Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Nucleare vaffanculo (repetita iuvant...)


Enel_nucleare.jpg
Che il nucleare sia anti economico, pericoloso e che sottragga risorse alla collettività è risaputo. Ripeterlo, però, fa sempre bene.
"NUCLEARE ABBONDANTE? SICURO? ECONOMICO? BALLE! 1) L'uranio non è abbondante, è probabile che finirà prima di aver realizzato le centrali nucleari. L'uranio è presente in natura in misura pari a 2,8 parti per milioni (ppm) e con l’estrazione dal sottosuolo si estraggono anche detriti radioattivi che (col falso nome di “materiale inerte”) sono fatti sparire in opere di costruzione (strade, stadi, parcheggi, fondamenta…) – vedasi su youtube gli “scandali dei detriti radioattivi in Francia”. 2) L'uranio non è sicuro, anzi, è eternamente pericoloso. In effetti, l’isotopo di uranio 238 ha un tempo di decadimento (ossia dimezzamento della radioattività) di circa 4,6 miliardi di anni (circa il tempo di vita della Terra). 3) Le centrali nucleari durano di circa 30 anni, dopo bisogna smantellarle, ma nessuno sa come smaltire le scorie radioattive. In Francia ci sono diverse centrali da smantellare (avendo oltre 30 anni di attività), ma non sapendo come smaltire le scorie è probabile che saranno costretti a tenerle in vita ancora per lunghi anni. Ma per quanto tempo? Come faranno queste centrali a resistere alle corrosioni radioattive e del tempo? E se non resistessero alle corrosioni quale flagello subirà l’umanità? 4) L'uranio non è economico, anzi, è costosissimo, lo sarà sempre di più. La sua scarsissima presenza in natura (2,8 ppm), tra l’altro in Paesi poco sicuri, farà lievitare i prezzi, per l’arricchimento di criminali senza scrupoli 5) Le centrali nucleari sono una follia già bocciata (saggiamente) nell’86. E oggi sono fuori dal tempo – visto le possibilità di produrre energia pulita e rinnovabile (solare, eolico, termico...). Il mio grido è forte e chiaro: NO AL NUCLEARE! SI ALLE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI!". gerrjg

22 Dic 2010, 19:16 | Scrivi | Commenti (57) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Dal punto di vista Energetico solo pochi Stati sono realmente
autosufficienti. Molte nazione
acquistano Energia ad altri stati produttori. L'Italia di oggi è in una
situazione
di gravissima
non-autosofficienza. Consiglio a tutti di visionare la mappa mondiale
dell'autosufficienza energetica che trovate a questo link (
http://www.ilmioeden.it/e-se-domani-non-avessimo-piu-energia/ )nella quale
si vede chiaramente la situazione di tutti i paesi del mondo. Possiamo solo migliorare.
In alto i cuori!
Roberto

Roberto Stanzani 10.11.13 19:46| 
 |
Rispondi al commento

Io il nucleare lo accetterei pure, ma solo quando saranno risolri i problemi delle scorie radiattive,fintanto che problema persiste ritengo inresponsabili coloro che non ne tengono conto, olre che non essere altruisti,perche il danno che andremo a creare alle generazioni future non è un danno che si risolverebbe in pochi mesi ma bensi in centinaia di anni senza avere una possibile soluzione a tut'oggi. Se qalquno pensa diversamente che vada a vedere dove hanno smaltito le scorie già esistenti delle varie nazioni che ne fanno uso e in questi ci facciamo parte anche noi.Speriamo che gli interessi di pochi non vadano sempre a discapito di tutti (anche questa volta)

nino 04.01.11 16:55| 
 |
Rispondi al commento

Produrre energia utilizzando solo le fonti rinnovabili è possibile, non inquinare è possibile!
Esistono già da anni case e quartieri “energeticamente autosufficienti” ovviamente l’Italia è sempre il fanalino di coda nonostante il nostro sia il Paese del Sole, comunque, per non andare oltralpe, in provincia di Ancona esiste una casa a zero emissioni di CO2
http://www.floornature.it/architettura_sostenibile.php?id=4&sez=21
Posso assicurare che da soddisfazione farsi pagare le bollette dal sole, dal vento, dall’acqua, non è un’utopia, oggi è realizzabile! Quindi smettetela di farvi prendere per i fondelli dai politici che straparlano di centrali nucleari di quarta generazione, i livelli di sicurezza possono anche essere migliorati ma voi siete sicuri al 100% per 100% che non possa risuccedere un disastro come quello di Chernobyl, ma dove eravate quando è successo? Ancora oggi il capitolo Chernobyl non è chiuso, basta cercare su internet, http://it.wikipedia.org/wiki/Disastro_di_Cernobyl stanno realizzando un mega-progetto per racchiudere il “sarcofago” perché, nonostante tutto il cemento che gli hanno buttato sopra, ogni anno si aprono nuove falle di 10-15 m di diametro facendo infiltrare l’acqua piovana che arriva radioattiva alla falda da dove può arrivare ovunque.
Inoltre NESSUNO HA RISOLTO IL PROBLEMA DELLE SCORIE! E’ dai tempi di Galileo che l’uomo è consapevole che la terra è rotonda e quindi mi sembra molto ingenuo pensare che se regaliamo le scorie al nostro vicino prima o poi non ci venga recapitato a casa un omaggio di prodotti radioattivi che il vicino stesso ci avrà prontamente impacchettato e infiocchettato. Forse non sapete che una scoria prodotta oggi ci metterà da un minimo di 300 anni ad un massimo di un milione di anni, a seconda della tipologia di reattore usato, a ritornare al livello normale di radioattività. Proporrei quindi di depositare le scorie nei giardini di coloro che sono ancora convinti che il nucleare sia LA soluzione!

Viola A. Commentatore certificato 30.12.10 17:58| 
 |
Rispondi al commento

Avete visto il nuovo spot www.Forumnucleare.it? A prima svista sembrerebbe
uno spot democratico, già il nome stesso (e la struttura dello spot)
fanno intuire che nel sito web ognuno possa esprimere la propria opinione in merito, e si possa instaurare un dibattito.
Incuriosito
vado nel loro sito, dopo aver visto vari articoli PRO nucleare clicco sul
tag IL FORUM per dare la mia opinione; ma non trovo nessun "login" o
"registrati", non c'è nessuna discussione o commento, c'è solo lo statuto.
Così lo leggo in cerca di istruzioni su come accedere al forum e "postare il proprio commento"
Ma non ci sono istruzioni, spiega però che:
---
[...]L'Associazione è costituita come ente culturale, formativo[...]si
propone, in particolare, di costituire un forum di
discussione avente ad oggetto lo sviluppo dell'energia nucleare in
Italia[...]sostenere il nucleare come una delle soluzioni possibili
dell'equazione
energetica;[...]I Soci Fondatori sono ENEL S.p.A. ed E.D.F. International
S.A.[...]
---

Io un'opinione me l'ero già fatta, ma trovo questo spot e questa campagna
PRO-NUCLEARE oltre che subdola, dannosa per il nostro Paese, perché secondo
me viola i presupposti di una libera informazione.

La campagna fino ad ora è costata 6 MLN di Euro, li pagheremo noi con le
nostre bollette: è solo l'antipasto del Nucleare.
Buon Appetito

Marchioro Giuseppe 27.12.10 15:26| 
 |
Rispondi al commento

Avete visto il nuovo spot www.Forumnucleare.it? A prima svista sembrerebbe uno spot democratico, già il nome stesso (e la struttura dello spot) presuppone che nel sito web si possa instaurare un dibattito, incuriosito vado nel loro sito, dopo aver visto vari articoli PRO nucleare clicco sul tag IL FORUM per dare la mia opinione, ma non trovo nessun "login" o "registrati", non c'è nessuna discussione o commento, c'è solo lo statuto. Così lo leggo in cerca di istruzioni per poter esprimere la mia opinione. Ma non ci sono istruzioni, spiega però che:
>
Io un'opinione me l'ero già fatta, ma trovo questo spot e questa campagna PRO-NUCLEARE oltre che subdola, dannosa per il nostro Paese, perché secondo me viola i presupposti di una libera informazione.

La campagna fino ad ora è costata 6 MLN di Euro, li pagheremo noi con le nostre bollette, è solo l'antipasto del Nucleare.
Buon Appetito

Giuseppe Marchioro 27.12.10 15:20| 
 |
Rispondi al commento

Ho trovato questo dispaccio Americano in Wikileaks dove riporta la fregatura e l’antieconomicità delle centrali epr.

http://wikileaks3.no-ip.org/cable/2009/07/09SOFIA363.html

ecco qualche parola tradotta con Google Chrome:
SINTESI: la centrale nucleare di Belene (BNPP) è gravata da un superamento dei costi, problemi, ritardi nella costruzione, e ora la sicurezza e le preoccupazioni serie di garanzia di qualità. Belene potrebbe finire per costare alla Bulgaria più del denaro nel lungo periodo FINE SOMMARIO—
SICUREZZA E QUALITA ‘IGNORATO—————

2 Corrotta da molti, politici, finanziari e problemi tecnici, il progetto della centrale nucleare di Belene continua ad andare avanti nonostante le forti avvertenze sulla sicurezza e qualità del progetto

http://wikileaks3.no-ip.org/cable/2009/02/09SOFIA69.html

ecco qualche parola tradotta con Google Chrome:
I nostri contatti dicono che alcuni funzionari bulgari stanno cominciando ad ammettere di aver comprato “un limone” Le stime dei costi di Belene (la centrale) continuano a salire sempre più in alto ad 8 miliardi di euro il doppio del prezzo originale

poi se si parla di sicurezza:
ne ho un altro di altra nazione, dove si riporta insicurezze rilevate nei vari controlli, Solo tre agenti di sicurezza specializzati, 21 guardie, più 12 guardie private, che ruotano a turni con altri, per 24 ore al giorno per 365 giorni all’anno, il dispaccio, solleva poi il fatto che molti sono anziani, altri dormono sul lavoro e sono carenti di formazione, conclude evidenziando, vulnerabilità sostanziali.
Poi sono stati rilevati elevati livelli di radiazione nelle culture alimentari vicine, rilevate con un contatore Geiger, rischio di ulteriori furti e riporta un esempio, di un furto già avvenuto in quel deposito, di barre di combustibile nucleare rubato di cui una (il resto non trovato) recuperata dalle autorità italiane, che la mafia italiana a Roma, stava cercando di vendere ad acquirenti non identificati in Medio Oriente.

spulciando 27.12.10 12:02| 
 |
Rispondi al commento

Ma vi rendete conto di chi ha promosso il nucleare? Persone probabilmente corrotte, ministri a curare interessi miliardari per la nazione, ministri che non sanno nemmeno chi gli ha pagato la casa. Sono questi i personaggi di cui ci dovremmo fidare?
oppure sono questi i personaggi su cui si dovrebbe indagare.

CHI CORROMPE O E' CORROTTO CON INCARICHI ISTITUZIONALI DOVREBBE MARCIRE IN GALERA!
ALTRO CHE INCOMPATIBILITA' CON IL CARCERE.
IN GALERA!! VFK SIETE IL CANCRO DEL PAESE!

PRESTITOGIACOMO 26.12.10 23:39| 
 |
Rispondi al commento

Ricordo che la soluzione alla Co2 (Anidride carbonica) è preservare le piante da deforestazioni selvagge (vedi Amazzonia) promuovendo la loro diffusione e non sterminio.
Le piante verdi per FOTOSINTESI CLOROFILLIANA TRASFORMANO DA SEMPRE LA CO2 (ANIDRIDE CARBONICA) IN OSSIGENO. La Green economy, rispetta la natura e l'uomo, la graduale sostituzione delle energie sporche e non rinnovabili, come il carbone o l'uranio del nucleare, con soluzioni energetiche da fonti rinnovabili gratuite, come il sole, il vento e l'acqua che scorre, insieme ad una omogenea decrescita data da nuove tecnologie sempre più attente ai consumi e agli sprechi, ci sarà benessere, salute e tantissimi nuovi posti di lavoro.
Per 1 Kg di uranio arricchito se ne creano 11 di impoverito (300 tonnellate sparate nella guerra del golfo)
Le scorie sono un problema che si scarica, con i suoi costi e pericoli sulle generazioni future.
Vorrebbero costruire centrali in Italia che detiene il triste primato di terremoti europeo.
Se le scorie durano millenni e millenni (Da Cristo a noi, sono solo due millenni) vuol dire che per millenni dovremo pagare personale specializzato per controllarle dalla corrosione, (Nota: ad esempio i cilindri di acciaio che contengono esalfuoruro di uranio sono stimati in decadi non millenni) poi militari che preservino i cimiteri radioattivi da atti di sabotaggio (si pensi che con un grammo di scorie si possono fare stragi) tutto questo sarà un costo vivo in stipendi ed appalti ad agenzie per millenni da sommare allo smantellamento delle centrali. Se ci avessero detto che a tuttora gli Italiani pagano ancora 500 Milioni di euro ogni anno per lo smantellamento delle vecchie centrali, (e siamo tuttora a percentuale di smaltimento pari quasi a zero) forse non le avremmo volute sin dall'inizio.
Fate attenzione perchè non vi dicono i pericoli, le spese e i veri costi di gestione Scorie.
La Rivoluzione verde o Green economy è appena iniziata e nessuno potrà fermarla.
Buone Feste

FOXKID 26.12.10 22:56| 
 |
Rispondi al commento

Se le scorie durano millenni..
vuol dire che qualcuno se ne dovrà occupare per millenni..
Se Agenzie, addetti e personale specializzato e militari dovranno occuparsene..
vuol dire che dovremo pagare stipendi per millenni..
Non esistono siti sicuri, basti ricordare nello storico di errori e balle nucleari annunciate, il sito americano di scorie dello Yucca Mountain, 20 anni, 7,7 miliardi di dollari buttati, doveva ospitare 77'000 tonnellate di scorie ed essere a tenuta stagna di aria e infiltrazioni per 10'000 anni, ABBANDONATO PERCHE' GIUDICATO INSICURO.
Asse in Germania? dopo 15 anni fuoriuscite di cesio.
Se l'uranio è in esaurimento,
vuol dire che saremo schiavi di chi lo produce.
Se nel 2012 scade il contratto stipulato da Cernomyrdin con Al Gore in cui la Russia si è impegnata a Svendere sottocosto, uranio altamente arricchito,
(500 tonnellate ottenute dalla riduzione di armamenti nucleari)
vuol dire che scaduto il contratto l'uranio andrà come prezzi alle stelle.
Se in Russia hanno fatto la banca dell'Uranio,
vuol dire che chi si indebiterà per le centrali, dovrà ulteriormente farlo per il suo combustibile.
Le banche guadagnano sui debiti delle nazioni tenendole in questo modo sotto scacco perenne.
Il Sole il vento e l'acqua sono fonti di energia rinnovabili gratuite che rispettano le piante che TRASFORMANO la CO2 in OSSIGENO. Le centrali nucleari, usando uranio ci renderanno schiavi di tal combustibile e di chi lo commercia, Uranio che saremo costretti a comprare da quelle stesse banche di Uranio. Con il nostro debito pubblico pensate forse che lo pagheremo in contanti? ancora altri tassi e debiti che ci stritoleranno per sempre, rendendoci schiavi di una tecnologia altamente pericolosa per la salute ma soprattutto per le nostre tasche. Debiti per le centrali, debiti per il loro combustibile (uranio) debiti per il suo arricchimento, debiti per decommissioning (smantellamento) debiti per le scorie, per trasporti, riprocessamenti siti e sicurezza

FOXKID 26.12.10 21:59| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti !
Abbbiamo visto in questi giorni come siano partite le campagne pubblicitarie a favore del nucleare.
Campagne semplici semplici, quasi elementari. E' l'inizio..ne arriveranno altre, con ogni media porteranno le loro tesi. I soldi per modificare l'opinione pubblica attraverso questi metodi sono gia' nei loro budget... Possiamo fare poco pero'..qualcosa possiamo fare. Ad esempio, qualcuno puo' chiedere a Federica Pellegrini se sa cos'e'l'Enel e se sa cosa fa ? Perche' magari sta povera ragazza non sa niente dell'Enel e non sa niente del nucleare. E vedere un testimonial informato che cambia idea sarebbe una gran bella vittoria e un ottimo messaggio!

Ivan Zecchin 26.12.10 17:48| 
 |
Rispondi al commento

Rubbia: "Né petrolio né carbone
soltanto il sole può darci energia"

http://www.repubblica.it/2007/03/sezioni/ambiente/energie-pulite/rubbia-solare/rubbia-solare.html

Bartolomeo Nicolotti 25.12.10 21:40| 
 |
Rispondi al commento

Parla il Nobel per la Fisica Rubbia: "Inutile insistere su una tecnologia che crea solo problemi e ha bisogno di troppo tempo per dare risultati". La strada da percorrere? "Quella del solare termodinamico. Spagna, Germania e Usa l'hanno capito.

http://www.repubblica.it/ambiente/2009/11/29/news/rubbia_lerrore_nucleare_il_futuro_e_nel_sole-1819909/

Bartolomeo Nicolotti 25.12.10 21:32| 
 |
Rispondi al commento

nucleare in itaglia: c'è da avere i brividi solo a sentirne parlare, visto l'efficienza con cui gestiscono i rifiuti o le ferrovie

paul 25.12.10 21:09| 
 |
Rispondi al commento

Vedi danilo, non basta dire che il nucleare non produce CO2 mentre il petrolio e il gas si, perchè il nucleare produce scorie radioattive mentre il petrolio no, quindi con il nucleare, semplicemente sostituiremo un problema con un altro, e alla fine non risolviamo niente.

E poi sono ricerche scientifiche a dire che l'uranio finirà nel 2060 se il suo consumo resterà "COSTANTE" e se non verranno scoperti altri giacimenti di uranio, e siccome molti altri stati stanno aumentando il consumo di uranio, per esempio ci sono gli stati uniti che, come hai detto tu stanno costruendo nuove centrali nucleari, poi c'è l'iran che ha cominciato ad usare il nucleare non solo per la produzione di corrente, e poi aggiungiamoci anche noi se il nucleare verrà approvato, più altre nazioni che hanno in progetto la costruzione di centrali nucleari, allora se noi finiremo di costruire le centrali nel 2020, potremo usarle solo per 10 anni, dopodichè l'uranio sarà finito, e che ce ne facciamo noi di queste centrali?

Le energie rinnovabili non bastano per il nostro fabbisogno energetico, ma per questo dobbiamo cominciare da subito ad investire nelle energie rinnovabili, così, quando l'uranio finirà, noi potremmo essere già ad un ottimo livello di sviluppo delle rinnovabili, e quindi sentiremmo di meno la crisi energetica che avranno i paesi che hanno puntato sul nucleare. Se tu poi, preferisci che l'italia si accontenti di costruire le centrali nucleari quando l'uranio sta per finire, e ti accontenti quindi delle ultime briciole di uranio, fai pure, io preferisco puntare sullo sviluppo delle rinnovabili che non dobbiamo comprare da nessuno, non finiranno mai e non preducono nè CO2 nè scorie radioattive.

E poi basta dire che il referendum è vecchio, io spero che si rifaccia presto un altro referendum così vedrete che gli italiani diranno ancora una volta NO AL NUCLEARE

Valerio 25.12.10 19:17| 
 |
Rispondi al commento

Oggi chi pensa all'uso del nucleare è in perfetta mala fede. Pensa già obsoleto, pensa già alle folli tangenti che ne scaturirebbero, pensa solo a sè stesso e non ai figli e ai nipoti che erediteranno la terra e le sue scorie.

Oggi non abbiamo più bisogno del nucleare abbiamo già una fonte di energia pulita e inesauribile: il sole.
Tenete lontane le vostre mani lorde dai miei figli e dai miei nipotini. Mai il nucleare!

silvana l., bologna Commentatore certificato 25.12.10 18:58| 
 |
Rispondi al commento

1)il referendum è stato fatto nell'87;
2)le fonti energetiche rinnovabili sono limitate al momento (e lo saranno ancora per molto) e nella migliore delle ipotesi riuscirebbero a provvedere al 10-15% del fabbisogno mondiale;
3)non prendendo in considerazione che SIAMO e SAREMO per sempre una società di consumisti, e che il paradiso terrestre resterà per sempre in alcuni angoli della terra (o in libri e opere d'arte),
non ci renderemo mai conto che saremo sempre petrolio-dipendenti.
4)la care centrali elettriche a carbone e gas, inquinano,a differenza di quelle nucleari con 0 emissioni di CO2, ma voi faziosi e politicizzati odiate dirlo, e pure tanto, basti pensare che con un grammo di uranio si producono milioni di elettronvolt contro i 4! prodotti dalla reazione di una molecola di carbonio con 2 di ossigeno.
5)dire che l'uranio è presente in 2,8 ppm vuol dire che ce n'è quanto lo stagno.
6)se le cen. nucleari sono pericolose, come mai non parliamo mai delle vittime dei vari cedimenti delle dighe, o delle miniere, o degli incidenti mentre si estraggono petrolio o gas??
7)il nucleare è ATTUALMENTE LA REALE SOLUZIONE CONTRO L'EFFETTO SERRA E LA NOSTRA VITALE ESIGENZA ENERGETICA SEMPRE PIU' IN AUMENTO.
MA QUELLO CHE MI DA PIU' FASTIDIO E' CHE UNA VOLTA IN QUESTO BLOG SI LEGGEVANO COMMENTI INTELLIGENTI, ORA LA MAGGIOR PARTE SONO SCONTATI, BANALI, POLITICIZZATI.
CHE VI DEVO DIRE NOI ITALIANI SIAMO SEMPRE I PIU' FURBI. $
TUTTE LE PIU' GRANDI POTENZE DEL MONDO CORRONO AL NUCLEARE PER AUTODISTRUGGERSI (CHIEDETE A BARACK) E LASCIARE NOI ITALIANI A GESTIRE LE SORTI DELL'UMANITA'.
UN ULTIMA COSA PERO', DECIDETEVI, O IL NUCLEARE SERVE AD ARRICHIRE I "POTENTI" (ED E' QUI CHE NASCE IL MIO FASTIDIO PER VOI ANTINUCLEARISTI,NON VE NE FREGA NULLA DELL'AMBIENTE) O E'UNA UNA PERICOLOSA ARMA CHE CI DISTRUGGERA' TUTTI.
PERCHE' QUESTE DUE SUPPOSIZIONI SONO UN PO DISTANTI TRA LORO A LIVELLO CONCETTUALE.
SALUTI.

danilo damiano 24.12.10 19:20| 
 |
Rispondi al commento

Senza se e senza ma: NO AL NUCLEARE anzi un bel VAFFANCULO AL NUCLEARE

Bruno Cinque (b5), Trieste Commentatore certificato 24.12.10 15:29| 
 |
Rispondi al commento

repetita iuvant.
Vedo quì e là calcoli sul costo della sorveglianza dei rifiuti radioattivi che non hanno fondamento.
L'idea di una vigilanza continua delle scorie per 10000 anni o 100.000 anni (e perchè non per 10 milioni di anni?) è bizzarra.
Perchè non ci mettiamo a vigilare le case costruite con il tufo (contengono plutonio, ma è una notizia riservata, da non divulgare)?
Oppure a sorvegliare l'acqua potabile ricca di arsenico? Fra 100000 anni ci sarà ancora, non decade come la radioattività
O il mercurio contenuto nei pesci che peschiamo?
Farei così: estrarrei tutto il mercurio da ogni pesce pescato nel mare inquinato, lo metterei in un deposito permanente sotto sale, poi poichè il mercurio non decade come l'uranio calcolerei i costi di sorveglianza per 10 miliardi di anni, oltre no perchè poi il sole si espanderà fino a cancellare la vita sulla Terra, se ci fosse ancora.
Oppure mettiamo sotto sorveglianza perenne i cimiteri perchè i corpi dei morti contengono C14, che ha un'emivita di 5700 anni, quindi perchè la radioattività del C14 decada a livelli trascurabili aspettiamo 50.000 anni e calcoliamo i costi del caso!

He f. Commentatore certificato 24.12.10 00:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

vorrei chiedere a Gaab Rius che ha definito barone il prof Marino Mazzini, citato dal lettore giggi costa.
Conosce personalmente il prof Mazzini?
Se no, ritiene sia corretto etichettarlo a priori?
Le racconto un episodio che mi è stato riferito da un amico, all'epoca sindaco di Montalto di Castro: durante la costruzione della c.le nucleare il prof Mazzini era consulente del Comune: andava di tanto in tanto in treno da Pisa a Montalto di Castro e qualcuno andava a prenderlo alla stazione distante dal paese diversi km e in aperta campagna: mi diceva l'es sindaco, mio amico, che il prof era una persona schiva, si vergognava di scomodare le persone, preferiva aspettare anche molto tempo ma usare il pullman, evitava cortesie anche banali, come un modesto pranzo. Era una persona mite, gentile e onesta: forse sono questi i baroni che intende il ns amico Gaab Rius

He f. Commentatore certificato 23.12.10 23:42| 
 |
Rispondi al commento

Una cosa che nessuno dice è che indipendentemente dall'essere d'accordo o no, visto che (fortunatamente) esiste la Direttiva europea 28 (quella del 20-20-20) che ci "obbliga" ad avere entro il 2020 una quantità di rinnovabili intorno al 17% e visto che l'Italia è indietro, arrivati al 2020 se malauguratamente qualche pazzo dovesse aver costruito delle centrali nucleari (passando prima sui nostri corpi) andrebbero comunque tenute spente e dovremmo acquistare energia rinnovabile da altri paesi per rispettare la direttiva, così oltre il Danno ci sarebbe la Beffa. Questo argomento di per sè potrebbe smontare qualsiasi Umberto Veronesi del caso (o del caz.o). Se poi si aggiunge tutto quello che si è detto in precedenza (Referendum, scorie, etc...) e il fatto che se in Finlandia ci stanno mettendo e spendendo molto più del previsto figurarsi da noi! Si capisce come quella del Nucleare sia una delle scelte più assurde che si possano fare.
Mi raccomando a tutti i lettori del Blog sostenete la Direttiva 28 ! Infatti visto che pone alle amministrazioni Comunali la responsabilità finale ci facilita il compito autorizzandoci ad andare nel nostro comune e richiedere che si faccia una pianificazione energetica sostenibile.
http://consorzioenergetico.wordpress.com


Il problema e che anche quando dopo mille sforzi riesci a mettere le pale eoliche, arriva qualche ambientalista o presunto critico d'arte che dice che così facendo deturpiamo il paesaggio. Ne andasse mai bene una.

g.n. 23.12.10 21:59| 
 |
Rispondi al commento

abbasso il nucleare.viva le rinnovabili.
le lobbi sono sempre pericolose.......

martino filippeddu 23.12.10 17:26| 
 |
Rispondi al commento

sul terzo punto non sono tanto daccordo, molte centrali possono chiudere dopo i 30 anni perchè molte scorie francesi e tedesche non pesano per niente nei loro territori, e lo sapete dove vanno a finire? nel nostro sottosuolo e nei nostri mari, così i proprietari delle centrali francesi e tedesche risparmiano molti soldi che dovrebbero destinare allo smaltimeno, e i nostri mafiosi('ndrangheta su tutti) si fanno pagare per smaltire "a modo loro" le scorie radioattive, e chi paga le conseguenze siamo sempre noi che abitiamo in zone dove ci sono radiazioni molto alte senza che nessuno ne sappia il motivo, e che in estate ci facciamo il bagno in mari che crediamo puliti

Valerio 23.12.10 14:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ottima idea è parlare degli inerti. Perché per ogni chilo di uranio la miniera produce tonnellate di materiale pericoloso che si aggiungono alle contaminazioni nei processi di raffinazione e così via, come dimostrano i casi in Francia. Ci sono oggi varianti tecniche nei processi di fissione che utilizzano meglio il combustibile nucleare. Con una gestione ottimale e chiusa dei processi si potrebbero minimizzare i danni, anche se in un Paese senza etica imprenditoriale, politica e della comunicazione come l'Italia io NON MI FIDEREI MAI. In realtà non sappiamo se l'industria nucleare è più o meno dannosa delle emissioni di CO2 dei combustibili fossili con cui stiamo cuocendo la Terra. E l'Italia conta troppo poco per cambiare le cose rispetto a India e Cina. La ricerca nucleare va in ogni caso portata avanti senza demonizzazioni. L'energia che deriva dalla fusione nucleare dell'idrogeno (il combustibile più diffuso dell'universo) l'abbiamo ogni giorno davanti ai nostri occhi (il Sole). Possiamo captarla con i pannelli solari e forse in futuro anche produrla. Invito a considerare il fatto che così come nessuna energia è in sé pulita o "sporca", NON E' "PULITO" L'USO CHE L'UOMO FA DELL'ENERGIA. Senza apporti d'intelligenza e consapevolezza dell'ambiente, la disponibilità d'energia dei pannelli solari non fa che prolungare modelli di vita distruttivi per l'ambiente. Per intenderci poco importa se uso carbone, petrolio o solare per far andare le fabbriche inquinanti o i camion che ne spargono rifiuti nocivi nelle campagne.

Peter Amico 23.12.10 12:11| 
 |
Rispondi al commento

Complimenti per i toni, sempre pacati e propensi al dialogo. Direi che anche stavolta si ritorna al discorso “scorie” che sta alle polemiche come il colore nero alla moda: va bene per ogni stagione.
Per chi volesse meglio comprendere cosa sono e come vengono messi in sicurezza i rifiuti del ciclo elettronucleare, consiglio caldamente un testo di Marino Mazzini pubblicata qui (http://www.archivionucleare.com/index.php/2009/11/25/scorie-radioattive-mito-ridimensionare/) e intitolato “Le scorie radioattive un mito da ridimensionare”. È un testo lunghetto, con qualche inevitabile dettaglio tecnico, visto che l'autore è professore ordinario del raggruppamento “Impianti nucleari” presso l’Università di Pisa. L’articolo inizia così: "Credo non sia più possibile tacere di fronte alla strumentalizzazione del rischio nucleare di alcuni gruppi della nostra società. Essi, sfruttando la paura della gente, hanno fatto di tale rischio una vera e propria costruzione intellettuale per i propri scopi politici e personali (carriera), distorcendo completamente la verità". Come dar torto al professore?!


devono per forza farci pagare!
l'energia se volessero...sarebbe gratuita!
persino le onde del mare,pompando un ipotetico pistone, produrrebbero energia.
intere autostrade,dotate di pale eoliche,azionate dallo spostamento d'aria dei veicoli in transito.
IL MOTO PERPETUO ESISTE
ma purtroppo per noi, non produce ricchezza!

massimiliano p., roma Commentatore certificato 23.12.10 11:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se qualcuno fosse interessato a costruire impianti di energia rinnovabile con l'azionarato popolare...(quindi passare ai fatti)

guardatevi questo video

http://www.youtube.com/watch?v=oo4gIcf0cfw

noi a Genova abbiamo aderito come meet-up e stiamo costruendo il nostro primo impianto...

per maggiori informazioni leggete il thread sulla bacheca

http://www.meetup.com/AmicidiBeppeGrilloGenova/messages/boards/

e visitate il sito
http://www.retenergie.it/

cristiano ., genova Commentatore certificato 23.12.10 11:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Certo che se ci si mette pure lo strano comportamento delle Regioni (ad esempio l'Emilia Romagna)... ma anche altre lo hanno fatto!!!
Prima affossano l'utilizzo delle risorse rinnovabili mediante una regolamentazione assurda e faziosa (favorevole solo ai soliti pochi amici) che apre di fat...to le porte al nucleare e poi chiede che si può fare tramite un premio.. Mah..

massimo rossi 23.12.10 11:05| 
 |
Rispondi al commento

Tanto per fare due conticini..
allora consideriamo SOLO i costi delle scorie, che nessuno vuole mai indicare.
Ad esempio:
Centrale di Olkiluoto, Finlandia, produzione dichiarata 1600MWh.
Supponiamo una durata utile di circa 50 anni..
In totale la produzione sarà:
1600MWh x 24h x 365g x 50y = 700.800.000 MW totali

Adesso supponiamo che le scorie vengano stoccate per 'soli' 10.000 anni ( o meglio che entro tale periodo si sia trovata la soluzione per abbattere completamente le radiazioni – siamo positivi ) e supponiamo che il costo annuo non superi i 100 milioni di euro (si pensi che già adesso per le centrali italiane, ancora da smantellare – si farà tra 20 anni-, si spendono minimo 300 milioni di euro all'anno).
Il costo totale sarà quindi di
100.000.000 x 10.000 = 1.000.000.000.000
che diviso 700.800.000 (energia totale prodotta) da un costo unitario di MWh pari a 1426 euro… ovvero
1,43 euro al KWh
Alla faccia della convenienza.
E questi sono (penso sottostimati) i soli costi per lo 'smaltimento' delle scorie..
Se nel calcolo ci aggiungiamo tutti gli altri costi e rischi.. (costruzione, gestione, arricchimento, riciclo, trasporto) ed i costi sanitari.. ti salutoooo nucleare

andrea68 23.12.10 10:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

condivido pienamente quello che dici e il tuo modo di pensare ma non capisco perchè eviti i confronti con gli altri politici ................. se ti batti per degli ideali fin troppo giusti devi anche affrontare il male guardandolo negli occhi.................. !!!!

alfonso scarano 23.12.10 10:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono decisamente contrario al nucleare ed in generale a qualsiasi forma di energia che ci obblighi a consumare (e quindi COMPERARE) una qualunque forma di combustibile! Abbiamo il sole ed abbiamo il vento che ci REGALANO energia che fino ad adesso abbiamo buttato o utilizzato in minima parte. Bisognerebbe invece favorire la ricerca e lo sviluppo di queste fonti alternative, che dovrebbero diventare sempre meno alternative. Si calcola che catturando solo lo 0,3% dell'energia solare che viene dispersa nel Sahara si potrebbe alimentare tutta l'Europa (ci sono già dei progetti a riguardo)! Il problema è che i pannelli solari una volta installati non BRUCIANO NIENTE e non ci costringono a pagare NESSUNA TASSA sui carburanti! E' questa la grande paura, nessuno comprerebbe più un Kg di combustibile perché l'energia ci viene regalata GRATIS dal sole. Si torna a parlare di nucleare per il semplice fatto di poterci vendere ancora combustibile (uranio) e quindi ricreare un MONOPOLIO su questo come quello che c'è sul petrolio, un monopolio che alimenta guerre e sfruttamento nel mondo. Il motivo per cui ci viene proposto il nucleare è questo e solo questo! Oltre al fatto di poter speculare sulla costruzione delle centrali.

MArco Bracchi 23.12.10 10:34| 
 |
Rispondi al commento

con un larussa e simili al ministero della difesa sara' che vogliono anche costruirsi la loro bombetta nucleare.
con la scusa del nucleare civile, cosa gia' di per se orrida, antistorica e fallimentare, aggiungeranno orrido all'orrido mettendosi a giocare anche col nucleare militare.
per la serie al peggio non c'e' mai fine.

francesco pace (francesco pace 51), bologna Commentatore certificato 23.12.10 09:32| 
 |
Rispondi al commento

Ma al di là di qualsiasi considerazione tecnica sul nucleare, con quale coraggio affidare la gestione di centrali nucleari a questa classe politica?

Ezio Celin 23.12.10 09:03| 
 |
Rispondi al commento

L'ORDINE E':MANDIAMOLI TUTTI A CASA....SCIOPERO GENERALE AD OLTRANZA-TUTTI NESSUNO ESCLUSO-TANTO NON CI STANNO A FARE NIENTE.
STANNO LI SCAZZANO,CHIACCHERANO E SOPRATUTTO RISCUOTONO....E POI PRETENDONO CHE LI DIAMO IL VOTO E I RIMBORSI ELETTORALI....FANCULO!
SPENDANO SOLDI IN PUBBLICITA' CRETINE(POI MANCANO I SOLDI PER L'UNVERSITA'E I SERVIZI)FANCULO..!

roby f., Livorno Commentatore certificato 23.12.10 08:46| 
 |
Rispondi al commento

E CHE PROBLEMA C'E'? I RIFIUTI NUCLEARI LI SMALTIAMO IN QUEL DI ARCORE: UN PO' IN GIARDINO, UN PO' IN CANTINA, UN PO' IN SALOTTO...

NO AL NUCLEARE! SI ALLE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI

gabra s. 23.12.10 02:35| 
 |
Rispondi al commento

E' risaputo oramai che le rinnovabili sono la migliore soluzione per creare
energia e questo è provato da ESPERIENZE DIRETTE ed attuate in USA ispirati
dalle scoperte italiane(noi siamo stati uno dei primi paesi a sperimentare
il solare mentre oggi siamo tra gli ultimi) nelle quali si riesce a
produrre energia anche di notte; e questo GIA' ACCADE! Secondo i calcoli
effettuati utilizzando solo il 10% di territotio di uno stato (mi sembra
l'Arizona) si riuscirà a fornire energia elettrica a tutti gli USA. Ci
vorrà tempo ma la strada sembra essere questa. Ed allora perchè si riparla
di nucleare in Italia? Se veramente la politica vorrà fare un atto di forza
per i propri interessi economici per quanto mi riguarda gli incidenti nelle
manifestazioni durante la protesta degli studenti a Roma sembreranno una
scampagnata con picnic. "

Alex C 23.12.10 00:58| 
 |
Rispondi al commento

Senza inventarsi niente:

http://www.npower.com/web/At_home/electricity_and_gas/Products/Juice/index.htm

Io vivo in UK e nPower offre la possibilità - senza pagare niente? Devo capire! - di aderire a nPower juice e nPower si impegna ad immettere nel sistema tanta energia prodotta da energie rinnovabili quanta te ne consumi.

In fondo alla pagina c'è una tabella che mette in evidenza di dove viene fuori l'energia attualmente:

Fuel Type Percentage Used
Coal 31%
Gas 57%
Nuclear 3%
Renewable 6%
Other 3%

3% di Nucleare. Non so quante centrali nucleari ci sono qui ma mi sono sentito dire che in UK la corrente costa meno (è vero) perché "voi avete le centrali nucleari".

Beh, non è vero!

antonio marcheselli, Signa (FI) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.12.10 23:38| 
 |
Rispondi al commento

scusate ho un dubbio: l'Italia nn si era già espressa nel referendum del 1987 con un bel NO AL NUCLEARE????
ma se questo governo vuole delegittimare l'espressione di un popolo cosa gli vieta di mettere mano anche al referendum sul divorzio e a quello sull'aborto?!?!?

manuela m., bologna Commentatore certificato 22.12.10 23:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lo ripeterò fino alla nausea!
sotto tutto questo finto pronucleare sicuro, necessario, si nasconde un enorme giro di affari, a spese esclusive dei cittadini italiani e a beneficio immediato di politici, imprese e affini, poi se tra venti anni arriva l'energia tanto agognata bene sennò chissenefrega.
Bisogna ricordare agli ingenui sostenitori che il loro affanno, il loro prodigarsi alle ragioni del nucleare, è tutto volontariato, beneficenza, per i ladroni che scalpitano affinché i lavori abbiano inizio.
Questa è la realtà, come quella delle risatine e lo sfregamento di mani alla notizia del terremoto in Abruzzo di spregiudicati e cinici imprenditori.

Francesco B. 22.12.10 22:55| 
 |
Rispondi al commento

L'indottrinamento è già incominciato.
Non so se avete visto quegli spot che parlano di nucleare e fanno pubblicità ad un sito www.forumnucleare.it ?
Chi mai ci sarà dietro? Chicco Testa... detto questo detto tutto.
No al nucleare, è costoso, inutile (U235 finirà in tempi rapidi), e ha dei rischi talmente elevati che i paesi più evoluti che lo hanno da tempo stanno cercando di uscirne.
A giudicare dai commenti su quel forum sembra che l'indottrinamento stia funzionando. La superficialità la fa da padrona nei commenti.

Alessandro A., Milano Commentatore certificato 22.12.10 22:32| 
 |
Rispondi al commento

La decisone del governo di puntare sull'energia nucleare,ormai obsoleta,pericolosa e costosissima é gravissima e non risolve i problemi della crisi energetica".Lo dice l'esponente dei Verdi Angelo Bonelli,che osserva:"Le attuali 436 centrali atomiche nel mondo producono solo il 6% dell'energia mondiale e le attuali scorte di uranio saranno sufficienti solo per i prossimi 35,40 anni.Quindi passeremo presto dal caro petrolio al 'caro uranio'.Inoltre,dalle fonti rinnovabili,solare,eolico ed idroelettrico già oggi si produce nel mondo il doppio di quanto si ricavi dal nucleare"."Il costo per la costruzione e la gestione delle centrali é elevatissimo.Proprio per queste ragioni paesi come Germania,Spagna ed Olanda hanno deciso di abbandonare questa fonte energetica.Le centrali, infatti,dovrebbero essere pagate dallo Stato e quindi dalle tasche degli italiani,che,ancora oggi,pagano in bolletta circa 300 milioni di euro per la gestione delle scorie delle vecchie centrali!I problemi di sicurezza sono ancora oggi irrisolti come dimostra l'incidente in Slovenia ed un incidente,casisticamente possibile,avrebbe conseguenze devastanti per centinaia di anni.Per non parlare dell'elevato fabbisogno di acqua necessario:in Francia circa il 40% dell'acqua potabile è destinato al funzionamento delle centrali"."Tutte queste ragioni tecnico-scientifiche -sottolinea- dovrebbero far comprendere che il nucleare radioattivo è ormai una fonte superata e che bisogna puntare con forza sulle fonti rinnovabili e pulite come il solare,sull'efficienza energetica,sull'idrogeno per il trasporto e sulla ricerca sul nucleare da fusione e quindi non radioattivo e senza scorie.Su una decisione di questo tipo l'irresponsabilità del governo è massima.Gli italiani si sono già espressi con un referendum e solo loro possono decidere su una questione che rischia di mettere a repentaglio il destino delle future generazioni.Così si fa un regalo solo alle grandi lobby dell'energia e non si pensa al bene del paese.

Esponente dei verdi Angelo Bonelli - 06-08-2008 16:14 - Fonte Ansa 22.12.10 20:24| 
 |
Rispondi al commento

Le CENTRALI NUCLEARI sono RADIOATTIVE come questo GOVERNO, MEGLIO EVITARE !

Carlo Carli 22.12.10 19:50| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori