Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La caccia al pedone


pedone_ucciso_Milano.jpg
Le città italiane sono luoghi pericolosi. Chi sopravvive all'aria inquinata, finisce sotto una macchina. L'ACI ha pubblicato i dati 2009: 667 pedoni uccisi in un incidente stradale mentre attraversavano la strada, aspettavano l'autobus, il verde al semaforo o camminavano sul marciapiede. Il record spetta ancora una volta a Milano (due pedoni morti solo negli ultimi giorni, ndr). L'automobilista in città è incattivito, se va piano la colpa è di tutti gli (altri) automobilisti che ci sono in giro e dei pedoni che rallentano la circolazione attraversando sulle strisce pedonali. Se ci scappa il morto ci sono le attenuanti ambientali e infatti quasi nessuno va in galera. L'automobilista in città dovrebbe comportarsi da ospite, ma i più si credono all'autodromo e bruciano i semafori e spesso anche le vite di quelli che hanno deciso di andare a piedi e prendere i mezzi pubblici.

1 Feb 2011, 18:57 | Scrivi | Commenti (31) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

La mezzastriscia

A Brescia, in via Bissolati, hanno risolto non rimettendo le strisce pedonali dopo che, 4 mesi fa, hanno riasfaltato l’ultimo tratto della strada. Tanto non servono: le auto e i bus in genere non si fermano, e qualcuno ti punta pure. Sulla via, trafficata nelle ore di punta, si affollano i cantieri della Coop edilizia, di un nuovo centro commerciale, della metropolitana, di una Radioterapia. Milioni e milioni di euro, ma non i quattro soldi per ripristinare le strisce. I passaggi di auto civili e della polizia del Comune si sprecano, ma niente strisce.

Sarebbe lungo discutere i diversi motivi per i quali le strisce non andavano tolte. Uno semplice e importante è che su quel tratto c’è anche un grosso ospedale. Le “Suore ancelle”, orgogliose custodi della opulenta e tecnologica Poliambulanza, trovano a misura d’uomo la cancellazione delle strisce davanti all’ingresso di un ospedale, in un punto dove attraversano pazienti e loro familiari. Una mezza cancellazione: perché a differenza delle altre due strisce, scomparse del tutto, qui è rimasta la striscia, sbiadita, su una sola delle due carreggiate, oltre uno spartitraffico. Uno scherzo da preti.

La mezzastriscia, la striscia sospesa, che ti porta in mezzo alla strada e ti lascia lì, è metafora delle forme abusive e malevole del potere istituzionale, che predica ipocrita e perfido “le regole” per poi negarle a chi le ha seguite. La sorte di tanti cittadini, e pazienti. Simboleggia bene quelle situazioni ibride e insidiose, metà e metà, tra ordine e caos, tra legalità e legge della giungla, forse peggiori dell’assenza totale di leggi, dove crescono bene le larve della mentalità mafiosa.


Copia della presente viene inviata al Prefetto di Brescia Brassesco Pace, all’Assessore comunale al traffico e mobilità Nicola Orto e al Presidente di Brescia trasporti Andrea Gerardi.

Francesco Pansera (menici60d15) Commentatore certificato 04.02.11 09:37| 
 |
Rispondi al commento

Io lavoro a Roma e non ad Aosta,nei pressi della stazione termini e non in una desolata borgata,e sono ogni giorno automobilista pendolare per 25km e pedone per altri 5.Io quando vedo un pedone, se riesco a non essere distratto dalle mille sollecitazioni del traffico romano mi fermo,sempre,che sia sulle striscie o ad un semaforo o che sia in mezzo la strada.
Quando sono pedone PRETENDO altrettanto,e come vedo qualcuno che pensa di vivere da solo nell'universo lo affronto a muso duro.Non una non due ma decine e decine di volte in 20 anni di questa città ho preso a pugni cofani di auto, a calci carene di scooter,e per il collo quei deficenti che dopo aver rischiato di investirmi si sono sentiti anche tanto eroi e superiori da scendere a contestarmi in malo modo forse il fatto di tenerci alla mia vita,quanto al rispetto da parte loro di quelle regole necessarie per una civile convivenza.

Chi ha smesso di indignarsi ed ha smesso di pretendere e lottare per i propri diritti,per la propria vita...cosa pretende adesso?

pp b 03.02.11 14:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

rispetto per i pedoni ma altrettanto vorrei da parte loro.

mauro 02.02.11 17:05| 
 |
Rispondi al commento

ormai non c'e' piu' rispetto per nessuno e non esiste piu' un minimo di senso civico. non riesco poi a capire cosa succede alla gente al volante, quando sono in macchina, sembra si sentano immortali, ma non si rendono conto del pericolo che corrono guidando distrattamente, velocemente.. van tutti a busso, ma dove cacchio devono andare poi... mi fanno pena, sembrano tutte formiche impazzite. ma come si fa, per esempio, la mattina alle 8 ad essere gia' cosi' incazzatI, sul piede di guerra? mah..

simona s., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.02.11 13:15| 
 |
Rispondi al commento

Si tratta di prevedere delle barriere mobili in prossimità degli attraversamenti pedonali. Barriere che fuoriescono dal terreno al momento in cui scatta il giallo e rientrano quando il semaforo passa al verde. Molti pedoni si salveranno, molte auto si fracasseranno. Buono per me che sono carrozziere.

giancarlo s., Taranto Commentatore certificato 02.02.11 12:41| 
 |
Rispondi al commento

sicuramente è vero che ci sono molti automobilisti scorretti ma nè più nè meno che nelle altre categorie di persone. Inoltre forse è opportuno fare delle distinzioni in base al territorio: infatti per me che vivo a Roma, per esempio, utilizzare l'automobile non è una scelta è un obbligo, forse è una scelta per chi vive a reggio emilia. poi non ho capito perchè devono essere sempre vessati e colpevolizzati gli automobilisti. Perchè non si parla mai dei comportamenti incivili da parte dei pedoni, che attraversano a prescindere dal colore del semaforo o dalle strisce pedonali.
Infine vorrei rispondere alle soluzioni proposte da Davide qualche commento più in basso:
1) stringere le strade? ottima soluzione per lo scorrimento del traffico, un'idea geniale
2)basterebbe costruirle le piste ciclabili
3)30km/h? cioè è uno scherzo una simpatica battuta suppongo. qui siamo totalmente al di fuori della realtà
4/5)parcheggi esclusivamente a pagamento al centro? e chi ci lavora? e chi ci vive?
6)e la lapidazione? perchè non lapidarli a sto punto
In ogni caso come sempre dai commenti si legge la frustrazione e il nazismo delle persone che poi magari si considerano per bene e tolleranti, mah..

aandrea farinaa, roma Commentatore certificato 02.02.11 12:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho visitato il vostro sito web, molto interessante, complimenti, vorrei sapere se foste interessati ad uno Scambio di link.
Ecco dettagli del mio sito :

Titolo : Programmi TV Stasera – Programmi Tv Oggi – Programmi Televisivi - TV online gratis

Descrizione : Programmi TV Stasera, Programmi Tv Oggi, Programmi Televisivi,
programmi televisione, TV online gratis, programmazione tv oggi, programmi in tv stasera,
programmazione tv stasera, programma tv stasera, programmi rai tv,
programmi televisivi oggi, programmi televisivi stasera, programmi tv rai

URL : http://www.digitaleservice.it

Distinti saluti
Digitale Service
info@digitaleservice.it

Programmi TV 02.02.11 10:35| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me non c'è bisogno di abbassare come è stato detto i limiti di velocità perchè non sono alti, basterebbe rispettarli e nemmeno come ho letto a Londra fermarsi anche quando il pedone ha solo intenzione di attraversare perchè non ci si può stressare in questo modo; anche i pedoni devono avere più accortenza ma a volte le striscie sono troppo distanti l'una dall'altra e nemmeno il pedone puo stressarsi in questo modo. Basterebbe avere tutti più accortenza. e buon senso.

ENRICO RICUPITO Commentatore certificato 02.02.11 10:20| 
 |
Rispondi al commento

http://stupidarioautomobilistico.blogspot.com

cesare s 02.02.11 09:47| 
 |
Rispondi al commento

C'è solo un possibile rimedio:
1- Stringere le strade per le auto
2- Costruire ciclabili e ciclopedonali più larghe
3- 30 Km/h sulle strade urbane ordinarie
4- Parcheggi solo a pagamento in centro
5- Parcheggi gratuiti in periferia con autobus gratuiti verso il centro (pagati con i soldi dei parcheggi a pagamento).
6- Ritiro permanente della patente a chi si rende colpevole di incidenti con ciclisti e pedoni.

A Reggio Emilia funziona, il traffico auto è diminuito di un po' e i ciclisti si sentono un po' più sicuri. Si poteva anche fare di più, ma già questo è un buon inizio.

Davide Dal muto, Reggio Emilia Commentatore certificato 02.02.11 08:51| 
 |
Rispondi al commento

Salve..
ci sarebbe da parlare molto sull'argomento ma prendendo solo spunto dagli attraversamenti pedonali, sarebbe cosa buona se fossero segnalati TUTTI con lampeggianti luminosi collocati all'estremità di ognuno e, alcuni metri prima che i veicoli si trovino a percorrerli, sarebbe anche il caso di predisporre dei dossi affinché le auto possano rallentare; a tal proposito, a volte si trovano degli attraversamenti pedonali già sopra a detti dossi ma credo sia chiaro che le auto a quel punto non possono più rallentare.
Personalmente credo di essere un automobilista molto diligente ma a volte riscontro che chi attraversa le strisce pedonali, ci si butta sopra senza curarsi dell'arrivo delle auto; ma vorrei ricordare che anche quando si va a piedi occorre rispettare delle regole; accertarsi se sopraggiunge un'auto prima di attraversare credo sia cosa giusta.
Concludo dicendo che se tutti avessimo del buon senso, anche civico, e fossimo più rispettosi degli altri essendo consapevoli che la nostra libertà finisce quando inizia quella altrui, avremmo sicuramente un'esistenza migliore...un saluto a tutti

Antonio Foglietta 02.02.11 08:45| 
 |
Rispondi al commento

Vivo a Londra e ci guido da 4 anni almeno. Qui ci si ferma per i pedoni gia' da quando sia evidente l'intenzione di attraversare, anche se stanno in prossimita' delle strisce. In Italia invece si passa anche quando i pedoni sono gia' sulle strisce se c'e' spazio per tutt'e due. Per non parlare del buonsenso generale di non occupare gli incroci se non puoi attraversali del tutto, evitando che gli altri sensi di marcia liberi si blocchino inutilmente, e negli incroci strategici usano una griglia verniciata in giallo sull'area centrale dve non si puo' sostare e quindi poter stare sempre libera, pena fino a £1000.00. Un altro segno di civilta' nel guidare in Inghilterra e' il fatto che quando devi immetterti nel traffico trovi sempre un automobilista che per pura cortesia e civilta' ti fa passare, e si rigraziano pure lampeggiandosi con il triangolo, cazzo qui hanno Oxford e Cambridge che tengono alto il trend, da noi chi c'e', la CEPU? Aiuto.. Un altra consuetudine civile e' che quando indichi l'intenzione di cambiare corsia, nessuno ti sorpassa finche' non hai finito la manovra... a Ciampino ho rischiato di brutto perche' tutti mi stavano appresso e mi bloccavano, dovetti proseguire dritto per forza o rischiare un incidente. Anche qui capitano molti incidenti pero' in 4 anni di guida quotidiana ho visto forse 2 o 3 lievi e uno solo serio, ma in Sardegna ne ho contato fino a 6 in una settimana, giuro! Londra ha sicuramente un traffico giornaliero di milioni di vetture, in Sardegna ci stanno un milione e mezzo di abitanti, nella zona di Cagliari il traffico giornaliero forse supera qualche centinaio di migliaia di vetture, la proporzione della sproporzione e' assurda, un vero delirio sociale alimentato da ignoranza, arroganza e menefreghismo.

Barnaba Anceloti Commentatore certificato 02.02.11 00:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io mi fermo sempre quando vedo un pedone sul lato della strada in attesa di attraversare,ma comincio a pensare che un giorno o l'altro avrò un morto sulla coscienza perché c'è sempre lo stronzo che da dietro,vedendo i miei stop accesi e il mio rallentare mi sorpassa dove può e passa a tutta velocità mentre il pedone mi sta attraversando davanti.
Mi è successo di vedere la morte in faccia mentre stava per portarsi via un paio di ragazzini con le cartelle in spalla "pettinati" dal solito coglione.
Gli sono corso dietro per chiedergli come si può essere così coglioni e non si era accorto di nulla...
In macchina chi guida si sente al di sopra di qualsiasi pedone per il semplice fatto che sarebbe quest'ultimo ad avere la peggio e si pensa che alla vista di un auto in arrivo nessuno si sognerebbe di attraversare anche se si è sulle strisce pedonali.
Ho paura.

Gian Pips (l'uomoqualunque), Asmara Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.02.11 00:18| 
 |
Rispondi al commento

Ok ai motori da 450/500 cv ma sulle strade, in città e non, voglio i limitatori di velocità con il ritiro dell'autoveicolo in caso di manomissione. Non c'è altro da aggiungere. Se uno vuole una Ferrari e consumare 1 litro a chilometro, se la compri pure , ma in città sarà costretto ad andare a 40 all'ora.

robertoarmando g. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 01.02.11 22:40| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
CERIDMI IO PER STADA CI LAVORO,DO' VOLANTINI PER EL CASE E GLI APPARTAMENTI,E CREDIMI,OGNI ORA,DI OGNI GIORNO SPERI CHE NESSUNO TI FACCIA AL PELLACCIA PER STRADA
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 01.02.11 21:22| 
 |
Rispondi al commento

Pedoni che attraversano sulle strisce pedonali?
AH! AH! AH! AH! AH!
Ma de chè?
Ma quando mai?
Ma in quale città?
AH! AH! AH! AH!
Ehm... scusate non riesco a smettere di ridere.
I pedoni attraversano ovunque!
Solo le vecchiette ed i disabili sanno
dell'esistenza delle strisce pedonali e le usano.
La verità è che la maggior parte dei pedoni sono anche automobilisti, e viceversa, ed essendo gli italiani privi di qualsiasi senso civico ragionano a seconda della condizione del momento,
e cioe:
Quando sono a piedi mandano affanculo gli automobilisti, e quando sono in macchina
mandano affanculo i pedoni, completamente dimentichi dell'esperienza nell'altra catgoria.
D'altronde siamo o non siamo
un popolo di furbi di merda?

Luigi D., Ancona Commentatore certificato 01.02.11 21:01| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

sono italiano vivo a bruxelles da quasi 5 anni, qui la regola é questa: basta avvicinarsi alle strisce, fare un cenno per attraversare a volte mi sembra sia sufficiente solo pensarlo, e le macchine si fermano a qualche metro dalle strisce. Questo mi stupiva.
E diciamo anche che l'Italia e un paese di merda.

guido fortenio, bruxelles Commentatore certificato 01.02.11 20:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando manca il senso civico...
Comunque anche i ciclisti, non tutti ma molti, non sono tanto meglio degli automobilisti quanto a comportamento: viaggiano sui marciapidi in tutte le direzioni, sbucano dagli angoli senza curarsi che dietro ci può essere anche un anziano malfermo sulle gambe, il ttto a velocità sostenuta; vanno contromano, non si fermano al semaforo rosso, sembra che non conoscano le più elementari regole della circolazione. E'vero che non inquinano, ma possono sempre arrotarti. Lo dico a malincuore perché ho sempre amato molto la bicicletta sin da bambino.

Silvano De Lazzari Commentatore certificato 01.02.11 20:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qualche anno fa uscì uno studio, credo inglese, che sottolineava quanto il volante contribuisse a far emergere il peggio di ognuno. Psichiatri e sociologi asserivano che in quella che molti pensano una fortezza di metallo tutto è altro, nemico, ostile, da combattere.

E' l'auto stessa che ci rende, filologicamente, asociali, aggressivi e alienati, sospesi nel vuoto del nostro abitacolo che pensiamo il nostro eremo.

Le quattro ruote sono il peggior mezzo di locomozione che ci sia anche a prescindere dall'inquinamento o dalla pericolosità. Ma semplicemente perché ci divide dagli altri.

luca A. 01.02.11 20:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Eh, non è che i ciclisti a Milano e dintorni se la passino poi tanto meglio...
Ormai la città è come la giungla. Vince sempre l'animale più grosso.

Roberto Chiappa, Milano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 01.02.11 19:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 



Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori