Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Le foibe dimenticate


foibe.jpg
Con massacri delle foibe o, più comunemente foibe, si intendono gli eccidi perpetrati per motivi etnici e/o politici ai danni della popolazione italiana di Istria, Venezia Giulia e Dalmazia, durante ed immediatamente dopo la seconda guerra mondiale. (da Wikipedia).
"Caro Beppe, hai parlato di fatti di sangue, fatti che proprio in questi giorni purtroppo potrebbero tristemente arricchirsi con la tragedia delle gemelline Alessia e Livia. Profondo rosso dell'umanità, degenerazione mentale destinata a provocare indignazione che ben presto si trasforma in ricordi sempre più flebili, fino alla loro cancellazione. Il 10 febbraio però era una giornata di Ricordo, destinata a non far mai dimenticare migliaia di vittime innocenti uccise nelle foibe, le cavità carsiche presenti in Friuli, durante la seconda guerra mondiale: un profondo rosso di italiani. Mi piacerebbe che potessi dedicare un piccolo spazio a questo ricordo, è da pochi anni che si parla di foibe, per anni tutti hanno evitato il fatto, ma inevitabilmente il sapere e la cultura hanno dato e daranno sempre la sveglia alle coscienze. Grazie." Daniele P.

15 Feb 2011, 22:31 | Scrivi | Commenti (26) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

viva Tito e il IX corpus che ha liberato Trieste,se non fossero arrivati i vostri alleati col cazzo che sareste al governo fascisti del cazzo.

maurizio zupin 24.02.11 20:49| 
 |
Rispondi al commento

cosa gà i miei commenti ,la rogna?e che cazzo

maurizio zupin 24.02.11 20:45| 
 |
Rispondi al commento

quando si parlerà di vittime del fascismo?
in fondo i colpevoli delle foibe sono i fascisti che con i loro crimini orribili hanno ricevuto come normale conseguenza la vendetta degli antifascisti .
mio nonno materno è stato deportato a Dachau,non era comunista,a mia nonna materna per arrestare suo marito almeno una volta alla settimana i fascisti la facevano inginocchiare davanti al resto della famigia e con la pistola puntata alla testa la interrogavano finchè dai boschi sovrastanti la casa (a Corte D'Isola)mio nonno è stato costretto alla resa con la conseguente consegna ai nazzisti e poi la deportazione.
Questa è solo una delle tantissime orribili storie che per fortuna conosco.
non bisogna dimenticare i colpevoli di tutto questo,cioè i fascisti .
Non ci sarà mai pace con i fascisti .
asta siempre

maurizio zupin 24.02.11 20:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

HANNO RIABILITATO I 1200 FASCISTI UCCISI DA TITO.
SENZA DIRE UNA PAROLA DEI CIRCA UN MILIONE DI
MORTI UCCISI DAI NAZIFASCISTI QUANDO HANNO INVASO
LA IUGOSLAVIA 1940-1945.
MA QUANDO LO FACCIAMO IL GIORNO DEL RICCORDO
DEI CIRCA 350.000 CIVILI ITALIANI UCCISI
DAI BOMBARDIERI ANGLO-AMERICANI?
DOVE SONO I FAMILIARI DI QUEI CADUTI INNOCENTI.
LA MAGGIORANZA:DONNE, VECCHI, E BAMBINI.
SILENZIO ASSOLUTO, COME IL DUCE CON IDA BENITO!
PERFINO NENNI E TOGLIATTI SONO STATI ZITTI.
MEDITATE GENTE COME IL POTERE MANIPOLA LA STORIA.
FIGURIAMOCI I 150 ANNI DEI SAVOIA.

orfeo nitrebla Commentatore certificato 21.02.11 09:56| 
 |
Rispondi al commento

le foibe sono una conseguenza del nazismo e dei suoi alleati italiani e slavi (domobranci), chi era la banda Collotti?

GIANCARLO SARTORETTO, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.02.11 11:16| 
 |
Rispondi al commento

le foibe sono una conseguenza del nazismo e dei suoi alleati, nessuno si ricorda della banda Collotti?

GIANCARLO SARTORETTO, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 17.02.11 11:13| 
 |
Rispondi al commento

I morti sono tutti uguali ma i motivi per cui si muore o si da la morte no!

Nello 16.02.11 17:44| 
 |
Rispondi al commento

http://www.articolo21.org/585/notizia/foibe-ricordare-ma-ricordare-tutto.html

Riccardo Bof 16.02.11 14:43| 
 |
Rispondi al commento

Qua a Trieste abbiamo due monumenti (Risiera di San Sabba e Foiba di Basovizza) che ben rappresentano quali crimini di guerra l'essere umano sia capace di compiere indipendentemente dal paese o dallo schieramento politico a cui esso appartiene, sinceramente sono schifato dai commenti di chi giustifica la pulizia etnica in qualunque sua forma, vergognatevi

Luca D 16.02.11 14:33| 
 |
Rispondi al commento

@ Davide A., MB

basterebbe conoscere un minimo di filosofia...

poco, poco! ... ma immagino che per l'italiota di oggi , manipolato dai media attuali sia molto difficile !

- dioècomunista l'ha sempre dimostrato!
le stragi di demoni non saranno mai stragi, ma solo il giusto castigo divino ! ...

è ovvio che da demone tu sarai il difensore degli
infami !

apposta il Paese è finito nella merda!


Non si può parlare delle foibe senza parlare (e nessun tg o giornale lo ha fatto!) dei massacri altrettando orrendi (se non di più) che gli italiani avevano precedentemente perpetrato sulla popolazione civile inerme della ex-Jugoslavia, così come avevano già fatto e avrebbero poi fatto in Etiopia, Libia, Grecia. Se gli italiani non squarciano il velo di paternalismo e opportunità politica che li ha protetti dalla scomoda verità (anche usando il mito infondato degli "italiani brava gente"), non potranno mai "capire" le foibe. Finché l'Italia non farà i conti col suo passato (come invece ha fatto la Germania per crimini peggiori dei nostri), ricordare le foibe rimarrà un atto di opportunismo politico. Noi che, giustamente, ci diamo tanto da fare per processare criminali di guerra nazisti ormai novantenni, dobbiamo sapere che centinaia di criminali di guerra italiani hanno vissuto (e forse ancora vivono) indisturbati tra di noi, e alcuni sono anche ricordati con onorificenze sui libri di scuola o sulle loro lapidi. Parlare di foibe senza prima "sciacquarsi la bocca" è come uccidere di nuovo le vittime di tutte le guerre.

m v 16.02.11 11:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE
NON DIMENTICHIAMO LA MEMORIA STORICA DELLE FOIBE
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 16.02.11 10:22| 
 |
Rispondi al commento

Non entro nel discorso delle foibe perché a parlare di queste cose si ha torto qualunque cosa si dica, tutti i morti di tutte le nazionalità meritano rispetto e basta. Però, per favore, almeno quando si fanno citazioni storiche, Trieste ed il Carso non sono in Friuli! Le provincie di Trieste e Gorizia formano la Venezia-Giulia. Parliamo un'altro dialetto, abbiamo una storia completamente diversa, tra cui, appunto, le foibe.

Igor Millo 16.02.11 09:27| 
 |
Rispondi al commento

..Mi fa sorridere come "certe" persone qui nel blog siano sempre "lucide" e sicure nei giudizi...
Fatemi capire: se gli americani uccidono civili in Afganistan sono assassini (VERISSIMO!)...Se Hitler uccide gli ebrei è un nazista di merda (VERISSIMO!)...Se gli "antifascisti" uccidono civili nelle foibe...è colpa dei fascisti...o meglio delle mamme dei fascisti...Se Stalin trucida milioni (o chissà quanti non si saprà mai!) di persone la colpa è del mal tempo!...Smettete di dire caxxate...Le stragi sono stragi: persone innocenti che muoino inutilmente..Non esistono stragi di serie A e stragi di serie B...Bisogna essere lucidi ed avere il coraggio di condannare eccidi insensati sia che provengano da presunti destroidi o sinistroidi...NON possono essere considerate ideologie politiche "sane" quelle che prevedano l'omicidio come mezzo per manifestarsi...

Davide A., MB Commentatore certificato 16.02.11 07:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le Foibe sono state una porcata, perpetrata da un popolo che però é stato assalito e condotto ad una guerra vergognosa, che si è sollevato ed ha ricacciato il nemico italiano invasore, addirittura dietro ai suoi confini, che per rispetto dei loro caduti nella prima guerra, hanno poi riconsegnato fino a Trieste.
Ma nessuno ricorda mai, questo episodio, chissà come mai, per quanto tragico però dimenticano "la guerra" e che tanto innocenti parte di quelle vittime non erano, ed utilizzano sempre le Foibe per criminalizzare sopratutto un popolo ed in particolare gli Sloveni, questi signori si, loro, senza memoria e vergogna.
Le Foibe, debbono essere considerate come parte della guerra, dove i primi sempre ASSALITORI hanno fucilato, per rappresaglia uccidendo tanti antifascisti, di cui per contro, forse qualcuno di questi fascisti assassini è finito nelle Foibe.
Però ora basta, con la rivalutazione dei fascisti....

Jan g., Gallarate Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.02.11 03:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

allora il D'Alema fece bene a bombardare la Serbia
per vendicarsi delle foibe titine ?

ma pensa che strano, perse il governo e anche le elezioni nel Lazio per quello!

l'Italia è davvero un Paese al contrario!
Ha un kapò di sinistra fascista ed un kapò di destra quasi "comunista!" (Fini) !

mah! me sa che tanti italioti dovrebbero stare nelle foibe insieme a quelli...per ottenere una
logica sociale.politica!

povera Patria!

Lenintonio D (ilich), Roma Commentatore certificato 16.02.11 01:37| 
 |
Rispondi al commento

E' la guerra, come tutte, ma tutte le guerre ad essere una porcata. Le foibe sono figlie dei massacri fascisti che sono figli di...
Basta guerre, sembra così facile.

raffaele rebaudengo 15.02.11 23:25| 
 |
Rispondi al commento

a quando anche un giorno per ricordare i campi di concentramento italiani in etiopia e somalia ?

stefano sarallo 15.02.11 23:13| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori