Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Fare il disoccupato conviene!


precario.jpg
Persino la mafia conosce la regola, ignorata dallo Stato italiano, che se fai fallire chi paga il pizzo hai perso un'entrata per sempre.
"Sono un libero professionista. Ho raddoppiato il fatturato (35.000 km di macchina per andare dai clienti di cui solo il 50% deducibile. che schifo!) e voilà... il commercialista mi disse che tra saldo aumentato e nuovi acconti dovevo pagare 42.000€. Alla fine li ho pagati usando anche i risparmi duramente messi via in due anni. Ho pagato a rate: subito l'Inps perchè è considerato costo e quindi l'anno dopo avrebbe abbattuto il reddito. Ma IRPEF e IRAP hanno atteso in comode rate che ho versato in autonomia con un aggiunta di un 3% (!). L'anno dopo mi sono trovato a non pagare più tasse né Inps, ma il fatturato l'avevo ridotto del 50%. Ora come ora mi sono fatto furbo: non supero più un determinato fatturato o lo faccio crescere lentamente in modo da non pagare botte. Certo che in questo modo mi sto bruciando lavoro e anch'io avrei voluto aprire finalmente la mia impresa e azienda e assumere un commerciale e un collaboratore! Ma nulla di fatto. Quest'anno il fatturato l'ho salvato al pelo e per il prossimo anno ho una contrazione del 20%. Ebbene ho deciso che l'iva la pago in comode rate... L'IRAP a maggio. Mentre l'inps quella si paga subito. Italia non fai schifo, ma voi politici si! Vergogna!". Luigi M.

10 Dic 2010, 18:50 | Scrivi | Commenti (36) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Io sono ingegnere informatico, mi sono laureato con il vecchio ordinamento (lo specifico perché l'università era più dura e più seria di quella odierna) facendo moltissimi sacrifici, sia economici che soprattutto fisici e psicologici.
42000 euro li vedo con il cannocchiale, per te sono soltanto le tasse da pagare sul lauto fatturato. Un ingegnere oggi come oggi è inquadrato al sesto livello metalmecanico (1300 euro netti al mese) ed è fortunato perché ancora trova un lavoro.
Tu vai probabilmente con il SUV, io faccio molta fatica a pagare l'affitto...chi dovrebbe lametarsi??

Marco Medina 19.12.10 15:35| 
 |
Rispondi al commento

siamo arrivati alla fine?
oltre a questo c'è un fondo?
allo schifo esiste un"piu' schifo"?
tra quanto ci spareremo da una finestra all'alta?
operai contro liberi professionisti contro casalinghe contro disoccupati.
io vado via....me ne vado da qui...era il mio paese
ma adesso non è nemmeno un paese.
è di ventato insopportabile anche solo sentire omuncoli che perstare sereni almeno un un po' cercano di giustificare questo o quel politico(criminale)pur sapendo che ha rovinato ,lui la sua famiglia e il futuro dei suoi figli.
l'importante è raccontarsi che una via d'uscita c'è,c'è sempre....
ma c'è?.....davvero c'è...e...se non ci fosse,se continuasse ad andare peggio come da anni a questa parte?cosa bisogna vedere e sentire ancora per capire che al peggio non c'è fine?
io prendo il culo e me ne vado anche se non vorrei,ma...sono solo pessimista?
o qui è davvero andato tutto a fanculo?
che succedera'?
arrivera' all'improvviso una nuova classe politica,che rinuncera' a stipendi fuori da ogni logica,rinunceranno ad andare in pensione dopo due anni?rinunceranno ad essere i proprietari dello stato di schiatu' italia?
rischieranno di essere ammazzati da quelli che governano veramente in questo paese?e se lo facessero veramente accetterebbero di essere comunque critacati?
dai siamo realisti chi dovrebbe arrivare una squadra di madre terese d'assalto armate fino ai denti?
...io me ne vado,e mi dispiace ma non riesco piu' a raccontarmi le favole,spero solo che i poveracci,cio'è il popolo italiano,non si faccia la guerra tra poveri e nullatenenti veri,mentre i cancri di questa nazione igrassando restano a guardare dalle loro barche di lusso abbracciati alle loro prostitute starlette.
addio italia.
ilvidi

ronchini furio 15.12.10 09:39| 
 |
Rispondi al commento

Forse l'autore del post voleva dire: se io quest'anno ho fatturo x. a novembre dell'anno successivo dovrò versare l'anticipo del 98%..calcolato sull'anno precedente...Però non è detto l'anno successivo incassero quanto l'anno precedente...dove'è la fragatura? la fregatura sta che se si contraggono gl'incassi o il lavoro cala..i costi sono fissi e quindi finisco per intaccare il capitale messo via l'anno precedente per pagare le tasse..
Quando si organizza un'impresa occore tenere presente che ci sono i costi fissi(manodopera ecc) e i costi variabili (materiali ecc)..mentre i ricavi possono variare secondo le condizioni di mercato sempre che il corrispettivo vada a buonfine.
QUesto sistema fiscale compromette anche "l'agevolazioni" di pagamento che le aziende potrebbero attuare verso i clienti, perchè fiscalmente non è possibile differire la l'incasso futuro..quello venduto oggi deve essere fatturato oggi, indipendentemente dal periodo di pagamento concordato con il cliente.
Con questo sistema ci guadagno le finanziarie e le banche e basta...
Immaginatevi cosa significherebbe avere un fisco di questo tipo per chi compra e chi vende i vantaggi non sarebbero indifferenti.
Ivi compreso l'iva (autentico furto)perpretato ai danni dei cittadini.

roby f., Livorno Commentatore certificato 12.12.10 19:43| 
 |
Rispondi al commento

No, piano un attimo, se hai incassato e sai gestirti il finanziario i soldi per pagare (per quanto esageratamente salato) ci sono, il problema è sopratutto altro.

Il problema è che le tasse e il resto si pagano sul fatturato e non sull'incassato effettivo e questo non tutti lo sanno.

Io (come la maggioranza regolare che fa utile) ho dovuto pagar tasse su fatture non incassate; per alcune, dimostrata l'effettiva impossibilità all'incasso (tramite avvocato...ovviamente!) mi sono state scalate dopo 2 anni circa, per altre sono ancora in lotta... leggesi tasse pagate e soldi anticipati all'avvocato e incasso zero !!

Ma non sono qui a piangermi addosso, io sono di origini contadine, quando guadagno "metto fieno in cascina" e non ho ambizioni o vizi costosi, ho i piedi ben piantati nella terra, lavoro in proprio perchè è andata così, la mia ex ditta ha chiuso, i clienti mi hanno dato fiducia e alcuni dei miei ex colleghi mi hanno seguito....... il resto E' PASSIONE IN QUEL CHE SI FA, SIA DA TITOLARE CHE DA DIPENDENTE.

Passione per quel che si ha studiato, passione nel vedere un'utilità sociale, passione per le cose FATTE BENE.... no, non l'ordina il medico.. magari fosse !!!!

Charles Robert Darwin (il formicaleone), bologna Commentatore certificato 12.12.10 17:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Credo che l'autore del post volesse dire altro: arrivati ad un certo livello di lavoro e di guadagno, non vale la pena aumentarlo perchè il di più se ne va tutto in tasse, imposte e balzelli vari. è questo il vero problema del nostro paese: che per mantenere una inutile casta di privilegiati raccomandati e fancazzisti si ditrugge l'economia reale e si distruggono posti di lavoro veri, di quelli che producono ricchezza per tutti, e sottolineo per tutti. Inutile continuare a discettare sulla differenza tra un lavoratore dipendente ed un autonomo, qui il problema è un'altro: abbiamo il coraggio di chiedere l'immediata soppressione delle camere di commercio, la cui tassa annuale è illegittima ai sensi di un trattato cee, la chiusura dei consorzi di bonifica, e a cosa servano vedi quello che è successo in veneto, la soppressione delle province, la fusione dei comuni con meno di diecimila abitanti con quelli ad essi vicini, la chisura immediata di tutti i consorzi obbligatori che servono solo a mantenere altri nullafacenti. ma la risposta è la solita: dove mettiamo le persone che perdono il posto di lavoro? la risposta dovrebbe essere la seguente: alla zappa! per cui si continua ad ammazzare l'economia reale per mantenere i fancazzisti di turno. e viene davvero voglia di emigrare in nuova zelanda. almeno lì non c'è il berlusca, il bersanello, l'euro ed il prodi.

paolo b., spilamberto Commentatore certificato 12.12.10 08:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Luigi, faccio parte anche io delle partite IVA. Ormai siamo considerati dei limoni da spremere, siamo rimasti i soli a produrre. Le industrie succhiano dallo Stato, gli Enti Pubblici spendono e spandono, i dipendenti Statali sono dei privilegiati. Noi partite IVA abbiamo tante scimmiette attaccate al collo, a partire dal commercialista che ti chiede 5000,oo euro l'anno, le banche costano dai 300/400 tra balzelle e spese. INPS-INAIL_IRAP-CASSA EDILE-CONFEDERAZIONI di Categorie.
Mi fermo, sono troppo incazzato.
saluti bruno de barbieri

bruno de ba 11.12.10 17:28| 
 |
Rispondi al commento

Chissà, forse in Italia c'è una legge,
che obbliga le persone
a fare gli imprenditori!
Non si spiega, altrimenti,
la pervicacia di certe persone
che insistono nel continuare
in questa occupazione,
nonostante l'evidente impossibilità,
per motivi diversi, di continuare.
Molti di questi pseudo imprenditori
non sanno nemmeno il significato,
della parola "imprenditore",
e delle sue implicazioni,
ne sanno nulla di economia,
ne di analisi costi-benefici.
Quelli di loro che sono più dotati di capitale operano spesso in perdita, senza rendersene conto,
( un sempio, ampiamente studiato dalla letteratura economica, è quello dei camionisti "padroncini")
e quando se ne rendono conto,
ne danno, invariabilmente,
la colpa allo stato.
L'Italia è il paese occidentale con la più alta percentuale di piccoli,
e piccolissimi, imprenditori,
una percentuale troppo alta per permettere
a tutte queste micro-imprese di sopravvivere,
e per consentire al nostro paese di avere una crescita stabile e duratura.
In periodi di crisi come l'attuale poi,
il tutto è peggiorato e reso più difficile
dal calo dei consumi, e dalla stretta creditizia.
Queste non sono mie opinioni,
chiunque sappia un minimo di economia
non può che confermare.
Bisogna che queste persone si mettano in testa
che Fare gli imprenditori non è obbligatorio,
e che l'impresa può dare grandi soddisfazioni
e guadagni ma anche, e più probabilmente,
dolori e fallimenti.

Luigi D., Ancona Commentatore certificato 11.12.10 15:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

come al solito chi ha fatto solo e sempre il dipendente non ha capito un cazzo..e si vede...continuate a credere che l'evasione fiscale(non quella grossa dei grossi gruppi che tanto e'legalizzata)ma quella dei piccoli.Se paghi al 100% fallisci in un anno,altro che gli autonomi non pagano le tasse!!!e lo stato lo sa,altrimenti farebbe chiudere tutti;non esiste proporzione(ah gia'ma a noi i contributi li pagano gli altri,vero?)piu'tutte le assurde spese che devi sostenere.

O.T 11.12.10 14:34| 
 |
Rispondi al commento

non so come ci riuscite, ma anche questa volta molti di voi sono riusciti a non capire un cazzo!

Il titolo era ironico!!!! SVEGLIA!!!!!!

si pagano tante tasse sui guadagni che quasi quasi conviene rimanere disoccupati!. Questo era il paradosso.battuta. sarcasmo.

cazzo gente, questa era per bambini.

Mi auguro che siano troll, perchè se davvero non hanno capito......poveri noi!

Corrado F 11.12.10 12:01| 
 |
Rispondi al commento

A tutti i disoccupati, senza lavoro etc...
1) Chi possiede una partita iva non sempre è un imprenditore , anzi nel 90% dei casi non lo è;
2) Chi apre partita iva è spesso costretto perchè altrimenti non lavora;
3) chi apre partita iva spessissimo non viene pagato anche se ha emesso la fattura;
4) chi apre partita iva paga le tasse in anticipo e le paga anche se non è stato pagato;
5) spesso chi ha la partita iva è un poveretto tranne tutti quelli che sono iscritti agli ordini professionali o i commercianti (soprattutto di vecchia data)


Non prendetevela con tutti quelli che lavorano con la partita iva perchè spesso non hanno altra scelta per poter lavorare.
Naturalmente chi è iscritto ad un ordine professionale ha maggiori vantaggi, se poi è un medico (per esempio) allora certamente pagherà meno tasse di quelle che deve.

Il vero problema è il livello di tassazione, troppo elevato per tutti; il livello degli stipendi, troppo basso.
Il vero problema è la classe politica che non ha un piano per il futuro che non ha a cuore la nazione nè il futuro tutti ma è una classe ingorda, ignorante e stolta, composta da persone che scendono a compromessi facilmente, persone senza dignità.

Carlo Alberto Lovo (calovo), Bari Commentatore certificato 11.12.10 10:00| 
 |
Rispondi al commento

Caro Luigi
pensa ai lavoratori che sono obbligati a versare mensilmente il loro obolo .. anch'io se dovessi pagare a rate , diventando importi maggiori, metterei da parte i soldi che prevedo di sborsare...
SI te paghi l'Irap, ma deduci dal reddito di impresa tutte le spese afferenti alla tua attività: affitto, telefono computer anche l'auto, se dimostri di usarla esclusivamente per lavoro, la puoi scaricare al 100%

Paola F. Commentatore certificato 11.12.10 08:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ah Beppe, ma cosa c'entra il titolo con l'articolo???

Ti diverti a prendere per il culo chi non lavora???

ORA, ALMENO, dacci qualche VERO motivo per cui convenga essere disoccupati, se so sei solo una VERO pagliaccio...ma non fai ridere...NON sulla disgrazia di MILIONI di persone che sono DISOCCUPATE e, FIDATI, non conviene AFFATTO!!!

Davide Comeri, Zena Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 11.12.10 07:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

COSA CAZZO C'ENTRA IL TITOLO "FARE IL DISOCCUPATO CONVIENE" CON LA PATETICA LAGNANZA DEL "PARTITA IVA" CHE SI LAMENTA DEL SUO PASCIUTO E GRASSO FATTURATO???! CHE PROVI LUI AD ESSERE VERAMENTE DISOCCUPATO! BASTA PRENDERE PER IL CULO CHI NON HA LAVORO CON QUESTE STRONZATE: UN PO' DI RISPETTO, CAZZO!!!

gabra s. 11.12.10 02:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se fare il disoccupato conviene propongo all'autore del commento di scambiare la mia vita con la sua domani stesso.

Luca Gianantoni, Assisi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 11.12.10 02:10| 
 |
Rispondi al commento

Viva chi zappa la terra

salvino roma (com) Commentatore certificato 10.12.10 23:12| 
 |
Rispondi al commento

Sardegna 10/12/2010.. il prefetto di Cagliari ordina a 114 lavoratori degli appalti FS in modo perentorio"ANDATE A LAVORARE" precettando i su detti con un'ordinanza senza neanche curarsi di cancellare dall'intestazione " Enna 5 Agosto 2009) evidentemente è il modulo standard previsto in questi casi .. Comunque mi sono detto questi scioperati e cattivissimi lavoratori devono garantire il servizio pubblico ai cittadini perche sono pagati profumatamente!!! o forse no?? essendo del settore mi sono imposto di chiedere a queste persone come mai stessero scioperando e o scoperto che da ben 4 mesi la società GEAS che gestisce l’appalto per conto della mazzoni spa NON PAGA GLI STIPENDI!!!!??? MA COME ? ma se sino a 3 giorni fa’ questi insensibili e poco responsabili lavoratori garantivano il servizio ai cittadini!! ma allora lavoravano gratis e a loro spese senza materiali attrezzature e stipendio per far viaggiare i treni e garantire la pulizia che vi assicuro e ben al di sopra di quella che si vede in altre regioni.Mentre mi chiedevo il perché questi scioperati avessero avuto tanta pazienza e fiducia nella loro ditta,in trenitalia,nella regione,nel prefetto che da ben 5 o 6 mesi discutono chiacchierano ecc ..ecc.. bla..bla..blaaa con promesse pacche nelle spalle e assicurazioni di ogni genere tre disperati padri di famiglia si sono barricati nel tetto della stazione di Sassari minacciando di togliersi la vita.
Ora ti chiedo caro Beppe ma il prefetto che ruolo ha? Non dovrebbe il prefetto agire da garante,da mediatore,da custode dei denari pubblici ed eventualmente segnalare abusi? Ma i soldi dei cittadini dove sono finiti? Le istituzioni pur sensibili ed umanamente disponibili soprattutto quando il voto consegna loro la poltrona in questi casi dove sono?
La commedia all’italiana va ancora in voga …
ps: ho visto tanta umanità intorno a queste persone,croce rossa,vigili del fuoco,polizia,ferrovieri e tanti cittadini pronti e sensibili ma...nessun Politico

Giuseppe Sau 10.12.10 22:32| 
 |
Rispondi al commento

BASTAAAAAAAA
BASTAAAAAAAAA
BASTA

Non vi voglio più sentire e neanche leggere a VOI FINTI imprenditori , vi lamnetate sempre.
Di cosa vi lamnetate?
Vi lamnetate che potete solo scaricare il 50% dei 50000 Km fatti in macchina?????? IO NE FACCIO 40000 OGNI ANNO E DA DIPENDENTE NON SCARICO UN BEL NIENTE

Ve lo meritate
VE LO MERITATE

LO AVETE ELETTO VOI LO PSICONANO............
LO AVETE ELETTO VOI BOSSI E TREMONTI
ARTIGISNI COMMERCIANTI FINTI IMPRENDITORI
NON AVETE MAI PAGATO LE TASSE
IO DA DIPENDENTE LE HO SEMPRE PAGATE E NON HO MAI POTUTO SCARICARE NIENTE

SONO CONTENTO CHE ALMENO VI LAMENTATE .....
SONO CONTENTO CHE ADESSO PAGATE ANCHE VOI

PAGATE A QUELLI CHE AVETE ELETTO VOI

LADRONI COME VOI

Luca Nacci

Luca Nacci 10.12.10 22:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma a chi paghi le tasse se lo stato è mafia.
Maledetto sponsor della mafia.
Le tasse quando ci sono i ladri della politica al governo non si devono pagare.
Le tasse si pagano quando il sovrano è meritevole.
Tu paghi ai mailai????
Ma dai....
Napolitano è un disonorato mi deve i miei soldi di un intera vita.
Poi per la vergogna di loro mi sono sbatezzato, ho smesso coll' auto, vivo senza cellulare, niete oro, orologi e diamanti. Tutte stronzate...
Basta.
Se no paga le tasse coi risparmi della nonna.-
Passa parola e inizia a fare fatti non pugnette.
Smettere altroche pagare.
Niente canone, niente siupermercati, Mercti locali.
Se no ti piace soffrire.
Dal Siam tuo fratello.

Emanuele Cerri (), Patong Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 10.12.10 21:49| 
 |
Rispondi al commento

E infatti molti italiani si sono adeguati alla disoccupazione forzata, come me.

angelo fragomeni 10.12.10 19:36| 
 |
Rispondi al commento

Quello che non riesco a capire per la maggior parte degli imprenditori e attività commerciali è che quando parli loro di internet per sviluppare il business si rifiutano molte volte anche di ascoltare.
Eppure gli l'ecommerce e i servizi online sono in continua crescita, altro che crisi.
Chi rifiuta questo prezioso strumento è fuori dall'economia


1. se la mafia è al governo chi favorirà per prima: lo stato o se stessa?
2. Ogni lavoratore costretto a far del nero diventa ricattabile: dalla mafia (comunque) ma così anche dallo stato che quando vuole può perseguirlo a proprio piacimento tramite la finanza, le banche, ecc.
3. Se le forze dell'ordine, finanzieri inclusi, vengono sottopagati o spediti all'estero in missioni militari ambigue come si può pensare che facciano al meglio il loro dovere? Quanto costa corrompere un carabiniere con moglie e figli che guadagna poco più di mille euro per rischiare la pelle e le botte? E per corrompere non intendo far chissà che.. basta una semplice debolezza e tac.. diventa ricattabile a vita altrimenti niente più lavoro. Lode ai militi integerrimi ma difficile fargliene una colpa in caso contrario..

Mattia 10.12.10 19:20| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
NON SERVE CHE PAGHI I MAFIOSI CHE CI COMANDANO,MA DEVI DARGLI ANCHE IL PIZZO,COME SE NON BASTASSE
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 10.12.10 19:09| 
 |
Rispondi al commento

..... diga amo' ol voto la proxima olta ......

Jonni Caseri, bottanuco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 10.12.10 19:07| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori