Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Sognando la California


plastica.jpg
Lettere come questa ti provocano prima invidia, poi ammirazione e infine una incazzatura furibonda per come è ridotto il nostro Paese.
"Sono da poco tornato dalla California, San Francisco, dopo un viaggio di una decina di giorni. Sapevo la California attenta alle politiche di risparmio energetico, riciclaggio e quant'altro, ma viverci è un'altra cosa. Attorno a me vedevo auto ibride (soprattutto Toyota Prius, la più efficiente anche se la più costosa), i mezzi pubblici erano elettrici o al più ibridi o a biodiesel. Il simbolo del "Recycled" è ovunque, dalle cartoline (50% recycled paper) alla penna per compilarle, dai sacchetti, che erano tutti biodegradabili, agli inchiostri alla soia usati per stamparli. Gli edifici recenti hanno il marchio "Green building" e quelli vecchi adottano soluzioni per ridurre il consumo. Nell'entroterra ho incontrato una distesa di pale eoliche sulle montagne, in un territorio dove non apportano disturbo a nessuno e dove altrimenti non ci sarebbe nulla a parte l'autostrada. In città non si vedono i bidoni della mondezza. Se porti la carta o le lattine nei centri di raccolta ti rendono qualche soldo, così anche i senzatetto, che purtroppo si trovano in tutta la città, raccolgono quello che è lasciato in giro e racimolano due soldi per un panino. La città è davvero pulita e trovi sempre un cestino vuoto in cui riporre i rifiuti. Usare i mezzi pubblici è un'esperienza gratificante. Per anni sono andato a Milano con Trenitalia e, a parità di distanza coperta e di prezzo del biglietto, la CalTrain è puntuale nonostante viaggi su due soli binari, e pulita. In città i mezzi coprono ogni strada, anche lì il costo è pari alla rete milanese, ma sono molto più frequenti e trovi sempre posto dove sederti senza prendere l'ebola o esser molestato da qualche mano morta. Il motivo è semplice: tutti pagano il biglietto. E non perchè siano più educati o più fessi di noi: sul treno il controllore è passato 5 volte su 6, mentre sui bus il biglietto lo paghi di fronte all'autista. Se non paghi, non c'è pericolo che lui riparta. Internet è ovunque, ti basta andare in uno Starbucks, da Happy Donuts. A Mountain View dove stavo c'era la Google WiFi aperta a tutti. Non devi per forza pagare il pizzo per la rete, anche in aeroporto navigavo gratis. Mi sono trovato a desiderare di viverci, anche se ho subito capito che non era vero. Quello che davvero vorrei sarebbe avere la loro civiltà qui, nel nostro Paese." Marco C.

9 Dic 2010, 22:40 | Scrivi | Commenti (48) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

sognate quest'america... ahahah!
http://www.youtube.com/watch?v=02x8EHXPfB0&feature=related

luca depp 13.12.10 11:08| 
 |
Rispondi al commento

L'italia, bella Italia,e beli anche gl'italiani, peccato, che insieme agli onesti il nostro paese, è infestato di politici corrotti con lobby, che vogliono volutamente evitare che si faccia una raccolta differenziata,cosa ci guadagnerebbero loro e quelli che sulla spazzatura, sguazzano migliaia di miliardi, come possono accontentare gl'industriali disonesti che non possono smaltire i rifiuti tossici, come possono arricchire gli esponenti dei partiti politici in nero e le relative famiglie e porta borse.
Peccato che siamo italiani e fino a quando ci faranno vedere un incontro di calcio, pilotato, o concordato, le buffonate delle televisioni sia di stato che private,i gossip e le passerelle fatte da tutti i politici.
Con tutta la buona volontà non cambierà mai nulla per questa povera Italia, l'unica soluzione, è spedirli tutti a tutta destra e sinistra e riprenderci i diritti del popolo sovrano.
Senza questa classe politica che ci rappresenta in negativo agli occhi del mondo, potremmo essere orgogliosi di essere cittadini italiani

angelo f 11.12.10 19:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ci vorrebbe una grande mobilitazione popolare che il 14 impedisca ai parlamentari venduti o anche solo presunti tali, di entrare in parlamento e votare. Il parlamento italiano non può e non deve diventare né essere più il ricettacolo dei peggiori individui che corrono questa nostra povera e lacerata e derisa Italia, derubata e stuprata da tutti i parlamentari ladroni che escono dalle ultime generazioni di politici e che hanno scambiato le "cose" con la "pubblicità sulle cose". Se ci resterà un'orribile e spaventevole "Italia da bere" allora che destino avremo?
La mobilitazione deve già incominciare nei luoghi di residenza dei parlamentari felloni, che non possano salire in macchina, in treno, in aereo, uscire dai loro alberghi e appartamenti romani coi mutui pagati dai "surplus della politica".
Avanti a bloccare questo parlamento, a fargli capire che la festa è finito e che il vino si è trasformato in acqua di fogna. È ora che vadano tutti a casa:

GIOVANNI S., MILANO Commentatore certificato 11.12.10 17:25| 
 |
Rispondi al commento

California sogno malato!
Peccato che una persona che cerca soluzioni come te sia stato abbagliato dai brillantini Californiani; grosse citta come S.F, S.D sono insostenibili e mi meraviglio che tu sia affascinato dalle auto Biofuel che per essere prodotto ci depriva di foreste pluviali e di ossigeno(molto peggio del petrolio).

Beppe Loriga 11.12.10 02:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Secondo me, indipendentemente dalla veridicità della situazione in California, non si deve andare così lontano, per trovare situazioni simili.
Io vivo a Berlino da quasi 4 anni e non ho mai avuto la necessità di guidare una macchina: il sistema di metropolitane, autobus e tram è molto efficiente e si può arrivare ovunque a tutte le ore del giorno e della notte. Le metro funzionano in settimana fino all´una e riprendono alle quattro. Durante queste 3 ore ci sono i bus notturni. Nel fine settimana, invece, le metro sono aperte tutta la notte.
In realtà il modo migliore per viaggiare è in bicicletta, se le temperature invernali permettono!
Nel caso in cui serva un´auto se ne può noleggiare una a prezzi modici.
Anche qui c´è un sistema di cauzione per le bottiglie in plastica, vetro e per le lattine: vengono pagati dai 25 centesimi agli 8 centesimi in più, che vengono ridati alla consegna della bottiglia/lattina vuota.
Naturalmente non posso dire che qui è tutto rosa e fiori, ci sono quartieri più e quartieri meno puliti e ci sono persone che reciclano più di altre o a cui sta più a cuore la questione ambientale...però è anche vero che vivendo in una città del genere, quando torno in Italia noto moltissimo le differenze, soprattutto nell´atteggiamento generale.

Silvia C 11.12.10 01:09| 
 |
Rispondi al commento

Io negli USA ci vivo da 9 anni...e ho esperienza in tre stati diversi...non e' tutto oro quel che luccica. Dipende da dove ci si trova. La maggioranza della gente qui non ricicla proprio nulla...altro che civilta'! Nel mio paesotto in provincia di Treviso dove c'e' la mia famiglia riciclare e' un obbligo e sembra proprio che funzioni.

laura rocco 10.12.10 21:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il male di quet'italietta, siamo noi italiani. E' sempre stato così fin dai tempi dei romani. Già si faceva politica in grande stile, quando gli altri portavano ancora, le corna in testa in senso reale.
Potremmo vivere di rendita con tutta la storia dell'arte, etcc....altro che gli Emirati Arabi. Invece...se magnamo tutto e poi ci penseranno altri, a cercare di tappare buchi a dx e sx .
Se domandi informazioni a qualcuno, il 98%, manco si ferma per paura di chissà cosa. In auto, se sei in fila, basta che guardi in faccia qualcuno, e già si sente preso per il c....
Sono stato negli States sei volte, quattro in California per disegnare come Madonnaro, ma questa è un'altra storia. Ho visto molti senzatetto a Castro, ma sembrano relegati in quei blocchi e basta. Ho girato la City in auto ed è meraviglioso. Ho girato le Highway o le Freeway di LAX,di Atlanta etcc.., e mai come lì mi son sentito a mio agio e " sicuro". Potete anche voi confermare,che son proprio tanti!!!! Ma se stai nella tua corsia e alla velocità imposta..è tutto ok. Giustamente si và a ore e non a miglia. Tutti ordinati e alla via così, come nei nostri raccordi. Le mosche bianche (quelli che corrono), i Chips li beccano subito.
Al Seaworld di San Diego, alle 0830, io e mia moglie ci stavamo domandando il perchè, la gente era ferma e rivolta da una parte. L'alzabandiera con tanto di inno nazionale e mano al cuore. Pensavamo che in Italia a mala pena le mani sul petto, le mettono i nazionali di calcio.Mah!
Abbiamo visto anche i sobborghi di NYC e di LAX, certamente esiste il degrado, la corruzione, omicidi etcc.. come in tutte le città del mondo. Ma son sempre pronti a sorriderti ed aiutarti, se vedono che sei in difficoltà. Ci è successo tre volte, che nella folla, gente si fermasse a chiederci se avevamo bisogno di info o aiuto, senza interesse alcuno. Sono sempre pronti agli altri, mentre gli ..altri non sono ancora pronti per loro.

bruno fabriani 10.12.10 20:53| 
 |
Rispondi al commento

gianna,
visto tutto questo "senso civico e della responsabilità" di cui parli, come mai in alcune città americane il tasso di omicidi è 100 volte quello italiano (40 volte quello di napoli)?
come mai da un giorno all'altro si scoprono buchi di 300miliardi di $ in aziende col fatturato di 800miliardi?
come mai le banche americane prestano 60 volte il proprio capitale?
tu avresti il coraggio di prestare in giro 60 volte il tuo capitale?

luca depp 10.12.10 20:03| 
 |
Rispondi al commento

In America ci ho vissuto per alcuni anni, lustri fa. Frequentando la scuola, ho assimilato il senso civico e il senso di responsabilità personale che sta alla base della formazione del cittadino fin da bambino, e che ne fa una 'nazione', proprio quello che manca agli italiani: il futuro cittadino si forma sin dalla nascita, l'adulto è già 'corrotto' (il più delle volte senza virgolette).
Le indecenze etiche che emergono non sono tollerate, la vergogna esiste ancora.
Poi, che gli USA abbiano un'infinità di problemi è risaputo, però riescono sempre a rialzarsi e ripartire. Perchè loro sono una nazione, noi no.

Gianna ., Milano Commentatore certificato 10.12.10 18:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non mi pare che gli u.s.a. siano un buon modello.
1) 1 americano su 7 mangia solo perchè lo stato gli passa un sussidio
2) nei sobborghi ci sono baraccopoli di lamiera
3) tassi di omicidi 10 volte quelli italiani
4) nonostante un'ingerenza minore dello stato nell'economia (forse!) hanno il 7,5% della popolazione dipendente statale, in italia 5,4%
5) se apparentemente c'hanno 2 soldi è solo a causa dei loro debiti spaventosi... con una stampante efficiente come quella della fed diventerebbero tutti ricchi!
ahahahah.

luca depp 10.12.10 17:30| 
 |
Rispondi al commento

Ma possibile che all'estero è tutto più bello, tutto migliore, tutto ok?
in Italia non cambierà mai nulla perchè troppi hanno le mani in pasta con la politica, molti hanno un posto di lavoro grazie ad un politico e nessuno ha interesse affinchè le cose cambino, è così.
Gli italiani sono bravi a lamentarsi, però alle raccomandazioni non rinunciano mai.

angelo fragomeni 10.12.10 16:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

hai detto che in california il symbolo RECYCLED è su tutto, invece qua da noi non è riciclata nemmeno la carta igienica, ma vi rendete conto? Tagliamo alberi per avere legno di ottima qualità per fare che? per pulirci il culo con carta soffice? ma vi rendete conto dove siamo arrivati? e voi ancora che vi fate meraviglia di come siamo ridotti

Valerio 10.12.10 15:24| 
 |
Rispondi al commento

Io sono in UK, non è così bello come in California (in particolare il riciclo qui ancora non è proprio elevatissimo) ma come dice Marco i servizi funzionano perché tutti li pagano. Non ci sono i furbi o molto pochi. Alle stazioni non si entra senza il biglietto valido e all'uscita la macchina lo ritira, impedendone il riutilizzo. Il controllore non c'è sempre proprio per questo motivo. Ma se capitasse un "portoghese" che non volesse pagare il biglietto e scappasse, credo che la polizia britannica non avrebbe grossi problemi a fargli passare un brutto quarto d'ora senza tanti divieti di toccare, privacy e cose varie.

Ma del resto quando sul treno Pisa-Firenze un passeggero è scappato perché non aveva il biglietto e ho raccontato la situazione britannica agli altri passeggeri la risposta è stata "eh beh allora meglio da noi, senza che la polizia ti maltratti".
(intendiamoci, non sono pro-manganelli, ma se usi un servizio senza pagare è RUBARE).

antonio marcheselli, Signa (FI) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 10.12.10 14:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

riguardo alla gita a innsbruck che ho raccontato qualche commento fa...mi ero dimenticato una cosa, piccola ma significativa, che ci ha fatto un po' ridere e un po' rattristare nel confronto con una eventuale situazione analoga in italia. ad un certo punto, ci fermiamo e ci mettiamo a consultare la cartina per decidere la prossima tappa. dopo un po' che stiamo lì, con lo sguardo abbassato sulla cartina a dirci "quello deve essere interessante" e "ma quello è più vicino" etc, alzo gli occhi e vedo una macchina ferma e l'autista che ci guarda un po' scocciato. lì per lì non capisco: ma che vuole questo? che fa? che problemi c'ha? poi realizzo: ci eravamo fermati, senza neppure accorgercene, sul bordo di un attraversamento pedonale e quindi, nonostante fossimo evidentemente in tutt'altre faccende affaccendati, quello si era fermato per farci passare! e, poraccio, deve essere stato li fermo anche un po'.
ecco, ora immaginatevi la stessa scena in italia.

gab com 10.12.10 13:50| 
 |
Rispondi al commento

...ma soprattutto posteggio gratuito e un tram rosso fiammante, lucido che manco di fabbrica, comodo, pulito, puntuale (anche se un po' caro) che ci porta direttamente in centro; lì facciamo la "innsbruck card": 34€ e libero accesso, per due giorni, a tutti i musei, parchi e luoghi di interesse della città e dintorni (zoo alpino e museo swarosky compresi)nonchè a tutta la rete di trasporto pubblico della città, compresi tutte le seggiovie e gli impianti di risalita, il "sightseer" (una navetta che fa il tour di tutti i punti di interesse, comoda efficente, pulita e dotata di audioguida multilingue con cuffiette che spiegava la storia di ogni angolo della città)e, cosa non da poco, il tram che ci doveva riportare a Mutters. non siamo stati molto a guardare come trattano i rifiuti o con che macchine girano, ma una cosa è certa: la cura con cui tengono la città (in due giorni non ho visto nè una scritta su un muro nè una cartaccia in terra nè un muro scalcinato) o espongono il loro patrimonio artistico-culturale (non dico il palazzo imperiale, che è meraviglioso ed è un esempio di come un museo dovrebbe essere valorizzato e mantenuto, ma anche le chiese nelle piazze e gli affreschi sulle pareti dei palazzi per le strade) è anni luce dalla nostra. E così, fra un brezzel con vin brulè ed un museo, arriviamo alle 18 della domenica: ora di risalire in macchina, raggiungere l'autostrada (niente coda al casello, anche perchè il casello non c'è...)e rimettersi in viaggio. a pochi chilometri dalla frontiera e 40 da vipeteno, un casello ci fa sborsare anticipati gli 8€ per quel tratto...come dire: "bentornati in Italia"!

gab com 10.12.10 13:32| 
 |
Rispondi al commento

due settimane fa con la ma ragazza abbiamo passato un weekend a Innsbruck. Un po' perchè non sono riuscito a trovare un volo/treno che ci portasse là in tempi e costi ragionevoli, un po' perchè (Grillo mi odierà per questo, ma nessuno è perfetto...) mi piace guidare, optiamo per la macchina, e così alle 11 di venerdì partiamo da Livorno. fino a firenze usiamo la FIPILI, scoprendo con gioia di vivere in uno dei rari periodi storici in cui non ci sono i cantieri a pontedera, poi ci infiliamo in autostrada. La Fi-Bo è come la conosciamo: zuffe al casello, curve su curve, cantieri, rientri, interminabili code di camion, ma dopo Bo si scorre bene e così, fra una canzone ed una sosta in autogrill, arriviamo a Vipiteno dove paghiamo la prima rata dell'autostrada (28€ e spiccioli, mi pare). poi ci facciamo il passo del brennero (confronto agli appennini, le alpi sembrano collinette), la frontiera e quindi il secondo casello altri 8€ per una quarantina di km. Da qui ci immettiamo nel sistema autostradale austriaco che, se nel mio tedesco scolastico fermo da dieci anni ho capito bene, funziona così: ti compri la "vignetta" al costo di 7.90€ e hai accesso a tutta la rete per 10 giorni. Chi ne sa di più mi potrà smentire, io non mi sono informato meglio perchè esco a Innsbruck sud e per quel tratto l'obbligo della "vignetta" è sospeso.L'autostrada non è granchè (due corsie strettine, un paio di cantieri) ma scorre bene e cmq siamo ancora sulle alpi. Trovare l'albergo, grazie ad un minimo di preparazione con google maps, è facile: una carinissima gasthof a pochi chilometri dalla città, piccola ma tirata a lucido a partire dall'imbiancatura esterna fino alle decorazioni natalizie all'interno. Serata libera. La mattina andiamo al vicino paese di Mutters: tirato a lucido meglio della gasthof, non un un'imbiancatura screpolata, non un cartina in terra, persino una stalla in pieno centro, con dentro 3 mucche ed un cartello che se ho tradotto bene diceva che lì si vende latte fresco..

gab com 10.12.10 12:57| 
 |
Rispondi al commento

RAGAZZI SE POTETE VENITE IN IOWA. PER ME UN PARADISO.

pistola reale, sioux city, iowa Commentatore certificato 10.12.10 12:16| 
 |
Rispondi al commento

Ogni volta che torno in questo blog, al di là della condivisione con Beppe, mi stupisco ancora del fatto che ci sia gente che si stupisce(scusate il giro di parole) della situazione di disastro italiano... leggete l'utlimo post di beppee capirete il perchè di quello che succed oggi.
Io lo dico dal mio primo comemnto su questo blog...non perchè sono più intelligente ma perchè sono una persona normale!
Se potessi emigrerei subito in California, ci sono stato due volte e da san diego a san francisco, passando per i parchi è tutto come dice il nostro amico...

enrico m. Commentatore certificato 10.12.10 12:01| 
 |
Rispondi al commento

Guido una prius da 5 anni, l'ho presentata a miliardi di persone, spiegata, ammirata, ma senza esito. ORA DITEMI: Si puo' insegnare a un asino Italiano? o devo dire altro?

elia rizzuti 10.12.10 11:43| 
 |
Rispondi al commento

Io sono dell'opinione che bisogna copiare un po da tutti.Ho vissuto quasi tre anni a Colonia, hanno da anni una vastissima rete di piste ciclabili inviolabili (anche per i pedoni),se non vuoi essere insultato.Metropolitana tutta la notte anke se a orari limitati.taxi economici.Aereoporti ben collegati.Paghi una cauzione su quasi tutte le bottiglie di vetro e plastica e tutti i supermercati (compresi i chioski)sono obbligati a ritirare il vuoto.Però meno differenziata rispetto altre città tedesche..

nicola barbato 10.12.10 11:36| 
 |
Rispondi al commento

Ho vissuto qualche anno per lavoro a Seattle negli anni 70. Già allora il problema dei rifiuti era risolto molto semplicemente: tutti i lavandini domestici erano dotati di trituratore per l'umido, i sacchetti di plastica erano pressochè inesistenti perchè i supermercati davano solo sacchetti di carta robusta (da usare uno dentro l'altro nel caso) e il resto andava in cassoni condominiali, che venivano svuotati quasi ogni giorno. Vuoti di vetro e plastica si potevano portare nei supermercati per qualche monetina da lasciare in beneficienza...
Sotto molti aspetti la qualità della vita era (e credo sia ancora) molto elevata rispetto agli standard a cui siamo abituati.
Purtroppo siamo riusciti a copiare dagli USA solo il peggio (iniziando dalla droga, già molto diffusa in quegli anni, quando in Europa era ancora una "stranezza" per pochi).

Luciano B. Commentatore certificato 10.12.10 11:23| 
 |
Rispondi al commento

Ero un bimbetto quando mia zia mi raccontava che loro facevano la raccolta "differenziata" anni 70..che in macchina avevano l'aria condizionata..la tv a colori con 100 canali..le case in Legno...niente mobilio superfluo nelle case...mi diceva anche che nei "condomini" delle grandi city (come i nostri ci vivevano i lavoratori dei servizzi)il resto tutti fuori...anche per limitare la crescita delle metropoli e la conseguente cementificazione..e' venuta più volte in italia..ma non si è mai riuscita ad adattarsi al modo di "abitare" italico fatto di condomini(pollai) e visto l'alto costo (impossibile)di palazzine indipendenti è ritornata nel paese che l'adottata....

roby f., Livorno Commentatore certificato 10.12.10 09:23| 
 |
Rispondi al commento

"Mi sono trovato a desiderare di viverci, anche se ho subito capito che non era vero. Quello che davvero vorrei sarebbe avere la loro civiltà qui, nel nostro Paese."

Xché qui fondamentalmente continui a fare il cazzo che vuoi e che in fin dei conti in ItaGLia si sta bene. Nessuno, ma proprio NESSUNO t trattiene, se vuoi andare nella terra della libertà e degli impavidi (ma quando??) fai pure,la porta è aperta.


vicino a me in un paesino in collina, hanno avviato un progetto per l'installazione di un certo numero di pale eoliche.

sui giornali locali il titolo . GLI ECOLOGISTI SI OPPONGONO AL PROGETTO.

siamo proprio una barzelletta.

ivan m. Commentatore certificato 10.12.10 08:53| 
 |
Rispondi al commento

Io non andrei così lontano per riscontrare "buoni esempi". Appena si supera la frontiera con le Alpi ci si trova in un altro mondo. A Lione , una città dove sono belli anche i sobborghi, alle 5 di mattina trovi auto solitarie che agli incroci semaforici attendono il verde pur non essendoci nessuno. A Zurigo i cassonetti sono nei cortili e i netturbini hanno le chiavi dei portoni. Non ho visto nessuno scooter legato con la catena. I muretti che costeggiano il fiume sono una rastrelliera continua per le biciclette. Pur essendo una metropoli si respira un'aria che sembra d'essere in una stazione sciistica. La vita li però è cara, ma superando la frontiera con la Germania trovi le stesse belle caratteristiche a prezzi migliori che da noi. A Kostanz , in una via principale del centro, vendevano i jeans della Diesel a 37 euro, qua costano almeno tre volte. Facevo la spesa e mi stupivo ogni volta di quanto poco avevo speso, anche nei ristoranti. Il tutto immerso nella natura ed in una architettura pensata per stare bene con l'ambiente. In Italia sono tutti ladri , dal panettiere al finanziere.

Marco e i pidocchi 10.12.10 07:03| 
 |
Rispondi al commento

Io continuo a pregare per immondizia Zero, e civiltà consapevole della primitività lanciata verso il futuro, Reciclaggio di inchiostro di mais, ma spiegalo a tuo figlio, io il mio lo tengo accanto al cuore di un cavallo, all' immagine di una scimmia, ad una poesia di Pasolini, alla musica di Sebastian...
Cia fratello reciclato.
La roba reciclata emana radiazioni e si polverizza, se allumini fuori dipinti e dentro ruggine.
Io sono ceco guardo dentro la materia, tu amico vedente, prima di scrivere impara a chidere gli occhi e guardare.

Emanuele Cerri (), Patong Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 10.12.10 06:01| 
 |
Rispondi al commento

Ma sei sicuro che sei stato in California, USA? Solo auto ibride? Forse ce n'è qualcuna in più nella Silicon Valley o a Berkeley, ma fatti un giretto verso sud, Monterey, oppure verso nord-est, Sacramento, e raccontami ancora quanto gli americani siano sensibili verso l'ecologia.

Marco Mazzucchelli 10.12.10 04:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io in California ci vivo. Per la precisione mi trovo a Los Angeles. La raccolta riciclata che fanno a Firenze e' oro in confronto a qua. San Francisco, come ha ben notato qualcuno, fa veramente caso a parte. Anzi, direi che tolti alcuni centri della Bay area (tipo Berkeley) non mi pare che sia il paradiso terrestre. Nelle grandi citta' californiane (praticamente due San Francisco e l'area metropolitana di LA che si estende da Oceanside fino a San Diego) la situazione in termini di risparmio energetico non mi pare cosi' esaltante. Non esiste ancora un alta velocita' LA San Francisco. I treni vanno a petrolio (come la maggioranza dei treni in USA). L'unica cosa che posso affermare e' che sta aumentando (molto) la sensibilizzazione verso l'ambiente. Unica cosa positiva direi. Faccio presente per chi tira in mezzo i messicani, dato che dove lavoro l'85% sono di loro (downtown LA, East LA) che se chiedete a uno qualsiasi se e' contento di essere negli US vi risponde di si. Come mi ha risposto uno poco tempo fa, sei contento di stare qui, a me Vernon non mi pare chissa che cosa....sempre meglio che in Messico. Un saluto

stefano clava 10.12.10 04:13| 
 |
Rispondi al commento

io in California ci sono stato come ricercatore e posso dire che non è tutto oro come sembra dal post. San Francisco fa storia a sé. Appena esci ci sono zone abitate solo da latinos che vivono in condizioni di semi schiavitù. Se poi la mettiamo sui mezzi pubblici....non esiste un treno (degno di questo nome) che vada da San Francisco a Los Angeles. Per fare 40 km ci impiegavo 4 ore. Tutti ..tutti..tutti hanno una macchina, non me ne frega un cazzo che sia ibrida. Se la sera, come facevo io, giri a piedi in un quartiere residenziale ti ferma la polizia per accertamenti. A Santa Cruz i rangers ti mandano via dalla spiaggia pubblica dopo le 11 di sera.Non si può stare...devi andare ad indebitarti nei locali. Ho girato molto e credo che gli US siano uno dei posti peggiori in cui vivere.

luca boni 10.12.10 00:25| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

L'Italia è abitata da una congerie di carcasse statiche e automobili. Che cosa si può pretendere da ciò?

Alberto Gramaccini 10.12.10 00:20| 
 |
Rispondi al commento

la cosa più giusta sarebbe prendere il buono degli
altri,l'italia purtroppo prende tutto il negativo.

giorgio p., san vittore olona Commentatore certificato 10.12.10 00:07| 
 |
Rispondi al commento

a parte alcuni elementi positivi elencati credo che gli USA in generale siano uno dei posti peggiori dove potersi trasferire. Tranne se sei un ricercatore, perchè gli americani i ricercatori in gamba li trattano - giustamente - bene

Alessandro I. Commentatore certificato 09.12.10 23:48| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
GLIA AMERICANI SONO AVANTI,E ANCORA PIU' AVANTI DI NOI,CERCHIAMO DI RECUPERALI
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 09.12.10 23:44| 
 |
Rispondi al commento

Caro amico, mi fa piacere che anche oltreoceano abbiano finalmente cominciato a capire cosa significa risparmiare le risorse... io degli Stati Uniti ho ricordo di un paese sprecone.
Tuttavia, il sistema di riciclaggio perfetto l'ho apprezzato in nord Europa.
Per la prima volta, circa quindici anni fa in Danimarca mi sono imbattuto in macchinette raccoglitrici sparse tra supermercati, stazioni di servizio ed in tanti altri posti, quindi assenza di cassonetti specifici per la strada.
Ognuno può portare contenitori di vetro, plastica, alluminio presso questi piccoli centri di raccolta ottenendo in cambio un tagliando di un certo valore monetario da poter spendere direttamnete in questi stessi esercizi commerciali o cambiarlo in contanti.
In questo modo tutti si responsabilizzano e, anche i "pochi" rifiuti che restano per strada, vengono raccolti da qualcuno che, in questo modo, può racimolare dei soldini.
E' un sistema semplice ed efficace, quindi inadatto agli Italiani.
Ripeto da anni, da quando ho cominciato a visitare questi posti fantastici, che, quei popoli, una volta definiti barbari, oggi possono darci lezioni di civiltà.
Vi invio anche un video fatto solo qualche anno fa in Norvegia per dimostrare a degli amici, lì per la prima volta, come funziona il sistema.

pasquale sticchi 09.12.10 23:40| 
 |
Rispondi al commento

fossi in te scapperei a corsa...qui ti rimane solo di "rimboccarti le maniche"come dice Bersani...si per prenderlo nel cu.o

cittadino onesto (cittadinonesto) Commentatore certificato 09.12.10 23:39| 
 |
Rispondi al commento

Come ti capisco!
Vivo in Austria per scelta da 13 anni e ancora mi fa male il cuore quando rientro in Italia a vedere la differenza tra questi due Paesi vicini ma cosí lontani.

Claudia Masolino 09.12.10 23:15| 
 |
Rispondi al commento

scusa Marco C. ma io vivo a SF da 10 anni (e prima vivevo proprio a M. View) e sinceramente questo città fantastica non l'ho mai vista. La sporcizia della città (è risaputo da tutti i Californiani) è uno dei problemi principali. Riguardo ai servizi wifi o altro è vero sono gratis da Starbucks ma perchè non dici quanto costa fare colazione li? 6.5$ a persona per cappuccino e cornetto, i mezzi pubblici? il biglietto costa 2$....ci sono tante cose da cui prendere esempio da SF ma mi sembra che tu abbia elencato quelle sbagliate. ciao a presto

Andrea M 09.12.10 23:14| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori