Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Perché non dormi fratello?


Sinai_luna.jpg
"Da tre mesi i giovani profughi africani fuggiti dalla Libia per evitare le carceri-lager di Al Braq e Misratah, destinate ai migranti in attesa di deportazione, sono nelle mani dei trafficanti. Prima del viaggio verso Israele ognuno di loro è riuscito a procurarsi 2000 dollari, grazie ai parenti in Europa o in patria: somma chiesta dai passatori beduini della tribù Rashaida per il lungo viaggio della speranza. Durante i primi giorni in Egitto, hanno dormito in grandi tende, che i beduini montavano nel deserto. A un certo punto i Rashaida li consegnavano ai trafficanti della famiglia Sawarqa, da quel momento la speranza dei 250 profughi eritrei, etiopi, somali e sudanesi si trasformava in un incubo. Venivano condotti nel quartiere meridionale di Rafah, nel nord del Sinai, all'interno di una green-house recintata. Il beduino palestinese Abu Khaled, noto guerrigliero di Hamas e schiavista, l'etiope rinnegato Fatawi Mahari e 20 predoni-guerriglieri erano adesso i loro carcerieri. Incatenati alle caviglie e chiusi in gruppi all'interno di container metallici interrati, ricevevano una pagnotta al giorno, acqua sporca e raramente mezza scatola di sardine. I trafficanti lasciavano loro i telefonini, perché potessero comunicare con i parenti e chiedere denaro. A ognuno venivano chiesti altri 8000 dollari. Nel primo periodo di detenzione a Rafah, tre ragazzi africani erano freddati a colpi di pistola. Pochi giorni e altri tre venivano massacrati a bastonate. Due diaconi ortodossi facevano la stessa fine. Altri erano ridotti in fin di vita. Abu Khaled spiegava le modalità del pagamento del riscatto: i parenti dovevano versare a più riprese quote di 300 o 500 dollari, avvalendosi dell'agenzia di money transfer Western Union: una forma di pagamento difficilmente rintracciabile, perché una volta versato, sempre a beneficiari diversi, il denaro poteva essere incassato in qualsiasi città all'interno dell'Egitto. Gli aguzzini torturavano i prigionieri con ferri roventi, batterie e cavi elettrici, coltelli e frammenti acuminati di vetro. Le ragazze subivano violentissimi stupri di gruppo a un ritmo quotidiano. Chi completava il pagamento del riscatto veniva condotto, senza il cellulare a disposizione, in una località del Nord del Sinai. Svincolati dal ricatto, i profughi venivano liberati presso la frontiera israeliana in gruppi di 15/20. Dopo la campagna internazionale e le pressioni sull'Egitto affinché i ragazzi africani fossero liberati, i trafficanti hanno affrettato i tempi. Molti profughi africani sono stati arrestati al confine dalla polizia egiziana e trasferiti nelle carceri militari, accusati di immigrazione illegale e destinati al rimpatrio coatto. Altri hanno raggiunto Israele, dove sono stati condotti in un centro di accoglienza e affidati alle cure dei Medici per i Diritti Umani di Jaffa. Oggi restano a Rafah, nel frutteto di Abu Khaled, da 40 a 50 africani, fra cui sei donne. Dopo la denuncia di EveryOne, sottoscritta da una rete di Ong e presentata alle autorità ufficiali dell'Egitto e al Parlamento europeo, la delegazione UE al Cairo ha esercitato pressione diplomatica sul governo per un intervento delle forze di sicurezza a Rafah e lungo le zone di confine. Per l'ennesima volta, anziché attuare un'irruzione nel campo di detenzione gestito dai predoni, le autorità hanno chiesto, invano, la mediazione dei capi delle 12 tribù beduine del nord del Sinai. Contemporaneamente, hanno aumentato l'attività delle pattuglie di frontiera. Ieri, venerdì 14 gennaio, la polizia ha intercettato un gruppo di trafficanti nell'area di Rafah. I criminali sono riusciti a fuggire, abbandonando 250 chili di cocaina e altre droghe pesanti... le forze dell'ordine, quando fermano i migranti africani, non cercano neppure di verificare chi abbia diritto a protezione internazionale, nonostante le raccomandazioni espresse dall'Alto Commissario Onu per i Rifugiati attraverso il portavoce Adrian Edwards, che ha invitato il governo egiziano ad effettuare ogni sforzo possibile per determinare chi abbia i requisiti del rifugiato e sia in cerca di protezione umanitaria... segue su EveryOne". Roberto Malini

15 Gen 2011, 22:12 | Scrivi | Commenti (10) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Quel poco che sapevo già mi terrorizzava ma con questo post mi vengono i brividi. Tante volte mi ero chiesto questi poveri cristi che fine facevano? quale fosse la loro sorte. Lo potevo intuire dai racconti di coloro che piuttosto che tornare in Libia si gettavano in mare aperto da soli dall'imbarcazioni della Marina Italiana che ovviamenti li risalvava e riconsegnavano legati alle autorità libiche.
Ormai siamo al collasso della nostra era. L'ambiente inquinato, cibo sempre piu' scarso e con poca qualità, i rapporti umani al delirio piu' totale, qualcuno che dice che la fine del mondo avverrà nel 2012?? A me sembra che l'apocalisse sia già iniziata ed è molto peggio di quello scritto da Giovanni.
Pensiamo a quando ci commuoviamo difronte ad un film, un libro che parla della shoa; quale sarà la scusa che useremo ?? non lo sapevamo, lo ingnoravamo totalmente, ne ero all'oscuro.
La maggioranza dei tedeschi rispose cosi' di fronte al massacro di milioni di essere umani.
Altri si difesero dicendo che il Diritto tedesco prevedeva la segregazione razziale e che quindi avevano esercitato un diritto.
Se l'uomo copie ancora atti di questa violenza nei confronti dei suoi simili, dell'ambiente in cui vive, cosa sono serviti 50 anni di films e libris e saggi ect.. ect..
Ai posteri l'ardua sentenza

nicola di Pumpo 17.01.11 19:04| 
 |
Rispondi al commento

SIAMO IL FUTURO... COME SCIENZIATO DELLA COMUNICAZIONE E DELLA LEGGE DELL'ATTRAIONE, SONO FELICISSIMO DI TROVARMI IN QUESTA NUOVA ITALIA..QUANTI GIOVANI POSONO CONTRIBUIRE A MIGLIORARE QUESTO PAESE..SI CONJ IDEE DI RINNOVAMENTO E DI CREAIONE POSITIVA TUTTO E' POSSIBILE...TROVO DI CATTIVO GUSTO UNA RACCOLTA DI SINDACATI CHE PENSANO SOLO A FARE MILIARDI E NON AIUTANO I LAVORATORI PER NIENTE....CANCELLATEVI DA OGNI PARTE E UNITEVI A NOI....DILAN RICH

dilan d., FIRENZE Commentatore certificato 16.01.11 14:25| 
 |
Rispondi al commento

......Altri hanno raggiunto Israele, dove sono stati condotti in un centro di accoglienza e affidati alle cure dei Medici per i Diritti Umani di Jaffa. ......

Ma davvero????? Ma chi l` avrebbe mai detto . Io su questo "Paese" avevo sentito altre storie . Voi no???

Mario 16.01.11 03:54| 
 |
Rispondi al commento

Gli africani devono stare a case loro in modo che possono essere sfruttati per garantirci un buon tenore di vita. Chi di voi è disponibile a perdere comodità per migliorare la vita di un africano ?
Ognuno stia a a casa propria !

Sandro Viardi 16.01.11 02:19| 
 |
Rispondi al commento

Ecco a cosa servono le forze di intervento rapido immediatamente dispiegabili in tutto il mondo.
Purtroppo l'Onu non conta una mazza...
...
ah scusate, questo è un blog di sinistronzi finti pacifisti...vorreste risolvere i problemi mandando gino strada dai predoni schiavisti beduini per curare loro i calli e risolvere la faccenda.

Onu Inetto 16.01.11 02:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

.....ricordate Sergio Endrigo ?....perche' non dormi fratello, la notte è chiara.....

Pasquale, er mejo tacco de Corviale () Commentatore certificato 16.01.11 00:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

che mondo schifoso...avrei preferito non nascere.

anib roma Commentatore certificato 15.01.11 23:10| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
ALLA CRUDELTA' NON C'E' FINE,NEANCHE PER I PROFUGHI
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 15.01.11 23:08| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori