Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Poliziotti con la carta di identità


carica_della_Polizia.jpg
Il manganello è un'arma ignobile e classista. Ignobile perché colpisce cittadini inermi che hanno il solo torto di manifestare. Classista perché è usato solo su studenti, operai, persone comuni che protestano a favore degli immigrati come a Brescia o della propria terra come a Terzigno e in Val di Susa. Mai il manganello si è abbattuto su un politico, un banchiere, un industriale con le pezze al culo del club di Confindustria. Non ricordo neppure un mafioso che sia stato preso a manganellate in pubblico. L'uso del manganello va proibito. Come è possibile picchiare, rimanendo impuniti, sulla pubblica piazza, persone incensurate, le stesse che mantengono il poliziotto manganellatore con le loro tasse? Picchiare ragazzi e anziani senza neppure poter essere riconosciuti è incivile. Va abolito l'uso del manganello e va introdotto il numero di riconoscimento sul casco dei poliziotti come avviene nel resto d'Europa. Poliziotti con la carta di identità.

13 Nov 2010, 21:08 | Scrivi | Commenti (116) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Beppe questa volta hai cagato fuori dal boccale, ti conviene cambiare qualcosa se no perderai il mio voto che forse non sara molto ma come me ce ne sono molti altri.

martin 19.02.13 11:53| 
 |
Rispondi al commento

parlo come compagna di un ex poliziotto....che anni indietro si è preso una coltellata in una rissa e un occhio nero da una sassaiola durante il derbi genovese.Purtroppo anche tra loro ci sono i soliti esaltati che a volte i compagni non riescono a tenere a freno e giustamente devono essere puniti perchè infangano il lavoro di tutti gli altri; tutti quelli che di notte escono di pattuglia-non più di 2 auto in città come Pisa- e che non sanno mai chi si troveranno davanti nei controlli, o che intervengono in liti tra tossici o ubriachi, quelli che le mogli gli rattoppano le giacche ed i pantaloni perchè lo stato passa il vestiario ogni 5/10 anni, quelli che si comprano le scarpe, i blocchi, i prontuari, insomma quelli che ogni giorno vengono insultati e additati da migliaia di persona, che scioperano per i loro diritti ma nessuno lo mostra in tv.credo che tutti loro si meritino più rispetto!

claudia vichi 19.11.10 15:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ho visto il filmato dei calci a terra al manifestante a BS. A dire il vero mi è sembrato che il poliziotto che ha sferrato il calcio sia stato fermato e allontanato con decisione da un suo collega. Certo è che un poliziotto deve essere addestrato per mantenere la calma. Detto questo: le forze dell'ordine sono diventate solo i cani da guardia del potere. O lo sono sempre state?

si sifo 19.11.10 10:16| 
 |
Rispondi al commento

Perfettamente d' accordo con il post... riconoscibili passerebbero subito da belve feroci a docili agnellini.

Per questo non vogliono identificarsi, perchè dovrebbero iniziare a rispettare la legge e i diritti delle persone.

SIAMO IL TERZO MONDO D'EUROPA.

l antidemagogo Commentatore certificato 18.11.10 23:40| 
 |
Rispondi al commento


informatemi cortesemente se anche voi avete problemi a connettervi a Facebook -
sull Evento - Dimissioni di Berlusconi
http://www.facebook.com/photo.php?fbid=1672912873256&set=o.152073584837085¬if_t=photo_comment

gino l., düsseldorf Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.11.10 15:48| 
 |
Rispondi al commento

Mi esprimero' come voi, ma parlando di voi: fate tutti schifo!!!
ci son opoliziotti esaltati e violenti? si, senza dubbio, e vanno puniti.
Ma voi, cari bastiancontrari per professione, ignoranti che parlano e sbraitano ed insultano .. ma se poi bisogna scendere in strada tutti a cagarsi sotto, vivete tranquilli perché c'é la polizia, i carabinieri (la gdf non c'entra un cazzo!!).
Aboliamo le forze dell'ordine? togliamo loro il manganello e la pistola? bene, cosi i vostri cari amici marocchini, albanesi, zingari verranno a casa vostra, violenteranno vostra moglie E vostra figlia, magari pure voi, vi cagano in casa, vi rubano e spaccano tutto e se ne vanno, ma lo avrete voluto voi. Vero é, questo sono d'accordo, che le fdo funzionano male perché molti anche troppi rimangono impuniti, ma questi ci sono perché ci sono delle leggi che permettono a questa merda del mondo di venire nel nostro paese e rimanerci seppur irrgolari, a fare quello che non possono far ea casa loro. Un marocchino in MArocco non fa le cose che fa da noi; un rumeno nemmeno, un albanese neanche. Vengono da noi perché gli stronzi come voi vogliono togliere sempre più libertà all'azione delle fdo, e poi a pagare per le vostre stronzate siamo tutti quanti.
Grazie per la vostra cecità; grazie per le vostre manifestazioni vergognose ed irrispettose della libertà di lavoro e di mobilità altrui.
Siete fra i vari cancri di questo paese, rendetevene conto almeno.
Onore alle forze dell'ordine; punizione alle forze dell'ordine che aggrediscono senza ragione. Solo cosi si vivrà in un paese civile.
Ma io voglio che se un ladro/spacciatore/violentatore/mafioso/ viene beccato rischi la vita per cio' che sta facendo; sono certo che non lo farà più!

Davide Boccardo, nizza Commentatore certificato 16.11.10 16:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per notizia:

http://www.prismanews.net/cronaca/le-forze-dellordine-lamentano-ci-fanno-fare-la-guardia-alle-escort-dei-politici.html

M. M. 15.11.10 15:08| 
 |
Rispondi al commento

Vietato dissentire.
Tra un abuso di palazzo e una repressione di piazza si consuma la fase terminale di un regime, la più pericolosa. Mai un governo repubblicano aveva umiliato a tal punto la funzione della polizia di Stato: da un lato, tagli massicci alle risorse; dall’altro, l’ordine di sgomberare le piazze quando passano il duce e i dignitari di corte. E ancora: leggi che tolgono strumenti operativi alla lotta contro il crimine e mortificano il principio di uguaglianza per l’impunità dei delinquenti vip. Fra i soldati semplici, i meno fortunati sono chiamati a fare da scorta a puttane e magnaccia. E se ne stanno in silenzio o se ne lamentano nell’ombra. Fra i graduati, i più esaltati ci prendono gusto e, maleducati dal cattivo esempio, si accaniscono contro i deboli contando sull’ormai abituale impunità dei prepotenti.
Ma non si caricano le persone inermi. Capito, Ricifari?
Chiediamo le dimissioni del vice questore di Brescia Emanuele Ricifari

link per inviare l'email già pronta: urp.quest.bs@pecps.poliziadistato.it

Au revoir.

Francois Marie Arouet, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 15.11.10 13:29| 
 |
Rispondi al commento

La polizia, è al servizio dei potenti,
e dell'establishment in genere.
Non è sicuramente al servizio del popolo,
anzi, il concetto di "popolo"
fa sorgere in loro, sentimenti di ansia,
e di preoccupazione,
perchè il popolo per loro
è solo una potenziale minaccia
di disordini, o proteste.
Questa è la realtà,
è così che essi ci vedono!

Luigi D., Ancona Commentatore certificato 14.11.10 21:40| 
 |
Rispondi al commento

Se qualcuno dei commentatori si ritiene sufficientemente informato su come
si stanno comportando a tal proposito negli altri paesi d'Europa, risponda
a Roberto NICOLETTI, 14.11.10, commento delle 12:33.

Meglio sarebbe che, per maggior informazione di tutti, rispondessero i
curatori stessi di questo blog.

Giuliano Lepri 14.11.10 21:11| 
 |
Rispondi al commento

Nobili battaglie e quieto vivere a Brescia nel nov 2010

Intorno al 1970 all’università c’erano spesso manifestazioni e scioperi per il Vietnam. Fui sorpreso, quando andai all’università, di trovare nonostante tali rivolte il potere baronale vivo e virulento. L’occuparsi altruisticamente dei diritti altrui scavalcando le ingiustizie domestiche consente di fare bella figura mentre ci si ingrazia il potere fornendo l’opposizione che vuole. La Sinistra fa un favore alla Destra dando del razzista e dell’imbecille a chiunque critichi l’immigrazione, e relegando così la protesta per i disagi che crea alle voci grevi e incivili della Lega. La Destra fa un favore alla Sinistra non trattando gli extracomunitari con onestà e rispetto, e dandole quindi l’estro di ergersi a paladina di alti princìpi e acquisire così potere. Ma sia Destra che Sinistra che clero sono proni al modello liberista, che vuole lavoratori e consumatori immigrati, e implica sfruttamento sia in Italia che nel Terzo mondo. La polizia sta al gioco. Finora c’è stata più scena ad uso delle telecamere che sangue; speriamo che non si voglia rendere la scena più realistica. Intanto alle porte di Brescia una guardia giurata ha sparato in testa a un ragazzo per una lite automobilistica. Mentre si grida al fascismo battendosi all’ultimo sangue per i dannati della terra, nessun interesse sul caso della guardia privata che ha ritenuto appropriato bucare da parte a parte la scatola cranica di un locale. La società civile è affaccendata in ben altre battaglie. Le guardie giurate, buoni iscritti al sindacato e buoni aiutanti di CC e PS, non sono estranee a forme di repressione antidemocratica che non vedrete su Anno zero. Il pistolero, un altro che ha premuto il grilletto di un un’arma portata legalmente sapendo di stare dalla parte di chi comanda, verrà probabilmente tolto dai guai dalle istituzioni, e la violenza occulta di polizia continuerà più forte di prima.

Francesco Pansera (menici60d15) Commentatore certificato 14.11.10 20:18| 
 |
Rispondi al commento

Tutto il personale pubblico dovrebbe essere identificabile, rintracciabile con i migliori mezzi elettronici disponibili sul mercato dal vigile urbano al presidente del consiglio. La loro privacy è a disposizione della democrazia !
Va cambiato il concetto di dipendente pubblico in tutti i sensi. Non deve essere un privilegio ma una missione rivolto alla collettività.
Geolocalizzare quanti dipendenti e per cosa e utilizzati per come e perchè comune per comune, mettendo in discussione anche la dimensione comunale attuale per sovradimensionamento sociale a tutela della sicurezza, intregralità ed incolumità di tutti i cittadini. Senza manganelli e strutture gerarchiche militarizzate.
Riformare tutta la struttura partendo dal ministero degli interni, della giustizia e aggiungerei della difesa,(che difesa non è)
Promuovere una specie di distretti sociali con la partecipazione dei residenti facendo convergere in essi quei finanzieri, carabinieri vigili e poliziotti formati e organizzati quanto basta per una gestione sociale, dal traffico al fisco, dalla multa al domiciliare con obbligo del servizio sociale nel quartiere,dal vigile annonario alla riparazione del semaforo.
Piccolo è bello ma anche economico, controllabile e democraticamente partecipativo per tutti senza privilegi ed abusi di nessuno!

pino n. 14.11.10 19:55| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Tanto per capirci in merito.

La Polizia è piena zeppa di gente fascistoide. Spesso negli uffici puoi imbatterti persino in mezzibusti di mascellone.

Se la Pula non fosse così, come spiegarsi i FRATELLI SAVI? Ve li ricordate? Come hanno fatto a non essere fermati anni prima dei soggetti così?

Perché, non sono sbirri quelli che hanno ammazzato ALDOVRANDI? SANDRI? 'Lo chiamavano Spaccarotella mirava sempre alle cervella'.

Questa gente è irresponsabile e pericolosa.

E obbedisce a chi? Ad un Min.Int., MARONI, che è stato condannato per resistenza a pubblico ufficiale!!

E poi in Italia abbiamo troppi sbirri. Abbiamo 300.000 tutori eppure abbiamo 4 regioni in mano alla MAFIA!

Io non direi di abolire il manganello, ma di non eccedere dell'uso dello stesso, quello sì! E i numeri identificativi, almeno quelli dovrebbero esserci.

Infatti, esistono leggi dello Stato che impediscono di andare in giro a volto coperto, e allora sono proprio i celerini che danno l'esempio opposto?

E poi: ma scusate, TRE FORZE di polizia, GdF, PS, CC, tutti dipendenti da dicasteri diversi, ma TUTTI facenti capo al governo che nomina i ministri.

Avete idea di quanti soldi costa questa moltiplicazione? Quanti elicotteri e motoscafi extra, quante poltrone, quanti uffici bisogna allestire? Io sarei per sciogliere la PS e lasciare solo due polizie: i CC e una specie di polizia-GdF unificata e civile (la GdF è civile, ma ha struttura militare!). Ma ogni tentativo in tal senso va a puttane, perché nessuno vorrebbe mai fare un passo epocale del genere! Meglio far fallire lo Stato piuttosto che fare pulizia in questo moltiplicarsi di grecali e stellette (guardate il numero dei GENERALI che ci sono nelle F.A. e in quelle di polizia).

E poi guardate i dirigenti: quello di Brescia ha ordinato la carica, quando i suoi poliziotti erano totalmente disorganizzati e impreparati. E' stata colpa sua se si è arrivati a questo.

Incacchiato nero 14.11.10 18:53| 
 |
Rispondi al commento

sono d'accordissimo, d'altronde è previsto che tutti abbiano un cartellino di identificazione nella Pubblica amministrazione, poliziotti Pubblica sicurezza NUMERO DI RICONOSCIMENTO sììììììì

valeria Tasselli 14.11.10 18:36| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

Premetto che ho frequentato gli stadi e le manifestazioni in tutta italia, quindi la polizia ed i suoi funzionari li conosco bene. Sono d' accordo nel dire che sicuramente non tutti i poliziotti sono così come descritti, ma è altrettanto vero che la maggior parte, almeno fra il reparto celere e naturalmente fra i suoi comandanti, sono o degli esaltati a cui piace solo picchiare, o dei frustati cronici inebriati dal potere che gli danno. Un funzionario di polizia benchè stia esercitando la sua funzione non si può permettere di dire "qui si fà solo quello che dico io" oppure arrestare persone che stanno solo discutendo con lui in maniera civile. Quale è la legge che dice che uno non può essere d' accordo con lui? Dove è finita la costituzione? Che fine hanno fatto queste persone? Purtroppo c' è anche il pericolo che morissero in mano a loro. Ma vi sembra normale? come si può vivere in un paese dove un poliziotto che uccide un cittadino inerme prende solo 3 anni, quindi non va nemmeno in carcere? Penso che presto ci scapperà di nuovo il morto e come sempre non sarà l' ultima. C' è urgenza di un rimedio forse il numero sul casco può essere l' inizio.Potrei raccontarne un sacco di questi abusi, ma rischierei di non essere creduto. Ciao a tutti

CHICO GIUSTI, Livorno Commentatore certificato 14.11.10 18:21| 
 |
Rispondi al commento

E' incredibile che nella polizia, che dovrebbero difenderci, pagati con le nostre tasse, ci massacrano, ma la cosa piu' grave e' che nella polizia ci siano veri e propri criminali peggio dei mafiosi.

Francesco galiano 14.11.10 18:15| 
 |
Rispondi al commento

"""il manganello (..) ignobile perchè colpisce cittadini inermi"""....che, per puro caso, si trovavano in mano bottiglie molotof, spranghe di ferro,fuochi artificiali artigianali,altri oggetti incendiari, sassi e pietre di varie dimensioni e consistenza e, sempre per puro caso, erano protetti da caschi, passamontagna e cappucci antiriconoscimento! Vogliamo che i poliziotti siano riconoscibili? Benissimo. Allora i partecipanti alle manifestazioni devono preventivamente consegnare alle Forse di Polizia un loro documento d'identità, che sarà restituito alla fine della scampagnata contro! E se la manifestazione non è autorizzata? Niente consegna preventiva del documento e manganellate da orbi a chi attacca la Polizia!!!!

Volatile pn 14.11.10 17:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://questure.poliziadistato.it/Brescia/il_questore-4-91-1.htm
questo il sito del questore con l'indirizzo email
questore.bs@poliziadistato.it
iniziare ad esprimere civilmente il disppunto sperando che la coscienza di ognuno possa quanto meno far capire a chi ce lo manda in piazza questo personaggio che è lui la fonte delle tensioni in strada potrebbe essere un modo per iniziare a fare pressione sui molti esaltati che non sembra abbiano limiti.....

gabriele . Commentatore certificato 14.11.10 16:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' da qualche anno ormai che la polizia interviene con eccessiva violenza contro cittadini che protestano per difendere i propri diritti e con estrema cautela contro i vari "Ivan Il terribile" che imperversano negli stadi o quando fanno finta di non accorgersi di furgoni carichi di spranghe al centro di piazza navona ecc. ecc.
La finale è sempre la stessa la più comoda la più semplice, forti con i deboli e deboli con i forti e i potenti.
Certo che identificare quelli che si comportano in modo disumano e importante ma quardate il filmato di brescia quel dirigente che dà la carica senza alcun motivo è identificabile ma chi lo sanzionerà il prefetto di ferro di brescia?
Io credo che al di là di quei poveri poliziotti che vengono continuamente mandati a risolvere problemi politici con la forza, dovremo prendercela con gli alti dirigenti di polizia e politici vigliacchi che stanno alimentando un'escalation di violenza e di contrapposizione tra poveri cristi.
Credo che Manganelli con quel cognome non sia più l'uomo adatto a fare il capo della polizia forse sarebbe meglio trovare qualcuno con un cognome più "pacifico" che riesca a contrapporsi a certi
politici e fargli capire che il modo di risolvere i problemi è un'altro.Non è quello di dare sempre addosso ai cittadini ma utilizzare le forze di polizia per difenderli visto che gli paghiamo gli stipendi.E non quello di portare a spasso le loro troie o difendere giornalisti leccaculi che possono permettersi delle guardie del corpo private.

guglielmo vitolo 14.11.10 16:26| 
 |
Rispondi al commento

Evidentemente i lavoratori del manganello ubbidiscono al superiore e fanno il loro lavoro.
Bene, allora quando il loro datore di lavoro cadrà in disgrazia, bisognerà bastonare Maroni e dargliene tante quante i lavoratori e le persone oneste hanno subito ingiustamente .Questo perchè il manifestare pacificamente è un principio della nostra Costituzione,invece impedire ciò è incivile e barbarico.

oreste mori, la spezia Commentatore certificato 14.11.10 16:13| 
 |
Rispondi al commento

l'alternativa c'è: OBIEZIONE DI COSCIENZA
il parlamento deve approvare al più presto una legge che tuteli gli operatori della pubblica sicurezza e delle forze armate che rifiutino di obbedire all'ordine di manganellare civili disarmati e pacifici.

gaab rius Commentatore certificato 14.11.10 16:07| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo, spesso mi domando ,ma un polizziotto se lo domanderà ,ma che cacchio manganello questa gente ,che hà solo il desiderio di fare rispettare,la vita propria e degli altri,in modo questo si civile,senza violenza,Vorrei chiederlo,penso però ,che la risposta sia,,noi dobbiamo rispettare gli ordini,ma,,,

edilio montaldo 14.11.10 16:06| 
 |
Rispondi al commento

...assolutamente condivisibile peccato che grillo non parli sempr ein questi termini in merito ai diritti umani.

paolo pignocchi 14.11.10 15:38| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo,

sono da sempre un tuo sostenitore, ma questa volta trovo il tuo articolo profondamente ingiusto... e per usare una parola che senti spesso...populista.
Il problema non sono le braccia che si muovono, ma la testa che comanda! E mi sembra ovvio...
Possiamo anche togliere i manganelli...le pistole...ma ALMENO PER UNA VOLTA mettiti nei panni degli operai della sicurezza, come pensi di risolvere il problema dell'ordine pubblico, con i rami di ulivo?
E' facile criticare dal tuo punto di vista, dalla tua posizione, ma l'alternativa che proponi qual è? Non caricare? Troppo semplice. Troppo conveniente come risposta. Troppo accademica.
E quando si oltrepassano certi limiti????
Pensi che la Polizia o i Carabinieri siano in piazza perchè sostenitori del Ponte sullo Stretto, della TAV, della base NATO a Vicenza, delle discariche, imprenditori edili a L'Aquila o favorevoli non dare il permesso di soggiorni a poveri lavoratori stranieri???? Sicuramente no.

Ti invito a riflettere.

Peppino DG (peppinodg) Commentatore certificato 14.11.10 14:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando si manifesta è meglio non parlare con la polizia! Mantenere distanza di...tiro.

Adjos

alfonso baroni (rrrbr) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 14.11.10 14:19| 
 |
Rispondi al commento

il nocciolo della questione sta nella domanda: a che rispondono i poliziotti? Se ci fosse un colpo di stato o uno scontro istituzionale, da chi ricevono gli ordini, e a tutela di chi: della costituzione o dei poteri forti? Beppe continua a proporre le leggi popolari: abolizione dei manganelli, carta di identità visibile per i poliziotti e dovere di rispondere solo alla costituzione non a un la russa o a un ministro sovversivo qualunque

Paola F. Commentatore certificato 14.11.10 13:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salute a tutti, ho visto con attenzione quel video ad ANNOZERO, dove quel poliziotto piccoletto che incitava alla carica contro i manifestanti che nn erano affatto in agitazione. La foga con cui strattonava e urlava era degna del peggior squadrista fascista. Il punto è che le forze dell'ordine a mio avviso sono ripartite in due fazioni: gli esaltati e i poveracci: gli esaltati sono solo poveri frustrati che riconoscono nel loro lavoro una sorta di potere che crea in loro un delirio di onnipotenza, differentemente per i secondi che sono persone comunque sia con questo mestiere ci campano. Se dentro le uniformi ci fossero persone intelligenti, capirebbero che spesso manganellano soggetti che si battono anche per i diritti di tutti i cittadini quindi anche per loro e dei loro figli.

Mario F., Torino Commentatore certificato 14.11.10 13:40| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

la polizia ormai non rappresenta più lo stato.... è equivalente ad una GANG CAMORRRISTICA.

Morris Fleed (goblin) Commentatore certificato 14.11.10 13:38| 
 |
Rispondi al commento

SOLIDARIETA' ai Migranti che sono COSTRETTI a SALIRE sulle GRU perchè non vogliono più LAVORARE a 3 EURO, non vogliono restare alla mercè di SFRUTTATORI e APPESI alla CHIMERA del "PERMESSO di SOGGIORNO" che non arriva MAI e che ti rende RICATTABILE perchè SENZA DIRITTI. BASTA MENZOGNE! BASTA a chi ci ha detto che sono i MIGRANTI a TOGLIERCI il LAVORO, mentre sono loro che vogliono Esseri umani SENZA DIRITTI per SFRUTTARLI meglio, così dopo... TOCCHERA' a NOI! BASTA PROPAGANDA! BASTA SLOGAN! Riprendiamoci la CONOSCENZA, il SAPERE, lo STUDIO! rocLIBERACITTADINANZA

rossella rispoli 14.11.10 13:12| 
 |
Rispondi al commento

Tutto giusto ma... mi viene un dubbio! Che c'entriamo noi con l'Europa?
E poi... troppe volte poliziotti & Co. sono stati difesi dai cittadini comuni con un vecchio luogo comune: loro non c'entrano niente, stanno solo facendo il loro dovere!
Non credete che ci sia qualcosa da rivedere in ciò?


Credo che il tizio, tale Emanuele Frocivari, abbia visto un po' troppa tv. Comunque i latini avevano proprio ragione: "Senatori boni viri, Senatus mala bestia". Il poliziotto singolo forse avrà ancora una parvenza di personalità ma a gruppi sono solo degli schiavi che devono ubbidire al primo coglione (leggi Frocivari).

o e g 14.11.10 12:48| 
 |
Rispondi al commento

A me sta cosa non convince.

Sono all'oscuro dei fatti narrati non essendo stato presente, ma a me in tutte le manifestazioni (anche accese, molto accese) che ho partecipato non mi è mai stato torto un capello.

Io non ho mai sfondato, non ho mai lanciato, non ho mai resistito e non ho mai picchettato...e sono sempre andato a casa con le mie gambe da cittadino libero.

Prima si rispettano le regole convdivise di uno stato democratico (la manifestazione deve essere programmata in tutti i suoi particolari), poi si rispettano le persone (poliziotti compresi), poi si rispettano le cose....e "magicamente" si ritorna tutti a casa con le proprie gambe...

E' così difficile?

A me pare che lo Stato sennò valga solo quando è rappresentato dai Magistrati che allora tutti incensano e tutti ascoltano.

No, lo Stato sono anche le Forze dell'Ordine che per uno stipendio da fame fanno rispettare, anche con la forza, quel minimo di ordine che non fa mai male.

Ripeto, chi non vuole casini, non li trova.

Infatti, all'anno, in Italia ci sono migliaia di manifestazioni senza cariche e senza tensioni.

Chi cerca lo scontro, lo trova.

Francesco Bizzini 14.11.10 12:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Concordo pienamente con tutto quello che hai scritto in queste undici righe.
E quindi: chi eccede, che sia perlomeno identificabile!!
E da subito, non per le calende greche!
(quando ...sicuramente si procederà alla riduzione del numero dei parlamentari, come tutti i partiti a parole auspicano e che mai però ratificheranno!!)

Giuliano Lepri 14.11.10 12:35| 
 |
Rispondi al commento

Quando si scrivono certe stupidagini bisognerebbe prima informarsi: mi piacerebbe sapere (se lo sapete) quanti sono i paesi europei ed in quali c'è l'obbligo del numero di matricola sul casco.
In attesa di un cortese riscontro saluto. Poi possiamo discutere anche della gestione dell'ordine pubblico

Roberto NICOLETTI 14.11.10 12:33| 
 |
Rispondi al commento

ma a cosa serve la carta d'identità per 'sta gentaglia se poi sono di fatto degli intoccabili? ricordatevi i ragazzi morti in carcere o morti in autostrada per colpa di un imbecille armato e in divisa. o il mattatoio durante il g8 di genova.
beh la maggior parte di questa gentaglia è ancora in servizio e pagata con i nostri soldi!

gianluca borgo 14.11.10 12:11| 
 |
Rispondi al commento

un vecchio adagio napoletano diceva e dice
”mazze e panelle fanne e figlie belle,
panelle senza mazze, fanne e figli pazze
sott’intendendo che i figli vanno educati
si, con le “ mazze” ( fermezza - manganellate)
ma anche con le “ panelle” ( pane,sanità, studio, lavoro ) ;

Volendo rapportare detto adagio all’oggetto della discussione,
ciò che non mi torna e che se da un canto vedo che vengono
scientemente distribuite le “mazze”, d’altro canto , i “genitori ”
di cui si parla, vuoi per dimostrata amoralità deli stessi coniugi ,
vuoi per incapacità, vuoi per paura , vuoi per correità , vuoi per
interessi privati, vuoi per una infame gestione del potere conferito
alla coppia dalla” patria podestà”, agli incapaci “genitori” non resta
altro da fare che utilizzare vilmente solo le “mazze

Eugenio Pellegrino 14.11.10 11:51| 
 |
Rispondi al commento

questi non sono agenti di polizia, sono infami, che per asservire i loro padroni bastonerebbero anche le loro madri. vigliacchi

giuseppe Picchio, orvieto Commentatore certificato 14.11.10 11:35| 
 |
Rispondi al commento

Oltre a questo sarebbe ora di rivedere tutti questi parassiti che succhiano risorse senza motivo.Che vantaggi ci porta avere Carabinieri,Polizia,Guardia di Finanza,Polizia Provinciale,Polizia Municipale,Guardie Zoofile....a cosa serve tutta 'sta gente?
I veri delinquenti sono tutti fuori, i latitanti come Riina e Provenzano,inafferabili,se ne sono stati comodamente a casa indisturbati per anni,l'evasione fiscale galoppa...le forze dell'ordine sono complici dei delinquenti come i politici,tutto qua!

andrea z., cotignola Commentatore certificato 14.11.10 11:32| 
 |
Rispondi al commento

Beppe suuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu!!! qualche manganellata l'ho presa anche io ma di sicuro non mi riconosco certo in quei debosciati mongoloidi nulla facenti figli di papa dei centri sociali che fanno finta di credere in quello che urlano.

quanti ne ho visti di fighetti pieni di soldi che si divertono ad indossare i panni da stracci.

Tra quella gente non ci sono i figli degli operai, garantito.

Vuoi numerare i caschi dei poliziotti? bene però prima introduciamo l'obbiezione di coscienza per le forze dell'ordine, ovvero il diritto di scegliere chi aiutare in caso di richiesta e chi no.
cosi quando uno di quegli stupidi che insultano i poliziotti e gli lanciano gli estintori avrà in futuro bisogno di reale aiuto non ne riceverà.

a volte (ritornano) Commentatore certificato 14.11.10 11:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

questa è una dittatura fatta da un governo democratico per occultare i loschi affari della mafia massonica politica , i governi di questo paese sono dei despoti tutti sono colpevoli e consapevoli di un regime democratico , siamo all'apice di un esplosione di massa , cacciamoli via tutti riprendiamoci il parlamento che fu del popolo.Capito!!

salvino roma (com) Commentatore certificato 14.11.10 11:19| 
 |
Rispondi al commento

Ritengo che raramente in passato durante le varie manifestazioni ci sono stati dimostranti che abbiano volutamente spaccato vetri,sparato ad altezza d'uomo e fatto chissà quali nefandezze.In questo sono confortato dal fatto di ciò che disse KOSSIGA prima di morire :che quando c'erano manifestazioni li infiltrava di agenti provocatori in borghese affichè effettuassero atti contrari alle legge e legittimare l'intervento violento delle forze dell'ordine che dovevano"garentire"che la dimostrazione fosse contenuta nei giusti limiti della legge.D'altra parte anche in tempi recenti,in occasione dei fatti di Genova,si vede perfettamente che un corteo avanza pacifico,improvvisamente da una traversa escono i c.d. black bloc che tirano contro la polizia alcuni oggetti:pietre ed altri corpi contundenti.La polizia provocata carica ed i c.d. blck bloc se la danno a gambe e scompaiono e le manganellate le prendono i dimostranti che non hanno per niente provocato l'incidente.Ergo,i c.d. black bloc da che parte stanno:sono dimostranti?sono frange estremiste di qualche movimento?sono delinquenti di professione? Oppure, molto più semplicemente,sono poliziotti infiltrati x provocare disordini?

IL SICILIANO 14.11.10 11:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Giusta osservazione, Beppe, Ignobile ed incivile esempio di quella brutta Italia che alla fine premia il malaffare, la mafia, e che garantisce uno stato fuorilegge ogni giorno sempre più crudele e violento verso la gente che si batte con coraggio ed ammirazione "solamente" perché venga garantita per davvero la costituzione. Speriamo solo che la giustizia, ci rimane solo questo, riesca a rompere questo muro di gomma e penetrarlo contro questi picchiatori (tipo fascismo sudamericano, questo si lo sanno copiare e bene applicare) di gran bell'esempio in questo mondo sempre più violento. Appoggio qualsiasi iniziativa in questo senso. Grazie Beppe.

Ampelio Pinton 14.11.10 10:39| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo: l'uso del manganello è avvilente, però bisognerebbe proporre la soluzione per contrastare chi spacca tutto; non credo che si possano lasciar bruciare le città per dimostrare che siamo un popolo democratico contrario all'uso della forza.
Ciao.

Giampaolo Sigolo 14.11.10 10:12| 
 |
Rispondi al commento

Io non ho visto neanche un cellerino picchiare un ultrà serbo...Non sarà mica perchè tra gli ultrà serbi c'erano degli ex-militari addestrati di fronte ad uno dei quali tre cellerini si sarebbero trovati con il manganello rotto in testa? No sono sicuro di sbagliare! I cellerini non sono MAI forti con i deboli e deboli coi forti!

Davide A., MB Commentatore certificato 14.11.10 09:52| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

togliamoci dai piedi il porno-nano

rudy t., genova Commentatore certificato 14.11.10 09:49| 
 |
Rispondi al commento

IL PROBLEMA DELLA POLIZIA CHE PICCHIA POTREBBE ESSERE RISOLTO COSI:
Una volta uscito di scena il nano porno, con il nuovo governo, del quale mi auguro facciano parte Grillo, Di Pietro e la parte sana della sinistra PRETENDERE NOI CITTADINI che venga istituito un apposito organo di controllo delle Forze dell'Ordine con dei pubblici ufficiali che facessero il "CONTROLLA-POLIZIOTTO" (o CONTROLLA-CARABINIERE). Queste persone, magari in divisa pure loro, dovrebbero vigilare sulla custodia dei cittadini arrestati, raccogliere le eventuali denunce dei normali cittadini contro i pubblici ufficiali, che oggi sono difficili da fare, dovrebbero avere delle similquesture fatte apposta per loro, ed avere una corsia d'accesso preferenziale alle carceri, alle questure ed alle caserme dei carabinieri. Magari potessero collaborare davvero con la parte sana delle Forze dell'Ordine. Oggigiorno i pubblici ufficiali disonesti hanno l'impunità quasi garantita.
Inoltre, in linea più generale noi cittadini che da anni diciamo BASTA e a volte ci facciamo scappare la parola RIVOLUZIONE abbiamo sempre di fronte a noi l'illegalità: NON POSSIAMO smettere di pagare le tasse per protesta; NON POSSIAMO disobbedire a leggi ingiuste; possiamo solo scendere in piazza a farci picchiare dai celerini.
Facciamo un partito che sia PROGRESSISTA, PER IL CITTADINO e PER LA QUALITA' DELLA VITA (da affiancare magari al movimento 5 stelle).
IO NON HO LA TV MA HO INTERNET E FINCHE' CI SARA' IL NANO NON LA COMPRERO' MAI! E MI GIRANO LE O O CHE LA RETE SIA ATTACCATA DA QUESTO REGIME CHE ASSOMIGLIA A UNO SPETTACOLINO DI TV COMMERCIALE.
Non fatevi picchiare in piazza, se ci andate, almeno andateci sapendo che potreste essere attaccati dai servi del padrone e regolatevi di conseguenza

Gianluca Papi 14.11.10 09:29| 
 |
Rispondi al commento

Concordo; è il momento di proporre una legge in tal senso.

Marco Buzzi 14.11.10 09:18| 
 |
Rispondi al commento

Sono contro la violenza, ma sarebbe corretto che anche i manifestanti fossero chiaramente identificabili, così i cortei sarebbero fatti solo da persone che ci credono veramente e che non vogliono lo scontro.

Andrea prini 14.11.10 09:16| 
 |
Rispondi al commento

è da anni che se ne parla, è così difficile mettere il numero di riconoscimento dei poliziotti sul casco? Ma siete mongoli?????

Marco M 14.11.10 09:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La violenza si usa quando non si può vincere con le parole, gli immigrati sulla gru hanno ragione, è la legge bossi fini che è una bufala. La legge prevede che gli imprenditori che hanno bisogno di manodopera staniera ne facciano richiesta quando viene emanato il decreto flussi, poi se la richiesta viene accettata l'immigrato può entrare in italia. Il problema è che nessuno assume persone senza averle prima provate.
Quando c'è stato l'ultimo decreto flussi, in cui la domanda andava presentata alle poste e non in via telematica,io per la mia azienda ho fatto la fila, (ps: la mia azienda è una multinazionale, e intendeva trasferire alcuni collaboratori da sedi estere all'italia), tutti gli altri che facevano la fila non erano italiani, ma erano extracomunitari irregolari, che facevano la domanda per se stessi; poi mi dissero che se veniva accolta sarebbero tornati al loro paese e sarebbero rientrati in modo regolare.
Invece di chiedere di pagare 500 per legalizzare le colf e badanti, se ci tengono a che le cose siano fatte in modo regolare, dovrebbero prevedere un periodo di prova, e magari i 500 euro dovrebbero richiederli come garazia, se il periodo di prova va bene, li dovrebbero restituire, se il periodo di prova va male, allora quei 500 dovrebbero servire per il biglietto di ritorno al paese di origine.
Adesso gli danno il foglio di via,ma figuriamoci se un extracomunicario che magari ha pagato 3000 4000 euro per arrivare in italia, se gli dai un foglio di via, torna a casa, probabilmente non ha neanche i soldi per prendere un treno!!!

FABER C., RIMINI Commentatore certificato 14.11.10 08:36| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

La Polizia che manganella la mamma di un disabile durante una manifestazione di protesta contro la sospensione dei pagamenti alle strutture convenzionate per il supporto ai disabili, ed i comunicati ufficiali negano addirittura il fatto, nonostante le immagini parlino chiaro, la mamma è a terra ed un agente infierisce su di lei.

E poi la polizia che manganella pure i terremotati dell’Aquila che manifestano (con regolare autorizzazione) per essere stati completamente abbandonati dal Governo e dalle Istituzioni. Volevano farsi sentire dal Governo ma gli è stato impedito di avvicinarsi a manganellate.A Palazzo Grazioli è concesso l’ingresso alle puttane, ma non ai terremotati. Nessun poliziotto invece ha manganellato gli agenti di polizia in borghese che hanno manifestato davanti a Montecitorio per chiedere l’aiuto dei parlamentari, affinche’ intervengano sulla manovra per i conti pubblici ”del governo Berlusconi, che con una pugnalata ha trafitto la funzionalita’ di tutte le forze di Polizia”, tra l’altro tagliando loro aumenti ed indennizzi salariali, straordinari e tredicesima.

Chi ordina dunque, e chi esegue questi pestaggi modello Scuola Diaz e Caserma Bolzaneto?
Episodi davvero spregevoli continuano ad accadere, segno evidente che qualcosa continua a non funzionare in questo Paese.

Per poter pensare a Forze dell’Ordine "legittime":

* Deve essere sempre ben chiara (e resa pubblica) la responsabilità delle loro azioni, se eseguono ordini (e di chi) o se intervengono per loro scelta personale.

* Deve essere possibile individuare gli agenti, specialmente quando irriconoscibili dai caschi da assetto sommossa; il loro numero di matricola deve apparire chiaramente sul petto e sulla spalla, come lo in tante parti d'Europa e nel mondo.

* Il poliziotto che sbaglia non va coperto, ma deve essere perseguito come ogni altro cittadino. E allontanato dal corpo.

Andrea Cotti 14.11.10 08:16| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo!

nik mik 14.11.10 07:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la riconoscibilità degli agenti è un problema che va affrontato al più presto, assieme alla riconoscibilità dei vigili urbani cui una delle solite leggi infami permette di firmare i verbali che emettono non con nome e cognome, ma con un numero. il che impedisce al cittadino di sapere chi è il pubblico servitore, da lui pagato, che emette i verbali. a vergogna si aggiunge vergogna. siamo in italia.

paolo b., spilamberto Commentatore certificato 14.11.10 07:44| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Il vero problema non sono i poliziotti che
DEVONO fare il loro dovere, pena subire sanzioni
disciplinari o penali, ma chi ordina loro come
e quando agire, sappiate che le direttive arrivano
dall'alto, da molto in alto, e si chiamano "CONTENERE - DISPERDERE - ALLEGGERIRE - CARICARE"
una volta arrivato l'ordine non è facile distinguere tra il pensionato e il black block,
tra chi ti ha appena sputato in faccia o chi ti ha solo urlato "figlio di ....., così come non è
facile calibrare la manganellata dopo 6-7 ore in
piedi al freddo magari ricoperto di parolacce ed insulti per 1200 euro al mese.

Cosimo S. 14.11.10 07:38| 
 |
Rispondi al commento

OTTIMO ...cosi' invece di nascondersi dietro la PRIVACY del manganello ..pagheranno tutti i sopprusi ..anzi staranno ben attenti a commettere il reato di manganellare cittadini inermi ...perche' si troveranno denunciati e sotto processo...bhe si va' bhe che poi....

Gino De Pauli 14.11.10 07:08| 
 |
Rispondi al commento

ecco come il nanetto cerca di tenere a bada la rivolta ormai prossima...con questi poveri frustrati di poliziotti.un paese alla frutta!

roberto m. Commentatore certificato 14.11.10 06:05| 
 |
Rispondi al commento

ho passato la serata a discutere con un "branco" di leghisti agguerriti sul tema degli immigrati sulla gru...io sono bresciana e così pure i miei interlocutori...da loro solo slogan e demagogia spicciola, una visione talmente miope della realtà da lasciare interdetti...però non mi hanno saputo spiegare com'è che dopo più di un decennio di governo di destra i problemi dell'immigrazione sono tutt'altro che risolti..quando ho chiamato in causa gli imprenditori leghisti che sul lavoro nero degli immigrati costruiscono le loro fortune mi hanno letteralmente risposto "e questo che c'entra"??!!?? va bè, ho capito...a certi leghisti duri e puri piaccono solo le extracomunitarie minorenni che frequentano Arcore, si spacciano per nipoti di Mubarak (!!!)e valgono tanto "oro" quanto pesano...

marina piva 14.11.10 03:50| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Sono pienamente d'accordo con il numero di riconoscimento sul casco...ben visibile.

Aggiungo su Brescia:

Servitori dello Stato??????

quale Stato?
quei ragazzi sulla GRU sono stati TRUFFATI dallo stato, questo stato è REO,
quindi sono servitori di REO...

lo Stato sono quei cittadini che loro
caricano.

manuela bellandi Commentatore certificato 14.11.10 01:35| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

E' uno Stato agli sgoccioli.

Che Governo di merda!

alberto carosi, ascoli piceno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 14.11.10 01:09| 
 |
Rispondi al commento

D'accordo con l'identificazione degli agenti per individuare eventuali abusi.

Altra cosa il manganello: se si deve intervenire per giuste cause con la forza, a mani nude la vedo dura.

Riguardo al video, il vicequestore credo abbia esagerato ma vorrei ricordare che quando un corteo non è autorizzato, la legge è dalla parte delle forze dell'ordine: articoli 18-24 del Testo Unico delle Leggi di Pubblicca Sicurezza (TULPS):
http://www.sanzioniamministrative.it/collegamenti/I%20Codici/TULPS/TULPS.htm

Se non piace, occorre cambiare la legge, non chi la applica.

lex lex 14.11.10 00:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono d'accordo che il poliziotto debba essere identificabile tramite un numero sul casco; per quanto riguarda il manganello, direi che è un problema di mentalità, di preparazione: non so che tipo di preparazione ricevano i poliziotti e le forze dell'ordine in generale, da quanto vedo, direi che è piuttosto insufficiente, invece dovrebbe essere il contrario, considerata la delicatezza della funzione. Per quanto attiene alla mentalità: è di tutta evidenza che la divisa messa addosso a chi non ha una preparazione comportamentale sufficiente comporta il rischio di diventare uno scudo protettivo verso frustrazioni e problemi psicologici vari con tutte le conseguenze del caso.

Silvano De Lazzari Commentatore certificato 14.11.10 00:55| 
 |
Rispondi al commento

il problema è che senza ordine pubblico on si va da nessuna parte.

Purtroppo mantenere l'ordine pubblico ha i suoi lati negativi e chiunque esercita questo compito dovrebbe avere una sensibilità e una capacità fuori del comune per evitare di trasformare l'ordine pubblico in repressione anche perchè quando si lavora sul filo del rasoio è facile tagliarsi.

bruno bassi 14.11.10 00:33| 
 |
Rispondi al commento

Scusate...ho sbagliato
Volevo dire che sono d'Accordissimo...Io abolirei però anche la Digos...ho notato che in qualsiasi manifestazione è presente sempre un loro esponente...come dovrebbe essere per le manifestazioni...
da Wikupedia:voce Digos

"La DIGOS è stata oggetto di aspre critiche da parte di chi accusa la divisione di aver di fatto assunto una condotta che sembrerebbe equipararla ad una polizia politica interna che reprime il dissenso"

Credo che in molti casi ormai questo corpo speciale non compia più attività di antiterrorismo ma solo di repressione del dissenso giusto di cittadini inermi.....

Donato G., Como Commentatore certificato 14.11.10 00:08| 
 |
Rispondi al commento

D'accordissimo....io però abolirei anche la DIGOS...honotato che in qualunq

Donato G., Como Commentatore certificato 14.11.10 00:03| 
 |
Rispondi al commento

Quest'anno a Brescia il Natale è arrivato prima.
E' arrivato, inaspettato, con i primi alberi spogli, a fine ottobre; in un cantiere inospitale al freddo e al gelo ci si sono messi in sei; appartengono agli ultimi, agli sfruttati, agli umiliati, ai respinti, ai morti senza sepoltura e privati anche del diritto della memoria, probabili futuri resti umani sparsi nel vento. Situazioni di cui si preferisce far finta di non sapere.

Sono figli della vergine misteriosa, la Povertà, sposa dello Spirito. La loro esistenza è sempre stata come un cammino su un crinale con due strapiombi ai lati: sempre vicini all'abisso.
Anche se il Natale è appena iniziato, è già anche trascorsa l'epifania mediatica attraverso la Magia di Anno Zero celebrata qualche notte fa. Caso singolare, nello stesso tempo si sta compiendo anche la Passione. Al posto dei legni della Croce c’è la gru mistica e immensa di Piazzale Cesare Battisti.
Passare per quel luogo è come trovarsi contemporaneamente presso la capanna di Betlemme e sul Golgota nei giorni della nascita e della morte del Cristo. Ci si trova ad assistere allo stesso tempo ad un dramma e ad una nascita, impotenti ed esterrefatti.
Non mi ero mai chiesto come mi sarei comportato se io fossi stato presente all’esecuzione della crocifissione di Cristo. Il dubbio è assillante: Girare la testa dall’altra parte? Congiungere le mani e pregare? Cercare di impedire l’esecuzione con il rischio di pagarne pesanti conseguenze?
Da quando a Brescia si è manifestato questo inconsueto evento di Natale e Pasqua insieme, evento vivo, fatto di uomini in carne ed ossa, a tutti noi si offre l’opportunità unica di partecipare al presepio vivente della Rivelazione della Mancanza, potendovi rendere ossequioso omaggio. L'ingresso inaspettato nella nostra vita di ciò che è considerato Scarto, Sofferenza, Tristezza, Povertà e Paura può essere l'occasione di riflettere sulla Mancanza, vera origine della vera Gioia umana, e sull'Indifferenza, inizio della fine.

Natale Pasquali 14.11.10 00:02| 
 |
Rispondi al commento

Grandissimo Beppe! Numerino d'identificazione per tutti!

Giorgio Cigolotti Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 13.11.10 23:48| 
 |
Rispondi al commento

La verità è che finchè si possono spaccare crani di persone indifese va bene .... ma quando si tratta di un gruppo di cazzuti serbi allora se la fanno sotto. si, l'intera categoria di celerini sono dei vigliacchi che menano solo con la certezza di rimanere incolumi... un paio di ivan bogdanov e vedi un po come se la fanno sotto. è stato sotto gli occhi del mondo... quindi. che vengano indentificati questi infami e non che ammazzano e spaccano teste e il giorno dopo riprendono servizio come se nulla fosse. questo succedeva negli anni 1920- 40 e non dev succedere piu. ma con razzisti e pedofili al governo la speranza è vana

Giovanni A., Proceno Commentatore certificato 13.11.10 23:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quello che va cambiato e' che lo sbirro , il braccio del potente , non va rispettato .
Poi deve nascere la polizia della Democrazia , che conosce ed e' tenuta a rispettare i valori sociali .
Sono due concetti completamente diversi .

Marco Schanzer 13.11.10 23:40| 
 |
Rispondi al commento

Condivido molte idee di questo blog ma quando leggo post come questi mi cadono le braccia.
Si spara a zero su un'intera categoria e si danno ricette di un qualunquismo unico per risolvere determinati problemi.
Passi per il numero di riconoscimento sul casco in modo da responsabilizzare maggiormente gli agenti e renderli identificabili qualora ce ne sia una ragione, ma come si puo pensare di togliere il manganello?
Non è il manganello il problema ma l'utilizzo che alle volte se ne fa...su ordine di chi coordina il servizio di ordine pubblico in quella determinata manifestazione.
Voi credete che un poliziotto di propria iniziativa possa prendere e manganellare qualcuno?
Credete che sia realmente possibile in caso di carica da parte degli agenti riuscire a fare in quella confusione ed in una frazione di secondo la giusta distinzione su chi verrà colpito o meno?

Io non sto giustificando l'uso della violenza vorrei solo si usasse un po' di buonsenso nel proporre soluzioni a certe problematiche.

Se in una manifestazione pensiate sia stato sbagliato l'uso del manganello non scrivete post contro agenti che non fanno altro che eseguire ordini per mantenersi un posto di lavoro e alle volte per riportare a casa la pelle,andate magari a chiedere spiegazioni a chi ha ordinato l'uso dei manganelli o scrivete un bel post chiedendo conto a questo o quel questore.
Evidentemente però è più facile sparare a zero su un'intera categoria come quella degli agenti di polizia digitanto al caldo dietro una scrivania post come questi.
Si scaldano gli animi,si raccolgono tanti consensi e si fa la parte dei rivoluzionari.
Togliamogli pure i manganelli e la pistola cosi se un giorno vi trovate in mezzo a 30 persone che cercano di ribaltarvi la macchina e gli danno fuoco con voi dentro apprezzerete le centinaia di petali di rosa che gli agenti useranno per fargli cambiare idea.

Al 9000 13.11.10 23:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mesi fa, una mattina mentre aspettavo in macchina che mia moglie ritornasse da esser stata a ritirare lo stipendio, ascoltavo Radio 3. Nella trasmissione si parlava di polizia e repressione nelle manifestazioni e venne contattato telefonicamente un rappresentante sindacale di non so quale sigla sindacale interna alla polizia e gli fu chiesto cosa ne pensasse della proposta di munire ogni agente di un codice identificativo.
La sua risposta, che mi alsciò basuto, fu che questo sistema non era fattibile in quanto era pressochè certo che tali codici sui caschi potevano venir utilizzati per compiere atti di ritorsione contro gli agenti. Ergo ne deduco che allo stato attuale delle cose, con questi tangheri sindacali che dicono cose del genere, sarà molto improbabile che venga posto un freno a questi sbirri picchiatori. Non dimentichiamoci anche delle parole che un anonimo funzionario di polizia (uno dei pochi che stimo per le parole da lui dette), ovvero che tanti poliziotti e relativi funzionari commettono abusi in quanto sono protetti dall'alto. E' soltanto una questione politica e nient'altro, e a questo governicchio oramai giunto (speriamo) al capolinea fa comodo avere le forze armate dalla propria parte.

Fausto Renzetti 13.11.10 23:15| 
 |
Rispondi al commento

io sono contro il manganello ...ma a favore delle bastonate... si bastonate da dare in testa a tutti questi arroganti politici , mafiosi, bastardi, ladri e chi ne ha piu ne metta... che hanno rovinato una nazione e distrutta una popolazione, distrutto il futuro di una generazione.
Non meriterebbero il manganello ma belle bastonate

franco f. Commentatore certificato 13.11.10 23:12| 
 |
Rispondi al commento

Abolire l'uso del manganello? LOL! Siete diventati come quelli che negli anni '70, in piena emergenza terrorismo, chiedevano di disarmare la Polizia perché negli scontri a fuoco puntualmente ci scappava il morto?

Da giornalista oplologo, io non solo non abolirei l'uso dello sfollagente, ma distribuirei gli sfollagente estensibili (che per inciso sono in dotazione anche alla civilissima Polizia disarmata inglese!) a TUTTI gli agenti. L'uso del manganello a volte può evitare l'uso della pistola!

Pierangelo Tendas, Tempio Pausania (OT) Commentatore certificato 13.11.10 23:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono pienamente d'accordo.
Ricordo il ritorno del manganello ad una manifestazione per il lavoro svoltasi all'epoca di prodi, e da quella volta è stata una escalation di violenza.
Ora si usa anche quando non c'è nessun pericolo, e si attacca la gente inerme deliberatamente, per partito preso.
Bisogna fermarli

Paolo Z., Tezze sul Brenta Commentatore certificato 13.11.10 22:42| 
 |
Rispondi al commento

Mai post fu più condivisibile.
Vorrei far notare che vengono manganellati
solo determinati cortei o manifesrtanti
di un preciso colore politico,
anche sbiadito o appena accennato.
D'altronde si sà,
la polizia è fascista fino al midollo,
perchè non dirlo?

Luigi D., Ancona Commentatore certificato 13.11.10 22:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono perfettamente d'accordo!
Purtroppo abbiamo a che fare con una polizia scadente e incapace ancora di stampo Borbonico e governata da persone non diverse.
Occorrerebbe secondo me un disegno di legge che regolamenti il comportamento etico sia dei funzionari di polizia che dei loro sottoposti proprio nel caso di manifestazioni e cortei anche non autorizzati! a partire dal grado di istruzione nei concorsi e una formazione non più militarizzata come accade oggi,sapete che per fare il poliziotto bisogna aver prestato per almeno due anni sevizio nell'esercito.Questo sicuramente renderebbe più professionale la polizia di stato.
Recentemente ho visto in televisione l'intervento della polizia Francese per sgomberare alcune raffinerie occupate dai manifestanti e mi ha sorpreso la tecnica usata: non usavano il manganello ma riuscivano in maniera efficace a spingere le persone senza far loro del male!
Questo è addestramento questa è una polizia efficente che interviene senza pestare i cittadini
(datori di lavoro!)e in Francia governa la destra.
Occorre una legge,un partito o più partiti che si facciano carico di questo, magari includendola
nel programma elettorale visto che le elezioni non sono lontane! oppure una grande raccolta di firme,una grande iniziativa popolare

Maurizio B., Torino Commentatore certificato 13.11.10 22:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

davanti al tifoso serbo questi vigliacchi di blu non eranno così forti col manganelo

Eduardo Dumas ( edu latino), milan Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 13.11.10 22:19| 
 |
Rispondi al commento

I Poliziotti rispettano gli ordini che gli vengono impartiti.

Responsabile delle manganellate è chi ordina di darle!!!!!

Le forze dell'Ordine fanno il loro lavoro!!
Lo fanno anche contro la mafia, la camorra, la sacra corona unita, la 'Ndrangheta, il terrorismo, le bande criminali e le altre forme di criminali!!


Qualcuno dice che le Forze dell'Ordine si dovrebbero ribellare. Ribellare a cosa?? A NON far rispettare le Leggi?

E poi, in un un popolo di Pecoroni che da anni si fa comandare da queste persone... sono le forze dell'ordine le pecore nere??

Non bisogna incriminare i Poliziotti, sono le norme che devono essere cambiate!!!

M. M. 13.11.10 22:06| 
 |
Rispondi al commento

Non capisco la violenza sia che questa provenga dalle forze del'ordine (il che è inaccettabile!) sia che provenga da gruppi di pseudo-anarchici. Mi dispiace ma mi riesce difficile capire la violenza.

Anacleto M. 13.11.10 22:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sarebbe divertente un giorno quando i poliziotti faranno un corteo perchè gli avranno tagliato lo stipendio (come a tanti altri), vederli caricare da normali cittadini in tenuta anti sommossa e manganello.

ivan m. Commentatore certificato 13.11.10 21:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE
SONO PERFETTAMENTE D'ACCORDO CON TE' BEPPE,POLIZIOTTI CON IL NUMERO E LA CARTA D'IDENTITA' DA SUBITO
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 13.11.10 21:28| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori