Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Gli indifferenti


pillola_rossa.jpg
Quando vedi quello sguardo senti subito che ti compatiscono. Non capiscono perché lo fai, cosa ci guadagni a cercare di cambiare le cose. Rifiutano il volantino che gli dai. Non firmano per l'acqua pubblica o per l'aria pulita o per la salvezza di un parco cittadino. Se denunci i guasti italiani non ti ascoltano, i loro occhi ti trapassano come un laser. Hanno fretta, hanno sempre fretta. Passano oltre come se fossi un mendicante molesto.Ti dicono graziegraziegrazie (i più gentili) senza neppure ricambiare lo sguardo. Domani, per loro, è sempre un altro giorno che DEVE essere uguale agli altri. Nulla deve turbare la loro pace, qualunque cosa significhi pace, anche pace eterna. Hanno accettato tutto, da Andreotti a Craxi a Berlusconi passando per D'Alema e Bossi. Hanno preso la pillola blu, forse per sbaglio, forse per bisogno di sicurezza. Ma quanti sono gli indifferenti in questo dannato Paese? E come è possibile smuoverli? Talvolta mi chiedo chi me lo fa fare e, tra le tante ottime ragioni, una è quella di non diventare come loro.

23 Gen 2011, 23:27 | Scrivi | Commenti (139) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Ma cosa c'entra essere indifferenti con il rifiuto di mettere la miliardesima firma della settimana o di prendere l'ennesimo volantino, forma peraltro assai discutibile di comunicazione, per l'ambiente. Per me sulle cose in strada vale il principio "muoia Sansone con tutti i filistei".

Alfredo 21.02.11 09:38| 
 |
Rispondi al commento

Se ci fosse nel mondo un numero più cospicuo di persone che desiderano la propria felicità più di quanto desiderino l'infelicità altrui, potremmo avere il paradiso nel giro di qualche anno. Bertrand Russell da Saggi scettici grande libro

Dani 28.01.11 18:07| 
 |
Rispondi al commento

Ho 80 anni ho combattuto come operaio,ho combattuto come impiegato,ho combattuto come
artigiano,ho combattuto come dirigente,ho combattuto come pensionato.Oggi ,purtroppo non posso più,ma vorrei combattere come BRIGATISTA
ROSSO . Questa rassegnazione del popolo mi rattrista e mi fa incazzare . Spero sempre
che nasca qualcuno che rompa questa innaturale
amorfia!!!!!!!!!!!

franco betti 27.01.11 23:21| 
 |
Rispondi al commento

meglio l'odio la reazione anche sopra le righe ma l'indifferenza questo addormentamento delle coscienze no è il peggiore dei mali una persona indifferente è una persona egoista e una persona egoista non merita di vivere in una società in cui la prima regola dovrebbe essere di occuparsi degli altri almeno quanto di noi stessi gli indifferenti uccidono la società e quindi anche loro stessi

tommaso RABITI Commentatore certificato 27.01.11 18:50| 
 |
Rispondi al commento

Prima di conoscere il blog e il m5s, pensavo che il movimento fosse una manica di no global da evitare: era una sensazione a pelle difficile da togliermi, soprattutto perchè ero tutto intento a tifare la mia solita maglia politica. Dopo aver conosciuto meglio il tutto, sono diventato elettore m5s ma è stato molto casuale... ci servono i voti degli indifferenti e dobbiamo aiutarli a conoscere il movimento. molti schivano il m5s perchè non amano grillo, altri non sanno nemmeno cos'è e non sopportano i banchetti in generale, altri vedono solo tv e non hanno la minima idea di tutto il resto... fate girare il movimento, facebook è un ottimo mezzo per raggiungere tante persone e farli ragionare un po'.

Lucio Cavalca 27.01.11 17:35| 
 |
Rispondi al commento

Un discorso degno di una "chiesa"di una nuova fede ha al primo posto la cosa più importante di tutti, l'essere umano.
Amen fratello, amen

Loris C. Commentatore certificato 27.01.11 09:38| 
 |
Rispondi al commento

essere indifferenti vuol dire rinunciare al proprio esere sociale, vuol dire fregarsene e lasciare che tutto vada per il peggio, rinunciare alla coscienza, e quindi alla percezione di sè fuori di sè stessi, rinunciare al cambiamento a favore del conformismo, e poi alla fine si diventa gregari e si segue il buon pastore che provvederà per noi e per i nostri bisogni, basta lasciargli una delega in bianco e perdonarlo se senza un controllo di alcuno, diventa un depravato del potere

GIANCARLO SARTORETTO, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.01.11 15:09| 
 |
Rispondi al commento

@star vision:
Non sono un gran frequentatore di questo blog, ma questo articolo mi ha attirato e la replica di star vision è la giusta occasione per dire qualcosa agli indifferenti.

Tu, caro star vision, confondi l'obbligatorietà (che in genere è imposta da chi dispone di forze dell'ordine) con la sollecitazione alla coscienza, che è ben altra cosa. Io rispetto il diritto di libertà e di individualità, ma il tuo và oltre il ragionevole. Tu guardi al tuo tempo ma non consideri il tempo di chi stà là fuori a fare qualche cosa che serve anche a te. Avrei trovato più onesto che tu avessi detto: Non sono d'accordo con quell'iniziativa, dissociandotene. Ma la tua replica è quella di chi vorrebbe il pasto gratis.

Claudio H. 25.01.11 22:50| 
 |
Rispondi al commento

In questi giorni tutto il Veneto ha i muri tapezzati con la faccia di Bossi che si mostra con il dito medio alzato (sic). Questo per illustrare al popolame che la Lega adesso verserà meno soldi a Roma. Che cultura! Che spettacolo!

regina effe Commentatore certificato 25.01.11 22:35| 
 |
Rispondi al commento

Ricordate i visi e le parole, scolpiteli nella mente perchè un giorno non troppo lontano qualcuno dovrà dar conto alla storia delle proprie scelte. Ricordate i visi e le parole, affinchè coloro che hanno contribuito al dilagare di questa peste non possano dire "io non c'ero" e dovranno assumersi le proprie responsabilità.

vincenzo mazzulla 25.01.11 19:37| 
 |
Rispondi al commento

Io non sono indifferente, sono una di quelle che si arrabbia e si sente sempre più impotente. riconosco intorno un'ignoranza abissale, non in senso accademico ma nel senso comune: si procede con i paraocchi! Cercando di non vedere le cose per come sono ma costruendoci intorno mura colorate e cieli limpidi di cartone; c'è sempre un capro espiatorio che ha la colpa se qualcosa non va e se non si può risolvere, con la conclusione di una totale e disarmante immobilità di tutti i settori.... Trovo che la base culturale italiana sia talmente bassa che le persone che provano a fare qualcosa per cambiare si possano contare senza bisogno di un computer... Questo è un pensiero piuttosto disarmante!

Sara Bellugi 25.01.11 14:56| 
 |
Rispondi al commento

Franco di Rivoli, sei confuso...: Antonio Gramsci non ha fondato il PD. Arrivi a sostenere che Bevtinotti abbia rubato voti al partito fondato da Gramsci? Guarda che quel partito era proprio quello comunista. Gramsci era distante anni luce dalle idee, anzi dalla mancanza di idee del PD. Siete tu e il tuo PD che portate via i voti alla sinistra. Il PD non sta a sinistra, quando ve lo metterete in testa? Ti pare che il tentativo di allearsi con ex fascisti e democristiani, snobbando invece i veri partiti che non dico siano più vicini ai very normal people, ma almeno ci provano o fanno finta, ti pare dicevo che questa sia una mossa da partito di sinistra? Supportare la privatizzazione delle acque e la firma da parte della classe operaia ad un ricatto lavorativo è da Gramsci? Quando leggo queste castronerie sparate dagli elettori del PD non posso fare a meno di accostarli mentalmente ai loro cugini stretti elettori del PDL. Sarebbe ora che vi svegliaste dal torpore mentale che vi attanaglia.

Filippo 25.01.11 13:38| 
 |
Rispondi al commento

Anche io credevo, volevo “non diventare come loro”, ma è l’esperienza che ti fa diventare quello che sei: quando ti prendono in un momento più “disponibile” e ti fermi ad ascoltare, ti accorgi poi, che sei rimasto fregato…… allora non ti fermi più ad ascoltare, tiri diritto, e a fare così’ non sbagli mai. La nostra vita, se si ha il privilegio, o la disgrazia, di invecchiare, è breve, è solo quella, all’inizio pensi che “gli’è tutto sbagliato. Gli’è tutto da rifare” Poi ti accorgi, cercando di entrare nelle associazioni, nei movimenti, nelle cose che incontri, che non puoi cambiare nulla, solo il tuo, personale, modo di vivere. Io, per esempio, non compro alcuni prodotti, informandomi sulle società che li producono, solo per fare un esempio, ma non mi metto ad ascoltare la persona che mi ferma per la strada…. Perché mi ha già fregato un suo simile una volta per cui….. Mi dispiace per quello buono che paga per il peccatore, ma non ci voglio rimettere io. mgrazia

maria grazia logi 25.01.11 13:19| 
 |
Rispondi al commento

Ogni persona e sensibile solo a ciò che gli interessa di più , io potrei essere indifferente ad alcune cose come voi ad altre , ma tra tutto ciò che ci circonda cerchiamo di fissare lo sguardo su ciò che dura e cerchiamo di conseguirlo .
Purtroppo questa nazione è anestetizzata dalla sua moderna "cultura" , ma ad ogni tempo c'è stato " panem et circenses " affinche chi spadroneggia lo faccia in tutta sicurezza e chi subisce lo faccia inconsapevolmente . Non c'è nulla di nuovo sotto il sole ( Ecclesiaste 1:9 ) .

Marco ( Va ) 25.01.11 12:35| 
 |
Rispondi al commento

Veramente ottimo il tuo messaggio. Di quelli che se ne leggono pochi.
Un grande italiano morto nelle prigioni fasciste nel 1937 ha scritto per noi "ODIO GLI INDIFFERENTI". Se ci fosse la possibilita' di allegare questo documento lo avrei fatto.
Lo si puo' comunque trovare.
Odio gli indifferenti, peggio dei fascisti.

Bruno Sordini 25.01.11 12:22| 
 |
Rispondi al commento

Cerchiamo di essere tutti un po' meno indifferenti a tutto quello che ci circonda.

Mandiamo a casa questi politici corrotti.

NOI SIAMO L'ITALIA, non loro!!!

Quest'anno ricorre il 150esimo anniversario dell'Unità d'Italia.

Esponiamo tutti davanti a casa la bandiera tricolore!

andrea pagliuca 25.01.11 12:12| 
 |
Rispondi al commento

A Beppe , ( chissà se lo leggerai mai un mio post )

te lo ripeto , anzi lo affermo , con tutto il rispetto che è l'unica soluzione e la base di vita ,
chi te lo fa fare , goditi la vita e lascia perdere questi morti di fame.
Non diventare presuntuoso , la storia cambia senza il bisogno di alcuno.
E' fatta di periopdi più o meno lunghi e più o meno buoni ma sempre ripetitivi.
Siamo arrivati ad oggi e il mondo continuerà a cambiare senza me , te e chiunque c'è in questo momento.
Si tratta di attendere.
E poi sinceramente ma ti rendi conto a chi stai parlando ? Ad una massa di ciofeche appena usciti dalla preistoria , se non ci fosse la tecnologia a tirare il carretto saremmo ancora a 2000 anni fa.
Quindi cosa vuoi che ti dico , la stragrande maggioranza degli abitanti della penisola italica ( io non mi sento italiano o altro ) ma ESSERE UMANO nel vero senso della parola , è perfettamente in linea mentale con la politica odierna.

Medita Beppe Medita

Se avessi le tue palanche mi divertirei anzi prima pagherei il mutuo della casa così da avere lo stipendio pulito ( nulla di più mi interessa se non vivere del mio lavoro ) farei studiare bene mia figlia e qualche viaggetto ( uno all'anno sarebbe sufficiente )

Ma vai in giro e non per teatri , lascia che sia la commedia della vita a sistemare la situazione.

blade runner 25.01.11 10:15| 
 |
Rispondi al commento

Mai Mollare! Come ho scritto a Mariluna, vi sono troppi vecchi (anche ventenni) che si aggirano per il paese, che aspirano a diventare esattamente come morfeo o il nanomalefico. Anzi quest'ultimo viene pure ammirato, va con le minorenni, probabilmente fa uso di sostanze per lui lecite, laido porco perverso. La gente pensa: a se fossi anch'io come lui... Ma perché non ci mandi tua sorella, tua moglie o tua madre? Tanto per lui un buco vale l'altro.

fabio SuperPapero 25.01.11 09:53| 
 |
Rispondi al commento

CIO' CHE PUO' MUOVERE LE COSCIENZE DEGLI ITALIANI, O ALMENO DI PARTE DI LORO, E' LA FAME ED IO SPERO CHE A PATIRLA SONO QUELLI CHE HANNO SOSTENUTO E CHE ANCORA SOSTENGONO IL BERLUSCA ANCHE ALLA LUCE DEGLI ULTIMI, SPUDORATI E VERGOGNOSI COMPORTAMENTI

GRAZIELLA PIERINI, CITTA' DI CASTELLO Commentatore certificato 25.01.11 09:06| 
 |
Rispondi al commento

Certamente ci sono gli indifferenti ma ci sono anche quelli che non sono “completamente” d’accordo, ovvero concordano con il principio che l’acqua è di tutti e deve essere libera, anche se qualcuno deve farsi carico degli investimenti e dei costi di gestione del servizio, ma non sono d’accordo di farsi rappresentare da “estremisti” che hanno comportamenti che urtano la sensibilità di chi invece di combattere preferisce discutere e risolvere e raggiungere con ragionevolezza quegli stessi risultati che gli estremisti giustamente propongono. Qualsiasi azione legittima, così come quella in discussione, oltre al contenuto è composta anche dal modo in cui viene presentata e le due cose insieme ne determinano l’accettazione.

Ezio P., Vimercate Commentatore certificato 25.01.11 08:36| 
 |
Rispondi al commento

Rispondo a tutti.

Manuela Bellandi mi pare sia' l'unica che abbia letto TUTTO quello che ho scritto e non solo parte di esso.

Il pezzo "Lo faro', come sto facendo ora" dice tutto: la penso come chi ha scritto il post. Il resto sta semplicemente a dire che un conto e' chiedere partecipazione, altro imporla.

Concludo con un terzo breve pensiero: mi pare che il sistema sia democratico rappresentativo, versus partecipativo (dato che non esiste ancora, purtroppo, l'istituto del referendum propositivo). Quindi io devo esigere che sia chi mi rappresenti a fare il lavoro di rappresentarmi. Altrimenti, altro che firme e banchetti: ci vogliono calci nel "cluo" come Beppe (perdona la confidenza) sostiene da tempo.

PS. La prossima volta, prima di scrivere "czzatae", leggete tutto parola per parola, saputelli.

Star Vision 25.01.11 01:55| 
 |
Rispondi al commento

Si muoveranno solo quando avranno fame!
Per ora stanno tutti bene, non hanno bisogno di protestare o di guardarsi intorno per vedere quello che succede. Non si interessano di politica, non pensano al futuro.
Antonio

Antonio P., Hong Kong Commentatore certificato 25.01.11 01:50| 
 |
Rispondi al commento

Considerando la situazione politica attuale suonerebbe meglio così: Supposta blu o supposta rossa?
Francois Truffaut nel bellissimo film Fahrenheit 451, descrive una situazione futuribile perfettamente identica alla nostra, la distruzione della cultura. Nella nostra realtà la distruzione sta avvenendo lentamente. Giorno dopo giorno da 20 anni veline e calcio che hanno scavato nel nostro cervello e nella nostra anima un vuoto che genera l'indifferenza, apatia e mancanza di idee e reazioni. Mediaset è un mostro che sta divorando la mente degli italiani, ti danno lo zuccherino della velina per ficcarti la carota nel c.ulo! Cazzo spegniamola, tiriamo fuori le palle, se non ce le abbiamo vanno bene anche due coglioncini... Leggevo ieri che tantissimi giovani non lavorano e neanche lo cercano! Non ci sono più intellettuali che si indignano, che alzano la voce; tempo fa un direttore d'orchestra appunto perchè straniero alzò la voce per la mancanza di fondi per la cultura. In cambio si progettano ponti sullo stretto. Una volta si costruivano i ponti per unire, adesso per dividere e affondare.

vinicio del pinto 25.01.11 00:58| 
 |
Rispondi al commento

(segue)

Se ben ricordo, era Machiavelli che suggeriva di "finire" il nemico, togliergli tutto, non consentigli di riprendere le forze per vendicarsi.

Ed è questo che fa anche la politica antidemocratica del periodo che viviamo.
Alla gente toglie progressimavente tutto, ma lo fa con scientificità, un po' per volta, fa in modo che molti si illudono che non toccherà a loro.
Aspettano tutti la prossima "vittima del progresso" sperando che sia "quello accanto", come davanti al plotone di esecuzione si immagina che i soldati sbaglino il tiro; per non impazzire, per non gridare, per non soffrire troppo prima della fine.

Ma la fine arriva.
Nella realtà i "nostri" non arrivano mai. Non è come nei film.

E allora si arriva, economicamente, ad essere come davanti al plotone di esecuzione. Interi popoli non hanno più speranza.

Il potente di turno, tanto, per male che vada si è portato tutto via all'estero.
Difficilmente si troverà chi gli farà pagare i misfatti perchè comunque i malfattori si aiutano tra di loro.
E uno più delinquente di te, uno con cui bene o male fare a metà (tanto non sono ricchezze sudate) lo si trova sempre.

Il popolo no.
Non ha vie di fuga.
Il problema è che si accorge dell'essere caduto nella brace solo dopo.

La storia di Cassandra, così tanto vituperata nei discorsi dei politici, fa pensare. Perchè era la sola che aveva la VIRTU' del CONOSCERE il vero, di come sarebbe finita.
L'uomo, da sempre, ha paura di ciò che lo attende.
Eppure preferisce attendere il peggio senza lottare.
Spesso è così.
La gente purtroppo immagina che prima o poi arriverà un terremoto, ma preferisce andare sempre a dormire, sperando che non sia stanotte.
E, puntualmente, il terremoto squassa tutto e tutto porta via.
Eppure i segni c'erano.
Cassandra aveva parlato dei rischi e nessuno aveva voluto credere.

E' la nostra superficialità.
Gli Italiani sono campioni in questo, soprattutto i Siciliani "campioni mondiali del sogno".
61 a zero pro mr.B. E LI' VA SEMPRE PEGGIO!

rosario v. Commentatore certificato 24.01.11 20:03| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Nel sud di Italia è ormai così da sempre, purtroppo.

La capacità di reazione è vicina allo zero.
Hanno tutti paura di prendere coscienza.

Non siamo lontani dalla mentalità del popolo che circondava Gesù e di quello che lo evitava perchè aveva paura.

Sanno tutti, ormai, quale è la verità.
Sanno tutti di essere giornalmente fregati.
Sanno che sono vittime di un sistema ignobile, che odia la persona, che odia l'uomo come la donna, anzi questa ancora di più perchè è custode e generatrice di vita.

Mi spiace (per molti) metterla sotto l'aspetto "religioso" ma in fondo se non avessimo noi tutti degli ideali che vanno al di là del "soldo", ce ne fregheremmo e ci si accoltellerebbe a vicenda come malfattori alla ricerca del proprio arricchimento, non si aderirebbe agli ideali di un movimento, ognuno farebbe come i passanti distratti (anzi IGNAVI) che lasciano morire il poveraccio di freddo e stenti per strada.

Di "buon samaritano", già allora, ce ne era uno tra tanti.
Gli altri tiravano avanti.

Nel sud di Italia la gente si illude che basta accodarsi ad un politico che "la cosa si risolve".
Non è così.
Solo i "familiari" di "certe" famiglie saranno aiutati dalla politica. Perchè, con questo sistema attuale, DEVE farlo per sopravvivere altrimenti la delinquenza si mette ad avvantaggiare un altro.

Ed allora?
I politici si mettono a MENTIRE. Promettono questo, promettono quello, poi non danno. Tanto una ragione te la adducono sempre, finisce per essere sempre "colpa tua".
Un po' come i Marchionne che addossano ai lavoratori della catena di montaggio il fatto di non vendere macchine!
E convince la gente, soprattutto in Italia è FACILISSIMO CONVINCERE GLI "SPETTATORI" NON PAGANTI, cioè quelli che NON HANNO IL PROBLEMA.

Mors tua, via mea.
La gente è portata ad illudersi così.
E non capisce che poi, a turno, il potente colpisce tutti, si appropria di tutto.
Rimani corn.to e gabbato.

Se ben ricordo, era Machiavelli che suggeriva di "finire" il nemico, ... (segue)

rosario v. Commentatore certificato 24.01.11 19:42| 
 |
Rispondi al commento

c'e' da commiserare questa gente piu' che disprezzarla, il loro problema e' la Paura: la Paura che gli hanno instillato giorno dopo giorno, telegiornale dopo telegiornale per i passati quarant'anni. Molti scommetto non conoscono nemmeno i vicini di casa, tengono le tapparelle sempre abbassate e se uno sconosciuto bussa alla loro porta, pensano subito ad una truffa o un mendicante (e qui purtroppo hanno ragione nel 90% dei casi). Per loro ascoltare uno sconosciuto e' difficile perche' sono diffidenti di tutto. E la diffidenza non e' che il frutto della Paura che provano per qualunque cambiamento fosse pure per il meglio. Danno l'impressione di aver accettato tutto solo perche' hanno rinunciato a tutto, e soprattutto hanno rinunciato a ritenersi Uomini Liberi.
La piu' dura missione di questi tempi sta' nel risvegliare questa umanita'.

gpd 24.01.11 19:36| 
 |
Rispondi al commento

Ancora una volta leggo un Tuo articolo come al solito realistico e razionale e ancora una volta ho intenzione di scrivere qualcosa....ma poi come al solito non so da che parte cominciare e come al solito..rimando a più tardi. Ogni volta mi sento in colpa...è da noi che deve partire il cambiamento ma come al solito il senso di colpa viene sopraffatto dalla quotidianità dei problemi comuni e dalla convinzione che comunque ci sarà un'altra occasione per farTi sapere quanto apprezziamo il Tuo lavoro ed impegno. Recentemente avevo aderito al banner che ci invitava a sapere di più circa la lista a 5 stelle nella nostra città...oggi è arrivata una risposta ed è giunta con gran piacere...ecco forse questo è un modo per noi di sapere da dove cominciare, per "ricevere il nostro volantino" anche quando siamo immersi nei soliti casini di ogni giorno e potergli invece prestare l'attenzione che merita. Ti chiedi chi te lo fa fare....è una reazione a catena, una valanga che deve coinvolgere i "dormienti positivi" di questa società...quelli che hanno prestato servizio militare e ad ogni alzabandiera si sentivano ONORATI di servire questo paese...quelli che hanno rifiutato di fare delle forniture ad un Ente perchè gli veniva chiesta una bustarella, quelli che restano a curare i malati ben oltre l'orario senza che nessuno gli dica un grazie....i giudici che restano in ufficio fino a notte inoltrata per preparare il lavoro dell'indomani consapevoli di poter giudicare serenamente e con cognizione...le mamme che ci hanno tirato su con pane, marmellata e buoni principi e che forse oggi si chiedono se era meglio farci giocare a pallone o farci fare la "velina" anzichè farci passare tante ore sui libri. Sabato 5 andrò con molto piacere e GRAZIE A TE a questa riunione e cercherò di dare anch'io la mia spinta perchè finalmente questa VALANGA parta ! Grazie !!

Robinho Dos Santos 24.01.11 19:29| 
 |
Rispondi al commento

Certo Grillo,

ma la gente che tu giudichi con tanta severità non ha 4 mln di euro di reddito.

Ricordatelo, invece di fare il frocio col culo degli altri.

Ciao

Giacomo Drago 24.01.11 19:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gli indifferenti sono quelli che si bevono tutto ciò che gli viene detto, perchè leggere, informarsi e ragionare per farsi un'idea propria costa fatica. Sono quelli che vivono il presente senza preoccuparsi non dico del futuro, ma nemmeno del domani. Sono quelli convinti di stare bene se ci sono altri che stanno un po' peggio di loro. Sono quelli che bestemmiano quando vai a toccare i loro piccoli o grandi interessi dimenticandosi che i primi a non averli difesi sono proprio loro. Gli indifferenti sono la zavorra della società, la vera forza di ogni dittatura.

Luciano Colletti G. 24.01.11 19:11| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
L'UNICA E' CHE SUBISCANO LA CRISI E NOI DI NON ARRENDERCI MAI
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 24.01.11 18:44| 
 |
Rispondi al commento

Il prezzo che pagheranno per questa loro indifferenza sarà altissimo: default dello Stato con BOT, CCT, CTZ che non varranno più nulla e guerra civile con una Paese che sarà ridotto come la Somalia !

Maurizio Monti 24.01.11 18:39| 
 |
Rispondi al commento

L'apatia credo sia una delle cose più brutte della vita, è spesso associata alla routine.
E' il male del secolo se associato alla depressione.
Le persone apatiche non hanno voglia di cambiarte molte volte per paura e per pigriazia.

Sabina M. 24.01.11 18:29| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

ragazzi, ho una certa eta' e nella mia vita non ho mai visto un governo che andasse bene (a parte questo che è scandaloso eh), quello che succede qui è molto simile a quello che accade nel resto d'Europa, oramai. Non saranno mica tutti scemi no? Il fatto è che quando l'economia va bene e ce n'è per tutti allora chi governa è bravo, quando non ci sono soldi allora si va in piazza a protestare. Anch'io rifiuto i volantini, mi informo per esempio qui. Il fatto è che chiunque ti fermi per strada con il fatto di fare qualcosa per il tuo interesse, piu' che altro lo fa per il suo, con la scusa di farlo per te. Chiunque vada in politica lo fa principalmente per SE'! Purtroppo. Anche chi da' i volantini.

mauri mimi 24.01.11 18:25| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
ti leggo SEMPRE, ma non scrivo mai. Ora hai scritto questo post! Allora ti scrivo x dirti che non sei solo. Ci sono una valanga di persone al tuo fianco. E soprattutto ci sono giovani che credono nel movimento. Non possiamo mollarli. Noi del '68. Un saluto a Te e a tutte/i, Licia

licia carra (licia, metanopoli), metanopoli Commentatore certificato 24.01.11 18:25| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

E' la cosa più terribile che il regime mediatico è riuscito ad inculcare nella testa degli Itagliani: l'indifferenza. Spazzarlo via, lui e la sua infame macchina di condizionamento mediatico, è il primo obbiettivo da perseguire.

harry haller Commentatore certificato 24.01.11 18:17| 
 |
Rispondi al commento

Tu lo fai per persone come me, che da quando hanno letto ciò che scrivi nel tuo blog, hanno visto la propria vita cambiata in meglio. Non lo dico per esagerare, o per mettermi in mostra sul blog, o per chissà quale altro diavolo di motivo, lo dico come reazione istintiva a quanto hai scritto. Mi sono fatto un esame di coscienza, e ho scoperto che fino a quando non sono entrato nel tuo blog, io ero una persona cieca, e se non ci fossi stato tu, sarei rimasto uno stupido infante egoista, come ce ne sono tanti ancora oggi, costoro hanno perso ogni speranza di evolversi, ogni speranza di vedere oltre, chiuse nel loro egoismo, e nelle loro paure invincibili: questo è il loro vero inferno. Con te, e le tue parole ho trovato consolazione, scoprendo che, in fin dei conti il mondo è perfetto , perchè la verità in esso trova sempre il modo di emergere e brillare, e ascoltare giornaliermente quello che scrivi per me è come respirare. Non credere che le tue parole siano perdute nel vento, non cadere nello sconforto: la gente veramente onesta, veramente pura; è silenziosa, ma agisce tutti i giorni, muore tutti i giorni, ma facendolo salvano il mondo, senza chiedere niente, ne successo, ne medaglie, ne visibilità alla TV, ne righe nei paragrafi di storia e lo sai perchè? Loro hanno solo manifestatoin libertà come Dio li ha creati, il loro spirito: io ambisco a divenire uno di loro, che poi a conti fatti non è quasi mai una gioia, ma è l'unico modo per progredire veramente, e sopravvivere alla morte. Un abbraccio Loro non molleranno mai, NOI neppure!

massimo esposito 24.01.11 18:13| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

bel post....ma ricordati in qesti momenti , delle piazze gremite dei v-day, le code per una firma con una ragazzina di 17 anni al banchetto della raccolta firme, mentre se ne andava una domenica di autunno che l'avrebbe voluta nei bar con i suoi pischelli.....e ancora, pensa ai testimoni di geova , che quando suonano alla mia porta gli apro e parliamo...parliamo...parliamo....loro di Geova e io di Grillo e alla fine ci scambiamo le riviste : la loro si chiama - SVEGLIATEVI !!!-, la nostra è - la settimana di beppe grillo................pensa che loro pigliano gli stessi calci che prendi tu !!!!!!!!.....AOOOO...SEMO FORTI !!!!!...però scusate...almeno x i grilli piemontesi......... riunirci x andare collettivamente a sbattere in faccia le banconote a quei porci che dicono a quel povero consigliere M5S "cazzo ne sai tu della nostra storia".....potremmo andare li a farcela raccontare...la loro storia....tutti insieme con le banconote di cemento !!!!!!!!!!

tina ghigliot 24.01.11 18:03| 
 |
Rispondi al commento

Non disperare! Quando il popolino sarà costretto a digiunare,l'ipocrisia e l'indifferenza si trasformeranno in ribellione.E allora saranno c... amari.

Giuseppe V. Commentatore certificato 24.01.11 18:00| 
 |
Rispondi al commento

Mi piace il post, ma non dice neinte di nuovo. Copio e incollo:

“Odio gli indifferenti. Credo che vivere voglia dire essere partigiani. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. L’indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti.

L’indifferenza è il peso morto della storia. L’indifferenza opera potentemente nella storia. Opera passivamente, ma opera. È la fatalità; è ciò su cui non si può contare; è ciò che sconvolge i programmi, che rovescia i piani meglio costruiti; è la materia bruta che strozza l’intelligenza. [...]
Odio gli indifferenti anche per questo: perché mi dà fastidio il loro piagnisteo da eterni innocenti. Chiedo conto a ognuno di loro del come ha svolto il compito che la vita gli ha posto e gli pone quotidianamente, di ciò che ha fatto e specialmente di ciò che non ha fatto. E sento di poter essere inesorabile, di non dover sprecare la mia pietà, di non dover spartire con loro le mie lacrime."

Antonio Gramsci, 1917

Alessio G. 24.01.11 17:29| 
 
  • Currently 3.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Hai detto bene: noi non saremo mai come loro. Noi non avremo quello sguardo imbesuito. Noi non rinunceremo a ragionare con la nostra testa. Noi continueremo a puntare il dito contro le porcate del potere. E se alla fine potremo dire soltanto: "Tu dov'eri? Cosa facevi?" sarà già abbastanza. Tieni duro amico. Provo la stessa sensazione tua, quabndo volantino. Barcollo, ma non mollo. Buona fortuna a tutti.

roberto romanella, roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 24.01.11 16:55| 
 |
Rispondi al commento

Carissimi amici trovo tutte le vostre parole che mi appartengono. Grazie! di non essere solo.
E' un articolo questo che tocca ogni nostra sensibilità e ci fa capire come siamo diventati diffidenti anche da chi ci allunga una mano per aiutarci.
Grazie di cuore Beppe Grillo.

Francesco Leandri 24.01.11 16:48| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

molti sono raccomandati e hanno venduto l'anima al diavolo

paolo c. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 24.01.11 16:39| 
 |
Rispondi al commento

Io credo che per cambiare questa nazione si debba tenere(con le buone) le persone lontane dalla tv. Come fare? Telefonate più spesso o passate più tempo con gli amici, i bambini, i parenti (specie quelli che non usano o non hanno la rete come gli anziani), i conoscenti e discutete con loro di problematiche sociali. La tv è uno strumento utilizzato soprattutto dalle persone sole che non hanno nessun altro strumento di intrattenimento e quindi si rifugiano nella compagnia audio/video del tubo catodico. L'importante è tenere il più possibile la gente lontana dalla televisione. Io, per esempio, lo sto facendo coi miei nonni ogni volta che li vado a trovare e sembra funzionare, perchè ho inoculato loro il "virus" del dubbio. E quando una persona comincia a dubitare, vuol dire che il processo di consapevolezza è cominciato...

Matteo F. 24.01.11 16:28| 
 |
Rispondi al commento

Si, si!
Sono fatti proprio così!
Questi deficenti proto-umani, sono proprio cosi.
Non c'è bisogno di dargli un volantino,
basta esprimere anche un piccolo dubbio sulle
pseudo notizie del tg1 o del tg5,
e subito vedi che i loro occhi si appannano,
la loro mente non riesce più a concentrarsi,
cominciano a sbadigliare, e a guardare altrove,
imbarazzati, come se stessi affermando che la forza di gravità non esiste.
I più gentili cambiano discorso, sorridendo,
altri ti danno del matto,
altri ancora ti dicono "io non mi interesso di politica, tanto sono tutti uguali".
Eppure, QUESTA GENTE VOTA!
Tanto varrebbe,
dare il diritto di voto
agli scarafaggi!!!

Luigi D., Ancona Commentatore certificato 24.01.11 15:39| 
 |
Rispondi al commento

Forse,il questo particolare momento storico,il compito del Movimento 5 stelle è più quello di educare,che di governare,di fare controllo scoiale,di insegnare,ma senza avere il potere (o averne comunque poco).
Questo blog è per me un'autentica scuola politica.

Cristian L. Commentatore certificato 24.01.11 15:27| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

E' molto triste quando questi indifferenti sono giovani e con dei bimbi per mano o nelle carrozzine. Io cinquantenne ho raccolto le firme per l'acqua pubblica e ora le sto raccoglendo per salvare il nostro parco cittadino mai aperto ai cittadini, e loro passano velocemente mi schivano e mi liquidano con "un no grazie"...mi verrebbe voglia di urlare NO GRAZIE????? e per chi per tuo figlio, per la cacca che gli lascerai???per le multinazionali, per il cemento, per gli inceneritori,per l'assenza di verde,per le centrali nucleri????.............Sarò presuntuosa ma a quel punto mi spiace tanto che siano loro a non somigliare a me più che essere contenta di non essere io come loro perchè a pagare saranno i loro figli!

nadia zulian 24.01.11 15:23| 
 |
Rispondi al commento

Beppe,mi sento di dirti:loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?).Noi neppure!
Ci hai insegnato un nuovo modo di fare politica,il modo più moderno che ci sia (con l'uso di internet).Gli italiani,come sempre,arrivano sempre prima!

Cristian L. Commentatore certificato 24.01.11 15:14| 
 |
Rispondi al commento

Gli italiani sono qualunquisti, menefreghisti, indifferenti a tutto e a tutti, pensano che le disgrazie capitino solo agli altri, le ingiustizie agli altri, la galera agli altri, la perdita del lavoro agli altri, finire sotto un ponte agli altri, ammalarsi di tumore agli altri. Gli italiani hanno deciso di passare dal sonno alla morte, senza sapere che prima di tirare le cuoia gli aspetta il bunga- bunga!!!!!

rudi zuch 24.01.11 15:03| 
 |
Rispondi al commento

Ecco il perchè del loro comportamento. NON capiscono che l'acqua, l'aria pulita o la salvezza di un parco cittadino non sono solo le TUE o le MIE cose.... ma sono cose di TUTTI. Non capiscono che non combatti per te stesso ma per il bene della comunità.
In effetti, nulla deve turbare la loro pace o far perdere loro del tempo. Che siano gli altri a pensare alle LORO cose!
Ma non sei solo: in tanti cerchiamo ogni giorno di non diventare come loro.

Sam 24.01.11 15:02| 
 |
Rispondi al commento

Caro Star Vision...nessuno t'impone niente.Tu hai un lavoro, una vita sentimentale soddisfacente, una buona salute e i tuoi problemi...ok...ma nessuno ti sta imponendo di fare o dire quello che non ti va di fare o dire...se si puo' fare qulacosa per migliorare questo paese non vedo cosa ci sia di male...se pensi che Grillo ( e non sto qui a difendere nessuno )sia stato escluso dal sistema non hai capito un emerita ceppa...visto che comunque sei qui sul suo blog a commentare...e ti ricordo che e' uno dei blog piu' seguito nel mondo...escluso da chi ?? Dal sistema che ci governa ??? Tiettelo stretto !!!!!

giorgio monzi 24.01.11 15:02| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Io penso che le persone in questione siano rassegante ,a dire poco,sanno per esperienza,che in Italia puoi votare chi vuoi ,non cambia nulla,ecco il vero problema ,la mancanza di fiducia totale,nelle istituzioni .Se poi pensiamo che il nostro è un paese di vecchi come quelli che governano...il gioco è fatto.Io penso invece che bisogna avere il coraggio di cambiare piuttosto che vivere da morti,ho anche notato che quelli che stanno bene con le tasche , si lamentano delle tasse ,e gli operai che sono ormai strozzati non si lamentano mai.Una cosa è certa ,siamo stufi di essere presi in giro,la gente ha bisogno di di avere un capo per fare qualcosa ,dopotutto il popolo è pecora.....

maria bertuzzo 24.01.11 14:55| 
 |
Rispondi al commento

Eccola qui, monumento al passato e, purtroppo, al futuro.

A un, a du, a un du tri quatr...
M'han detto che un bonzo
("un bonzo...chi è ?")
Un prete buddista
("ah!")
si è bruciato
("'sto bonzo...")
Si è cosparso di benzina
nella piazza principale e poi ehhhhhh......
("Che cosa è successo?")
Niente!
S'è dato fuoco da sè
perché vuole la libertà

La libertà de brusà
De brusà per pudè campà
Per campà per lavurà
Lavurà per pudè brusà
("Ah! ah! ah!")

M'han detto che in Fiandra
("in Fiandra...dov’ è ?")
nel Belgio
("ah!")
È saltata per aria
'na miniera
("de carbun!")
Son finiti bruciacchiati
Asfissiati, anneriti dal grisùùù- uhhhhhhhh
("che cos’è successo?")
Niente!
Più di sessanta terùn
Son finiti all’aldilà
Han finì de tribulà
De tribulà per pudè campà
De campà per lavurà
Lavurà pe pudè ‘sfissià

Io c’ho la macchina
c’ho un bel mestiere
e non faccio il minatore
c’ho la mutua
c’ho la casa al terso piano e
c’ho i servizi col bidet
cosa interessa a me
della mia libertà
La libertà de brusà
de brusà per pudè campà
e campà per tribulà
E tribolare per campare
E tribulà per pudè campà
E de campà per pudè ‘sfissià
E de sfissià per pudè campà
E libertà per pudè brusà

M’han detto ier sera
("ier sera ? cus’è ?")
Il dottor Biraghi
("chi è ?")
il caporeparto
("ah!")
che son licenziato
in tronco

È per via della flessione
sul mercato principale e poi ehhhh- uuuuhhuuhhh
("Che cosa è successo ?")
Piango!
Des' m’interessa anche a me
della mia libertà
La libertà de brusà
De brusà per pudè campà
Libertà de lavurà
De lavurà e dopo asfissià
Lavurà per pudè campà
E tribulà per pudè murì
("Ah! ah! ah!")

Non c’ho più la macchina
son disoccupato
la mia donna mi ha lasciato
sensa mutua
sensa casa
non c’ho piu’ neanche il bidet

Sono qui peggio di un bonzo
Non c’ho neanche la benzina per bruciaaaarrr uuuuuhhhhhhhh
Des' m’interessa an

ippolita zecca, genova Commentatore certificato 24.01.11 14:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe, certe persone, oltre che indifferenti, sono infastidite dal fatto che qualcuno, al contrario di loro, si impegna per una causa (qualunque essa sia). L'impegno sociale non è ben visto da chi si è creato una propria realtà virtuale e non vuole vederne altre. L'esempio del film Matrix è più che azzeccato, coinvolge tutti, nessuno escluso.
Anch'io nel mio piccolo faccio parte di quella categoria, riesco a mantenere la mia "coscienza pulita" cercando di comprare solo prodotti con determinate caratteristiche (sono vegetariana), seguendo i blog di attualità, pubblicando su fb articoli tuoi, di Travaglio o di altri autori che denunciano malefatte di ogni tipo, mugugno (come si dice da noi) davanti ai politici in tv, ma di concreto non stò facendo proprio nulla.
Vivo nella speranza che prima o poi qualcosa possa cambiare....possibilmente da solo??!!!!:-)
Hai tutta la mia solidarietà!

Clara Rando (GE) 24.01.11 14:40| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Le TUE cose? Quelle sono le nostre cose! Dovrebbero, e dico dovrebbero, interessare anche te. Si parla di bene comune eh... Noi non ci guadagniamo niente, anzi...

Enrico Coco, Acireale Commentatore certificato 24.01.11 14:35| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Non diventiamo come loro,fra non molto potremo avere bisogno gli uni degli altri.......!

andrea46 24.01.11 14:22| 
 |
Rispondi al commento

Non capisco l'indifferenza di chi vive nell' indigenza o immerso in mille problemi più o meno gravi nonchè legittimi, perchè proprio da li che dovrebbe nascere la repulsione ed il disgusto x il ladrocinio, il malaffare e quant' altro! Anche lo stupido sa,,, che i furbi e puttanieri NON vorrebbero mai che le cose cambiassero ANZIIII! Dunque CHI SI DOVREBBE MUOVERE?? IL POVERACCIO NO IN QUANTO TALE, IL BENESTANTE OVVIAMENTE NOOOO; LA SCOMPARSA CLASSE MEDIA MENO CHE MENO, ED ALLORA CHI RIMANE ?? Mi rivolgo a tutti quei signori che dicono di stare attenti quando si evoca
''indifferenza''..............ma che state a diiii???!!!

Fabrizio De Lorenzi 24.01.11 13:55| 
 |
Rispondi al commento

Beppe
anche se è dura, mi permetto di dirti: non mollare! in tanti (mai a sufficienza) ti sono riconoscenti e si danno da fare ... e tanti altri sono in affanno (lavoro, salute, debiti...) e momentaneamente out, ma...
Hai ottenuto risultati enormi, con la tua intelligenza, volontà e fatica ... e anche con i tuoi errori! Vedo giovanissimi (pochi, ma cresceranno di numero) che si interessano di Politica grazie a te!
forza

paolo citarella 24.01.11 13:42| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Non bastano più i volantini purtroppo. Anche chi lo prende lo legge di sfuggita, o lo mette in tasca, se ne scorda e poi lo usa per sputarci la gomma da masticare. (Quante volte l'ho fatto anch'io...)
La gente, quella indifferente, ascolta la radio, e più che altro guarda la tv.
Se riuscissimo a sfruttare i mezzi che le persone usano per rincoglionirsi forse ci sarebbero molti più interessati.
Basta osservare il risultato ottenuto con la rete, figuriamoci cosa accadrebbe con i mezzi di "disnformazione" più utilizzati.
Beppe facciamo la radio 5* tanto per cominciare!

Stefano B..., FI Commentatore certificato 24.01.11 13:39| 
 |
Rispondi al commento

CAro beppe, ti faccio notare che ci sono altre preoccupazioni nella vita della gente oltre che la politica delle lamentazioni e delle nullafacenza.
Probabilmente ignori molte delle condizioni umane che ti circondano, ma è meglio se rimani cauto su certi argomenti: la politica non è tutto, è un dettaglio importante, ma rimane un dettaglio; possiamo anche avere il governo migliore del mondo ed essere invasi di poveri idioti che non sanno vivere e di che farsene della vita.
Indifferenti? Se non sai cos'è la sofferenza è meglio se non ne parli.

Paolo Del Magno, Bologna Commentatore certificato 24.01.11 13:32| 
 |
Rispondi al commento

"Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l'inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare."
Albert Einstein

Gianni Milloni 24.01.11 13:13| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Gli indifferenti sono convinti che tutto si aggiusterà senza dover intervenire personalmente, ma quando toccherà a loro perdere il lavoro e molto altro allora vedremo se quando l'acqua tocchera il loro culo cosa faranno o diranno...

Moreno Bettega, trento Commentatore certificato 24.01.11 13:12| 
 |
Rispondi al commento

Non c'è da stupirsi ne abbattersi, i cambiamenti a volte sono lenti, a volte repentini. La massa è amorfa ma, a volte, poi sorprende.

Ferdinando S., Roma Commentatore certificato 24.01.11 12:56| 
 |
Rispondi al commento

Si potrebbe pensare che questa sia una "situazione momentanea"... sono portato a credere che un popolo non diventi indifferente da un giorno ad un altro. Sarebbe come minimo illogico.
Ripassando storia ho compreso meglio la storia di questa penisola, di questo popolo. Dal dominio incontrastato di Roma, ai vari sovrani barbari, per passare poi al Vaticano che per un millennio si è imposto distruggendo ogni residua speranza di tornare alle antiche forme repubblicane, per poi passare gradualmente ad una relativa nuova forma di principato detenuto da pochissime case e famiglie di rilievo, infine la monarchia. Farcite il tutto con una miriade inesauribile di guerre e conflitti vari che hanno spezzato le reni al popolo di questa penisola e possiamo capire come mai negli Italiani di oggi sia così radicata l'abitudine a non farsi coinvolgere nelle responsabilità pubbliche. Non esiste periodo della storia d'Italia, dagli Etruschi ad oggi, in cui ci sia stato un periodo felice... e non è mai esistito un periodo felice, per il popolo, in cui abbia dominato per lungo tempo una vera forma di democrazia. Questa terra è da sempre terra di contesa tra barbari, che si facciano chiamare aristocratici, monarchi, imperatori, barbari o imprenditori, banchieri o uomini di chiesa, la sostanza non cambia. Imporre al popolo la propria posizione e radicarla per averne il controllo è sempre stata la parola d'ordine di tutti coloro che hanno avuto il potere in questa penisola.
Oggi pensiamo che la civiltà sia cosa usuale e innata da tempo immemore, ma la realtà è che ancora non sappiamo cos'è la civiltà, nè tantomeno vogliamo ottenerla. Con tutto ciò che ci potrebbe capitare, ognuno pensa solo ad avere un pò di pace. Comprensibile. Prima o poi però, qualcosa deve cambiare, l'ordine naturale delle cose vuole così, per calcolo matematico, per natura o per volere divino. Forse faremmo meglio a richiedere un'occupazione ed annessione ad un altro paese più stabile, ci risparmieremmo nuovi dolori...

Daniele F., Portvs Naonis Commentatore certificato 24.01.11 12:35| 
 |
Rispondi al commento

Quando si muoveranno ??????? Semplice quando grazie a Berlusconi, Bossi, Fini, Casini, D'Alema, Bersani,....etc...etc.... si ritroveranno come i Tunisini, disoccupati e senza un € in tasca....

Gesualdo Antani 24.01.11 12:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ripetita juvant.
Prima di tutto vennero a prendere gli zingari
e fui contento, perché rubacchiavano.
Poi vennero a prendere gli ebrei
e stetti zitto, perché mi stavano antipatici.
Poi vennero a prendere gli omosessuali,
e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi.
Poi vennero a prendere i comunisti,
e io non dissi niente, perché non ero comunista.
Un giorno vennero a prendere me,
e non c’era rimasto nessuno a protestare.
Bertold Brecht

antonio d., carrara Commentatore certificato 24.01.11 12:03| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Non chiamateci INDIFFERENTI; noi siamo i DISILLUSI.
Quelli che credevano che firmare per i referendum sarebbe servito a rendere questo paese più democratico e decente; meno inquinato e senza nucleare; politicamente maggioritario e più giusto; senza mafiosi al governo.
Voi che continuate a chiedere firme siete i veri indifferenti in quanto non sapete perché lo fate e pensate di appagare così la vostra coscienza.

giancarlo s., Taranto Commentatore certificato 24.01.11 11:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non sono ancora alla fame gli italiani....la storia ci isinsegna..non abbiamo nel dna il senso civico e di appartenenza alla nazione... vivo in francia, e quello che sta accadendo da noi qui non sarebbe mai successo..per una briciola di quello che stiamo passando noi loro avrebbero gia rimesso la ghigliottina in piazza..

daniel ferrando 24.01.11 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe anche ora di comprendere che il nano B incarna appieno il CATTOLICO medio?
Si quel cattolicesimo così lontano dalla profondità del messaggio di Cristo, un cattolicesimo che a forza di sovra imposizioni, ha stravolto del tutto, i significati dell’avvento del Cristo e del suo RIVOLUZIONARIO messaggio rivolto a tutto l’occidente?
Il nano B incarna appieno, tutte le ipocrisie, le orrende contraddizioni, i biechi dogmi, di una qualità del pensiero spirituale, quello cattolico, cosi profondamente lontano nei FATTI, dalle più umili e semplici verità spirituali, quali empatia verso l’altro, compassione, interdipendenza degli esseri, questi argomenti appaiono sotto traccia, e quando uno si avvicina a questo mondo cattolico, percepisce una lontananza emotiva anche nell’accoglienza una freddezza mirante all’indottrinamento, all’omologazione, all’uniformità del pensiero. Il cattolicesimo é il vero cancro del nostro occidente, ed il nano B ne é la sua incarnazione piena, come ha dimostrato il suo sostegno fino ad ora, con le relative esitazioni di questi ultimi giorni, se questo paese non si apre ancora di più ai veri e profondamente saggi messaggeri del Cristo a partire da Teillard De Jardin, Rudolph Steiner, Gurdjieff, sradicando da se questo legame, che può solo ammalare, come quello con la chiesa cattolica, lasciando ai mentecatti cronici, agli idolatri beceri, a quegli umani, purtroppo troppi, riconoscibili fra le loro fila, dal quel vuoto infinito dei senz’anima, che trapela dai loro occhi, che in realtà dimostrano quanto siano profondamente indifferenti alla “qualità” di ciò che praticano e professano, potendo benissimo ritrovarli allo stesso modo e con lo stesso sguardo vuoto, fra le fila dei nazisti, come degli estremisti mussulmani, in quanto essi esistono e hanno significato solo attraverso questi raggruppamenti, questi contenitori, dove si nega in pieno il senso della venuta del Cristo, delegando ad altri il proprio pensiero spirituale e senso di coscienza…

Jan R., Gallarate Commentatore certificato 24.01.11 11:31| 
 |
Rispondi al commento

Concordo, se sono sopravvissuto fino ad ora a non diventare come loro, un motivo ci sarà, anzi il fatto che sempre di più ricevo conferme da una piccola minoranza, oggi posso rincuorarmi il che vi assicuro non é poca cosa, dopo anni che mi sono sentito come un'extraterrestre, e debbo ringraziare Beppe, Travaglio e Luttazzi....
Se non ora, comunque oggi sono sicuro, che lasciamo un seme, che speriamo dia frutti in un futuro prossimo, prima che il pianeta e l'umanità collassino...nel nostro piccolo ci abbiamo provato....

Jan R., Gallarate Commentatore certificato 24.01.11 11:29| 
 |
Rispondi al commento

Per quanto riguarda gli indifferenti, penso si possano dividere in 2 categorie:
Gli indifferenti Cronici..quelli che come dici tu Beppe non li smuove neanche un terremoto, che pensano solo a quel minimo di "stabilità" che sono riusciti ad ottenere in maniera lecita o meno.
Una grande fetta di indifferenti invece viene occupata loro ( o forse nostro ) malgrado da chi viene tenuto costantemente impegnato a SOPRAVVIVERE...da chi principalmente subisce la situazione attuale. E la cosa che maggiormente preoccupa è che si parla soprattutto di giovani, di NOI giovani..ci tengono in stallo...togliendoci la motivazione principale che dovrebbe spingerci a reagire..ovvero la speranza!!
Vi scrivo dal mio attuale posto di lavoro...col più classico dei contratti a tempo determinato, a breve scadenza..ed ho quasi la certezza del NON rinnovo.
Amici arrivano a dirmi "HAI LAVORATO PIU' DI UN ANNO..RITIENITI FORTUNATO"..NO!! Non mi ritengo assolutamente fortunato..Ho studiato e mi sono preparato per anni e anni..e mi ritrovo per l'ennesima volta a dover ricominciare da zero.
E la cosa che più mi preoccupa è proprio questa mentalità...quella del "Sei stato fortunato ad aver trovato occupazione per un solo miseto anno".
Non penso che il problema sia nelle mie aspettative per questa vita...ma penso che se il vedermi un giorno con un lavoro fisso, una casa ed una famiglia è diventato solo un MIRAGGIO allora non c'è solo da fare qualcosa..c'è da CAPOVOLGERE il mondo alla rovescia!!

Gabriele L., Siracusa Commentatore certificato 24.01.11 11:24| 
 |
Rispondi al commento

Non ti scoraggiare ma pensa che ci sono molte persone come te che hanno i tuoi stessi sentimenti ed intendimenti. Anch'io penso che sarà molto difficile cambiare la situazione attuale, ma qualcosa dobbiamo fare, dobbiamo lottare, lottare e lottare ed un giorno qualcosa apparirà all'orizzonte. Forse noi non riusciremo neanche a scorgerlo ma i nostri figli forse sì.

Giuliana Fonda 24.01.11 11:22| 
 |
Rispondi al commento

grande BEPPE è proprio vero nn c'è peggior sordo di chi nn vuol sentire!!!la maggior parte di noi va in giro con i paraocchi nn so xè!!!siamo sottomessi a tt ormai alcuni di noi hanno la speranza che qls cambi ma cm!!! se tanto nn abbiamo voce in capitolo nn possiamo parlare e anche se riusciamo a farlo la stragrande maggioranza ti da contro come se tu parlassi una lingua aliena!!c'è gente che sembra sotto ipnosi!!io ho due bambine e mi chiedo che futuro potranno avere se nn cominciamo ad aprire gli occhi e a dire così nn va!! io cmq nn mollerò mai!!!
la folle

alice g., gargnano Commentatore certificato 24.01.11 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Magari se iniziassi invece di lamentarti in continuazione a finanziare il Fronte Popolare allora si che ci sarebbe un valido input per salvare questa Repubblica che di pubblico ha ben poco ormai...cercami su FB e ne possiamo parlare PS. siamo in moltissimi e pronti ad agire

jose80 24.01.11 11:16| 
 |
Rispondi al commento

Il tempo sembra sempre che non abbiamo tempo, poi quando tutto crollerà, saremmo pentiti per non aver dedicato un po' di tempo per capire perché siamo finiti in questa palude oleosa e ristagnante. Noi siamo le retta costante che attraversa il tempo, e se il tempo è infinto, non lo è la nostra esistenza, perché il pianeta ci farà pagare l'incuria con cui lo abbiamo trascurato.

Non pensare, che il tempo non conti

Il tempo aspetta, che la tua storia racconti

La tua vita, di attimi vissuti velocemente

Dall’inizio alla fine, ininterrottamente

Se nella vita, gioie e dolori, qualcosa han contato.

Non sono numeri. ma emozioni che hai provato

Il tuo sapere, lascia agli altri … cosi saprai che conti

Per cui, viviti la vita. perché il tempo non fa sconti.

Sergio Silvestri, Veruno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 24.01.11 11:10| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe hai proprio ragione .Se ci troviamo in un paese popolato di mafiosi,corrotti,corruttori,puttanieri e,nella migliore delle ipotesi solo indifferenti,lo dobbiamo a loro.
Ti chiedi chi te lo fa fare,la risposta te la sei data:non diventare come loro.
Come è possibile smuoverli? Toglitilo dalla testa!
Ti abbraccio,Beppe C.

Beppe C. Commentatore certificato 24.01.11 11:07| 
 |
Rispondi al commento

la cosa più sconvolgente è proprio quella della non reazione,tutti concentrati che domani sia uguale ad oggi,nulla muti e tutto sarà cosi per sempre.....ma dove sono le menti,i cuori e la libertà di ognuno?continueremo a lottare e non ci arrenderemo mai......
mamdiara francesca

francesca ciardi 24.01.11 10:51| 
 |
Rispondi al commento

Beppe il fine giustifica mezzi,l'unica fonte da cui si informa questa gente é la televisione,se andassi anche tu in qualche trasmissione o talk-show,senza magari "mangiarteli vivi",come é successo nella trasmissione report su la7,potresti anzi potremmo ottenere grandi risultati.
Naturalmente io ti capisco,scorre il sangue anche a me,ma io credo che dovresti (come dice il berlusca),scendere nel campo :-D della politica della falsità,per poi piano piano dal campo salire in cattedra e spiegare un pò di cose,come poi ha provato a fare il grande Carmelo Bene.
Il ragionamento é questo: se mezza italia é popolata da ignoranti ottusi con la sindrome di stoccolma(comunque brava gente per carità),deviati dall'informazione di regime,usando lo stesso metodo magari si potrebbe recuperarli.Ho solo un piccolo dubbio,non sò se te lo lascerebbero fare.ciao Beppe

francesco cometepare Commentatore certificato 24.01.11 10:51| 
 |
Rispondi al commento

Anche io sono uno di quelli che non si ferma.
1) ne ho le palle piene: di lottare, di spiegare, di raccontare, di informare, di ribellarmi, di sfilare, di protestare. Ho i miei bei 50 anni...l'ho fatto per una vita. Ho seguito le regole, ho tentato di migliorarle..ecco come sono ridotto.
2) l'unica salvezza è la banda larga e internet, fino a che non ci sarà questo dovunque e fino a che la gente non imparerà ad informarsi nella rete non ci sarà nulla da fare.
3) dovete capire che, per definizione, la massa non cambia. Chi cambia ( migliora ) è la minoranza, è un fatto storico sociale. La maggioranza ha sempre torto, è un fatto statistico.
4) non te la prendere con chi non si ferma, cerca di capire perchè non si ferma.

mario rossi 24.01.11 10:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A un, a du, a un du tri quatr...
M'han detto che un bonzo
("un bonzo...chi è ?")
Un prete buddista
("ah!")
si è bruciato
("'sto bonzo...")
Si è cosparso di benzina
nella piazza principale e poi ehhhhhh......
("Che cosa è successo?")
Niente!
S'è dato fuoco da sè
perché vuole la libertà

La libertà de brusà
De brusà per pudè campà
Per campà per lavurà
Lavurà per pudè brusà
("Ah! ah! ah!")

M'han detto che in Fiandra
("in Fiandra...dov’ è ?")
nel Belgio
("ah!")
È saltata per aria
'na miniera
("de carbun!")
Son finiti bruciacchiati
Asfissiati, anneriti dal grisùùù- uhhhhhhhh
("che cos’è successo?")
Niente!
Più di sessanta terùn
Son finiti all’aldilà
Han finì de tribulà
De tribulà per pudè campà
De campà per lavurà
Lavurà pe pudè ‘sfissià

Io c’ho la macchina
c’ho un bel mestiere
e non faccio il minatore
c’ho la mutua
c’ho la casa al terso piano e
c’ho i servizi col bidet
cosa interessa a me
della mia libertà
La libertà de brusà
de brusà per pudè campà
e campà per tribulà
E tribolare per campare
E tribulà per pudè campà
E de campà per pudè ‘sfissià
E de sfissià per pudè campà
E libertà per pudè brusà

M’han detto ier sera
("ier sera ? cus’è ?")
Il dottor Biraghi
("chi è ?")
il caporeparto
("ah!")
che son licenziato
in tronco

È per via della flessione
sul mercato principale e poi ehhhh- uuuuhhuuhhh
("Che cosa è successo ?")
Piango!
Des' m’interessa anche a me
della mia libertà
La libertà de brusà
De brusà per pudè campà
Libertà de lavurà
De lavurà e dopo asfissià
Lavurà per pudè campà
E tribulà per pudè murì
("Ah! ah! ah!")

Non c’ho più la macchina
son disoccupato
la mia donna mi ha lasciato
sensa mutua
sensa casa
non c’ho piu’ neanche il bidet

Sono qui peggio di un bonzo
Non c’ho neanche la benzina per bruciaaaarrr uuuuuhhhhhhhh
Des' m’interessa anche a me
della mia libertà
Libertà de lavurà
de lavurà per pudè campà
E campà per poi tribulà
E tribolare per campare
E campà per pudè brusà
E libertà e libertà
Allora libertà ... confessione
No, confessione e libertà

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 24.01.11 10:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma una bella marcetta della vergogna non la potremmo organizzare pure noi italiani?
Uhmmmm....no....forse è ancora troppo presto, meglio dormire ancora un pò....
A parte sulla carta geografica, io, sta "unità" non la vedo da nessun'altra parte!

edy diotto 24.01.11 10:28| 
 |
Rispondi al commento

Che triste verità. L'indiferrenza ci sta uccidendo almeno quanto la politica, abbiamo così poca pace che abbiamo paura di perderla, siamo praticamente già nella merda, tutti i giorni a tirar avanti devi fare tante cose come : tenerti il lavoro, pagare le bollette/tasse (altrimenti si prendono quello che hai guadagnato con il sudore), occuparti dei figli, farti carico di tutti gli altri problemi familiari/mentali. Tutto senza un attimo di pace, ci credo che poi qualcuno ogni tanto sbrocca, stermina la famiglia e si suicida, non è solo colpa della politica, lo è anche dell'indifferenza, perchè fino a quel giorno sei stato a guardare inerme il mondo che ti scorre davanti agli occhi.

E' anche questa la realtà italiana oggi, siamo un popolo in via di estinzione, ma forse è meglio così. Se domani diventiamo vassalli dell'unione europea forse le cose andranno meglio.

Alessio Marangoni 24.01.11 10:28| 
 |
Rispondi al commento

Non tutti sono come loro Beppe, ed è per i "diversi", per quelli che non si sono lasciati lobotomizzare da un paio di tette o da spelndide e vuote promesse elettorali, per quelli che sentono ancora di voler dare una possibilità agli italiani e all'Italia, per quelli che vogliono lasciare una speranza per il futuro ai figli, che tu continui a spronare e a parlare.
Il numero sta pian piano aumentando, tante singole gocce sparse qua e là stanno iniziando a riunirsi. prima sarà solo una pozzanghera, poi un lago, e infine un oceano. e sei tu il promotore di questo cambiamento. noi ci siamo, ci stiamo ritrovando e vogliamo riprenderci l'Italia.
Non arrenderti almeno tu, perchè noi non ci arrendiamo.

Beatrice Guerrini 24.01.11 10:22| 
 |
Rispondi al commento

la mia ragione è che non voglio che neanche le mie figlie diventino come loro .
Quando mia nonna mi dice " se tanti la pensano così , non sbaglieranno mica tutti !! ".............. nell'ultima guerra la maggioranza ghettizzava gli ebrei ( e faceva finta di non sapere che poi venivano ammazzati ), nel medio evo bruciavano le streghe ......
POSSIAMO ANCORA SPERARE CHE LA MAGGIORANZA ABBIA RAGIONE ??

TANIA VIGNOLI 24.01.11 10:21| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, hai appena descritto il popolo italiano. Piccoli piccoli, incuranti della cosa pubblica, abituati ad essere comandati, basta che non gli graffi la macchina nuova...allora si che esce l'aggressività. La speranza sono gli immigrati, che riescano a creare un nuovo e rivitalizzato popolo italiano.

bassottister 24.01.11 10:13| 
 |
Rispondi al commento

IO SONO UNO DI QUELLI IL 99% DELLE VOLTE NON MI FERMO NON CHIEDO NON ASCOLTO, NON CAPITE MA MOLTI NON HANNO PIU' NIENTE ...NON HANNO UN LAVORO I FIGLI INCASINATI , HO RISPETTATO LE REGOLE PER TUTTA LA VITA E ADESSO NON C'E' PIU' NIENTE
PENSATE A NOI CHE SIAMO RASSEGNATI, SBAGLIANDO, MA E' VERAMENTE DURA.
COMUNQUE VI AMMIRIAMO...........

luca brighenti 24.01.11 10:03| 
 |
Rispondi al commento

...questo è sufficiente. Alzarsi la mattina e sapere di non essere uguale agli altri. Questo mi basta.

Marco Torri 24.01.11 10:01| 
 |
Rispondi al commento

Io sono uno di loro ed ora ti spiego il perché di questo comportamento. Premessa: sono istruito, ascolto e comprendo le tue ragioni ancorché non lo esibisca. Ho un lavoro stabile (crisi o non crisi), una vita sentimentale attiva, una salute normale, e buona dose di problemi varii. Quando mi trovi per strada, sto facendo qualcosa oppure ho una questione da risolvere. Quindi NON ho tempo e non sei certo tu a potermi imporre che quei miei due minuti debbano essere dedicati alle TUE cose. Lo farò, come lo sto facendo ora, quando avrò tempo, il mio tempo, quello che IO ho saputo ricavarmi per fare cose che esulano dal mio appartenere al sistema che tu ripudi solo perché lui ti ha escluso. Think!

Star Vision 24.01.11 09:59| 
 
  • Currently 2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento
Discussione

beppe non ti arrendereee!!!

pino parrella 24.01.11 09:58| 
 |
Rispondi al commento

"mio figlio e i figli dei nostri figli..." ma possibile che tutti sti politici, berlusconiani e non, non abbiano figli? da come gestiscono le cose pare di no :-(

Marco Agrusa 24.01.11 09:22| 
 |
Rispondi al commento

condivido questo post, me lo chiedo anch'io da un pò:"Chi me lo fa fare", la mia risposta è: "mio figlio e i figli dei nostri figli..."

vincenza briscioli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 24.01.11 09:17| 
 |
Rispondi al commento

se prendi una rana viva e la metti in padella con olio freddo e poi accendi il fuoco la rana non scappa ma rimane li fino a che non frigge , se invece cerchi di metterla nell'olio bollente questa scappa. gli italiani stanno bollendo lentamente. Poi e' una popolazione vecchia , imborghesita quindi vigliacca e rassegnata , non c'e' da aspettarsi niente . comunque anche quando era una popolazione giovane e non borghese hanno sempre leccato il culo al potente di turno , salvo poi quando e' caduto andare a pisciare sul cadavere a piazzale loreto. Tranne i pochi partigiani tutto il resto e' spazzatura. Sto parecchio tempo all'estero e vedo che le nuove buone generazioni che sono emigrate hanno capito che l'italia non ha speranze perche' e' marcio l'italiano e quindi l'unica soluzione e' di abbandonare la nave. negli Usa non ci sono le leggi particolari per bloccare il berlusconi della situazione (tranne il conflitto di interessi) semplicemente perche' la starebbe in galera e non lo voterebbe nessuno. se in italia ha preso un milione di preferenze allora vuole dire che va bene cosi' . angelo

angelo mora 24.01.11 09:12| 
 |
Rispondi al commento

Sei una Persona Indifferente?
O raccogli le Firme?
Io no, ho smesso coll' auto. Insostenibile.
Io no, Ho smesso colle assicurazioni.
Io no, ho smesso col calcio per amore dello sport
Io no, cancello la scheda da ventanni per amore della politica
Io no, Mi sono Sbatezzato per essere libero di credere in Dio.
Io no, al mc donalds ci vomito quando passo di fronte
Io no, niente pelati e tonno.
Io no, niente formula uno, gramde fratello, e moto.
Io no, No ad oro, orologi e diamanti.
Io no ho smesso col cellulare perchè in troppi mi chiedevano di firmare cose che altri snobbano.
I miei sono fatti, le firme e l' indifferenza sono Pugnet-te.
Dal Siam un Romagnolo
Fatti non Pugnett-e.
Budda sarebbe Daccordo.
E anche Gesù.

Beteljuce Siam, Patong Commentatore certificato 24.01.11 07:49| 
 
  • Currently 3.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

chissà quale prezzo sono disposti a pagare
arriveremo tanto in basso che non riusciremo a risalire più
oppure risaliremo a nuova vita come la fenice ma!!!


comunque sia chiaro che sono in pieno accordo col post. Volevo solo differenziare le due categorie..

alessandro gotti 24.01.11 05:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

è tutto molto giusto, ma per correttezza vorrei precisare che 9 volte su 10 che vieni fermato, è per sentirti chiedere soldi per la qualunque, che molto probabilmente gli stessi che ti fermano si terranno in tasca. E che spesso ti vengono chiesti dopo che fisicamente ti vengono messi in mano almanacchi di ogni tipo. Io ascolto anche il primo pirla che mi ferma per la strada, ma per colpa di questi cialtroni davanti all' università non mi fermerò più. Gli ultimi mi hanno messo in mano un coso avente l'aria di un articolo per giornale, mi allontano per cominciare a leggere e mi sento chiedere soldi.........''ho 150 euro in banca, mettiti sotto il palazzo del comune a chiedere soldi, io non sono figlio di un idraulico e la pago la rata!!'', ho risposto.
Scusate lo sfogo.
Comunque forza Beppe e grazie per la tua reale informazione!

alessandro gotti 24.01.11 05:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lo fai perche' e' giusto farlo e continua a crederci senza paura vedrai che prima o poi riuscirai a far aprire gli occhi a qualcuno anche fosse uno solo, e quella sara' la grande ricompensa.....buona fortuna e grazie per tutto quello che fai.
Con amicizia.
Marco

Marco Lastrucci 24.01.11 04:36| 
 |
Rispondi al commento

da 40 anni mi occupo della difesa dell ambiente prima in veneto poi in romagna ma non si riesce a sfondare causa politici incolti e mancanza di solidarietà tra di noi.Riceviamo accuse pesanti da sindaci arroganti ma non si riesce a reagire e denunciare questi sindac alla magistratura:forse c è paura o ignavia quindi si subisce passivamente.Sto cercando di unificare i comitati:invano.Russi,Conselice;Fusignano ecc vogliono fare da soli!!Ho scritto un libro che mi dicono profetico;e poi?mangermo bulloni!!!ma viene boicottato anche dai cosidetti amici.I cereali stanno aumebtndo di prezzo-incendi in Rusia ed Ucraina-gelate in Canada,alluvioni in Argentina -maqueste cose non si fanno sapere,la Geografia è eliminata.Chiedo aiuto presto lubbar

luciano baruzzi 24.01.11 02:01| 
 |
Rispondi al commento

Non é gente indifferente, é solo che non ne hanno ancora abbastanza: devono toccare con mano il disastro, attendono il day after, per credere che esista davvero.

nonsenepuodavveropiu 24.01.11 02:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non ci crederete, ma proprio stasera esternavo su facebook le medesime sensazioni che vivo ogni giorno in prima persona.
E sempre più spesso mi convinco di quanto sia vera la frase "Se cercate un Colpevole non c'è che da guardarsi allo specchio"
http://www.youtube.com/watch?v=ajfEW3Fuo7o
Che pena questi italiani che si Illudono di stare fuori da tutto fintanto scoprono che nn hanno più un lavoro, non possono mettere su famiglia o pagarsi le proprie cure mediche....ma ormai è tardi :-(

Gianfranco Tirotta 24.01.11 01:56| 
 |
Rispondi al commento

Il vero problema dell'Italia sono gl'italiani, non tutti ma buona parte. Se c'è una scelta da fare faranno quella sbagliata e dopo averglielo spiegato non capiranno e troveranno il modo di urlare per difendere le loro false convinzioni imposte dal regime, intanto tu che hai fatto questo tentativo disperato di far comprendere la realtà ad un italiano verrai visto dai presenti come un guastafeste....come un rompiscatole, come uno strano....poichè comprendono molto più facilmente i discorsi "terra terra" ed i "luoghi comuni" dell'altro poichè alla fine sono "italiani" anche loro. Come detto da qualcuno prima di me "DEVONO AVERE FAME" per capire dove vivono.

Alberto S., Fiumicino (Roma) Commentatore certificato 24.01.11 01:15| 
 |
Rispondi al commento

Lo sai Beppe perchè lo fai...

RISONANZA MORFICA

http://it.wikipedia.org/wiki/Rupert_Sheldrake

in qualcosa bisogna pur credere ^_*

manuela bellandi Commentatore certificato 24.01.11 01:00| 
 |
Rispondi al commento

Ho abbinato uno studio scientifico con la realtà
odierna. Seguite il persorso e scoprite un mondo
di veri ZOMBIES ! mica son tutti coglioni, sono proprio morti di ....PAURA !!!!
- COME INTERPRETA LA SATIRA ANTONIO ALBANESE
IL "MINISTRO DELLA PAURA "

Sì, è stato fatto recentemente uno studio dalla University College di Londra. E gli scienziati hanno scoperto che il cervello di una persona di destra è mofologicamente diverso da quello di una persona di sinistra. Siccome siamo nel Regno Unito, nell'articolo, si parla di conservatori e liberali.

In pratica hanno trovato una forte correlazione tra lo schieramento politico e due zone del cervello (l'amigdala e la corteccia cingolare anteriore):

1. chi è di destra ha l'amigdala più sviluppata di quella del cervello delle persone di sinistra. L’amigdala (dal latino amygdala derivato dal greco amygdálì, mandorla) è la parte del cervello responsabile della paura e in generale sede delle emozioni e, inoltre, funge da ago della bilancia nelle relazioni sociali dell’individuo. foto:

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/f5/Amygdala.gif

2.chi è di destra ha una corteccia cingolata anteriore più limitata rispetto al cervello di una persona di sinistra. Questa porzione del cervello è legata al coraggio e alla capacità di vivere in modo positivo . foto

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/2/22/Gray727_anterior_cingulate_cortex.png

Quindi, in conclusione, se sei conservatore hai più rapporti sociali ma sei più "pauroso", mentre se sei liberale sei più coraggioso e ottimista.

Per ora è evidente la connessione tra la scelta politica e la morfologia del cervello. Nei prossimi mesi cercheranno di capire se queste zone sono già programmate così, oppure se cambiano a seconda delle esperienze di vita.

Un po' di anni fa fu pubblicata una ricerca della Stanford University che mostrava alcuni tratti psicologici dell'uomo di destra: rigidità mentale, autoritarismo, chiusura.


il problema non è più l'informazione (haimè) il cancro culturale che ha colpito la stragrande maggioranza degli italiani (me compreso) si porta via l'anima delle persone. Una volta si era ignoranti ma si riusciva a distinguere il bene dal male.

lorenzo ardino 24.01.11 00:34| 
 |
Rispondi al commento

La risposta è facile,

devono avere FAME!!!

giulio vetrone, reggio emilia Commentatore certificato 24.01.11 00:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Durabo, durabo, durabo.
Forza Beppe, siamo in tanti ad essere con te.

robert verri (la nuova italia) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 24.01.11 00:31| 
 |
Rispondi al commento

"Talvolta mi chiedo chi me lo fa fare e, tra le tante ottime ragioni, una è quella di non diventare come loro". Ben detto, bellissima.

Silvano De Lazzari Commentatore certificato 23.01.11 23:52| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Si, hanno preso tutti la pillola blu...il VIAGRA...la maggior parte degli italiani sono lobotomizzati dal bombardamento mediatico delle vicende berlusconiane...dico questo perchè ieri sono per sbaglio capitato al bar dopo tanto tempo e a sentire i discorsi degli attempati signori di mezza età mi veniva da vomitare, oltre che il nervoso...ma possibile che nesssuno è in grado di guardare al di la del proprio naso e delle str...ate dette alla TV?????

Donato G., Como Commentatore certificato 23.01.11 23:43| 
 |
Rispondi al commento

Lo dicevano anche Gramsci e Celentano... http://giannigirotto.wordpress.com/2009/06/23/lindifferenza-tra-gramsci-e-celentano/

Pietro Pattini Commentatore certificato 23.01.11 23:42| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori