Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La Scala dei signori


La_Scala_Valchiria.jpg
Le proteste di oggi alla prima della Scala erano prevedibili, così come erano ancora più prevedibili le cariche della Polizia. La passerella dei nostri dipendenti, da Formigoni alla Moratti, in abito da sera per assistere alla Valchiria di Richard Wagner in palchi riservati alle autorità non è più tollerabile e forse non lo è mai stata. i nostri dipendenti si comprino il biglietto come tutti i cittadini (se lo trovano) e si accomodino in platea insieme agli altri spettatori. La povertà e l'indignazione bussano alla porta del Potere che continua ad esibirsi senza alcuna vergogna. Arriva dentro macchine blu scortato dai manganelli, in smoking o in pelliccia, mentre gli studenti senza un futuro e gli operatori della Cultura senza un presente vengono caricati. Nell'atrio, lontano dalle urla della plebe e l'opera che sta per iniziare, sarà un fiorire di sorrisi e di ammiccamenti, prima di sedersi sulle poltroncine rosse. La Valchiria sta per iniziare e la rivoluzione può attendere.

7 Dic 2010, 18:24 | Scrivi | Commenti (110) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

QUESTO E' IL POST DOVE HO LETTO IL PIU' ALTO NUMERO DI COMMENTI SGORGATI DALL' ANIMA; VI HANNO PARTECIPATO IN POCHI, A MIO GIUDIZIO I MIGLIORI, GLI ALTRI, QUELLI A CUI PIACE LA RETORICA, SI SONO ASTENUTI. E CERTO CHE UN TEMA DEL GENERE NON OFFRIVA MOLTE OPPORTUNITA'PER SCIALACQUARSI, PER "MENARE IL TORRONE" SALUTI.

lilli r. Commentatore certificato 11.12.10 03:23| 
 |
Rispondi al commento

Le persone con qualcosa da perdere diminuiscono
e se io fossi parte di quell'Elitte starei molto attento a sputare in faccia alla popolazione
l'arroganza del Potere.

Ologramma 10.12.10 14:52| 
 |
Rispondi al commento


Arcore, le forze dell'ordine protestano davanti alla casa di Berlusconi
Una manifestazione ad Arcore, davanti alla residenza del premier Silvio Berlusconi, per dire no ai tagli al settore delle forze dell'ordine e per impedire lo smantellamento della sicurezza pubblica. È questa l'iniziativa in corso da stamattina alle 9 davanti Villa San Martino - una delle residenze di Silvio Berlusconi - promossa dalle sigle sindacali ed dagli operatori del Comparto Sicurezza (agenti penitenziari, vigili del fuoco e forestale).
La protesta, si legge in una nota della Silp-Cgil della Lombardia, ha lo scopo di sensibilizzare l'opinione pubblica, le Istituzioni e in particolar modo i singoli parlamentari, sul gravissimo rischio di collasso del sistema sicurezza e soccorso pubblico del nostro Paese.
Analoghe manifestazioni si svolgono davanti le prefetture di tutt'Italia.

anib roma Commentatore certificato 09.12.10 19:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bin Laden..............che delusione

giorgio s. Commentatore certificato 08.12.10 23:55| 
 |
Rispondi al commento

..è inutile sperare che alcuni di loro cerchino di cambiare lo stato delle cose...dobbiamo essere NOI a farlo...ormai tutti quelli li hanno un prezzo...

forestus56 08.12.10 20:17| 
 |
Rispondi al commento

una sola cosa è certa.. quei signori in poltrona avranno sempre più paura.. sta per scoppiare un gran casino...

Damiano D., Bolzano Commentatore certificato 08.12.10 18:51| 
 |
Rispondi al commento

Beh, visto che i loggioni sono riservati al Popolino, perchè non andare a teatro quatti quatti E NEL BEL MEZZO della wagneriana EIACULAZIONE VALCHIRIANA non lanciare sulle teste della platea e nei palchi d'onore gran secchiate di merda fumante di fisiologica provenienza umana? Del resto si tratterebbe solo di un "DO UT DES" nei confronti di questi vermi parassiti che per secoli ci hanno solo riempiti della loro immonda merda.

gabra s. 08.12.10 18:26| 
 |
Rispondi al commento

e troppo poco bisogna fare di più molto di più bisogna finirla basta e poi e normale in un paese come l'italia , ci sono i ricchi sempre più ricchi e poveri sempre più poveri.
ditemi come si fa ha campare con una pensione di mia madre con 700euro e due figli disoccupati .

giulio 08.12.10 18:00| 
 |
Rispondi al commento

un saluto a tutti. io vivo in spagna da un bel po' e sta accadendo la stessa cosa che in italia . quattro milioni e mezzo di disoccupati e i politici a vivacchiare. se con questo scenario non si e' ancora cambiati, penso che siamo destinati alla schiavitu' a vita da parte di questi personaggi che si sono montati il loro circo e nessuno e' capace di farla finita con questa classe di dittatori. perche' alla fine questi sono tutti dei dittatori. si parla di democrazia, ma se a una grande maggioranza non conviene con una legge cosa puo' fare per far si che non si voti ? niente perche' il popolo non e' sovrano come dicono, e' solo unA MANIERA DI truccare le cose. saro anche pessimista ma le cose cosi' come vanno (mi dispiace dirlo) mi danno ragione anche se non sono contento di averla. un abbraccio a tutti gli italiani di buona volonta.

antonio venere 08.12.10 17:33| 
 |
Rispondi al commento

E' certamente giunto il momento di dire basta ,a queste prese in giro,,,poi però penso,, ma siamo noi a permettere questo,non è possibile che nel"2010,si possa essere presi per il c,,o e accettare questo,Verrà anche il 14 dicembre ,ma mi sà che non cambi assolutamente niente,dobbiamo decidersi,a cambiare,speriamo che da questo si prenda la spinta e decidere che è giunto il momento,di dire basta,

edilio montaldo 08.12.10 16:44| 
 |
Rispondi al commento

DEMOCRATICO A CHI?-Chi è più democristiano tra il campano Mastella ed il lombardo Formigoni?E che differenza passa tra il siciliano Dell'Utri ed il toscano Verdini?E Chiamparino avrebbe veramente potuto fare meglio della Iervolino sotto la cappella di Bassolino?Non scherziamo....la realta' è che alla stragrande maggioranza degli italiani MANCA il SIGNIFICATO della DEMOCRAZIA.....vorrei che Bersani invece di promettere lavoro e crescita lottasse prioritariamente per una società libera e giusta nella quale NESSUNO avesse bisogno di chiedere di lavorare a lui o chi per lui.....

enrico bruni 08.12.10 15:24| 
 |
Rispondi al commento

"Certo è che il passeggio, gli spettacoli e le Chiese sono le principali occasioni di società che hanno gl'italiani, e in essi consiste, si può dir tutta la loro società (parlando indipendentemente da quella che spetta ai bisogni di prima necessità) perchè gl'italiani non amano la vita domestica, nè gustano la conversazione o certo non l'hanno. Essi dunque passeggiano, vanno agli spettacoli e ai divertimenti, alla messa e alla predica, alle feste sacre e profane. Ecco tutta la vita e le occupazioni di tutte le classi non bisognose in Italia" Giacomo Leopardi

Diego Rocca, Ostiano Commentatore certificato 08.12.10 14:55| 
 |
Rispondi al commento

Nel '700, l' opera lirica era riservata all' elite
parassitaria dell' epoca (aristocrazia).Nell' 800 le cose cambiarono di poco: il popolino , veniva confinato al loggione ( l'ordine di palchi più alto , senza sedie...dove però la Musica, si sentiva benissimo). I posti più comodi, erano riservati ai principi, ai duchi ...insomma: alla ''crema'' dell'epoca.
Oggi, i loro equivalenti (per colmo d'ironia, eletti da noi, qualsiasi partito si voti) si siedono negli stessi palchi dove una volta, il re, la regina e i loro lacchè , facevano '' bella mostra '' di sé. E' forse cambiato qualcosa, nella sostanza? Anche in quel periodo, i gendarmi, caricavano il popolino che protestava contro quei parassiti: oggi, avviene la stessa cosa.Dopo 200 anni!!!

Ireneo G., Fermo Commentatore certificato 08.12.10 14:48| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Quando ero a militare,tutti mi dicevano,i vecchi dicevano "vedi la merda va sempre verso l'alto,ma quando comincierà a scendere!!!",siamo arrivati la merda è arrivata al massimo,solo che ora,loro, devono stare attenti a non prendersela tutta in testa la nostra merda.
Basta e ora di finirla che loro vivono sulle nostre spalle e fanno il cazzo che vogliono con i nostri soldi,a lavorare tutti dal primo all'ultimo,in fonderia a 11 ore al giorno e senza pause.
* * * * *

simone perego 08.12.10 13:18| 
 |
Rispondi al commento

Altro nostro vecchissimo post di venerdì 26 febbraio 2010
E SAREMMO NOI GLI "ILLUSI"?...
C'è chi afferma che la nostra "STRATEGIA" di voler spingere i cittadini a scendere in "MASSA" nelle piazze, senza "BANDIERE" e "COLORI", e senza divagare su "MILLE" altri argomenti, per chiedere di ridurre "DRASTICAMENTE" i "TROPPI SOLDI" dei signori "PRE-POTENTI" in "MALAFEDE" (di qualunque "CASTA" o "SISTEMA" facciano parte, compresi quindi i "POLITICANTI PARTITICIZZATI"), ridistribuendoli poi in maniera "GIUSTA" per il bene della "COLLETTIVITA'" e quindi, con questo, risolvendo "TUTTI" gli altri problemi, è solo pura e semplice "ILLUSIONE", dal momento che non è questo "IL" problema.
Ah sì!? Forse...

Però non abbiamo forse anche "DIMOSTRATO" cento volte, scrivendolo e "ARGOMENTANDOLO" qui sul blog (leggere per credere), che in Italia i signori "POLITICANTI PARTITICIZZATI" sono, purtroppo nella stragrande "MAGGIORANZA", in "MALAFEDE", interessati praticamente solo ed esclusivamente ai loro "TROPPI SOLDI"?
E che quindi, nell'attuale "TRAGICA" situazione in cui versa il Paese, provare a unire in piazza "MILIONI" di cittadini per chiedere di ridurre "DRASTICAMENTE" proprio i "TROPPI SOLDI" dei signori "POLITICANTI PARTITICIZZATI" servirebbe perlomeno a distinguere chi, fra loro, fa "POLITICA" in "BUONAFEDE" da chi fa "politica" in "MALAFEDE"?
Oppure è solo una pretesa da "ILLUSI"?

Ma allora, oltre ai soliti "MILLE" argomenti del loro "DIVIDE ET IMPERA", credere a quello che "PREDICANO" da "SEMPRE" i signori "POLITICANTI PARTITICIZZATI" (in "BUONAFEDE" o in "MALAFEDE"), ossia che bisogna modificare l'"ETICA" della politica (quella con la "p" minuscola) in modo da farla diventare "POLITICA" (con la "P" maiuscola), sperando che si possa operare su un cambiamento in positivo della "MORALITA'" di ogni singolo "POLITICANTE PARTITICIZZATO" (purché non si abbassino i suoi "TROPPI SOLDI", ovviamente!!!), come la vogliamo considerare: "IR-REALTA'" oppure vera "UTOPIA"?...

EMERGENZA DEMOCRATICA 08.12.10 12:33| 
 |
Rispondi al commento

Continuo a chiedermi del perché ad ogni prima della Scala ci siano scontri.
Se volete contestare andate ogni giorno al Comune o in Regione e magari prendeteli a calci in culo quando non ce la polizia.
SVEGLIA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Carlo Carli 08.12.10 12:21| 
 |
Rispondi al commento

ORA E SOLO ORA CHE E' ADESSO NO DOMANI PERCHE' DOMANI SARA' SEMPRE DOMANI .............1789.......1....7....8....9 FACCIAMOLO GRAZIE.....OOOO PRENDO LE FERIE...... GRANDE BEPPE.......L'ITALIA A FORMA DI STIVALE? AVETE MAI CAMMINATO CON I SANDALI NELLA M_ _ _ A? E SEMPRE GRANDE BEPPE MOLTI MOLTI MOLTI DI PIU' CON IL TUO PENSIERO

STENO 08.12.10 12:17| 
 |
Rispondi al commento

sconcertante,più che forze dell'ordine mi sembra si siano comportati da forze del disordine.

enzo rossi 08.12.10 12:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non puoi sempre riempire la pancia passando per la testa , il cervello.
Non basta alle masse la spazzatura TV del GF o di calcio culi e tette.
Non basta far vedere l'isola dei famosi benestanti !
Non basta affidarsi a slot-grattaevinci-lotto-winforlife-etc etc

QUANDO TOGLI ALLE MASSE LE BASI SOCIALI OGNI PRETESTO E' VALIDO AFFINCHE' LA RIBELLIONE SIA SEMPRE PIU' VIOLENTA !

SENZA SANITA'
SENZA ISTRUZIONE
SENZA REDDITO BASE

RIMANE SOLO L'INSURREZIONE !

avvisate IL NANO & C che ancora giocano alla lotteria della compravendita di politici da strapazzo !


La manifestazione della Scala a Milano era prevedibile come lo sciopero dell’ATM in autunno.
Tuttavia mi sorprende che nessuno abbia nemmeno menzionato invece lo scempio di Piazza Duomo sempre a Milano.
Un pino di nome il Franky in memoria di Mary Shelley che sembra un oscilloscopio addobbato di cotton fiock che nemmeno si accende durante il giorno. Solo chi ha il privilegio di girare il centro di sera…. Una tristezza infinita.
Sotto, questo fortino colore cesso anni 60 che sembra una scenografia di David Lachapelle. Dentro il disgustoso sfoggiare pubblicitario del negozio in tutto il suo sfarzoso lusso. Inaugurato da Paris Hilton. A quanto pare piace ai milanesi perché è l’unico miro di Milano che ancora non è stato imbrattato in una notte!
Dietro al Duomo il carro funebre del Comune di Milano che vende prodotti scadenti invece che promuovere l’artigianato delle scuole d’arte e ovviamente dietro le libreria cattoliche che onorano le feste stando aperti e facendo lavorare i propri dipendenti a tutte le feste.
Su diecimila idee per risanare la città ne dico una: Non si potrebbe far fare un concorso annuale per creare un albero di Natale artificiale alle scuole di design e architettura?... basta che poi non mi mettano un ferro vecchio che faccia ruggine.

lorenzo bullo 08.12.10 10:24| 
 |
Rispondi al commento

la situazione in cui sta l'italia e veramente penosa, siamo oramai sull'orlo del baratro ma sembra che ad una certa categoria di gente nn interessi, giustamente. mi riferisco ai ricchi. la cosa piu grave e quando anche categorie di persone nn ricche se ne strafottono e magari a rate comprano di tutto e di piu. vedere i ristoranti pieni a roma anche durante la settimana, macchine nuove, telefonini ultima generazione, cinema dove trasmwttono i cinepanettoni pieni, danno un'idea di come la gente pur di apparire e disposta a snaturalizzarsi. credo che molte persone hanno gli occhi e orecchie attappati e nn riescono a intendere e volere. con questo governo l'italia nn ha futuro e vorrei tanto che il prossimo governo, di qualunque colore fosse, presentasse il saldo da pagare a coloro che hanno reso l'italia cosi povera. chi rompe paga e i cocci sono i suoi

lucio figueroa 08.12.10 10:11| 
 |
Rispondi al commento

Mala tempora currunt diceva qualcuno........ quando uno stato arriva a malmenare i propri cittadini che protestano,allora vuol dire che è ammalato e bisogna guarirlo dai virus che lo hanno attaccato............
La medicina la possiede soltanto il popolo.......!

andrea46 08.12.10 10:10| 
 |
Rispondi al commento

Mi sto chiedendo, quando la forza pubblica difendera il popolo italiano entrando a montecitorio in assetto antisommossa a prendere a manganellate questi mafiosi piduisti.
Lo stipendio alla forza pubblica viene pagato dal popolo non dai politici. La forza pubblica deve difendere il popolo non aiutare ad affamarlo.
Si chiama pubblica perché è di tutti noi, del popolo, sennò si chiamerebbe forza privata.

roberto donati 08.12.10 10:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La corte si diverte e gozzoviglia sono scene di cui la storia è piena, ma quando un popolo manca del pane e dell'avvenire solo il circo non basta per distrarlo e tenerlo fermo. Ricordiamoci che i popoli incazzati dimenticano le buone maniere.

rodingo usberti 08.12.10 09:54| 
 |
Rispondi al commento

Io sono pronta alla rivoluzione e tu?

pina dimattia 08.12.10 09:46| 
 |
Rispondi al commento

Sono un appassionato di lirica purtroppo,l'economia non mi permetterebbe di partecipare ad una prima della scala.Nel caso,sicuramente però mi troverei un una condizione sfavorevole e POCO gradita se dovessi trovarmi fra i piedi nell'assistere ad una rappresentazione,gente del tipo FORMIGONI-MORATTA e tutta quella pletora di PARASSITI che infestano l'Italia.Vadano pure a sbafo tanto la figuraccia che propinano alla gente è PALESEMENTE reale e col tempo non certo costruttiva per questi personaggi abituati a MISTIFICARE la cultura con la loro POCHEZZA sociale anzi, come dice Grillo,vadano pure affare in .........saluti cari.

emi f., voghera Commentatore certificato 08.12.10 09:44| 
 |
Rispondi al commento

Se si investisse nella cultura e nella scuola ci sarebbe più interesse per l'arte e per beni intellettuali che in fondo sono i più acessibili ed economici che abbiamo a disposizione. Un piacere per tutti, democratico, che non centra niente con la disponibilità di tanti soldi, la vanità delle passerelle e l'ostentazione del potere. Quello davanti alla Scala era solo un gioco delle parti: arricchiti e neo-potenti ignoranti in cerca di un uovo marcio come trofeo e una clacque di contestatori grati di mostrargli la distanza raggiunta con l'altra parte della barricata. Tutto il resto non c'entra. Se non fossero esistiti re papi e ricconi non avremmo mai avuto un Mozart, ma neanche un Michelangelo un Raffaello... Prendiamocela con l'ignoranza di chi - povero, ricco o potente - non sa produrre più niente di buono.

Peter Amico 08.12.10 09:21| 
 |
Rispondi al commento

da impotente visore dei filmini della Scala.quello che hanno detto Almirante vedova, il Ministro B rambilla,i vari presidenti di province ecc,mi consolano del fatto che i nostri figli se ne vanno dall'Italia....ci prendono pure per il culo dopo fregarci le nostre risorse.....ma Brambilla a che serve? e gli altri sanguisughe?.....ma andiamo tutti a......

aldo abbazia 08.12.10 09:16| 
 |
Rispondi al commento

tante parole ma fermare i manganelli con la testa non è da persone intelligenti. o ci si organizza o è meglio lasciar perdere

mario menegoni 08.12.10 09:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ogni giorno sempre peggio. Ho una vera e fondata paura, di svegliarmi una mattina e vedere i carriarmati in strada. Queste immagini vergognose e preoccupanti mi fanno venire in mente: Stalin, Pinochet, Franco, Mussolini ecc.... Povera Italia, e poveri noi. Siamo ad un passo dall'illegalità, siamo ad un passo dalla dittatura!!!!!!!!

Luciano Scaramuzza, Palù di Giovo (TN) Commentatore certificato 08.12.10 08:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LA PRIMA ALLA SCALA
C’è la prima alla scala.
E’bravo il giornalista,
che con lo schermo mi porta li in mezzo
tra smoking e gioielli,di persone importanti?
Io sono là in mezzo.
Mi vergogno di essere là in mezzo,
mi vergogno di fronte ai disoccupati
ai cortei di chi non può vivere,
lì a sfilare a pochi metri dai lussi.
Bravo al presidente,bravi agli onorevoli,
bravi ai poliziotti,a centinaia
isolano la zona e poi
ovunque siamo liberi di ammazzarci.
C’è la prima alla Scala,
quanti soldi per andarci,
alla faccia dei poveri,alla faccia mia
che li guardo dallo schermo
e di chi li guarda dallo schermo gigante
nei centri commerciali.
Hanno messo lo schermo nei posti affollati,
come per dire “ imparate poveracci,imparate maiali
cos’è un’alta società,cos’è il governo
e che questa è la società,questo l’insieme del governo
e voi maiali,che non siete diventati
della società e del governo!”.
C’è la prima alla Scala,
e chi se ne fotte,meno male
che chi ama l’arte,la conosce anche
meglio di chi và alla Scala,
che dell’arte non capisce un cazzo.

crevigo' 08.12.10 08:26| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

questi (persone).hanno stancato non si vede nulla all orizzonte e invece di stare accanto al popolo fanno la bella vita....rivoluzione ragazzi rivoluzione mandiamoli tutti a casa.

gianluca 08.12.10 08:17| 
 |
Rispondi al commento

Strabiliante? No, no: è il metodo...

alma gemme 08.12.10 06:46| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo, o Grillo Beppe, Si può chiamare ancora CULTURA " con tutti il rispetto degli autori piccoli e grandi " Uno spettacolo riservato solo a una piccola parte di cittadini? E guarda caso: alle persone più preparate culturalmente " si pensa " ma forse sono più ignoranti di me che sono ignorante alla grande. Sono ricche si; ma intelligenti o preparati culturalmente ho molti dubbi. Sono ladri si; rubano legalmente, ed anche illegalmente con scaltrezza. Se per essere intelligenti e preparati culturalmente bisogna diventare sempre più ricchi e lasaciar la gente che diventa sempre più povera fino a non poter soppravvivevere, in realtà bisogna vedere dov'è l'intelligenza, e chi è veramente intelligente, io ho fatto la mia scelta da ignorante: - quando ho quanto mi basta; non cerco di più -. E quando posso pagare un caffè a un poveraccio, lo faccio proprio volentieri. A proposito di caffè, che mi fa impazzire, voglio raccontare una vecchia storia: - Molti anni fa quando facevo il vagabondo, con tanti altri amici, non avevamo mai una lira in tasca, e dormivamo da amici, o in posti di fortuna. Quando ci svegliavamo la mattina, se passava una persona intelligenza, " un operaio " ce lo offriva un caffè, e anche una sigaretta. Se passava un ignorantone, " un signore distinto " dicevamo addio caffè, e addio sigaretta. Noi l'intelligenza la pesavamo a quella maniera.
E questi Parlamentari, questi Ministri che fanno gli intelligenti rubando e arricchendosi onestamente sul nostro sudore; sono davvero intelligenti? Mi fa rabbia, a riguarda i grandi teatri che io non posso e non potrò mai mettere piede, che lo devo mantenere io per loro.
D'altro canto; direi di evitarli queste persone, non accedere mai ai loro servizi, se hanno Aziende
non accedere mai ai loro programmi, se hanno televisioni, non votarli più se cercano voti.
Se si contestano; e poi si imitano, allora siamo veramente noi gli ignoranti. Doppio giochisti e piagnoni Con amore e democrazia Peter Pan

Vito Volpicella, bari Commentatore certificato 08.12.10 05:58| 
 |
Rispondi al commento

non capisco perchè la musica debba essere ascoltata da cialtroni in doppio petto e sgualdrine in pelliccia: l'esaltazione dello spirito non può andar d'accordo con chi lo spirito non ce l'ha!!e' tempo che la musica torni a chi la sa ascoltare...
ABBASSATE I PREZZI E CACCIATE I MERCANTI DAL TEMPIO!!!!!

salvino 08.12.10 05:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Negli anni 80/90 non ricordo se alla televisione o su un giornale disse che la musica lirica e quella classica erano in via di estinzione e che una cerchia di persone si ostinava a farla soppravivere,fin quì nulla da dire,ognuno ha le sue preferenze.
Ma quanto sono costate alla collettività scelte come queste e non parlo solo di lirica penso che la lista sia lunga,a Genova è stato costruito il Carlo Felice quanto ci è costato?
Quanti sono in attivo non credo che la colpa sia dei dipendenti dei teatri,ma dei politici che per convenienza lo hanno permesso,e non solo in questo ambiente.

rino 53 08.12.10 04:33| 
 |
Rispondi al commento

vergogna italiana

sergio como, castellammare del golfo Commentatore certificato 08.12.10 03:18| 
 |
Rispondi al commento

Non so perché ma vedendo le immagini di stasera della prima alla scala, con i potenti e i ricchi scortati a vedere lo spettacolo per le elite e con il popolo distrutto a cercare un perché alla propria condizione inveendo in mezzo alla strada, ho avuto la strana sensazione che nel nostro paese si sia tornati alla Londra ottocentesca narrata da Charles Dickens.

Luca Gianantoni, Assisi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 08.12.10 02:48| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Sono completamente d'accordo, infatti, la pubblica lettura di Barenboim (evidenziata dal Tg1! NB) prima dell'inizio dell'opera, di fronte ai vip e politici, appellandosi alla bistrattata Costituzione, fa parte del gioco: un bluff. Mi sa che ci stanno PRENDENDO PER IL CULO quelli lì dentro. Un cantante prende di media 10000 euro a serata il direttore stabile, Barenboim credo sul milioncino di euro all'anno, per non parlare del sovrintendente e di tutto l'ambaradam della direzione artistica e le percentuali alle agenzie... Una produzione come questa costerá minimo minimo 1,5 mln di euro. Altroché crisi...Sai quanto se ne fregano loro della Costituzione! PENOSO!

Bravi ragazzi, avanti con i petardoni e lacrimogeni!
W

Willy R 08.12.10 02:27| 
 |
Rispondi al commento

E' storia vecchia! Da che esiste la Scala, il giorno dell'inaugurazione si è sempre assistito a questa sceneggiata: proteste di studenti e/o lavoratori e polizia che carica per disperdere i dimostranti. E' solo una sporca commedia in cui i manifestanti recitano la loro bella particina e le forze dell'ordine la loro: serve per richiamare l'attenzione sull'evento mondano, perché tale è l'inaugurazione del Teatro alla Scala. Del fatto culturale non interesa niente a nessuno, meno che mai agli squallidi politici ed alle loro squallide consorti che ci vanno solo per fare passerella e per far mostrare alle loro "signore" (è solo il femminile di signori!) le nuove toilette che sfoggiano, i gioielli e le pellicce. Dell'esecuzione della Valchiria non frega niente a nessuno e molti di questi si annoieranno a morte. Senza neppure aver speso i soldi del biglietto. E domani nessuno più parlerà degli scontri.

Achille N., Roma Commentatore certificato 08.12.10 01:28| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe la nostra Amministrazione comunale e sopratutto il nostro Sindaco Filippeschi non mi risponde mia alle domande che gli faccio. Abbiamo un problema sulle nostre manifestazioni storiche e sullo sport, lui si preoccupa solo del calcio e tralascia anche che la nostra manifestazione nazionale che ci rappresenta(Repubbliche Marinare) sia a rischio della nostra partecipazione. Vorrei essere attivo per fare qualcosa ma sono solo puoi aiutarmi? Ciao Michele Caterino

Michele Caterino 08.12.10 01:07| 
 |
Rispondi al commento

In un momento "normale" questo sfoggio di potere difronte alle difficoltà di TANTI,potrebbe portare a considerare la cosa come egoismo o solo cattivo gusto (di cui la ns classe pol. e maestra!)Ma in qs momento dimostra ampliamente che sono solo delle grandi M..DE!!!!!!

Bad To The Bone Commentatore certificato 08.12.10 00:53| 
 |
Rispondi al commento

..ma quando lo capiremo....che quei "cialtroni" dei nostri politici stanno dove stanno perchè li abbiamo votati noi????? smettiamo di dare il voto sempre alle stesse persone, e le cose cambieranno!!!! è inutile lamentarsi di politici e sindaci e assessori ecc. ecc., per poi andare a votare sempre gli stessi nomi ogni 4 anni...e che cavolo!! un pò di COERENZA, non ci piacciono? non votiamoli!

Pietro Lisi 08.12.10 00:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Siam tornati al MedioEvo.........

BrunoDeligia 08.12.10 00:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mah chissa! e VERRA' UN GIORNO, PORCA PUTTANA, CHE A QUALCUNO OLTRE A FORMICOLARGLI I COGLIONI, GLI FORMICOLI ANCHE QUALCOS'ALTRO...(magari una mano... armata) E CHE CAZZO! NON SE NE PUO' PIU'... prima o poi qualcuno gli deve "dare il giro" a 'ste merde!

gabra s. 08.12.10 00:27| 
 |
Rispondi al commento

E quale migliore colonna sonora, per codesto avvento, poteva esserci se non l'inno "nazionalsocialista" Wagneriano delle Valchirie, oltremodo utilizzato anche in "Apocalypse Now"... eh APPUNTO...
APOCALYPSE: NOW!

gabra s. 08.12.10 00:21| 
 |
Rispondi al commento

leggendo queste notizie mi si informicolano i coglioni..sento uno strano prurito alle palle che poi si trasferisce alle mani e mi prende la voglia di andare in piazza a dare una mano a TUTTI QUELLI CHE LOTTANO PER CAMBIARE QUESTA SOCIETA' DI MERDA...non sono più giovane ma in questi momenti mi risento i miei 20 anni addosso.....e questo è bello.....
Un saluto ai ragazzi della DIGOS che ci leggono

cittadino onesto (cittadinonesto) Commentatore certificato 07.12.10 23:50| 
 |
Rispondi al commento

Io questo pomeriggio ero in piazza della scala a protestare come altri. a sentire i giornali sembra che sia successo l'inferno, un popolo in rivolta.
eravamo 4 gatti, 3 studenti e qualche lavoratore dello spettacolo + i soliti 50 dei centri sociali.
Vediamo di non farci illusioni, la grancassa che ora viene suonata ha solo l'obiettivo di disarcionare Berlusconi, ma è un obiettivo della casta. In centro c'erano fiumane di gente che facevano shopping per natale, molto più numerosi di noi manifestanti..evidentemente va ancora tutto bene.

andrea luini 07.12.10 23:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma possibile che l'unica risposta dello Stato siano poliziotti con il manganello in mano???

Possibile che a nessun poliziotto non sia venuta voglia di tirare una manganellata sulla faccia di merda di Merdizia Moratti???

Lunga come la quaresima, brutta come la povertà si pavoneggiava in mezzo a ire furiose di cittadini fermati da implacabili quanto ossessivi poliziotti??

Cos'è Italia 2010 o Cile 1973?

Un viaggio allucinante nel passato scambiato di continente e di emisfero????

Cosa dobbiamo temere ancora?

Folli che in nome di soldi che non potranno comprare acqua o aria metteranno all'asta la caccia grossa al precario dopo quella agli animali rari e preziosi???

Da. P. (principessa sissi), UD Commentatore certificato 07.12.10 23:17| 
 |
Rispondi al commento

Meno male che Silvio ha tagliato i contributi e se questi papponi vogliono andare alla scala, che pagassero il biglietto 5 mila, 10 mila euro come è il costo vero per queste manifestazioni.
Grazie Silvio, per fortuna che esisti

Piero Ferretti 07.12.10 23:04| 
 |
Rispondi al commento

e bravo il direttore!
(ovvio che poi sposteranno il video)

http://www.lastampa.it/multimedia/multimedia.asp?IDmsezione=24&IDalbum=33116&tipo=VIDEO

Massimo Carlino 07.12.10 22:50| 
 |
Rispondi al commento

perchè dobbiamo ancora far campare questa gente a spese nostre?
Non riusciamo a mantenere un figlio, mettere su famiglia è un atto eroico, ma allo stesso tempo dobbiamo mantenere e foraggiare questi politicanti da strapazzo, coercitivamente.
Non sopporto più sentirli parlare, non ne sopporto più il respiro, la presenza.
Anche il solo sapere che esistono, mi fa stare male.
Destra, sinistra, centro, sopra, sotto, est, ovest....
Non ce la faccio più.
Se si parte per destituirli, se li si vuole annientare, facciamolo una volta per tutte, vi prego.
Riprendiamoci il nostro futuro, ed il presente tradito.
Siamo in molti, moltissimi, lo sento.
In questo momento trasmettono Ballarò...
Di solito riesco a seguirlo, ma mi rendo conto che non mi è più possibile.
Sento un forte malore nel solo vederli, figurarsi nel sentirli parlare.
Il paese ha bisogno....
Il paese ha bisogno...
Bisogna fare per il paese...
Un paese moderno richiede....
Bisognerebbe pensare al bene del paese...
La gente è stufa, vuole un cambiamento, per il bene del paese....
Il paese....
Il paese.....
Il paese....
Il paese....
ZITTIIIIIII!!
Non li si può sentire, è un dolore per tutti quelli che combattono quotidianamente battaglie che costoro neppure lontanamente immaginano.
Vanno riportati allo stato brado, vanno ristabilite le "pari opportunità".
Non è solo per un discorso economico.
Ormai è uno sbeffeggiamento continuo, una derisione, una umiliazione per gli onesti, uno schiaffo alla dignità.
Ci stanno togliendo tutto.
Non ci facciamo togliere la dignità, vi prego.
Fermiamoli!!

Nino D'Errico 07.12.10 22:49| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento


Milano - Poliziotti in tenuta antisommossa si sono scontrati con i dimostranti che protestavano contro il Ddl Gelmini e i tagli alla cultura. Studenti caricati all'altezza della Galleria Vittorio...

VERGOGNA...
E'UN DELITTO FARE DEL MALE A GIOVANI COME QUESTI:

http://www.youtube.com/p/6F85416375620BB0

anib roma Commentatore certificato 07.12.10 22:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Popolaccio infame, bèati della tua imbecillità e adàgiati nel tuo servilismo.
S'io fossi foco t'arderei senza ritegno.

Alberto Gramaccini 07.12.10 22:32| 
 |
Rispondi al commento

Presto sulla bandiera nazionale maroni farà stampare la croce composta da due manganelli, povero Verdi che fine ha fatto la Scala, dal va' pensiero al va il manganello!!!!

franco antonio perrone, verona Commentatore certificato 07.12.10 22:13| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
E' MEGLIO UN POSTO IN SECONDA FILA ED ASCOLTARE IL POPOLO,MA CREDO CHE SIA GIUSTO CHE AVRANNO E HANNO QUELLO CHE SI MERITANO PER QUESTI 15 ANNI DI REGIME
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 07.12.10 22:03| 
 |
Rispondi al commento

ancora non avete visto nulla... quello che deve arrivare sminuirà quanto di eclatante sta accadendo in questo paese.

Morris Fleed (goblin) Commentatore certificato 07.12.10 21:51| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Ma solo io ho fatto attenzione a quello che dice uno dei Carabineri durante gli scontri?
E' l'immagine più emblematica e forse la più simbolica di uesta giornata.
L'Ufficiale dei Carabinieri che, prima degli scontri, ordina di non spingere ai suoi (ordine disatteso in quanto si vede palesemente che fanno quel che gli pare) e poi, dopo la carica, che consapevole di aver appena assistito ad una scena vergognosa dice: "Fermi, fermi, ma che ca..o state facendo?!?"

Credo che non manchi molto affinché le FF.PP. si schierino con i manifestanti. Stanno affossando questo Paese, e anche loro ne fanno parte; la consapevolezza di ciò sta finalmente prendendo forma.

Sabrina Mircovich 07.12.10 21:14| 
 |
Rispondi al commento

se l'inventore della musica pop (che non sono i Beatles, bensì Wolfang Amadeus MOZART) potesse vedere cosa hanno fatto i nostri politici a La Scala negli ultimi anni (nel 2007 hanno persino festeggiato a ridosso della tragedia della ThyssenKrup), gli sputerebbe in faccia gli spartiti scoreggiando. quello che hanno fatto alla gelmini oggi è veramente il minimo.

davide lak (davlak) Commentatore certificato 07.12.10 19:56| 
 |
Rispondi al commento

Questi bastardi tagliano la cultura,
dicendo che non si può mangiare,
ma poi la usano per mettersi in mostra.
Sarei curioso di sapere quanti,
di quelli che erano alla scala,
apprezzano veramente la musica operistica.

Luigi D., Ancona Commentatore certificato 07.12.10 19:52| 
 |
Rispondi al commento

Sta`mancando sempre piu` l`essenziale nelle case di molti Italiani.

Mancando il lavoro manca la dignita` e il pane . Cosa credete che fara` un popolo che arrivi a questi estremi ?

La storia insegna!!!

pirluigi v., guaynabo pr Commentatore certificato 07.12.10 19:49| 
 |
Rispondi al commento

Ho 38 anni sono laureato e sono part time, non arrivo a fine mese da un sacco di tempo, ho una bimba
Mia moglie ha chiuso un attività l'anno scorso, lei non avrebbe mai chiuso, aspettava che il vento cambiasse ma non è stato così, quindi ci siamo indebitati fino al collo, non potendone più, abbiamo chiuso. Naturalmente lo stato aiuta solo i grandi ( con incentivi o coprendo le evasioni con scudi fiscali ecc. )ed i dipendenti con ogni sorta di intervento ( malattia cassa integrazione mobilità ecc.) per l'imprenditore neanche la cassa integrazione, come se non pagasse l'inps anche lui?!
Ora che i soldi non ci sono più e che i politici continuano a vivere nell'ozio e nello sfarzo, tipo periodo di Re LUIGI 16 di Francia, mi girano proprio i coglioni, e mi incazzo vedendo le manganellate date a cittadini che hanno ragione e che non devono protestare devono mandare giù il boccone e pagare, per assurdo pagano anche i poliziotti che li bastonano. Maroni deve vergognarsi per prima cosa e per seconda capire che la vita da politico non dura per sempre prima o poi scenderà dalla pianta e dovrà confrontarsi con la gente a cui stà rompendo la testa.
QUESTA SITUAZIONE L'ABBIAMO EREDITATA DALLE GENERAZIONI CHE CI HANNO PRECEDUTO CHE NON HANNO SAPUTO CAPIRE COSA SONO I PARTITI ED IL SISTEMA CHE GLI RUOTA ATTORNO, UNA CUCCAGNA CHE NON FINISCE MAI, NON UN CONTROLLO NON UNA RESPONSABILITA', E SE FAI ANDARE L'ITALIA A PICCO COME STA FACENDO IL NANO CON TREMONTI NON TI SUCCEDE NIENTE TUTT'AL PIU' NON VIENI RIELETTO ( PER QUALCHE ANNO ) MA PRENDI COMUNQUE I SOLDI DEI VITALIZI ECC. NOI PERO' PAGHEREMO ALTRO CHE SE PAGHEREMO.

nik mik 07.12.10 19:45| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Han fatto benissimo, ogni volta che questi cialtroni di politicanti si mettono in mostra bisogna arrivare tutti assieme con pomodori e uova marce; in questo momento il vergognoso esibizionismo della casta è intollerabile.
Forza studenti!!!!


dopo aver visto quella schifosa della Palin uccidere un indifeso animale,non sò più cosa pensare del genere umano,spero che gli americani che la sostengono capiscano!!

fabrizio murgia 07.12.10 19:34| 
 |
Rispondi al commento

non si smentiscono mai

white b. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 07.12.10 19:29| 
 |
Rispondi al commento

e intanto vogliono portare le ore di lavoro a 10 aL GIORNO E LA PAGA INFERIORE, BENVENUTO 1800!!!!!

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 07.12.10 19:10| 
 |
Rispondi al commento

Ha da venì, Baffone!

antonio d., carrara Commentatore certificato 07.12.10 19:05| 
 |
Rispondi al commento

Penso che la frase che meglio sintetizza quello che è successo oggi l'abbia detta un carabiniere, senza scudo ne manganello "OH, MA CHE CAXXO STIAMO FACENDO??"

Andrea Redaelli 07.12.10 18:42| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori