Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il Bambin Gesù di Bologna


morte_di_un_neonato.jpg

Se il Bambin Gesù dovesse rinascere oggi in Italia morirebbe di freddo. Non avrebbe una stalla per riparo, il calore di un bue e di un asino. La gente lo ignorerebbe. Troppo impegnata nello shopping del Santo Natale guidata da una cometa verso un ipermercato.
"Un neonato muore di freddo a Bologna e qualcuno anzichè chiedersi come nel 2011 in Italia possano ancora succedere cose del genere si scaglia contro la madre che lo ha partorito.Tutti gli anni si festeggia la nascita di un Bambinello che venne al mondo al freddo e al gelo in una stalla, riscaldato in una mangiatoia dal fiato di un bue e di un asinello. Ieri Gesù Bambino è morto di freddo, ma in altre parti del mondo è morto di fame, di malattia,di guerra, di incuria, ma soprattutto di indifferenza." Monica Murgia

10 Gen 2011, 17:36 | Scrivi | Commenti (72) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

non sono genitori snaturati .sono dei cari genitori che amano come sono capaci di fare ;poveri cari genitori che dovrebbero essere aiutati In Modo Giusto prr loro ;purtroppo in questo mondo ci si preoccupa molto della ligresti e non di loro .

luciana mosconi Commentatore certificato 03.11.13 08:19| 
 |
Rispondi al commento

Un bimbo che muore e' di per se' un fattto GRAVISSIMO!!! ma io che sono genitore cerco in tutti i modi di tutelare la salute dei miei bimbi, quindi se un genitore o i genitori sono due persone SNATURATE come Appurato nei fatti e' inutile fare tanto i Perbenisti vero BEPPE??????

Alessandro Leoni 13.01.11 21:08| 
 |
Rispondi al commento

Vediamo di non affogare nella retorica più cazzona...
Alla famiglia, disagiata, fù stato offerto più volte aiuto, puntualmente rifiutato dalla madre alla quale erano stati già tolti 2 figli per palese incapacità.
Se quei disgraziati hanno deciso la notte di capodanno di abbandonare un infante in fasce a morir di freddo dentro la Sala Borsa, i bolognesi come accidente potevano mai accorgersene ?
Non strumentalizziamo anche questa triste vicenda, sennò scadiamo nel SOLITO giornalismo...CAZZONE

Raff 12.01.11 12:04| 
 |
Rispondi al commento

Che misera italia....ohimè!!!! Guarda caso nessuno aveva notato nè il bimbo...nè la sua famiglia...magari nessuno li aveva mai visti prima. Nessuno sapeva come intervenire. Può essere sufficiente dire che di fronte al rifiuto dei genitori ad essere assistiti (sempre che sia vero) l'unica soluzione è abbandonare a se stessi dei bimbi che non possono scegliere? E che razza di genitori sono quelli che per "timore" ma di cosa.....scelgono di decidere della vita dei loro figli...vita che NON è la loro. Genitori con alle spalle storie difficili (sempre da ciò che circola in rete), che scelgono di mettere al mondo dei bimbi nell'incertezza assoluta. Che non hanno l'accortezza di accettare aiuti perchè viene messa in discussione la loro capacità genitoriale. Hanno paura che i "temibili" servizi sociali portino via i bambini. Sapete che vi dico? Che se davvero avessero portato via i bambini (cosa che avrebbero dovuto fare) ora il piccolo sarebbe vivo. Che italia ipocrita questa nostra.

francesca c., sassari Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.01.11 08:13| 
 |
Rispondi al commento

http://www.youtube.com/watch?v=iqBRA0AIvrg

ferdinando p., Napoli Commentatore certificato 11.01.11 21:27| 
 |
Rispondi al commento

Tutti bravi a sparare commenti di primo acchitto senza informarsi !!! La colpa di chi è stata ?? dello Stato Italiano ?? mah...!! o dei genitori che non hanno capito la patologia e che non accettavano aiuti ??? credo che questo sia un blog dove tutti predicano bene e razzolano male, compreso chi lo ha aperto !!!!

armando rose 11.01.11 20:48| 
 |
Rispondi al commento

L'indifferenza non e' una qualità negativa
ma un mezzo di autodifesa;
Se qualcuno si lamenta dell'inciviltà dei bolognesi
allora provi a fare un giretto in città, che è molto simile al far west...
Cio' non toglie nulla al fatto che se anziche' sotto un portico del centro il bambino fosse stato in un parco sui colli, i cacciatori lo avrebbero ammazzato scambiandolo per una lepre...
un saluto

Luca Carboni 11.01.11 20:37| 
 |
Rispondi al commento

Noi abbiamo Marcionne che guadagna 5 milioni all'anno però

opo cane Commentatore certificato 11.01.11 19:23| 
 |
Rispondi al commento

ecco un altra versione...

http://corrieredibologna.corriere.it/bologna/notizie/cronaca/2011/11-gennaio-2011/macche-clochard-non-chiedevamo-supporto-ci-avrebbero-tolto-piccoli-181232539936.shtml

Alessio Nicolini 11.01.11 18:36| 
 |
Rispondi al commento

Senza dubbio "ne migliore di altri.." ma una mamma a terra con i bimbi nel freddo non si può non vederla..
Bologna come in ogni luogo.. mi vergogno profondamente di cio che io non vedo..

marina gulp 11.01.11 18:10| 
 |
Rispondi al commento

lo stato italiano al posto di dare dignità alla famiglia pensa di portare via i figli....ecco perchè penso che la madre ed il padre abbiano preferito tacere...paura,paura,paura.pel paese l'ITALIA iniziando dalla politica e finendo a noi .si ,a noi che non vediamo più il proprio simile.

ivana vittoria 11.01.11 18:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il padre del piccolo dice che la moglie era in graduatoria per un alloggio popolare dal 2007, nel frattempo vivevano in un appartamentino a 460 euro al mese. Lui guadagna 900 euro al mese quando va bene. La moglie aveva perso il lavoro dopo la nascita dei gemellini.
Lo SCANDALO secondo me è che si debbano percepire 900 Euro al mese e pagarne 460 di affitto. Con 3 figli a carico ! E purtroppo di gente messa così ce n'è tanta.
Gli stipendi NON SONO affatto commisurati al costo della vita.
Una domanda provocatoria: ma CHI poteva esserci sopra di loro in graduatoria per l'assegnazione di un alloggio? Voglio dire: peggio di così !
Il sindaco d'altro canto dichiara che era stato offerto loro un alloggio tempo fa, ma che avevano rifiutato.
La vicenda è decisamente poco chiara.

Sabina 11.01.11 16:46| 
 |
Rispondi al commento

Non ci sono parole... povero bimbo, che Dio l'abbia in Gloria

Patrick D. Commentatore certificato 11.01.11 16:42| 
 |
Rispondi al commento

Questo deve far riflettere tutti noi,quanti vedendo un bimbo tra le braccia della mamma seppur infreddolito o insofferente si sarebbe preso la briga di correre in suo aiuto,mi vergogno del mio ego,chissa se quel piccolo riuscirà a perdonare il genere umano.Lassù starà di sicuro meglio è in paradiso quaggiù siamo in inferno.

Gianfranco 11.01.11 16:12| 
 |
Rispondi al commento


Ma che amore è che pur di non farsi togliere i figli rifiuta gli aiuti e li costringe a una vita del genere? che nome dare a un sentimento che conduce alla morte di un figlio? egoismo, orgoglio, di certo non amore. I genitori dovrebbero essere i primi a proteggere i piccoli, anche da lorostessi! La morte del bambino è un fatto e comunque siano andate le cose i genitori ne sono senza dubbio i primi responsabili. DOPO vengono i servizi sociali e il resto del mondo
E' ipocrita addossare la colpa ad un astratto servizio sociale che non ha funzionato, questa si è la favoletta natalizia che ci piace raccontarcip erchè realizzare che due genitori per quanto in diffocoltà possano far passare ai loro figli tutto questo è assai più doloroso.

Daniela 11.01.11 16:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ieri il Papa ha intonato una geremiade sull'educazione sessuale e civile "contrarie alla religione"(?!); poi ne ha intonata un'altra sulla scuola: evidentemente quella pubblica, che non gli sta bene....ricorda ancora con nostalgia quelle dei Gesuiti; ma del bambino di VENTI (dicasi: venti - 20!) GIORNI che muore di freddo e di stenti a Bologna non ha detto nulla. Santità, mi scusi, ma Ella non è il paladino della "vita a qualunque livello", cominciando da quello pre-embrionale?! Ma Ella, Santità, non è lo strenuo difensore della famiglia "regolare"? Orbene, quella che il sistema dei padroni liberisti ha escluso dal circuito della civiltà, tanto da ridurla in mezzo a una strada (ai tempi miei, questa era solo una maniera di dire!), era una famiglia "regolare": come mai Ella non tuona dal pulpito contro coloro che l'hanno privata perfino della dignità di esseri umani?!
Oh, già, capisco:
"....il Suo cervel, Dio lo riposi/
/in tutt'altre faccende affaccendato/
/a questa roba è morto e sotterrato...."
....una di queste "faccende", la più importante al momento, è darsi da fare per restaurare i "bei tempi" di Pio IX, a supporto della società neoassolutista che le oligarchie massoniche stanno impiantando. Tanto per dirne una sola.
Altro che neonati morti di freddo, dunque!
La riverisco caramente - l'archivista -.

domenico maniscalco, ficarazzi (PA) Commentatore certificato 11.01.11 15:58| 
 |
Rispondi al commento

però sembra che non sia morto per il freddo...

Gianmarco Nucci 11.01.11 14:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questo dovrebbe far ragionare sul fatto che il Bambin Gesù sia una favola inventata dagli uomini.
La realtà è tutt'altra.
Una mangiatoia non è mai esistita, un bue e un asinello che riscaldano non sono mai esistiti.

Paolo Rosi 11.01.11 14:48| 
 |
Rispondi al commento

i servizzi sociali ''''stanno al caldo nel proprio ufficio ed aspettano il mensile ........poi forse,quando gli rompi un pò le scatole forse forse fanno qualcosa .

mirella z. 11.01.11 14:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non lo dovrei dire, ma gli italiani si meritano questa situazione in tutto e per tutto, anzi, meriteremmo di essere ridotti in mutande, forse a quel punto incominceremmo a svegliarci e a cambiare valori e stili di vita.

Gianluca U., Roma Commentatore certificato 11.01.11 13:55| 
 |
Rispondi al commento

ma dove CAVOLO erano i servizi sociali ?????
se era già nota a maggior ragione dovevano monitorare.
Questo è il risultato del fatto che nel nostro schifo di società le professioni di aiuto sono considerate di second'ordine se non terzo!!!!
GIOvanardi tempo fà ebbe occasione di dire
"bisogna formare nuove professionalità"
ne approfitto per mandarlo a fa----- da parte di tutti i disoccupati del sociale!

angela 11.01.11 13:20| 
 |
Rispondi al commento

parla il padre del piccolo devid
«Macchè clochard. Non chiedevamo
supporto? Ci avrebbero tolto i piccoli»
La donna ha avuto cinque figli da tre uomini

«Non è vero che viviamo in strada, che siamo dei vagabondi. Abbiamo una casa in affitto, 460 euro per un buco in via delle Tovaglie, abbiamo difficoltà economiche e facciamo i salti mortali ma non siamo dei pazzi che tengono due neonati al gelo senza curarsene». Sergio Berghi, 43 anni, se ne sta seduto fuori dal Gozzadini e fuma l’ennesima sigaretta. È furente, arrabbiato col mondo e disperato.

È alla pediatria del Sant’Orsola che si è consumato il suo dramma e quello della compagna Claudia, 36 anni, cinque figli avuti da tre uomini diversi e una vita segnata dalle difficoltà. Qui è venuto al mondo e se ne è andato dopo soli venti giorni Devid, uno dei due gemelli nati il 13 dicembre e morto in ospedale il 4 gennaio dopo essere stato raccolto da un’ambulanza in piazza Maggiore. Non respirava quasi più quando è arrivato al Sant’Orsola. Il padre, un passato difficile a Firenze e un presente fatto di lavoretti per sbarcare il lunario, ha seppellito Devid alla Certosa da nemmeno un’ora ed è tornato al Gozzadini dove sono ricoverati l’altro gemellino, la compagna e la figlia di un anno e mezzo della donna. Stanno bene e presto andranno in una struttura protetta.

http://corrieredibologna.corriere.it/bologna/notizie/cronaca/2011/11-gennaio-2011/macche-clochard-non-chiedevamo-supporto-ci-avrebbero-tolto-piccoli-181232539936.shtml

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 11.01.11 12:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beh, noto che qualcuno afferma che i genitori avrebbero rifiutato gli aiuti.
Primo bisogna vedere se e' vero.
Secondo, bisogna vedere che tipo di aiuti gli sono stati offerti.
Ad ogni modo sapere che un neonato e' morto di freddo perche' viveva in mezzo alla strada in una citta' di un Paese "civile", in piena atmosfera natalizia, e' una tristezza immensa.
E altro davvero non si puo' aggiungere, se non altro per rispetto.

ciro c., quinto di treviso Commentatore certificato 11.01.11 10:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

se scegli di vivere per strada va bene, ma nel momento in cui decidi di mettere al mondo un figlio non puoi farlo vivere per strada perchè a te va bene così! te ne devi prendere cura! per i miei figli se mai (e spero non accada mai) dovessi trovarmi in difficoltà farei qualsiasi cosa, e così' anche mio marito: andrei a bussare a tutte le porte a rompere le palle a tutti pur di farmi aiutare e farli stare bene almeno un minimo. va bene l'amore e l'affetto ma anche il rispetto per chi non ti ha chiesto di essere messo al mondo. Non c'è cosa peggiore che perdere un figlio, non ci posso neanche pensare, ma in questo modo, io da genitore mi vergognerei. ciao

elena bi 11.01.11 10:13| 
 |
Rispondi al commento

La madre del bimbo rifiutò gli aiuti. Punto.
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2011/01/10/visualizza_new.html_1642146642.html

plibio limone 11.01.11 09:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


ciao vi scrivo dalla provincia di Belluno concordo che c'è molta indifferenza nei confronti del prossimo in questo paese alla deriva economica sociale dove le problematiche sono all' ordine del giorno ci si sta abituando a tutto e i media cercano tra l'altro senza riuscirci ad adossare la colpa degli eventi a chichessia pur di trovare un colpevole di cui sparlare per settimane riempendo trasmissioni e giornali di scoop quando poi ti rendi conto che non conosci nemmeno le vicende e i problemi di un tuo vicino di casa che avrebbe bisogno di te.Vi allego una lettera di una situazione di una ragazza della mia provincia questa è solo una goccia d'acqua del mare in un paese come l'Italia che sta perdendo la sua identità.
Sono il signor Vincenzo Bez, con la presente voglio portare a conoscenza l’opinione pubblica di una grave situazione in cui versa una ragazza di Perarolo di Cadore in provincia di Belluno.-

Nel paese di Perarolo vive una ragazza Laura, è invalida al 100% ci sono documenti visionabili che attestano la sua invalidità, percepisce dall’INPS una pensione di invalidità sociale di euro 257,00 con questa cifra deve far fronte alle seguenti spese: un affitto di euro 22 circa perché abita presso una casa Ater, per curare la sua malattia cronica affronta una spesa di euro 150,00 mensili, a queste spese si aggiungono le spese correnti, acqua, luce e gas e le spese di mantenimento, quest’ultime non riesce a sostenerle visto il suo reddito.-

Nel mese di febbraio gli era stata sospesa l’erogazione del gas dalla società che la serviva a fronte degli insoluti avuti per impossibilità di adempierne dalla persona sopra descritta, questa persona per oltre 2 mesi è stata lasciata al freddo e senza acqua calda, il riallacciamento è stato reso possibile grazie all’aiuto del parroco e dell’associazione Insieme si Può di Cortina d’Ampezzo.-

Presto tornerà l’inverno e si presenterà la stessa situazione, è giusto che una persona arrivi a pensare al suicidio perché anche se m

Adriano Marengon 11.01.11 08:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ci meravigliamo?...io no...Lo già detto in un altro Post---il Presidente della Repubblica va in giro per l'italia per celebrare il 150° anniversario dell'umidità d'italia....(farebbe bene a chiedersi, se i nostri avi che hanno combatutto per l'ugaglianza sociale,unità che spesso viene confusa con Fraternità, avrebbero voluto questo..Oppure i Partigiani..Bianchi e Rossi..).
Avete visto come si sono affrettati nel dichiarare che la Famiglia: avevavno rinunciato all'offerta di un alloggio..!!)..dubito..non stà in piedi la cosa...altriemnti i servizi sociali si sarebbero mossi per "proteggere" i minori..
La Procura ha aperto un'inchesta sul caso..Bene...molto Bene!!!tenere diriginte dei servizi sociali che guadagnano migliai di euro all'anno..per non far nulla...era compito loro vigilare su queste persone e bambini.
Se ti accorgi che ci sono persone Fragili bisogna aiutarle....
Comunque caro Beppe non mi meraviglio di nulla-ripeto-ho un amico che si trovò in difficoltà per motivi di salute, perse il lavoro e fu cacciato di casa, perchè moroso..il Comune li dette una stanza in una Comune con 3 figlioli..con gabinetti in comune un'unica doccia...fra tutti gli ospiti...non ti dico 2 anni di patimento.
Anzi gli amici consiglieri dovrebbero andare a controllare queste situazioni..fare ispezioni...è vergognoso..badate bene sto parlando d'italiani e geste onesta..che dallo stato riceve solo calci nei denti.
La politica "si ciuccia un miliardo" l'anno, il problema degli sfratti non dovrebbe esistere in questo paese...invece sono pignoli quando c'è da togliere una pensione ad un invalido...Stramaledetti loro e chi li vota..!!!

roby f., Livorno Commentatore certificato 11.01.11 08:12| 
 |
Rispondi al commento

AL DI LA' DEL FATTO SE DOVEVA O NO METTERE AL MONDO UN BAMBINO IN QUELLE CONDIZIONI,E' VERO CHE QUESTO PAESE E' ENTRATO IN UN SISTEMA D'INDIFFERENZA E STRAFOTTENZA ASSOLUTO.CONFIDO NELLA GIUSTIZIA DIVINA PER TUTTE QUELLE PERSONE CHE LO MERITANO PER IL LORO EGOISMO.

MAURIZIO ARONICA 11.01.11 07:08| 
 |
Rispondi al commento

Sapevo che se Cristo sarebbe tornato, non lo facevano arrivare a 33 anni, ma mai avrei pensato che sarebbe sopravvissuto solo qualche settimana
Sapevo che questo paese non c'è più, ma non immaginavo quanto fosse in basso
non capisco....medioevo? ..peggio !!!!...nel 20ennio il duce considerava i nati la futura nazione, oggi muoiono tra l'indifferenza generale.....e nessuno è mai responsabile !!!!...e vogliamo incivilire l'afghanistan !!!!!..........qesto paese non c'è più!!!!!...è morto con David!!!!!!

tina ghigliot 11.01.11 06:33| 
 |
Rispondi al commento

Nel Salento viviamo una situazione d'emergenza a livello ambientale
a causa dell'irresponsabilita' della Regione Puglia e della giunta Vendola.
Sono in corso di costruzione (gia' approvati)
impianti industriali eolici per un totale di
oltre 400 aereogeneratori da 2 Megawatt ciascuno.
Vendola e' un irresponsabile e forse farebbe bene a dimettersi, visto che ha tradito noi stessi che lo abbiamo sistenuto negli ultimi anni. Non riusciamo a venire a capo di questa persona.
Siamo riusaciti a fermare sulla base di alcune denunce penali la costruzioni di alcuni di questi
"parchi" eolici. La magistratura ha arrestato alcuni dipendenti regionali per questa ragione, per cui la costruzione di alcuni di questi impianti (ad esempio quello di Martignano) e' stato bloccato. Comunque lo stesso Vendola ha firmato
il ricorso al Consiglio di Stato inoltrato dalla Regione dopo che il TAR aveva dato ragione alle osservazioni degli ambientalisti.
Cosa ne concludiamo? Che Vendola e' un disastro e conviene starne alla larga.


Roberto Tricase 10.01.11 23:32| 
 |
Rispondi al commento

38 anni, cinque figli con tre uomini diversi, due figli già sottratti per incapacità genitoriale, la terza che ai servizi sociali risultava affidata ad una parente del padre.
Se qualcuno ha sbagliato é chi all'ospedale ha lasciato che la donna uscisse con i due bambini appena nati.

Se la donna avesse chiesto aiuto l'avrebbe trovato.

antonella g. Commentatore certificato 10.01.11 22:56| 
 |
Rispondi al commento

Buona parte dei commenti li reputo disgustosi esempio di un buonismo usa e getta, non oso commentare la vicenda che mi ha colpito parecchio, frutto di un menefreghismo generale verso il prossimo.
Io della mia infanzia mi ricordo la vicina che ti prestava le uova o il latte, del negoziante che ti faceva credito sino a fine mese, e non vedevo famiglie per strada perche il paese intero si interessava di loro.
Spero che beppe apra una raccolta fondi, di lui mi fido.

Antonio Brandis 10.01.11 21:57| 
 |
Rispondi al commento

Uno Stato che per qualsiasi motivo lasci morire uno dei suoi figli è una nazione fallita.
Fallita appunto come Stato e fallita come societá.

Good night Italy.

Moon Light Commentatore certificato 10.01.11 21:33| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'indifferenza e l'egoismo sono i peggiori mali di quest'epoca che di umano non ha quasi più nulla!!!

Mary C., Senigallia Commentatore certificato 10.01.11 21:14| 
 |
Rispondi al commento

Non parliamone senza fare nulla, c'è ancora un fratellino, una mamma ed un padre da aiutare, persone vere in carne ossa. Voglio credere che ora i servizi sociali si siano attivati e che solidarietà a Bologna per aiutare questa famiglia abbracci il dolore di queste persone. Per conto mio mi piacerebbe che il blog attivasse qualche fora di solidarietà con questa famiglia.

Ivan Solinas, Scandicci Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 10.01.11 20:55| 
 |
Rispondi al commento

Mi si stringe il cuore a sentire queste notizie...
Tuttavia, non è colpa della società, bensì nostra.
Ragazzi, dobbiamo prendere coscienza di tutto ciò che ci circonda, prenderci le nostre responsabilità. Non serve rinviare i nostri problemi, bisogna affrontarli.

Vi invito ad andare sul sito www.wopg.org , per sentire i discorsi di una persona che a mio giudizio è molto "presente", e ci fa aprire gli occhi.

Buon proseguimento,


Leonardo

Leonardo Maracino 10.01.11 20:11| 
 |
Rispondi al commento

Dobbiamo cambiare vita noi non la società , siamo abituati a guardare fuori verso una società malata ma anche noi facciamo parte di questa società malata . Comunità convivenza i miei soldi sono i vostri soldi il mio lavoro è il vostro lavoro tutto ciò che facciamo serve per il futuro ( neonati ) il nostro futuro sono loro gli innocenti . Creare una comunità fondata sull'autosostentamento , la terra è fatta per soddisfare l'uomo se sappiamo usarLa . Mettiamo le nostre risorse unite per il bene comune .

salvino roma (com) Commentatore certificato 10.01.11 19:59| 
 |
Rispondi al commento

Quando si parla di togliere legittimamente il crocifisso dalle istituzioni tutti iniziano a parlare di valori religiosi mentre passano indifferenti e infastiditi vicino a chi ha bisogno. La parola 'valore religioso' è uno strumento politico.

ENRICO RICUPITO, MADDALONI Commentatore certificato 10.01.11 19:47| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/topnews/2011/01/10/visualizza_new.html_1642146641.html

Se poi dite che l'Ansa è al servizio del "padrone", questo è un altro paio di maniche....

Nic c 10.01.11 19:25| 
 |
Rispondi al commento

(non ho parole)
ringrazio Monica Murgia per aver saputo sottolineare la notizia con modo e metodo.

e bambini violentati, rubati, ammazzati

che paese è diventato l'Italia dopo solo 150 anni?
o forse lo è sempre stato.

psichiatria. 1 10.01.11 19:21| 
 |
Rispondi al commento

non sò perchè ma non avendone colpa, mi sento in colpa anch'io

roberto ma 10.01.11 19:16| 
 |
Rispondi al commento

...Proprio oggi sentivo alla radio una notizia data con tanta enfasi: Pensate, durante le feste si è avuta una "preoccupante" impennata di casi di indigestioni, anche "gravi", in cani e gatti...La speaker ammoniva con soddisfazione che tali "gravi disattenzioni" sono equiparabili ai...maltrattamenti!!...Occhio dunque a tutti i padroni di animali, sono avvisati:...Dare troppa pappa ai propri cani/gatti E' REATO!!!...La ns societa non è capace di rispettare la vita di un bimbo, in compenso si BATTE per rispettare la buona Salute dei cani e dei gatti domestici col cappottino altrimenti prendono freddo...SONO SCHIFATO!!!

Davide A., MB Commentatore certificato 10.01.11 19:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi chiedo che senso ha festeggiare il Natale se nemmeno si conosce più il significato simbolico che dovrebbe dare la festa, invece si conosce il significato consumistico, dove tutto è bello finchè dentro il mio mondo tutto va bene, non importa nulla alla gente cosa succede fuori dalla propria porta o dalle quattro mura di casa.
VERAMENTE TRISTE!!!!!!!!

angelo fragomeni 10.01.11 18:57| 
 |
Rispondi al commento

la prima cosa che mi viene da pensare è che il destino o la natura sono proprio crudeli! Ci sono una marea di coppie benestanti ma che non riescono ad avere un figlio perché lui ha gli spermatozoi rincoglioniti o lei le ovaie che non funzionano mentre delle donne senzatetto fanno figli a raffica...
Ergo però: se una madre non può mantenere il figlio perché non lo lascia in ospedale per darlo in adozione???
Scusatemi ma questi episodi mi fanno arrabbiare visto che è pieno di coppie italiane serie e benestanti che vorrebbero adottare un baby offrendogli amore e stabilità economica ma non ci riescono perché non ci sono bambini "disponibili" ....

Nel mondo ci sono bambini che muoiono di freddo, fame, guerra....ma ci sono anche coppie benestanti e sane che morirebbero dal desiderio di adottarne uno però non ci riescono per problemi burocratici.....

MaGi 10.01.11 18:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE
STIAMO DIVENTANDO SEMPRE PIU' CRUDELI,ANCHE CON I BAMBINI PICCOLI
ALVISE

alvise fossa 10.01.11 18:13| 
 |
Rispondi al commento

[...] E' in quell'occasione che alla donna, al suo compagno e ai tre bambini, e' stata offerta una stanza nell'albergo del Pallone, in via Capo di Lucca. La donna pero' avrebbe rifiutato. [...]
Non è colpa della madre che lo ha partorito, ma della madre che ha preferito farlo rimanere al freddo.

Giovanni Giorgetti 10.01.11 18:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grande commento e immenso scoramento.
Da qui in avanti può succedere di tutto che non
c'è più niente che possa fare notizia.
Quando i bimbi non valgono più niente tutta la
società può anche essere decimata perchè in ogni
caso è solo questione di tempo.
Circondati dal lusso ci avviamo verso una lenta
agonia.

Moreno Corelli Commentatore certificato 10.01.11 17:55| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori