Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Occhiali 3D per tutti


occhiali_3D.jpg
Un tempo al cinema trionfavano sempre i buoni, adesso trionfa solo il business.
"Domenica con moglie e due figli al cinema. Il film scelto è l'ultimo di Walt Disney, Rapunzel. Alla cassa un salasso di quasi 40 euro, esclusi i pop corn. Nel conto erano compresi 4 occhiali 3D. Ho chiesto perché dovevo comprarli se li usavo solo per un paio d'ore e che li avrei restituiti. Non era possibile, né era pensabile riportare i bambini a casa senza vedere il film, e così mi ritrovo con 4 occhiali 3D in casa che userò tra almeno un anno (se li ritroverò ancora) dati i prezzi delle sale cinematografiche. E forse non riuscirò neppure a usarli... alcuni cinema hanno occhiali 3D diversi da quelli che ho comprato e li ritirano all'uscita. Uno spreco colossale, decine di migliaia di occhiali parcheggiati solo negli appartamenti di Milano e forse centinaia di migliaia in tutta Italia... E per cosa?" Giorgio L.

13 Dic 2010, 19:27 | Scrivi | Commenti (49) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

"@luca @marco Mi sembra abbiate perfettamente centrato la questione...
Nessuno costringe nessuno ad andare al cinema, e tanto meno a spendere 40€
per vedere film in 3D. Io ho 2 figlie e le porto regolarmente a vedere film
"vecchio stampo" in 2d e se posso, rigorosamente italiani e se posso
ancora,(essendo pugliese) magari girati da queste parti. Preferisco non
regalare i miei soldi alle grandi macchine industriali americane. Abbiamo
un sacco di bravi registi e sceneggiatori qui in Italia perché non
finanziare i "nostri"?? Abbiamo Tornatore, Muccino... ora per esempio
andrò con la mia famiglia al cinema (un pò per cercare di capire cosa
combinano le mie figlie quando vanno in vacanza) a vedere un film di
Fragnelli: "oltre il mare" . Diamo fiducia al cinema italiano! e lasciamo
stare le americanate e i 3D!!!!"

Mariangela D., Bari Commentatore certificato 15.09.11 12:20| 
 |
Rispondi al commento

@luca @marco Mi sembra abbiate perfettamente centrato la questione... Nessuno costringe nessuno ad andare al cinema, e tanto meno a spendere 40€ per vedere film in 3D. Io ho 2 figlie e le porto regolarmente a vedere film "vecchio stampo" in 2d e se posso, rigorosamente italiani e se posso ancora,(essendo pugliese) magari girati da queste parti. Preferisco non regalare i miei soldi alle grandi macchine industriali americane. Abbiamo un sacco di bravi registi e sceneggiatori qui in Italia perché non finanziare i "nostri"?? Abbiamo Tornatore, Muccino... ora per esempio andrò con la mia famiglia al cinema (un pò per cercare di capire cosa combinano le mie figlie quando vanno in vacanza) a vedere un film di Fragnelli: "oltre il mare" . Diamo fiducia al cinema italiano! e lasciamo stare le americanate e i 3D!!!!

giuliana desario 15.09.11 11:13| 
 |
Rispondi al commento

il solito sperpero di denaro pubblico e poi piangono miseria in tv..mi viene il vomito come diceva vasco..

carlo contrino 18.12.10 12:27| 
 |
Rispondi al commento

Attenti al video che non c'entra una mazza. Gli occhiali con le lenti colorate che si usano per i fumetti non c'entrano un'acca con quelli scuri che si indossano al cinema. I secondi usano una tecnologia 1000 volte più intelligente e sofisticata.

Giacomo Drago 17.12.10 22:00| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto il tuo commento Guido S. l'hai pubblicato prima che io finissi di scrivere quello prima.
Ti do' ragione, senza offesa e senza critica per gli altri, che hanno i loro motivi per dire ciò che dicono, e do' loro ragione però ripeto che scegliere fra dimostrare coraggio e i propri figli la scelta più coraggiosa è stata scegliere i figli.

federico vitali Commentatore certificato 16.12.10 19:01| 
 |
Rispondi al commento

Filippo C. non penso che spendere per dare una serata alla propria famiglia sia considerato "abbassarsi" e non penso che accettare di pagare un prezzo iniquo pur di far felice la famiglia sia "accettare un ricatto" perché un altro ricatto poteva essere deludere i propri figli che per un padre è sempre un duro colpo è una delusione per il suo essere padre. Io sono di Cagliari e questa città ha raggiunto gli stessi prezzi di Roma ma non per questo non esco di casa e mi prendo un caffè al bar con un amico per non "cedere a un ricatto".
Per correttezza dico che non conosco il signor Giorgio L. quindi presuppongo che abbia fatto delle privazioni per permettersi la serata, ma questo non è scritto e non lo posso sapere.
Se il signor Giorgio è solamente uno che si lamenta hai ragione tu, eticamente parlando, ma non ti do' ragione prendendo il discorso per quello che si è scritto fin ora, senza conoscere nessuno, quindi tenendo conto solo di quello che si è detto.

federico vitali Commentatore certificato 16.12.10 18:49| 
 |
Rispondi al commento

Ha pagato perchè evidentemente da genitore vuole vedere gli occhi dei figli felici.
Avra' probabilmente rinunciato ad altro per soddisfare questo loro desiderio .
Questo non toglie il diritto di critica.
Che poi era più orientato sul prezzo degli occhialini che va ad aggiungersi e che probabilmente neppure usera' piu' per svariato tempo.
Se io, barbone da mille euro al mese, seguissi la tua logica, farei crescere mia figlia in una stanza tre x quattro, con vista sulla felicita' altrui.
Invece anche io a volte mi do a questi lussi e sfarzi per la sua felicita'. Eh! ogni tanto "me la tiro".
Ripeto, stiamo parlando di cinema.

Guido S. 16.12.10 18:37| 
 |
Rispondi al commento

Caro federico vitali con le iniziali minuscole, le persone che scrivono e che tu sottoscrivi come il sig. Guido S., probabilmente mangiano i dolci, ma non leggono i post prima di criticare.
L'autore della discussione, Giorgio L., sì si è lamentato del prezzo del biglietto del cinema, ma cosa ha fatto all'atto pratico? Ha pagato. Si è abbassato al ricatto trascinando con se i suoi figli in questa pratica. Nessuno ha criticato Giorgio L. per essersi lamentato -giustamente- del prezzo dei biglietti, bensì per il fatto di aver comunque pagato. In nessun caso qualcuno ha scritto di pagare e stare muti, ma anzi proprio il contrario... e quindi ti pregherei per il valore della tua stessa immagine di scrivere il tuo nome con iniziali maiuscole e di leggere i post altrui prima di criticare.

Filippo C. 16.12.10 14:46| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo con Giorgio L. e Guido S., le persone che scrivono probabilmente non mangiano dolci perché un dolce costa più di un pacco di pasta e dura di meno, soldi buttati; non si concedono la birra o il vino o una bibita perché costa più dell'acqua e non è altrettanto salutare, soldi buttati; non vanno in palestra perché fare ginnastica in giardino o al parco è totalmente gratuito; non fumano perché il fumo non ha pro ma solo contro quindi soldi buttati senza beneficio... scommetto che fanno tutti così.
Il padre in questione non mi sembra abbia detto che porta la famiglia al cinema tutti i giorni, settimane, mesi: probabilmente era un'uscita speciale che un buon padre di famiglia ha il dovere di fare perché insegnare dei valori ai figli è importante tanto quanto insegnare loro a concedersi il riposo da fatiche e tormenti; poi c'è da dire che anche se gli altri soffrono non è un buon motivo per non goderci la vita noi che possiamo, altrimenti dovremmo bere dalle pozzanghere perché l'acqua pulita un africano non se la può permettere e allora lui no e io si? E parla uno che è stato allattato in un'automobile -non sto scherzando- e che ha dormito sulle panchine e che è stato fortunato a trovarsi uno straccio di lavoro e adesso ha un tetto sopra la testa: tutta fortuna, lo ammetto.Però nella mia povertà ogni volta che son stato fidanzato ho portato la mia fidanzata al cinema, ai locali, colazione al bar etc. Non tutti i giorni è ovvio, però di certo non potevo evitare di uscire con lei perché sono povero. Ma scommetto che chi ha risposto a questo post viva una vita senza nessun tipo di vizio, nessuno vi punta una pistola alla testa per fumare, per bere o per andare allo stadio, perché anche quelli sono sprechi che costano più di 40 euro, meglio conservarsi i soldi per portare la famiglia fuori.

federico vitali Commentatore certificato 15.12.10 15:33| 
 |
Rispondi al commento

Andare al cinema in 4 costa 40 euro, uno si lamenta, e voi gli date addosso ?
Boh !
Forse avete soldi da buttare.
Oppure volete che il cinema sia accessibile solo a qualcuno. Forse solo a voi che cosi' non trovate coda.
Ha detto cinema, mica Cortina D'Ampezzo a Capodanno.
40 euro per il cinema sono un furto.
Chi si lamenta fa bene.
Il cinema fa parte del costume sociale e deve essere raggiungibile da piu' persone possibile.
non è un Casinò.

Guido S. 14.12.10 17:16| 
 |
Rispondi al commento

Ho aperto la pagina dei commenti pensando di trovare pieno di commenti a favore dell'articolo. Per fortuna mi son ricreduto e la gente inizia a pensare con la sua testa!

La gente viene LICENZIATA e qui ci si lamenta degli occhialini 3D perchè un PADRE non ha le palle per dire ai suoi figli: no, non si entra, costa troppo e i vostri genitori faticano per guadagnare quei soldi. E invece... "non si poteva andare a casa senza vedere il cartone". Bell'insegnamento! Quei figli, da grandi, faranno di tutto per duplicare il prezzo di quegli occhialini.

Davey 14.12.10 16:58| 
 |
Rispondi al commento

Seppure condivisibile il tuo messaggio, da padre di una bimba di 22 mesi ti dico che c'è una contraddizione di fondo.
Ti lamenti della perdita di ideali, ma come padre fallisci clamorosamente nel trasmettere quelli che i tuoi ti hanno insegnato. Evidentemente i genitori che tanto critichiamo sono stati più abili di quanto lo siamo noi oggi, se come padri non siamo in grado di dire ai nostri figli che questo film non lo vedremo, perchè è un'operazione commerciale, una cosa sbagliata alla quale noi non vogliano e non dobbiamo prendere parte, e dalla quale anche loro si devono tenere lontani. Invece, li hai fatti entrare in quella sala (ce n'erano sicuramente altre, così come ci sono altri intrattenimenti), e ti sei portato dietro gli occhiali... beh almeno non li hai buttati all'uscita, che dire. Un pianto di 5 minuti è sicuramente meglio che lasciare i propri figli in balia di questa società di merda e dei suoi ricatti inaccettabili. Io voglio solo dire che l'unico VERO ruolo di un uomo in famiglia e trasmettere degli ideali, non cambiare pannolini e aiutare a lavare i piatti, queste sono tutte stronzate partorite dalla stessa società che ti obbliga a comprare 4 occhiali inutili, il padre in famiglia è una figura di autorità che trasmette dei valori, magari non si vede quando i figli sono piccoli, ma più grandi ne vedrai i risultati... ed allora sarà troppo tardi per rimediare.

Filippo C. 14.12.10 15:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cosa non si fa per scippare soldi alle famiglie.

Dario 14.12.10 15:01| 
 |
Rispondi al commento

Allora dovresti lamentarti con le persone.
Perchè dalle mie parti gli occhiali in quello che prima si chiamava Medusa Multisala, venivano restituiti all'ingresso.
La gente si è lamentata dell'igiene.
Ora ti danno occhiali 3d, di qualità inferiore, ogni volta che vai al cinema, per soddisfare tutti quei clienti che si lamentavano.

Mario Amabile Commentatore certificato 14.12.10 15:00| 
 |
Rispondi al commento

Cavolo, ma che articoli idioti siamo costretti a leggere!! Beppe hai assunto qualche parente di minzolini o di vespa?
La migliore definizione di cosa sia il marketing me l'ha data un consulente americano anni fa durante un master:
"Il marketing e' l'ARTE di mettere le mani nel portaglio della gente e farli sentire contenti"... in questo caso, e' chiaro che essendo il portaglio disgunto dal cervello il gioco e' stato facile. Infatti essendo il piacere connesso al cervello (che e' assente), il risultato non e' stato raggiunto.

casalinga di voghera 14.12.10 14:43| 
 |
Rispondi al commento

Spesso ce la prendiamo con gli altri per le nostre carenze. A Roma ci sono alcune sale che proiettano Rapunzel in 2d, suppongo sia così anche a milano. Basterebbe leggere, informarsi... Ma andiamo troppo di fretta ed è più facile prendersela con gli altri. in ogni caso non è deprecabile insegnare ai figli il valore dei soldi. qualche volta un "no costa troppo" è meglio di un "ma che ladri". alla fine siamo liberi di fare o non fare, di dire e non dire, di andare o restare

titti lo papa 14.12.10 13:49| 
 |
Rispondi al commento

Il film costa troppo ?
Non andarci !!!!!!!!
ho anch'io 2 figli, ma se una cosa non la ritengo equa non la prendo, e i miei figli sono cresciuti cosi.
Beppe, non è un post da movimento questo !!!!!!
Qui c'è gente senza stipendio, e postiamo se andare al cinema o no è caro..............

Marco B., Sonico BS Commentatore certificato 14.12.10 12:15| 
 |
Rispondi al commento

Gli occhiali costano tanto in modo da arricchire ancora di più anec e agis.... noi lavoratori del cinema, figli di un dio minore( la domenica per noi non è festiva, il notturno inizia alle 01, lavoriamo tutte le feste con supplementi ridicoli, e ovviamente una paga base che non arriva ai 1000) non abbiamo visto alcun aumento di stipendio.... i film scaricateveli!!!!

Alexis 14.12.10 10:54| 
 |
Rispondi al commento

qui a padova si possono scegliere ancora cinema stile "una volta" (pochi ma bòni) e non gli orridi e costosissimi multisala. eppoi non è necessario vederselo in 3D, è ovvio che costa uno sproposito.

Marco D., Montegrotto Terme Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 14.12.10 10:27| 
 |
Rispondi al commento

Non capisco la lamentela.
O non si è informato del fatto che i film in 3D costano di più (e magari prima di piombare al cinema, ci si può collegare in rete e verificare i costi, oramai tutti i multiplex hanno un sito con prenotazione) oppure si vergognava di dover spiegare ai figli seduta stante che il film costa troppo e si torna a casa. Oltretutto è provato (anche se stanno bene attenti a non dirlo) che i film in 3D possono avere effetti deleteri sulla vista dei bambini, per cui sarebbe proprio da evitare la cosa.
"Ma gli altri ci vanno".
Quando rispondono così si dice "Ma tu non sei gli altri, sei figlio mio, e sei sicuramente più intelligente". Passato il momento, quando esce il dvd non 3D, lo si guarda tutti insieme in famiglia, con calma (e costa la metà avere il dvd originale).
Noi non andiamo al cinema da 3 anni, ma nessuno ne sente la mancanza!

Barbara B. 14.12.10 10:23| 
 |
Rispondi al commento

Con quella cifra ci compri il blu-ray extended edition e te lo riguardi fino a consumarlo.
Noi abbiamo investito in un buon home cinema e i film si comprano e si guardano a casa.
Il cinema in sala non conviene più. Va bene solo per i cinepanettoni.

Pagare uno sproposito per vedere un film circondati da gente che parla, sbraita, mastica e telefona? Piuttosto il luna park.
L'arte merita di essere apprezzata in un'ambiente più dignitoso, soprattutto per chi la crea.

Silvia 14.12.10 09:42| 
 |
Rispondi al commento

non andare al cinema...scusa.paghi e poi ti lamenti?

roberto m. Commentatore certificato 14.12.10 08:55| 
 |
Rispondi al commento

L'europeo vede che il prezzo del biglietto è alto e non lo compra, se ne va da un'altra parte.

L'italiano vede che il prezzo del biglietto è alto ma lo compra, salvo poi lamentarsi.

Capite perché noi abbiamo prezzi alti?

Lorenzo S. 14.12.10 01:09| 
 |
Rispondi al commento

Solo per precisare che i film in 3d esistono dagli anni 50 e girarli non costa molto di più di un normale film; basta usare due cineprese contemporaneamente (una per ogni occhio).
Quindi pagare di più è semplicemente ridicolo. Anche perchè allora dovremmo pagare di più anche per tutti quei film che usano effetti speciali costossissimi..

Manuele Carlini 14.12.10 00:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Giorgio per cortesia vedi di darti una svegliata! Un film in 3D costa ovviamente più di uno tradizionale e comunque un euro per un paio di occhiali non è niente: tieni conto che il noleggio costa uguale e rimani alla fine senza occhiali!
La prossima volta pensa bene a dove butti i soldi prima di lamentarti inutilmente, sei un padre di famiglia smettila di fare il frignone.

Lorenzo S. 13.12.10 23:51| 
 |
Rispondi al commento

Io invece stasera ho visto senza occhialini "DOLLS" Di Takeshi Kitano offerto da emule e ho goduto di un capolavoro senza pari.

COSTO: ZERU TITULI!

Renzo Coscia 13.12.10 22:35| 
 |
Rispondi al commento

GENNAIO 2010 - IL SOLE24ORE.

Un'offerta che riempirà le sale di spettatori incuriositi dal richiamo del cinema a tre dimensioni e li indurrà a spendere per dotarsi di tutto ciò che serve per godere del 3D fra le mure domestiche? Presto per dirlo, anche perché c'è chi – gli oftalmologi della Northwestern University Feinberg School of Medicine di Chicago – credono che l'indigestione di effetti speciali al cinema e soprattutto nel salotto di casa possa provocare, a chi ha problemi visivi anche di poco conto, mal di testa e nausea. Questo nel caso che i due proiettori che inviano le immagini a ciascun occhio, che le riceve in tre dimensioni grazie ai ben noti occhialini colorati le cui lenti filtrano diverse lunghezze d'onda, non siano ben allineati. Il 3D di nuova generazione dovrebbe superare anche questo (potenziale) limite tecnico perché il proiettore digitale sarà uno solo ma ciò che non verrà evitato all'utente sarà il "fastidioso piacere" di indossare gli speciali occhialini 3D. Al Ces 2010 erano praticamente ovunque ci fosse un televisore grande schermo. E i principali produttori di questi gadget hanno ovviamente approfittato dell'occasione per portare in vetrina le novità più all'avanguardia in questo campo. Gli occhialini 3D rischiano di diventare un business molto serio, e tutto lascia pensare che quelli da pochi spiccioli regalati oggi come omaggio con le riviste specializzate lascino spazio ai ben più costosi e performanti supporti che sbarcheranno sul mercato nei prossimi mesi.

http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/dossier/Tempo%20libero%20e%20Cultura/2010/avatar-film-record/tecnologia-3d/3d-glasses-occhialini-rivoluzione.shtml

Mr SPOCK, VG Commentatore certificato 13.12.10 22:01| 
 |
Rispondi al commento

Anche se non ho famiglia ho 2 splendide nipoti di 14 e 6 anni e invece del cinema con sommo gaudio di loro madre - mia sorella mi scarico in p2p qualsiasi film loro vogliano, compresi quelli in 1° visione, io ho un hard - disk plug and play, e per loro masterizzo un dvd a film..
per quanto riguarda il 3d non è che sia proprio indispensabile, una bella storia è bella pure se non spuntano nasi e piedi fuori dallo schermo e poi penso che la gente non debbano essere proprio dei polli da spennare e basta, un pò di difesa delle proprie tasche ora con sti chiari di luna si rende proprio necessaria..
ti saluto, e non farti infinocchiare più a causa dei bambini.

Vincenzo Russo, Terni Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 13.12.10 21:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE
OCCHAILI 3D PER VEDERE UN FILM,MA PER FAVORE SE LI TENGANO,E CHE FACCIANO BEI FILM E SENZA OCCHIALI
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 13.12.10 21:25| 
 |
Rispondi al commento

I consumi devono crescere... deve aumentare il Pil...deve aumentare la quantità di moneta circolante... tutto deve essere monetarizzato...
vi rendete conto che ci hanno fregato anche con il vocabolario?
"Concretizzare" ha spesso come sinonimo "monetarizzare"...cioè raccogliere denaro da un'azione.

Siamo degli SCHIAVI delle BANCHE che STAMPANO moneta dal nulla e vogliono che ogni rapporto umano e ogni scambio sia monetarizzato... la logica del denaro deve pervadere ovunque... corsi di economia e arte.... management della salute... l'economia che viene prima dei diritti....produzione letteraria al soldo del denaro...

Spezziamo le catene... UNA NUOVA MONETA LOCALE e più solidale,rispettosa del lavoro e dei lavoratori.
Profitti e utili aziendali condivisi con i lavoratori.

Revo Lution 13.12.10 21:18| 
 |
Rispondi al commento

Forse era meglio riportare i ragazzini a casa anche per non dare l'esempio di subire quello che è un vero abuso, magari il film fittarlo e se non quello un'altro con la promessa (da mantenere!) di portarli a teatro...altro che cinema....

giulia genito, napoli Commentatore certificato 13.12.10 20:55| 
 |
Rispondi al commento

Parlo da genitore, quindi con cognizione di causa. Decrescita (o resistenza) significa anche non omologare necessariamente i bambini all'industria culturale dominante. Lo so, la scuola, il gruppo, l'emulazione, ecc. Ma dopo tutto, perché andare al cinema a vedere l'ennesima versione animata del solito plot biblico americano...? Non credo di divere fare la lista delle cose che si possono fare in famiglia...

Alessandro Colizzi 13.12.10 20:48| 
 |
Rispondi al commento

oggettivamente i film in 3d si vedono una merda , e' una tecnologia che esiste dagli anni 40 e non e' mai decollata. I film di oggi sono ancora peggio di quelli degli anni 40 (che avevano una regia migliore) tecnicamente la pellicola usa una differente polarizzazione per due frame invece dei due colori ma il risultato e' comunque un gran mal di testa. Personalmente quando vado al cinema, chiedo la versione 2d , se non c'e' li mando a quel paese e chiedo cortesemente di infilarsi gli occhialini su per il culo... in genere quando lo faccio tutta la fila di 20 30 persone mi da' ragione e se ne va.

giuseppe torquemada, bolzano Commentatore certificato 13.12.10 20:44| 
 |
Rispondi al commento

Forse era meglio riportare a casa i ragazzini proprio a scopo educativo, per non dare l'esempio di subire quello che è un vero e proprio abuso. E poi magari fittarlo il film e se non proprio quello qualsiasi altro divertente con la promessa (da mantenere) di portarli al teatro altro che cinema......

giulia genito, napoli Commentatore certificato 13.12.10 20:42| 
 |
Rispondi al commento

Quello raccontato da Giorgio L,è uno dei meccanismi fondamentali della nostra economia.
I CONSUMI DEVONO CRESCERE A TUTTI I COSTI.(infatti sentiamo parlare sempre di crescita che non c'è ad es.)
Quindi si elaborano,le più svariate ed infamanti (aggiungo io)strategie,per "imporre" i consumi,anche se le merci che acquistiamo in seguito non ci serviranno a nulla.
Anzi è meglio così,infatti,l'obsolescenza viene pianificata a tavolino,per imporre un ricambio "forzato" delle merci (come ad es.fare tipi diversi di occhiali 3D in ogni cinema).
Che poi si usino queste tecniche nel mondo dell'infanzia,la si dice lunga su cosa siamo diventati per "asservire" la nostra economia.
Null'altro che...alienati.
Null'altro che...consumatori.
Sentite mai parlare un economista,e chiamare i suoi simili...persone?
No,nossignore,egli li chiama...consumatori.
L'uomo è in balia delle merci,e queste,sono diventate autonome da esso.
Tra l'altro gli ingranaggi di produzione capitalistica,sono così ben oliati,che la macchina va da se.
Paradossalmente,anche il capitalista,e non solo i proletari,è vittima di questa idolatria delle merci,idolatria che ci sta portando tutti alla rovina,mettendo a serio rischio l'esistenza della natura,e indi dell'uomo stesso.
Basti pensare che questo modello di sviluppo,genera un impronta ecologica cinque volte superiore alla capacità della terra di rigenerare la risorse consumate.
E poi,gli occhiali di Giorgio,dove e come vengono smaltiti?
In discarica chiaro (anche le discariche generano affari grazie a questi modi di produzione ed indottrinamenti di consumi economici)
Sembra che Marx,con il suo concetto di..."Feticismo delle merci",ci abbia visto giusto.
P.S.
Gli uomini entrano in rapporti scambievoli determinati, necessari, indipendenti dalla loro volontà.
K.Marx
http://www.youtube.com/watch?v=18a1GQUZ1eU

Lovigio II (na) Commentatore certificato 13.12.10 20:34| 
 |
Rispondi al commento

e per cosa?:per far guadagnare un pò di soldi a
chi produce gli occhialini.

giorgio p., san vittore olona Commentatore certificato 13.12.10 20:23| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo sul fatto che gli occhialini si comprino e si tenghino. Negli UCI Cinemas un tempo li prendevi (senza comprarli) e li gettavi a fine film. Uno spreco colossale. Ora, facendoli pagare, almeno non se ne sprecano più tanti come prima.
Sul fatto che il cinema 3D costi un occhio della testa concordo appieno con te. Spero che i film non diventino tutti 3D perché se no vi sarebbe un aumento non trascurabile dei prezzi.

Guido L. 13.12.10 20:06| 
 |
Rispondi al commento

@luca @marco: il discorso è di principio che c'entra quel che dite??? la lamentela è più che appropriata, lui non ne era a conoscenza (a differenza dello sciocco esempio di chi va al Mc e lo sa bene che fa schifo)ed è un furto clamoroso farti pagare l'uso di occhialetti che non valgono niente e che chissà quando riutilizzi...i cinema li dovrebbero fornire assolutamente gratis, ma visto che i guadagni vanno male...solito approfittarsi, e anche avesse cambiato cinema in tanti fanno cosi!

Alessandro Mescolini 13.12.10 19:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

si ma non ci si puo' lamentare SEMPRE MA DAI!!!a parte che adesso hai gli occhiali, per cui la prossima volta non li paghi!! e non mi dire che ci vai una volta all'anno. Non ti va bene il prezzo? nessuno ti costringe ad andare lì!! bisogna lamentarsi di cose utili.

andrea mazzoni 13.12.10 19:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi sembri uno di quelli che va regolarmente a pranzare da MacDonald, e poi si lamenta del fatto che MacDonald gli rovina la salute. Basta cambiar mensa, no?

Luca S. 13.12.10 19:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beh, nessuno ti ha puntato una pistola alla tempia e costretto ad andare in quel cinema. Potevi scegliere un altro cinema, magari una piccola sala a gestione famigliare, oppure andartene a teatro. Se hai deciso di andare proprio in quella sala, non capisco la tua lamentela.

Marco M. 13.12.10 19:35| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori