Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'Acqua della Puglia ha memoria


Vendola_elezioni.jpg
Ogni promessa è debito. Sono certo che Nicola Vendola manterrà quella elettorale di rendere pubblico l'Acquedotto Pugliese Spa. Non mi è ancora chiaro quando...
"Il disegno di legge per la trasformazione dell’Acquedotto Pugliese Spa in azienda pubblica regionale, soggetto di diritto pubblico è pronto da un anno. Il 5 marzo 2010 il Presidente della regione Vendola, a nome della Coalizione dell’attuale Giunta Regionale, si impegnò ad approvare il DDL sull'acqua in Consiglio regionale entro i primi cento giorni dell’attuale legislatura. L'11 maggio 2010 l’attuale giunta votò all’unanimità in favore del DDL sulla ripubblicizzazione dell’Acquedotto pugliese. 100 giorni sono passati, ma l'Acquedotto è ancora Spa.
Domani, 28 dicembre alle ore 9.30, è previsto un incontro per l'Acqua Pubblica presso il Consiglio Regione Puglia (via Capruzzi, BARI). PARTECIPA E INVITA A PARTECIPARE. "Comitato Pugliese "Acqua Bene Comune"

27 Dic 2010, 18:23 | Scrivi | Commenti (25) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Caro Beppe, il decreto della giunta c'è, è un dato di fatto indiscutibile, poi se il parlamentino regionale ci mette tempo nell'approvazione finale, è solo perchè ci vogliono varie commissioni per istituire tutto l'iter legislativo, si devono valutare tutti i regolamenti prodotti dagli uffici, ricordiamoci sempre che si sta facendo una riconversione di una società privata trasformandola in un ente pubblico,un lavoro enorme, ci sono passaggi che non si possono sbagliare per non dare adito a futuri contenziosi che potrebbero rovinare tutto il lavoro svolto finora!!!la giunta ha emanato puntualmente, abbondantemente prima dei cento giorni, il decreto legge dando l'indirzzo politico, ha fatto quello che gli compete! ora attendiamo fiduciosi l'istituzione definitiva, ci vorrà ancora del tempo ma sono sicuro che la svolta epocale in materia dell'acqua in Puglia arriverà!!!

Fabio Celani 29.12.10 22:08| 
 |
Rispondi al commento

come volevasi dimostrare...

tutto chiacchere e distintivo.

il resto fuffa.

ma come ci si puo' ancora fidare di questa classe politica?
come?????????

ivan m. Commentatore certificato 28.12.10 22:31| 
 |
Rispondi al commento

seeeeeeeeee già se l'è scordato

sergio como, castellammare del golfo Commentatore certificato 28.12.10 21:10| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Nichi
Sono un lombardo che apprezza il suo stile e le idee che lei esprime.
Come le sarà parso chiaro da molti anni fare promesse a gente come noi non è la stessa cosa che farle alla massa amorfa degli elettori PDL.
La prego, onorando le sue promesse di fare in modo che possa rinnovarle la mia stima ed eventualmente il mio sostegno elettorale.
Buon 2011

Fulvio Valsecchi Commentatore certificato 28.12.10 20:20| 
 |
Rispondi al commento

http://www.facebook.com/video/video.php?v=1698700518121&saved
come da accordi telefonici, ti invio il video del CONSIGLIO REGIONALE INCATENATO DI L'AQUILA del 28 dicembre 2010...
una breve nota...
L'Aquila. Oggi 28 dicembre 2010 alle ore 10.00 doveva iniziare il Consiglio Regionale per l'approvazione del bilancio all'ordine del giorno.
Un gruppo di cittadini che voleva assistere al pubblico consiglio, ha trovato invece, oltre al drappello di forze dell'ordine, addirittura i cancelli chiusi e bloccati con catene e lucchetto.
Era evidente l'assoluta mancanza di pericolo per l'ordine pubblico ed è emersa invece una ridicola paura istituzionale di essere trasparenti con la popolazione, come si fosse trattato di una riunione segreta.
Solo in seguito a pacate, educatissime e civilissime rimostranze, è stato alla fine consentito l'ingresso, verso le ore 12, della popolazione infreddolita dalle temperature sottozero, come si fosse trattato di un favore e non di un diritto sancito dalla legge.
Il Regolamento interno per i lavori del Consiglio regionale dell'Abruzzo (approvato con deliberazione del Consiglio regionale n. 56/3 del 9 febbraio 1977, in vigore fino al 31 dicembre 2010
recita all' Art.37:

Articolo 37
Pubblicità delle sedute
Le sedute del Consiglio sono pubbliche.
Di ogni seduta viene redatto un processo verbale ed un resoconto integrale....


grazie dell'attenzione ti saluto cordialmente
anna
l'aquila

anna barile 28.12.10 20:11| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, l'acqua deve essere pubblica e io dico non solo l'acqua dovrebbe essere pubblica...
Ma bisogna anche pensare anche a come gestire, l'apparato della gestione sia amministrativa e quello delle reti.
Mi pare che le aziende dell'acqua, siano circa 300..abbiamo così 300 tariffe diverse(le varie voci costituiscono il cosi detto ciclo idrico formano la tariffa finale).
Già da li, si vede l'anomalia da una Provincia e l'altra...di tariffe..nessuno che controlla costi benefici del servizio e via così, e tra l'altro molte aziende sono con i conti in rosso..
Però fa comodo tenere Presidenti(di nomina politica) che spesso intascano stipendi da centomila euri l'anno, poi c'è i consiglieri i revisori dei conti che puppano anche 500 € a seduta...
Come dici te caro beppe, si punta il dito sugli effetti, ma non su le cause...

roby f., Livorno Commentatore certificato 28.12.10 20:01| 
 |
Rispondi al commento

Nicky non tradire

mario loconte 28.12.10 14:28| 
 |
Rispondi al commento

Vogliamo andare a vedere com'è la situazione infrastrutture e servizi in tutte le regioni amministrate dalla sinistra?

Offerte Lavoro 28.12.10 13:53| 
 |
Rispondi al commento

A te non ti è chiaro quando l'acquedotto ecc. a me perchè Vendola insieme a Bertinotti abbia distrutto la cosidetta sinistra radicale, termine che non mi è mai piaciuto,per voler tentare di diventare segretario del PD?

luigi basagaluppi 28.12.10 10:40| 
 |
Rispondi al commento

Giusto per informazione... Niki Vendola non è Nicola Vendola, ma Nikita Vendola!!!
Il padre lo chiamò così in onore a Nikita Krusciov.
L'origine e la formazione politica di un leader sono molto importanti e ora forse più chiare.
Ciao

Francesco Arrighi 28.12.10 09:16| 
 |
Rispondi al commento

..ahi ahi sig. Supercazzola Vendola, lei mi cade sul tubo !!

Davide A., MB Commentatore certificato 28.12.10 09:04| 
 |
Rispondi al commento

L'acqua nella PUGLIA: una lunga storia.

Mi auguro solo che Vendola si ricordi delle promesse che facevano spesso i politici ai Pugliesi, quando si dovevano recare alla fontana per prendere l'acqua :
-Noi vi porteremo l'acqua nelle case.
-Noi faremo in modo che l'acqua arrivi in ogni casa!

Ed i più ardimentosi lanciavano la sfida:
-Volete l'acqua? E l'acqua avrete!
-Non dovrete più andare alla fontana pubblica!
-Vi porteremo l'acqua in casa!

Ora per Vendola è giunto il momento di dire:

-Che acqua pubblica sia per tutti!

maria . Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 28.12.10 01:54| 
 |
Rispondi al commento

Farà come con l'Open Source?

Maurizio Fantechi 27.12.10 23:02| 
 |
Rispondi al commento

Vendola è l'uomo della supercazzola sia a parole che nei programmi. Si è quindi comportato coerentemente alla sua natura"di uomo".

Ora però vorrei vedere sulla base di cosa i pugliesi lo voteranno la prossima volta. Sul progamma realizzato? Sull'acqua? Ma, allora, forse sarebbe stato meglio il tal Boccia di baffetto D'Alema?
Vendola, ma tu, sul binario della prospettiva interconnessa dell'acqua in tubatura infilata nell'antani di domani in trasmissione, cosa ci dici?...nacippa?

riddik 71 27.12.10 22:32| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
SPERIAMO CHE MANTEGA LE PROMESSE VENDOLA,MA L'ACQUA RIMANE COMUNQUE NOSTRA ANCHE IN PUGLIA
ALVISE

alvise fossa 27.12.10 20:51| 
 |
Rispondi al commento

Acquedotto pugliese?
Si,con acqua irpina però!
Se solo anni fa non si fosse ceduta alla puglia e alla società pubblica....
Voi avete l'acqua d'estate, Cassano Irpino e le altre località con le sorgenti della "vostra" acqua rimangono a secco,e non parliamo della galleria idrica che si vuole costruire in barba al territorio della comunità montana , eh!

nello gala 27.12.10 19:41| 
 |
Rispondi al commento

Da come sembra di capire Vendola la sua promessa l'ha portata a termine eccome. Ha portato l'intera giunta ad approvare il disegno di legge sulla ripubblicizzazione complessiva dell'acquedotto pugliese ben prima della scadenza massima dei primi 100 giorni di governo.
Il fatto che il Consiglio Regionale la tiri per le lunghe non può essere una critica da indirizzare al Presidente di Regione (che non ha alcun potere sulla discussione dei provvedimenti) ma bensì è un appunto da presentare al "parlamentino regionale" e, ancora più esattamente, alla maggioranza che lo appoggia...

alexis v 27.12.10 19:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

... da pugliese mi aspettavo grandi cose da vendola. ma sembra che sia tutto un :vorrei ma non posso... coraggio nichi. coraggio.

luigi demaria 27.12.10 19:15| 
 |
Rispondi al commento

Beppe un soggetto di diritto pubblico NON e' un ente pubblico. E' una specie di azienda tenuta da privati che in teoria dovrebbero fare gli interessi del pubblico, ma NON e' un ente pubblico. Per esempio la banca d'Italia e' un soggetto di diritto pubblico. Ma e' una fragatura, una espediente giuridico per dire che una privato mascherato. Insomma, un'altra inculata. nn ci cadere pure tu. ciao

Luca Chiarabini 27.12.10 19:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

(...)

Questa la nota diffusa tramite la mail list del forum nazionale per il referendum:
Mentre tutto sembrava viaggiare molto bene verso una prossima presentazione e approvazione del DDL sulla ripubblicizzazione in Consiglio regionale, ecco che oggi a sorpresa “spunta” la proposta di Michele Losappio, capogruppo del SEL, che “ingessa il DDL”.

A quanto pare l’ufficio legislativo della Regione avrebbe emesso un parere che “non è stato proprio quello che ci aspettava” (altro non è dato di sapere al momento). A questo hanno fatto seguito “le sollecitazioni garbate” del capo groppo del PDL Rocco Palese che ha chiesto un “comportamento responsabile e cauto”.

E benché l’Ass.re Amati – da quello che si legge – abbia ben spiegato che “il tema fondamentale è quello della definizione del servizio fornito dall’Acquedotto pugliese: se è o non è “a rilevanza economica” da cui deriverebbe per principio costituzionale la potestà legislativa dello Stato (primo caso) o della Regione (secondo); il capogruppo del SEL, Michele Losappio, propone di “approvare la legge e contestualmente con un ordine del giorno proposto dalle commissioni in aula chiedere al governo una moratoria a tempo sugli effetti della legge”.
L’obiettivo a detta del Consigliere Losappio è di “preservarsi dall’eventuale effetto dirompente che potrebbe avere un esito negativo della Corte Costituzionale”!

In pratica si tratterebbe di approvare una legge che non potrà produrre i suoi effetti se non in un futuro non determinato!…..

(...)

articolo completo:

http://beppegrillotaranto.wordpress.com/2010/12/01/noi-lacqua-la-vogliamo-pubblica-giornata-nazionale-di-mobilitazione-per-lacqua-pubblica/

manuela bellandi Commentatore certificato 27.12.10 18:52| 
 |
Rispondi al commento

Un anno fa prima delle primarie:
http://www.youtube.com/watch?v=bGdpF2HCObU

ilGrillaio 27.12.10 18:49| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori