Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Mettete dei fiori nei vostri cannoni


studenti_Milano.jpg
In un Paese che ripudia la guerra per le armi ci sono ci sono sempre i soldi. I contribuenti italiani dovrebbero essere contenti di finanziare mortai e siluri...
"Non ci sono soldi per la scuola, per la cultura, per la ricerca, per il degrado ambientale ma..:
"Le commissioni Difesa di Camera e Senato hanno approvato in fretta e furia, e con il silenzio-assenso dell'opposizione Pd, un programma di riarmo di quasi un miliardo di euro, buona parte dei quali finiranno alle aziende belliche del gruppo industriale guidato Pier Francesco Guarguaglini. Il programma pluriennale... prevede una spesa complessiva di di 933,8 milioni di euro nell'arco dei prossimi quattro/nove anni. Vediamo il dettaglio:
- 200 milioni destinati a fornire i nostri elicotteri da guerra A-129 Mangusta
- 22,3 milioni per l'acquisto di 271 mortai da 81 millimetri di nuova generazione
- 125 milioni per la costruzione, alla Fincantieri di Genova, di una nuova unità navale della Marina militare
- 87,5 milioni per dotare i sommergibili classe U-212 di un nuovo siluro 'pesante'
- 63 milioni di euro per realizzare, presso l'aeroporto militare di Pisa, un grande 'hub' aereo militare nazionale
- 236 milioni per una rete informatica militare sperimentale
- 200 milioni andranno infine all'AgustaWestland di Finmeccanica per l'acquisto di dieci nuovi elicotteri Aw-139" (da peacereporter)." Beppe A.

12 Nov 2010, 16:18 | Scrivi | Commenti (40) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Non capisco perchè si tiri in ballo l'articolo 11 e non l'articolo 74.Il Giappone ha la seconda flotta di superficie più potente al mondo,eppure ha una costituzione più pacifista della nostra.L'Italia non deve fare guerre per sottomettere altri popoli,MA DOBBIAMO POTERCI DIFENDERE.I sommergibili U212 non sono armi per fare una guerra offensiva,bensì servono per difenderci.Semmai sono i sottomarini nucleari ad essere delle vere armi offensive,potendo essi navigare in immersione per mesi senza riemergere ed imbarcando anche missili da crociera. Gli U212 invece servono a pattugliare il mediterraneo,a fare sorveglianza elettronica e raccolta d'informazioni,a sorvegliare il traffico marittimo e soprattutto servono a difenderci.Il problema è che parlare di difesa in Italia è un tabù.Invece in moltissimi paesi occidentali,fra i quali ad esempio Germania,Francia,Regno Unito,Norvegia...insomma in tutti quei paesi "che sono migliori di noi" la difesa è un argomento NORMALE,del quale si parla tranquillamente anche e soprattutto in campagna elettorale. Invece in Italia no,e sono tutti bravi a dire "tagliamo gli U212" e "niente F35".MA NESSUNO HA PROPONE DELLE SOLUZIONI ALTERNATIVE (NEANCHE IL M5S,PURTROPPO),ad esempio invece di tagliare i sommergibili si taglino le numerose forze marittime di polizia,carabinieri,gdf e si concentrino meno risorse e meglio sulla guardia costiera,si riducano gli oltre 400 generali ed ammiragli,si riducano da 150 a 20 le basi dell'esercito,ecc.Montanelli aveva ragione:gli italiani hanno poco senso dello stato.E' un difetto che ci affligge da secoli:che ci pensino gli altri a fare le guerre,poi noi ci schieriamo col vincitore,eh?.E comunque sono d'accordo a rinunciare alle missioni internazionali,alle basi nato ed ai missili nucleari sul nostro territorio.Non dobbiamo fare la parte dei gradassi che dicono "ti faccio la guerra per sottometterti" bensì "ti lascio in pace ma se mi tocchi ti spacco il culo e ti rimando a casa con le palle frullate".

Giovanni De Santis 27.01.13 20:19| 
 |
Rispondi al commento

buongiorno a tutti.
io penso che la pace sia possibile e per questo sto girando il sudamerica da quasi un anno con uno zaino, una tenda ed una bandiera della pace.
mi scatto una foto con la bandiera in tutti i luoghi che visito e che conosco.
grazie per tenermi aggiornato su cosa succede nel paese.
un saluto a tutti...

Giacomo

Giacomo Sanesi 13.11.10 18:54| 
 |
Rispondi al commento

Guardate che molti di questi milioni servono per far sopravvivere aziende della finmeccanica che sono dei ministeri e non producono piu' tecnologia,sono pieni di raccomandati.Dirigenti super pagati messi li' dalla politica ma incapaci di portare l'azienda ai livelli tecnologici degli anni 70 sono tutti fichetti!! ES:selex,controllate quanti missili ASPIDE che non vanno gli fattura al ministero della difesa!!!!!PAGA SEMPRE PANTALONE.

FRANCO P. 13.11.10 17:04| 
 |
Rispondi al commento

http://www.denaro.it/VisArticolo.aspx?IdArt=534105&KeyW=

'Sentenza della Corte di giustizia - causa C- 337/05 - Commissione delle Comunità europee/Repubblica italiana
L'Italia è condannata per l'acquisto degli elicotteri "Agusta" effettuato al di fuori di qualsiasi procedura di gara d'appalto
..
La Commissione delle Comunità europee ha proposto ricorso nei confronti dell'Italia con riguardo alla prassi costante ed esistente da lungo tempo di attribuire direttamente alla Agusta Spa gli appalti per l'acquisto di elicotteri di fabbricazione Agusta e Agusta Bell, destinati a sopperire alle esigenze di vari corpi militari e civili dello Stato italiano, al di fuori di qualsiasi procedura di gara.
..
.. l'Agusta è una società di diritto privato sin dalla sua costituzione e, dal 1974, una società ad economia mista, il cui capitale è costituito in parte da partecipazioni detenute da detto Stato e in parte da azionisti privati. Lo Stato italiano non può esercitare su tale società un controllo analogo a quello che esercita sui propri servizi..
..
La Corte sottolinea, in particolare, che solo i prodotti destinati a fini specificamente militari possono beneficiare, conformemente all'art. 296 CE, del trattamento previsto per la deroga relativa alle legittime esigenze di interesse nazionale. Ciò non si verifica nell'ipotesi dei beni a duplice uso, civile e militare.
L'Italia ha peraltro sostenuto - senza dimostrarlo - che l'obiettivo di impedire la divulgazione di informazioni sensibili relative alla produzione degli elicotteri non sarebbe stato conseguibile nel contesto di una gara d'appalto. ..
La Corte, infine, respinge l'argomento dell'Italia relativo alla necessità di garantire i vantaggi dell'interoperabilità della sua flotta elicotteristica per ragioni economiche: l'Italia non ha dimostrato in modo sufficientemente valido in diritto la ragione per cui solamente gli elicotteri prodotti dalla Agusta sarebbero dotati delle specificità tecniche richieste'

Incacchiato nero 13.11.10 15:53| 
 |
Rispondi al commento


Guardate questo processo, parla di MANCANZA DI CONCORRENZA NELL'ASSEGNARE CONTRATTI ALL'AGUSTA:

''1 Con il suo ricorso, la Commissione delle Comunità europee chiede alla Corte di dichiarare che l’Italia, avendo posto in essere una prassi, esistente da lungo tempo e tuttora seguita, di attribuzione diretta all’Agusta Spa degli appalti per l’acquisto di elicotteri di fabbricazione Agusta e Agusta Bell, destinati a sopperire alle esigenze di vari corpi militari e civili dello Stato italiano, al di fuori di qualsiasi procedura di gara e, segnatamente, senza rispettare le procedure previste dalla direttiva del Consiglio 14 giugno 1993, 93/36/CEE, che coordina le procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici di forniture (GU L 199, pag. 1), come modificata dalla direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 13 ottobre 1997, 97/52/CE (GU L 328, pag. 1;

la Corte (Grande Sezione) dichiara e statuisce:

1) La Repubblica italiana, avendo posto in essere una prassi, esistente da lungo tempo e tuttora seguita, di attribuzione diretta all’Agusta degli appalti per l’acquisto di elicotteri di fabbricazione Agusta e Agusta Bell, destinati a sopperire alle esigenze di diversi corpi militari e civili, al di fuori di qualsiasi procedura di gara e, segnatamente, senza rispettare le procedure previste dalla direttiva del Consiglio 14 giugno 1993, 93/36..... come modificata e completata dalla direttiva del ..88/295/CEE, è venuta meno agli obblighi ad essa incombenti in forza di tali direttive.

2) La Repubblica italiana è condannata alle spese.

http://www.altalex.com/index.php/Documenti/index.php?idnot=41160

Capito? Siamo stati condannati per avere favorito l'Agusta nei contratti per elicotteri.

I vigliacchi che scrivono per le riviste di 'Difesa' lo scrivano se hanno il coraggio.

S.M_ 13.11.10 15:40| 
 |
Rispondi al commento

Mi rivolgo a Tendas, l'esperto di armi. Visto che anche io ne mastico un pò, allora proviamo a capirci nu' pochetto, eh?


Afghanistan? La classica scusa per spendere tanti soldi, ma MAI in Italia si lasciano con le chiappe scoperte l'industria armivendola.

Dici che l'Art.11 della Costituzione non vieta la guerra difensiva? Ma in base a quale contorto ragionamento (in stile Andrea Nativi, nda) noi Italiani siamo stati 'attaccati'? Dai Talebani? LOL.

E se vuoi cercare chi finanzia i Talebani, allora dovremmo invadere ARABIA SAUDITA e PAKISTAN. Invece sai, caro esperto? ad entrambi vendiamo miliardi di armamenti. EF-2000 e missili Aspide, per dirne due?

Parliamo di spese militari? Il bilancio della Difesa, è già stato dell'ordine dei 26.000 mln di euro!

Più tutti i fondi dati come aiuto all'industria.

Più i 750 mln dati alle 'operazioni di pace all'estero'(sic)

Ma c'é di peggio, lo dico anche a Beppe.

In Italia è praticamente ZERO il numero di concorsi internazionali.

Lo Stato si vende elicotteri (Agusta) SENZA CONCORSO DI SORTA, alla faccia delle norme europee di concorrenza. E sono dappertutto, centinaia in ogni amministrazione e polizia pubblica.

Tanto paghiamo noi!

Visto che ti occupi di Difesa, allora spiegami come mai in Italia non ci sono prodotti che abbiano MAI avuto concorrenti. O i vostri inserzionisti vi farebbero il culo se osaste dirlo?

E vogliamo parlare delle 'navi di Bertolaso', le nuove anfibie della MM? MA CON CHE FACCIA, approfittando dei terremoti, -lasciando senza ricostruzione l'Aquila- si acquistano navi d'assalto anfibio?

Nel mentre, i nostri monumenti crollano. La scuola pubblica crolla. Ma per la scuola privata i soldi ci sono (alla faccia del 'senza oneri per lo Stato'!). Tremonti taglia 500 mln per la difesa del territorio. Nel mentre le alluvioni fanno MILIARDI di danni.

Ma da noi si comprano i mortai. E i manganelli!

S.M_ 13.11.10 15:13| 
 |
Rispondi al commento

mettete dell'erba nei vostri cannoni

Paolo G., Milano Commentatore certificato 13.11.10 14:01| 
 |
Rispondi al commento

sono pur sempre posti di lavoro

ciro tosi 13.11.10 12:18| 
 |
Rispondi al commento

Ma guarda che Paese strano questa Italia!!! E' l'unica nazione al mondo che possiede un esercito e che spende per aggiornarlo, anche in periodo di crisi!!! Infatti non lo fa nessun'altro Paese europeo, tantomeno la Cina, il Giappone e gli USA!!!

Volatile pn 13.11.10 11:45| 
 |
Rispondi al commento

Forse per il governo è molto importante finanziare nei armamenti e le imprese costrutrici anzichè finanziare sui giovani, sui ricercatori, ecc... che sono il futuro del paese. Non voglio criticare nessuno in quanto tutti i politici sono uguali, sx o dx, si interessano solamente al loro torna conto e non certo ai poveri. vero.?

Morly Musa 13.11.10 11:36| 
 |
Rispondi al commento

Le spese militari per armamenti, missioni all'estero ecc.sono la vergogna del nostro paese.
Non si capisce come mai per tutto ciò si trovano sempre i quattrini e non ci sono invece per le persone che non arrivano a fine mese,per la ricerca,per l'istruzione,ecc..
Intanto il debito pubblico galoppa mentre l'attuale classe politica si rivela ogni giorno di più incapace quantomeno di arginarlo occupata com'è a spassarsela nei festini con le puttane d'alto bordo.

Beppe C. Commentatore certificato 13.11.10 11:29| 
 |
Rispondi al commento

Questi farabutti oltre ad averci impoveriti in tutti i sensi adesso hanno ipotecato anche il nostro poco roseo futuro garantendo commesse all'industria bellica,che non dovrebbe avere neanche il senso neanche di esistere....!
ma cosa stiamo aspettando per mandarli affanculo questi parassiti...........?

andrea perciante 13.11.10 02:10| 
 |
Rispondi al commento

e' un ragionamento che ho fatto anch'io. ma non si potrebbe usare la frase da adesso inpoi,non finanziamo più la guerra che siamo un paese di pace.......?

toni tina 13.11.10 01:10| 
 |
Rispondi al commento

Dimenticavo il Link
http://www.blitzquotidiano.it/economia/scuola-finanziaria-raddoppiati-fondi-private-637785/
oppure

http://www.idocentiscapigliati.com/2010 ... menti.html

Luca Marangon 12.11.10 21:26| 
 |
Rispondi al commento

Non è vero che la scuola non riceve soldi.
E' notizia di oggi che la scuola privata ha avuto la bellezza di 249 milioni di euro. :-(

Luca Marangon 12.11.10 21:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma che guerra
Se ci va bene stiamo pagando per le smanie di larussa, se va male ci mangiano sopra.
Cosa pretendete per scuola e cultura? Ma li vedete bondi e la gelmini?

Daniele sandieri 12.11.10 20:50| 
 |
Rispondi al commento

Tra l'altro mi sembra che l'Italia
abbia già speso
un bel pacco di miliardi
(26, mi sembra)
per comprare un centinaio
di caccia-bombardieri eurofighter.
Però si tagliano i fondi
a scuola e università.
Cioè noi dobbiamo tirare la cinghia,
per far divertire
quel deficiente di la russa

Luigi D., Ancona Commentatore certificato 12.11.10 20:39| 
 |
Rispondi al commento

Io commento con parole di Paul Valery: "La guerra è una vicenda in cui innumerevoli persone, che non si conoscono affatto, si massacrano per la gloria e per il profitto di alcune persone che si conoscono e che non si massacrano affatto!".

Massimo Borgis, Condove Commentatore certificato 12.11.10 20:34| 
 |
Rispondi al commento

Caro amico, l'italia è uno paese dove vi sono molte industrie militari, oto-melara, fincantieri, whitehead motofides,berretta,fiocchi munizioni,iveco,galileo sistemi di puntamento,augusta,ecc.
Un miliardo è poco?...dipende,in tempo di pace no..non è poco..perchè? perchè visto e considerato che zitti,zitti,i nostri governanti hanno aderito al trattato di Lisbona(il quale prevede che la UE possa assumere iniziative Belliche, per la sicurezza di ciascun paese membro, anche in caso di una presunta minaccia di paesi terzi)che piaccia o no, mi chiedo dove è finito il Progetto per la costituzione di un unico esercito europeo, proprio per razionalizzare le risorse e renderlo meno costoso.
Il progetto prevedeva,se non sbaglio, anche la costituzione di una forza di pronto intervento rapido, operativa h24 di circa 50-100.000 effettivi, sotto comendo NATO.
Noto invece che si continua a non parlare di tutto ciò, mentre continuano le spese allegre...nella precedente legislatura il governo Berlusconi commissionò due sommergibile e 2 porterei,l'ultima la cavour è stata inaugurata in occasione del terremoto di Haiti, costo dell'operazione 250.mlio di euri, per essere utilizzata come nave trasporto(mah!)...tralasciando i siluri "magnum" acquistati proprio ora...strano però che nel corredo non siano stati inseriti anche i carri..visto che l'ariete ormai è superato in termini di potenza e corazza...comunque non c'è male,andiamo avanti così, poco importa se negli asili non c'è la carta igenica,i diversamente abili devono accattonare 257 euro al mese, i disoccupati si suicidano, i precari saranno precari a vita...negli ospedali si taglia continuamente...l'importante è armarsi..per fare la guerra a chi non si sà....comunque, come dire "meglio avere paura che toccarne"

roby f., Livorno Commentatore certificato 12.11.10 19:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non riesco a capire una cosa: il link di Peace Research dice che € 125'000'000,00 serviranno a costruire una nuova nave da guerra in sostituzione della A-5306 Antero.
Peccato che questa nave sia stata già sostituita nel 1973.

http://it.wikipedia.org/wiki/Anteo_%28A_5306%29

Stefano Smiroldo 12.11.10 19:44| 
 |
Rispondi al commento

Quì continua ad esserci il solito pacifINTismo che mi ha spinto ad allontanarmi dal MoVimento 5 Stelle, vedo.

Io lavoro per una rivista di difesa, e mi piacerebbe mettere le cose in chiaro. La nostra Costituzione dice che l'Italia "ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali". Letteralmente. Non significa che non possiamo difenderci se attaccati, tutt'altro. Anzi, abbiamo il diritto essere sempre pronti a difenderci anche quando la possibilità di un attacco è più fantascientifica che remota, come fanno nazioni neutrali quali Svezia e Svizzera, che hanno apparati militari da far paura.

Per anni, quasi per tutta la Guerra fredda, il nostro apparato militare è stato una barzelletta, sottoequipaggiato e male armato. Le capacità di difesa si basano sulla superiorità di mezzi ed armamenti rispetto al potenziale avversario, che in caso d'attacco va schiacciato immediatamente, respinto oltre i confini nazionali prima possibile, e se possibile inseguito e menato anche dentro casa sua per evitare che contrattacchi a sua volta. Per anni questa capacità l'Italia non l'ha avuta. A dire la verità non l'ha neanche adesso.

Semmai si potrebbe fare polemica sotto un altro punto di vista, e cioè sul fatto che l'attuale governo non sta affatto cercando di portare avanti un riassetto del sistema di difesa come Dio comanda, che sia prontamente mobilizzabile e "defense-oriented", ma anche se del caso mobilitabile per rispondere a catastrofi naturali ed emergenze interne; al contrario, sta spendendo e spandendo per rispondere alle esigenze della NATO e alle richieste che ci fa riguardo all'impegno in Afghanistan. Ed anche questo lo sta facendo MALE, come potrà testimoniare qualsiasi "scheggione" che sia tornato da laggiù.

Pierangelo Tendas, Tempio Pausania (OT) Commentatore certificato 12.11.10 18:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

grazie per l'informazione.
Ragazzi se gli studi fatti dagli anglossassoni proiettano l'Italia a fine secolo con 10 milioni di abitanti anziché gli attuali 56/57 milioni qualcosa vorrà pur dire no?
Voi che siete giovani ed ancora studenti lasciate questo paese ormai alla deriva, andate dove la democrazia, la libertà, il diritto allo studio, il diritto ad un lavoro giustamente retribuito, la cultura sono ancora dei principi e dei valori importanti.
In bocca al lupo!

Gianpietro Colla 12.11.10 18:31| 
 |
Rispondi al commento

questo governo è una vera dittatura...beppe aiutaci a diffondere le vere notizie sulle discariche di terzigno e bosco reale...che qui il cavaliere censura tutto...tra poco l'onu la dovremmo inviare in italia anziché all'estero dove si comabattono guerre per interessi con la scusa di importare la democrazia...mentre qui con la scusa della crisi ci privano della democrazia...

giuseppe possumato 12.11.10 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Ma ci sono ancora parole per descrivere questa tristissima situazione???
L' unica cosa da fare è far girare questo notizie per smuovere le coscenze!!!!CONDIVIDIAMO CONDIVIDIAMO e ancora CONDIVIDIAMO sui social network!!!!!!

Luca Anselmi 12.11.10 18:07| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
AVANTI DI QUESTI SPRECHI IN CAMPO MILITARE,DOPO L'ALLUVIONE NEL VENETO,ANDREMO OLTRE I 2.000 MILIARDI DI DEBITO,SONO TALMENTE "INCOSAPEVOLI" CHE SI AMMAZZANO DA SOLI CON GLI SPRECHI
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 12.11.10 17:35| 
 |
Rispondi al commento

Vi ricordo che la moglie di Roberto Maroni, Emilia, è dirigente della Aermacchi...

alberto arnoldi 12.11.10 17:20| 
 |
Rispondi al commento

La proposta che mi sento di fare - almeno in rispetto all'art. 11 della costituzione - che ogni voce di spesa del ministero della difesa deve essere dichiarata e motivata a tutto il popolo italiano su tutti i media(mentre invece adesso se ne trova riscontro solo su siti dedicati). Sarebbe auspicabile anche una decisione popolare (tipo voto online) quando possibile.

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.11.10 16:58| 
 |
Rispondi al commento

però.... che bel menu...

Paolo R., Padova Commentatore certificato 12.11.10 16:48| 
 |
Rispondi al commento

Io sono rimasto a che nostro egreggio ministro della guerra voleva armare nostri bellissimi aerei di combatimento con delle bombe

poi si è vero ci sono danni collaterali fra insegnati, pensionati e spesse varie per la popolazione

ma nostro egreggio governo di ultra destra in nome a il ministrello della guerra sta provedendo a portare a termine questa magna guerra con gli onori di nostri valorossisimi soldati

il resto non conta un cazzo.

Eduardo Dumas ( edu latino), milan Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.11.10 16:39| 
 |
Rispondi al commento

forza giovani. sono con voi

giovanni miceli jesi 12.11.10 16:35| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori