Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Libia: NOT IN MY NAME!


morti_Libia.jpg
Se gli amici si scelgono, Gheddafi è amico di Berlusconi e del suo governo, non mio, non degli italiani.
"Questo governo sta commettendo ADESSO la sua peggiore infamia, ci saranno almeno 600 morti tra gli insorti di Tripoli e Bengasi AI NOSTRI CONFINI!! dove un dittatore sanguinario sta usando miliziani e elicotteri Apache per fermare chi chiede libertà e democrazia, lo stesso dittatore sanguinario che appena un anno fa, ricordiamolo, si è messo in tenda beduina a Villa Ada a Roma, ha dispensato lezioni di Corano a ragazze pagate apposta e dove le nostre Frecce Tricolori sono state ingiustamente impiegate per questo soggetto, senza dimenticare i sottobanco che ha preteso da noi per danni di guerra.. ORA QUESTO GOVERNO ABUSIVO E COLLUSO TACE. Non taciamo noi: NOT IN MY NAME!" Vincenzo Russo, Terni

21 Feb 2011, 21:41 | Scrivi | Commenti (69) | listen_it_it.gifAscolta
| Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

DEMOCRAZIA, DEMOCRAZIA, DEMOCRAZIA, DEMOCRAZIA, DEMOCRAZIA, DEMOCRAZIA ......

Sergio Fontanarosa 01.03.11 07:32| 
 |
Rispondi al commento

Che io dica : NO in my name, è naturale.
Ma non mi faccio illusioni: ci vuole ben altro , per smontare i dittatori, le multinazionali del petrolio e compagnia bella...Ed è questo, che mi impedisce di essere quì a commentare più spesso. Ripulire l'Italia,è assai arduo...ma , per fortuna, non impossibile. Quanto a Gheddafi, si sapeva da un sacco di tempo, che soggetto fosse. E di quali crimini si sia macchiato nel tempo, fino ad 'oggi.Ma l'interesse economico e la ragion di stato, rimangono insensibili, di fronte ai massacri di innocenti: purché i loro sporchi affari, siano salvaguardati. Ce n'è , di '' materiale di riflessioneì'' , vero? Ciao

Ireneo G., Fermo Commentatore certificato 24.02.11 21:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

NO, NO davvero in mio nome!
voi che non mi avete mai chiesto un parere...

lorenzo 24.02.11 16:31| 
 |
Rispondi al commento

Egregio Sig.Vincenzo Russo, cominci a suggerire al suo referente politico dove trovare il petrolio ed il gas che la Libia ci vendeva, come dovrà fare l'Unicredit per non andare in bancarotta, come dovranno fare la Finmeccanica, l'Impregilo (e chissà quante altre aziende) a non licenziare migliaia di operai-la Juve interessa poco), come dovrà fare il Paese a pareggiare la perdita di 10 miliardi di euro di perduto guadagno!!! Lasci perdere il colore e l'odore dei soldi: non esistono nè per noi, nè per il resto dell'Europa, nè per l'America, nè per tutto il mondo!!!

Volatile pn 23.02.11 16:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'italia è responabile del genocidio?Gli accordi fatti con la libia da questo governo includono, sostegno militare di mezzi e uomini?

V L. Commentatore certificato 23.02.11 16:10| 
 |
Rispondi al commento

NOT IN MY NAME!

Francesco Bandozzi 23.02.11 10:43| 
 |
Rispondi al commento

L'ITALIA DEI COGLIONI E DEI SINISTRI
CHI ha consegnato l'Italia ai DITTATORI del Petrolio e ai Petrolieri Speculatori assetati di potere e danaro? Il REFERENDUM del 1986,voluto dalla SINISTRA ITALIANA,che col REFERENDUM contro il NUCLEARE,ha SCELTO IL PETROLIO come 1° FONTE ENERGETICA,a vantaggio dei vari GHEDDAFI,KOMEINY,AKMADIJGIAD,FEYSAL e Petrolieri Speculatori delle 7 SORELLE, ma CONTRO gli INTERESSI degli ITALIANI e CONTRO L'AMBIENTE(il petrolio inquina). L'EUROPA piu' evoluta come Svezia,Finlandia,Germania,Inghilterra,Francia etc.non avendo i COGLIONI DI SINISTRA,come l'ITALIA,non e'cascata nella rete dei PETROLIERI e si e' costruita le sue CENTRALI ATOMICHE.
Cosi' mentre questi paesi,che hanno meno bisogno del PETROLIO,se ne FOTTONO di GHEDDAFI e degli Emigranti,al contrario l'ITALIA debole dal punto di vista ENERGETICO,deve fare "Comunella" con GHEDDAFI se vuole lAVORARE e VIVERE.
GRAZIE AI COGLIONI DI SINISTRA.
Ha ragione BEPPE che nella SINISTRA di OGGI ci sono tutti quelli che hanno creato i PROBLEMI
all'ITALIA.

dina barboni 23.02.11 09:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

no non in mio nome

giuseppe delinna 22.02.11 22:08| 
 |
Rispondi al commento

Libertà dal cancro berlusconiano così come da quello di gheddafi.
Per l'Italia e per Roma vittoriosa !!!
Abbattiamoli !!!

Sergio Palato 22.02.11 20:21| 
 |
Rispondi al commento

L'amico Ghedda punta il dito contro l'Italia e Usa...accusa i due paesi di aver fomentato la rivolta....ma come-lui che è amico del Premier-ora da la colpa a lui? e ora? cosa risponde il gran Capo?.
Forse il Ghedda non ha gradito essere"Rinnegato" dal suo amico...questo è "il linguaggio della diplomazia", dopo che il Premier si è amaramente pentito da aver dato troppa confidenza ad un "Criminale"- il quale ordina rappresaglie contro civili indifesi-azioni di Killeraggio con MERDENARI=merde d'uomini che uccidono per due soldi gente indifesa(a scopo di lucro).
Se ero il Presidente io,convocavo il consiglio della Nato e sferravo un attacco contro l'aviazione Libica..a tappeto..tò..voglio abbondare anche missilistico...
Del Resto nel 1999 la Serbia fu attacata perchè stavno distruggendo il Kossovo...non capisco perchè non riservargli lo stesso trattamento...sicuramente i Libici i mille morti ci saranno grati....
Bisogna comunque stare attenti, questo è un pazzo e pericoloso...ormai è alle corde e vuol esportare il casino altrove...

roby f., Livorno Commentatore certificato 22.02.11 19:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non mi sembra che ci siano stati cortei di proesta,e ricordiamoci che quando accendiamo i fornelli di casa nostra arricchiamo questo dittatore.io ho l'impressione che tanta demagogia ci stia entrando dentro,questo é un mondo che fa schifo e ogniuno di noi fa la sua parte,sono stanco di sentir parlare con il cavolo a merenda sempre di berl... Basta non ne posso piú...nessun cambiamenro senza un nostro cambiamento!!!

Michele Maggi 22.02.11 19:20| 
 |
Rispondi al commento

Aerei mandati dall'italia?che sia vero oppure no Berlusconi é pappa e ciccia con questo psicopatico di Gheddafi e tanto basta!!!!Ma in che mani siamo?ogni giorno sempre peggio.

mauro r., lucca Commentatore certificato 22.02.11 18:21| 
 |
Rispondi al commento

perchè l'italia non prende una posizione forte contro la strage di civili in libia? quanti e quali interessi ci sono in campo? e quando ci sveglieremo noi italiani?? oggi mi sento il cuore pesante. ho visto le foto di quei poveretti nelle bare. anch'io grido NOT IN MY NAME!!!!

Bianca Canale 22.02.11 17:04| 
 |
Rispondi al commento

questo messaggio sta facendo il giro di twitter

EYE WITNESS: ITALIAN MERCENARIES ARE STRIKING LYBIAN PROTESTERS USING AIRFORCE F16. CONFIRMED. #UN #Italy #Lybia #SOS #IFRC

giuseppe torquemada, bolzano Commentatore certificato 22.02.11 17:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono italiana, mi vergogno profondamente della classe dirigente italiana, capeggiata dal Suinano, amico fraterno di feroci dittatori, che si meritano a pieno titolo l'appellativo di BESTIE SANGUINARIE.Not in my name, gridiamolo forte!

laura balzan 22.02.11 16:38| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Credo che (violenze escluse) il popolo africano stia dando una grande lezione di civiltà a popoli cosiddetti "emancipati" come quelli italiani.Lezione di libertà non solo verso i dittatori,ma verso la politica in generale che si è istituita come dittatura e padrona del popolo stesso che ne dovrebbe essere sovrano.
Se non ora quando se ne vanno tutti,incitati dal nostro grido?

CREVIGO' 22.02.11 14:51| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Credo che si debba dare tutto l'appoggio possibile alla gente che sta manifestando la propria voglia di libertà dopo anni di soffocamento dittatoriale. Sembra stia iniziando finalmente l'era della rivolta nel mondo arabo. La gente comune, "normale", vuole finalmente riprendersi la dignità rubata da anni di dittature politiche e religiose. Sosteniamoli affinché questo accada, affinché anche loro possano godere delle gioie di una vita democratica e liberi dai soprusi e dalle sperequazioni, sperando che nel loro futuro politico non ci siano nuovi personaggi biechi o vacui come da noi (sia al governo che all'opposizione). Spero che l'Europa si renda conto dello sforzo immane che questa gente sta facendo a rischio della propria vita credendo in un futuro migliore. Spero che lo stesso possa accadere in altri Paesi come la Bielorussia, dove da quasi un ventennio un altro dittatore post-comunista ha fatto del Paese la sua proprietà privata ed imprigiona chi non la pensa come lui. Spero che anche l'Italia riesca finalmente a svegliarsi dal lungo sonno e dall'apatia politica che ormai da troppo tempo regna. Perché se non saranno prima gli italiani a cambiare, la politica resterà sempre la stessa, sempre lurida, fatta da approfittatori, papponi, porci che sguazzano nel trogolo del potere. Risorgete italiani, risorgete!

Danilo Portello 22.02.11 14:39| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

I monocrati italianoi non la imbroccano mai quando scgliono gli alleati privilegiati: Mussolini, Hitler; Berlusconi, Gheddafi.

Roland 22.02.11 14:32| 
 |
Rispondi al commento

SE CADE GHEDDAFI ADDIO AFFARI !!!!!!!

Esiliati libici a Malta bruciano bandiera italiana 59 –Circa 100 cittadini libici rifugiati a Malta hanno bruciato una bandiera italiana durante una manifestazione di protesta contro Muammar Gheddafi davanti all'ambasciata libica a La Valletta. I manifestanti, davanti alla polizia che circondava l'edificio, hanno gridato slogan contro l'Italia, accusata per gli stretti legami con il dittatore di Tripoli.

RICCARDO M., VIAREGGIO Commentatore certificato 22.02.11 14:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"perchè le idee sono come le farfalle a cui non si possono togliere le ali
perché le idee sono come le stelle
che non le spengono i temporali
perché le idee sono voci di madre
che credevano di avere perso
e sono come il sorriso di Dio
in questo sputo di universo.."
"questi signori del dolore..che stanno uccidendoci il pensiero..." non passeranno! NOT IN MY NAME!

Carmen Emme 22.02.11 14:10| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Assistiamo alla estinzione dei dinosauri del Mediterraneo; solo il silviosauro, mutante in peggio del bettinosauro, per ora sopravvive, sebbene agitatissimo, con violenti colpi di coda e urla.

Roland 22.02.11 13:12| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Piccola precisazione: Gheddafi aveva messo la tenda a Villa Pamphini non a Villa Ada
Condivido Not in my name!!!

Massimo Scafati 22.02.11 13:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Signori, quello che sta girando su twitter, mi inqueta non poco.
Tralasciando che le notizie siano vere o false, il fatto che la gente libica parli di f16 italiani che sparano sulla folla, può scatenare qualcosa di veramente brutto, come le leggo io quelle notizie , le leggono anche milioni di arabi.
http://twitter.com/bintlibya/

Marco B., Sonico BS Commentatore certificato 22.02.11 12:18| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

NOT IN MY NAME!

Se fossero davvero i popoli e non gli interessi di pochi a decidere le sorti del mondo!
Come andrebbero diversamente le cose!

Obbie D. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.02.11 12:03| 
 |
Rispondi al commento

Il baciamano di Berlusconi a Gheddafi fu già orribile a vedersi quando lo fece (l'anno scorso, mi par di ricordare), ma rivederne ora il video viene il voltastomaco (quindi non lo guardi chi ha lo stomaco delicato).

Roland 22.02.11 11:57| 
 |
Rispondi al commento

In rete mi tempo fa, ottobre 2011, mi aveva intercettato un ragazzo eritreo di 27 anni che sopravviveva in Libia lavorando in nero per delle Multinazionali. Un ragazzo che parlava tre lingue (arabo inglese e italiano) e che usava il PC.
Un ragazzo che aveva vinto una borsa di Studio per il POLI di MI ma che fu trattenuto a tempo indeterminato dal suo governo eritreo per "fare il militare".
Un ragazzo che scappò dall'Eritrea e che cercava di mandare denaro a ciò che rimaneva della sua famiglia, almeno perchè avessero una capra.
Un ragazzo rifugiato in Libia dalla quale cercava di fuggire con strade ONESTE, cercando appoggi come rifiugiato politico in Italia in Canada in Svizzera.
Che ho cercato miseramente di aiutare dando il nome di un prete che dalle mie parti pare faccia qualcosa.
Che non ha mai risposto.
E allora ho cercato la "raccomandazione", ma devo essere poco portata a queste cose perchè tutto si è fermato.
Non potendo fare nulla per lui se non ASPETTARE che il prete si muovesse, ci scrivevamo, ed era un ragazzo meraviglioso.
Parole di saggezza di rispetto e di cultura.
Magro, con enormi occhi neri, impaurito, ma con uan EDUCAZIONE e una RISPETTO che i cuoi coetanei italiani nemmeno sanno dove si trovi.
Da tempo non lo vedo più on line.
Non so più nulla.
E adesso vedo stragi dall'alto su gente inerme che vuole rispetto e democrazia.
Mi sento impotente e molto triste.
E lontana dai pagliacci ladri assassini che ci governano.

Da. P. (principessa sissi), UD Commentatore certificato 22.02.11 11:50| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

AVVIAMO UNA SCOMMESSA A MIO PARERE IL COLONNELLO SI RIFUGERA' IN ITALIA A CASA DEL CAVAGLIERE !

ALESSANDRO CORNETTI 22.02.11 11:02| 
 |
Rispondi al commento

Caro Marco,

Prima ancora di Natalino Balasso il concetto di patria fu demolito da don Lorenzo Milani nella Lettera ai Giudici.

Una Chiesa ideale lo avrebbe già beatificato, altro che papi polacchi e frati nazional popolari.

Nicola Tessari 22.02.11 10:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie Beppe, grazie Vincenzo...

Manuela Serra 22.02.11 09:33| 
 |
Rispondi al commento

Penso che dovremmo manifestare la n/s amicizia nei confronti del popolo libico, magari scendendo in piazza contro questo massacro.
Stupisce il silenzio dei Sindacati e delle Opposizioni, le quli avrebbero già dovuto organizzare una mega manifestazione, contro il dittatore libico.
Sento da più parti che bisogna preoccuparsi se il colonnello non sarà più al comando...cazzate...
vere e proprie cazzate, sbandierate per cosa?perchè l'occidente ha paura del fondamentalismo islamico?
Non c'è miente che possa giustificare un criminale(già recidivo)..proprio nulla....
Sciopero ad oltranza contro di lui e chi li stendfeva il tappeto rosso qui in Italia.

roby f., Livorno Commentatore certificato 22.02.11 09:22| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

piccola inutile correzione : la libia non ha elicotteri apache ma Mi 12 e Ru52 di fabbricazione russa.angelo

angelo mora 22.02.11 09:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quello che e' spaventoso e rischiamo di pagare piu' avanti , e' l'accanirsi della stampa su quest'uomo .
La rappresentazione della sua persona e della situazione corrente , e' completamente autonoma dalla realta' .
Si noti che non un solo giornale Italiano ha saputo presentare un analisi serena .

Marco Schanzer 22.02.11 05:40| 
 |
Rispondi al commento

NOT IN MY NAME !!!

CLAUDIO 22.02.11 02:09| 
 |
Rispondi al commento

e ora tocca al nostro "tutankainan"

spero siano molti gli sfollati libici ed egiziani che verranno, così ci aiuteranno, svegliandoci dal torpore mediatico per buttarlo giù!

Valdo 22.02.11 01:34| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente proteste e scontri nei paesi oppressi da regimi sanguinosi,nessuna manifestazione contro l'occidente e contro gli usa,nessun slogan religioso,solo popoli che rivendicano liberta. Che diavolo...neanche una scusa per appoggiare I governanti vostri amici! Avete fatto affari con tutti I peggiori assassini in circolazione,avete sciacallato sulle disgazie dei popoli,vi vendete per $ 5 dollari di petrolio,permettete di violare I diritti umani a milioni di persone,permettrte ai vari parenti/cugini/nipoti di andarsene in giro a fare shopping nelle nostre citta protegendoli e permettendogli qualsiasi tipo di capriccio con eserciti di poliziotti,proteggete I loro risparmiucci facendoli fruttare nelle banche e industrie a voi asservite.e tanto tsnto alto. E questo dite di farlo IN MIO NOME..

Roberrto prosperi 22.02.11 01:21| 
 |
Rispondi al commento

Non solo il Presidente ma nessun politico rappresenta gli italiani che son tutti vicini a quei popoli che vengono vessati dalle ingiustizie e distrutti nei loro diritti, perfino quello alla vita.
Non la faccio lunga dico solo, parafrasando Grillo, che "uno vale uno" quindi mi rappresento da solo e dico che io sono vicino a tutti i Paesi che subiscono soprusi di questo genere.

federico vitali Commentatore certificato 21.02.11 23:31| 
 |
Rispondi al commento

NOT IN MY NAME!!!
Massimo Rispetto per il coraggioso popolo libico che lotta e muore per la libertà ed i propri diritti. Spero che la loro rivoluzione possa portare i frutti che il popolo libico attende da troppo tempo ormai.

Mi vergogno sempre di più di appartenere ad uno stato governato da una casta, giorno dopo giorno, sempre più vigliacca e putrida.

Paolo C. 21.02.11 23:09| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

Spero che la notizia di aerei italiani in libia sia falsa ma se dicono di aver visto F16, di certo non sono libici.
Di certo l'arroganza di frattini verso l'Europa non può che farmi pensare male...

E' sicuro che se guardate su twitter l'indignazione verso il nostro paese aumenta di continuo.

Davide B. Commentatore certificato 21.02.11 22:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe,
a sessant'anni sto giungendo a una consapevolezza terribile: è inutile adirarsi per l'appoggio di Berlusconi a Gheddafi.
Contro i voti della criminalità organizzata, dei mascalzoni, dei fascisti e di chi vede solo i tg di Minzolini saremo sempre perdenti.
La democrazia è voto libero e consapevole ma se il voto non è più libero nè consapevole che democrazia è?

Manlio Giombini 21.02.11 22:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PROVO VERGOGNA.Da Italiano ed Europeo chiedo scusa al popolo libico per il NON intervento del governo italiano per la strage che l'amico di berlusconi sta perpetrando a danno del proprio popolo.
VERGOGNA dovrebbe provarla chi "per non disturbare" continua ad interessarsi degli affaracci suoi!
Caro silvio i tuoi "amiconi" sono in declino e presto toccherà anche a te rendere conto delle porcate fatte...cosa farai? fingerai un ictus come moubarak?dirai che sei morto come il tuo amico tunisino?
Quest'aria di cambiamento fa bene al mondo,quello che non va bene sono i morti che porterete sulla coscienza...ah dimenticavo che il vostro vocabolario salta questa parola,come del resto democrazia e libertà.
NOT IN MY NAME
STEFANO

Stefano Barducco 21.02.11 22:49| 
 |
Rispondi al commento

HAY QUE MANIFESTARSE AHORA MISMO PARA APOYAR A LOS QUE PIDEN DIGNIDAD Y LIBERTAD EN TODOS ESTOS PAISES !! NOS NECESITAN !! NO PODEMOS DARLES LA ESPALDA !!SALGAMOS A LA CALLE POR ELLOS !!DICTADOR VETE EL PUEBLO ES SOBERANO !!

Guillermo Garrido Marin 21.02.11 22:45| 
 |
Rispondi al commento

Attenzione
Twitter: "aerei italiani bombardano Tripoli, navi italiane nel porto"
http://www.technicoblog.com/aerei-italiani-bombardano-tripoli-navi-italiane-porto.htm

#Italy why are you docking your ship in our port? Are you coming to help the defenseless people of #Libya or your murdering friend #Gaddafi


Dopo gli accordi fatti con gheddafi (uomini piccoli vanno scritti in piccolo)
si dovrebbero fare:
una gara d'appalto per la fornitura nazionale di cocaina invitando la Bolivia e la Colombia;
una gara per l'eroina invitando il Pakistan e l'Afghanistan;
Per le prostitute mi sembra che lo stato (anche questo va scritto in piccolo) ci abbia già pensato.
No questa non è la mia Nazione
Io sono nato in Italia ma invece di andare a vivere all'estero, in un paese oppresso dal potere di pochi disonesti e marci (che marciranno);
una paese disonesto e falso si è trasferito nella mia nazione.
Stato che non è altro che lo specchio dell'ignoranza che mi circonda.

Nicola M. Commentatore certificato 21.02.11 22:19| 
 |
Rispondi al commento

not in my name!!!! e quel pirla di berlusconi si vanta pure di essere suo amico e dice che italia e libia... bla bla bla, fottiti! io sono amico del popolo libico non di un dittatore...quel cogl.one di berlusca non può permettersi di coinvolgersi nelle sue putt.anate... spero che esista un unferno infernale per questa gente... povera italia

alex cardisperi 21.02.11 22:14| 
 |
Rispondi al commento

incula frattini.
in my name.

al casula, cagliari Commentatore certificato 21.02.11 22:10| 
 |
Rispondi al commento

Posso chiedere ai Parlamentari che non si sentono di appoggiare le stragi di civili in Libia di fare degli striscioni e portarli in Parlamento quando Frattini riferirà le scuse sulla latitanza del governo? grz

NOT IN MY NAME!!

Vincenzo Russo, Terni Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.02.11 22:00| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
OLTRE AD ESSERE DEGLI ST....I QUALI SONO,ED ANCHE DEGLI: INCAPACI, INCOMPETENTI QUALI SONO.
SONO ANCHE DEGLI:STRAGISTI APPOGGGIATORI DI REGIMI SANGUINARI,DEGLI ESTREMISTI,PEGGIO ANCORA DI QUELLI ISLAMICI, DEGLI INFAMI E DEI SANGUINARI ED AGGIUNGO NESSUNO ESCLUSO,DA PDELLE,PD MENO ELLE ,ALLA LEGA, ALL'UNIONE DEI CARCERATI,AGGIUNGO NESSUNO ESCLUSO
GRAZIE AL BENESTARE DI BOTTINO CRAXI E LA SUA VECCHIA CARA ALLEGRA COMPAGNIA
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 21.02.11 21:54| 
 |
Rispondi al commento

È orrore a Tripoli. L’aviazione ha bombardato i manifestanti. Si parla di centinaia di morti.
Bene caro Gheddafi, quando hai finito di massacrare il tuo popolo vieni pure a piantare la tua tenda a Roma. Fai un bel festino per la vittoria, le puttane le porta B.

mariol 21.02.11 21:46| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori