Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il sequestro dei pastori sardi


sequestro_pastori_sardi.jpg
La Polizia ha sequestrato 200 pastori sardi sbarcati nel porto di Civitavecchia. Alcuni sono stati manganellati. Si sono invertite le parti. Anni fa i sequestri avvenivano in Sardegna, ora si fanno alla luce del sole nel Continente. Sembra che il blocco sia dovuto a una possibile manifestazione non autorizzata. I pastori affermano che volevano tenere solo una conferenza stampa. Ormai si manganellano anche le intenzioni. FORZA PARIS!
"Gli allevatori sardi sono stati bloccati dalla celere al porto di Civitavecchia. Protestano perché il prezzo di vendita del latte, impostogli, non consente loro di vivere. Che ignoranti che sono. Non sanno che, nella quota di plusvalore dei rivenditori, è incluso il costo della manganellata. Cari allevatori. Fate il contrario! Diventate autarchici e fate che siano loro ad essere costretti a venire a comprare il vostro latte. Il prezzo lo stabilirete voi, magari restituendo qualche calcio in culo, a conguaglio delle manganellate ricevute. Pace e Bene." Luca Popper, Milano

28 Dic 2010, 22:23 | Scrivi | Commenti (57) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

sono schifito da queste notizie, dov'è la libertà in questo paese? la polizia dovrebbe difenderci da questi QUAQQUARAQQUA che vivono alle nostre spalle.una considerazione le piazze di beppe sono sempre piene poi vince il PD ITALIANIII SVEGLIATEVIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII porca zozza

gaspare iannetti, ancona Commentatore certificato 04.06.12 11:32| 
 |
Rispondi al commento

...A DIFFERENZA DEI GESTORI DELLE POMPE DEI CARBURANTI,I QUALI SONO STATI ASCOLTATI ED ACCONTENTATI NELLE LORO RICHIESTE....
QUESTA E'LA LIBERTA' DI MANIFESTARE CHE ESISTE IN ITALIA!!!
CHE SCHIFO!!!

zio billy Commentatore certificato 03.01.11 14:25| 
 |
Rispondi al commento

Sono veramente indignato per questo fatto. Vorrei sapere perchè chi ha manifestato con i trattori per difendere le quote latte, non dovute, ha potuto farlo, invece i pastori sardi, forse perchè sono pochi, vengono sequestrati. Ma a quale Mondo ci stanno preparando? Qualcuno si riempie la bocca di parole quali libertà, democrazia però poi parlano i fatti d'ogni giorno e chi è più debole e più solo cede sotto la prepotenza del potere. Se noi fossino una vera democrazia qualcuno dovrebbe pagare per l'abuso che è stato fatto contro le persone.

Giancarlo Collu 01.01.11 16:47| 
 |
Rispondi al commento

Solidarietà al Movimento dei Pastori Sardi, picchiati e maltrattati dal potere Nord-romano che l'altro giorno, con la violenza della sua polizia, ha impedito ad essi di poter liberamente e pacificamente protestare davanti al Ministero dell'Agricoltura, sempre più monopolizzato ed influenzato dalla Lega Nord, tutto teso alla sola salvaguardia degli interessi degli agricoltori padani. Mi auguro che queste persone a noi Meridionali tanto care alle quali va tutto il nostro sostegno, non si scoraggino abbandonando la lotta, ma che anzi, trovino il coraggio e la forza per intensificarla divenendo un Movimento Politico Sardo teso alla difesa dei diritti di quel popolo che, grazie anche alla completa attuazione del suo Stauto Speciale, possa giungere quanto prima e con successo alla propria AUTODETERMINAZIONE, divenendo così esempio per gli altri popoli Meridionali che agognano e lottano per un futuro migliore.

Elio Ferrante 31.12.10 19:32| 
 |
Rispondi al commento

Pastore e' la persona che cura, pascola e sorveglia greggi di pecore e capre, il mestiere di pastore risale ai tempi di Abele figlio di Adamo, rispettati in tutto il mondo sin dai Tempi piu' remoti, nell'Egitto dove la popolazione era dedita all'agricoltura erano disprezzati, in quei luoghi ora regna incontrastato il deserto.
I pastori furono i primi ad accorrere a venerare il Cristo fatto uomo, nato in un ricovero per animali da pascolo.
In Italia nel Natale 2010, ai patori non gli viene concesso di manifestare e recarsi a Roma, anzi vengono fatti reimbarcare sul traghetto, ignorate le loro ragioni per una situazione economica insostenibile .
COMPLIMENTI BEL RISPETTO DELLA COSTITUZIONE.
"Come è vero che le pecore riconoscono la voce del pastore che li guida, in verita' vi dico che la desolazione dei luoghi del potere alla fine dei tempi sara' così completa, che neanche un pastore vi potra' far giacere il suo gregge" TALE DESOLAZIONE E ISOLAMENTO ORA PER ORA, GIORNO PER GIORNO SI STA SEMPRE PIU' REALIZZANDO.

AL - 2012 30.12.10 22:39| 
 |
Rispondi al commento

ora spiegatemi: perchè mai NON dovrebbero IMPUGNARE LE ARMI E FARSI GIUSTIZIA DA SOLI, I MAPUCHES??? e gli ITALIANI???
Il solito " armatevi e partite". Da oltre dieci anni leggo quesi slogan da ragazzini con le lenticchie personi sul prepuziol'eversore della democrazia. Di Pietro urla che l'Italia muore nella povertà. Oggi, giovedi tranta, sono stato a Ventimiglia, città di confine. Negozi in attività, ristoranti pieni, dove lasciare la macchina, molto aletorio.Si sente piùil francese che l'italiano. Certo , vi è il lusso e la qualità di Monte Crlo, ma apparentemente, si vive normalmente e il mercato rigurgita di ortaggi e frutta che a Nizza si trovano a molto più cari.In breve, vi sono posti in Italia dove le strade sono pulite e i negozi pieni di buone cose. Ma agli Italiani piace lamentarsi per inveire contro il govrerno, musica che sento da quasi 80 anni.Buon anno ai piagnoni a ai dicitori di tristi presagi. Godetevi il 2011. Pare che il 2012 sia la fine del mondo.

Ernest Ameglio, Monaco principato Commentatore certificato 30.12.10 20:12| 
 |
Rispondi al commento

LIBERTA' DI RIUNIONE art.17 Cost

art. 17

I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senz'armi.

Per le riunioni, anche in luogo aperto al pubblico, non è richiesto preavviso.

Delle riunioni in luogo pubblico deve essere dato preavviso alle autorità, che possono vietarle soltanto per comprovati motivi di sicurezza o di incolumità pubblica.


Per riunione si intende la compresenza volontaria di più persone nello stesso luogo.Sono da considerarsi riunioni anche i cortei,le manifestazioni spontanee,le cerimonie,le assemblee,i convegni,i comizi etc...
Il diritto di riunione rappresenta il presupposto di altri diritti come ad esempio il diritto della libera manifestazione del pensiero,libera manifestazione di culto etc...
La condizione esclusiva del diritto di riunione è che le riunioni si svolgano in maniera pacifica e senza l'uso di armi.La ratio della Costituzione è quella di tutelare l'ordine pubblico materiale,ovvero la sicurezza e l'incolumità di persone e cose. La riunione perde il carattere pacifico quando degenera scaturendo violenza contro persone e cose. In questo caso la riunione potrà essere legittimamente sciolta dalla forza pubblica.

Non basta che siano presenti persone armate affinché la riunione possa essere legittimamente sciolta. In questo caso infatti la forza pubblica dovrà limitarsi ad allontanare le suddette persone.
Cosa si intende per armi? Sono da considerare armi anche le armi improprie,ovvero gli strumenti chiaramente adoperabili per l'offesa della persona,tenendo conto delle circostanze di tempo e luogo. Sono vietati anche caschi e altri mezzi che rendano difficoltoso il riconoscimento della persona(legislazione penale antiterrorismo).

lucia rossotto 30.12.10 12:26| 
 |
Rispondi al commento

Cari Sardi....siamo proprio messi male!!! Già perchè il fatto di Civitavecchia non riguarda solo i PASTORI SARDI. Ci riguarda tutti laddove ci siano palesi limitazioni della libertà personale imposte con la violenza da parte di apparati statali che ben altro avrebbero da fare in questa misera italia. Come mai noi pastori sardi non possiamo manifestare, ci viene anche impedito di recarci a RM. Come mai invece i pastori lombardi, quelli della lega, ci sono andati a manifestare a RM? Veramente di risposte ce ne sono tante, ma non ho voglia di elencarle. Ogni giorno il malcontento aumenta. Ogni giorno sento storie di vergogna, quelle che nessuno vuole sentire. La nostra ISLA GRANDE abbandonata a se stessa, depredata dai più. Il peggio deve ancora venire, tra l'indifferenza dei nostri "impiegati regionali". Quest'italia ormai divisa tra ricchi e poveri. L'italia dell'opulenza, di chi si riduce del 10% lo stipendio,per i redditi annuali che superano i 90 mila euro e di chi vive con 200 euro al mese. L'italia dei servi che sono diventati padroni della peggiore specie. Quelli che vincono per tre voti, che affamano le industrie, gli artigiani con tasse insopportabili che servono a far lievitare i loro portafogli, a finanziare le guerre, a violentare le popolazioni.L'italia che partecipa alle guerre intelligenti con la pretesa di portare la pace con la guerra. Nella mia città (se così la vogliamo chiamare) ogni giorno aumenta la consistenza della fila per ricevere un pasto alla Caritas. Qualche giorno fa, in un supermercato, un vecchietto nel reparto della frutta, cercava, senza dare nell'occhio, di mangiare qualche mandarino senza pagare. Ne ha mangiati tre, poi è andato via. Si può far finta che vada tutto bene? Si può continuare a credere alle baggianate che una TV venduta e prezzolata continua a propinarci? Quella triste storia degli eventi che si ripetono, che ritornano, dev'essere vera. PROCURA DE MODERARE BARONE SA TIRRANNIA...... FORTZA PARIS...

francesca c., sassari Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 30.12.10 10:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per la Sardegna PD o PDL non cambia (NUDDA) perchè sono le due facce della stessa medaglia = SERVILISMO e SUDDITANZA all'Italia.
Gli ASCARI e le GUIDE INDIANE del PD e PDL sono pregati di non parlare a nome del POPOLO SARDO.
Noi Sardi non siamo Italiani non siamo mai stati e mai lo saremo.
Per colpa di questi sardi SERVILI e VASSALLI degli Italiani il popolo Sardo VOLUTAMENTE gli viene impedita l'AUTODETERMINAZIONE:

SAPPIAMO di ESSERE una COLONIA dell'ITALIA e SIAMO LIBERI di SCEGLIERE la NOSTRA LIBERTA' se SEI SARDO e SCEGLI l'ITALIA ai SCELTO la CONDANNA del POPOLO SARDO.

RESPINTI i Pastori Sardi a Roma
Ancora una volta L'Itali USA la sua brutale forza contro i Pastori Sardi.
Trecento Pastori Sardi Sbarcati al porto di Civitavecchia sin dalle prime ore del mattino hanno dovuto scontrarsi con l'amara sorpresa di essere persone indesiderate e tenute sotto stretto controllo da una squadra delle forze dell'ordine Italiane in tenuta di anti sommossa. A nulla sono servite le richieste di spiegazioni di una cosi ignobile accoglienza per la delegazione di Pastori Sardi che andava a Roma a manifestare e rivendicare d'avanti al Ministerodelle Politiche agricole il proprio dissenso. Impedito a colpi di manganello e persino con calci ogni tentativo di uscire dal porto. I trecento Pastori Sardi hanno AMARAMENTE subito i colpi e rassegnarsi a bivaccare e massaggiare i lividi doloranti subiti nel brutale attacco dello stato Italiano che non sà dare risposte a chi onestamente chiede i propri diritti. Ai Pastori Sardi alla fine non è rimasto altro da fare se non quello di prendere la nave e rientrare in Sardigna. Con questo IGNOBILE atto ancora una ennesima volta l'Italia dimostra di considerare i Sardi cittadini di una colonia privi di ogni diritto.

Viles e Traitores so Sardos ki vendene Sa Patria pro Dinare.
Perfidu Tirannu su ki sa Sardigna la kere solu pro l'isfruttare.

MARIO FLORE FLORE MARIO, Elmas Commentatore certificato 30.12.10 06:13| 
 |
Rispondi al commento

Se si studia storia a scuola è un conto, se si studia seriamente si capisce che l'Italia è intrinsecamente, nello spirito suo maggioritario, fascista e mafiosa...
Un famoso re d'Inghilterra diceva:" Più facile perdere un regno che una cattiva abitudine".

Roberto Vian 30.12.10 00:36| 
 |
Rispondi al commento

La maggiorparte dei nostri politici,
passano le vacanze nel vostro Bel Paese che
e' la Sardegna. Perche' non contraccambiate
loro un'accoglienza come l'hanno dato a voi.
Ne saranno molto lieti e vi saranno
molto riconoscenti.

Arturo M. 30.12.10 00:08| 
 |
Rispondi al commento

Siamo sempre ai stessi discorsi. E' inutile muovervi contro la celere e i battaglioni antisommossa. E' una battaglia persa in partenza. Ogni volta devo bisogna ricordare di che pasta sono fatti e da dove provengono. Invece , inutilmente, ogni volta ci comportiamo come loro per poi lamentarci. Dovete tenere bene in testa che il povero celerino, se non avesse fatto lo spaccatesta per conto dello stato, sarebbe iventato un qualunque spacciatore, rapinatore o ras di qualche quartiere del sud. Non è stato così perchè per far parte di una di queste sottospecie di categorie bisogna pensare. Questa facoltà è sconosciuta al celerino. Lui riceve ordini ed esegue. Che sia giusto o sbagliato non può comprenderlo. Per motivazioni legati alle proprie origini, ma molto spesso alla totale assenza di cultura - alcuni firmano ancora con la X perchè analfabeti - il celerino è stato scelto come tale perchè come tale deve rimanere. Sicuramente, tra quelli che sanno leggere, il quotidiano più richiesto e il corriere o la gazzetta dellon sport. Oltre di ciò, il poverino, non può arrivare. L'essenza della loro nullità ed inutilità umana troverebbe riscontri anche nel loro DNA che scoperchierebbe le nefaste origini, e storture, delle quali si sono senz'altro macchiati i genitori di questi poveri esserini. Ma, in effetti, un tale studio risulterebbe un inutile dispendio per questa misera categoria. L'unica speranza ? Una bella riduzione del loro stipendio. 1200 euro, o giù di li, per chi non ha studiato e non distingue un anziano, un anziana o un bimbo da un delinquente mi pare un po troppo. E' l'unico augurio che possiamo farci. Un altra soluzione : con gli esseri inferiori Hitler ci faceva il sapone. A me basterebbe metterli a lavorare duramente

Davide Mancori 29.12.10 23:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve,

io vorrei dire alcune cose al riguardo di questa vicenda grottesca.

1- l'idea del Flash Mob è assolutamente giusta. Se si arriva in traghetto si è un bersaglio anche troppo evidente: peggio che in treno o in pulmann, un unico grosso bersaglio. Cari pastori sardi, volete farvi valere, ma non potete giocare a carte scoperte con questi BUFFONI, sarebbero capaci di farvi bombardare la nave, piuttosto! Arrivate a piccoli gruppi, con le videocamere e tutto il resto, e poi riunitevi... oops, naturalmente non sto auspicando che accada davvero, non vorrei che la prendeste come apologia di reato eh! E' fantascienza, chiaramente.

2- Cari sardi, ma come mai avete votato CAPPELLACCI? Ve lo ricordate, il figlio di papà che andava in turne con papi e papy silvio? C'era una bravissima persona, RENATO SORU, che è stata scaricata dal PD locale e poi ha perso. Ma perché? PErché i sardi volevano che qualcuno togliesse quella brutta, brutta legge che vieta di costruire case a 300 metri dalla costa? Un pò di autocritica non guasterebbe, voi pastori per chi votavate? Idem per gli abruzzesi con CHIODI.

3-La Pula ci provasse a dire che 'sta dalla parte della gente'. A quanto pare, si accontentano di poco pur di continuare a menare: sardi, valsusini, terzignesi, negri, studenti, e dire che MARONI è stato condannato per gli stessi reati che ora sono imputati a chi fa 'resistenza' ma non ha la cravatta verde.

4-La legge del mercato è schifosa, ma del resto, se si monetizza l''eccelenza' dei prodotti nostrani (ma sarà vero?), allora come ci si può stupire se c'é chi copia e fa il furbo? Se si riduce tutto a mero denaro, è chiaro che prima o poi accade. E il resto del mondo non ci fa sconti, anche se non sono DOCG.

S.m. 29.12.10 21:43| 
 |
Rispondi al commento

Chi non conosce la splendida ospitalità e la generosità dei pastori sardi non può capire a fondo l'ingiustizia di questo assurdo sequestro statale. I loro problemi sono reali, in un'isola bellissima già ampiamente sacrificata dallo Stato al cosiddetto "Progresso" e ora in crisi profonda per mancanza di lavoro. Ricordo che in occasione del terremoto dell'Aquila i pastori sardi sacrificarono e portarono in dono alla popolazione molti dei loro preziosi animali. Vergogna eterna a chi ha dato l'ordine e a chi l'ha eseguito.
FORZA AMICI, NON ARRENDETEVI MAI!
Una cittadina sarda d'adozione.

Mara T., Oristano Commentatore certificato 29.12.10 21:33| 
 |
Rispondi al commento

class actiooooooooonnnn!!!!!!

Roberto Piccini 29.12.10 19:52| 
 |
Rispondi al commento

Cari pastori sardi...visto che per problemi logistici siete facilmente fermabili, dato l'uso del traghetto, la prossima volta vi consiglio un "flash mob", andate ognuno per i fatti vostri, senza segni evidenti dell'appartenenza ala vostra associazione e con le bandiere in uno zaino e poi magicamente apparite davanti al Parlamento in faccia a Zaia o al Nano....
Ovviamente scherzo...
Ma io mi sa che emigro di nuovo in un altro paese veramente...non siamo più un paese civile, ma solo consumatori e teledipendenti che devono chinare la testa al padrone e se provi ad alzarla ti manganellano...alla fine il problema non sono nemmeno i politici, ma le lobby, le vere padrone, tolti gli attuali politici, subito ce ne saranno di nuovi pronti a venderli....

Donato G., Como Commentatore certificato 29.12.10 17:56| 
 |
Rispondi al commento

cronaca : dalla Sardegna

Mentre i nostri politici stanno trascorrendo le loro vacanze natalizie lontano dal lavoro data la lunga sosta prevista per il Parlamento, e siamo sicuri che ciascuno di essi ne avrà approfittato per concedersi il lusso di una destinazione molto lussuosa ed appetibile, nel paese reale continuano ad accadere fatti drammatici legati alla dura contingenza della crisi economica; è di poche ora la notizia diffusa da un giornale locale, La Nuova Sardegna, di un gesto estremo compiuto da un ragazzo che, rimasto senza lavoro in quanto licenziato, ha deciso di togliersi la vita la sera prima di Natale impiccandosi nel garage della sua abitazione; un suicidio, l’ennesimo legato al dramma della perdita del lavoro come il nostro giornale ha più volte certificato raccontando, in passato, episodi analoghi (Crisi: dacci oggi il nostro suicidio quotidiano) (Disuguaglianza e suicidi).
Tornando all’ episodio del suicidio avvenuto a Cagliari, veniamo a raccontare i fatti; il ragazzo protagonista del gesto estremo era un lavoratore di 27 anni impiegato da 10 presso una società di soccorso stradale con un contratto a tempo indeterminato, una sorta di miraggio di questi tempi. A metà Dicembre tuttavia il ragazzo, il cui nome per volere dei genitori è stato mantenuto riservato, riceve una lettera di preavviso di risoluzione del rapporto da parte dei vertici della società nella quale si legge che deve andarsene a causa di un esubero del personale.
Il ragazzo entra naturalmente in un vortice di disperazione preoccupato soprattutto, come hanno raccontato i genitori, per quelle rate della macchina e della tv che deve ancora estinguere e che ora non sa come onorare;pochi giorni e poi il gesto estremo che lo porta scegliere la strada del suicidio.

A trovare il suo corpo senza vita all’interno del garage di famiglia, impiccato al soppalco del magazzino con una corda, è stata la madre stessa.

(visto che si parla di manifestazioni negate ai
pastori sardi)

Antonio D (☭ lenin), Roma Commentatore certificato 29.12.10 17:12| 
 |
Rispondi al commento

i sardi si ricordino quando qualche mafioso proporrà la rielezione del sig capella ci fatto servo del buffone di arcore

bruno ganciu 29.12.10 16:37| 
 |
Rispondi al commento

Proposta per una dogana negli approdi Sardi
chi avrà l'accento da sbirro o puzzerà di politico, verrà rispedito nella sua patria
(che non è la mia)
Forza Paris.

Joseph Seu (josta), Torino Commentatore certificato 29.12.10 16:28| 
 |
Rispondi al commento

Voi allevatori sardi e attività commerciali sarde non avete mai pensato di creare un ecommerce serio e professionale per rendere noti i vostri prodotti non solo in Italia ma nel mondo intero? Perchè non fondate una coop seria ed affidabile tra di voi per iniziare questo progetto? Secondo me avrete successo. L'ecommerce non conosce crisi, informatevi online e dagli addetti ai lavori.
Per un 2011 prosperoso e fruttuoso

Sabina M. 29.12.10 16:08| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Stiamo arrivando al Cile di Pinochet, ormai i governi Berlusconi-Bossi risolvono i problemi a manganellate e mai come in questi ultimi 2 anni la polizia è stata usata per caricare che per difendere realmente il cittadino. Cariche su cariche ed ora i sequestri preventivi per non disturbare i padroni sotto il Parlamento. L'unica differenza con Pinochet? I pastori sono stati sequestrati ma non fatti sparire, non sono ancora desaparecidos, ma vedrete che arriveremo anche a questo con i politici del Bunga bunga. Bravo Silvio, darti del fascista è solo farti un complimento.

Irene Pisano 29.12.10 16:05| 
 |
Rispondi al commento

A Popper,e li studenti no,e l'operai no,e li pastori sardi no ma,chi ponno mena' allora??

Te possino!!

er fruttarolo? Commentatore certificato 29.12.10 15:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...e dunque dal momento in cui le forze dell'ordine vengono meno al loro dovere del TUTELARE il cittadino, la collettività quale vantaggio ne ha a continuare a stipendiarli?Ultras con libera licenza di manganellare...meglio allo stadio, almeno quelli non vivono di violenza con la tasca mia.

Dave 29.12.10 15:28| 
 |
Rispondi al commento

Questi poliziotti sono dei malati di mente, non hanno ancora capito che il loro stipendio glielo paghiamo noi con le nostre tasse. Perchè caz.. non vanno a manganellare quegli stronzi che sono a Montecitorio. Le nostre aziende chiudono e si trasferiscono in Romania? Ma questi stronzi di politici lo sanno che i loro ricchi stipendi glieli pagano le aziende italiane con le loro tasse? Dopo cosa faranno? Chiederanno alle aziende che sono in Romania di pagare le tasse in Italia? Questi ancora non hanno capito che la gente ha fame, e che prima di morire sarà disposta a tutto....

paolo s 29.12.10 15:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Hanno chiaro il polso della situazione...
per cui :
...STANNO LAVORANDO PER LORO...!!!............

...bombebombettepetardirepressioneovunque e, auguriamoci......NON PEGGIO...!!!...
è, tutto funzionale alla fase... ...costruzione/alibi...
che li leggittimerà a varare "leggi anti terrosismo"

ORMAI...SIAMO TUTTI MAPUCHE................

anib roma Commentatore certificato 29.12.10 14:33| 
 |
Rispondi al commento

Fortunatamente sono stati bloccati 2oo black block del pecorino che armati volevano mettere a ferro e fuoco la capitale. Onore al capo della polizia e al ministro per aver salvato tanti bravi cittadini da questa orda di delinquenti. Italia si Italia no la terra dei cachi

Giampaolo Molaschi 29.12.10 13:44| 
 |
Rispondi al commento

PROTESTA PASTORI: PROCURA CIVITAVECCHIA APRE DUE INDAGINI
(AGI) - Roma, 29 dic. - Ha determinato l'apertura di due distinti procedimenti penali la protesta di ieri dei pastori sardi che, bloccati dalle forze dell'ordine al porto di Civitavecchia, avrebbero voluto raggiungere la capitale per chiedere al governo aiuti per il settore. Per resistenza a pubblico ufficiale e manifestazione non autorizzata, sono stati iscritti sul registro degli indagati almeno tre pastori dal procuratore capo di Civitavecchia, Gianfranco Amendola, che ha affidato il procedimento al pm Consolato Labate. Lo stesso Labate e' poi titolare di un altro fascicolo, per il momento in 'atti relativi', cioe' senza ipotesi di reato e senza indagati, per verificare eventuali irregolarita' o abusi nel comportamento delle stesse forze dell'ordine, come denunciato alla stampa da alcuni pastori.

Stefania. M. Commentatore certificato 29.12.10 13:15| 
 |
Rispondi al commento

le forze dell'ordine difendono un Parlamento pieno di condannati in sede definitiva, amnistiati, prescritti, delinquenti, pregiudicati, massoni piduisti da scomunicare, sovversivi.
indovina chi sono.
vergogna!

paolo c. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 29.12.10 12:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sarebbe una bella cosa ma non e' possibile , c'e' una plusvalenza europea di latte e se dovesse mancare il latte sardo si potrebbe importare dalla romania dove il latte costa molto meno. Infatti il governo romeno (e lo so per certo causa del mio lavoro) utilizza i fondi strutturali europei (quindi anche i soldi italiani) per finanziare l'allevamento. in pratica avviene come in cina che quando ti fucilano ti fanno pagare anche il costo delle pallottole , tradotto in pratica , paghiamo per farci fottere. angelo

angelo mora 29.12.10 12:20| 
 |
Rispondi al commento

Ricordiamoci questi eventi.
Essi sono soltanto il preludio ad una rivolta che, tra non molto tempo, sarà generalizzata e diffusa.
Le manifestazioni per essere efficaci, dovranno avvenire con altre modalità:
essere "spontanee", convergere in un luogo "spontaneamente" e senza preavviso. E poi, una volta lì, manifestare pacificamente facendo sentire la propria voce.
Ci si ferma davanti ad un edificio, una, due, poi tre persone, sempre di più. Con microfoni, miniamplificatori ed altoparlanti. E le videocamere.
E' ora di dire basta. I pastori avevano e hanno il DIRITTO di manifestare il loro "disagio". Sono alla fame!
Italia 2011: oligarchia neofeudale mediatica.

Paolo R., Padova Commentatore certificato 29.12.10 12:07| 
 |
Rispondi al commento

Tiziana Ferrario reintegrata a conduzione Tg1
Tribunale di Roma: discriminazione politica

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2010/12/29/visualizza_new.html_1645846584.html

Uno dei tanti 29.12.10 11:57| 
 |
Rispondi al commento

Lo Stato Itagliano sta ponendo le basi per una rivolta: la Sardegna vive una crisi fortissima, e se le risposte al malessere sono le manganellate, credo che sarà ripagato adeguatamente.

harry haller Commentatore certificato 29.12.10 11:51| 
 |
Rispondi al commento

LE MULTINAZZIONALI hanno soppiantato (tradizioni,cultura,prodotti di un tempo ormai passato,facendo leva sul' igiene, qualita',per la nostra salute si e' detto anche, premiamo la produttivita (tradotto premiamo i giganti)oggi si mangiano prodotti che arrivano non si sa da dove,provate a chiedere ai sardi se possono fare il famoso formaggio maturato in grotta !!(vi dirranno di no) intanto arrivano nei porti pelati mescolati con bucce di patata o mela(ciao salute ciao!!!)

gagliardo giuseppe 29.12.10 11:26| 
 |
Rispondi al commento

Democrazia. Dal Greco, etimologicamente: "governo del popolo". Un potere che non appartiene ai politici perchè i politici sono un mezzo, sono scelti a rappresentarci, ma queste cose le abbiamo dette milioni di volte. La preoccupazione è legata alla trasformazione. Cosa sta diventando la nostra "democrazia" ed i suoi concetti? Anzi, in cosa già si è trasformata? Questo episodio è una perla che si aggiunge ad una lunga collana di nefandezze. Illogicità che si scontrano con quei princìpi già da tempo non rispettati. Il governo della paura: "diritti alienati, gabelle e sanzioni, in alternativa violenza, manganellate". E' la crisi? No, è un regìme, che si attesta con forza e nutre se stesso. I ricorsi storici non si attualizzano. Il benessere ci rende dimentichi di ciò che un tempo erano i casus belli dal popolo impugnati, per sovvertire quella forma di autarchia nata in difesa dei privilegi nefandi dei regnanti. Una rivoluzione si attuava per molto meno, eppure, il progresso, le conquiste ideologiche, l'intelighentia che non accetta di essere blandita dalla corruzione, dovrebbe averci portato ad una maggiore determinazione dei nostri diritti. Una maggiore, incrollabile consapevolezza ed inflessibilità. Accettiamo invece d'essere schiacciati e vilipesi. Torturati, ideologicamente e fisicamente. Nemmeno la prospettiva dell'inferno che per i nostri figli si sta preparando, ci scuote e risveglia dalla nostra rassegnazione. Si, cediamo ancora campo. Protestiamo da casa. Ma vi meravigliereste poi se verranno a tirarvi per i capelli dalle vostre abitazioni per indurvi al lavoro coatto? Oramai è questione di tempo, ma aspettiamo...aspettiamo a Masaniello.

Emanuele Carignani 29.12.10 11:13| 
 |
Rispondi al commento

Senza offesa per nessuno... Ma come cazzo si fa a partire dalla sardegna in 200 con cartelli, bandiere e striscioni e far credere che si va a Roma a fare una conferenza stampa?!?!? Bastava fare una richiesta e la manifestazione-conferenza stampa si sarebbe fatta senza troppi problemi! Oltretutto si sa che oramai la Polizia è foraggiata dai politici a manganellare, e cercano sempre la scusa per intervenire! Hanno sbagliato i pastori a credere di essere furbi! Lo ripeto! Una protesta giusta ma organizzata in modo pessimo!

Filippo Conte 29.12.10 11:01| 
 |
Rispondi al commento

Il popolo dei berluscones desidera un regime dittatoriale che lo protegga.
Il regime dittatoriale arriva ed invece di proteggerlo gli calpesta le orecchie con gli scarponi.
I berluscones piangono e chiedono un Liberatore.
(negli ultimi 2000 anni è sempre successo così)
IL Liberatore arriva e l'unico cambiamento è il cambio di scarpone sulle loro orecchie.
La Libertà, quella vera, è quella che si conquista in prima persona.

giorgio peruffo 29.12.10 10:44| 
 |
Rispondi al commento

ONORE AI PASTORI SARDI.

LA PROSSIMA ESTATE RICORDATEVI DI RIPAGARE CON LA STESSA MONETA:

QUANDO QUELLI CHE INVECE DI ASCOLTARVI VI HANNO FATTO SEQUESTRARE E MANGANELLARE VERRANNO IN SARDEGNA A DEVASTARE IL VOSTRO TERRITORIO CON LE LORO VILLETTINE STAGIONALI E LE LORO FESTICCIOLE PORNO RICACCIATELI IN MARE A FORCONATE, POSSIBILMENTE IN UNA ZONA INFESTATA DI SQUALI AFFAMATI.

Carmine Crocco Donatelli (vive) Commentatore certificato 29.12.10 10:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' una vergona vivere in un Italia ridotta in questo stato da una cricca di incapaci al governo che credono di poter fare cio' che vogliono anche non ascoltare le proteste di categorie di cittadini, impedirle, condirle con manganellate e cosa ancora piu' vile tacere tutto ciò nei telegiornali; tutta la violenza e la strafottenza giustificata dal fatto di aver vinto le elezioni per un pugno di voti con il premio di maggioranza vergognoso di una legge elettorale antidemocratica e priva di preferenze nominali, come se questa vittoria non significasse essere stati scelti per governare un paese nell'interesse di tutti ma tiranneggiare nell'interesse di pochi.
Ieri in tv c'era il grande dittatore di Chaplin:
le manganellate e le violenze inflitte agli ebrei sono le manganellate date a studenti, professori, cittadini e pastori sardi; le camicie grige del film sono le verdi di oggi.
Il vero telegiornale che continua a latitare: tranne qualche eccezione i giornalisti non sono più liberi di dare le notizie sgradite al governo.
Il discorso finale del film di Chaplin del 1939 mi da la speranza che questo orribile periodo che viviamo oggi finirà.

Carmine Crocco Donatelli (vive) Commentatore certificato 29.12.10 10:25| 
 |
Rispondi al commento

onore ai pastori sardi che hanno capito e manifestato l'ingiustizia e l'inganno di tutti questi quaquaraqquà che dicono di governarci.Ormai è evidente a tutti che della gente non importa niente a nessuno, pensano unicamente ai loro sporchi interessi e alle varie cricche la democrazia non esiste più e sono ormai tutti complici. Quqndo tutti prenderanno coscenza di come è stata ridotta questa sventurata nazione non avremo neache una bandiera perchè qualcuna la usa per pulirsi il culo. Difendetevi

antonio ferraro 29.12.10 10:12| 
 |
Rispondi al commento

I Leghisti si stanno innervosendo, prima o poi al sor Maroni e B(ossi) il conto ne presentarà il popolo leghista.
Giusto luca..ricordiamo tutti le proteste dei "lattaioli" Padani..presi a manganellate dalla Polizia...allora le parti erano invertite..c'erà il governo Prodi....
Io ho sempre condiviso la lotta dei nostri produttori..(il latte merdoso se lo bevano a Bruxell)contro le quote latte..ma la politica va in culo a chi lavora e chi deve mangiare...poco importa se dobbiamo ingerire merda.
E' tanto che dico che questa è l'europa dei Capitalisti e dei Capitani d'industria, Burocrati e affaristi....
Prima fermiamo questo follia meglio sarà per tutti..e lo stanno capendo anche molti leghisti,il gran bluff dei loro capi....aprite gli occhi..
Se invece volete continuare a lavorare per il Vaticano,Politica,Burocrazia,Superpetrolieri,ecc..continuate a dar retta ai v/s capi...
Qualche settimana fa, Manganelli(il cognome è tutto un programma)in una intervista disse:..siamo chiamati a svolgere un servizio di supplenza tra i cittadini e le istituzioni....
Carissimo Dottore, vedo che questo ruolo viene svolto con molto impegno...dai i suoi uomini...se cero io in polizia li dicevo: vada avanti lei..mai e poi mai avrei alzato il manganello contro questa gente.
Parola di un ex Parà..."l'ONORE prima del Dovere"

roby f., Livorno Commentatore certificato 29.12.10 09:53| 
 |
Rispondi al commento

solo davanti alla grotta nessuno li ostacolò.

gaab rius Commentatore certificato 29.12.10 09:04| 
 |
Rispondi al commento

Quel che è successo ai Pastori Sardi è di una GRAVITA' Assoluta!!!FASCISMO allo Stato Puro!!!!!Impedire Preventivamente una Manifestazione di Pastori,visto che erano solo 200!!!!Ma i Poliziotti Non Si Vergogano a Manganellare Sempre i Lavoratori!!!!!paolo,pensionato

Paolo Marranci 29.12.10 08:56| 
 |
Rispondi al commento

Non si può negare ke salta all occhio la disparità di trattamento, e' ben noto ke gli allevatori che hanno eluso le quote latte sono in maggior parte della pianura padana ed elettori del centro destra ( Lega in primis) quindi il Ministro Dell Interno ne e' pienamente investito o chiarisce o si dimetta.....la Polizia era già sulla banchina del porto....

Giancarlo bartoluccio 29.12.10 08:54| 
 |
Rispondi al commento

SIAMO AL COMPLETO SOVVERTIMENTO DELLE REGOLE DEMOCRATICHE ED ALL'INSTAURAZIONE DEI METODI FASCISTI.DOPO GLI ARRESTI PREVENTIVI INVOCATI DA GASPARRI PER STUDENTI E LAVORATORI ORA SIAMO ALLE BOTTE PREVENTIVE PER I PASTORI SARDI, SEQUESTRO DI PERSONA E DI COSE(AUTOBUS),VIOLENZE E MALTRATTAMENTI DA PARTE DELLE FORZE DELL'ORDINE NEI CONFRONTI DI CITTADINI,UOMINI, DONNE ED ANZIANI CHE ,PACIFICAMENTE, VOLEVANO SOLO MANIFESTARE CONTRO UN GOVERNO INETTO ,INCAPACE,CORROTTO, CHE NON AMMETTE ALCUNA DISSIDENZA E, COME AL TEMPO DEL FASCISMO, RICORRE ALLA FORZA BRUTTA CONTRO CHIUNQUE VOGLIA MANIFESTARE CONTRO IL REGIME.MI SOPPRENDE IL FATTO CHE LE STESSE FORZE DI POLIZIA, CHE HANNO MANIFESTATO PER PIU' GIORNI ,PROPRIO CONTRO IL GOVERNO, SI SCAGLINO CON FEROCIA INAUDITA CONTRO CITTADINI INERMI CHE, A LORO VOLTA ,ANCH'ESSI MANIFESTANO CONTRO IL GOVERNO.PROBABILMENTE IN QUESTO MODO I POLIZIOTTI SFOGANO LA LORO RABBIA CONTRO I MANIFESTANTI NON POTENDOLO FARE CONTRO I VARI MEMBRI DEL GOVERNO.STAMPA E TELEVISIONI SONO COMPLETAMENTE ASSERVITE AL PENSIERO UNICO ED I CITTADINI VENGONO TENUTI ALL'OSCURO DI QUANTO STA' AVVENENDO IN ITALIA.LA LEGA PERSEGUE SOLO L'APPROVAZIONE DEL FEDERALISMO ED APPENA LO AVRA' OTTENUTO STACCHERA' LA SPINA AL GOVERNO BERLUSCONI DETERMINANDONE LA CADUTA CON CONSEGUENTE RICORSA AL VOTO ,SPERANZOSA DI OTTENERE MAGGIORI CONSENSI ELETTORALI.UNA NAZIONE COMPLETAMENTE DISARTICOLATA,OSTAGGIO DI DELLA LEGA E DI BERLUSCONI, FIACCATA NELLO SPIRITO E NELLA SPERANZA DI UN FUTURO MIGLIORE, IMPOVERITA DALLLA PERDITA DEL LAVORO E DAI CONTINUI AUMENTI TARIFFARI.UNA NAZIONE ORMAI MORTA E CHE VIVACCHIA COME UNO ZOMBI. UMBERTOSKY

umberto capoccia 29.12.10 07:15| 
 |
Rispondi al commento

FORZA PASTORI!!!!

alberto carosi, ascoli piceno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 29.12.10 02:28| 
 |
Rispondi al commento

CONCORDO CON L ULTIMA PARTE DEL POST
se gli allevatori bloccasero tutta la filiera finche non si concorderebbe un prezzo ragionevole con lo stato
si avrebbe gia risolto tutto
NON SERVE LA VIOLENZA ANZI E CONTROPRODUCENTE
se gli operai invece di scioperare con metodi violenti(blocchi stradali )
scioperebbero bloccando tutto e invece di scendere in piazza
DIMOSTRASSERO STANDONE A CASA COSA VUOL
DIRE LA LORO ASSENZA.........
trasporti bloccati
niente aeroporti
niente bus niente treni
niente servizi primari
e logico che la piazza serve di piu al sindacato
dato che per il sindacalista e un futuro assicurato nei prossimi governi...
se
alle elezioni nessuno andasse al seggio
per votarli...
oppure tutti per stracciarcela in faccia
la scheda elettorale E RICORDARCELO A LOR SIGNORI
CHE IL NON AIUTO DI IERI (O ADDIRITTURA ESSERNE LA CAUSA) VOGLIA DIRE CHE NOn avranno mai piu il loro voto
avremmo gia risolto tutto
i pastori basterebbe che bloccassero tutte le consegne.........li voglio vedere a fare il vero PARMIGIANO CON LATTE STRANIERO.....
il sapore locale ha anche il prodotto base locale....


stefano b., rovato Commentatore certificato 29.12.10 00:40| 
 |
Rispondi al commento

... il messaggio, chiaro, è :
ne manganelliamo 200 per "educarne" 2000000.............

anib roma Commentatore certificato 29.12.10 00:25| 
 |
Rispondi al commento

Diamogli aceto al posto del latte.

angelo fragomeni 28.12.10 23:26| 
 |
Rispondi al commento

Tra le ragioni dell’alta disoccupazione dei giovani in Italia ci sono anche i "cattivi maestri" e i "cattivi genitori". Il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, avverte che è necessario rivalutare il "lavoro manuale, l’istruzione tecnica e professionale evitando che una scelta liceale sia fatta per sola convenzione sociale e magari non vedendo che un govane ha l’intelligenza nelle mani".

fantasma76 28.12.10 23:25| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
QUESTA E' GUERRA CIVILE,ANZI E' GUERRA E POI I BISONTI SARDI SARANNO ALLA CARICA DOPO CHE GLI AVRANNO CARCERATI
ALVISE

alvise fossa 28.12.10 22:59| 
 |
Rispondi al commento

hanno proprio voglia di far girare le pelotas alla gente....

ma poi gli conviene perseguire questa linea?

proprio loro che nei talk show condannano le azioni violente dei manifestanti?

siamo di fronte al maiale che da del porco alla colomba....

ivan m. Commentatore certificato 28.12.10 22:43| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori