Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il debito pubblico al tempo di Scilipoti


Crozza_Scilipoti.jpg
A novembre 2010 il debito pubblico ha superato un altro record. Non è una sorpresa. Tremorti ci ha abituati a queste "performance". Il debito è arrivato a 1.869,924 miliardi di euro, 2,54 miliardi più del mese precedente. In un anno è cresciuto di 83 miliardi. Le entrate tributarie non migliorano. Nei primi 11 mesi del 2010 per la Banca d'Italia sono state 326.761 milioni rispetto ai 330.315 milioni del dello stesso periodo del 200 (-1,07%). Se le entrate diminuiscono e il debito esplode anche un bambino si preoccuperebbe. Ma non Tremorti che, anzi, è ottimista e ribalta i numeri di Draghi. Il Tesoro ha infatti dichiarato che il gettito fiscale "mostra una evidente ripresa facendo registrare una crescita dello 0,7% (nel 2010) in netto miglioramento rispetto al risultato di ottobre in cui è stato rilevato un calo dello 0,3%". Tremorti vede un miglioramento delle entrate, Draghi un peggioramento. I cittadini invece non ci vedono più. Una soluzione per ridurre il debito però esiste. La cosiddetta proposta di legge Scilipoti (3563/2010) che propone di affittare le opere d'arte del Paese. Belin, siamo in una botte di ferro, dov'è l'uscita?

13 Gen 2011, 18:02 | Scrivi | Commenti (40) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Ciao grillini
Perchè non facciamo un bel referendum utile per le nostre tasche e sicurezza abolendo la multa dell'autovelox, visto che non dà alcuna sicurezza attiva dato che mi accorgo di aver superato il limite di velocità dopo almeno trenta giorni quando arriva la famosa multa, ma dotiamoli di un semafor posto dopo una determinata distanza che ci obbliga a fermarci se abbiamo superato il limite quindi sicurezza attiva poi se uno passa con il rosso ben ci sta la multa, nel comune di Manziana ne hanno installato uno e devo dire che funziona...

STEFANO FIORENTINI, CERVETERI Commentatore certificato 08.06.11 10:08| 
 |
Rispondi al commento

GLI AMMINISTRATORI DEL CONDOMINIO ITALIA.
SPENDONO PER SPESE CONDOMINIALI, IL 60% DI QUELLO CHE GUADAGNANO IN UN ANNO I CONDOMINI.
BLA,BLA, BLA. MA AL 60% DEGLI ITALIANI
(QUELLI CHE LI ANNO VOTATI) VA BENE COSI'.

orfeo nitrebla Commentatore certificato 17.01.11 01:32| 
 |
Rispondi al commento

TREMONTI DOVE SEI!!!..io una soluzione l'avrei,al posto di tanti illustri personaggi politici che in questo ultimo decennio hanno dimostrato di non saper governare il ns paese riducendolo allo sbando sia economicamente,che socialmente.questi personaggi politici non vivono nessuna emozione positiva verso l'Italia,sia destra che sinistra hanno collaborato alla distruzione totale del ns paese ricco di cultura e sapienza.nel 1992 il centro sinistra inizio'la svendita dei ns patrimoni pubblici,la maggior parte delle vendite realizzati tra il 1992/1999(come nei casi di Telecom, INA, IMI, e, da ultimo, ENEL), mentre una quota minore è stata effettuata dal gruppo IRI (come nei casi di Banca commerciale, Credito Italiano, ILVA, Nuovo Pignone, e infine Società Autostrade) e dall’ENI (Enichem e Agip Petroli)... Complessivamente, la cessione di mercato di quote di aziende pubbliche è ammontata in quel periodo,a circa 185.000 miliardi di lire, pari al 12,3% del PIL dell’anno iniziale. Ne consegue che, mediamente, tra il 1992 e il 1999, la vendita di partecipazioni pubbliche ha comportato incassi pari a 1,5 punto di PIL del 1992”.tirando la conlusione il ns paese ha subito una trasformazione disastrosa facendo inesorabilmente gli interessi dei privati che si sono rilevati dei veri e propi virus devastando il ns sistema economico usando soldi pubblici, cioe' degli ITALIANI..tremonti nell'ultima finanziaria ha messo in vendita le case degli enti pubblici finanziate dalle banche che hanno permesso allo stato entrate veloci giocando sulla pelle dei poveri inquilini perdendo il diritto naturale della casa acquisiti con la legge governativa 167/62 e convenzioni, case costruite con i soldi degli italiani destinate alle fascie socialmente deboli.ci troviamo in una fase di svendita totale del ns paese l'idea sarebbe di far governare un contadino,un idraulico,un medico condotto,un giovane disoccupato,l'oro avrebbero fatto meglio non avremmo avuto questo debito pubblico devastante..

alvaro 16.01.11 07:51| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo sono un nuovo lettore , GUARDANDO SVARIATI VIDeo su youtube ho incomincito ad affezzionarmi alla tua passione al nostro paese,eesendo napoletano che vive a Londra mi appassiona la tua voglia rivoluzionaria di cambiamento e patriottico

marco ruggiero 14.01.11 21:56| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno mi spiega come fa Tremonti ad andare in Cina e vendere "utili" italiani?? CAZZO NON NE FACCIAMO DI UTILI!!!

Emmanuele Lusardi Commentatore certificato 14.01.11 21:20| 
 |
Rispondi al commento

Ma una moneta credito, con la soluzione Auriti o JF.Kennedy no è? Lo conoscevi pure... Capisco che tutto il mondo ti rompe le scatole perchè vuole che ne parli come hai fatto in passato... ma sarebbe così semplice. Siamo sempre noi la maggioranza..... Non ce lo scordiamo, presentare un progetto del genere elimina debito anche nel movimento 5 stelle può solo fare bene a tutti! E lo sai pure tu.

Salute

santo melia 14.01.11 19:40| 
 |
Rispondi al commento

La regione siciliana boccia i tagli agli sprechi negli enti locali.
Premesso che sono siciliano, non “comunista” nè “grillino” (che non è un offesa per carità) , ma che si approfitti dello statuto Siciliano per salvaguardare gli interessi di una casta di qualche migliaio di persone favorite dalle clientele (di destra e sinistra), a fronte di una crisi gravissima con milioni di bravi ragazzi disoccupati e precari, mi fa veramente vergognare come siciliano per queste prerogative dello statuto . Son sicuro che i padri fondatori dell’autonomia siciliana si vergognerebbero anche loro, più di me !

Fabrizio Ammuzzu 14.01.11 19:22| 
 |
Rispondi al commento

Il 20/21 gennaio a Londra una grande "VEGLIA PER LA VERITÀ" sulla guerra in IRAQ
http://bushblaircontrosicurapacefeceroguerrairakimpedendoesilioasaddam.it

Francesco D., Bologna Commentatore certificato 14.01.11 17:24| 
 |
Rispondi al commento

Comunque la si voglia vedere per me le balle stanno in poco posto.
Se lo stato rispetto all'economia si comporta solamente da arbitro non partecipando in maniera attiva come faceva in passato, la pressione fiscale può solo aumentare il livello dei servizi può solo calare e nei momenti di flessione dei mercati la dismissione di beni dello stato è l'unica alternativa.
Ricordiamoci che i beni pubblici o dello stato a seconda di come lo si voglia dire sono i NOSTRI beni.
Questo è quello che ha causato la privatizzazione delle imprese statali, non dimenticando l'evidentissimo peggioramento del servizio in capo ai fruitori e lo smantellamento di centinaia di migliaia di posti di lavoro.
L'unica soluzione per è il ritorno al sistema misto dove lo stato interviene attivamente nell'economia sostenendo e garantendo posti di lavoro, servizi a prezzo politico, un graduale abbassamento della pressione fiscale e quindi una reale possibilità di garantire dei diritti che ormai oggi sono solo verbali.
Qualcuno dirà che non si può fare che quelli come l'IRI erano solo dei baracconi, però quei baracconi hanno garantito agli italiani posti di lavoro, risparmi e benessere che mai più nella nostra storia abbiamo più visto.
Per quanto concerne l'acquisizione di aziende o la sua formazione, nel primo caso si potrebbe acquisire aziende che per malagestione falliscono anche avendo la possibilità di vivere, aziende troppo indebitate verso lo stato ovvero la collettività, società indagate per reati particolarmente gravi.
Per il secondo caso abbiamo un paese intero da riconvertire ad una efficienza energetica migliore creare sinergie tra i settori produttivi e gli enti di ricerca attraverso network nuovi come anche la rete, tasto nolente per il nostro paese.
Tra questi argomenti si può tranquillamente anche parlare in modo sereno del signoraggio e delle possibili soluzioni.
Questo è solo un punto di vista soggettivo le probabili soluzioni possono essere tante, ma bisogna proporle.

gabriele m., san felice sul panaro Commentatore certificato 14.01.11 16:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per una visione differente dell'economia, e idee fresche su lavoro, società, università, l'Italia ai tempi della crisi, ascoltate questa intervista al responsabile delle pagine economiche del quotidiano Il Manifesto

http://www.anakedview.com/a_naked_interview_1_galapagos.html

non ve ne pentirete!

baku 14.01.11 15:31| 
 |
Rispondi al commento

Allora... il problema del debito pubblico si puo' risolvere SOLO in un modo. Lo sà Beppe e lo sanno i governi. Non ci sarà governo o movimento 5 stelle che tenga che riuscirà a risolverlo. L'unico modo che ci potrà permettere di azzerare il debito pubblico (che è la piu' grande truffa della storia dell'umanità) è uno e uno solo.
John F. Kennedy lo fece... e fu assassinato per questo. Il solo modo è questo : I CITTADINI DEVONO TORNARE A ESSERE PADRONI DELLA PROPRIA MONETA. Parlare di debito pubblico senza parlare di signoraggio è una presa in giro. E questo Beppe lo sà...come lo sanno tutti i politici, in primis Tremonti. l'unica soluzione è che lo stato emetta la propria moneta e quindi i diritti di signoraggio rimangano allo stato. E' auspicabile un progetto del genere ? Si, se solo ogni singolo menbro del governo sia una persona onesta e ci sia quindi uno stato che poi controlli scrupolosamente l'emissione della moneta. Ma fino ad allora, e tutti lo sanno...pure Beppe, NESSUNO e ripeto NESSUNO potrà fermare il debito pubblico.

Alessandro Fattori () Commentatore certificato 14.01.11 15:02| 
 |
Rispondi al commento

Si! vendiamo pure l'oro..allora rimaniamo in mutande per davvero....qualsiasi cosa succede, le riserve auree rappresentano l'unico modo per uscire da un default...e garantire un valore alla moneta nazionale che dovrebbe essere reintrodotta.
Comunque anche gli USA rischiano il default..tra gennaio e marzo il congresso deve alzare il range dell'indebitamento federale....altrimenti crack...I DEBITI SOVRANI SARANNO LA PESTE DEL 3°MILLENNIO...ora Il Governo Americano è ad un bivio...ho alza le tasse(cosa pericolosa)aumentando il deficit...oppure taglia....(strada che ritengo più pericolosa)porterebbe ad un aumento delle tensioni sociali anche nei ceti medi....I primi a farne le spese sarebebro i servizi settore privato e statale...perdita dei posti di lavoro...gli altri seguirebbero a ruota..
Bisogna liberarsi dei debiti sovrani..non c'è alternativa..

roby f., Livorno Commentatore certificato 14.01.11 13:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dopo la fiducia di Razzi e Scilipoti ... Giuda ha perso la sua leadership.

Sergio Silvestri, Veruno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 14.01.11 12:58| 
 |
Rispondi al commento

La soluzione ci sarebbe èd è anche seria ed attuabile. Però sinceramente ci vuole anche gente che propone, e non solo gente che che spara nel mucchio e su tutti. Se si vuole cambiare veramente le cose si deve collaborare ed organizzare il consenso. Io sul sito www.lacrisi.org analizzo certe cose e propongo delle vere soluzioni, pertanto ditemi cosa ne pensate in proposito. Organizziamo qualcosa di veramente importante, almeno proviamoci.
Orazio Vecchio
http://www.lacrisi.org

orazio vecchio 14.01.11 10:56| 
 |
Rispondi al commento

Si dice in una botte di ferro come Attilio Regolo.

Antonio Mamone 14.01.11 10:36| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto che l'Italia è il quarto o quinto paese al mondo per riserve auree. Qualcuno sa spiegare perchè non si vendono (progressivamente) queste riserve per sanare il debito pubblico? Ricordo che se ne era parlato molto vagamente ai tempi di Prodi, poi più niente...sembra che l'argomento sia tabù, perchè?
Non sarà che qualcuno guadagna lautamente dal debito pubblico?
Il valore dell'oro è anche ai massimi storici...
Meglio vendere l'oro che i beni artistici del paese!

Luciano B. Commentatore certificato 14.01.11 10:29| 
 |
Rispondi al commento

2011-240 miliardi di titoli in scadenza...ogni mese un trance..(in giro c'è una calma apparente..)il capo è corso in germania dalla Merkel...(tenterà di convincerla ad accettare l'emissione dell'eurobond..per tappare il culo ai Piigs)..
Gli investitori chiederanno più interessi...sui titoli in scadenza e i tassi di rendimento schizzeranno in alto...il debito costerà di più..la spsgna già viaggia con tassi al 5%.grecia irlanda oscillano dal 10-12%...
Un'impennata dei tassi annullerebbe qualsiasi possibilità di ripresa economica..siamo alla frutta..i politici la partitocrazia è lì..Scillipoti è un effetto e non la causa...la causa verà e la Partitocrazia...il marcio in assoluto...

roby f., Livorno Commentatore certificato 14.01.11 09:09| 
 |
Rispondi al commento

Lo stock di debito senza un rapporto non significa nulla. Il mio debito personale se raffrontato al patrimonio di Paperone e' un rapporto del tutto sostenibile, ma il mio debito personale per un disoccupato e nulla tenente e' un macigno. Quindi se è importante il rapporto debito su ricchezza prodotta di un paese lo e' anche deficit su ricchezza prodotta. Ma questo non conta per alcuni allora accontentiamoci del fatto inequivocabile che nonostante tutto non siamo ancora falliti e che per gioire del fallimento dobbiamo ancora aspettare, io spero di aspettare tanto quanto basta perche' si spengano nella gola le voci di coloro i quali lanciano quotidiane iatture.

GIACOMO PETTERLE 14.01.11 08:34| 
 |
Rispondi al commento

Sapete che vi dico? Che Italia dei Valori ha guadagnato un terno al lotto a "svendere" questo "genietto". Sicuramente Di Pietro non avrà avuto sufficiente sensibilità verso la terapia dell'agopuntura ma sono certa che il "Ministro" Bondi capirà al volo l'efficacia della proposta scilipotiana. Anche i banchieri, nostrani e non, godranno come un riccio...Dopo aver "intortato" migliaia di vittime di usura e (presumibilmente)aizzato contro De Magistris una persona disperata adesso la sua "mission" è salvare l'Italia.. Mi vien da dire, parafrasando Marco Travaglio : POVERA ITALIA!

Piera Petrini Levo 14.01.11 08:21| 
 |
Rispondi al commento

Dal mio punto di vista le uscite sono due:
o ci svegliamo noi, gente, e cominciamo ad informarci sul serio per poi agire (più infos corrette abbiamo e meglio il cervello lavora), lasciando perdere politici e giornalisti, in massima parte, oppure, lasciare che il treno sociale, non solo in Italia, vada a sbattere, opzione, quest'ultima, che temo sia la più probabile, purtroppo; la maggioranza delle persone che conosco non ha la minima intenzione di cominciare a riflettere, semplicemente si chiude in se stessa e si distrae con l'alcol, con l'IPhone, e l'auto nuova, sperando non gli succeda nulla.
Senza una massa critica informata non ha nemmeno senso discutere: questo è un mattatoio!
La politica ed il giornalismo oggi sono scatole vuote, in massima parte.
Il sig. Scilipoti è solo uno dei tanti servi di questo capitalismo finanziario che, tra l'altro, disattende persino i suoi stessi fondamenti teorici: Adam Smith e David Ricardo in testa.
O saremo noi o sarà la storia a fermare tutto, e di solito essa lo fà in modo brutale.
THX

Roberto Vian 14.01.11 06:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sputtaloti scivoloti, scelleroti, scippoloti, scimenefregloti...forse, nella corrente dorotea...

francesco cims 14.01.11 02:38| 
 |
Rispondi al commento

Basta!bisogna avere il coraggio di parlare di coloro che vivono come parassiti.Però con attenzione, perchè quando lo si fa si finisce al cimitero...ecco perchè non se ne parla.Qualcuno ci ha sottratto la sovranità monetaria e non fa altro che renderci schiavi di un debito insanabile.Tutti che parlano di democrazia!come è possibile in queste condizioni.la sovranità monetaria, in un paese democratico, è la base, le fondamenta.se non si affronta questo è tutto vano.roba da cerebrolesi!

Garau Davide 13.01.11 23:45| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, quello è genovese come te e lo conosci bene: gli passi anche qualche battuta?? ah, già, tu sei genovese.

nunzio 13.01.11 22:16| 
 |
Rispondi al commento

RIFORMA DELLE FF.PP. CON INDIVIDUAZIONE DI COMPETENZE SPECIFICHE (O OSANDO OLTRE UNIFICAZIONE!!!) CHE C'E' POCA EFFICENZA, NESSUNA RESPONSABILITA' NELLA SITUAZIONE ATTUALE.

PINCO PALLO 13.01.11 22:12| 
 |
Rispondi al commento

Un pube di donna al mese: l'ultima trovata del fotografo Toscani.
alla faccia del RISPETTO della DIGNITA'e del GENERE femminile.

A quando un cazzo di coglione al mese?

gabra 13.01.11 22:04| 
 |
Rispondi al commento

Se non sbaglio è uscita una lunga lista di spese... superflue (non mi va di essere scurrile) realizzate dalla giunta Lombardo in Sicilia.. Tipo 14 mila euro di segnalibri. Moltiplicando anche solo il doppio di 14 mila euro sprecati mediamente da circa 10.000 enti locali esistenti, escono i soldi per ripianare la crescita del debito dell'ultimo mese. Semplicemente spiegando a un amministratore pubblico una cosa ovvia: trattenersi dal fare 2 spese idiote

Mattia Fasoli 13.01.11 22:01| 
 |
Rispondi al commento

Tutti ci preoccupiamo per l'entità
del debito pubblico,
ma nessuno ha una soluzione seria.
Tagliare la spesa pubblica?
Accomodatevi, prego, tagliate pure,
dopo tutti i notevoli tagli effettuati,
il debito è continuato ad aumentare.
E' un fatto, non una opinione,
i numeri non sono entità politiche,
i numeri sono, l'unica verità.
Per quanto possa sembrare strano
a tutti coloro che pendono dalle labbra
di minzolini, o di mimun, o di fede,
ma anche, un pò, della berlinguer,
i tagli alla spesa hanno un effetto,
peraltro piuttosto limitato,
sul deficit, ma non sul debito,
essendo quest'ultimo di dimensioni
inattaccabili dalle finanziarie
ed essendo alimentato soprattutto
dalla spesa per interessi.
I governi ci ripetono ogni anno
la stessa vulgata:
Bisogna tagliare!
E puntualmente,.... tagliano!
I risultati sono sotto gli occhi di tutti,
il debito aumenta!
Il fatto è che per diminuire il debito,
è quasi inutile tagliare,
Bisogna aggiungere,
risorse,
naturalmente.
Dve prenderle?
Indovinate un pò?

Luigi D., Ancona Commentatore certificato 13.01.11 20:49| 
 |
Rispondi al commento

Si, siamo in na botte di ferro.
Quella di Attilio Regolo.

antonio d., carrara Commentatore certificato 13.01.11 20:19| 
 |
Rispondi al commento

Ma non è il signoraggio la causa del debito pubblico? Perchè non se ne parla mai?

Roberto 13.01.11 19:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

..Beppe ma ti rendi conto che per tirar su soldi, i comuni mettono autovelox con pro campagna sicurezza (bugiardi infami), si inventano parcheggi a pagamento dappertutto (che è una tassa vera e propria)i vigili vengono spronati a far multe per far cassa (tanto di testimoni), l'ufficio delle entrate ed equitalia emettono sanzioni e cartelle a iosa (tanto poi dobbiamo noi preoccuparci se vere o no) costringendoci a code in uffici schifosi con gente schifosa agli sportelli, mentre chi evade milioni va a compromessi con il fisco e nè paga 1/3(forse) mentre noi se non paghiamo qualche tassa xchè non si hanno soldi, te le trovi a importo pieno con interessi, sanzioni e altre porcherie, le famiglie fanno fatica ad arrivare a fine mese e aumentano le bollette dell'acqua del 300% se va bene giustificando fantomatici opere di ristrutturazione, immondizie triplicate nonostante la differenziata, la luce aumenta nonostante la gente abbia messo lampadine a basso consumo e altri accorgimenti, il metano ti da una mano (a strozzarti), fanno tagli su servizi essenziali e loro non si tagliano niente....ma quanto ci stanno prendendo per il culo questi minchioni di politici e giornalisti leccaculo??!! la vedo dura beppe!!

peter riosa 13.01.11 19:23| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Abbiamo tenuto bene i conti pubblici".

"Siamo stati bravi a mantenere i conti".

Sento e leggo spesso che i vari politici di turno si vantano di aver tenuto i conti pubblici!
Non so di che conti parlino, ma comunque la realtà è questa.

1.870.000.000.000 di euro di debito pubblico!
MILLEOTTOCENTOSETTANTAMILIARDI DI EURO!

I miei complimenti al governo.
Voglio fare i complimenti anche al GREGGE che ha votato questi politici!

Marco Calì
www.sapienza-finanziaria.com/

Calì Marco (sapienzafinanziaria), Monselice Commentatore certificato 13.01.11 19:14| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
CREDO CHE IN REALTA' BEPPE,SIAMO SEMPRE PIU' MORTI,L'UNICA COSA DA FARE ATTENDERE CON PAZIENZA IL DEFAULT E POI CI LIBEREREMO DI QUESTI S....I,TRANNE DRAGHI
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 13.01.11 18:38| 
 |
Rispondi al commento

si chiama MoVimento 5 stelle .....

blues cafè 13.01.11 18:14| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori