Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il Molise contaminato


rifiuti_Molise.jpg
Per chi smaltisce rifiuti tossici e causa tumori alla popolazione e per i politici che lo permettono dovrebbe essere previsto l'ergastolo.
"In tutto il Basso Molise, zona servita da un acquedotto INQUINATO da sostanze cancerogene, migliaia di persone stanno sopravvivendo con l'acqua minerale. E' solo l'ultima di una serie di vicende che stanno colpendo l'ambiente della mia regione. Di recente sono stati incarcerati il presidente del Consorzio Industriale di Termoli e una cricca di smaltitori di rifiuti tossici, che sversavano materie pericolosissime (cancerogene) nei terreni agricolli, facendo credere agli agricoltori possessori dei terreni che erano "innocenti" rifiuti trattati, e utilizzabili come concimi. Quello che raccontate è ciò che sta avvenendo anche qui, nel Molise "incontaminato", come si sono sempre vantati i politici molisani. E che consentono questo, e tanto altro. Da noi i tumori sono in aumento esponenziale. Quando in passato hanno chiesto di istituire un Registro tumori, la proposta non è passata. Avevano paura che si scoprisse cosa stava accadendo. Di recente due trentenni sono morti a Termoli, gli ultimi anelli di una catena di morte. Facciamo tutti insieme qualcosa! BASTA con questa gente immorale, con questi VERMI, senza offesa per i vermi, che sono utilissimi a fecondare sanamente in terreno, a differenza di questa gentaglia che deve crepare, loro si, dei male che impongono a tante persone innocenti." Gianni M.

2 Gen 2011, 20:48 | Scrivi | Commenti (33) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Solo in italia ti mandano la fattura dopo che ti hanno servito da bere il veleno. I dati riguardanti il numero dei casi di tumori non sono esatti in quanto molte persone che sono nate e vissute per un po' in Abruzzo sono poi andate via. Ne conosco io una nata e cresciuta in uno dei comuni maggior inquinati nell'Abruzzo ed è morta di tumore alla vescica in Lombardia. I dati esatti si hanno solamente considerando anche tutti i casi di tumore delle persone che hanno vissuto in Abruzzo e purtroppo anche di quelli che andavano regolarmente in vacanza lì. Non andrò mai più in vacanza li ed eviterò anche i prodotti fatti in quei posti maledetti.

cittadino 27.03.14 22:32| 
 |
Rispondi al commento

In Abruzzo idem a causa della discarica di Bussi. Ci hanno fatto bere acqua contaminata per due o tre anni ed adesso ci hanno fatto pervenire le relative bollette contenenti pure notevoli aumenti. E si apprestano ad aumentare di nuovo le tariffe dell'acqua perchè pensano che la popolazione sia un pò ...cogliona. Stessero attenti, però, in quanto se il popolo si risveglia sono fatti loro. Ah, l'aumento delle tariffe va tutto nelle loro tasche, dal momento che si alzano gli stipendi in specie quelli della Dirigenza e dei posti assegnati ai politici.

Chiara Mente Commentatore certificato 08.01.11 10:17| 
 |
Rispondi al commento

apparizioni...scomparizioni...

LIL.. guarda i comm. + vot....

Ciao

anib roma Commentatore certificato 06.01.11 23:53| 
 |
Rispondi al commento

Per Lilli, lo scrivo qui perchè non passa in rispondi al comm., mentre è passato 2 volte nei comm. piu votati, che prima di inviare questo non era votato...???.....BOOOOOOOOOOOOOHHHHHHHHH....
---------------------------------------

Ciao Lilli, dove lavoro siamo 15 donne, non siamo riuscite ad avere quello che ci spettava di "DIRITTO" proprio per :... " micrococosmo di italia!!!...(patologia autoindotta e cronica)...
Lo stesso succede qui e dappertutto, siamo una sottospecie di popolo che ha permesso che il proprio paese sfrofondasse nel fango...proprio perchè l'italiano è fatto così: mafiosetto di costituzione, interessi/cazzi suoi alla faccia del Bene Comune, invidioso del "benessere" altrui compreso quello INTELLETTIVO/CULTURALE!!!...
Ovvio non generalizzo, ma in buona e TRISTE MISURA
è così...
Cara Lilli, le tue ENERGIE UMANE E LA TUA INTELLIGENZA CULTURALE sono preziose e RARE, e sone certa che ARRIVANO a chi TI LEGGE!!!...
...APPUNTO!!!...e, inosorabile...il microcosmo
italiano...AGISCE...NEL BENE E... NEL MALE...

Mi sento di dirti che te ne devi sbattere e... TRALASCIARE le persone che percepisci...NON ESSERE DEL TUO "STESSO PIANETA"...
Io mi regolo così, nel blog, di alcune persone che
SENTO LONTANE da me...non leggo nulla...
...semplicemente...
Non prendertela perchè non ne VALE VERAMENTE LA
PENA..............................................

CIAO LILLI, BUONISSIMA SERATA!!!...ORMAI... ...NOTTATA!!!...

anib roma Commentatore certificato 06.01.11 23:45| 
 |
Rispondi al commento

Visto che l'argomento di discussione è l'inquinamento vorrei porre all'attenzione di quanti leggono questo fatto: circa due anni fa con il mio collega di lavoro (lavoriamo come analisti chimici presso un azienda metalmeccanica) ci siamo dovuti occupare di analisi riguardanti bonifiche di territori interni alle industrie, tra tutti gli analiti il cromo esavalente (cancerogeno solubile in acqua)è stato quello più monitorato, sia perchè facilmente quantificabile analiticamente sia perchè faceva parte del processo produttivo delle industrie fino ad alcuni anni fa; ebbene,siccome lo trovavamo anche in zone che mai erano risultate siti produttivi, siamo dovuti andare ad indagare più a fondo ed abbiamo visto che c'era un apporto di cromo esavalente alla falda acquifera profonda anche in zone insospettabili come parcheggi auto e piazzali antistanti palazzi!
Ma c'era un fattore comune: tutte queste zone avevano la pavimentazione con quelle mattonelle autolivellanti di colore grigio o rosso scuro, quelle di forma rettangolare o simile.
Ebbene,da un test di laboratorio (peraltro semplicissimo), abbiamo avuto la conferma che alcuni tipi di questi mattoni rilasciano costantemente cromo esavalente nel terreno e guarda caso circa un anno fa ci fu un caso di inquinamento di acqua di falda, con cromo esavalente, nella zona di Cecina (LI) se non ricordo male.
Secondo me tra qualche anno ci sarà un esplosione di casi del genere in tutta Italia perchè questi mattoni vengono usati dappertutto.

Nonsene puòpiù, Grosseto Commentatore certificato 04.01.11 12:06| 
 |
Rispondi al commento

che nazione di merda! in italia si è sempre rubato.
ma adesso, oltre a rubare in misura super rispetto al passato, si attenta la salute pubblica. uno stato che oltre ad essere iper corrotto, non garantisce più neanke la salute pubblica non è uno stato.
io ho 26 e penso ai giovani che come me un domani vorranno avere una famiglia, ma in che mondo vivranno i nostri figli? è giusto mettere al mondo un figlio per farlo poi avvelenare??

Luca Montarani (vandamme84), San Martino in Campo Perugia Commentatore certificato 03.01.11 21:17| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Nei comuni della costa molisana (tutti quelli serviti dalla Diga del Liscione) è vietato l'uso dell'acqua per tutti gli scopi (si puo utilizzare solo al bagno), ma nessuno si chiede come fanno a fare il pane, a far bere gli animali (che dopo daranno il latte - uno dei più grossi produttori ha sede a Termoli), a panificare, a fare il formaggio, a fare il ghiaccio da mettere sul pesce che abbiamo comprato per natale e capodanno.... Il portavoce dell'Ente che gestisce l'acquedotto (ing. Giorgio Marone)in conferenza stampa ha semplicemente detto che l'inquinamento è dovuto a cause naturali, una piena di troppo del fiume Biferno che difatto ha provocato la morte (per annegamento??) di pesci ed uccelli acquatici che vivevano nel Lago del Liscione. Il grave è che su tutta la faccenda c'è un silenzio assordante, nessuno osa parlarne.

alberto fratangelo 03.01.11 18:55| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

...tra non molto, andando avanti così...
sarà la volta della ... "specie umanoide"...
----
Dopo la pioggia di merli la moria di pesci, mistero in Arkansas: è giallo sulle cause

Washington - (Adnkronos) - Almeno 5mila esemplari dalle ali rosse sono caduti stecchiti dal cielo precipitando nella strade, sui tetti e nei giardini di Beebe. I 100mila pesci, ritrovati a galleggiare in un fiume nei pressi di Ozark, appartengono a un'unica specie, la tamburo...

anib roma Commentatore certificato 03.01.11 18:18| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Condivido!
Questa è una delle priorità assolute in Italia e nel mondo!

Paolo B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.01.11 17:16| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Molise l'isola felice,natura incontaminata,visitate il molise,non ve ne andrete più.......ci lascerete le penne.

Il Molise forse anni fa lo era veramente un'isola felice,poi la sua posizione strategica al centro d'Italia ha fatto sì che diventasse la pattumiera d'Italia,ormai è seconda solo alla povera Campania,ma presto balzerà in testa.
Un invito, che è una mia idea, ai nostri cari politici.....siate più umani,fate trasferire tutti i molisani(non più tanto sani) in altre regioni così potrete agire indisturbati e fare del Molise quel che vorrete come d'altronde avete fatto finora.

Kaled R. Commentatore certificato 03.01.11 17:11| 
 |
Rispondi al commento

L'ergastolo è poco,concordo col metodo Romanoff!

massimiliano 03.01.11 16:51| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Gianni M. e Carissimi molisani, aprite un Meetup, denunciate, divulgate, iscrivetevi, votate per il M5S.
Buon Lavoro

paolo c. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.01.11 16:48| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

seconda parte
perché permetterebbe di risparmiare e di creare nuovi posti di lavoro.
Il sesto passo, fondamentale, è ridurre la produzione dei rifi uti, ma qui serve la collaborazione delle aziende e della grande distribuzione. Con una tassa di 15 centesimi di euro sulle borse di plastica, in Irlanda hanno ridotto la loro produzione del 92%, ma si possono evitare anche gli imballaggi inutili, per esempio mettendo a disposizione dei clienti dei distributori alla spina per detersivo, vino, latte e shampoo. C’è chi lo fa, ma questo sistema è ancora poco diffuso».
Il settimo è mettere una tassa sui rifiuti indifferenziati prodotti dai cittadini. Bisogna farli pagare quello che buttano. A Villafranca d’Asti, in Piemonte, è stato fatto, e questa frazione è stata ridotta dell’85%.
L’ottavo punto prevede poi la realizzazione di centri di ricerca, ad esempio in sinergia con le università, per la separazione ulteriore dei materiali contenuti nel residuo indifferenziato.
E il nono la progettazione a livello industriale. Far sì che le aziende producano utilizzando materiali riciclabili. Arriviamo così alla fine del ciclo.
Decimo passo. Il materiale che fino ad ora non è stato possibile recuperare, viene stabilizzato in modo biologico, con trattamenti a freddo, come quello per “estrusione”, che lo rende pressoché inerte. Una quantità minima che può essere stoccata». Come ci sbarazzeremo di ciò che resta senza inceneritore? «Con la tecnologia disponibile oggi, su cento chili di rifiuti ne possiamo eliminare 85 e ciò che rimane non è un pericolo per l’ambiente e la salute umana. Può essere tranquillamente stoccato.

Se però seguiremo in modo rigoroso questi dieci passaggi, investendo sulla ricerca e coinvolgendo l’industria, nel 2020 potremo arrivare a recuperare il 100 per cento dell’immondizia senza bruciarne nemmeno un grammo. A San Francisco, che non è una piccola città, sono al 75%. REALE. (tratto da polisquotidiano.it

Gaetano Campisi 03.01.11 15:07| 
 |
Rispondi al commento

Sai i nomi dei colpevoli ?
Sai dove abitano ?

Io, dovessi avere il sentore che mi stanno ammazzando i figli, non ci penserei un secondo ad ANDARE A CASA DI QUESTI STRONZI A SPACCARGLI LA FACCIA.

Se fossimo un popolo di UOMINI, dopo aver spaccato la faccia ad uno di queste merde, altri mi sostituirebbero per completare l'opera, mentre le forze dell'ordine, agli ordini della merda, mi arresterebbero.

Non ne potrebbero arrestare 10, 20 o 30mila...

Non ci sarebbe soluzione di continuità... CHIUNQUE abbia con dolo MALE AMMINISTRATO dovrebbe avere UNA PAURA FOTTUTA DI VIVERE.

Solo questo vi salverà... non avete le palle per farlo ? Allora scrivete sui blog e raccogliete le firme...

Avvicinatevi alla mia vita se ne avete il coraggio... non farò proteste proclami o raccolte firme... IO VI SPACCO IL CULO SENZA PREAVVISO.
Punto.

E quando sarà il momento, perchè il momento arriverà... GIURO SOLENNEMENTE che almeno 2 merde maiuscole le farò affondare con me.

Capito merde ? Iniziate ad annusare l'aria perchè come me ne stanno uscendo parecchi...

Non ho niente, NIENTE da perdere che non siano i miei figli e la mia salute... cioè le uniche cose importanti della vita. NON VE LE DARO' MAI.

Tal dei Tali 03.01.11 14:55| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Registro tumori negato, rifiuti tossici smaltimento illecito politici collusi, sempre la stessa storia che si ripete. A Marcianise oramai si é arrivati al punto di non ritorno Il Comitato Mamme e Famiglie lotta contro il Gassificatore che vogliono impiantare e purtroppo rappresenta l'univa opposizione. Suggerirei a chi non ha ancora di questi problemi di creare prima un registro tumori per non farsi cogliere impreparati. Poi chi mi può dire dove sono impiantati tali registri? Forse scoprimemo dove vogliono o stanno per colpire. Auguri

stefano de crescenzo 03.01.11 14:01| 
 |
Rispondi al commento

La ricetta “Rifiuti Zero” è semplice, pratica ed economica e volendo possiamo prendere come riferimento la città di San Francisco, USA.
PAUL CONNETT

«L’inceneritore è una sconfitta, una rinuncia.
E’ come costruire una toilette al posto di un laboratorio scientifico».
Paul Connett, il papà della strategia “Rifiuti Zero”, è un omone alto e sorridente, ma quando gli parli di termovalorizzatori il suo volto si fa terribilmente serio.

Docente di Chimica Ambientale alla Saint Lawrence University nello Stato di New York, a due passi dal Canada, lo scorso 12 gennaio è stato invitato addirittura dall’Onu per illustrare la sua ricetta di sviluppo sostenibile. «E ci tornerò per una seconda conferenza – annuncia -.

In una sua ultima visita a Parma disse: “Siete ad un Bivio. Potete scegliere quale strada prendere, se fare l’interesse economico di pochi o difendere la salute dell’intera comunità. Se essere pecore o leoni”.

La ricetta “Rifiuti Zero” è semplice, pratica ed economica e volendo possiamo prendere come riferimento la città di San Francisco, USA.
San Francisco: i rifiuti vengono smistati solo in tre diversi contenitori
(materiale riciclabile, umido, indiferrenziato “reale”)
La ricetta San Francisco si articola in dieci “passi” e ci sono migliaia di città nel mondo che la stanno già realizzando. Serve più Informazione, Educazione, Organizzazione e una migliore Progettazione Industriale». Quali sono questi dieci passaggi?

«Il primo è la raccolta differenziata e il secondo è la sua evoluzione attraverso il sistema del porta a porta, il trampolino di lancio per arrivare all’obiettivo “Rifiuti zero”.
Il terzo è il recupero del rifiuto organico attraverso il compostaggio e il quarto sono i centri per il riciclaggio.
Quinto, la fase del “Riutilizzo, Riparazione e Decostruzione”. Tanto per fare un esempio, la vecchia borsa del mio notebook può essere trasformata in un’altra nuova di zecca. E questo tipo di attività darebbe risposta anche alla crisi econo

Gaetano Campisi 03.01.11 13:15| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Che schifo... ecco perchè l'Italia è tra i principali consumatori di acqua potabile, perchè non ci fidiamo dei servizi statali, regionali e comunali, in sostanza perchè non ci fidiamo della POLITICA.

Patrick D. Commentatore certificato 03.01.11 11:26| 
 |
Rispondi al commento

"Per chi smaltisce rifiuti tossici e causa tumori alla popolazione e per i politici che lo permettono dovrebbe essere previsto l'ergastolo."

Troppo buoni, ci vorrebbe la pena di morte previa tortuta estendibile ai familiari di ogni grado (Metodo Romanoff).

Se violenti una donna io ti ammazzo.
Figurati un po' se violenti il mio Pianeta...

KOWALSKI (first name unknow) 03.01.11 11:22| 
 |
Rispondi al commento

abbiamo l'esercizio di VOTO.
Usiamolo per mandare a casa i marci, ed eleggere persone ONESTE.
Se sono state elette persone marce ad amministrare il nostro territorio e la nostra salute, la responsabilità è degli elettori.

Paolo R., Padova Commentatore certificato 03.01.11 10:32| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento


Ma non avevamo dei Politici Onesti, dove sono finiti?. Morire x una Rivoluzione è più giusto che morire x mano di Cretini che ci governano senza nessuno scrupolo.

pietro zambernardi 03.01.11 10:15| 
 |
Rispondi al commento

Andate a vedere cosa contiene l'ultimo "Decreto Illegale" del governo che ha fatto incazzare l'inutile ministra dell'ambiante!

Una deroga a sversare tutto e dappertutto!
con buona pace di chi abita vicino ad una discarica!

Dopo il reciclaggio di denaro sporco di stato
Il favoreggiamento alla prostituzione di stato

ecco la novita'...
La discarica ABUSIVA di materiale tossico di stato!

Ma che centrano i rifiuti speciali con i rifiuti di Napoli?

Massimiliano P., Bologna Commentatore certificato 03.01.11 08:18| 
 |
Rispondi al commento

Io ho smesso di fare quasi tutto:
In Dio non ho mai creduto, ho fatto l'orto così risparmio e mangio cibo di stagione, non uso più l'automobile perché non ho i soldi per mettere benzina, Il latte e il formaggio lo prendo dai mie vicini (fortuna che abito in campagna), ho smesso involontariamente di lavorare (ma sarà sfortuna?), Faccio la raccolta differenziata, di umido non ne esporto, ho un piccolo compostatore, e un cane che giustamente rifiuta le scatolette e preferisce ciò che mangio io, Non mi scaldo più con il metano (non potrei pagare la bolletta), vado a legna, Mi piacerebbe installare i pannelli solari ma chi me li compera? Non guardo più la TV tranne Anno Zero, Mi sono battuto per evitare la realizzazione di una discarica nel mio paese (con successo), probabilmente il mio comune installerà pannelli solari sul tetto delle scuole medie, vorrei fare tante altre cose ma non ho un' euro.

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.01.11 08:13| 
 |
Rispondi al commento

in Cina per quei produttori che hanno avvelenato il latte con la melanina c'è stata la pena di morte.
Sarei d'accordo che facciano lo stesso anche in Italia.

Zozzone 03.01.11 00:11| 
 |
Rispondi al commento

E Di Pietro che fa?

franco basilico Commentatore certificato 02.01.11 22:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Facciamo Qualcosa dici!!!???
Io mi sono sbatezzato perchè il Vaticano è Cancro si o no? Ho deciso di si e credere liberaemte in Dio.
Tu? hai fatto qualcosa?
Ho smesso coll' auto perchè è insostenibile e causa cancro.
Tu? Giri coll' auto? E' Cancro fratello, fatti non pugne.tte. Se aspetti robin hood, impara ad essere Peeter Pann tu stesso.
Ho smesso colle assicurazini, sponsor del Cancro. E tu? Sei Assicurato?
Ho smesso col 99 percento dei farmaci, e tu?
Quanta droga veleno canceroggeno hai nei cassetti e spacci come medicine e proteine naturali, in scatole e confezioni canceroggene?
Io ho smesso con Calcio, Formula uno, e moto ventanni fa. Perchè deteriorano la tua informazione, e non fa spettatori, ma diffonde in silenzio il cancro. Io ho smesso tu parli di milan e juve?? Io No sono un ribelle.
Se sai che il papele è vero, lo stato è mafia, e a chi paghi le tasse?
Io ho smesso, e niente canone.
Da ventanni cancello la scheda, perchè amo la politica e candidati cerano solo produttori di cancro non politici, tu hai votato per contrastare qualcuno?
Io no fratello.
Vivo in Siam, sono Anarchico, e come Eccezzione ho imparato ad amare il Re del Siam per Onore e Stima, e Buon Esempio.
Io ho smesso col tonno in scatola, ti la verità due spaghi la notte facile con quel cancro di scatoletta in mano, io no.
E i Pelati fatti in cina timbrati in Hong Kong portati in Italia, e mangiati in Vacanza esportati dall' Iatalia!!!??? Io no, Li cerco freschi e di mercati locali.
E all' amore tuo, un diamantino, orologino, e oro!!!??? Si dice No, No, No, e si aggiunge "Sei una troia o cosa!?" Sai dire di no? Io Si che dico No. Non a quel Cancro
Hai i soldi in Banca? Essi producono 99 volte il valore del daanro per magie e imbrogli e li investono in produzione di Cancro per alimentare il beesness, tu non sei un uomo sei una carta di credito ambulante.
Tu generico consumista, non l' autore del testo, si intende, ma meglio scriverlo.
Togliere il danaro dalle banche, è Cancro


CIAO BEPPE
DOVREBBERO APPROVARE L'ERGASTLO A VITA PER CHI INQUINA L'AMBIENTE
ALVISE

alvise fossa 02.01.11 21:22| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

In Galera PER SEMPRE
LA GENTE DI MERDA

lidia ., marcianise Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.01.11 21:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori