Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Capitalismo all'italiana


Toto_e_il_capitalismo.jpg
Chi ha i soldi fa più soldi, chi non li ha paga le tasse anche per lui. E' il capitalismo all'italiana. La famosa Terza Via.
"Tassazione delle rendite finanziarie con la massima aliquota IRPEF (43%, non vedo perché chi guadagna 30.000 euro con le obbligazioni debba pagare il 12,5%, e moglie e marito che tirano avanti o una famiglia che guadagnino 30.000 euro lordi - LORDI - paghino ciascuno il 23%!!). Tassazione delle seconde, terze, quarte case. MA VI RENDETE CONTO CHE IN ITALIA CI SONO 35.000.000 di unità abitative! Redistribuzione del reddito. Questo paese nel bene o nel male ha un prodotto interno lordo di 1.800 miliardi + circa 300 che sfuggono ad ogni tassazione. Sono 100.000 euro per la mia famiglia di tre persone. Il problema degli ultimi 20 anni è che il 50% della ricchezza è finito in mano al 10% delle persone. Che idee avete per ridistribuire in modo più equo la ricchezza? Il debito pubblico? Ormai è inarrestabile! Blocco dei rimborsi col pagamento dei soli interessi? Ristrutturazione? 8 x 1000 e esenzione ICI per la Chiesa?" M. Boschiazzo

6 Gen 2011, 19:35 | Scrivi | Commenti (21) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Mi dispiace, ma non sono d'accordo con la tassazione ulteriore di ciò che, impropriamente, vengono definite "rendite". E mi spiego. Tassare le rendite significa tassare il risparmio tout court, ossia tutto quello che è rimasto ad un soggetto (spesso anche lavoratore dipendente a non alto reddito) dopo che vi ha pagato tutte le tasse. O, magati, a un pensionato che ha riscosso il TFR. E' fuori dubbio che oggi la Casta voglia mettere le mani sul risparmio degli Italiani, ma in Italia la pressione fiscale è al massimo e si è giunti a questo punto per la spesa eccessiva, spessissimo improduttiva, che serve a mantenere le posizioni privilegiate e a finanziare le clientele politiche. Mettersi a fare il tifo per scovare altri serbatoi cui attingere, è fare il gioco della Casta politica che ovviamente sarà lieta di incrementare i propri stipendi e privilegi e beneficare i propri cari e gli amici degli amici con posti di lavoro inutili (e precari). Tassare le rendite sembra, quindi, molto di sinistra, invece significa tassare i BOT e le cedole degli altri titoli di Stato, i depositi vincolati sui libretti, i Buoni fruttiferi postali, le cedole delle obbligazioni, ossia tutti i risparmi (pochi o tanti che siano) in mano alle già tartassate famiglie. Che spesso proprio con l'aiuto delle cedole possono arrivare alla fine del mese, considerati gli stipendi più bassi d'Europa e i prezzi più alti (benzina, luce, gas assicurazioni etc...). Altro discorso sarebbe tassare le speculazioni e i rapidi arricchimenti. Ma questo i nostri politici, tutti, stanno ben attenti a che non avvenga e, anzi, li tassa al solo 5% (vedi scudo fiscale).

Chiara Mente Commentatore certificato 09.01.11 16:24| 
 |
Rispondi al commento

Ecco cosa propone Eugenio Benetazzo per rilanciare l'economia italiana:http://www.eugeniobenetazzo.com/manifestoeconomico.htm

******

Il vera terza via, che non ha niente a che spartire con il fallimentare capitalismo all'italiana e il velleitario terzo polo, si propone come alternativa al comunismo e al liberismo.


Dario 08.01.11 13:31| 
 |
Rispondi al commento

L'ho gia postato tempo fa, ma lo ripeto:
Per guadagnare quello che marchionne
guadagna in un anno,
io avrei dovuto cominciare a lavorare "nel 1734".
Per guadagnare quello che marchionne guadagna
in un mese, io devo lavorare "23 anni".
Queste sono le cifre della vergogna, e sono cifre reali, che ci riguardano tutti;
Una vita di lavoro di una persona qualunque
vale quanto un mese di stipendio di un un top manager, che tra l'altro è pagato in stock option, ed è quindi tassato al 12%.
Questo è il capitalismo,
è tutto dentro queste cifre, senza bisogno di definizioni scientifico-filosofico-economiche.
Ed è tutto qui anche il motivo per abbatterlo!
Se non ci convincono nemmeno cifre e considerazioni così chiare e semplici,
allora ce lo meritiamo.

Luigi D., Ancona Commentatore certificato 08.01.11 00:55| 
 |
Rispondi al commento

1)aumentare stipendi e salari 2)reintrodurre la scala mobile che difende dall’inflazione 3)reintrodurre lo stato sociale che e’ stato smantellato 4)stabilizzare il debito pubblico 5)smettere di privatizzare e nazionalizzare la fiat 6)impedire la delocalizzazione e la fuga dei capitali 7)rinegoziare con la germania e in caso negativo uscire da ue 8)abbandonare il liberismo e attuare protezionismo 9)reintrodurre la socialdemocrazia.E’ semplice,basta avere un po’ di sale in zucca e non difendere gli interessi di una minoranza di ricchi a scapito della maggioranza dei lavoratori.Compri?

roberto calabresi 07.01.11 14:55| 
 |
Rispondi al commento

Il Capitalismo all'italiana si basa sul Principio della "Rendita di Posizione",in poche parole è un modo FEUDALE per spartirsi il Potere economico e politico.
Al Primo posto ci sono I Banchieri, la Politica, i Superpetrolieri=Energia,L'informazione,Il Clero=Vaticano.
Poteri interconessi tra loro, se ne ridimensioni uno tutti gli altri li vanno dietro per gravità..
Ovviamente la Politica è il "mercatino" dove s'incontra la domanda e l'offerta degli interessi di questi soggetti.
C'è qualche "Briao" in giro che è convinto che noi, in Italia, possiamo fare la differenza,ma questa è una mezza verità...perchè in realtà abbiamo un sistema economico e produttivo logistico,da "TORTA"..con imprenditori che fanno le prime donne in TV e basta..buoni soltanto a riportare indietro l'orologio della storia, scaricando i loro problemi d'incompetitività delle loro aziende sui Lavoratori.
Guardate basta buttare l'occhio al di là dei nostri vicini, per capire quanto siano "redioli"..mi riferisco alla Francia,Germania,ecc...
Il Ministro treMonti ieri ha detto che la Crisi è "Riapparsa"..(ma guarda un pò!!!)forse pensa che noi siamo cretini!!!e che il 2011 sarà ancora più duro...ormai il grande "buco nero"c'inghiottirà nella voragine del Debito Pubblico..Warning!!!Alert...!!!abbandonare la nave...tutto l'equipaggio abbandoni la nave!!!

roby f., Livorno Commentatore certificato 07.01.11 09:00| 
 |
Rispondi al commento

Non sono un esperto di economia, ma so che se prendessi 30000€ all'anno , anche lordi , sarei un signore. maledetta media nazionale fuori dalla realtà, vieterei di fare medie, sopratutto sui stipendi... e che cacchio

Giovanni A., Proceno Commentatore certificato 07.01.11 02:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ot
lil. guarada i comm. + votati molise...

...apparizioni...scomparizioni...

ciao...

anib roma Commentatore certificato 06.01.11 23:59| 
 |
Rispondi al commento

Che c'entra la TERZA VIA? STUDIAAA!!!!

Alfonso V. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.01.11 23:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il post,non prende in considerazione la globalità del capitalismo neoliberista che domina oramai tutto il globo.
E' pur vero che in Italia rispetto alle altre nazioni europee,i Lavoratori e Pensionati arrivano a pagare l'85% delle tasse (2008)e già questo basterebbe a capire che lo Stato si erge su i soldi di chi se la passa più male,cioè i ceti medio-bassi.
Ma il problema,è il sistema di produzione capitalistico in se,che genera ricchezza per pochi,e precarietà e miseria per molti.
Dicevo all'inizio,che questo movimento capitalistico,è globale,esso domina il mondo,quindi occorre una risposta e locale,e mondiale.
E questa risposta,non può che venire proprio dal ceto dei salariati,che sono la maggioranza,e in Italia,e in tutto il mondo (si pensi alla Cina ad es.)
Agli estremi di questo sistema,troviamo il capitalista,e il salariato.
La lotta non si esplica tassando qualche rendita,ma si attua emancipando i Lavoratori salariati.
Nella prospettiva Marxiana,la schiavitù antica costituisce la forma più evidente e più diretta dell’asservimento,rispetto alla quale la soggezione feudale e quella operaia non sono che declinazioni formalmente mutate e meno evidentemente opprimenti,oltre che più produttive.
La lotta di classe degli sfruttatori e degli sfruttati,è il motore della storia.
E’ merito di Marx averci insegnato a guardare alla schiavitù come a una categoria eminentemente economica,che talvolta si accompagna alla schiavitù politica e legale(ad es.gli antichi schiavi)ma che molto più spesso si presenta da sola,come nel caso del proletariato e di molti degli schiavi odierni in Europa e in America.
Marx si inscrive pienamente nel solco della tradizione filosofica che si propone di emancipare l’Uomo,da quelle che lui definisce “catene radicali”,ma l’emancipazione cui egli aspira è radicale,tanto quanto è radicale la schiavitù salariale da abolire.
Per Marx,la fabbrica,"è il luogo dove in modo più netto ed evidente,si manifesta la schiavitù moderna".

Lovigio II (na) Commentatore certificato 06.01.11 22:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un post mal scritto e quasi incomprensibile? Ma li leggete ultimamente prima di pubblicarli? Ricordatevi che da quando siete il veicolo ufficiale del M5S avete anche delle responsabilità maggiori.

Obi Kenobi 06.01.11 22:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao, il capitalismo all'italiana o meglio la terza via,possono estinguersi con vari interventi, questo non lo dico io ma molti analisti indipendenti: 1) dobbiamo tutti dedurre dalle tasse quando facciamo il 730 qualsiasi cosa si compri,deve essere possibile farlo per legge questo permetterebbe l'entrata di 130 miliardi l'anno,e di conseguenza tutti chiederebbero lo scontrino fiscale e l'evasione sarebbe risolta, perchè lo può fare solo chi ha la partita iva? 2) Nazionalizzare le banche,istituire una nuova moneta nazionale per creare liquidità. 3) TASSARE LA PROSTITUZIONE E LIBERALIZZARLA 4) Finanziare la scuola, energie alternative,impianti di trattamento dei rifiuti che riciclino il 99% della materia,e altre cose che possano creare alla società innovazione e non debito.5) Ripristinare la legge sul falso in bilancio, e abolire gli scudi fiscali,le tasse le dobbiamo pagare TUTTI.

marco maccis 06.01.11 22:10| 
 |
Rispondi al commento

Se c'è un fattore che impedirà al MoVimento 5 Stelle di ottenere un consenso ampio abbastanza da poter arrivare a governare, questo è il fatto che il MoVimento (a giudicare dai post che leggo sul sito) lascia a desiderare quanto a comprensione dell'economia.

Se vogliamo attirare investimenti in Italia, investimenti in ricerca, innovazione, aziende che producono merci, aziende di servizi; creare posti di lavoro, aumentare il reddito di imprenditori e lavoratori dipendenti; se vogliamo dunque attirare investimenti sarebbe opportuno eliminare le tasse sulle obbligazioni e sui dividendi.

Quanto alla redistribuzione della ricchezza: siamo tutti sulla stessa barca ed è giusto che tutti, compresi i più poveri, abbiano una assistenza sanitaria buona; la tutela della propria persona e del proprio patrimonio, ecc.
In altre parole: sanità, ordine pubblico, magistratura debbono essere pubbliche e finanziate dalle tasse. Sono d'accordo sul fatto che chi ha più reddito deve pagare di più rispetto a chi ha meno reddito.
Ma non è che chi lavora di più (e/o meglio) deve essere tassato per pagare un sussidio a chi non ha voglia di fare un tubo! Perché se no è troppo comodo!

Blocco dei rimborsi con pagamento dei soli interessi? Ha! Buona questa.
La conseguenza sarebbe la fuga dei capitali dall'Italia, il blocco degli investimenti esteri, la rovina di pensionati e risparmiatori, l'aumento della disoccupazione.


la sensibilità politica di totò permea spesso silenziosamente i suoi film. in questo capolavoro viene fuori più chiaramente la sua idea fondamentale sul nostro paese: SIAMO UOMINI O CAPORALI?

gaab rius Commentatore certificato 06.01.11 20:39| 
 |
Rispondi al commento

che razza si post sconclusionato è questo!?? Basta Beppe, mi hai rotto. Un altro articolo senza nè capo nè coda come questo, e smetto di leggerti (e forse campo meglio, invece di incazzarmi ogni giorno).

what the hell 06.01.11 20:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori