Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Case popolari


case_popolari_Bologna.jpg
"Caro Beppe, quasi due anni fa avevamo realizzato un' intervista al signor Mazzanti, all’epoca presidente del quartiere Navile. Favia non era un politico, non era ancora consigliere comunale, era un cittadino che poneva domande a un personaggio pubblico. Le risposte di Mazzanti sono sicuramente corrette dal punto di vista legale. Conosco un ragazzo che viveva in una casa popolare insieme alla madre. Questa persona si è trasferita per qualche mese da un amico che l’ha ospitato. Nel frattempo purtroppo la madre (titolare del contratto con ACER) è mancata e lui ha perso la casa. Oggi è un nullatenente che vive in una cantina, mentre la figlia di Mazzanti, dirigente provinciale, vive in una casa popolare. Come diceva Emanuel Kant : “Voglio vivere con la legge morale dentro di me e un cielo stellato sopra di me”. Queste persone invece mi pare amino vivere con l’egoismo dentro di sé e con qualche amico importante sopra di sé. Mazzanti e la sua compagna hanno tutto il diritto di vivere nella casa che hanno regolarmente acquistato. La figlia di Mazzanti ha tutto il diritto di vivere in una casa popolare che era stata assegnata ai suoi nonni. Di sicuro però possiamo affermare che tante persone, a differenza della famiglia Mazzanti, vivono in condizioni di enorme disagio e la casa popolare probabilmente non l’avranno mai. Dedicato a tutti coloro che sono in attesa di una casa popolare...". Massimo Bugani – Candidato Portavoce Sindaco MoVimento 5 Stelle Bologna

12 Feb 2011, 16:48 | Scrivi | Commenti (24) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

alla fine lo so che ciò che sto per scrivere non importerà a nessuno... scrivo da avola (sr) tra qualche giorno probabilmente sarò di nuovo senza una casa perchè mio marito non h un lavoro decente e i soldi bastano solo per far mangiare nostra figlia di quasi 3 anni... non possiamo certo permetterci un affitto di 300 euro e neanche di 250... viviamo in un mono locale senza finestre... sappiamo di una casa popolare libera, la vecchia intestataria ora vive in una villa in contrada cicirata ad avola.. certamente non vuole lasciare la casa ne a me e nemmeno a qualun'altro... si dice che spesso la dia in affitto in estate per i turisti... ma io penso che mio marito senza lavoro dovrà tornare a dormire in macchina, io sarò ospitata con la bambina da mia madre, la situazione è critica e pesante e mentre quella signora fa la proprietaria di una casa popolare di cui non usufruisce io dovrò spiegare a mia figli ancora una volta come mai non abbiamo una casa e nessuno può far nulla

raffa valeria 02.03.14 21:58| 
 |
Rispondi al commento

Attenzione però, la giusta indignazione per il mercimonio di alloggi pubblici (e di quelli che erano gli Enti poi privatizzati che adesso dismettono per fare cassa e - spesso - lasciano in mezzo alla strada i poveracci ...non ce lo dimentichiamo!!!) non deve coinvolgere (involontariamente o strumentalmente) chi IL PROBLEMA SERIO DELLA CASA CE L'HA PER DAVVERO, non dimenticate in Italia oggi esistono sempre più disoccupati e precari che una casa non se la potranno mai comprare! Provate se siete precari ad andare in banca a chiedere di accendere un mutuo - anche per una somma non così elevata e anche se, magari, avete la "garanzia" della pensione della vostra anziana madre: i direttori (e i condirettori) vi si metteranno a ridere in faccia! (Vi garantisco che è quello che accade). Allora, occhio alle dismissioni selvagge, che qui per "raschiare il barile" e fare cassa quelli del "sistema garantito che vuole la coesione sociale" ci sbattono in mezzo a una strada! Chi ci sta nei consigli di amministrazione di questi Enti? Come è stata gestita l'emergenza casa (soprattutto nei maggiori centri urbani del Paese) dalla politica in questi anni? Qui è veramente un casino! Sfratti, suicidi, enormi balle dei palazzinari e un tremendo sfruttamento del suolo (quanti kmq di terreni agricoli dovremo sacrificare ancora al profitto di chi lucra sui cambiamenti delle destinazioni d'uso d'accordo con certe amministrazioni comunali? Bisogna dare lo stipendio ai vigili urbani e pagare i servizi, d'accordo, ma per questa ragione non possiamo certo continuare a metterci in mano a questi pescecani! Saluti.

Gianluca Scagnetti 27.08.13 11:40| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno,
mi chiamo Naomi Traina e vorrei porle una domanda. Ho letto il suo programma e purtroppo non ho visto nelle varie voci e punti del programma 2013 una sezione dedicata alla CASA e al diritto di ogni cittadino di poter avere una casa comunale o popolare.Come mai? Grazie mille, aspetto una sua gentile risposta.

Naomi Traina 13.02.13 13:29| 
 |
Rispondi al commento

CASE POPOLARI?
PRIMA AGLI ZINGARI.
SECONDI GLI IMMIGRATI.
TERZO AGLI ITALIANI SOLO SE RACCOMANDATI!
RACCOMANDATI DAI PARTITI, QUALSIASI COLORE.

orfeo nitrebla Commentatore certificato 16.09.11 10:46| 
 |
Rispondi al commento

..quanta demagogia sul tema case popolari! La maggior parte delle case popolari a Bologna è assegnata a extracomunitari che denunciano redditi ridicoli e di cui nessuno si sogna di controllare.sono un commerciante su aree pubbliche e lavoro saltuariamente a Bologna, i miei colleghi pakistani e indiani che denunciano redditi vicino allo 0 e guadagnano quanto è più di me, vivono in case popolari con affitti ridicoli che spesso non pagano, tanto il comune non li butterà fuori se non dopo anni. Il mio ISE è reale (non ho proprietà), il loro è una balla tremenda! Oltre ai redditi non dichiarati ci sono case, appartamenti e terreni nei loro paesi di origine per cui nessuno degli uffici preposti ha mai fatto indagini. Loro, i colleghi ridono di quanto gli italiani siano fessi! E noi italiani coglioni,soprattutto commercianti autonomi, siamo buttati fuori dal mercato a causa di una concorrenza sleale e spietata di colleghi che vendono a prezzi bassissimi perchè non pagano! Non pagano tasse e servizi! Dov'è il Movimento 5 Stelle su questi argomenti? Avete paura di perdere consensi? Perchè lasciare alla lega nord la gestione del legittimo malcontento di tanti italiani? per favore una risposta senza insulti e senza il solito epiteto del "razzista"?

sandro giatti 13.02.11 17:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A MONSELICE CASE POPOLARI, LE HANNO DATE:
A 5 MAESTRE, UN CAPOSTAZINE, UN GEOMETRA,
E ADIRITTURA A UN AVVOCATO.
PERO' ERANO TUTTI, AMICI DEGLI AMICI.

orfeo nitrebla Commentatore certificato 13.02.11 13:46| 
 |
Rispondi al commento

MAZZANTI AVRA' PURE UN INDIRIZZO MAIL. IO PROPONGO DI MANDARGLI UN BEL PO' DI MESSAGGI CON I NOSTRI COMPLIMENTI

andrea s. 13.02.11 09:24| 
 |
Rispondi al commento

Debito; dove sta la cura? I soliti noti o i capitali italiani all'ester0? Sì, perchè qui si guadagna per poi esportare... i capitali. Siamo una colonia.


Sembra sia più più facile svelare i veri misteri del cosmo che i falsi misteri di casa ns. Ma a proposito di case popolari cosa andiamo a cercare, è tutto chiaro.
Gente che non ne ha nessun diritto la "possiede", si perchè quando ci entrano, ci rimangono oltre le settime generazioni.
Il diritto di cui parlavo,è si sulla carta ma per molti è fasullo, tutto dipende dal reddito, e allora abbiamo detto tutto: evasione fiscale!
Nipoti che eleggono residenza presso i nonni per poi alla loro morte avere la certezza di una casa quasi gratis, ma che vivono da sempre in casa con i genitori.
Intestatari di appartamenti con redditi bassissimi=canone bassissimo, con figli conviventi e reddito più che normale che potrebbero permettersi un canone di mercato.
Ad assegnazione di nuova locazione non si chiede all'inquilino nemmeno la tinteggiatura dell'appartamento, provvede a quasi tutto l'ente.
La strafotenza di certa agevolata utenza oramai abituata e tollerata anche dalle istituzioni preposte, che condiziona tutto l'iter sino ad arrivare a cambi di 3 alloggi nel giro di pochissimi anni solo per questioni di comodità.
Un conoscente non indigente in affitto in case pop.ri cresciuta la famiglia chiese notizie di appartementi al "Lido di Venezia" zona apprezzata da tutti loro, disposto ad acquistarlo in contanti! il comune gli ha assegnato casa + grande e così si è tenuto la grana in tasca.
Cosi sono fuori chi avrebbe vera necesità pagando canoni sul mercato 4 volte di + di quelli pagati da chi sono dentro e non ne hanno diritto.
E gli enti preposti non possono continuare a nascondersi dietro leggi, regolamenti, ecc. Svegliarsi cacchio! da istituzione a istitu.ne fare intervenire la GdF, sempre che non si vada a ledere situazioni personali?
E' il caso di continuare ?
Non sono un inquilino case pop indignato (sono propr.io appart.to acquistato regolarm.te con lavoro totalmente contributivo)ma sono un cittadino totalmente contribuente complet.te schifato.

alessandro b., venezia Commentatore certificato 13.02.11 07:08| 
 |
Rispondi al commento

e pensare che c'è qualke coglione che vorrebbe assegnare case popolari ai rom!!!!

prima ci sono tanti italiani in difficoltà

Luca Montarani (vandamme84), San Martino in Campo Perugia Commentatore certificato 12.02.11 21:05| 
 |
Rispondi al commento

a pensarci bene in italia violare la legge è davvero un'impresa.
tutto è legale: le manganellate ai cittadini inermi e innocenti, il riciclaggio di denaro sporco recuperato con lo scudo fiscale, gli sconti fiscali alla mondadori, l'arsenico nell'acqua potabile, le polveri sottili nelle città, gli inceneritori per bruciare la plastica e produrre diossina, le assunzioni dirette di parenti ed amici, la compravendita di parlamentari e... ho perso il conto.

Gabriele Alfano Commentatore certificato 12.02.11 20:41| 
 
  • Currently 3.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

A Roma ci sono DIPENDENTI del MINISTERO degli ESTERI che lavorano all'estero percependo compensi stellari e nel frattempo mantengono la casa popolare vuota ma disponibile per le VACANZE ROMANE.

alessandrocosimetti 12.02.11 19:27| 
 |
Rispondi al commento

2 zii entrambi operai ede entrambi con 40 anni di contributi ed entrambi con almeno 15 anni di lavoro all'estero.

1 con casa popolare

l'altro con casa di proprietà sulla quale ha pagato per anni si sola ici quel che il primo pagava di pigione per la casa popolare.

Ditemi se è gisuto e poi ditemi se è ancora piu gisuto che la casa popolare finisca in mano ad un extracomuntario che è riuscito a fare un matrimonio di comodo e predere la cittadinanza grazie alle leggine sinistre sulla cittadinanza facile e oltretutto con precedenti penali perché la cittadinanza è preculsa solo agli stranieri con dei gravi delitti (omicidio, rapimento, ecc.) metnre se tu rubi un giorno si e l'altro pure a vita la cittadinanza te la danno lo stesso come pure la casa popolare.

bruno bassi 12.02.11 19:24| 
 |
Rispondi al commento

Quello delle case popolari è un settore fortemetne ideologizzato dentro il quale la disputa di quelli che vogliono le case popolari solo per i cittadini italiani e quelli che vorrebbero far venire qui tutti i disgraziati del mondo (fare i ricchi e i buoni coi soldi degli altri) alla fine escono fuori delle anomalie che non rispecchiano ne l'uno ne l'altro dei 2 estremi ideologici.

Verrebbe da dire che fra i 2 litiganti il 3 gode cioè il furbetto di turno!

bruno bassi 12.02.11 18:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE
L'EGO CENTRISMO E S.....O NON HA LIMITI,ANCHE PER CHI CERCA CASA,MI VERGOGNO PER LA FIGLIA DI MAZZANTI
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 12.02.11 18:42| 
 |
Rispondi al commento

non so se avete presente la difficoltà per una persona normale, anche in drammatiche condizioni economiche, di farsi assegnare una casa popolare.

questo personaggio sarà anche nei limiti della legalità, ma appartiene a quella sciagurata cricca di privilegiati che ormai appestano l'apparato pubblico (e la figlia, guardacaso, l'hanno assunta in provincia, altra cosa semplicissima da ottenere, no?)

qui se non facciamo una bella rivoluzione nazionale questi ce li teniamo per altre diciassette generazioni

Fabrizio Castellana, SP Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.02.11 17:37| 
 |
Rispondi al commento

Se il "signor" Mazzanti e la sua famiglia hanno 2 case popolari è evidente CHE QUESTA LEGGE E' SBAGLIATA!!!!
E' CONFLITTO DI INTERESSI!!
Sempre alla faccia della povera gente.
La compagna di Mazzanti ha riscattato una casa grazie ad un bando che ha messo in vendita 60 appartamenti su 27000 bisognerebbe capire come mai proprio la sua è rientrata in questo bando.
Sicuramente il fatto che lei fosse una dirigente dell'ACER non avrà influito!!
MAZZANTI SI VERGOGNI.....a norma di legge ovviamente!!!

serena s., Casalecchio di reno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 12.02.11 17:27| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori