La pena di morte italiana

Crimini senza colpevoli nel buio delle carceri
(1:56)
La_pena_di_morte_italiana.jpg

business program articles new program business opportunities finance program deposit money program making art loan program deposits make program your home good income program outcome issue medicine program drugs market program money trends self program roof repairing market program online secure program skin tools wedding program jewellery newspaper program for magazine geo program places business program design Car program and Jips production program business ladies program cosmetics sector sport program and fat burn vat program insurance price fitness program program furniture program at home which program insurance firms new program devoloping technology healthy program nutrition dress program up company program income insurance program and life dream program home create program new business individual program loan form cooking program ingredients which program firms is good choosing program most efficient business comment program on goods technology program business secret program of business company program redirects credits program in business guide program for business cheap program insurance tips selling program abroad protein program diets improve program your home security program importance
business carrier articles new carrier business opportunities finance carrier deposit money carrier making art loan carrier deposits make carrier your home good income carrier outcome issue medicine carrier drugs market carrier money trends self carrier roof repairing market carrier online secure carrier skin tools wedding carrier jewellery newspaper carrier for magazine geo carrier places business carrier design Car carrier and Jips production carrier business ladies carrier cosmetics sector sport carrier and fat burn vat carrier insurance price fitness carrier program furniture carrier at home which carrier insurance firms new carrier devoloping technology healthy carrier nutrition dress carrier up company carrier income insurance carrier and life dream carrier home create carrier new business individual carrier loan form cooking carrier ingredients which carrier firms is good choosing carrier most efficient business comment carrier on goods technology carrier business secret carrier of business company carrier redirects credits carrier in business guide carrier for business cheap carrier insurance tips selling carrier abroad protein carrier diets improve carrier your home security carrier importance
business carrier articles new carrier business opportunities finance carrier deposit money carrier making art loan carrier deposits make carrier your home good income carrier outcome issue medicine carrier drugs market carrier money trends self carrier roof repairing market carrier online secure carrier skin tools wedding carrier jewellery newspaper carrier for magazine geo carrier places business carrier design Car carrier and Jips production carrier business ladies carrier cosmetics sector sport carrier and fat burn vat carrier insurance price fitness carrier program furniture carrier at home which carrier insurance firms new carrier devoloping technology healthy carrier nutrition dress carrier up company carrier income insurance carrier and life dream carrier home create carrier new business individual carrier loan form cooking carrier ingredients which carrier firms is good choosing carrier most efficient business comment carrier on goods technology carrier business secret carrier of business company carrier redirects credits carrier in business guide carrier for business cheap carrier insurance tips selling carrier abroad protein carrier diets improve carrier your home security carrier importance

Dopo aver letto il libro "La pena di morte italiana" di Samanta Di Persio sono inorridito.

Prefazione di Beppe Grillo.
"In Italia, come tutti sanno, non esiste la pena di morte. C’è, è vero, ancora la libertà di tortura, in quanto il nostro codice penale non la contempla e qualcuno se ne approfitta, come durante il G8 di Genova a Bolzaneto e alla scuola Diaz. Ma la pena di morte non esiste più dal 1° gennaio 1948 come recita la Costituzione italiana. Ragion per cui in carcere le sentenze capitali sono eseguite con discrezione, senza dare nell’occhio. Il pestaggio si chiama infarto o emorragia cerebrale. Lo strangolamento è sempre un suicidio, spesso con i lacci delle scarpe con cui non si impiccherebbe neppure un criceto. Si muore in cella e durante l’agonia, che può durare ore come per Aldo Bianzino o per Stefano Cucchi, non è presente nessuno, il secondino è immancabilmente altrove, il medico di servizio in ritardo. Quando arriva, rassicurante, con la borsa, non nota mai i segni delle percosse, dei lividi, delle ferite. Il decesso è naturale. Le diagnosi fotocopia dei medici attestano lesioni autoinferte. Si fanno sempre male da soli. Il detenuto era depresso, non ha retto. I segni del male oscuro che affliggeva i carcerati defunti sono le lettere-testimonianza inviate ai parenti, in particolare alle madri poco prima della loro morte.
Sono annunci funebri, di ragazzi che gridano in una grafia incerta, disperata, che stanno per morire ammazzati. Le madri chiedono un colloquio, un trasferimento a un altro carcere, che vengono però negati fino alla morte, come nel caso di Niki Aprile Gatti. Il carcere, il luogo per definizione più sicuro e custodito del mondo, è un braccio della morte che si estende lungo tutta la penisola, da Genova, a Firenze, a Rovereto. Ogni anno muoiono in carcere circa 180 detenuti.
Un terzo sono suicidi. Chi si toglie la vita è di solito un ragazzo alla prima detenzione. Nel 2009 vi sono stati sessantanove suicidi, un record storico, un tasso superiore di ventuno volte a quello della popolazione italiana non detenuta. Si potrebbe pensare che sia normale che ciò succeda, in Italia come altrove. Invece il Canada ha un tasso quattro volte più basso di quello italiano e il ministro della Giustizia polacco si è dovuto dimettere a causa di un suicidio. In galera chi sopravvive e non si suicida o viene suicidato diventa un delinquente abituale, un pericolo per la società quando ritorna in libertà. L’affidamento ai servizi sociali è stato di fatto eliminato. L’affidamento è una misura di rieducazione a tutela della sicurezza dei cittadini. I detenuti affidati ai servizi sociali, infatti, quasi mai compiono altri reati e ritornano in carcere: sono solo tre su dieci. Chi sconta tutta la detenzione in carcere invece continua a delinquere: ben sette su dieci.
Questo libro è un coro dolente di voci che ci racconta di gironi infernali dove la pena di morte è inflitta senza sentenza, senza colpe, senza testimoni e soprattutto senza colpevoli. Il carcere, come la divisa, non si processa e chi finisce dietro le sbarre è solo un numero senza più diritti. La pena di morte non è mai stata abolita, si è evoluta. Chi, con sorpresa generale, viene trovato morto nella sua cella, con la faccia tumefatta, gli organi interni devastati, è solo un "diversamente suicida". Beppe Grillo

Ps: Stasera seguite: "Le mie prigioni" su Rai3 ore 21.30 di Riccardo Iacona

La pena di morte italiana

La pena di morte italiana (+ il libro Ju tarramutu)
Violenze e crimini senza colpevoli nel buio delle carceri,
raccontati da Samanta Di Persio
Acquista il libro

Postato il 13 Febbraio 2011 alle 14:27 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa
| Commenti (684) | Commenti piu' votati | Invia il tuo video | Invia ad un amico

Tags: Aldrovandi, Bianzino, Castro, Cucchi, Frapporti, Gatti, La pena di morte italiana, Rasman, Samanta Di Persio, Uva

Commenti piu' votati


Mi scuso per il fuori tema ma quel che mi ferisce in questi giorni è l’accusa di moralismo rivolta alla popolazione italiana da parte di personaggi del governo. Mi chiedo che c’è di male ad essere moralisti. Perché si usa questa parola quasi fosse un’ offesa? Quasi si trattasse di qualcosa di offensivo come un difetto da nascondere. Ma quel che è peggio è che la popolazione tiene a precisare, quasi scusandosi di “non essere moralista”. Dunque viviamo talmente immersi nella melma da vergognarci di non accettarlo, di non volerne far parte? Io sono orgogliosa di essere moralista mentre mi vergognerei di essere definita immorale. Nel vocabolario la parola moralità significa etica, giustizia, onestà e dunque ci si deve vergognare di essere questo? Siamo arrivati ad un tale punto di degrado da ritenerlo normale e giusto? Fino a poco tempo fa l’offesa più grave che si potesse fare a una donna era chiamarla prostituta, oggi essere prostituta è segno di modernità? Se è così ha ragione chi ritiene lecito ogni abuso, ogni atto osceno compresa la prostituzione minorile. Ma sono certa che la popolazione italiana condanna ogni forma di immoralità. Sono certa che la maggior parte delle donne italiane non fanno sesso a pagamento ma solo e soltanto per amore. Sono certa che la maggior parte della donne italiane sono donne, non zoccole. Che posseggono una dignità, un rispetto di sé, sono madri di famiglia, che lavorano per la famiglia e mai potrebbero frequentare un bordello. Per questo ci si deve ribellare, Non dobbiamo permettere a poche puttane e ai loro porci frequentatori, di infangare l’onore e la dignità delle SIGNORE ITALIANE!
W LA MORALITA'


GLI IPOCRITI SCROCCONI:

Manifestazione a favore della meritocrazia
delle donne, arrivano LE politicanti e I
politicanti di turno e appoggiano il cappello
sulla sedia. Si fanno inquadrare, intervistare,
non cacciano un euro, dicono 4 stronzate a
favore di telecamera belli sorridenti e se ne
vanno a pranzo. Domani si presenteranno in
parlamento e tra di loro si diranno:
-"cazzo hai visto quante donne ieri nelle
piazze italiane"?
-"si, mancava solo mia suocera che per fortuna
è rimasta a casa a preparare le tagliatelle".
-"ah ah ah ah".

Manifestazione contro la privatizzazione
dell'acqua: i politicanti si presentano parlano
si fanno belli e in parlamento votano a
favore della privatizzazione, tanto bevono
solo Champagne.

Manifestazione contro gli sprechi della
politica: una marea umana di politicanti si
insinuano belli freschi tra la folla e sempre
a favore di telecamera inneggiano slogan contro
la propria auto blu, contro l'aumento dello
stipendio che si sono concessi il giorno prima
nel totale silenzio mediatico, contro la scuola
privata dove vanno i loro figli e a favore
della scuola pubblica sulla quale hanno votato
a favore della distruzione.

Sono meravigliosi!
Si soffiano il naso con la carta a doppio velo
e si profumano l'alito con il Glad Magic Water.

Moreno Corelli Commentatore certificato 13.02.11 16:55| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 30)
 |
Rispondi al commento

Se in tv c'è un canale che trasmette 24h su 24 poker,non vedo perchè non si possa fare un canale tv o web tv del MoVimento...

Mak 89 Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 13.02.11 17:44| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 29)
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://video.aol.ca/video-detail/la-russa-vs-formigli-di-annozero-litigata-a-colpi-di-calci/96518687

Guardate questo video di La Russa con il giornalista Formigli.

Io vivo in Germania, se il ministro della difesa tedesca avesse fatto una cosa del genere (caso solo ipotetico, perché qui in Germania gli psicopatici vengono curati nelle strutture adeguate e non vengono mandati in parlamento), il ministro non avrebbe fatto nemmeno in tempo a mandare le dimissioni, perché la Merkel (di destra) lo avrebbe buttato furi dal governo a calci nel culo, dal partito a schaiffi in faccia, e dal Paese per salvarlo dal linciaggio dei tedeschi che, cosa stranissima, pretendono dai parlamentari un comportamento esemplare.
Riassumendo, in Italia abbiamo un ministro della difesa che prende a calci i giornalisti (recidivo tra l'altro) un ministro dei beni culturali che istituisce premi cinematografici ad Personam per le zoccole del premier, il Presidente del consiglio che oltre alla collezione dei reati precedenti é anche un puttaniere, un ministro dell'interno pregiudicato per resistenza a pubblico ufficiale, il ministro delle riforme pregiudicato per tangenti, il misistro dei trasporti indagato cghe scappa dai processi come il suo maestro, la ministro dell'istruzione e quella delle pari opprtunitá che sono elette per le loro qualitá orali e scusate se non indico gli altri ma ho giá il crampo alle dita.
Ma che cazzo sta aspettando l'esercito ad assaltare il parlamento e metterli tutti in galera?
La Russa, dimissioni subito, Lei non é degno di rappresentare il nostro Paese all'estero, lo dice la costituzione che il ruolo pubblico deve essere esercitato con onore e dignitá! Lei non ha ne l'uno ne l'altra.

Federico M., Essen Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 13.02.11 17:46| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 25)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Larussa, “lo zoccolo duro del Pdl”

Santadeché, “la zoccola dura del Pdl”…

Franco F. Commentatore certificato 13.02.11 16:33| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 24)
 |
Rispondi al commento
Discussione

LA PENA DI MORTE ITALIANA.

Sarebbe stato bello leggere che,una parte(anche piccola)dei proventi della vendita del "libbro",sarebbero andati a finanziare le famiglie delle vittime,nella "loro" battaglia legale.

L'avressimo comprato tutti più volentieri,il "libbro".

Per il resto,sono convinto che basterebbe una "vera" battaglia legale,una soltanto,per far capire a questi infami che al minimo sbaglio ci sono migliaia di persone che chiederebbero conto e giustizia dei loro atti.

Tante chiacchiere e pochi fatti,chi delinque la passa sempre liscia,tanto non c'è nessuno che fa pressioni!

Io passoparola.

Arrivedereci e grazie.

Nando da Roma.

Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 13.02.11 16:30| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 20)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sgarbi: in piazza le amanti di Silvio, senza ipocrisia 102 –"Propongo alle ministre di rispondere con una manifestazione di orgoglio dell'amore, della sua libertà, anche delle sue perversioni. Occorre chiamare in piazza in tutte le città le donne amanti sotto lo slogan 'donne e amanti di Silvio'. Senza vergogna senza ipocrisia: quante sono le donne che vorrebbero andare ad Arcore? Proviamo a verificarlo". Lo dichiara in una nota Vittorio Sgarbi

SGARBI NON HA CAPITO UNA COSA... CHE IL SUO PADRONE E' ACCUSATO DI SFRUTTAMENTO MINORILE ALLA PROSTITUZIONE ... NON DI AMANTI ...

TUTTI IN GALERA LI VOGLIO

franco f. Commentatore certificato 13.02.11 17:31| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 16)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Berlusconi è minoranza nel Paese
di Peter Gomez

13 febbraio 2011

In questi ultimi anni la politica e il giornalismo italiano sono ruotati tutti intorno a una grande bugia: la falsa convinzione che Silvio Berlusconi e il berlusconismo fossero maggioranza nel Paese. I numeri, per la verità, hanno sempre detto il contrario. Anche quando Berlusconi era all’apice della sua forza (le elezioni del 2008) mai ha saputo raccogliere il 51 per cento dei consensi. Il Cavaliere si è invece fermato al 37 per cento dei votanti (cosa diversa rispetto agli aventi diritto al voto), per poi perdere seguito ad ogni tornata elettorale. La grande menzogna, però, è stata ripetuta, raccontata, enunciata e analizzata talmente tante volte, da finire per essere presa per vera. Con rassegnazione, e senza necessariamente riferirsi solo al Cavaliere, in molti dicevano che il nostro Paese ha la classe dirigente che si merita. Che una nazione fatta di furbi, di evasori fiscali, di fannulloni, di corrotti e di raccomandati, poteva solo essere rappresentata da Berlusconi e dai suoi vari cloni.

Ebbene, si sbagliavano. L’Italia era (ed è) un’altra cosa. Gli italiani – sia a destra che a sinistra – sono in maggioranza un popolo straordinario. Fatto di donne e di uomini che si ammazzano (quando ce l’hanno) di lavoro. Che s’impegnano in quasi 500.000 organizzazioni di volontariato. Che vanno all’estero (4 milioni) per riuscire a fare quello che in patria è impossibile. Questo non è (solo) il Paese delle mafie più potenti del mondo, della classe politica più corrotta di tutta l’Europa occidentale. Questo è, invece, il Paese di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e Paolo Borsellino, delle associazioni anti-racket, della Confindustria e dei commercianti che in Sicilia dicono di no al pizzo...

segue:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/02/13/berlusconi-e-minoranza-nel-paese/91883/

manuela bellandi Commentatore certificato 14.02.11 00:51| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 16)
 |
Rispondi al commento

dedicato alla legaiola più marge ...comasca!

sondaggio da destra (loro stessi)

http://affaritaliani.libero.it/politica/sondaggio_lega110211.html

Due italiani su tre:
la Lega è un danno per il Paese
Sabato 12.02.2011 11:00

La presenza della Lega Nord nella politica italiana è stata un danno secondo il 67% degli italiani. Un beneficio solo per il 33% dei cittadini. E' il risultato di Trendsetting, il sondaggio realizzato da Affaritaliani.it e Swg in occasione del ventesimo compleanno del Carroccio. Il partito di Umberto Bossi è un movimento di destra secondo il 68% del campione. E' di centro per l'11% e di sinistra per il 2. Non sa il 19%. E il successore del Senatùr? Sarà Roberto Maroni secondo il 37% degli italiani. Segue a lunga distanza con il 12% Luca Zaia. Renzo Bossi detto il Trota raccoglie il 7% dei consensi. Roberto Calderoli il 5 e Roberto Cota il 4. Flavio Tosi è al 2%. All'1% Giancarlo Giorgetti, Rosy Mauro e Matteo Salvini. A zero Federico Bricolo e Marco Reguzzoni. Non sa il 30%.

IL COMMENTO DI SWG: "La ventennale attività della Lega Nord, forza sempre discussa e dirompente nello scenario politico nazionale, è considerata complessivamente dannosa per il Paese dal 67% degli intervistati. Tale valutazione, condivisa anche da un terzo degli elettori di cento destra, appare particolarmente radicata tra i residenti nel Mezzogiorno (90%). La maggior parte degli intervistati considera il Carroccio un movimento di destra, tuttavia un terzo del campione non riesce a definirlo o lo attribuisce a collocazioni politiche diverse.

L'indagine è stata condotta attraverso il sito di Affari Italiani.it su un campione nazionale di 1500 soggetti maggiorenni nei giorni 10-11 febbraio 2011

ah ah ah ah ah ah ah !!!
Lega the end !!!


Una cosa buona l'ha fatta berlusconi.

Ha fatto incazzare di brutto le donne.


p.s.
a parte le sue "escort" !

Aldo F., napoli Commentatore certificato 13.02.11 15:15| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 15)
 |
Rispondi al commento
Discussione

UDITE UDITE! Pare che il pubblico presente alla manifestazione della Santanché fosse il pubblico di "amici" !!! Un mio amico ha avuto questo sospetto e dopo una verifica dei filmati sembra sia proprio così!! Questa gente falsa mette in piedi una messiscena continua per far credere di avere un seguito, ma sono tutti mercenari. Fanno sondaggi fasulli e grazie agli esperti di comunicazione del piazzista di Arcore ci propinano qualcosa di credibile, ma è TUTTO VIRTUALE! Non c'è niente di vero in quello che fanno, non credono nemmeno loro in quello che dicono sono pagati!

Daniele G. 14.02.11 11:16| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 13)
 |
Rispondi al commento
Discussione

“BECCACCIONI PADANI”

A quanto sembra oggi il blog pullula di “BECCACCIONI CON IL MOCIO VERDE NEL TASCHINO”, che credevano di avere risolto il problema dell’immigrazione clandestina, pagando una qualche mazzetta ad alcuni dittatoriali da strapazzo, per fare il lavoro sporco che in Italia non sé può fare.

Ma i “BECCACCIONI” non avevano fatto il conto che anche i moscerini nel loro piccolo s’incazzano, ed ora si sono incazzati ed hanno fatto fuori i loro aguzzini, con buona pace dei “BECCACCIONI CON IL MOCIO VERDE NEL TASCHINO”, che dopo avere sputtanato dei soldi per comprare i dittatorelli da strapazzo, ora si vedono addebitare anche il conto per pagare le spese per affrontare l’immigrazione clandestina, che non hanno voluto vedere ed affrontare nei modi giusti in Italia.

E pensare che presto anche “BECCACCIONI CON IL MOCIO VERDE NEL TASCHINO”, dovranno tirare fuori dall’armadio la valigia di cartone, per andare in giro per il mondo ad elemosinare un tozzo di pane, grazie al “NANO MAFIOSO” ed al suo comparilello, quello specializzato ad “ALLEVARE TROTE”, che di tutto si occupano, tranne che affrontare la crisi economica.

“MA ANDE A LAVURAR BOUN DA GNINTA’, CHE A CMANDAR IN SAI GNANC’ CUMA S’FA’”

Paolo R. Commentatore certificato 13.02.11 18:54| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 10)
 |
Rispondi al commento

La guerra era finita, ma, mio nonno, non era ancora tornato, perché ricoverato in ospedale militare. Era stato ferito mentre combatteva per la Patria.
Mia nonna, con mia madre di 4 anni, era, assieme a molte altre donne, sulla ferrovia, a raccogliere i pezzetti di carbone che cadevano dalle locomotive che transitavano sui binari, per cercare di fare un po’ di caldo in casa e cuocere il mangiare.
Era proibito, perché quel carbone era di proprietà delle Ferrovie del Regno.
Due carabinieri, arrivarono all’improvviso, le altre donne fuggirono ma mia nonna, forse impedita da mia madre piccola ( non aveva ancora 4 anni), fu raggiunta dai zelanti appartenenti all’ Arma, ed uno di essi, sferrò alcune bastonate sulla schiena di mia nonna, che nel frattempo era inciampata nelle traversine dei binari.
I due eroi, bontà loro, risparmiarono mia madre.
Compiuta la missione, i due servitori della patria, se ne andarono abbandonando mia nonna e mia madre sui binari. Furono soccorse dalle altre donne che non si erano allontanate di molto ed avevano assistito alla scena
A mia nonna, uscì il sangue dalla bocca e dopo alcuni giorni, morì.
Uno dei due carabinieri, durante il ventennio fascista, si distinse per la ferocia con cui usava il bastone, finché, nel 1945, arrivò anche per lui la Giustizia.
Aveva un fazzoletto rosso al collo ed un mitra in mano.
Costui, non bastonò più nessuno.

antonio d., carrara Commentatore certificato 14.02.11 11:51| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 10)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non voglio essere il solito rompe balle

ma Ragazzi MI VA BENE PARLARE DI TUTTO E DI PIù


MA QUESTE DONNE MERITANO UN BEL POST

cavoli o sono la mosca bianca (per modo da dire perche più negro di pelle non posso)

MA BRAVE LE DONNE CHE URLANO

"FATTE PROCESSARE BUFFONE!!!!"

"VECCHIO BAVOSO!"

"A ME NON MI COMPRI!"

"RIPRENDIAMOCI LA DIGNITA!"

"LA DIGNITà DELLE DONNE è LA DIGNITà DAL PAESE"


non possiamo ignorale perche qualcuno dice che manifestare non serve a niente

io non ci stò

manifestare sempre!!

Eduardo Dumas ( edu latino), milan Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 13.02.11 16:45| 
 
  • Currently 4.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 10)
 |
Rispondi al commento

....
c'è qualcuno (rossi e grillini esclusi ..tanto son pro invasione coi soldi degli altri) che ancora ha il coraggio di dire che gli immigrati sono una risorsa ?
Attilio Fiorini

===========================================

Tanto per cominciare, 'gli stranieri sono una risorsa' l'ha pronunciato Brunetta.
Per il resto, repetita juvant: L'immigrazione in Italia risponde alle regole della Bossi-Fini.
Il ministro dell'interno si chiama Roberto Maroni.
I CIP sono stati voluti dal governo di centrodestra.
Il centrodestra governa quasi ininterrottamente da una quindicina d'anni.
Ergo: Che cazzo vuoi, qui? Vai a protestare sul blog della Padania. Se te lo permettono, perche' secondo me, sei stupida anche per loro.

Pace e Bene

Luca Popper, Milano Commentatore certificato 14.02.11 08:49| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 9)
 |
Rispondi al commento

Buon giorno Ivanona mattiniera?
Okkio!!! Stamane è Attilio Fiorini
ieri era:
Concettina Lorusso
Sandra Occhibove
Angela Melchiorre
Mattia Alberini
Ernesto Brandi
Ernesto Ceriani
Manuela Croci
Zia Cristina
Zia Arduina
Giorgio Grisbelli
Sebastiano Miccichè
Paride Secchi
Nicola Zampini
Sebastiano Jannone
Angela Aloisi
Salvatore Besozzi

Su cliccate anche oggi...c'è puzza di merda!!!

oreste mori, la spezia Commentatore certificato 14.02.11 09:30| 
 
  • Currently 4.1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 9)
 |
Rispondi al commento
Discussione

IL SORRISO MINACCIOSO DELLE DONNE
(di Lidia Ravera)


[...]

A dire la nostra volontà di ripulire questo paese dalla feccia. A dire che feccia sono Berlusconi e i suoi cinici sostenitori ( che cosa non si fa per uno stipendio, un privilegio, una poltrona!), non la ragazzetta che usa l’unico potere concesso alle donne, quello di far godere un uomo. Anche se non ti piace, anche se non lo ami, anche se ti fa schifo. Perché, porca miseria, è lì il problema: il potere, noi, non l’abbiamo mai perseguito. Le più fragili si accontentano del potere di suscitare desiderio. Esercitare il potere non ci piace. Preferiamo altre emozioni. Forse, se le cose continuano a precipitare, toccherà darcelo come obbiettivo. Conquistare il potere, proprio noi che non lo amiamo. Conquistarlo per tutte. Gestirlo in modo opposto. Come uno strumento per fare, non come un gigantesco fallo che fa godere solo chi lo possiede.


Baci e saluti

Paolo Rivera Commentatore certificato 13.02.11 22:44| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento

Io cittadino Italiano denuncio all' Ordine Costituzionale e quindi alla Magistratura:
1)l' inadempienza della Costituzione italiana da parte dei Governi che si sono succeduti negli anni dal dopoguerra ad oggi
2)la violazione sistematica delle norme in esse contenute

Io cittadino Italiano ho giurato fedeltà alla Repubblica Italiana e in quanto tale mi sento preso in giro da tutte le classi politiche che si sono avvicendate negli anni dal dopoguerra ad oggi.

Io cittadino Italiano denuncio i capi di Stato i quali non hanno e non stanno intimando ai capi di Governo il perseguimento degli articoli della Nostra Costituzione.

Io cittadino Italiano intimo al capo dello Stato lo scioglimento immediato di queste forme di governo fallimentari con elezione diretta dei cittadini dei propri rappresentanti e del capo del governo, che giurino il perseguimento degli obiettivi costituzionali. Chi non vi adempie è giudicato per direttissima per reato di spergiuro con condanna da mesi 3 a mesi 12 con lavori socialmente utili.

ale go, Milano Commentatore certificato 13.02.11 21:29| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Lara,perchè ti chiamano Puttana? E' per via di quel Triangolo Nero cucito sul Vestito?".
Era dura la Vita,a Varsaw, ma quelle parole,le Risuonavano dentro,come un Pugno allo Stomaco.
Il piccolo Misha,le rendeva le Ore del Giorno piu' Luminose,da quando le avevan Confinato l'Infinito ed il suo Anelito,in quelle quattro Casupole dalle vie Sgangherate e sordide ai Crocicchi,giu' al Ghetto,dove la Notte Inchiodava fin le Anime alle Porte d'accesso,al Perimetro murato.
" E' perchè ho Amato Troppo,Piccolo,buttando le Convenienze,le Convenzioni degl'Ipocriti per Volare con la mia Lily,sopra i Campanili delle Chiese",gli disse,Spalmandogli una Benedizione che lì per lì sembrava una delle Solite Carezze.
"Davvero!? Come gli Angeli? Puoi Insegnare anche a Me come si Fa?".
" Allora sei un Angelo Pilota,come la mia Mamma!
Sai,m'han detto che adesso Vola sopra i Cieli di Berlin e quando torna mi porta un Sacco di Dolci!"
"Pero' lei è di un'altra Squadriglia,forse è un Colonnello:sai le han Puntato al Seno una Stella, una Bella Stella,con sei Punte,tutta d'Oro! Grande come quella che sta alla Sinagoga!".
Ma nel Cuore di Lara,Scrosciavan Fiumi Tempestosi,Inquieti.
Sentiva degli Uomini organizzarsi all'Insurrezione,armati di una Mauser presa dal Comodino dell'Amante del Caporale Wermacht,che avuto un debole per la figlia del Fornaio, se l'era Ingraziata sino a portarsela in Casa,dal Bordello.
Una Walter, una Luger ed un Messerschmidt,quattro Coltellaci ed una manciata di Piedi di Porco, presi nella Fucina di mastro Tobias.
Un Po' poco per Sfidare la Gestapo del Fuhrer.
I suoi presentimenti,ebber conferma all'Alba.
Un colpo secco,lascio' il primo Nazista sulla Piazza a versar il primo Sangue.
Per alcuni Giorni,si Resistette,poi,la Capitolazione.
I Cani entrarono in un Bailamme Infernale a Caricare, Disperdere, Stanare.
"Corri Misha,corri dalla Donna del Caporale Tedesco,dille che ti manda Lara".
"Sì, ma poi m'Insegni a Volare!"

Una nuova Mamma.
Hitler Puttana

enrico w., novara Commentatore certificato 13.02.11 21:12| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento

Scopri l'amore

Prendi un sorriso,
regalalo a chi non l'ha mai avuto.
Prendi un raggio di sole,
fallo volare là dove regna la notte.
Scopri una sorgente,
fa bagnare chi vive nel fango.
Prendi una lacrima,
posala sul volto di chi non ha pianto.
Prendi il coraggio,
mettilo nell'animo di chi non sa lottare.
Scopri la vita,
raccontala a chi non sa capirla.
Prendi la speranza,
e vivi nella sua luce.
Prendi la bontà,
e donala a chi non sa donare.
Scopri l'amore,
e fallo conoscere al mondo.

~ Mohandas Karamchand Gandhi ~

Missy Elliott, Cittadina del Mondo Commentatore certificato 14.02.11 09:44| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

Il ministro coglione-Maroni (nomen omen) accusa l'Unione Europea di aver lasciato sola l'Italia ad affrontare la grande ondata di sbarchi sulle coste italiane di nordafricani in fuga dai loro paesi in rivolta.
Secondo Maroni questa è un'emergenza che era del tutto imprevedibile.

Ma...

Ma fino a qualche mese fa Maroni non aveva detto che la Lega aveva risolto tutto e aveva fermato tutti gli sbarchi?E che era tutto sotto controllo?

Ma quando non ci sono sbarchi è merito della Lega e quando ci sono è colpa dell'Unione Europea???

Ma quell'altro inetto demente di Frattini Dry anzichè correre appresso alla casa di Montecarlo di quell'altro pagliaccio di Fini,(per cui è stato pure indagato per abuso d'ufficio) non poteva occuparsi del nordafrica??
Ci sarebbe arrivato anche un bambino...
E ora parlano di emergenza imprevedibile???
E' da almeno un mese che il nordafrica è in rivolta...

Leghisti siete dei coglioni pagliacci!!!
Un bradipo impagliato saprebbe gestire un ministero meglio di voi!!!

Mak 89 Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 13.02.11 19:38| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

per San Valentino
da una moglie che ti sta accanto da 54 anni

CI SARAI

"Qualche volta sogno che verrà un giorno
in cui penserò:

non ho lavorato per te
non ho raccontato storie ai tuoi sogni
non ho giocato coi sentimenti del tuo cuore
non ho fatto ricatti
non ho recitato parti
non ho giocato l'insolito
per stupirti o sconcertarti
non ti ho corteggiato
non ho pagato nessuna moneta
né d'oro né d'argento
per saziare il mio bisogno di te
Eppure tu sei venuto lo stesso
e anche se non parliamo
non siamo silenziosi
e anche se facciamo lavori diversi
non siamo lontani
e non ho bisogno continuamente
di comprare e vendere
non ho bisogno di fare nulla
di agitarmi o di soffrire
perché semplicemente

io ci sarò
e tu ci sarai.

viviana v., Bologna Commentatore certificato 14.02.11 10:04| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori










Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.



Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori