Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Storia di un operaio


FIAT_Polonia.jpg
"Mi chiamo Rosario Monda e sono un operaio FIAT. Sono fuori dalla fabbrica da tempo a causa di un licenziamento per motivi sindacali. Un anno e cinque mesi fa, la magistratura ha dato torto all’azienda e ragione a me. Non sussistevano i motivi per il mio licenziamento e ha intimato alla FIAT, con una sentenza, di reintegrarmi nello stabilimento di Pomigliano, dove lavoro, e, finalmente, di pagarmi le spettanze. Sono passati quasi due anni e tutto questo non è avvenuto. Le ho tentate tutte. Ulteriori ricorsi legali, denunce ai carabinieri, ingiunzioni di pagamento, tentativi di denuncia sulla stampa di quello che mi sta succedendo. Niente. Sono fuori dalla fabbrica e senza un euro. Ho un bambino di sette mesi, una compagna con un lavoro precario, e tirare avanti senza salario è quantomeno complicato. Un po’ mi aiuta la solidarietà dei compagni. Ho venduto tutto quello che avevo di valore. La FIAT ha deciso di affamarmi. Me e la mia famiglia. Perché? Non tanto perché io sia un pericoloso agitatore sindacale. Ho fatto gli scioperi, ho cercato di difendere i miei diritti, questo si, ma non ho mai avuto un ruolo di responsabilità nel sindacato. Io credo che la dirigenza FIAT mi usi come esempio per gli altri operai. E’ un messaggio chiaro e preciso: “State zitti e quieti, altrimenti fate la fine di Rosario e quelli come lui”. Molti si meravigliano vedendo spesso gli operai muti all’uscita dei cancelli, davanti ai giornalisti che cercano disperatamente di intervistarli. Altri pensano invece che alla FIAT siano tutti d’accordo con Marchionne, perché le uniche interviste che si sentono, esprimono assenso con la direzione aziendale. Sia quelli che parlano, sia quelli che stanno zitti devono farlo per forza. Hanno operai come me davanti. Siamo l’esempio di quello che succede a chi esprime il dissenso. Tutto appare e quasi niente è reale. Marchionne parla di aumento dei profitti e di come vuole riuscirci e dice che lo fa perché ha a cuore la sorte degli operai FIAT a cui vuole dare, in prospettiva, gli stessi, alti stipendi, degli operai tedeschi. Ci vuole massacrare perché ci ama. Tutti parlano di diritti, di democrazia, di uguaglianza dei cittadini. Ma io sono uguale agli altri? Dov’è il mio diritto sancito dalla magistratura a lavorare e a percepire un salario? Chi deve farlo rispettare? Se sentiamo i politici sembra che i giudici abbiano poteri eccezionali in questa società. Giustamente per alcuni e ingiustamente per altri. Io penso, per esperienza diretta, che il miglior giudice conti meno dell’ultimo imprenditore. Qual è lo strapotere di un giudice se non riesce a far eseguire una sentenza che lui stesso ha emesso? O questo strapotere si esprime solo dove non crea danno ai potenti? Si può andare avanti così? Non credo per molto. Il bastone e la carota possono anche funzionare, ma il solo bastone alla fine non basta. Mi appello alla stampa affinchè possa intercettare anche il mio disagio e restituirmi un minimo di visibilità ed evitare che, oltre alla Fiat, nessuno più ricordi la mia difficile storia."

3 Nov 2010, 18:10 | Scrivi | Commenti (88) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Sono nella stessa situazione del compagno Rosario Monda... solo che io sono stato licenziato tre volte, sempre reintegrato, l'ultima volta l'11 dicembre 2009 e ancora non vengo reintegrato e NON percepisco alcun stipendio. La mia vicenda è reperibile facilmente su internet, basta scrivere "roberto pano" su qualsiasi motore di ricerca... ultimamente ho scritto al Presidente Napolitano e sono in attesa di risposta. I prossimi comunicati stampa che farò li manderò anche a questo blog per la pubblicazione. Vorrei mettermi in contatto con gli altri compagni nella mia stessa situazione...DOBBIAMO ORGANIZZARE INSIEME LA LOTTA PER RIVENDICARE I NOSTRI DIRITTI. Ciao

Roberto Pano 17.11.10 18:33| 
 |
Rispondi al commento

Saverio Monda, colpevole di innocenza

La legge è uguale per tutti, e le parole popolo, democrazia, cittadini, libertà, sono in bocca a tutti i politici di destra e di sinistra.
I loro partiti si chiamano "Partito Democratico", "Popolo delle libertà";, "Futuro e libertà", "Sinistra e libertà", ecc.
Ma che società è questa dove il giudice condanna un padrone e il padrone non solo non rispetta la sentenza, ma si permette di tenere alla fame da oltre due anni Saverio Monda?
Ma cos'è la giustizia se vale solo nelle aule dei tribunali, se poi non si può applicare anche ai padroni?
In fabbrica esiste solo la giustizia del padrone, il giudice può emettere tutte le sentenze che vuole, ma nulla può fare nello spazio occupato dalla fabbrica.
La giustizia è una delle tante parole che da sola non ha significato. Bisognerebbe specificare a chi è riferita.
La fabbrica ti licenzia con accuse che si basano su supposizioni, senza prove, un giudice stabilisce che il padrone si sbaglia e hai diritto al reintegro in fabbrica con le stesse mansioni. Invece il risultato è che il padrone non solo non ti fa rientrare in fabbrica, ma neanche ti paga il salario. A questo punto, formalmente Monda ha tutto il diritto sancito da un giudice di rientrare in fabbrica, ma la Fiat si permette di fregarsene della sentenza e continua sulla sua strada.
Adesso i tempi di questa giustizia borghese, prevedono certamente ancora qualche spiraglio per far valere i propri diritti, ma nel frattempo chi ha solo da vendere la propria forza lavoro, come campa?
Cosa chiede Monda? Semplicemente il rispetto di una sentenza, la possibilità di rientrare in fabbrica.
Chiediamo quindi a tutti gli operai ancora uno sforzo per dare una mano a Monda, colpevole solo di avere vinto una causa contro la Fiat.
Resisti Saverio, noi non ti abbandoniamo, sei semplicemente
colpevole di innocenza.

Stefano D'Amico

Stefano D'Amico 12.11.10 12:39| 
 |
Rispondi al commento

Una proposta: Beppe sosteniamo questo operaio con una grande iniziativa: un vaffaday dedicato a tutti coloro che impongono ai tanti "Rosario" di vivere in queste condizioni.

Marco d 08.11.10 21:06| 
 |
Rispondi al commento

Ho affisso la lettera di Rosario nella bacheca della mia fabbrica.
La Fiat di Melfi.
Alcuni miei compagni di lavoro leggendo la sua lettera in bacheca mi hanno detto: sono tante le storie come quella dell'operaio Rosario.
In verità i padroni, con gli operai divisi per parrocchie sindacali e politiche stanno facendo quello che vogliono e sono tanti i licenziamenti individuali e collettivi.
Quasi nessuno ne parla.
Il teatrino delle televisioni si occupa d'altro, mentre noi operai sprofondiamo sempre più in basso.
Gli operai avrebbero bisogno di un loro partito che adesso non c'è. Cambierebbero subito le cose.
E' positivo il fatto che è stata pubblicata la lettera di Rosario sul blog di Grillo.
Gli operai hanno bisogno di alleati.
Rosario spero che tu resista.
Vedrai che c'è la farai.
Abbi fiducia nei compagni che ti sono vicino e vai avanti.



Donato Auria 07.11.10 15:35| 
 |
Rispondi al commento

Vi informo che sul mio blog
http://rosariomonda.myblog.it/
sono riuscito a pubblicare la sentenza del mio reintegro che la Fiat non sta rispettando, a conferma della veridicità delle mie affermazioni.
Spero di ricevere da voi consigli e pareri, ma soprattutto un aiuto per far circolare la notizia sui giornali nazionali. La Fiat infatti nel mo caso non può in alcun modo giustificare il suo comportamento.

Rosario Monda, Napoli Commentatore certificato 06.11.10 21:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Rosario può vincere questa battaglia solo se c'è la pressione della gente e se la denuncia del suo caso ha una grande risonanza.
Chiediamo tutti ai maggiori quotidiani (per es. Il Fatto ... Repubblica, il Corriere della sera) con un messaggio di pubblicare la sua lettera allegata

ciccio rossi, marigliano Commentatore certificato 05.11.10 23:08| 
 |
Rispondi al commento

Come si vede il "sor Marchionne" sta facendo un passo in dietro...probabilmente si è accorto che l'opinione pubblica(noi)ha dimostrato di non aver l'anello al naso....di non crede al suo "Piano Industriale" fatto soltanto d'investimenti su "scatole di latta",scadenti e con propulsori del'900.
I loro Azionisti farebbero bene a chiedersi a cosa servono...questi 20 mild d'investimento..visto che fiat ormai in italia ha quote di mercato del 30% soltanto...spieghi qual'è il suo asso nella manica per rilanciare l'azienda, che deve lottare con una concorrenza sempre più agguerrita...altro che tirare per la giacca l'operai.
Ormai e' 70 anni che la tecnologia del motore endotermico è ferma...se il comparto dell'automotive avesse avuto lo stesso sviluppo dell'elettronica oggi non avremo tutti questi problemi...lui lo sa..ma probabilmente fare "ciottoli" che consumano, olio, benzina,filtri,sonde,centraline,rende di più..vi siete mai chiesti perchè i pezzi di ricambio proporzionalmente, costano una mare di soldi rispetto al valore del veicolo finito?eppure la magneti marelli(Fiat) realizza centraline BY-fuel per auto ad alcool..perchè in italia non si producano auto con 3tripla alimentazione?.
Ogni anno distruggiamo tonnellate di frutta "avariata" abbiamo 3 milioni di ettari di terreni incolti abbandonati..con cui si protrebbe produrre etanolo, cio' avrebbe risvolti occupazionali non indifferenti..perchè non viene fatto?..Perchè bidsogna andare a Petrolio...per forza..o ritirare fuori le centrali nucleari..altrimenti come si controlla il popolo..

roby f., Livorno Commentatore certificato 05.11.10 08:19| 
 |
Rispondi al commento

Luigi delle Bicocche... (cercate su 'utube). Ma che vogliamo pretendere da una società che è governata dai banchieri e peggio ancora, dai fiscalisti-ministvi dell'economia (AKA Giulio Tremorti, ricordate la Social Card?).

S.m. 04.11.10 21:54| 
 |
Rispondi al commento

C'è un mio omonimo che sta postando.
ma e regolare?

Luigi D., Ancona Commentatore certificato 04.11.10 20:45| 
 |
Rispondi al commento

Dimenticavo, Mi presento; Operaio Fiat Trattori Modena Saldatore, Forza Rosario...

proposta al blog di grillo; Storie di Operai in Lotta come Rosario ce ne sono piu' di quanto si pensi, non sarebbe il caso di avviare una collaborazione piu' continua e meno discontinua, eh Beppe che ne pensi, avremmo molte cose da disvelare, su rapporti coi sindacati, padroni e politica...

Francesco Ficiarà 04.11.10 19:53| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Rosario; Tutti Gli Operai Fiat che Lottano e che prima fanno i fatti e poi le parole sono con Te, anche se lo sai già, Chi La Dura La Vince...

Francesco Ficiarà 04.11.10 19:48| 
 |
Rispondi al commento

Scusate come si controlla la veridicità di queste affermazioni? Come fa la Fiat a non rispettare una sentenza? Sarebbe un reato. Evidentemente è in corso il secondo grado di giudizio e i carabinieri non c'entrano niente. Per il dipendente è una situazione difficile, certo. Ma non siamo nell'illegitimità.
Quanto alla compressione dei diritti bisogna decidersi: vogliamo una fiat competitiva che vende, produce utili, ne riversa una parte sui lavoratori e smette di piangere contributi statali pagati con le tasse dei contribuenti? Allora i dipendenti devono capire di dover mettersi un attimo in riga soprattutto a Pomigliano dove hanno fatto cose turche e magari rivendicare altre cose dallo stato tipo deduzioni fiscali, invece che dalla Fiat che sta sul mercato e ha dei vincoli precisi.
Altrimenti teniamoci una Fiat piagnona e assistita sempre a rischio fallimento come negli ultimi 30 anni.

Luigi D. 04.11.10 18:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qualcuno giustamente ha detto che le indagini per mafia durano solitamente ANNI.
Pertanto tutti gli arresti di questi due anni fatti sotto il governo B. sono sicuramente derivati da indagini avviate durante il governo si centrosinistra.
Come al solito B. si fa bello con il merito degli altri.

Carlo Carli - Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.11.10 18:32| 
 |
Rispondi al commento

Ottobre 2010, Vendite auto in Italia -29% ,
FIAT -39%

Questo è il brillante risultato del Dottore in Filosofia Marchionne (A.D. di FIAT e consigliere di amministrazione di Philip Morris, quelli delle sigarette Malboro, grandi produttori di valore, forse per un certoV.??????). Certo che dare del lazzarone al proprio cliente e credere che dopo venga a comprarti il tuo prodotto è una filosofia tutta sua.
Dopo aver fatto la guerra al sindacato avra affossato la sua azienda (ma non credo che i piccoli Elkann + Agnelli & C soffriranno molto, neanche certe holding in lussemburgo) ma le condizioni peggiorative per i lavoratori, soprattutto operai, saranno un grande vantaggio per la Confindustria (che gli riderà anche dietro)
Ho sentito in una trasmissione di Gad Lerner che Valletta guadagnava 20 volte + di un operaio, Marchionne guadagna 300 e passa volte, con una PICCOLA DIFFERENZA: la FIAT di Valletta QUANTI DEBITI AVEVA????, la FIAT attuale ha 600 mil di € per la parte auto, e 1600 per la altre attivita. Questo Signore dice che investirà 20 miliardi di € in 5 anni Italia (dove dice che nn è conveniente produrre, un ragionamento piuttosto contraddittorio), e dove li trova tutti sti soldi se è pieno di debiti?????
Per farVi un'idea della serietà di questo Dottor in Filosofia provate a leggere l'articolo a questo link:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/11/03/l%E2%80%99ultimo-appello-di-termini-%E2%80%9Cqui-senza-fiat-resta-solo-la-mafia%E2%80%9D/74906/

La mia opinione è che di abili ciarlatani (e bungabunga Men) ce ne sono tanti, ma prima o poi qualcuno dovra pagare il conto dei loro disastri: sempre i soliti

Caro Rosario ti faccio tanti auguri

stefano p 04.11.10 17:52| 
 |
Rispondi al commento

PRIMA DI TUTTO TI ESPRIMO LA MIA SOLIDARIETA' ALL'AMICO ROSARIO, E RIBADISCO CHE I SINDACATI NON RAPPRESENTANO PIù I LAVORATORI, QUINDI STRACCIATE LE TESSERE E NON PAGATE PIU' I QUID SULA BUSTA PAGA..COSì I LAVORATORI SOSTERANNO CHI COME TE DIFENDE I LORO DIRITTI,LA LORO DIGNITA' DI PERSONE CHE HANNO IL CORAGGIO DI NON ALLINEARSI..
SO COSA VUOL DIRE ESSERE PRESO DI MIRA...TE PENSA AVEVO 19 ANNI ED ERO MILITARE,CON UN BAMBINO DI 3 MESI..QUANDO CHIESI UNA LICENZA DI 3 GIORNI, UN MERDOSO COLONELLO MI DISSE:..NON E' COLPA DELL'ESERCITO SE HAI UN BAMBINO A CASA...LI DISSI:..SE MAI CI FOSSE UNA GUERRA, L'AVREI COMBATTUTA, MA SPARANDO PRIMA A LUI E I SUOI DISCORSI DEL CAZZO...EHHH IL CAPITANO MI CHIAMO E MI DISSE: PERCHè NON METTI LA FERMA..ABBIAMO BISOGNO DI GENTE COME TE...PENSAVO CHE MI "PUNISSE", INVECE MI VOLEVA DARE I GRADI..NON LI VOLLI..E ALLORA MI FECE AVERE UN PREMIO IN DENARO...NON HO MAI CAPITO PERCHè..MAH!..COMUNQUE FATTI FORZA, DOBBIAMO LOTTARE TUTTI I GIORNI E VAI FIERO DI CIò CHE SEI E DELLE TUE LOTTE...CREDIMI C'è MOLTA GENTE CHE SOFFRE ED è TAGLIATA FUORI DALLA SOCIETA'..E NON SI PUò NEMMENO DIFENDERE....

roby f., Livorno Commentatore certificato 04.11.10 15:54| 
 |
Rispondi al commento

sapete una cosa?
abbiamo vissuto fino adesso in un sogno.
fatto di lavoro, di rendita fissa e sicura.
ma cio solo per farci spendere e fare arricchire i soliti.

ora che non serviamo + il sogno si sta sgretolando piano piano. qualcuno si è già svegliato e sta vivendo la realtà che toccherà a tutti prima o poi.

una realtà in cui i ricchi fanno i ricchi e i poveri dovranno farsene una ragione e vivere da poveri, con una macchina sola (piccola pero'), un appartamento in affitto, i vestiti del mercato, il cibo del discount.
come facevano i nostri padri oppure noi se abbiamo + di 40 anni.

ivan m. Commentatore certificato 04.11.10 15:01| 
 |
Rispondi al commento

Viviamo proprio in un Paese di merda....Questi stronzi di imprenditori sono i veri padroni dell' Italia...ma stiano attenti perchè una persona pur di non morire di fame è disposta a tutto, questo lo tengano bene in mente....

paolo s 04.11.10 14:08| 
 |
Rispondi al commento

perchè vorrei fare tanto e alla fine mi sento miseramente impotente? :(

io ho perso tutto ma non la dignità ma ad alcuni riescono a togliere anche quella :(

cosa posso fare io se non sperare che cada il governo e riprovare a votare quelli che sembrano più giusti?
e poi... ammettiamo che i giusti riescono ad avere la meglio (cosa che purtroppo dubito visto che c'è troppa ignoranza in italia) quanto tempo dovrà passare prima che ognuno di noi riesca almeno a riavere la sua dignità?

e quanto dovrà passare prima di potersi svegliare e sentirsi veramente "figli" di questa italia?

io sono sempre stato ottimista nella vita ma, cari amici miei, in questo caso mi vedo precipitare in un baratro e non vedo nessuno che possa lanciare una corda per aiutarmi.

ti sono vicino "uomo-padre", non smettere mai di lottare, fallo per te, per tua moglie ma su tutto farlo per tuo figlio perchè, almeno lui, merita di avere un futuro migliore.

in bocca al lupo per tutto.

gianfranco gb 04.11.10 14:07| 
 |
Rispondi al commento

piena solidarietà mio caro.
non demordere.
scrivi, telefona, santoro, striscia la notizia, fattoquotidiano, fabio fazio.
ma soprattutto TV. fa molto più dei magistrati!

Antonio Pantò 04.11.10 13:40| 
 |
Rispondi al commento

Se ti serve a non sentirti isolato io ti dico che hai tutta la mia solidarietà morale.
Hai fatto il tuo dovere, io mi aspetto che almeno uno dei tanti sedicenti Partiti Comunisti ti contatti e ti recluti (oltreche aiutarti nei problemi materiali quotidiani). Se poi sei già iscritto a uno di questi partiti, allora è piuttosto grave che tu abbia problemi materiali.
I compagni coraggiosi come te non debbono essere lasciati in balia del bisogno. Ciò che è un demerito per i padroni arroganti è un merito per un (vero) Partito Comunista.

Per quanto riguarda le promesse di Marchionne (in prospettiva i salari come in Germania...)
io non credo che vi sia ancora qualcuno che creda alle 'promesse' padronali, che oltretutto non brillano nemmeno per fantasia: sono sempre le stesse, si susseguono identiche da sempre, da cinquanta anni o più (sin dai tempi di Valletta sicuro..). E' sempre il solito schema: la ricchezza prima di 'essere redistribuita' deve essere prodotta....
Si parte da questo assunto, che è certamente vero perchè E' UNA OVVIETA', per nascondere il fatto che la ricchezza precedentemente prodotta in realtà non è MAI stata redistribuita..
Non almeno in base a quella 'promessa': se è successo è stato a seguito di dure lotte sindacali-politiche (e solo quando i rapporti di forza sono favorevoli..).
Agli operai tedeschi non è stato affatto aumentato il salario: anzi gli è stato ridotto. Solo che essendo più alto di quello italiano DA SEMPRE, continua ad esserlo anche in fase di crisi..

Se la FIAT aumenterà i profitti sarà ESATTAMENTE PERCHE' ha ridotto il salario a VOI, non perchè deve ancora 'produrre la ricchezza'...
Di conseguenza aumentarvi il salario DOPO significherebbe per la FIAT ritornare in crisi di profitto...

Josef Dzugashvili (stalin) Commentatore certificato 04.11.10 13:21| 
 |
Rispondi al commento

mi dispiace Rosario. mi dispiace davvero che persone come te, ingiustamente impedite al lavoro soffrano questi sacrifici, mentre altri, tanti altri, svendono sè stessi e la propria professionalità, la propria dignità e il proprio silenzio legittimando questi comportamenti.

p.s. ma in questa situazione di stallo, se tu lo trovassi, potresti essere assunto temporaneamente in altro posto finchè la FIAT non ti permette di ritornare al tuo posto? o la legge lo impedisce? (ovviamente trascurando i problemi nel trovare lavoro in questo periodo)

Martino Rech 04.11.10 12:53| 
 |
Rispondi al commento

SOLIDARIETA' AD UN EROE DEI NOSTRI TEMPI.

ORMAI GIA' DA QUALCHE ANNO SIAMO TORNATI AGLI ANNI

'50: QUANDO I "PADRONI" ERANO (e son ri-DIVENTATI

TALI) PADRONI.

I "DATORI DI LAVORO" NON ESISTONO PIU'

giorgio malpeli 04.11.10 12:46| 
 |
Rispondi al commento

Segui il consiglio alza il culo na non come fa qualcuno che lo ha ben aperto e goditi lo sfascio che ci attende prima della rinascita,

prima o poi finirà questa fogna,

anche se i soliti stronzi continueranno ad andare alla deriva senza affondare.


Gigi NO 04.11.10 12:08| 
 |
Rispondi al commento

Sempre tutto si risolve solo se si e' in tanti.Se in tanti sindaci lottano contro le mafie, queste non possono ammazzarli tutti, se in tanti negozianti si oppongono al pizzo, non possono certo bruciarli tutti,se tante aziende scendono al sud e lavorano onestamente non potranno certo dissaderle tutte,se tutti scendiamo in piazza per difenderci da un governo che e' alla paralisi mentre i lavoratori e i pensionati non sanno piu' dove sbattere la testa,non potranno mandarci contro tutte le forze armate italiane....Tutto questo per dire che ci vorrebbe la solidarieta' di tutti glia altri lavoratori FIAT per dare visibilita'alla situazione di questo operaio,e pensare al contrario che tutti insieme possiamo educare lo strapotere dei "padroni"

LUCIANA LAFRATTA 04.11.10 12:05| 
 |
Rispondi al commento

ma siete impazziti? che risposte sono queste? dovrebbe starsene zitto e subire questo stupro? non voglio nemmeno lontanemente pensare che in questo paese non esista nessuno onesto e che voglia veramente il bene del paese..il mio consiglio? (premetto che sono un ragazzo di 22 anni..forse non capirò assolutamente nulla ma voglio dire la mia) se ti piegherai l'avranno vinta loro, se starai zitto vinceranno, loro sperano nel tuo silenzio, nell'omertà! posso ricordarti la vicenda di Adro (un paese leghista) e di 700 soli delle alpi all'interno di una scuola? è la palese dimostrazione che NON tutto passa inosservato! non tutti i sopprusi sono tollerati, non siamo così assopiti nell'apatia che ci hanno messo addosso, ammorbandoci con programmi televisivi, deviando la nostra attenzione e corrompendo le nostre menti con la paura e la xenofobia...è ora di dire BASTA, provale tutte, ogni canale disponibile, ogni occasione, ogni opportunità. non buttare via nulla e ricordati che non sei solo! se posso permettermi di suggerirti alcune "strade" apparentemente inutili ma che forse non hai tentato..Striscia La Notizia (provaci..), le Iene, qualunque trasmissione pomeridiana...chiama, manda mail, chiedi aiuto! il nostro silenzio è la loro vittoria, ma la situazione sta cambiando! troppe persone sono stanche, troppa gente è oppressa, l'Italia si sta finalmente svegliando da questo maledetto torpore

Andrea

Andrea R. Commentatore certificato 04.11.10 12:01| 
 |
Rispondi al commento

Penso che se hai davvero a cuore la tua famiglia non pensi solo al reintegro in fiat ma ti cerchi un'altra occupazione.
So di camionisti che da tempo quando devono venire in Fiat a scaricare, si mettono le mani nei capelli perchè perdono ore e ore ad aspettare degli operai che cazzeggiano anzichè lavorare... queste cose in una normale azienda che non sia fiat non succedono! Gli operai fiat pensano solo ai diritti dandoli per scontati... che cavolo discutere per tre pause di 10 minuti anzichè due da 20??? Ma è assurdo!
Inoltre lamentarsi dei soldi che prende Marchionne rispetto allo stipendio degli operai... ma non vorrete paragonarvi a lui o ad altri dirigenti aziendali che ovunque vengono ben pagati se ben lavorano? Non esiste! Conosco personalmente operai fiat che non stancandosi abbastanza in fiat fanno un doppio lavoro!!! Ma queste cose non le dice nessuno eh?

Credo che ognuno debba fare la sua parte, quella che si trova a vivere dopo aver fatto delle scelte nella vita che lì l'hanno portato.

Diffido sempre in chi parla solo di diritti...

Antonella Rosi 04.11.10 09:22| 
 |
Rispondi al commento

Alza il culo e vatti a trovare un lavoro!

Ferdinando De Fenza 04.11.10 08:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gli Italiani adesso vogliono montezemolo . Mi viene spesso in mente una frase che una persona tantissimi anni fa mi disse per spiegare come gira il mondo. L'ignoranza è la madre di tutti i mali. Pero in italia si sta bene c'e il sole il mare .... ma andate a fan culo !! adesso piace montezemolo ....... che cosa avete in testa ...

bibo bibo 04.11.10 08:03| 
 |
Rispondi al commento

uffa...sono stanco...ovunque leggo berlusconi, escort, festini..e poi fiat ed operai...non se ne puo piu. mi dispiace x te e la tua famiglia ma sapevi a cosa andavi incontro...i sindacati ora che servono dove sono? io ho visto operai che urlavano "spacchiamo tutto, facciamo la rivolta", poi arrivano i sindacati con un accordo a "meno soldi e piu lavoro". lo avete accettato...vi han dato in pasto al leone...ora il leone invece di mangiarvi sceglie di inchiappettarvi prima. e voi povere pecorelle...ora nn urlate piu, nn parlate...sembra quasi vi abbiano stuprato. e quelli che urlavano? io sono per il via la fiat dall'italia con tutti i sindacati...e ci metto anche gli operai che votano gli accordi porcata...

andrea tema 04.11.10 06:54| 
 |
Rispondi al commento

massima solidarietà a chi persegue il torto subito con gli strumenti che l'attuale contesto ci offre.

Ancora di più , a chi fa conoscere quanto sia difficile e doppiamente umiliante , il ripristino di una condizione viziata

nessun rispetto agli speculatori ,delle difficoltà altrui .

Credimi , la Tua condizione di licenziato , con una sentenza in tasca (di reintegro ) a circa due anni dall'accaduto , è una condizione che ti permetterà di risolvere la problematica .

Ti Auguro vivamente di riuscire nel ristorarti dal veleno vissuto.

parresia sull'isonomia 04.11.10 06:12| 
 |
Rispondi al commento

Politici e le grosse aziende , hanno perso la cabina. !!!!
Stanno giocando con il fuoco .Gli operai di Pomigliano aono ormai esaperati e pronti a tutto
la zona Vesuviana è già in Guerra, ormai la rivolta è inevitabilmente a un passo.
Vorrei solo ricordare che noi Napoletani (da soli)dal 27 al 30 settembre del 1943 abbiamo scacciato a pedate dal nostro territorio i temibili nazisti.
Tenetevi forte ,che a questi 4 fessi di politici e dirigenti li mandiamo a casa noi in un paio di giorni.

Giovanni Venturini, San giuseppe Vesuviano Commentatore certificato 04.11.10 02:53| 
 |
Rispondi al commento

caro rosario,visto che quel secchio di mer-da liquida di marciolle,multiminghia,non ti fa lavorare,attrezati x andare a rubare e rompigli il cu-lo a lui personalmente!

salvo lombardo 04.11.10 02:06| 
 |
Rispondi al commento

Prima di tutto voglio ringraziare voi tutti per
l'interessamento che state dimostrando per il mio dramma.
Non vorrei che però passasse in alcuni di voi la convinzione che la mia situazione sia legata ad una mia incapacità di difesa sul piano giuridico. In particolare vorrei rispondere ad Hector Declan.
Caro Hector, le tue osservazioni sono molto interessanti e richiedono un mio intervento
di chiarimento.
Partiamo da un punto: la sentenza a mio favore è vera e ci sta, è la n. 1833/09 del 19 marzo 2009 del Tribunale di Nola. Ho intenzione di
pubblicarla sul mio blog, ma non ci sono ancora riuscito perchè è un file molto grande. La sentenza è esecutiva, impone il reintegro e la
corresponsione delle retribuzioni per tutto il periodo che sono stato licenziato, non quantifica però esattamente l'importo. La Fiat però non ne
vuole sapere di reintegrarmi e perciò ho già fatto una denuncia ai carabinieri contro la Fiat per inosservanza dei provvedimento dell'Autorità
Giudiziaria senza ottenere nessun risultato. Ho anche iniziato una procedura di pignoramento, ma sono già sorti problemi sull'importo da me richiesto (che in pratica sono solo le mie buste paga moltiplicate per i mesi di licenziamento) per cui anche questa strada si sta mostrando
inadeguata a venire incontro almeno alle mie più immediate esigenze familiari.
Hai ragione tu: questa storia non regge, però è maledettamente vera. Una grande azienda può fregarsene delle leggi dello Stato, tanto al
massimo rischia di pagare solo qualcosa in più, una miseria rispetto ai suoi utili, mentre un operaio, anche se ha avuto una sentenza favorevole, deve fare la fame. Spero che la vostra solidarietà e il diffondersi della
denuncia pubblica di questo atteggiamento aziendale aiuti a sbloccare la situazione.
Rosario Monda

Rosario Monda, Napoli Commentatore certificato 04.11.10 01:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

io credo che se avessi fatto il tuo lavoro in tutta pace e tranquillità senza fomentare rivolte comuniste tipiche degli anni 80 ora avresti ancora il tuo posto e magari potresti sperare anche in qualche avanzamento per far stare meglio la tua famiglia...guarda che con gli ideali utopici e rossi non ce la paghi la spesa!

Dark Zone 04.11.10 01:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'Amministratore delegato di Fiat S.MARCHIONNE,guadagna 4.782.400€ all'anno.

I veri produttori di ”RICCHEZZA” sono gli OPERAI.
Sappiano i Lavoratori che sono la maggioranza dell’elettorato.
Per evitare di essere dominati da una piccola minoranza, debbono ritrovare quello spirito unitario che li ha visti protagonisti nella conquista di quei diritti civili, che hanno dato valore e dignità alla figura dell’OPERAIO.
La classe operaia è viva, più viva che mai ed ha bisogno di un suo partito che ne rappresenti gli interessi in Parlamento.
Il grande lascito del Socialismo del Novecento non è morto!
Agli sfruttatori occorrerà soltanto togliere – democraticamente – la proprietà dei mezzi di produzione in quanto appartenente a tutti.
P.S.
Voi inorridite perché noi vogliamo eliminare la proprietà privata. Ma nella vostra società esistente la proprietà privata è abolita per i nove decimi dei suoi membri; anzi, essa esiste proprio in quanto non esiste per quei nove decimi. Voi ci rimproverate dunque di voler abolire una proprietà che ha per condizione necessaria la mancanza di proprietà per la stragrande maggioranza della società.
K.Marx.

Lovigio (na) Commentatore certificato 04.11.10 01:03| 
 |
Rispondi al commento

Per sua natura il lavoro si trova in una posizione di debolezza di fronte al capitale.Il lavoro è di natura più deperibile delle altre merci.Non può essere accumulato.
Lo sfruttamento si caratterizza per l’uso del tempo:a differenza del capitalista che può permettersi di stoccare i prodotti delle sue fabbriche,l’operaio che non abbia venduto la sua forza lavoro di una giornata,ne perde il valore definitivamente.
Quindi l’azione politica deve prevalere su quella sindacale.
La classe operaia lotta contro gli effetti,ma non contro le cause di questi effetti.
Gli operai devono scrivere sulla loro bandiera il motto rivoluzionario “Soppressione del sistema del lavoro salariato”,che è il loro obiettivo finale.
Il movimento sindacale non è sufficiente per cambiare radicalmente la società,è necessaria l’azione politica.
K.Marx in Salario prezzo e profitto.
http://www.youtube.com/watch?v=NFqDpjzO4jU
Saluti

Lovigio (na) Commentatore certificato 04.11.10 00:48| 
 |
Rispondi al commento

@Luigi D.Ancona
*******
Ciao Luigi.
Ho letto le tue risposte,e in particolare mi è piaciuto molto il tuo
commento del 03: 15:47
Notevole la frase..."I commenti riflettono la confusione e/o
i fraintendimenti che anni di indottrinamento mediatico ultra liberista
hanno prodotto"...
Però nei sottocommenti ti ho visto in difficoltà con un blogger che
accusava il Comunismo del blocco sovietico(che era semplicemente
Capitalismo di stato)di non essere da meno del Capitalismo odierno...
Luigi,senza offesa,vorrei consigliarti la lettura di un bellissimo libro,o
meglio"una bella biografia politica,intellettuale e umana"...
Il libro è,"Karl Marx,ovvero lo spirito del mondo",di Jacques Attali-Fazi
editore(l'edizione tascabili costa 12Euro)
In questo libro,Attali mette a nudo la "distorsione" che è stata fatta del
pensiero di Marx,in particolar modo proprio dai cosidetti marxisti,(in
primis Lenin,e a seguire Stalin)
Se non l'hai già fatto,leggilo...
Sperando di averti fatto cosa gradita,...
Ti Saluto.
P.S.
Forse non si ha più paura dei marxisti, ma si ha ancora paura di certi non-marxisti che non hanno rinunciato all’eredità di Marx.
(J. Derrida, Spettri di Marx)

Lovigio (na) Commentatore certificato 04.11.10 00:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chi ha in mano il mercato del lavoro ha in mano la vita di chi lavora.

Lovigio (na) Commentatore certificato 04.11.10 00:34| 
 |
Rispondi al commento

http://www.youtube.com/watch?v=fG5HWd5nkFQ&feature=related

alex belpietro 04.11.10 00:30| 
 |
Rispondi al commento

ciao rosario, ciao grillo e ciao sognatore di viaggio... non mento se dico che leggendo il tuo articolo una vasta ammarezza mi riempe tutto il corpo e l'anima.allora fatteme sfogare per favore;
manda a fan culo questi imprenditore di merda che continuano a succhiarti il sangue..anni di lavoro? ore di fatica? pause di lavoro spaccati? a fan culo pure quelle!!.esce dal binario che ti hanno tracciato ste merdose cervellone !!non hai perso un cazzo alla fine ...hai ancora l'aria che liberamente poi respirare dovunque.hai la tua forza e sopra tutto hai ancora quella preziosa fiamma d'esperanza che dio ti ha donato; il tuo figlio di sette anni ..appunto... per lui che ti dedico mio richiamo.per il suo futuro..come anche per te.
si i cervelli d'italia l'hanno capita da anni cè sarà pure un motivo?! a lasciare sta miravigliosa terra -e lo dico da immigrante marocchino- per seminarse dovunque in cerca di una loro concreta realizzazione. mica per niente gli chiamiamo cervelli,eh?!
hanno capito che non gli appartiene sto paese almeno per il momento..e si chiede a qualcuno di loro ti fanno capire senza dirlo che tutto è momentaneo, che un giorno saranno lì,a pretendere quello che le appartiene , la loro terra.
allora datte una mossa anche te . sempre si la tua salute ti lo permetta! prova con il canada ad esempio, lì è benvenuta la formula famiglia immigrante. prova farlo almeno per 5 anni, mica ste merdose restano alle loro poltrone per secoli..poi torna , considerala anche una vacanza di coltura che magari può anche dare una svolta alla tua famiglia .. almeno il tuo figlio parlerà perfettamente l'iglese (:
ti l'avevo detto dal inizio, fattemi sfogare per favore. ciao che dio ti guida sulla retta via.

youssef abid 04.11.10 00:13| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

giudicare una situazione del genere è sempre complicato..ma se veramente c'è una sentenza esecutiva , come già detto in altri post, basta pignorare alla fiat beni immobili o denaro dai conti per un valore equiparato al danno subito ..... non ci vuole di essere il principe del foro per capirlo... quindi boh? speriamo non sia la solita storia del povero stupido manovrato dai sindacati, che insieme agli altri poteri forti sono la rovina dell'italia e dei lavoratori onesti!!

enrico m. Commentatore certificato 03.11.10 23:42| 
 |
Rispondi al commento

E'una storia assurda,come ne succedono tante di questi tempi; in casi come questi ma come anche tanti altri attuali esprimo sempre tutta la mia vicinanza alle persone interessate; ti lascio anche l'unico consiglio che mi sento di darti: in una societa' dove non vi sono piu' regole e principi da seguire in quanto persino la giustizia non serve, ricorrere anche alla violenza per il proprio quieto vivere e per i propri diritti.

Demetrio Lavorato 03.11.10 23:42| 
 |
Rispondi al commento

Ciao, capisco bene tale situazione, io sono da circa 10 anni senza stipendio con una causa vinta in primo grado (da quasi 2 anni), con sentenza di "Licenziamento illegittimo- riassunzione immediata- e spettanze arretrate piu interessi legali e rivalutazione monetaria". Vivo a quasi 50 anni sulle spalle di una persona anziana (mia madre)quando i MIEI soldi il MIO lavoro sono nelle mani di FARABBUTTI LADRI!
E' vero ci sono i pignoramenti, le querele etc..etc.. ma c'è anche la NECESSITA? DELL?ESSERE UMANO DI POTER SOPRAVVIVERE MAGARI NON ELEMOSINANDO QUI E Li'

Carlo Petrò 03.11.10 23:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Strano, le sentenze sono immediatamente esecutive ed è possibile rivalersi sulla Fiat con il pignoramento su tutti i suoi beni presenti e futuri, al fine di soddisfare i propri diritti di credito!!!

Ferdinando S., Roma Commentatore certificato 03.11.10 23:37| 
 |
Rispondi al commento

Il “conflitto di Classe” altro non è che la logica conseguenza del fatto che gli interessi dei diversi gruppi sociali sono differenti, e talvolta contrapposti tra loro.
Forse la risposta consiste però in un equivoco: si intende sotto “conflitto”/“lotta di classe” solo e soltanto scioperi e manifestazioni dei lavoratori.
Le cose, però, non stanno affatto così.
La disdetta da parte di Federmeccanica del contratto nazionale di lavoro del 2008 è un atto di lotta di classe.
Ma lo è anche la delocalizzazione di un impianto industriale in Serbia, in quanto consente di aumentare il proprio potere negoziale nei confronti dei (residui) lavoratori impiegati in Italia.
Ma si potrebbe allargare il discorso: personalmente ritengo che uno dei terreni principali della lotta di classe in Italia sia stata (e sia) la politica fiscale.
Chi abbia vinto su questo terreno dovrebbe essere chiaro, se pensiamo che nel 2008 l’80% del reddito dichiarato in Italia e l’85% delle tasse pagate proviene da lavoratori dipendenti e pensionati.
Vladimiro Giacchè.
http://www.youtube.com/watch?v=fG5HWd5nkFQ&feature=related

Lovigio (na) Commentatore certificato 03.11.10 23:33| 
 |
Rispondi al commento

La situazione descritta dall'operaio Fiat è purtroppo una condizione comune a tantissimi lavoratori, oggi siamo di fronte al ricatto sistematico,adottato sempre di più dalla classe padronale. La legge Biagi, la flessibilità, la globalizzazione dei mercati, hanno creato è vero delle opportunità,ma anche tanta discriminazione e impoverimento della classe operaia.Penso che questo sistema economico neoliberista sia arrivato al capolinea,il mercato e le bolle speculative, la finanza creativa di Tremorti,la corruzione, collusione hanno finito col distruggere la nostra economia, le politiche scellerate degli ultimi anni,hanno bloccato la crescita, gli unici ad essere penalizzati sono i lavoratori,precari di tutti i generi e un esercito di disoccupati che aumenta ogni giorno. Tante storie raccontate come questa, e tante che non verranno mai raccontate,la paura di perdere il lavoro, genera diffidenza ed egoismo, è in corso una guerra tra poveri. Poi per non parlare delle morti sul lavoro, nessuno protesta perchè c'è bisogno di lavorare,ma quale crescita ci può essere senza più diritti, L'uomo senza più una dignità, ridotto a schiavo,ritmi di lavoro massacranti, se questa è la globalizzazione che vantaggi ne trae l'uomo!..Vedo solo poca gente che diventa sempre più ricca, la maggioranza relegati nella povertà, ci guadagnano sempre i soliti. Mi chiedo perchè non c'è più una coscienza di classe, dove sono finite le lotte operaie,quanta tristezza vedere gente esasperata arrampicarsi sui tetti, sulle gru, gruppi sparuti di persone, le stesse persone una volta riempivano le piazze,scioperavano e protestavano e venivano ascoltati. Forse siamo presi da mille problemi, che non abbiamo più voglia di lottare,credo che questo sistema economico abbia fallito miseramente e bisogna pensare ad altri modelli di sviluppo sostenibili,che rimetta al centro del sistema la dignità della persona,se perdiamo di vista questa prospettiva,non c'è nessuna possibiltà per le future generazioni.


Caro Rosario, scusa, ma questa cosa non ha senso. Io faccio l'avvocato e onestamente non capisco.

Se veramente hai vinto la causa, la sentenza è immediatamente esecutiva anche dopo il primo grado. Puoi pignorare i beni mobili, i beni immobili, i conti correnti della Fiat. Senza spendere nulla perchè le cause di lavoro non prevedono nè bolli nè altro. Se il tuo avvocato non lo fa, o è incapace o ti prende per il culo. Se ti difende il sindacato invece o ti sta prendendo per il culo o peggio. Non serve nessuna ingiunzione di pagamento. E' già nella sentenza.

Oppure non l'hai vinta e ci stai provando. Comunque tutta sta storia non regge.

Hector Declan 03.11.10 21:46| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

pagare la tessera sindacale per mantenere dei paraculi di regime? l'alternativa? ribellarsi come hanno fatto in campania.aggregarsi e ribellarsi.costituire un fondo a cui attingere, per organizzare una alternativa a questi cocainomani

giovanni trincavelli 03.11.10 21:44| 
 |
Rispondi al commento

Mi dispiace per la situazione che vive questa persona però vorrei esprimere un altro pensiero che solitamente non preoccupa nessuno... i sindacati per quanto possono aiutare alcune situazione al limite della decenza in altri settori intervengono per creare solo problemi alle società... fare guerra ad un'azienda per qualche fesseria non sempre è una cosa corretta... alcune volte bisogna anche lasciar perdere e tenersi stretto il proprio lavoro che permette di vivere... questa persona ci racconta che da circa due anni è senza lavoro... vive con il piccolo lavoro precario della moglie... e magari non gli è passato per la testa che non esiste solo la fiat? il discorso è troppo lungo e complicato da esprimere in così poco spazio posso però dirvi che io abito vicino ad una zona industriale che una volta ospitava società quali PIRELLI e ITALCEMENTI oltre ad altre aziende di media entità... il voler scioperare, aderire ad iniziative singolari e guerrizzanti, istigare quasi alla insubordinazione del personale nei confronti della dirigenza ha portato alla chiusura degli stabilimenti e quindi alla perdita di lavoro per migliaia di persone... ancora alla giornata nei bar trovo persone che parlano della PIRELLI e di come sono riusciti ad ottenere questo e quel beneficio ma non dicono che i loro figli per la scarsità di lavoro qui sono stati costretti a cercare di meglio al nord o peggio sono disoccupati... L'importante è che hanno vinto qualche manciata di mila lire... Personalmente quello che non capisco è che se io ho una società di 20 persone ed ho il sindacato con il fucile puntato per ogni cosa a causa dei miei operaio che pretendono chissà cosa non vedendo la reale situazione economica italiana invece di venirci incontro preferiscono scioperare... nessuno pensa che se io chiudo la baracca i miei 20 dipendenti ed il sindacato se ne possono benissimo andare a fanculo tanto io lo stesso bene sto e 20 persone chi le sfama il sindacato??? Chiedete al sindacato lo stipendio poi

Francesco Francesco 03.11.10 21:24| 
 |
Rispondi al commento

Un messaggio forte e chiaro alla fiat...
prima di tutto tenetevi le vostre macchine di merda prodotte all'estero e secondo ritornate allo Stato Italiano tutti i miliardi di euro delle casse integrazioni.
PARASSITI!

GIUSEPPE F. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.11.10 21:12| 
 |
Rispondi al commento

Solidarietà totale ed incondizionata a Rosario,
oltre all'ammirazione per il suo coraggio
e la sua dignità.
Detto questo vorrei chiedere,
sperando di non essere offensivo,
a Rosario ed ad altri come lui:
Per chi avete votato?
Per chi hanno votato gli operai del nord,
ma anche quelli del sud?
Il clima politico super-liberista
che si respira oggi in Italia,
è diretta conseguenza degli esiti elettorali, quindi abbiamo ciò che abbiamo voluto,
e devo dire che purtroppo
gli operai hanno contribuito anche anche loro
a questa situazione.
Non vorrei essere frainteso,
la mia è solo una amara riflessione
e non una compiaciuta condanna.

Luigi D., Ancona Commentatore certificato 03.11.10 20:49| 
 |
Rispondi al commento

dove lavoro io ci sono parecchie persone in cassa integrazione e sono tutti sostituiti da precari o interinali ,e nessuno muove un dito o dice niente,specialmente i rappresentanti sindacali dal momento che loro non sono stati messi in cassaintegrazione , paese che vai usan<e che trovi.

Panino A. 03.11.10 20:14| 
 |
Rispondi al commento

MI DISPIACE PERCHE' O PROVATO PURE IO.
IN ITALIA TUTTE LE LEGGI. SONO FATTE DAI POTENTI A FAVORE DEI DELINQUENTI!(CAMERA E SENATO)
E LE TOGHE, SIA ROSSE CHE NERE,POSSONO
SOLO APPLICARLE.
PENSA: DOPO 65 ANNI ABBIAMO ANCORA IN VIGORE
IL CODICE ROCCO!
CIAO A TUTTE LE PERSONE SINCERE.

orfeo nitrebla Commentatore certificato 03.11.10 19:54| 
 |
Rispondi al commento

MA IL SINDACATO DOVE CAZZO STA????
COSA ASPETTA A FAR SCIOPERO GENERALE
E GLI OPERAI I SUOI COMPAGNI COSA
ASPETTANO A PICCHETTARE LA FABBRICA !!!!???

E CHECCAZOO !!!

I DIRITTI NON SONO ACQUISITI UNA VOLTA PER TUTTE!
BISOGNA DIFENDERLI GIORNO X GIORNO!!

QUI FANNO SCHIFO TUTTI TRANNE ROSARIO!!

CHE PER LE SUE IDEE HA MESSO IN CRISI
LA SUA FAMIGLIA!!

.

cimbro mancino Commentatore certificato 03.11.10 19:42| 
 |
Rispondi al commento

e ancora non hai preso a bastonate nessuno?

davide lak (davlak) Commentatore certificato 03.11.10 19:26| 
 |
Rispondi al commento

sìm'm tut't operà'j e pomijà'n!
siamo tutti operai di pomigliano!

gaab rius Commentatore certificato 03.11.10 19:24| 
 |
Rispondi al commento

ti hanno licenziato perchè sei fuori di testa: ma come, perdi il lavoro e per prima cosa ingravidi tua moglie? ma da voi i preservativi non li vendono? alza il culo e cercati un altro lavoro, che dopo 2 anni è vergogna mendicare un lavoro da operaio. ma cosa speri facendo il piangina, che ti assuma beppe grillo? ognuno è artefice del proprio destino. auguri, ma se il tuo atteggiamento è questo, la vedo dura.

marco eclizietta 03.11.10 19:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

cazzo! fate sto sciopero generale di una settimana, o di un mese!

Giuseppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.11.10 19:19| 
 |
Rispondi al commento

pazzesco, che paese vergognoso è diventato questo
non ci sono più parole

prova a contattare il Fatto Quotidiano

ciao Rosario

anib roma Commentatore certificato 03.11.10 19:11| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe stato bello interrogare marchionne ospite dallo zerbino su questo argomento, ma si sa gli operai non hanno voce in capitolo! Allo zerbino interessava solo lo scoop dell'intervista e non i problemi tuoi! Verrà il momento che ci ricorderemo di queste persone, cosa dici? Ciao e coraggio!

luigino garato 03.11.10 18:57| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
ANCHE GLI OPERAI CHE FANNO VALERE I DIRITTI, O ALTRO PAGANO PER GLIA LTRI,BASTA METTERE IN MEZZO GLI INNOCENTI.....NON CREDO CHE ANDREMOAVANTIA LUNGO CON QUESTA SITUAZIONE IO CAPO TU SCHIAVO
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 03.11.10 18:52| 
 |
Rispondi al commento

mamma mia...
in Italia al peggio non c'è mai fine.
poveri italiani.

Paolo R., Padova Commentatore certificato 03.11.10 18:50| 
 |
Rispondi al commento

La nuova segretaria della CGIL intervenga su questo caso e altri simili a questo.
PS: ieri 2 grandi e famose (!) banche, Goldman Sachs e UBS, hanno dato outlook positivi per il gruppo FIAT (la prima addirittura con un prezzo per azione previsto a 21 euro - oggi è a 12). Cosa assai bizzarra, visto il dato appena uscito del crollo delle immatricolazioni a Ottobre. Ma, scava e controlla, scopriamo che il mitico Marchionne siede tranquillamente nel CdA di UBS, la gigantesca banca svizzera. Quindi, il buon Marchionne cosigliere UBS dà ottimi giudizi all'ottimo Marchionne AD FIAT.
E' il nuovo gioco del turbo-capitalismo: "Ti piace vincere facile, eh?..."
PPS: Grillo ste cose le dice da anni, ma sembra che a nessuno interessi. Forse, alla gente comune, ai risparmiatori, piace invece "perdere facile". Bravi, continuate così, e poi prendetevela con gli immigrati se le cose vanno male.

Michele P., Bassano del Grappa Commentatore certificato 03.11.10 18:44| 
 |
Rispondi al commento

rosario, vai questura e di che sei nipote di mubarach vedrai che ti affideranno alla minetti---è così che funziona oggi

tommy boy 03.11.10 18:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Guarda se nel 2010, bisogna sentire storie come quelle di Rosario.
Tutti i giorni, ci dovrebbero essere giornali e tv ad intervistarlo.
CGIL, dove sei? Susanna, fallo diventare una bandiera questo ragazzo!!!

antonio d., carrara Commentatore certificato 03.11.10 18:21| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori