Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Rossita, la nave dei veleni


Rossita.jpg
Varare Rossita, nave di 1.700 tonnellate destinata a trasportare scorie radioattive e resti di sottomarini nucleari russi (ma dove li porterà?) di venerdì 17 dicembre vuol dire sfidare la sorte.
"Alla presenza del ministro allo Sviluppo Economico, Paolo Romani, e del suo omologo russo, Viktor Khristenko, è stata varata nel cantiere spezzino del Muggiano di Fincantieri la nave Rossita. Concepita per trasporto di combustibile irraggiato e rifiuti radioattivi derivanti dallo smantellamento di sommergibili nucleari russi, la sua realizzazione era stata avviata nel 2008 in seguito al contratto da 70 milioni di euro erogati dal dicastero allo Sviluppo, ma la consegna dell'imbarcazione è parte di un accordo da 360 milioni del 2003 nell'ambito di una "Global Partnership" ratificata dal Parlamento nel 2005. Frutto di un "progetto fortemente innovativo" di Fincantieri, Rossita è lunga 84 metri, larga 14, ha una capacità di carico di 640 tonnellate e potrà viaggiare alla velocità continuativa di 12 nodi con un equipaggio di 23 persone. La sua importanza è legata ai sempre più cogenti standard internazionali previsti per il trasporto di contenitori per combustibile nucleare esaurito e rifiuti radioattivi. Una nave dei veleni, insomma. Ma in regola, rispondente alle norme di sicurezza più severe, varate per contrastare quello che per i mari di tutti i continenti, è stato un anno nero.
Rossita si distingue per la sua originale missione. Nella sua stiva non viaggeranno solo anonime scorie radioattive inumate in mezzo mondo, ma anche malinconiche spoglie di sottomarini nucleari dismessi dalla Marina Russa dopo anni di onorato servizio. Ne sono già stati smantellati quattro e un quinto aspetta l'ordine di demolizione. Due in più rispetto alle stime di partenza, grazie a una gestione dei costi oculata condotta alla pari da Russa e Italia. Di fronte a questi relitti giganteschi, spiaggiati negli hangar come balene fredde e colossali, il tuffo nella memoria è inevitabile. Di questi antichi sottomarini, partoriti alla fine degli anni '50 in competizione con gli Stati Uniti, se ne contano almeno un centinaio dispersi chissà dove. E su tutti soffia l'aura sinistra, sospinta in molti casi dal vento hollywoodiano, del K-19. Fu il primo sottomarino russo equipaggiato con missili balistici... varato prima del tempo necessario per ragioni di prestigio. E regalò a molte mogli una precoce vedovanza. Mestizia, megalomania, ma anche eroismo, nella scia tracciata dal funesto K lungo la storia truce della guerra fredda.Trent'anni di sciagure e di sacrifici su cui spira un epos melvilliano. Cimenti indimenticati come quello di alcuni uomini dell'equipaggio che nel luglio del 1961 si immolarono alle radiazioni per fermare un'avaria che avrebbe portato alla morte tutti i passeggeri del sottomarino maledetto. Forse ispirato dalla brezza immaginifica che soffiava su La Spezia, Paolo Romani si è segnalato sul molo ligure per una dichiarazione altrettanto evocativa. All'indomani dell'ennesimo suicidio che ha funestato il penitenziario di Sollicciano, il ministro dello Sviluppo ha avanzato un'ipotesi risolutiva: «Quello delle carceri galleggianti, io l'ho trovato sul tavolo come problema e come una possibilità. Ne ho parlato con il ministro della Giustizia, ma è un problema ancora da approfondire perché se quello delle carceri galleggianti puo' risolvere i problemi di un sito produttivo, ci sono poi delle altre questioni che emergono». Di nuovo il mito che si profila nel lungomare della realtà. Galeotti sferzati mentre infuria la bufera, i capelli irsuti smossi dal vento, i remi impugnati tra le nocche allo spasimo, gli insulti tremebondi del capitano dall'occhio sfregiato: «Traite, fili de le pute!». Quando si dice un'idea controrivoluzionaria, una scoria di inarrivabile creatività. È il caso che Rossita prenda servizio in anticipo." Walter Ganapini

26 Dic 2010, 23:31 | Scrivi | Commenti (13) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

HO SAPUTO CHE NE COSTRUIRANNO UN'ALTRA...COMMISSIONATA DAL SIG.BARNS E IL COMANDATE SARA' OMER SIMPSON...

roby f., Livorno Commentatore certificato 28.12.10 19:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se non ricordo male ci fu un'inchesta di un mensile..che parlava giusto dei soldi che l'italia doveva cacciare per un progetto internazionale di bonifica di alcuni siti dell'ex unione sovietica.....si parlava di svariate centinai di milioni di euro...
Mi pare che allora i n/s governanti aderirono all'iniziativa, sostenendo che così si sarebbe evitato che le scorie, ma non solo, anche materiale ferroso ecc, contaminato finisse in mani pericoloso.
QUindi se la memoria non m'inganna dovrebbe esserci molto metallo radioattivo.
Comunque se un girno salite in macchina e sentite qualche rumori strano non vi preoccupate..oppure mobili in trucilato che fanno rumori strani come il mio settimino...m'hanno detto che dipende dall'umidità-è si proprio il truciolato...ma vaaf...

roby f., Livorno Commentatore certificato 27.12.10 12:13| 
 |
Rispondi al commento

.......un detto inventato dai miei amici recita:"Prima di parlare stai zitto". Il buon walter, ci dica quanti soldi ha guadagnato in Regione Campania, senza mettere una parola...UNA..senza essere mai visto in assessorato...le parole...a napoli diciamo "sono un bello strumento", ma poi diciamo anche "una volta mi fai fesso"....puoi dire quello che vuoi caro walter...sono i fatti che contano, e di quelli il tuo curriculum scarseggia, e si che al posto di comando in cui eri ti avrebbe dato la possibilità di DIRE E FARE MOLTISSIMO, ma sei solo una voce senza sostanza. Beppe ma a chi dai spazio.....questo è come bersani, chiacchiere e duistintivo, e SENZA MAI UN FATTO!!!!!

achille d., castellammare di stabia Commentatore certificato 27.12.10 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Credo che bisognerebbe indagare sulla destinazione di queste navi, perché è sicuro che ci siano posti segreti magari a due passi da casa nostra.

guelfo magrini 27.12.10 09:59| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

E se al posto di spedirle da qualche parte le facessero viaqggiare in acque internazionali vita natural durante? approfitterebbero di un vuoto giuridico che già gli permette di fare altre cosine un po' poco lecite?

giovanni da penne 27.12.10 09:45| 
 |
Rispondi al commento

Wikileaks ha rivelato che materiale radioattivo ha viaggiato dalla Libia alla Russia in un aereo cargo. Mi immagino che cosa sarebbe successo in caso di esplosione in volo oppure di un qualsiasi altro grave incidente in aeroporto. Un rischio di danni enormi che ci hanno fatto correre chissà quante volte. Chissà quanta roba pericolosa ha viaggiato o viaggia ancora in aereo.

Peter Amico 27.12.10 09:01| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusate, ma se parliamo di carri bestiame, la Tirrenia è un'autorità in materia.

harry haller Commentatore certificato 27.12.10 08:05| 
 |
Rispondi al commento

Che vada a Tripoli?

http://wikileaks3.no-ip.org/cable/2009/11/09TRIPOLI938.html

Qualche stralcio tradotto da Google Crhome


esperti hanno sottolineato che questa sarebbe un'operazione senza precedenti. Hanno anche dichiarato che il combustibile esaurito devono essere spediti in Russia o rimossi dalle botti nei prossimi tre mesi. A quel punto, la temperatura del combustibile uranio altamente arricchito, che è radioattivo, potrebbe raggiungere un livello tale da provocare crepe sui botti e il rilascio di materiale nucleare radioattivo. Il team ha dichiarato che i loro omologhi russi sono profondamente preoccupati per responsabilità se le perdite di materiale radioattivo dalle botti di trasporto.

-----------------------------------

Se l'uranio altamente arricchito non viene rimosso dalle botti, entro tre mesi, il suo aumento di temperatura potrebbero causare le botti per schiacciare e rilasciare materiale nucleare radioattivo. Se l'uranio altamente arricchito non viene inviato in Russia, i russi sarebbero tenuti a sviluppare una nuova tecnologia interamente per rimuovere il combustibile esaurito dalle botti in Libia. riguarda solo la sua sicurezza impongono che dobbiamo impiegare tutte le nostre risorse per trovare una soluzione tempestiva a questo problema, e di conservare qualsiasi menzione di fuori della stampa. Fine riassunto.

disastro nucleare 27.12.10 01:35| 
 |
Rispondi al commento

...l'essere umano(sic), ha raggiunto livelli tali di
FOLLIA che...il 2012...diventa quasi un DESIDERIO!!!

anib roma Commentatore certificato 27.12.10 00:59| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
SIAMO DAVVERO MESSI BENE ANCHE LE NAVI PER PORTARE VIA LE SCORIE ED I RESTI SOTTOMARINI NUCLEARI,I NOSTRI DIPENDENTI NON FANNO MANCARE NULLA AI LORO ALTER EGO RUSSI
ALVISE

alvise fossa 27.12.10 00:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori