Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

I disabili in carcere


Carmelo_Castro.jpg
I disabili gravi in carcere in Italia sono circa 500. Perché stanno in carcere? E perché devono anche morire in carcere? Fernando Paniccia era un ragazzo invalido al 100%, ragionava come un bambino, era malato da tempo, è morto come un disgraziato, abbandonato dallo Stato.
"Negli ultimi giorni del 2010, ennesima morte in carcere. Un disabile grave di Frosinone, Fernando Paniccia, è morto in carcere a 27 anni. A darne la notizia è l'associazione "Ristretti Orizzonti". Paniccia, invalido al 100% affetto da ritardo mentale, epilettico e semiparalizzato, è morto nella cella del carcere di Sanremo dove era detenuto, ucciso probabilmente da un arresto cardiaco: pesava 186 chili e, sottolinea l'associazione, "ragionava come un bambino di 3 anni". Avrebbe terminato di scontare la pena il 31 dicembre del 2011. Era entrato in carcere per la prima volta a 19 anni, per il furto di 3 palloni di cuoio in una palestra, e da allora era stato più volte arrestato per piccoli reati." ippolita zecca, genova

7 Gen 2011, 19:04 | Scrivi | Commenti (15) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Semplicemente senza parole..

Ascoltare Musica Gratis, Genova Commentatore certificato 11.01.11 19:10| 
 |
Rispondi al commento

Cosa vi avevo detto?..vogliano far credere che l'italia è un Paese Civile....i Disabili fanno notizia quando muoiono o quando gli tolgono i sussidi...per il resto si devono "attacca ar filobusse"..
In Italia ci sono 3.500.000 di persone affette da malattie rare..80% è di natura genetica...Lo Stato?..qualcuno sa cos'è...?cosa fa?...nulla..Il n/s presidente se ne va in giro con Il suo "cappellino" all'anfry Bogart..a celebrare il 150° anniversario dell'umidità d'italia..(mi sembra più il suo compleanno!!)...du bandieri, qualche discorso di rito,parate, picchetti d'onore..e altre segate varie..così è l'italia..
Fortunatamente c'è Teletlhon che sviluppa la ricerca...
Per il resto vieni messo da una parte...quando va bene danno 250 euro il mese...dopo lunghi calvari sempre se non superi 3000 euro di reditto all'anno.
Poi per quelli in Carcere non ne parliamo nemmeno...sfido che uno l'arrestano, come fa ad andare avanti con 250 al mese senza un lavoro..e senza l'aiuto della famiglia...ti portano a delinquere..per forza..
Poi vedi il n/s presidente che ha 2 orologia a libro paga, per ricare gli orologi del quirinale...oppure 250 corrazieri con altrettanti cavalli, scuderie, selleria e sartoria privata...milioni di euro buttati al vento...

roby f., Livorno Commentatore certificato 09.01.11 11:58| 
 |
Rispondi al commento

Mi vergogno d'avere studiato diritto, in Italia, che schifo, che schifo

luigi turchi 08.01.11 17:00| 
 |
Rispondi al commento

il mio commento di pochi secondi fa ,dove è andato a finire? se non'esce cancello tutto, perchè anche quà si è sciavi del padrone che schifo ecco l'italia del 2011! è ciò che meritate dall'altra faccia leccate culi!|

fabio b. Commentatore certificato 08.01.11 15:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma ci rendiamo conto !? Siamo un paese malato e razzista ! MI VERGOGNO DI ESSERE ITALIANO ! Ogni volta che vado all'esterno e mi chiedono da dove vengo dico Italia e abbasso la testa mentre gli altri mi continuano a guardare dicendo:" ah, italian...." come per dire ah sei un altro poveraccio italiano !

CHE SCHIFO !

Simone 08.01.11 14:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La sorella di mia moglie è stata ammazzata con una pietra alla nuca da suo marito.
Dopo 2 anni con rito abbreviato lo hanno condannato a 19 anni per omicidio non premeditato che con gli sconti successivi fra 8 sarà fuori.
Il processo è stato uno scandalo e in questi anni si è processata la vittima non il carnefice.
(mancava solo la frase che era una puttana che voleva anche un figlio dal marito)
Contro di lui c'erano infinite prove oggettive che lo condannavano per omicidio premeditato e con occultamento di cadavere
(che in caso di omicidio non è un aggravante) e quindi una condanna di 30 anni, con il processo abbreviato, mentre a sua discolpa c'erano solo le sue bugie
(veramente poco credibile) che andava contro a ogni riscontro oggettivo, prova, ma sotto processo c'èra la vittima non lui.
Hanno creduto fin dall'inizio solo al carnefice, dando della bugiarda alla vittima e ignorando completamente le prove che lo contraddivono e lo incastracano.
C'era a sua colpa di tutto: una telefonata che bastata per la premeditatezza,
guanti in lattice insanguinati, saccehtti di plastica usati per tenere puliti se stesso e la scena del delitto, autopsia che descriveva il delitto come un agguato alle spalle che non ha data il tempo alla vittima di reagire,
tempi di esecuzione da killer professionista, scena del delitto linda (gli ha spaccato la testa con 9 colpi di sasso), vestiti usati per il delitto portati da casa e leggermente spochi, e mille altre prove
Il giudice ha approffondito e fatto le giuste domande per incastrare l'assassino e a ogni interrogatorio s'infangava sempre di più, ma poi al momento della sentenza la scandalosa sentenza dove anche il giudice ci ha chiesto scusa per la sentenza e giustificandosi che aveva fatto una sentenza appellabile, ..., visto le prove, il voltafaccia finale del giudice, i parenti malvagi e ricchi senz'altro ci è stato corruzione ... il modo con cui questa civiltà banalizza il male è sconcertante e ci stiamo autodisruggendo

Matteo Pietri Commentatore certificato 08.01.11 12:00| 
 |
Rispondi al commento

Non stupiamoci più di niente per favore.
Italia 2011: oligarchia neofeudale mediatica.
Il popolo si lamenta, ma non reagisce.
Anzi, buona parte di questo popolo sostiene, sorregge e vota proprio i nuovi nobili, la nuova casta, i privilegiati che godono di ogni incredibile privilegio, proprio a spese di chi si lamenta.
E allora?

Paolo R., Padova Commentatore certificato 08.01.11 11:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La morte di questo povero ragazzo ancora una volta ci Fotografa il Paese Italia:Galera per piccoli furti anche se sei Disabile e Politici ai Vertici del Potere che si Possono Rifiutare persino di farsi Processare,mafiosi ancora senatori,politici corruttori/affaristi, benche inquisiti, continuano il loro spochi affari eccc.eccc.La chiamano ancora Democrazia!!!!!!!

Paolo Marranci 08.01.11 08:57| 
 |
Rispondi al commento

Ma che schifo! Con quei palloni magari voleva giocare.

gigiderrico 08.01.11 07:07| 
 |
Rispondi al commento

ma da quanto tempo era in quelle condizioni? come erano all'epoca degli ultimi reati commessi?
mi chiedo se veramente sia mai stato in grado di agire con destrezza al punto di ritenerlo punibile...

Sofia Astori, Castelfranco Veneto Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 08.01.11 00:03| 
 |
Rispondi al commento

Che rabbia, sti maledetti mandano in gabbia un disabile per aver rubato 3 palloni mentre mafiosi, usurai, massoni, corrotti e corruttori sono tranquilli nel continuare a delinquere coperti dai loro simili che stanno seduti in parlamento e nelle amministrazioni pubbliche

Alessandro I. Commentatore certificato 07.01.11 19:49| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
SIAMO IL PAESE DELLA CRUDELTA' E QUESTO NE E' L'ESEMPIO,FERDINANDO PANICCIA E' UNA VITTIMA DI QUESTO SISTEMA MARCIO
ALVISE

alvise fossa 07.01.11 19:12| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori