Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Gli Agnelli restituiscano 7 miliardi di euro


Grillo_Fiat.jpg
Gli Agnelli, Marchionne è solo un burattino (Gianni e Umberto almeno ci mettevano la faccia), devono restituire 7 miliardi e 600 milioni di euro allo Stato. Una somma "prestata" negli anni dai contribuenti che si potrà investire per l'innovazione delle piccole e medie imprese e per la riqualificazione dei dipendenti Fiat.
"Sette miliardi e seicento milioni di euro: è la cifra che lo Stato italiano ha erogato alla Fiat tra il 1977 e il 2009. Il dato è di Giuseppe Bortolussi, segretario degli artigiani e dei piccoli imprenditori della Cgia di Mestre, che ha fornito il dato dei soldi pubblici finiti a Torino nel corso degli ultimi 33 anni. Bortolussi fornisce numeri più dettagliati: dal 1990 in poi: 1,279 miliardi per la costruzione degli impianti di Melfi e Pratola Serra. 272,7 milioni per ristrutturare gli impianti di Melfi e Foggia tra il 1997 e il 2003. Lo Stato ha inoltre "coperto" gli incentivi alla rottamazione con 465 milioni. Trattasi sempre di fondi statali, pubblici. "In questa analisi - conclude Bortolussi - non abbiamo tenuto conto dell’importo per l’erogazione degli ammortizzatori sociali. Tra il 1991 e il 2002 la spesa è stata pari a 1,15 mld di euro. Un’entità sostenuta anche dalla Fiat e dai suoi dipendenti". manuela bellandi

12 Gen 2011, 22:29 | Scrivi | Commenti (45) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

TUNISIA :
"DICESI" FORSE DI POPOLO CON "ATTRIBUTI" VERI ...
ITALIA :
"DICESI" DI POPOLO A " 90° " ????????
MDs

MDs 16.01.11 16:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


i sindacati se avessero fatto il loro dovere
avrebbero pensato di proporre allo stato di
requisire le strutture della fiat sul nostro
territorio (visto che le hanno costruite con i nostri soldi sottoforma di finanziamenti)e metterle a disposizione di case automobilistiche
sraniere che in modo serio vorrebbero espandersi in italia . il signor marchionne se le vada a costruire dove vuole le sue auto

michele margotta 15.01.11 17:59| 
 |
Rispondi al commento

Beppe grillo hai rotto i coglioni tu e tutti i grandi comunisti come te Che fanno discorsi del cazzo e fanno ridere i cretini Che di política non sanno un cazzo e sappi Che quando parlano di berlusconi dei debiti pubblici lo fanno solo perche i leader non nascono lo diventano ascoltando le minchiate Che gli dicono Emanuele Maffezzoni forza armare combattenti gruppo operativo islas baleares

Emanuele maffezzoni 14.01.11 15:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ben Presto GLI OPERAI CHE ACCETTERANNO IL Sì..SI ACCORGERANNO DELLE CONSEGUENZE.
BASTA PRONUNCIARE LA PAROLA MAGICA "SACE" e capirete perchè le industrie Italiane delocalizzano...
Ma cos'è questa Sace? è una società controllata dal Ministero dell'economia, le imprese esportatrici che voglionoassicurare operazioni con l'estero(vendite a credito,investimenti in stabilimenti,commesse)da rischi politici e commerciali,pagano un Premio e la Sace stipula una polizza.
Se l'affare non va in porto o il cliente non paga, scatta l'indenizzo...
Quindi è paradossale che lo Stato Italiano garantisca chi delocalizza e al tempo stesso le stesse Aziende,mettono in "cassa integrazione" i propri dipendenti, bloccando le produzioni locali..
Poi mantengano gli stabilimenti aperti solo per la manutenzione, lasciandoli invecchiare e impoverendo la produzione..portandoli su un binario morto.
Caro Beppe e amici del movimento..fate un riscontro, incrociate i dati e vediamo cosa ne esce...Questo REferendum e' una Cazzatas e basta..serve a dividere gli operai..e accellerare un'agonia...mentre i giochi sono già fatti.....

roby f., Livorno Commentatore certificato 14.01.11 08:04| 
 |
Rispondi al commento

COMUNQUE VADINO LE COSE
NOI CONTINUAMO A FARE SCELTE SBAGLIATE
scelte gia decise da loro e propinate dai sindacati venduti e rivenduti
NON STO PARLANDO DEI SINDACALISTI SIA CHIARO (MOLTI DI ESSI LAVORANO IN QUELLE AZIENDE)
MA DEL SINDACATO COME SISTEMA DI STATO
ricordiamoci del furto dell tfr
sotto forma di ..futura seconda pensione
.poi scopriremo che lo stato bastardo
ce ne togliera una (quella che dovrebbe dare lui...)
volete il cambiamento CAMBIATE VOI PRIMA
vivono nel lusso GRAZIE A VOI
il governo inglese sempre amico delle lobby
anni fa aumento (sotto richiesta delle lobby dei macellai) il prezzo della carne
non ci furono scioperi di 1/2 ora (come da noi)
ma SEMPLICEMENTE GLI INGLESI SI RIFIUTARONO DI COMPERARE LA CARNE
il governo fece marcia indietro subito per evitare che molti esercenti macellai malandrini fallissero
questa e la via da segiure
boicottare le vendite della fiat

stefano b., rovato Commentatore certificato 13.01.11 20:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non facciamoci illusioni
SE LA FIAT DECIDERA DI ANDARE AL ESTERO ,,, BE LO FARA MA SARA UNA DECISIONE PRESA PRIMA
nella mia ex fabbrica di lavoro dove
lavoravo prima la vecchia dirigenza aveva creato un buco enorme di debiti +di 30milioni di euro

lo scopo del padrone non era di continuare ma di ...vendere lo stabilimento per fare aree abitative
...ma se avesse venduto lo stabilimento i creditori ne avrebbero preteso la loro LEGITTIMA PARTE IN RISARCIMENTO DEI CREDITI
allora quale e il trucco???
sie fatto passare diverse societa (nuove) che avevano solo lo scopo di fallire in un
certo lasso di tempo
ne abbiamo cambiate di gestioni in pochi anni.????
abbiamo acettato anche turni di lavoro pesanti pur di mantenere il posto
ma lo scopo del padrone non era di salvare lo stabilimento ma di SPOLPARE FINO ALL OSSO
L AZIENDA
noi aspettiamo ancora sia i soldi della
cassa integrazione e della liquidazione

LO STESSO TRATTAMENTO LO STA PER FARE MARCHIONNE E C.(CONFINDUSTRIA)
nessuno cambiera la rotta della fiat
ma creera un nuovo tipo di lavoro per gli altri stabilimenti
perche la confindustria aiuta la fiat ...
SOLO PER ELIMINARE TUTTI I DIRITTI ACQUISITI DEI LAVORATORI
il contratto della fiat sara esteso anche a tutti gli altri settori
PERCIO IO VOTEREI ...NO ASSULUTAMENTE NO
E FAREI SAPERE AI FASSINI TI TURNO (VENDUTI)CHE IL NOSTRO VOTO SE LO SOGNERANNO DI NOTTE
E IL BOICOTTAGGIO DELLE VENDITE DELLE AUTO FIAT E L UNICA ARMA CHE ABBIAMO
SPECIE QUELLE PRODOTTE IN POLONIA MA VENDUTE AL PREZZO ITALIANO
(E LI NON C E IL PROBLEMA DEL COSTO DI MANODOPERA)

stefano b., rovato Commentatore certificato 13.01.11 19:49| 
 |
Rispondi al commento

Che l'attuale sistema sociale sia iniquo, anti-etico, marcio, corrotto, classista, medievale, e chi + ne ha + ne metta, a mio avviso è indubbio.

Ma non credo si potrà cambiarlo a suon di sparate qualunquiste, becere, distorte a fini propagandistici alla ricerca di facili consensi.

Perché è solo partendo dalla verità, per quanto scomoda ed antipatica, che si può costruire una società migliore, contrapposizioni ideologiche, slogan superficiali e populismo, conditi da immense razioni di individualismo ci hanno portato a questa situazione, se non impariamo dagli errori siamo veramente dei cogl....i!!!

Stiamo ai fatti:
- i finanziamenti sono stati erogati secondo regole stabilite, se nessuno ha pensato di inserire clausole a garanzia la responsabilità è di chi ha stabilito le regole, non della Fiat;
- la cassa integrazione è welfare per i lavoratori NON per l'impresa... si vuole abolirla? Ok, ma davvero credete che le grandi aziende si faranno carico degli esuberi temporanei? O non taglieranno forse i costi? (ergo licenziamenti PUNTO!)
- I contributi alla rottamazione hanno agevolato le vendite, certo, ma li hanno presi i cittadini, ne godiamo tutti in termini di minore inquinamento, ne ha goduto lo stato in termini di imposte e tasse, e comunque li hanno presi tutti in tutta europa!
- Marchionne percepisce emolumenti socio-eticamente inaccettabili, certo, ma tra i grandi manager internazionali è quello che guadagna meno, i suoi soldi perlomeno sono legati ai risultati. Vogliamo parlare di imprese pubbliche e manager disastrosi?
- Nessun "diritto legale" viene violato dall'accordo, semmai vengono ridimensionati (purtroppo, daccordo) dei privilegi che i metalmeccanici erano riusciti a conquistare! Moltissimi altri lavoratori di altre categorie (tessile, commercio, chimico, ecc) sono inquadrati a condizioni ben peggiori di quelle dell'accordo!!

E in ultimo, ma non per importanza, ogni tanto parliamo anche di doveri, oltre che di diritti?

Marco R., GRUGLIASCO Commentatore certificato 13.01.11 17:29| 
 |
Rispondi al commento

Tutto il sostegno e la solidarietà alla FIOM che non ha dimenticato le proprie origini,come invece hanno fatto FIM e UILM.Mi viene il sospetto che da questi accordi separati sortiscano vantaggi economici se non ai sindacati firmatari (?)ma almeno ai loro massimi rappresentanti,chissà,a pensar male spesso ci si prende..

Marco Cuoghi 13.01.11 17:08| 
 |
Rispondi al commento

Tutti questi soldi per fare cosa?
DEI CESSI CON QUATTRO RUOTE!!!!!
Tra qualche anno se ne accorgerà anche Obama!

Luigi D., Ancona Commentatore certificato 13.01.11 16:20| 
 |
Rispondi al commento

A Marchionne potrebbe essere conveniente "restituire" questi soldi e mollare all'Italia 25.000 nuovi disoccupati tra diretti ed indotto.
Considerato che, mediamente, ogni lavoratore costa a FIAT € 30.000/anno in pochi anni recupererebbe la cifra.
Non mettiamogli queste pulci nelle orecchie!

Giuseppe Cocco 13.01.11 16:05| 
 |
Rispondi al commento

Non c'è nessun quotidiano disposto a pubblicare questo post in prima pagina????
maremma maialaaaaaa!!!!

alex brown 13.01.11 15:26| 
 |
Rispondi al commento

LA CIFRA E' SBALIGATA

SONO

7.600.000.000 €

CIOè

SETTE MILIARDI E SEICENTO MILIONI DI EURO

andrea luciani 13.01.11 14:13| 
 |
Rispondi al commento

BERLUSCONI: SE VINCE IL NO LA FIAT FA BENE A ESPATRIARE...

... se oggi alla consulta passa l'ILLEGGITTIMO...
...spero che il POPOLO COSTRINGA AD ESPATRIARE TE!!!
e tutti l'animadelimeiolim.....................

anib roma Commentatore certificato 13.01.11 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Sono "manovre" per ridurre il potere contrattuale degli operai e basta...e non saranno sufficenti sul piano economico per risanare Fiat.
L'avventura americana costringe il gruppo a rivedere tutto il reparto stampaggio lamierati e scocche..perchè i modelli attuali alfa non sono conformi agli standar americani.....ecco perchè c'è una trattativa sotterranea con il Gruppo Wolfaghen che sembra interessata all'acquisto del Brand..
Annaspano e tentano di stare a galla come possono..e sanno che se perdano il mercato italiano c'è già chi li sostituisce..
Beppe fra che ci siamo richiediamoli indietro i soldi avuti con il Piano Marshall...pupparono il 70%..per fare cessi...manco le strade c'erano...
Poi abbiamo il problema della tassazione troppo elevato 43-44% sul costo del lavoro e già questo ci mette fuori dai giochi, non solo noi ma anche altri paesi ue....per questo sarà dura andare avanti.
La Cina ci tende la mano...comprerà il n/s debito pubblico...come ha fatto con l'irlanda, portogallo e spagna....
La Gracia è già made in "CHINA"..DOVREMO IMPARARE PRESTO A MAGNA CON LE BACCHETTE" CINCIULLI CINCIULLA'....

roby f., Livorno Commentatore certificato 13.01.11 12:05| 
 |
Rispondi al commento

I milioni per la rottamazione!Se non sbaglio erano per tutte le marche. Io ne ho usufruito e ho acquistato una Prius. Non bisogna confondere la gente con affermazioni false. Basta uno... si ripete sempre e gli credono pure.... .

michelangelo bacchion 13.01.11 11:56| 
 |
Rispondi al commento

Certo che se l'assenteismo superà il 20% e molti operai lavorano la merà di quello che dovrebbero, Marchionne non ha tutti i torti.. sbaglio?

Filippo 13.01.11 10:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qui si vede la differenza dagli USA: loro i soldi glie li hanno prestati e NON regalati

Marco 13.01.11 09:35| 
 |
Rispondi al commento

Seppur a malincuore non capisco come si possa chiedere indietro i soldi alla fiat. Non ha nessun senso legale.

Luca Montemagno 13.01.11 09:21| 
 |
Rispondi al commento

capitalisti con i fondi pubblici e li chiamano padroni !
la fiat prepari tutti i MIGLIARDI di EURO in piu di 30 anni di AIUTI DI STATO e CASSA INTEGRAZIONE !
PROCESSATE I CAPITALISTA !

marco71lucca 13.01.11 02:27| 
 |
Rispondi al commento

Fantascienza!

Qui nulla si muove, la gente ha ancora la pancia piena. La catastrofe non arriva. Il cambiamento non è necessario.

Beppe, le tue previsioni non si stanno avverando..ho scommesso su di te...voglio anch'io i miei soldi indietro!!

Sandro Senece 13.01.11 02:03| 
 |
Rispondi al commento

E mentre gli operai sono in piazza a scegliere se crepare subito o lentamente, i pochi eredi degli Agnelli si scannano per un patrimonio ereditario di 5 miliardi di euro.....


Il dinosauro venuto dal canada
http://smaciocchi.blogspot.com/2011/01/il-dinosauro-venuto-dal-canada.html

Stefano Maciocchi 13.01.11 00:16| 
 |
Rispondi al commento

"12 gen - 8:29: Il governo Usa a Marchionne: vuoi il 51% della Chrysler? Prego, ridacci i soldi prestati dallo Stato. Indovinate chi pagherà il trasloco ..."

Gad Lerner

manuela bellandi Commentatore certificato 13.01.11 00:14| 
 |
Rispondi al commento

@BELLANDI

Abbiamo sbagliato entrambi.
7,6 Miliardi di Euro,sono 7Miliardi e seicento milioni di Euro.
saluti.

Lovigio II (na) Commentatore certificato 12.01.11 23:56| 
 |
Rispondi al commento

Stasera il Movimento 5 Stelle di Torino e del Piemonte era in piazza, nella fiaccolata organizzata dalla FIOM per promuovere il NO all'accordo.

Il problema della Fiat sta nella mancanza di un piano industriale che la porti verso la mobilità del futuro, che sarà collettiva, sostenibile e di qualità, e verso produzioni alternative, come i motori da cogenerazione.

Il costo del lavoro è un parametro non decisivo, come dimostrano i risultati delle fabbriche tedesche... e, parlando di improduttività, la Fiat non ha mai veramente investito per rinnovare i macchinari di Mirafiori, e anzi si teme che la famosa produzione di jeep americane (un prodotto dal radioso futuro...) sia un modo di prendere tempo mentre si lascia invecchiare e decadere la fabbrica in attesa di chiuderla, cosa che a Torino abbiamo già visto, tragicamente, con la ThyssenKrupp.

Ma soprattutto, se si devono fare sacrifici, li devono fare tutti. Il manager miliardario che guadagna decine di milioni di euro in stock option (tassate al 12,5%) e nel frattempo taglia stipendi e qualità della vita agli operai è una figura da ferriere ottocentesche. Purtroppo pare che troppi italiani si siano disabituati a rispondere alle angherie come si deve: a muso duro. E in un paese civile, a muso duro risponderebbero innanzi tutto le istituzioni; qui, invece, sono piegate a novanta gradi.

Vittorio Bertola
Movimento 5 Stelle, Torino

Vittorio Bertola, Torino Commentatore certificato 12.01.11 23:04| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

... sono capaci tutti a fare gli imprenditori capitalisti con i soldi pubblici..... (in questo caso Marchionne)

e come diceva Beppe qualche anno fà: questi sono i veri comunisti!!! Gente che fanno soldi spendendo soldi pubblici!!!

AUGURO DI CUORE UNA SOLA COSA A MARCHIONNE, BERLUSCONI E COMPAGNIA BELLA:
Si riempiano lo stesso le tasche rubando agli onesti cittadini... ma che prima di crepare spendano tutto in medicine!!!!!

Roberto Cailotto, Recoaro Terme Commentatore certificato 12.01.11 23:03| 
 |
Rispondi al commento

Senza dimenticare che, mentre io l'Alfa Romeo la pago in contanti, loro l'hanno avuta gratis...

Vittorio Bernasconi, Milano Commentatore certificato 12.01.11 22:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Pardon,Manuela

Brava a te

ivo serentha, Torino Commentatore certificato 12.01.11 22:49| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
SAREBBE ORA,PRIMA CHE DELOCALIZZINO DI TORNARCI TUTTI SOLDI CHE CI HANNO RUBATO
ALVISE

alvise fossa 12.01.11 22:47| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Beppe,stimolare la memoria all'illustre famiglia è buona cosa,peccato che Montezemolo poco tempo fa ha asserito che la Fiat non ha mai preso alcun finanziamento statale.

Solo per prendere atto di che forza sia la nostra classe dirigente,il fior,fiore intendo,figuriamoci il rimanente...

ivo serentha, Torino Commentatore certificato 12.01.11 22:46| 
 |
Rispondi al commento

domani oltre ai seggi che ha messo la fabbrica quale miglior cosa trovare anche quelli messi dai studenti in giro fin davanti ai cancelli

squeak 12.01.11 22:44| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori