Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il guado


Marchionne_Vendola.jpg
"Alcuni di noi hanno deciso di guadare il fiume, e noi occidentali autoproclamati "guide" dell'Umanità abbiamo scelto di guadare nel punto più stretto, quello che ti fa vedere l'altra sponda così vicina da illuderti di poter avere tutto e subito, come se si potesse passare di là con un balzo, o comunque senza bagnarsi... o quasi. Il nostro miraggio è così seducente da farci rimuovere una verità fondamentale: nel punto più stretto la corrente è più impetuosa. Qualsiasi animale capirebbe che si può solo annegare, che nessuno arriverà mai all'altra sponda. Ma noi occidentali siamo i più furbi, i più bravi a camminare sui cadaveri di chi annega, e all'inizio eravamo anche bravi a far sì che ad annegare fossero quasi sempre e quasi solo "gli altri". Poi, più procedevamo, più necessitavamo di cadaveri, e così noi che siamo i più furbi abbiamo inventato la globalizzazione: un modo per costringere, con le buone o con le cattive, tutti gli altri a guadare e a farlo nel punto scelto da noi. Ma la globalizzazione non guarda in faccia a nessuno, e così, ora, io non so più chi sia il mio prossimo e ho buone ragioni per temere che sia disposto a tutto pur di salire sul cadavere del suo prossimo e fare un altro passo prima di annegare miseramente a sua volta. Qualsiasi animale tornerebbe indietro e, se proprio volesse guadare, lo farebbe molto più a valle. Noi invece no. Noi che siamo i più furbi ci inebetiamo nel nostro delirio drogato, ed eccoci qua: il mio prossimo ed io ci sorbiamo una cocacola stando seduti sul nostro cumulo di cadaveri sempre più pericolante, e guardiamo annoiati in tivù artificiosi esercizi dialettici fra i fan di un certo Marchionne e quelli di una certa FIOM...". Leopoldo

14 Gen 2011, 17:38 | Scrivi | Commenti (26) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Caro il "mio" Leopoldo, non ti sei chiesto perché ci sia un "signore" che per l'appunto parla da anni di fare un "ponte"? Invisibile per adesso, ma sempre di un ponte si parla, quello che permette alle varie categorie di speculatori, truffatori, arruffapopoli, di passare indenni. Prima i nostri "regnanti" ci hanno detto che dovevamo importare povertà (vedi dai polacchini e via dicendo) per intenderci i cadaveri sotto il ponte, dandoci la scusa che dovevamo essere generosi con chi aveva meno di noi. Adesso che "noi" stiamo diventando come loro, siamo esattamente come loro: carne da macello e nulla più. Operai, pensionati, cocococcodé, ecc., buoni solo per riempire gli spazi dove mettere i piloni per il "PONTE". Approposito, non serve prendere lezioni di nuoto, semmai dovremmo inventare la facoltà popolare di "truffa aggravata e continuata ai danni della res-pubblica", ma i posti sono a numero chiuso e sono prenotati da anni anche per le prossime legislature. Auguri a NOI! :-[

fabio SuperPapero 17.01.11 17:44| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto (lettere dalla Rete)cosa significa per un disabile, visitare l'umanissima Venezia...un luminoso esempio di solidarietà internazionale, visto che non erano italiani(o per lo meno , gli italiani erano pochissimi) quelli che hanno aiutato la (presumo) Sig.ra C.S.e Suo marito , a sollevare la sedia a rotelle. Ma si sa: un paese che ha '' l'alto onore''di ospitare il Vaticano, culla della cristianità, dove l'Amore, è il ''motivo conduttore'', del paese del 'volemose bene' , episodi come questi, sono ovviamente normali. D'altra parte , l'individualismo è la caratteristica principale del nostro ceppo italo-latino.Strano: per una partita di calcio , ci può scappare il morto. Per aiutare una povera donna disabile e chi spinge la sedia a rotelle, gli italiani si diradano...mah!! E poi , è più importante interessarsi a quello che la nostra gang politicante, sta combinando a nostro danno, no?!

Ireneo G., Fermo Commentatore certificato 16.01.11 15:13| 
 |
Rispondi al commento

Via ci lamentiamo..Marchionne vuol fare i SUV..per tutti...Prezzi Low-cost..negli anni sessanta Fiat motorizzo l'italiani con la 500..(una macchina assurda)..ora rilancierà la Produzione dell'automotive italica, al grido:...Tutti con il SUV....aveva fatto la Panda...Panda dove?...non si sa!
Così va la vita avremo tutti il SUV..acronimo di "Solo Ultimo Veicolo"..visto con quello che costa mantenere una macchina..sarà l'ultimo modello.
Beppe non ti preoccupare...prima o poi ritorneremo tutti a cavallo...

roby f., Livorno Commentatore certificato 16.01.11 11:34| 
 |
Rispondi al commento

Ottimo post!
Leggiamo e facciamo conoscere i libri di Massimo Fini...
THX

Roberto Vian 16.01.11 01:44| 
 |
Rispondi al commento

IL GUANO

io me (me io), Agorà Commentatore certificato 15.01.11 23:37| 
 |
Rispondi al commento

"accordi e contratti vengono lacerati, l'iniziativa è di una sola parte, di una sola persona. Da oggi il mondo è più semplice: il dispositivo intrinsecamente autoritario della decisione e del plebiscito sostituisce la trattativa, le regole condivise"

VERGOGNATEVI!!!! VI METTEREI UN PALO IN CULO SCHIFOSI INDUSTRIALI NULLAFACENTI!!!

Acul utopiA (cittadino qualunque), genova Commentatore certificato 15.01.11 21:34| 
 |
Rispondi al commento

Ho appena letto il blog dei comunisti anarchici:Marchionne, ovvero il bluff del SUV. Mi pare capire che pure trov

Ernest Ameglio, Monaco principato Commentatore certificato 15.01.11 19:12| 
 |
Rispondi al commento

Attenzione..l'umanità ha sempre scambiato i propri beni..il nome Marco Polo e Cristoforo Colombo..dovrebbero dire qualcosa...
Oggi chi ci dice che dobbiamo confrontarci Il mercato..(entità metafisica) ci prende per il culo e basta...
Ossia ci vogliano far crede che Imprenditore e Lavoratore sono subordinati alla regola di questo SIGNORE INVISIBILE, per cui bisogna adeguarsi a questa nuova DIVINITA' O DEUS.
In realtà questo Signore"Mercato" esiste ed è gestito dai "Lord of Money" poche persone che gestiscono, attraverso il potere economico,energetico,informativo...cosa si deve fare e cosa no.
Così ci raccontano che l'accordo è buona cosa..che gli operai hanno fatto bene a dire si all'accordo con fiat...
Mentre il mercato dell'auto va a puttane..questo signore ci dice che ora investirà farà.ecc..
Mi sembra una solida presa di culo..visto che ormai la gente rinuncia ad acquistare l'auto..perchè ormai è diventata la mucca da mungere per far cassa...
Benzina,Bollo,assicurazione,pedaggi,multe,punti,manutenzione..ormai ha distrutto il comparto dell'automotive...
Ancora una volta Fiat ci vuol stupire..così come fece negli anni 60..quando costruiva auto e non c'erano nemmeno le strade..
La verità è che non c'è un "progetto reale alternativo" come l'auto ad idrogeno..e quei "ghiozzi" degli operai possano dire si ai referendum...poi volgio vedere chi le compra le auto....ormai è un settore morto....morto...
La Tunisa è più vicina di quanto si pensi...La Grecia ormai è fuori dai giochi....chiedono sempre ai soliti stupidi di fare sacrifici che non serviranno a nulla....

roby f., Livorno Commentatore certificato 15.01.11 15:43| 
 |
Rispondi al commento

Il problema non è la globalizzazione ma l'uso che se ne fa.

Il problema non è il coltello ma l'uso che se ne fa, ci puoi procurare il cibo o ucciderci.

Il problema è capire perchè non è lecito aggirarsi di notte armati e rapinare della gente,

perchè non è lecito aprire una sala giochi e con roulette truccate truffare i clienti
INVECE
perchè è lecito far aggirare gendarmi in armi e far sparare sul popolo che contesta leggi utilizzate per rapinare.

perchè è lecito e morale far utilizzare il casinò della borsa per fottere e truffare in varie e molteplici modi dei sprovveduti
CITTADINI_LAVORATORI_CONSUMATORI
e
vacche da mungere, pirla da prendere per il culo.

VAFFANCULO ALLE MAGGIORANZE
costruite con l'inganno.

giorgio girolimoni, roma Commentatore certificato 15.01.11 15:22| 
 |
Rispondi al commento

Ma credete che la globalizzazione sia qualcosa di "altro" da noi e che appartenga solo a Marchionne?

Già che stiamo scrivendo su un Computer è grazie alla globalizzazione (produzione di massa in paesi a bassa spesa di manodopera) perchè solo ottantanni fa i miei parenti non avrebbero nemmeno avuto i soldi per comperarne uno.

E chi ci dà quei soldi: la globalizzazione!

Vestiamo globalizzati (a meno che non abbiate un guardaroba completamente equoesolidale), mangiamo grazie alla globalizzazione (gli atrezzi che si usano nell'agricoltura vanno grazie al petrolio) per non parlare delle nostre automobili e delle nostre abitudini culturali (internet, il cinema, la musica, l'intrattenimento in generale) oppure per la medicina.

Però se volete torniamo indietro come vivevano i nostri bisnonni: contadini, poveri, malati, costretti ad emigrare negli Stati Uniti, in Brasile o in Australia (guarda un po' esisteva anche allora una globalizzazione?).

Oppure accettiamo d'essere volenti o nolenti in un mondo globalizzato, cerchiamo nei nostri limiti di comportarci il meglio possibile (per esempio supportando l'equo e il solidale) e però non vediamo tutto completamente nero.

Perchè, ricordo, che se siamo ad una tastiera (a spendere il nostro tempo libero senza dover pensare al fungo che ammazza il nostro unico raccolto o la Malaria che colpisce un quarto del paese dove viviamo) è grazie alla globalizzazione.

Sad but true!

Francesco 15.01.11 10:39| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Beppe,

Come, dove, da chi è stato prodotto quello che ho comperato? Domande importanti, da farsi ormai a ogni acquisto. E se qualche cosa non ci convince si può, si deve, anche boicottare. Perché il consumo critico è uno strumento forte. Che potrebbe far ravvedere anche FIAT, nella persona di Marchionne. Il suo contratto capestro per migliaia di lavoratori potrebbe essere un Boomerang a livello Pubblicitario.
Non comperiamo le Auto del Ricatto e della negazione dei diritti dei lavoratori !
Diamo trasparenza sui produttori di auto attraverso i bollini di buona condotta (vedi aziende come Ikea, Avon, Mark&Spencer; in Italia Panettoni Maina, Palmera, Monna Lisa e Coop)

Penso che questa sia una leva molto forte per proteggere i diritti di tutti noi.
marco

marco perozzo 15.01.11 10:02| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

gli operai della fiat hanno deciso che conviene mettersi a 90 gradi e ...........

Adesso è giusto che lo prendano nel culo a vita grazie alla politica e ai sindacati ma sopratutto alla loro incapacità di essere qualcosa più che delle pecore.

Per avere di piu bisogna averere il coraggio come negli anni 70 di mettere a ferro e fuoco le città e di far capire alla politica ed agli industriali chi comanda veramente.........

Ma per far ciò occorre essere dei leoni e invece sono delle pecore!

bruno bassi 15.01.11 06:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Apprezzo molto questo commento.
Avrei piacere di contattare chi l'ha scritto.
pippuzzopd@hotmail.com
Filippo

Filippo Trevisan 15.01.11 02:26| 
 |
Rispondi al commento

Il post e' suggestivo ma sbagliato. Un giorno si dice che la fiat deve restituire soldi pubbblici ed il giorno dopo si critica il libero mercato. Si puo sapere che volete fuori dal qualunquismo? Un libero mercato-guidato-dallo stato? Se pero' lo stato diventa la cricca e si mette a guidare l economia a proprio vantaggio?

Luca B 15.01.11 01:30| 
 |
Rispondi al commento

non preoccupatevi perché tanto al di là dell' est o dell' ovest si ritorna sempre qui (magari saremo un pò più poveri di oggi ma ci saremo) vedrete spariranno le taglie Forti, le diete dimagranti, le station wagon e i suv, i 5 telefonini, i mega schermi, le doppie triple auto, le doppie triple case.

Meno cagaxe, più sexxo, più figli, staremo benissimo,

Sobrietà Gente Sobrietà è la nuova parola d' Ordine (per fortuna!)

io me (me io), Agorà Commentatore certificato 14.01.11 23:31| 
 |
Rispondi al commento

...Quoto sono perfettamente d'accordo.
L'occidente ha progressivamente perso moralità (l'ha mai avuta?) e di questo passo arriveremo all'imbarbarimento...Ce ne siamo sempre fregati bellamente delle condizioni del "terzo mondo" ed ora è giunta l'ora di pagare il conto...
Occhio: l'Africa non si è ancora "civilizzata"...

Davide A., MB Commentatore certificato 14.01.11 20:33| 
 |
Rispondi al commento

Beato te che ti annoi,
forse un mesetto di catena di montaggio
potrebbe costituire un diversivo?
Il post è bello ed originale,
ma il finale è penoso,
sono ben altri gli argomenti
che sono usati per distrarre il popolo!
Un pò di rispetto per chi lotta
per i propri diritti.

Luigi D., Ancona Commentatore certificato 14.01.11 20:02| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE
NON C'E' CHE ESSERE D'ACCORDO,CHE NEL GUADO CI ANNEGHI MARCHIONNE E LE SUE IDEE DI GLOBALIZZAZIONE
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 14.01.11 19:29| 
 |
Rispondi al commento

grandissimo commento!
la storia del guado è fantastica.
chapeau!

davide lak (davlak) Commentatore certificato 14.01.11 19:18| 
 |
Rispondi al commento

Il punto è che molti vanno contro la globalizzazione solo ora che si delocalizza a danno del proprio paese, quanti se ne sono sempre fregati e accettato che il caffè o lo zucchero costasse poco perchè ci sono sfruttamenti in altre zone a causa anche della globalizzazione; se si andrebbe contro le ingiustizie sempre e non solo quando ci toccano sarebbero più efficienti le parole.

ENRICO RICUPITO Commentatore certificato 14.01.11 18:07| 
 |
Rispondi al commento

E' l'estrema competitivà che porta al non più rispetto verso il prossimo e al massimo profitto.
C'è abbondanza di cibo e denaro per tutti i popoli della Terra, perchè mai approfittare dei più deboli?
I nodi stanno arrivando al pettine molto velocemente

Sabina M. 14.01.11 17:48| 
 |
Rispondi al commento

Perfetto, ora con la beatificazione di G.P II del primo maggio, la Chiesa ruberà anche questa data e il tutto - fatto con questo preciso scopo - non verrà denunciato da nessuno.
E mentre Berlusconi ruba anche il nome Italia, noi non ci ricordiamo più cosa sono i forconi e a cosa servono.
Ma che schifo.
Ai responsabili il mio messaggio in rebus:
http://www.facebook.com/photo.php?pid=1856504&l=4bb4bbbf22&id=1037735049

Nicola Ulivieri, www.nicolaulivieri.com Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 14.01.11 17:47| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori