica da anni l'Iran e come vorrebbe Hamas). Senza l'esercito, il mondo perderebbe l'unica vera democrazia in Medio Oriente, l'unico paese che assicura nel proprio parlamento una rappresentanza anche alle minoranze religiose...quale paese al mondo garantirebbe una rappresentanza parlamentare ad una fazione che vorrebbe la fine di quello stesso paese?? Purtroppo Israele, in Italia ed in Europa, subisce un continuo martellamento mediatico avverso. Io non conoscevo la realtà israeliana (politica e culturale) fino a quando non ho studiato e non ho visitato il paese. Credete, la storia e la realtà sono MOLTO diverse da come si vede in tv o da come si legge sui giornali (specie su quelli di sinistra). Caro Beppe, ti stimo molto, ma ti chiedo di essere più obiettivo e meno schierato quando si parla di Israele. Non fare anche tu informazione a senso unico! Conosglio a tutti un sito che parla di Israele, a chi interessa l'argomento: www.informazionecorretta.it.
Edoardo

edoardo t., trieste Commentatore certificato 08.11.10 13:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vi ricordo che anche in Italia, ai tempi della leva obbligatoria, essere obiettori di coscienza era un casino... solo negli ultimi cinque anni, quando ormai l'abolizione era stata fissata, si iniziò ad accettare l'obiezione di coscienza tramite autocertificazione... prima bisognava passare tramite la commissione, nell'80% dei casi veniva rifiutata e dovevi farti i 12 mesi di "leva" in carcere militare... e anche se venivi riconosciuto obiettore ti ritrovavi segnato a vita, non potevi chiedere un porto d'armi, non potevi fare concorsi pubblici...

Pierangelo Tendas, Tempio Pausania (OT) Commentatore certificato 08.11.10 12:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' bello leggere queste cose, non certo perchè son stati incarcerati, ma perchè anche loro vogliono la pace. Sia da una che dall'altra parte, la guerra la vogliono solo chi stà in cima. Il popolo non vuole mai la guerra, perchè tanto è l'unico a rimetterci. Bravi ragazzi, diffondete il messaggio, fate vedere che Israele non è solo quello che ci propina la tv, fate vedere che anche tra voi c'è chi vuole solo vivere in santa pace. Su youtube ho trovato alcuni video, uno dei quali stupendo, dove una rabbino ed alcuni ebrei insieme ad alcuni esponenti religiosi musulmani protestano insieme per la pace! Questo è quello in cui voglio credere! Fate votare il popolo per fare le guerre, e vedrete che non se ne farà più una.

David C., Pistoia Commentatore certificato 08.11.10 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Beppe per convogliare intorno a te queste iniziative fondamentali per possibili cambiamenti. E' importante che si sappia che, anche all'interno di questo pseudo democrazie come quella israeliana, ci siano opposizioni non più solitarie.

Anna calvanese 08.11.10 11:16| 
 |
Rispondi al commento

Ottimo Beppe!

Bisogna puntare su di loro, dargli appoggio, non lasciarli soli. Serve uno sforzo comune. Basta con questo genocidio!!

Grazie Lord x aver scassato le pelotas al pueblo! :)


CIAO BEPPE
IO LA SOSTENGO SUBITO E IL PRIMA POSSIBILE QUESTA INIZIATIVA DEGLI SHMISTIM,VI APPOGGIO SENZA PROBLEMI E SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 08.11.10 10:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Bellissima iniziativa WHITE HOUSE ,alla quale ho già aderito.
.......Complimenti sinceri.

e vedo che ha trovato giusto spazio , evidenza nel posto dei grulli.

Tinazzi

tinazzi ., Albano Laziale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 08.11.10 09:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie Beppe.

Ciao.

ⓁⓄⓇⒹ ⓄⒻ Ⓦ, White House Commentatore certificato 08.11.10 08:59| 
 |
Rispondi al commento

sono assolutamente con quei ragazzi.

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 08.11.10 08:57| 
 |
Rispondi al commento

Mi sono sempre ritenuto antisionista perchè vedevo coem Israele usasse la sua forza per opprimere il popolo palestinese, subendo, comunque si deve dire, anche il terrorismo nato dala sofferenza di persone oppresse. Sono quindi molto felice che in Israele (e come ho letto anche tra i palestinesi) ci siano persone che finalmente hanno compreso che l'unica soluzione per una pace duratura è la non violenza o la resistenza non violenta...purtroppo, come accade da noi questa nuova generazione (di ambo le parti) ricca di idee e proposte per cambiare deve scontrarsi con interessi economici e una generazione "malata" di uomini che pensano che imbracciare, anzi far imbracciare un fucile sia la soluzione per risolvere i problemi....

Donato G., Como Commentatore certificato 07.11.10 23:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori